Un sistema artigianale per verificare l’usura degli pneumatici

verificare l’usura degli pneumatici

Un sistema artigianale per verificare l’usura degli pneumatici… MA che non ti servirà a nulla! Ecco perché.

In molti dicono che un sistema “fai da te” veloce per verificare l’usura dei pneumatici consiste nell’infilare nel battistrada una moneta da 1 euro: se le stelle sul bordo restano in vista, allora è il momento di sostituirle, perché significa che lo spessore del pneumatico è inferiore alla misura legalmente valida per la circolazione.

Il problema di questo sistema è uno solo: non tiene conto del fatto che oggi l’usura NON è il principale motivo per cui si sostituisce un pneumatico.

“In che senso?”

Non tiene conto dell’ossidazione pianificata.

In pratica i pneumatici adesso sono costruiti dalle case madri di modo che  invecchiano dall’interno verso l’esterno, non per l’usura ma per un processo chimico.

L’interno delle gomme è posto a contatto diretto con l’ossigeno in pressione dal momento in cui lo si monta sulla macchina, il chè porta la gomma a indurirsi e quindi lesionarsi.

Oltre a questo, anche il calore causato dall’attrito con l’asfalto, porta la gomma a consumarsi più velocemente che rispetto all’usura causata dal semplice utilizzo.

Questo vuol dire che lo spessore dello pneumatico non deve essere la tua prima preoccupazione, e non deve esserla nemmeno la data di produzione del pneumatico, poiché esso inizia il processo di ossidazione dal momento in cui lo si monta sul veicolo.

Piuttosto, preoccupati che il gommista abbia un ottimo metodo di conservazione e stoccaggio dei pneumatici, poiché anche il calore e la polvere sono suoi nemici giurati.