ustv-the-walking-dead-s04e15-still-02

The Walking Dead – 4×15 – Us

Volevate un parere? Oggi ve ne diamo ben 4, ognuno riassunto in circa 800 caratteri a distanza di un giorno dalla trasmissione della puntata. Si chiamano minicap e ne vedrete parecchi in futuro su Serialmente. #BraveNewSerialmente

Lisa C: La parte più carina dell’episodio (meglio: l’unica parte carina dell’episodio) è quella è quella che coinvolge Carl, Rick e Michonne sulle rotaie. Dura due minuti scarsi, e tutto il resto è noia.
Lodevole, per così dire, il tentativo di provare a portare avanti più di una sola storyline per episodio, ma a questo punto non si può più davvero continuare a gioire dei piccoli tentativi che ogni tanto Gimple decide di fare per dare un senso all’arco narrativo di questa seconda metà di stagione. Non si può dopo un episodio come The Grove, che ha dimostrato chiaramente quali sono le potenzialità di questa serie (e che pertanto, per contrasto, rende ancora più insoffribile un episodio come questo) e non si può dopo tutti gli episodi inutili, noiosi, frustranti e fastidiosi che siamo stati costretti a sorbirci prima. Gimple, credo che il nostro sfoggio di pazienza si sia meritato un premio migliore di questo.
Quantomeno, siamo arrivati a Terminus. Ora spero solo di non trovarci dentro hippy coi fiori fra i capelli tutti intenti a cantare Kumbaya seduti in cerchio con le mani giunte.
BIG NO NO.

Eus: Dopo una discreta iniezione di trauma nell’andazzo sciatto e frammentario di questa stagione, The Walking Dead ritorna su binari più consolidati, quelli di un sottogenere, accattivante per molti, che risponde alla domanda “Che cosa faresti se (sopravvivessi all’apocalisse)”? Sono i personaggi a trascinare la storia e le loro interazioni, condite da cadaveri ambulanti, a determinare il carattere della serie. Purtroppo, come già assodato da tempo, i personaggi mancano di fascino (lo Sheldon Cooper post-apocalittico è delineato con un paraculismo filo-nerd quasi offensivo) e gli unici momenti degni di nota sono quelli più disastrosi- qui assenti. Così ci ritroviamo ancora una volta di fronte a stanchi scontri tra maschi alpha (“guys like us”), semi-umorismo affettuoso, redenzioni matematiche (apocalesbo), chiose musicali tendenti al patetismo e congiunzioni annacquate. Diverse visioni del mondo (vecchio e nuovo) tentano di incrociarsi nella sopravvivenza: qualcuno perde la vita, qualcuno comanda, qualcuno si addormenta. Insomma: noi. Il complemento oggetto che la serie tenta di stilizzare nei suoi caratteri fondamentali con un disequilibrio ormai famigerato.
MEH, I guess.

Antonio Varriale: A un episodio dal “gran” finale The Walking Dead ritorna nei suoi ranghi soliti, scindendo in due il racconto, ma collegando anche diversi fili e compagini per una storia più concitata, fatta di scontri/confronti virili al sapore western e di legami che si rinsaldano alla luce di un progetto comune. Solo che è tutto esterno, riempitivo e non basta a soddisfarci. Un po’ perché, suo malgrado, giunge dopo uno dei migliori episodi ella serie, un po’ perché – proprio per quello, insinua il sospetto che dopo la fugace sperimentazione , The Walking Dead torni a rimestare un pochettino. Un po’ di sequenza interessanti, qualche timido approfondimento psicologico, troppo circoscritto tra solite corde tintinnanti per convincere, e in fondo non aggiunge granché, a parte forse la curiosità per Terminus. Ma è appunto una fievole speranza, anzi molto probabilmente solo uno sguardo fugace a ciò che ci aspetta l’anno prossimo. E a un episodio dal finale non ce ne facciamo granché. Si dovrebbe osare di più, questo ha dimostrato la settimana scorsa lo show, ma ora sembra già tirare i remi in barca. La montagna ha partorito un nuovo topolino, simpatico in certi momenti, ma non abbastanza da reggere una futura catena d’eventi.
MEH!

Giovanni Di Giamberardino: Dopo aver azzeccato un paio di episodi in questa seconda metà di stagione “on the road” e averne infilato uno ottimo la settimana scorsa, con Us la serie inciampa e rotola nell’inutilità spinta. Non succede nulla se non gente che si sposta lungo binari o che si ambienta con sconosciuti. Nessun grande conflitto morale o personale, nessuna battaglia, nessun insegnamento, nessuna utilità. Anzi, i personaggi sembrano essere ridotti a figurine in movimento ancor più di quanto già sono da quattro stagioni, a parte rare eccezioni (Carl e Carol). Ma la puntata compie anche il grave delitto di preparare un season finale abbozzando un climax farlocco e di convenienza, introducendo sto popò di Terminus in maniera strumentale a 1) riunire il gruppo, 2) fare un po’ dei soliti morti eccellenti, o almeno così tutto pare suggerirci. Us è un episodio che poteva essere riassunto in 5 minuti senza colpo ferire, anzi in un paio di scene del previously della prossima puntata. Uno spreco di tempo.
BIG NO NO. 

La Redazione

Opinioni non richieste sulle serie tv americane.

