Perché scegliere una livellatrice laser per il proprio appezzamento

Oggi le soluzioni tecnologiche per l’agricoltura sono piuttosto importanti e inevitabili. L’utilizzo di tecnologie come il laser e il GPS è particolare efficace per velocizzare i processi e ottenere una resa migliore.

Questo perché abbinare sistemi laser e GPS permette di ridurre sensibilmente il costo di livellamento e, allo stesso tempo, di garantire risultati migliori.

Come usare le tecnologie Laser e GPS per le livellatrici

La tecnologia laser si è rapidamente sviluppata a partire dagli ultimi 50 anni.

Oggi il laser, per le sue caratteristiche uniche, viene utilizzato in numerosissimi settori: oggi, persino gli strumenti chirurgici sfruttano questo raggio ad alta energia.

Nel caso delle lame livellatrici, il vantaggio è rappresentato dal fatto che il laser può essere usato per misurare le distanze con estrema precisione.

L’abbinamento con il GPS è particolarmente vantaggioso: da una parte il raggio laser consente di avere anche a distanze notevoli l’indicazione luminosa per il livellamento del terreno, mentre dall’altra parte il GPS fornisce un metodo efficacissimo per individuare il posizionamento.

Entrambe le tecnologie laser e GPS sono utili, soprattutto se abbinate, permettono di creare un livellamento del terreno pressoché perfetto, con scarti veramente infinitesimali.

Come funzionano le tecnologie laser e GPS per il livellamento del terreno?

Nelle macchine livellatrici sono formate da tre componenti: la macchina livellatrice vera e propria, il trasmettitore laser, che può essere anche a notevole distanza, e il ricevitore del raggio laser.

Il loro funzionamento è automatico, tuttavia è necessario che un operatore segua le varie fasi: dopo aver configurato il sistema, lo controlla, seleziona l’area da livellare e procede con l’attività.

Inoltre, sulla macchina c’è uno schermo che fornisce tutte le informazioni che possono essere utile all’operatore, per esempio indicando la direzione corretta da seguire.

Inoltre, offre una mappa in 3D attraverso il quale è possibile osservare le condizioni dell’appezzamento e valutare dopo sia necessario il livellamento.

Perché usare le livellatrici laser con GPS per il livellamento del terreno?

I motivi per cui utilizzare le lame livellatrici laser con il GPS sono numerosi, in quanto sono altrettanti i vantaggi forniti dall’unione di queste due tecnologie. Non si tratta solo di miglioramenti importanti da un punto di vista economico e della resa produttiva, ma i benefici di questi sistemi hanno un interessante riflesso anche sull’ambiente.

Miglioramento della resa produttiva

L’uso abbinato del GPS e del raggio laser permette di avere un piano perfetto con scarti veramente infinitesimali. Quando un appezzamento ha un livellamento corretto, la resa produttiva è senza dubbio maggiore. Si ha un incremento della fertilità e una crescita maggiore dei raccolti. Questo consente anche di sfruttare anche i campi più piccoli, aumentando la superficie coltivabile.

Risparmio economico e risparmio di risorse

Sebbene questi macchinari abbiano un notevole costo, è altrettanto vero che si tratta di un investimento che, a lungo andare, porta dei benefici economici.

Un terreno ben livellato, infatti, non solo ha una resa migliore, ma richiede una minore quantità d’acqua per l’irrigazione e di fertilizzanti. Infatti, su un piano regolare non si formano avvallamenti e l’acqua si distribuisce in modo uniforme.

Inoltre, anche la quantità di sementi può essere inferiore perché la resa è molto elevata ed è sufficiente utilizzare un quantitativo inferiore di semi per avere un raccolto maggiore.

Migliore impatto sull’ambiente

Il risparmio di acqua e di fertilizzante non sono utili sono per il risparmio idrico ed economico, ma hanno importanti riflessi anche dal punto di vista ambientale.

Poiché non vi sono scoli d’acqua, come quelli che si creano naturalmente quando piove su un terreno in pendenza, le sostanze chimiche presenti nei fertilizzanti non vengono trascinate via confluendo in punti sbagliati.