Mad Men: Person To Person

Idealmente qualsiasi serie potrebbe andare avanti in eterno o, almeno, finché l'eroe della storia non muore, e anche in quel caso ci sono svariati trucchi per riportarlo indietro. Questo per dire che — come disse una volta Orson Welles (e come ci ha ricordato Mara la volta scorsa) — se volete il lieto fine (qualsiasi fine in realtà) ciò dipende, ovviamente, da dove interrompete la storia. Oppure, nel caso di Mad Men, con cosa interrompete la storia, per esempio uno spot della Coca Cola. The Leggi tutto...
Sally Draper 7x13

Mad Men – 7×13 – The Milk and Honey Route

La recensione al penultimo episodio della serie contiene spoiler importanti, non avventuratevi nella lettura prima di aver visto la puntata, oppure fatelo ma poi non dite che non vi abbiamo avvertiti... "If you want a happy ending that depends, of course, on where you stop your story" - Orson Welles Io avrei fermato la storia di Betty al suo "è quello che ho sempre voluto fare [studiare psicologia]" ma non è la mia storia, è quella che sta raccontando Weiner e Weiner ha deciso di privare Leggi tutto...
Mad Men_7x12_Lost Horizon2

Mad Men – 7×12 – Lost Horizon

Direttamente connessa alla precedente Time & Life, Lost Horizon è l’episodio della fine delle illusioni, degli slittamenti tra pragmatismo e nostalgia, e dell’addio a una casa, amata-odiata, rimaneggiata e ricombinata nel nome e negli spazi tante di quelle volte da divenire a volte irriconoscibile. Eppure la SC&P è indubbiamente casa, per i suoi abitanti che e a maggior ragione per Roger, che lì dentro ci è praticamente nato e cresciuto, e Peggy, che lì ha scoperto di cosa poteva Leggi tutto...
mad men 7x11

Mad Men – 7×11 – Time & Life

What’s in a name? Cos’è un nome? Don Draper consola Roger Sterling e al contempo si fa beffe della sua tragedia citando Shakespeare col sorriso amaro sulle labbra: lui lo sa bene, quanto conta un nome, quanto rapidamente si può abbandonarne uno per abbracciarne un altro. Sintetizzando: Oh Dick, perché sei tu Don? In una puntata che più weineriana non si può – di folgorante nitore narrativo, di molteplici strati interpretativi che si celano dietro le linee composte di una serie dalla confezione Leggi tutto...
justified

Justified: Una Storia di Frontiera

Ci  sono poche inquadrature di Raylan senzo lo Stetson in testa, perché se i western ci insegnano qualcosa è che un pistolero non molla mai il proprio cappello (oltre alla pistola). Lo Stetson racchiude la volontà di Yost di appropriarsi degli archetipi del genere secondo una linea estremamente classica e – al contempo – rinnovata. Justified aggiorna l’orizzonte temporale, ma tolte le auto (al posto dei cavalli) e il giro di droga e spaccio, è a tutti gli effetti una storia di Frontiera. Leggi tutto...
mad men 7x10

Mad Men – 7×10 – The Forecast

Cosa desideri dal futuro? È la domanda che anima il decimo episodio dell’ultima stagione di Mad Men. Una domanda che si ripete ossessiva, martellante. A porsela è Don, che non sapendo come rispondere la girerà ai suoi colleghi. Cosa desideri dal futuro? Non è un caso che Don, e quindi pure la serie, se lo chieda proprio adesso. Adesso che Don si è riappropriato del suo posto nell’agenzia, che il suo secondo matrimonio è ufficialmente finito, adesso che il suo terribile segreto è stato Leggi tutto...
mad men 7x09

Mad Men – 7×09 – New Business

Il primo e l’ultimo fotogramma dell’episodio delimitano l’animo di Don Draper non solo per il breve arco di questa quarantina di minuti, ma funzionano da efficace sunto della sua identità e del suo destino, considerando anche che siamo all’ultimo giro di whisky per la serie. Permettetemi un breve flashback. Chi è Don Draper? È l’occasione pirandelliana con cui Dick Whitman, figlio di una prostituta e di un padre violento, si gioca il jolly della seconda chance, la possibilità di Leggi tutto...
mad man 7x08

Mad Men – 7×08 – Severance

MAD MEN: IN CERTI SOGNI È IMPOSSIBILE SOGNARE Tutto sommato Karl Marx è stato uno dei più grandi umoristi dell'umanità. Soltanto uno con un gran senso del ridicolo avrebbe potuto vedere il denaro per quello che è: l'ironia finale del capitalismo. È per questo che il sogno americano funziona e non funziona affatto. Ci serve il denaro per quantificare il successo e, dunque, la felicità, ma quando finalmente ne abbiamo fatto abbastanza, il denaro — e manco la felicità, se è per questo Leggi tutto...
Tyrion book

Dal Libro Alla Serie TV – Serialmente Edition

Ogni mattina una trasposizione televisiva di un libro si alza e sa che dovrà correre più in fretta della fanbase del suddetto libro. Tutto è a rischio di feroce critica - libertà narrative, aggiunte, mancanze, scelta degli interpreti - ma questo non toglie nulla all'attesa e al desiderio di assaporare in immagini televisive ciò che si era impresso nell'immaginazione al momento della lettura. Elisa ne parla nella rubrica The Book Was Better. Con questo pezzo abbiamo cercato di immedesimarci Leggi tutto...
Black Mirror Jon Hamm