90 Comments

  1. Riprendo il commento utilizzato in Claimed/Still/Alone: “Diciamo anche che è difficile (se non quasi impossibile) accontentare il pubblico più critico. Se il gruppo è unito non va bene perchè c’è immobilismo, se il gruppo è diviso è o troppo diviso, o troppo poco diviso, o diviso male. Se non combattono walkers ogni due minuti non va bene perchè vogliamo vedere l’azione e se ci fanno vedere l’azione non va bene perchè non si approfondiscono i personaggi. Il ritorno “on the road” è stato osannato da tutti, ma appena la scena si sposta da Rick & Carl (episodi pesantemente criticati anche quelli) si torna nel baratro. I personaggi sono troppi e andrebbero ammazzati ma se li ammazzano così in “splash page” (come nella novel) non va bene lo stesso. Certo, da lettore mi aspettavo di più, ma da qui a trattare un prodotto come The Walking Dead peggio delle ultime stagioni di Dexter ce ne passa.”

    Aggiungo solo: Non è che in ogni episodio Carol può uccidere due personaggi, o meglio non è che in ogni episodio può esserci solo Carol e le sue stupende prove attoriali.

    Rispondi

  2. In genere questa stagione sono stato sempre critico verso Walking Dead, invece devo dire che questa puntata non mi è dispiaciuta. Sarà per l’abbozzo di trama e un numero di idiozie inferiore alla media.
    Rispetto a episodi come still, almeno conosciamo le abitudini di un nuovo gruppo e le loro intenzioni, mentre dall’altra parte Glenn e Maggie finalmente si sono ritrovati, così magari non romperanno più, e finalmente sono giunti a Terminus.

    Certo, pensando che siamo a un episodio dalla fine lascia molto a desiderare, anche perché climax non ce n’è ed è buttato un po’ a caso da quando son comparsi magicamente i cartelli di Terminus in vista della rimpatriata finale. Però si aprono due strade che potrebbero approfondire, ammesso che non le usino solo per offrire un finale d’azione fine a se stessa. Da una parte la posizione ambigua di Daryl che dovrà fare una scelta, dall’altra questo Terminus e quello che nasconde. Dunque sembra più un episodio che presenta il prossimo anno che non il finale di questo, perché nel secondo caso è tutto affrettato e di conseguenza me lo farà rivalutare in negativo.

    Rispondi

  3. Io mi chiedo se i produttori guardano le puntate e se sono soddisfatti di come vengono spesi i loro soldi.
    Una serie dal potenziale enorme che produce 5-6 episodi che possono essere riassunti in 10 minuti (esclusa la scorsa puntata). E cosa ci aspetterà nel finale? L’inizio di una nuova prigione? Che poi arrivano e tutto è aperto, cancelli senza lucchetti, e la tipa girata di spalle.. se fosse arrivata un’orda di zombie al posto loro si sarebbero meritati di schiattare (o è tutto un piano per attirarli dentro facilmente? anche in questo caso convince proprio poco)

    Rispondi

  4. E così, col cambio in folle, TWD scivola verso Terminus e visto quanto apertamente anticipato da tutta la crew, il season finale sarà all’insegna di un corale “Oh Happy Day”! Speriamo almeno in un Benjamin Linus alla recepiton…

    Rispondi

  5. 4 minirec per scrivere la medesima cosa.

    Rispondi

  6. Ritengo più giustificata (e quindi da OK) la puntata 15 rispetto alle 11/12/13 dove veramente si poteva raccontare qualcosa di più. A questo punto della season, questa appunto appare più giustificata ed appartenente al gruppo di quelle “la calma prima della tempesta” in funzione preparatoria della prossima che si preannuncia (leggendo i rumors) come il carnevale cannibalesco dell’intera serie. Non giustifico unicamente la reunion troppo frettolosa tra Glenn e Maggie senza pathos per gli amanti del filone romantico ed inizio a non sopportare più quello peudoscenziato di Eugene, secondo me semplicemente un truffatore, che si spaccia da portatore della verità esclusivamente per convenienza

    Rispondi

  7. bah, quattro mini tesi per non dire quasi nulla. Ma vi danno una olivetti lettera 22 sono per 15 minuti? Terminus, temo che sara’ un’altra prigione dei corpi e delle menti, con regole e omicidi nascosti, una Woodbury più’ feroce. Messinscena un po’ cretina quella della donna che lava piatti o panni di spalle. “adesso vi faccio il the’. Lo volete verde, alla menta o lapsang souschang?

    Rispondi

  8. d’accordo, quest’episodio rispetto allo scorso è tanti gradini più sotto, ma trovo i giudizi anche troppo severi. è un episodio “necessario”, per appunto cominciare a riunire le persone e l’ha fatto (per fortuna parzialmente) abbastanza bene.
    che tutto sommato l’incontro Glenn-Maggie avvenga quando ci aspettiamo Tara sbranata non mi è dispiaciuto, casomai è la parte con Daryl che trovo meno sensata. ma ha già deciso che Beth è persa per sempre? mah. e un po’ troppo lunga tutta questa storia delle regole dei suoi nuovi compagni di viaggio.

    in realtà l’unico vero storcimento di naso l’ho avuto alla scena finale: Mary che dà il benvenuto ha ricordato troppo il villaggio Dharma di Lost, come in qualche modo ha già fatto notare Boba Fett. e no, niente Benjamin, è troppo preso dai pc e dai gilet ultimamente ;)

    Rispondi

  9. Mi puzza troppo Terminus: cancelli aperti, fiori colorati dappertutto, nessuno in giro e la signora Mary che accoglie la ciurma mentre intenta a….? Da quello che si legge Terminus paragonata Woodbury farrebbe apparire quest’ultima come un convento di monaci gesuiti.

