Allarme per la casa: suggerimenti per la scelta migliore

Quando si tratta della propria casa tutto diventa importante, dall’interno all’esterno. La casa è un ambiente in cui ci sentiamo protetti e al riparo dal mondo. Ecco perché è importante fare in modo che rimanga sempre sicura. I furti e le effrazioni sono sempre più frequenti. Si rende necessario, per questo motivo, proteggere i propri beni e il proprio nucleo familiare, installando un sistema di allarme per la casa efficiente. È importante prestare particolare attenzione nella scelta dell’impianto ideale. E, dunque, quale scegliere?

Allarme per la casa: cosa è importante considerare

Bisogna ricordare come prima cosa che esistono due tipologie di allarmi:

  • L’allarme antifurto, composto da un impianto che emette un segnale sonoro o luminoso, in grado di inviare telefonate o notifiche sul dispositivo mobile del proprietario, avvisandolo della possibilità di un furto incombente;
  • L’allarme anti-intrusione composto, invece, da un sistema di video-sorveglianza e sensori di movimento in grado di notificare la possibile presenza di un ladro ancora prima che avvenga l’effrazione.

Proprio per questo motivo, è importante effettuare la scelta con criterio, poiché non tutti gli allarmi per la casa sono uguali. La migliore scelta è sicuramente optare per una copertura completa, ovvero un allarme in grado di coprire le zone esterne oltre che quelle interne e tutti i punti di accesso. Per garantire la protezione massima alla propria abitazione è fondamentale tenere a mente alcune variabili:

  • Il tipo di abitazione (ad esempio, un appartamento in un condominio e il rispettivo piano, una casa indipendente, una villa, ecc.);
  • La disposizione nel territorio (ad esempio, se si trova vicino o lontano da un centro abitato oppure se si trova in un quartiere malfamato);
  • La metratura dell’abitazione;
  • La quantità di ingressi o accessi (ad esempio, finestre, portefinestre, ecc.);
  • L’eventuale presenza di giardino, balconi o garage.

Altri parametri importanti che influiscono sulla scelta dell’allarme per la casa possono essere ad esempio l’eventuale presenza di animali domestici oppure il quantitativo di ore in cui la dimora rimane disabitata.

I requisiti fondamentali di un allarme per la casa

Ricordando che il sistema più efficiente è quello che unisce tutti i meccanismi di sorveglianza e allarme, si può dire che esistono dei requisiti fondamentali che un buon impianto dovrebbe avere:

  • Un collegamento alla Centrale Operativa h24: senza ombra di dubbio il requisito fondamentale, poiché è essenziale che ci sia sempre una guardia giurata pronta a far intervenire una pattuglia e avvisare tempestivamente le Forze dell’Ordine in caso di rilevamento di effrazione e furto;
  • Un sistema di video-sorveglianza: caratteristica di primaria importanza, in quanto garantisce di evitare falsi allarmi e verificare in ogni momento quel che sta realmente succedendo;
  • Un kit di cartelli dissuasori: un potenziale alleato per scongiurare il rischio di intrusione e furto, in quanto dovrebbero mettere in guardia il ladro e convincerlo a desistere nella sua impresa di effrazione;
  • I sensori di movimento: requisito di fondamentale importanza poiché rileva istantaneamente un movimento sospetto nei dintorni dell’abitazione e invia un segnale di allarme immediato;
  • Una sirena: il tutto deve essere completato con un segnale acustico in grado di segnalare la presenza di un sistema di allarme e scongiurare il tentativo di effrazione.

È possibile trovare più informazioni su tutti gli accessori necessari per un allarme per la casa efficiente al link: https://www.sicurezzapoint.it/

Quali sistemi di allarme per la casa esistono in commercio

Esistono in commercio due tipologie di sistemi di allarme per la casa:

  • Il sistema di allarme con fili o cablato, che collega attraverso dei cavi tutti i sensori con la centralina e le sirene;
  • Il sistema di allarme senza fili, dotato di tecnologia wireless e collega i sensori con la centralina e le sirene grazie a onde elettromagnetiche.

L’impianto wireless risulta essere molto più facile e veloce nell’installazione. Tuttavia, è importante ricordare di rivolgersi a un esperto e non optare per operazioni “fai da te”, poiché un professionista saprà posizionare le videocamere di sorveglianza all’interno dell’abitazione in maniera efficiente ricoprendo correttamente tutta l’area.