Come aprire una società a Dubai: i passi da compiere

Chi desidera ampliare la propria attività fuori dai confini, dovrebbe prendere in considerazione l’idea di aprire un’azienda a Dubai. Il paese, infatti, oltre ad avere una situazione economica e politica molto solida (che quindi azzera il rischio d’impresa), permette di aprire delle società senza particolari problemi anche agli stranieri senza particolari iter complicati e senza tassazioni esagerate.

Occorre ricordare inoltre che a Dubai esistono diverse free zone, ossia zone di libero scambio dove è possibile espandere la propria attività in totale libertà.

Come fare per aprire una società a Dubai: ottenere la licenza

La prima cosa da fare quando si desidera consolidare il proprio business a Dubai ed aprire un’attività, è quella di richiedere una licenza specifica all’ente predisposto, ossia al Dubai Department of Economic Development. Se la società riguarda il turismo, invece, la licenza va richiesta a un altro ente: il Department of Tourism and Commerce Marketing.

Le licenze rilasciate dagli enti predisposti sono di tre tipi, ognuno dei quali riguarda settori specifici. La licenza commerciale deve essere richiesta per chi vuole aprire un’attività il cui business prevalente è legato al commercio.
La seconda licenza presente a Dubai è quella industriale che invece si rivolge a tutte quelle attività facenti parte del settore manifatturiero.

Infine, le licenze professionali devono essere richieste da tutti coloro i quali desiderano aprire la propria attività per fornire dei servizi alla clientela (in questa categoria rientrano quindi avvocati, ingegneri, architetti e così via). Una volta ottenuta la licenza, occorre registrare l’attività presso la Camera di Commercio e dell’Industria, aprendo la propria Partita iva a Dubai

In questo modo si dà l’avvio vero e proprio alla nuova attività. Tra le linee che maggiormente vengono seguite quella della movida che nella città funzionano molto. Aprire un bar a Dubai, ad esempio, risulta molto redditizio. 

Aprire una società a Dubai: le forme societarie

Dubai possono essere costituite diverse tipologie societarie tra le quali ci sono quelle a responsabilità limitata e quelle a responsabilità limitata con socio unico.

Le prime, che a Dubai prendono il nome di LLC (Limited liability Company), prevedono che all’interno dell’azienda lavorino un minimo di due persone fino a un massimo di cinquanta. Le società a responsabilità limitata con un unico socio, la cui sigla è FZE, prevedono invece la presenza di un solo azionista.

Oltre a queste possono essere aperte altre tipologie societarie come Joint Venture, General Partnership, Partnership Limited with Share, Limited Partnership, Società per azioni private e pubbliche.

Dove aprire una società a Dubai

A Dubai è possibile aprire una società sia nelle free zone che nel Mainland. Nelle zone di libero scambio la proprietà dell’azienda rimane del titolare straniero, non ci sono tasse né sul reddito societario né su quello personale e nemmeno imposte sul reddito.

Chi invece desidera avere opportunità maggiori, dovrebbe aprire la propria società nel Mainland ma, in questo caso, occorre che ci sia un secondo socio, ossia un partner locale.

Iter da seguire per aprire una società a Dubai

Una volta individuata la zona migliore per la propria società, è possibile passare alla sua apertura che prevede un iter specifico. La prima cosa da fare è la presentazione di una domanda d’apertura presso il Ministero dello Sviluppo Economico (DED). Il DED analizzerà la domanda, che deve essere completa di tutti i dati e potrà dare l’approvazione preliminare alla quale seguirà quella di un notaio locale.

Una volta ottenute le due approvazioni occorre versare il capitale minimo di costituzione presso una banca (per ogni free zone possono essere previsti dei versamenti minimi) e acquisire la licenza.