    Rispondi

  10. Tutta la 4 stagione buttata alle ortiche. Punto.

    Rispondi

  11. Va be’, non andiamo proprio d’accordo, me ne farò una ragione.
    Io lo scorso episodio non ho gridato al miracolo mentre questo mi è piaciuto, che volete farci, non mi ha esaltato, sia chiaro, ma è da un pezzo che TWD non mi esalta, lo guardo così, per vedere come andrà a finire, ma certo non mi appassiona più.
    Lo scorso episodio, ripeto, l’ho trovato noioso fino al momento in cui Lizzie fa fuori la sorella, solo che anche questo mi ha lasciato fredda, temevo solo che ci stessero a girare troppo intorno e non ammazzassero la piccola psico-killer (“Spara! Spara!” dicevo allo schermo mentre Carol esitava e piangeva).
    Il fatto è che Tyrese come personaggio proprio non decolla, è moscio. Anche in The Wire era un personaggio di poche parole, ma lì aveva un senso, qua è una palla al piede.
    Forse è proprio l’attore che è scarso e lo dico con la morte nel cuore.

    Questo episodio, invece, non mi ha annoiato, mi sono parecchio arrabbiata (gentile eufemismo) con Glenn che ho trovato stupido in modo assurdo e crudele con quella poveretta di Tara, ma la parte di Daryl, per esempio, mi è piaciuta abbastanza e Carl e Michonne assieme sono sempre un bel vedere.
    Ovviamente Terminus non sarà affatto una comunità para-hippy, anzi.
    Mi aspetto robe molto poco piacevoli.
    La stagione, comunque, è un fallimento, brodo allungato per 16 episodi dove ne bastavano la metà.
    Pazienza!
    Speriamo nell’anno prossimo e soprattutto speriamo in un nuovo showrunner.

    Rispondi

  12. @ Dafne:
    …intenta a POSSIBILE SPOILER?
    Voci di corridoio, chissà.
    Fatto sta che Terminus potrebbe essere il covo di SPOILER e a me questo crea una certa attesa per il finale di stagione, altro che big no no e uffa uffa.

    Rispondi

  13. Invitiamo come sempre a evitare di citare eventi del fumetto che possono rivelarsi SPOILER per la serie. Grazie.

    Rispondi

  14. @ Giovanni Di Giamberardino:
    dai, cancella pure tutto il commento, andrò a commentare da un’altra parte ok?
    Stavolta il possibile spoiler, l’altra volta cos’era? Ah già, il PD :-D

    Saluti e baci.

    Rispondi

  15. Secondo me, proprio quest’episodio risulta passabile e funzionale a portare avanti la trama, rispetto al nulla cosmico che lo ha preceduto. Rimangono dei difetti veramente grossolani (possibile che a nessuno venga la curiosità di chiedere a Eugene, personaggio pessimo fin qui, di questa benedetta epidemia?), la solita sloppyness buona a creare un pericolo e il solito approccio didascalico per bambini scemi. Confido nei rednecks compagni di Daryl e alla caccia di Rick. Il lato oscuro di Terminus, conoscendo i ritmi degli autori, probabilmente verrà tirato fuori nella prossima stagione (spero non nel season finale).

    Rispondi

  16. Con questo nuovo metodo mi sarebbe piaciuto leggere 4 punti di vista differenti, non due BIG NO NO e due MEH.
    Solitamente mi trovo d’accordo con voi, ma stavolta avrei dato OK.

    luta44 ha scritto:

    mi sono parecchio arrabbiata (gentile eufemismo) con Glenn che ho trovato stupido in modo assurdo e crudele con quella poveretta di Tara

    D’accordissimo! Fra l’altro Glenn e Maggie hanno stancato, spero che uno dei due lo facciano fuori.

    Rispondi

  17. 999sickboy666 25 marzo 2014 at 18:41

    Episodio interessantissimo.
    Non sono sicuro di aver mai visto un film o un episodio di una serie TV in cui, su oltre 40 minuti abbondanti ci sono, a voler fare una stima generosa, DUE eventi che fanno – più o meno – progredire la storia. Due. In quaranta(tre) minuti.
    In compenso, ci sono alcune delle scene peggio scritte (tutte, o quasi, quelle con Glen e compagnia) e delle soluzioni narrative più pigre (“oh, amore mio, guarda, ci ritroviamo proprio nel momento in cui devo salvarti le chiappe) che abbia mai avuto il dubbio di piacere di vedere.
    Attori sottotono e poco convincenti perfino per la media di TWD e questo vuol dire che, confrontandoli con un livello interpretativo appena decente, hanno fatto cagare.

    A meno che il season finale non sia un mezzo capolavoro di narrativa £ tecnica, direi che con questa stagione si conclude anche la mia frequentazione di The Walking Dead. O, al massimo, lo terrò da parte come riempitivo – visto che è chiaro che i suoi autori amano tanto il filler – per gli eventuali vuoti.

    P.S.
    L’idea di confrontare quattro diversi punti di vista non la trovo malvagia, però mi sembra che vada tremendamente a scapito del possibile approfondimento analitico. Ok, non che con un episodio come questo ci sarebbe stato da approfondire molto.
    La butto lì: potrebbe forse essere più interessante confrontare solo due analisi, ma che abbiano maggior spazio di approfondimento e che siano, quando possibile, sufficientemente distanti tra loro?

    Rispondi

  18. Se TWD non avesse un fumetto di successo sul quale stravaccarsi beato, sarebbe durato meno di V

    Rispondi

  19. Anche io trovo il meccanismo del giudizio a più voci interessante, forse lascerei ai recensori libertà sul numero delle battute, anche perché ci sono episodi (di qualsiasi serie) che magari meriterebbero approfondimenti maggiori che noi, il vostro pubblico, ci aspettiamo. Magari graficamente alla fine di ogni recensione metterei un bollino più piccolo che visivamente aiuta ed uno finale più grande a mo, di media, un po’ sulla falsa riga di quanto fa rottentomatoes per intenderci.

