Moda e mercato: i passaggi che portano all’eccellenza

Ci sono oggetti che racchiudono in sé una storia molto più elaborata e complessa di quella che riesce a vedere lo sguardo frettoloso del consumatore medio: prodotti che hanno bisogno di molteplici attrezzature per essere terminati e di un gran numero di passaggi per poter essere portati all’eccellenza.

Il settore della moda è un esempio perfetto di un processo produttivo dove il risultato finale è dato da un insieme di piccoli passaggi: un capo di abbigliamento o un accessorio, sia che appartenga ad un grande brand o che sia prodotto da un piccolo artigiano, è la sintesi di una serie di lavorazioni che richiedono competenza, precisione e cura dei dettagli.

Un mercato in continua crescita

Nel mondo le aziende del settore della moda, ed in particolare i grandi brand del lusso, sono in continua crescita e fanno registrare numeri da capogiro difficili da raggiungere in altri ambiti produttivi. A livello mondiale la forza economica di questo settore è saldamente nelle mani del gruppo LVHM che nel 2019 ha fatturato 53,7 miliardi di Euro con tassi di crescita del 15% rispetto all’anno precedente. Nello stesso anno in Italia, il mercato della moda ha fatturato oltre 70 miliardi di Euro (cifra che corrisponde al 1,3% del PIL nazionale) con un tasso di crescita del 6%, numero in controtendenza con tutte le altre realtà economiche del paese che invece vedono un indice di crescita negativo o vicino allo zero.

Quello che non si vede

Le aziende di moda sono consce del loro grande potenziale economico e per questo ripongono grande attenzione a tutti i passaggi della filiera produttiva. La cura nel dettaglio e l’eccellenza non possono essere relegate solo al momento della sfilata ma devono essere un elemento costantemente presente in ogni step del processo produttivo: dal recupero delle materie prime, alla realizzazione dei modelli; dal packaging alla cura dell’esposizione nel punto vendita.
Dietro ad un capo di abbigliamento o ad un accessorio immesso sul mercato, c’è un minuzioso lavoro di squadra fatto da piccole e medie imprese che contribuiscono con le proprie competenze a rendere perfetto il prodotto finale.

Le tappe della produzione

Questa filiera produttiva, sia che essa sia fatta in un piccolo laboratorio artigianale o in una grande azienda, è composta da diverse fasi.

Creazione: coincide con la parte più artistica ma anche con la più delicata. Si deve trovare un modello in linea con le richieste del mercato ed in grado di rispecchiare il brand sia a livello di immagine che a livello di fascia di prezzo.

Il disegno e la modellistica sono strumenti fondamentali per la costruzione e l’assemblaggio del capo. In questa fase si preparano e si sviluppano le taglie: le misurazioni devono essere accurate e sono preparatorie al processo di piazzamento, momento in cui si determinano le modalità del taglio del tessuto.

Confezionamento: è il vero e proprio atto di assemblaggio delle diverse parti ottenute grazie alla fase precedente.

Finitura: è la fase che termina il processo produttivo racchiudendo tutte quelle azioni che rendono un articolo pronto alla vendita e dove ogni minima imperfezione deve essere definitivamente eliminata; si procede successivamente alla stiratura, piegatura ed imballaggio.

Un insieme così complesso di azioni richiede un’attenzione costante ed una cura dei dettagli elevatissima: è fondamentale avere strumentazioni e macchinari che possano garantire al produttore di poter lavorare con precisione e senza alcun intoppo. Sul mercato si trovano realtà imprenditoriali che sono in grado fornire tutto il materiale necessario e un’assistenza veloce per ogni fase del processo produttivo: sul sito www.donagemma.it si trova un esempio di azienda italiana che ha fatto proprio il business della fornitura dei materiali e di servizi per l’intero processo produttivo del settore dell’abbigliamento.

In un concerto di musica classica, il direttore d’orchestra guida tutti gli strumenti per la realizzazione di una sinfonia armonica dove tutti gli elementi sono ben bilanciati e lavorano insieme per la buona riuscita del concerto. In ugual misura il settore della moda, visti gli enormi interessi economici, deve essere in grado di orchestrare l’intero processo, affidando ad aziende selezionate ed esperte tutti gli step della propria filiera produttiva.