Infedeltà coniugale: come comportarsi davanti a un tradimento

Come reagire davanti all’infedeltà coniugale? Alcune volte il tradimento da parte del coniuge è solo un sospetto, possono esserci dei segnali ma che in realtà ti depistano. Perciò prima di pensare a lasciare il partner o passare ad azioni legali, è bene assicurarsi che i propri sospetti siano reali.

Il consiglio che vi do è quello di affidarvi a investigatore-privatoroma.it. In questo modo non commetti errori dei quali potresti pentirti.

Non è facile rendersi conto se il partner è infedele. Magari possono esserci dei segnali piuttosto chiari, però non per chi subisce il tradimento ma bensì per le terze persone che vedono il rapporto da fuori.

I coniugi infatti vedono il rapporto di coppia dal punto di vista sentimentale ed emotivo e non riescono ad essere oggettivi. Individuare dove sta il problema non sempre è facile. Il problema è che quando viene generato un sospetto, si perde la fiducia nel coniuge e andare avanti con il dubbio è difficile.

Se il tradimento dovesse essere reale, quasi sempre il matrimonio viene distrutto. Superare un tradimento non è affatto facile ma, chi ci riesce, ne esce sicuramente rafforzato. Il problema è che non tutti ne hanno la voglia e le energie per provarci o per riuscirci.

Quando uno dei due arriva a tradire, almeno che non stiamo parlando di un traditore seriale, è perché il rapporto è arrivato a un punto morto. E’ possibile però che non è l’amore a essere finito, alcune volte è la routine o la mancata comunicazione ad ammazzare il rapporto.

Alcuni segnali di tradimento

  • Il partner inizia a passare sempre più tempo fuori casa
  • Ha iniziato a non lasciare mai incustodito il proprio cellulare e ha impostato qualsiasi tipo di chiave di sicurezza per impedire all’altro di accedervi
  • Ha continuo sbalzi d’umore
  • Insiste per uscire ogni volta che può per fare piccole commissioni
  • Desidera avere molta più privacy rispetto a prima, come per esempio l’uso esclusivo di una stanza della casa

Conseguenze legali di un tradimento

Molte volte scoprire un tradimento è importante non tanto dal punto di vista sentimentale ma piuttosto legale. Questo accade per esempio in fase di separazione, quando uno dei due vuole richiedere un addebito al coniuge, cioè vuole far appello alla separazione con addebito per tradimento.

La pronuncia di addebito porta a perdere il diritto di mantenimento per esempio, così come quello all’assistenza previdenziale e può anche influire molto sulla quantificazione di quello che è l’assegno.

La giurisprudenza recente vede come infedeltà non solo l’atto sessuale in se, ma anche l’eventuale presenza di relazioni virtuali come su Facebook o altri social network. Perché ciò che non deve essere tradita è la fiducia reciproca, così come il rapporto fisico e spirituale dei coniugi.

Quando si sospetta un tradimento, occorre prima di tutto intervenire per accertarsi che il dubbio sia reale. Molte volte è sufficiente per esempio guardare il telefono dell’altro per rendersi conto che l’altro ci è infedele, oppure i vari profili social.

Altrimenti, una persona può decidere di ricorrere a mezzi più estremi, come quello di rivolgersi a un investigatore privato. In questo modo è possibile documentare i fatti, e in caso di tradimento, dimostrare che vi è stato il tradimento. Un investigatore privato può anche scoprire chi è la persona coinvolta, così da citarla eventualmente come teste in giudizio.

Con le foto e i filmati è possibile portare delle prove in tribunale, così da fornire la conferma dell’infedeltà del coniuge e poter agire a livello legale come riteniamo più giusto.