    Rispondi

  20. Orribile è dire poco! La puntata, non le analisi, con cui sono, mio malgrado, d’accordo. Tenuto conto che io ho odiato anche la scorsa puntata, qui non mi rimane proprio niente da dire se non noia (alle due di notte sistemavo il divano tanto ero “presa” dalla puntata). Ed è la penultima, peggio ancora!!
    Persino Terminus mi ha delusa, forse perchè ormai dormivo sul divano sistemato prima.

    Rispondi

  21. Lo reputo un episodio da OK funzionale al gran finalone preannunciato. Non è certo questo l’episodio che ha affossato TWD in questa stagione. In un altro contesto gli avreste dato OK, ma ormai basta un nonnulla per etichettare con MEH o peggio. Secondo me bisogna fare un analisi indipendente senza cercare fili conduttori con gli episodi precedenti

    Rispondi

  22. gargoyle ha scritto:

    …..come il carnevale cannibalesco dell’intera serie….

    Hahaha adesso ho capito

    Rispondi

  23. Rocco ha scritto:

    Secondo me bisogna fare un analisi indipendente senza cercare fili conduttori con gli episodi precedenti

    Giusto. Perché pretendere continuity in una serie tv, d’altronde.

    Rispondi

  24. Lisa C. ha scritto:

    Rocco ha scritto:

    Secondo me bisogna fare un analisi indipendente senza cercare fili conduttori con gli episodi precedenti
    Giusto. Perché pretendere continuity in una serie tv, d’altronde.

    pretendere continuità va benissimo, ma non credo sarebbero arrivati dei big no no anche solo prima della pausa invernale. le grosse mancanze di TWD in questa stagione sono altrove, a mio avviso.

    Rispondi

  25. .rIFF ha scritto:

    Se TWD non avesse un fumetto di successo sul quale stravaccarsi beato, sarebbe durato meno di V

    Concordo.. se il fumetto non fosse mai esistito, gli autori ci avrebbero messo un po’ di volontà nello scrivere una sceneggiatura decente, più coraggiosa nelle scelte, veloce e incisiva come deve essere una serie di questo tipo. Purtroppo credo che Kirkman che sarà anche un bravo fumettista (più o meno..) ha troppa voce in capitolo anche nella serie. Il tutto credo che finisca in brainstorming dove gli autori cercano di fare a gara a sparare cose che piacciano a Kirkman.. insomma che siano da una parte fedeli al fumetto ma non troppo, dall’altra che inseriscano elementi nuovi ma non troppo, dall’altra ancora che cerchino di coniugare le due storyline per ibridizzarle MA NON TROPPO.. alla fine viene un paciocco del cacchio!

    Rispondi

  26. Io leggendo il fumetto mi metto le mani ai capelli. Hanno un potenziale allucinante da sfruttare ma ci girano attorno come una trottola e sta cosa mi mette una rabbia allucinante. Ma cribbio cosa gli costava lasciare Glenn Mazzara alla guida ?! E già ho in mente come saranno le prossime 8 puntate della quinta stagione e mi vien voglia di prendere a testate lo schermo.

    Rispondi

  27. @ dory:
    Ci si è arrivati, fidati :) Ne ho dato uno io stessa. E’ tutta la quarta stagione che, a parte l’inizio e un paio di sporadici flash in questa seconda parte, è stata un disastro. E credimi, lo dico da affezionatissima di TWD. Ora possiamo anche fingere che non sia così e che i giudizi siano stati troppo duri, ma quantomeno non mentiamo a noi stessi dicendo che i giudizi hanno cambiato peso, perché non è così XD

    Rispondi

  28. The Real Cajun 26 marzo 2014 at 01:24

    nicco ha scritto:

    Concordo.. se il fumetto non fosse mai esistito, gli autori ci avrebbero messo un po’ di volontà nello scrivere una sceneggiatura decente, più coraggiosa nelle scelte, veloce e incisiva come deve essere una serie di questo tipo. Purtroppo credo che Kirkman che sarà anche un bravo fumettista (più o meno..) ha troppa voce in capitolo anche nella serie. Il tutto credo che finisca in brainstorming dove gli autori cercano di fare a gara a sparare cose che piacciano a Kirkman.. insomma che siano da una parte fedeli al fumetto ma non troppo, dall’altra che inseriscano elementi nuovi ma non troppo, dall’altra ancora che cerchino di coniugare le due storyline per ibridizzarle MA NON TROPPO.. alla fine viene un paciocco del cacchio!

    Su questo io non ci giurerei, credo che nei brainstorming facciano a gara a chi trova le idee che piacciano alla AMC (dato che cacciano loro la grana). E tutto sommato la AMC non può che essere contenta visti gli ascolti, quindi dal suo punto di vista non c’è nulla che non vada nello show.

    Indipendentemente dalle doti di Kirkman come scrittore per tv (più di tanto non ha fatto quindi è difficile valutare) da lettore del fumetto non voglio credere che ciò che vediamo nella serie sia approvato con convinzione da lui.
    Si prende i soldi dei diritti, il fumetto ha una pubblicità mostruosa (io per primo ho cominciato a leggerlo dopo aver visto la Season 1), si fa una palata di cavoli suoi e campa cent’anni. ^_^
    Ora sto estremizzando volutamente, e so anche che sarebbe un errore provare a riproporre lo stile e le vicende del fumetto in tv, sarebbe uno show più di nicchia che riceverebbe un botto di critiche da parte degli spettatori meno hardcore e probabilmente farebbe meno ascolti.
    Semplicemente non tirerei in ballo Kirkman se spesso risulta una serie piatta, perché credo che abbia relativamente poca voce in capitolo.

