Sostituto medico di base: regole e restrizioni

Ogni cittadino, nel nostro Paese, ha la libertà di cambiare il proprio medico di base come e quando lo desidera. Farlo è semplice: di seguito ti spieghiamo come procedere.

L’unica regola che il cittadino deve rispettare qualora scelga il sostituto del medico di base, è che il nuovo professionista non abbia già superato il numero di pazienti previsti dalla normativa vigente (escluse particolari deroghe).

Poiché il rapporto tra medico e paziente è essenzialmente basato sulla reciproca fiducia, l’ordinamento attuale non prevede particolari restrizioni nella scelta, se non di tipo territoriale.

Se per qualsiasi ragione, che non deve essere specificata, la fiducia viene meno, entrambi, paziente e medico, possono interrompere il rapporto.

Ciò vale sia per il medico di base che per il pediatra.

Come cambiare il medico di base

L’iter per sostituire il medico di base è facile e veloce.

La decisione del cambio di medico deve essere comunicata agli Uffici Anagrafe del Distretto sanitario di residenza con i relativi documenti e certificati.

Se si decide in tal senso dunque, la prima cosa da fare è recarsi presso i suddetti uffici portando con sé un documento di riconoscimento in corso di validità, la tessera sanitaria e il certificato di residenza.

Se la sostituzione è dovuta invece al cambio di residenza, non bisogna comunicare ufficialmente nulla.

In tal caso infatti, è sufficiente recarsi nel nuovo comune per cambiare il medico di base facendosi rilasciare un eventuale certificato di residenza che vada ad aggiungersi agli altri documenti.

I documenti che occorrono sono i seguenti:

– un documento di riconoscimento in corso di validità

– il documento di iscrizione al S.S.N.

Se l’interessato, per qualsiasi motivo, è impossibilitato a recarsi personalmente presso la Asl competente, deve delegare una persona di fiducia che possa sostituirlo, accludendo i documenti che servono, compresi due documenti di identità, uno di stesso e l’altro della persona delegata.

Per ottenere il duplicato del documento di iscrizione al SSN in caso quest’ultimo sia stato smarrito oppure rubato, si deve presentare presso gli uffici della Asl l’autodichiarazione di smarrimento oppure la copia della denuncia di furto.

Come cambiare il medico di base online

Le moderne tecnologie e, in particolare, il computer ed internet, permettono oggi di semplificare molte procedure burocratiche che solo fino a qualche anno fa richiedevano più tempo e fastidio.

Questo vale pure per la sostituzione del medico di base, che può essere effettuata anche online, quindi direttamente da casa.

Tutto ciò che serve è un pc ed una connessione internet, una comodità che evita di doversi per forza spostare e di dover sostenere lunghe file agli sportelli.

In realtà non tutte le Asl, per il momento, effettuano tale servizio, ma dove ciò è possibile non si deve fare altro che iscriversi al sito preposto (la procedura è guidata e molto facile) e compilare con tutti i dati richiesti l’apposito modulo messo a disposizione degli utenti.

Se vuoi sapere se l’Asl di competenza consente tale possibilità, visita il sito ufficiale della stessa.