Come scegliere la piastra per capelli più adatta a te

Come scegliere la piastra per capelli più adatta a te

Chi bella vuole apparire, un po’ ha da soffrire recita un celebre adagio popolare e di certo, chi l’ha coniato chissà quando e dove, sapeva perfettamente che diete, trucchi e trattamenti estetici vari non sempre sono comodi e pratici come potrebbe sembrare inizialmente.

Quando si tratta di taglio di capelli ed hairstyling in generale poi la situazione può anche farsi piuttosto drammatica. Tra i vari strumenti utilizzati quelli che creano più gioie, ma anche dolori se poco affidabili o usati in maniera non corretta, sono certamente le piastre.

Chi non ne ha mai avuto a che fare o non ci ha lottato almeno una volta per sistemare quel ricciolo impertinente alzi la mano! Un altro gran bel problema da affrontare, sempre in materia di piastre, è sicuramente scegliere quale modello utilizzare.

Moltissimi prodotti in commercio: l’imbarazzo della scelta

In commercio ci sono oggi una quantità di piastre imbarazzante. Ce ne sono in diversi materiali, varie grandezze, brand, funzionalità. Per questo trovare quella giusta non è di certo facile. Quello che è certo è che in generale si tratta di articoli potenzialmente “pericolosi” per la salute dei capelli e di conseguenza devono assolutamente essere di buona qualità. Test hanno dimostrato infatti che, anche se non sembra, le conseguenze sui capelli (sulle punte in particolare) se la piastra è a buon mercato si vede.

Dal momento che una piastra può durare veramente molti anni, è quindi opportuno fare un buon investimento senza badare troppo a spese. Comprando online si può comunque risparmiare qualcosa. Tra i tanti e vari modelli che abbondano sul mercato, una marca che si è fatta notare per la resistenza dei materiali, le performance sui capelli, il design, la sicurezza e per il buon rapporto qualità prezzo, considerando queste caratteristiche è di certo la GHD. Non è un caso, insomma, se la piastra GHD è la più usata dalle parrucchiere di tutto il mondo! Il nome rappresenta per molti una garanzia, visto anche che l’azienda, che produce piastre dal 2001, ha fatto di questo tipo di prodotto il suo cavallo di battaglia.

Come scegliere il prodotto più adatto

Come detto, non tutte le piastre sono uguali. Cerchiamo di capire quindi quali sono le caratteristiche per acquistare quella giusta.

Materiali della piastra

Innanzitutto a distinguere una piastra dall’altra sono sicuramente i materiali. Nello specifico il materiale che si trova nella parte interna della “forbice”, cioè quella che andrà a contatto con i capelli. Alla base nella maggior parte dei casi c’è sempre l’alluminio perché è uno dei materiali migliori. A fare la differenza però è la copertura dei piatti. L’alluminio direttamente sui capelli, infatti, è inadeguato, controproducente e pericoloso.

Le migliori piastre oggi hanno la copertura invece in ceramica. La ceramica si scalda uniformemente e consente lo scorrimento fluido sui capelli, così da poter effettuare un passaggio rapido, funzionale, ma indolore per la chioma. Oggi per chi non vuole spendere tanto c’è anche un materiale che è il risultato dell’unione fra la ceramica e la tormalina, che ha un costo inferiore e consente comunque buone performance.

Altre caratteristiche

Un altro elemento distintivo è rappresentato dalla possibilità di regolare la temperatura della piastra. In base al tipo di capello, infatti, bisognerebbe scegliere la giusta temperatura. Le migliori piastre però non sono dotate della regolazione, ma hanno la capacità di mantenerla costante così da non danneggiare i capelli: è il caso di alcuni modelli GHD. Oltre alla temperatura si potrà scegliere il prodotto in base alle dimensioni (quelle da viaggio sono più piccole) o a funzionalità particolari come l’effetto ionizzante, che dovrebbe garantire una stiratura migliore, capelli lucidi e setosi. Anche la maneggevolezza, per alcuni, è molto importante.