    Rispondi

  29. @ nicco:

    Io il fumetto di TWD non l’ho letto però fino adesso ho sentito solo pareri entusiasti a riguardo, veramente troppo distanti dai big no no di questa e delle precedenti stagioni.
    Sembra quasi che TWD sia diventato una specie di franchise: dove una volta c’erano i “morti viventi” di romero, adesso è un “morti camminanti”, poi se i morti non li vedi che per 10 secondi e tutto il resto del tempo se lo magnano dei vivi più morti dei morti, va bene comunque

    Rispondi

  30. Nessuno che parla di questo?
    https://fbcdn-sphotos-d-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/t1.0-9/10156006_803465323015629_2054235797_n.jpg

    E poi la butto lì…io credo che Maggie “brucierà” così come ha fatto la sua foto…

    Rispondi

  31. Cioè in pratica vogliono far credere che su tutto il territorio esplorato, Rick, Carl the Gun e Michone mum edition, sono finiti guarda caso proprio nella casa della tizia con la faccia da mulino bianco e qualche vizio nascosto ? (perchè alla fine è questo l’unico senso che si può dare alle due scene messe insieme)

    Di sicuro, se vuole esserci un altro messaggio, spiacente ma non è minimamente arrivato a destinazione tranne forse a qualche fanatico del fumetto (leggasi “contentino”)

    Rispondi

  32. Lisa C. ha scritto:

    Rocco ha scritto:

    Secondo me bisogna fare un analisi indipendente senza cercare fili conduttori con gli episodi precedenti
    Giusto. Perché pretendere continuity in una serie tv, d’altronde.

    Mi chiedo come mai siano usciti allora dei FY su episodi come lo scorso e ad esempio Clear che di “continuity” e fili conduttori avevano giusto i titoli di coda…. Sono stati giustamente apprezzati perché erano semplicemente belli. Questo non è certo un capolavoro, ma crea aspettative per il finale.

    Rispondi

  33. In pochi, mi tocca dire, credo riescano a capire la sottigliezza di questa quarta stagione di gran lunga superiore alla seconda e alla pessima terza stagione, dove il solo obbiettivo di Mazzara era quello di affossare una serie dalle brutali potenzialità quale non è The Walking Dead.
    Gimple ha avuto il duro compito di portare i resti mangiati di un corpo pronto a trasformasi e a tentare amputando in vari punti presi a morsi di rimettere in piedi il soggetto, e per me il compito a distanza di una puntata dalla fine sono pronto a dire che ci è riuscito, infatti questa quarta stagione ci ha regalato diversi momenti con vari picchi e qualche puntata un pò più giù di tono ( dove però vengono sempre buttati indizi qua e la per future storyline) e per noi che magari abbiamo seguito il fumetto, pur discostandosi ampiamente ci ha regalato dei piccoli gioielli in forma di citazioni e chiari richiami alla sua controparte cartacea che ti fanno gioire appena li vedi.
    Ora nella puntata in questione è vero non è successo nulla di rilevante, ha semplicemente spianato la strada a ciò che avverrà nei prossimi 40 minuti dove sperò siate coscienti che rimeremmo ad aspettare fino ad ottobre il destino dei nostri poveri protagonisti in sospeso molto probabilmente, la foto bruciata da Maggie non è un buon segno e dato che do Beth spacciata al 99%, posso dire che a parte i presunti intoccabili Rick, Michonne e Carl e i nuovi arrivati Abraham, Rosita ed Eugene, il resto di loro Carol, Tyrees, Sasha, Maggie, Bob, Gleen, Daryl e Tara sono tutti possibili attori disoccupati per la prossima stagione…
    Termiuns sarà la fine del viaggio per molti e il finale di stagione si appresta a regalarci un cliffhanger che ci ricorderemo per un pò, “Sanctuary for all. Community for all. Those who arrive….
    …survive…..but how many will survive? ”
    Per me puntata sufficente in attesa di un ottimo fuck yeah per la prossima puntata!!!

    The Real Cajun ha scritto:

    nicco ha scritto:

    Semplicemente non tirerei in ballo Kirkman se spesso risulta una serie piatta, perché credo che abbia relativamente poca voce in capitolo.

    Kirkman ha molta voce in capitolo dato che anche lui scrive e sta nella stanza degli sceneggiatori, oltre che essere uno dei produttori esecutivi dello show, infatti io mi domando ancora com’è possibile che abbia approvato lo scempio vero della stagione passata…

    Rispondi

  34. Dopo la buona buona puntata della scorsa settimana, era troppo aspettarsene un altra altrettanto buona,..quindi la serie é tornata al modus: PECHINO EXPRESS!

    La coppia dei fidanzati si é ricongiunta ed é riuscita addirittura a vincere la tappa arrivando per prima al Terminus!

    Rispondi

  35. SoraPampuria 26 marzo 2014 at 09:51

    La prima a morire sarà senz’altro Maggie e così Glenn non avrà neanche la foto per guardarla nei momenti bui: ma perché quest’ultimo ha permesso alla ragazza di bruciare la foto? Non si capisce.
    Per il resto è stata una puntata pessima e la prossima mi auguro sia un buco nell’acqua con il Terminus che è in realtà un covo di pazzi esaltati che faranno pulizia della maggior parte di quei gruppi di acefali: possibile che gli unici che vorrei vedere (oltre a Carl & Co. e Carol) sono quegli psicopatici con cui sta Darryl?

    Rispondi

  36. conosciwollas 26 marzo 2014 at 09:51

    Simpatiche le quattro mini recensioni per dire tutte la stessa cosa e vedere chi l’ha scritta meglio. complimentoni ragazzi! Io dico Eus, l’apocalesbo è devastante.