Black Mirror White Christmas – Così lontano, così vicino

Al termine di White Christmas Jon Hamm esce da un edificio e si immette nel tipico tran tran delle feste, e per una frazione di secondo l’atmosfera è quella avvolgente del Natale: bancarelle, persone in giro e canzoni a tema in filo diffusione. Ma dura pochissimo. Il tempo che il nostro protagonista metta a fuoco la situazione, e tutto si stravolge, il Natale non è più quello di prima, e nemmeno le persone. La scena è emblematica non solo perché trasforma la più calda delle ambientazioni Leggi tutto...
Better Call Saul

Better Call Saul: An Origin Story

Il 29 settembre del 2013 andava in onda "Felina" il series finale di uno show televisivo che ha costretto agli straordinari il termine “capolavoro”, messo alle corde la nostra morale, consegnato Vince Gilligan - e i personaggi da lui creati - alla gloria eterna e riaperto la caccia a Lindelof che si è visto opporre il finale di Breaking Bad quale esempio di come concludere coerentemente una storia senza tradire la storia stessa, né le aspettative del pubblico: se gli spettatori debbano avere Leggi tutto...
looking cucumber banana

Paese che vai, tv che trovi. Looking, Cucumber e Banana tra USA e Gran Bretagna

Ogni paese ha un modo di raccontare, ogni paese ha un modo di fare televisione e di fare serialità. In tv di solito queste differenze, chiamiamole culturali, nell’approccio narrativo al racconto seriale si manifestano a noi spettatori occasionali più che altro attraverso gli adattamenti statunitensi di prodotti provenienti da altri paesi, fenomeno ormai all’ordine del giorno in un momento storico in cui idee originali scarseggiano ed è tutto un remake, un prequel o un reboot. Spesso queste Leggi tutto...
sherlock

The book was better – suggerimenti di lettura per telespettatori “delusionali”

Dopo lo speciale natalizio sulle letture ad hoc per i telefilm addicted da regalare e regalarsi e tutti quei pomeriggi festivi trascorsi leggendo, il vostro comodino è tristemente sgombro? Nessun problema, arrivano i nuovi consigli della rubrica che si prefigge l'obiettivo di aiutare una specifica tipologia di telespettatore ad arrivare preparato alle nuove proposte televisive. Evitando definizioni particolarmente ficcanti ma vicine al turpiloquio, mi rivolgo ai telespettatori "delusionali", Leggi tutto...
Happy Valley

Happy Valley. L’inevitabilità dell’intreccio

Creata da Sally Wainwright (Last Tango in Halifax), diretta fra gli altri da Euros Lyn (Doctor Who, Torchwood) e trasmessa da Bbc One, Happy Valley racconta del rapimento di una giovane donna in una piccola città dell’West Yorkshire, uno di quegli agglomerati urbani grigi e dilavati dalla pioggia continua, dove la disperazione, la solitudine e l’uggia hanno seminato malavita in una valle altrimenti arcadica: il traffico di droga è diventato a tutti gli effetti l’economia principale, con il Leggi tutto...
the affair

The Affair, o dell’imprendibile relatività del vero

Part I - Alice La memoria fa brutti scherzi: è qualcosa che si dice spesso, ma la verità è che nessuno di noi è davvero in grado di sapere come, quando e quanto. Ricostruire con qualcun altro un medesimo avvenimento del passato è come mettere insieme i pezzi di un puzzle, solo che i pezzi, qualche volta, non si incastrano in nessun modo. Anche perché un ricordo è una storia che ognuno di noi si racconta: la narrazione ha le sue regole, le sue strutture (per quanto labili), e una voce che Leggi tutto...
head person of interest

If-Then-Else: Person of Interest, dai vincoli alle pietre miliari

Mentre la serialità americana si riscuoteva dal suo torpore invernale preparandosi a una seconda infornata di pilot e al ritorno delle serie già rodate, il 7 gennaio 2015 l'ambiente è stato scosso da un terremoto di profonda magnitudo critica e social. La sera precedente Person of Interest, uno show fantascientifico nato e coltivato lontano dai fasti e dalle libertà espressive delle emittenti via cavo e da Netflix, aveva trasmesso il suo episodio migliore di sempre, quaranta minuti così ben Leggi tutto...
pawnee_concert

La playlist perfetta

Ci sono serie con splendide colonne sonore. Splendide sigle. Grandi momenti drammatici sottolineati dal commento musicale perfetto. Poi ci sono quei momenti in cui sono i personaggi a cantare: in una buona maggioranza —totalità? qualcuno ha detto totalità?— dei casi, sono canzoni molto belle o molto divertenti che ci si appiccicano addosso peggio del nostro stesso codice genetico. Qui ne ho elencate un po', e buona fortuna a levarvi dalla testa Let's Go To The Mall. [Parks and Recreation] Leggi tutto...
christmas community

Calendario dell’Avvento seriale

Natale. Tempo di bontà, regali, panettoni e spot natalizi che partono dal primo novembre. Ma proprio quando il mondo intero si immerge nella magica atmosfera che si respira camminando per le strade colorate di luci e sorrisi, lo spettatore seriale piange disperato: la pausa invernale ha interrotto la programmazione delle sue serie preferite condannandolo a un oblio lungo un mese. Niente The Good Wife, niente Homeland, niente New Girl o The Walking Dead. Niente di niente. Il malato seriale si trova Leggi tutto...
serial

Serial, una storia da ascoltare

Prima di inoltrarci nei tecnicismi e nelle definizioni, sappiate che Serial racconta, un episodio alla volta, una storia vera. Un caso di omicidio, per la precisione: Hae Min Lee, studentessa all'ultimo anno di un liceo di Baltimora, è trovata morta —strangolata— 15 anni fa, in un parco. Sei mesi dopo il diciassettenne Adnan Syed, il suo ex ragazzo, viene condannato al carcere a vita. Era il 1999: oggi Adnan ha 32 anni e, da un carcere di massima sicurezza, parla pacatamente al telefono Leggi tutto...