I ricambi dell’auto? Si comprano online

I ricambi dell'auto? Si comprano online

Il mercato dei ricambi online è un settore particolarmente proficuo a livello mondiale: si tratti di transazioni di poche decine di euro o di somme che superano le migliaia, è comodo per molti consumatori che desiderano confrontarsi personalmente con le riparazioni o gli aggiusti del proprio mezzo di trasporto.

Ricambisti ed e-commerce

Il rapporto tra la vendita al dettaglio di questi prodotti, siano essi di tipo compatibile oppure originale, e i consumatori sta cambiando in modo lento, ma continuativo, fino ad ottimizzare delle percentuali in salita nel prossimo futuro.

In precedenza, all’occorrenza, ci si affidava al ricambista di fiducia che operava o nelle parti meccaniche o in quelle elettroniche della propria auto o del proprio motore e provvedeva personalmente a comprare il pezzo necessario e a praticarne la sostituzione. Al cliente toccava solo pagare sia per prodotto inserito, sia per la manodopera ed andare via.

Ad oggi invece, dove tutto viene svolto su internet, sono emersi siti in cui è possibile trovare i pezzi di ricambio che si cercano e ordinarli con spedizione inclusa oppure pagandola a parte a seconda delle esigenze del venditore. In questo caso, il cambiamento dell’andamento del mercato è un attimo: informandosi personalmente circa il costo del pezzo che andrà sostituito, la concorrenza determinerà un abbassamento dei pezzi di ricambio in generale, giovando alle tasche del consumatore ultimo, che non risulterà più assoggettato alle somme imposte come avveniva precedentemente.

Questo tipo di commercio, che poiché avviene su internet prende il nome di e-commerce, si è fatto lentamente strada fra i più proficui del mercato e inizia a far gola a moltissime case produttrici di ricambi. I numeri stimati parlando di 13 miliardi di euro annuo che vengono investiti in tal senso per la manutenzione dei veicoli.

Ebay

Uno dei siti di riferimento per questo genere di transazione è Ebay, che, personalizzando la sua struttura di Paese in Paese, rappresenta per l’Italia il luogo non fisico di maggiori scambi di prodotti e denaro. Si certifica che un ricambio per veicoli venga venduto ogni 5 secondi e per questa ragione, ad oggi, non ha rivali.

Coloro che acquistano da questo sito hanno la possibilità di confrontar i prezzi comodamente dal proprio smartphone o dal proprio PC dei vari venditori presenti e di leggere le recensioni rilasciare da chi precedentemente ha acquistato dallo stesso venditore. Questo genere di controllo relativo all’oggetto di interesse, rende il consumatore più sicuro circa l’acquisto che sta predisponendo. I meccanismi di pagamento poi, sono spesso certificati Paypal, che opera ulteriori controlli circa la transazione e l’effettivo ricevimento del pezzo.

Il mercato cambia. Non troppo velocemente!

Nonostante i dati riportati esprimano con certezza che il Sud Italia sia più attivo nel mercato dei ricambi, i dati più significativi sono previsti per il prossimo futuro. Ciò significa che non vi sono ancora cambiamenti così eclatanti nel settore e si attendono ancora svolte definitive in tal senso.

Certo è, che la possibilità da parte di un consumatore di informarsi attraverso la rete circa i prezzi, è quantomeno innovativa e tiene a bada tutti i tentativi di gonfiare i prezzi da parte degli addetti del settore.

In realtà il timore più grande dei clienti che cercano i pezzi di ricambi su internet è la truffa, che si può esprimere in più ambiti: la possibilità di operare una transazione senza ricevere il prezzo, può essere annullata rivolgendosi a siti certificati che garantiscono la restituzione dei soldi spesi in caso di mancato reperimento della merce ordinata; altra possibilità ad oggi diffusa, come dicono i sequestri effettuati per un totale di 1,6 miliardi di pezzi, è quello di ricevere un pezzo non omologato o che sia un’imitazione dell’originale. In quest’ultimo caso esplicito bisogna stare molto attenti, perché le conseguenze di un mancato controllo possono essere gravose.

Un consiglio utile è quello di richiedere al venditore un video in cui si mostrano i dettagli del pezzo che si intende acquistare, perché essendo un file in movimento, può essere difficilmente modificato a differenza delle foto, per le quali vi sono programmi di modifica appositi.