    Rispondi

  37. @Lisa C.

    come anche Rocco ha scritto, e proprio in tema di continuity, trovo singolare che quest’ultimo episodio sia stato valutato peggio dei primi post ripresa, per esempio, che a mio avviso erano mediamente più noiosi e/o abbastanza cialtroni per illogicità. (vogliamo ricordare Sasha che si ferma da sola in mezzo al nulla o Daryl che apre la porta agli zombie?)

    e nota che non sto esaltando la puntata, ma le riconosco appunto una funzionalità nel proseguire la storia. soprattutto evita di essere monografica come altre. poi (ma capisco che lì sia questione di gusti), tu hai definito i pochi minuti di Minchionne e Carl l’unica parte carina. io, reggendo pochissimo entrambi gli attori e poco meglio i loro personaggi, meno li vedo e meglio sto. :)

    Rispondi

  38. bell’idea quella di 4 pareri. peccato, come vi hanno già fatto notare, siano più o meno tutti uguali. quindi non ha tantissimo senso la cosa.
    puntata abbastanza tranquilla (non succede praticamente nulla). gli darei un 5,5 .
    penso sia in preparazione del gran finale. leggendo il fumetto, potrei aver capito cosa riserva Terminus ai nostri “eroi” (mi riferisco solamente a Rick, Carl, Carol & Abraham)
    quasi certa la dipartita di Maggie (la foto bruciata è più che un indizio).

    Rispondi

  39. Che peccato…avrei tanto sperato nella dipartita di Glenn

    Rispondi

  40. Clonare quattro commenti, per quanto mi riguarda non é stata una grande idea, sembra quasi che vi siate accordati anche nei contenuti, della serie “volemose bene”. Certo che se lo paragoniamo all’incisività e profondità di quello fatto per la 4×15 questa é veramente pessima.

    Minicap? BIGNONO

    Rispondi

  41. Firpo ha scritto:

    Che peccato…avrei tanto sperato nella dipartita di Glenn

    è l’asiatico del gruppo.
    sono “obbligati” a tenerlo in vita… o magari a Terminus salta fuori qualche Nagatomo o Lee …. LOL

    Rispondi

  42. Mi sento di giustificare gli sceneggiatori di TWD , hanno una gallina dalle uova d’oro e devono dividersi tra fan del fumetto ed esigenze televisive , insomma una bella matassa da sbrogliare.
    Risultato una sorta di corazzata Potemkin (o Kotiomkin) dove il confine tra bello e cagata pazzesca è sottilissimo.

    Rispondi

  43. Analisi tecnica: AMMAZZA CHE PALLE….
    Analisi emotiva: AMMAZZA CHE PALLE….

    Premio per la scena più noiosa e scontata di sempre: GALLERIA. uuuuuuhhhh abbiamo tutti stretto tantissimo le chiappe, li vedevamo già tutti morti, sì sì.

    Premio per la scena più inutile del mondo: LITE FRA I BUZZURRI CON ARCERE MORTO AMMAZZATO. Perché nessuno aveva capito che sono figli di mignotta cintura nera all’ottavo dan 36 livello +++++

    Premio “sparatevi in testa”: binari e cioccolatini (con una menzione d’onore a Daryl che vede la carta in terra e fa l’occhietto che “i miei amicici sono passati di qui, ora ghe penzi mi”.

    Premio “sparatemi ora”: l’ingresso a Terminus. Cancelli aperti, niente lucchetti, nessuno nei paraggi. L’unica speranza è che si mangino le persone. Vivi che mangiano vivi (e cacano zombie).

    E, infine, premio “ti ammazzerei con le mie mani ma mi fa così schifo toccarti che ti ammazzo con le mani zombie di qualcun altro”: il nerd. Ora, ANDATEVENE-A-FARE-IN-CULO. Con la riconcorsa proprio. Per favore, salvatemi da quello che ha letto il manuale delle giovani marmotte una pagina sì e una no e non ha meglio da fare che raccontarmelo. Oltre a provarci con una lesbica parlando di videogiochi. Un siparietto simpatico come una gonorrea.

    E rosita quando avrebbe trovato vestiti consoni, fra l’altro? E soprattutto perché?

    Fortunatamente, dopo la sbandata delle scorsa puntata, TWD è tornato sui consueti abominevoli livelli. :D

    Rispondi

  44. Pinco120 ha scritto:

    Nessuno che parla di questo?
    https://fbcdn-sphotos-d-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/t1.0-9/10156006_803465323015629_2054235797_n.jpg

    E poi la butto lì…io credo che Maggie “brucierà” così come ha fatto la sua foto…

    Che quella sia matta come un cavallo non servivano certo questi dettagli e farlo sospettare…

    Rispondi

  45. Concordo con chi ha detto che quella delle quattro mini-recensioni sarebbe un’idea da rivedere: prima di tutto non penso abbia molto senso fare 4 recensioni tutte uguali .. se non ci sono pareri diversi è inutile fare a gara a chi dice meglio la stessa cosa, perchè questo va a discapito del bellissimo lavoro di analisi che su Serialmente siete sempre stati capaci di fare (motivo per cui vi ho seguito e vi seguo, mentre ‘ste quattro stronzate mi spiace ma sono capaci a scriverle tutti). Ok, sticazzi di quello che dici tu, Tartaruga.
    Passando alla puntata…. madonna mia che noia… le scene con Glenn e la lesbica (apocalesbo LOL) nel tunnel sono.. RIDICOLE, dai! Cioè i dialoghi fanno ridere. Poi l’innamoratissimo fedelissimo puppy-Glenn che mente spudoratamente sull’identità di Lara è insensato… cosa farà quando Maggie lo scoprirà? Lara avrà uno “scatto” di coscienza di 5,4,3,2… 1.. secondi. “Mi sento troppo in colpa per vivere così, Maggie, ti dico tutta la verità” e Maggie “Oh bastardissimo Glenn, come hai potuto, TU, COME POTESTI” e Glenn “Maggie, amorigghiu mio, non odiare l’humanity, ama me!” ecc.ecc…
    Unica scena carina quella con Carl e Michonne (l’unica che riesce ad azzerare l’antipatia del bamboccione).
    Comunque non ho capito una cosa (ma ammetto che 10 minuti di puntata li ho mandati avanti veloce, quindi boh, magari era spiegato in quei 10 minuti): la simpaticissima banda in cui si è infilato Daryl dove sta andando? a Terminus? Il tipo coi capelli bianchi che fa da capetto mi sembra abbia detto che Terminus è un covo di serpi.. quindi cosa ci va a fare?
    Che poi scusate, è vero, Terminus è inquietantissima e ci aspettiamo tutti che accadranno grossi sfaceli.. MA.. COSA? Cioè che può accadere lì dentro di così orrendo? Mi rifiuto di pensare che attirino gente per farla fuori (sarebbe un non-sense), allora cosa vogliono? Schiavizzarli? Mangiarli? Prostituirli? Usarli come cavie?
    P.S. Ma di Beth Daryl s’è dimenticato? o.o

    Rispondi

  46. Tartaruga ha scritto:

    P.S. Ma di Beth Daryl s’è dimenticato? o.o

    Maggie ha rimosso l’esistenza di Beth, figuriamoci Daryl

    Rispondi

  47. Premio “sparatemi ora”: l’ingresso a Terminus. Cancelli aperti, niente lucchetti, nessuno nei paraggi. L’unica speranza è che si mangino le persone. Vivi che mangiano vivi (e cacano zombie).

    Infatti!! Almeno la cittá de lGoverantore aveva cancelli, mura e guardie,..qui invece tutto aperto e la tipa se ne stá tranquilla a cucinare!!
    Comunque questo TERMINUS mi puzza,…

    Rispondi

  48. Ma quì nessuno si dimentica di nessuno. Dai. Noi non possiamo entrare nei pensieri dei personaggi per sapere quello che gli frulla. Semplicemente gli autori non hanno ritenuto esaltarlo, esplicitarlo o semplicemente farne solo riferimento. Probabilmente per non rendere penosamenre melodrammatico il tutto.

    Rispondi

  49. The Real Cajun 26 marzo 2014 at 13:30

    Gianluca ha scritto:

    Kirkman ha molta voce in capitolo dato che anche lui scrive e sta nella stanza degli sceneggiatori, oltre che essere uno dei produttori esecutivi dello show, infatti io mi domando ancora com’è possibile che abbia approvato lo scempio vero della stagione passata…

    Gli episodi scritti realmente da lui si possono contare sulle dita di una mano (su 4 stagioni).
    Non so com’è organizzato il processo creativo, ma credo che lui e gli altri produttori/scrittori si riuniscano in pre-produzione per delineare il grosso della trama (quindi il filone ricerca di aiuto in Season 1, fattoria nella 2, prigione nella 3, leccaggio delle ferite post-prigione nella 4). Decidono dove va la storia e buttano giù gli avvenimenti principali da mettere in scena.
    Però quello che poi viene fatto nei singoli episodi secondo me prescinde da Kirkman, che scrive 3 comics al mese (con TWD che in questo periodo è quindicinale) e dubito abbia tempo di star dietro alla produzione televisiva da vicino.
    Il problema di questa serie credo non sia il “cosa” succede, ma il “come” succede…per quello dico che Kirkman ha poca voce in capitolo, perché sul “come” a meno che non scriva direttamente lui l’episodio non ci può fare nulla.

    Rispondi

  50. @ Rumenta:

    Osanna a Rumenta! Pienamente d’accordo con la sua analisi aggiungendo anche:
    – Glenn va da solo sempre e comunque, se ne infischia di tutti e tutto e poi quando Tara rimane bloccata non la vuole lasciare.
    – la macchina che parte al primo colpo… fantastica!
    – Si spara sempre e comunque dimenticando che (soprattutto in un Tunnel che li amplifica) i rumori dovrebbero attirare i non morti. Mai che ci fosse una “mandria” quando riposano eh?

    Su Terminus stendo un velo pietoso: non mi fiderei manco a pagamento di un posto che ti dice “vieni va tutto bene” e poi quando arrivi non è sorvegliato, ci sono i cancelli aperti e pure la scritta “lasciate le armi al guardaroba e ritirate il numeretto che tanto qui siamo tutti amici e mica servono”. Ma per favore… Ma dopo tutto quello che hanno passato, Governatore in primis (ma anche Shane mica era tanto normale) ancora si fidano di tutto e tutti? O Maggie, ti hanno decapitato il padre poco fa… un po’ di sano sospetto no???

    Questa stagione è agghiacciante…
    Ah, fra Glenn e Maggie io dico che schiatta il primo.

    Rispondi

  51. Che fine ha fatto Beth??
    Non me lo sono chiesto fino a quando non ho visto il Terminus e la gentile signora,….accomodatevi pure, sarete affamati,…….e allora mi si é accesa la lampadina con la faccia di Beth!! Poveraccia!!

    Rispondi

  52. @ Maurizio:

    Sicuramente Mary sta cucinando qualc….osa :D

    Rispondi

  53. Lotharmatthaus 26 marzo 2014 at 14:09

    @Maurizio
    puzza sì… di barbecue…

    mi pare evidente che i nostri finiranno alla brace, in un interessante, se gestito bene, paradosso dei vivi che magnano i vivi. Beth però credo che non c’entri, non avrebbe senso farla morire dopo che hanno fatto fatto di tutto, frantumandoci le pelotas per un paio di episodi per introdurne il personaggio.

    Rispondi

  54. @ Lotharmatthaus:
    Beth però credo che non c’entri, non avrebbe senso farla morire dopo che hanno fatto fatto di tutto, frantumandoci le pelotas per un paio di episodi per introdurne il personaggio.

    Non sarebbe la prima volta che dopo aver dato un pochino di spazio a qualche personaggio, dopo un pó il personaggio in questione sia morto! Speriamo che mi sbagli, ..in fin dei conti Beth mi stava simpatica.

    Rispondi

  55. Lotharmatthaus ha scritto:

    Beth però credo che non c’entri, non avrebbe senso farla morire dopo che hanno fatto fatto di tutto, frantumandoci le pelotas per un paio di episodi per introdurne il personaggio.

    Per la verità è un meccanismo abbastanza basilare: considerato che, checché ne dicano i creatori dello show, ci sono un paio di personaggi che chiaramente non moriranno MAI (Rick, Daryl, Carl, Michonne, forse Carol ma non ci giurerei), l’unico modo che esiste per inserire qualche morte “rilevante” è dare rilevanza a personaggi che prima non ne avevano e poi farli morire. Beth è l’esempio perfetto: narrativamente è inutile, non era mai stata considerata come un personaggio effettivo (se non per quella breve parentesi in cui voleva suicidarsi nella seconda stagione, se non sbaglio, ma era stata una robetta di cinque minuti), è a tutti gli effetti “sacrificabile”, per cui dovevano prima provare a darle uno spessore, se volevano che la sua eventuale morte avesse un qualsivoglia impatto sul pubblico.
    Con questo non intendo dire che credo che Beth morirà, in effetti non lo credo, ma se non morirà non sarà certo perché ora è stata introdotta, anzi, l’introduzione del suo personaggio è una prova a carico per chi pensa che invece la faranno fuori XD

    Rispondi

  56. Lotharmatthaus 26 marzo 2014 at 14:33

    @Lisa C.

    beh si in effetti ha pienamente senso quello che dici

    in ogni caso anche il rapimento a mio modo di vedere apre a un futuro con più beth per tutti! chessò, qualcosa in stile Karen di Falling Skies

    Rispondi

  57. @ Lisa C.:
    per cui dovevano prima provare a darle uno spessore, se volevano che la sua eventuale morte avesse un qualsivoglia impatto sul pubblico. Con questo non intendo dire che credo che Beth morirà, in effetti non lo credo, ma se non morirà non sarà certo perché ora è stata introdotta..

    Certo il meccanismo é chiaro,..e gia sospetto che per sapere che fine ha fatto Beth, dovremo aspettare la prossima stagione.

    Rispondi

  58. @ The Real Cajun:

    Kirkman ha parte attiva nello staff creativo della serie che pur essendo scritta da vari sceneggiatori dubito che il copione di una sceneggiatura venga approvato a occhi chiusi senza che il concilio ristretto della amc non dia il suo consenso, poi quello (Kirkman) è un esaltato di prima categoria basta che fanno schiattare personaggi e lui darà sicuramente l ok, secondo me ispirato male da George rr Martin….

    Rispondi

  59. nickiedis ha scritto:

    @ Rumenta:

    Osanna a Rumenta! Pienamente d’accordo con la sua analisi aggiungendo anche:
    – Glenn va da solo sempre e comunque, se ne infischia di tutti e tutto e poi quando Tara rimane bloccata non la vuole lasciare.
    – la macchina che parte al primo colpo… fantastica!
    – Si spara sempre e comunque dimenticando che (soprattutto in un Tunnel che li amplifica) i rumori dovrebbero attirare i non morti. Mai che ci fosse una “mandria” quando riposano eh?

    Su Terminus stendo un velo pietoso: non mi fiderei manco a pagamento di un posto che ti dice “vieni va tutto bene” e poi quando arrivi non è sorvegliato, ci sono i cancelli aperti e pure la scritta “lasciate le armi al guardaroba e ritirate il numeretto che tanto qui siamo tutti amici e mica servono”. Ma per favore… Ma dopo tutto quello che hanno passato, Governatore in primis (ma anche Shane mica era tanto normale) ancora si fidano di tutto e tutti? O Maggie, ti hanno decapitato il padre poco fa… un po’ di sano sospetto no???

    Questa stagione è agghiacciante…
    Ah, fra Glenn e Maggie io dico che schiatta il primo.

    Siete i mie idoli!
    Quotazzo con panna montata direi!

    ;)

    Rispondi

  60. Non posto mai commenti,anche se aspetto trepidante le vostre recensioni soprattutto perché VOI riuscite a ricordare anche le sottotrame di 20 stagioni fa,mentre IO ho difficoltà anche con le trame principali dell’ultima puntata.Detto questo vorrei fare solo un commento riguardo Terminus:Non è possibile che l’unica oasi di sicurezza nel raggio di km sia completamente senza protezione…da qui mi nascono due idee,1:( che mi fa ben sperare),Terminus non è affatto un luogo sicuro ma anzi,a dispetto di un ingresso pieno di fiori e piccoli orticelli,è in realtà un miraggio per avventori sconsiderati;ipotesi che viene avallata dall’incontro con la tipa hippie che ha lo sguardo della psicopatica.Ipotesi 2:(che mi fa tremare)Terminus è l’ennesimo luogo chiuso dove gireranno le prossime due stagioni e i fiori e le piantine sono l’omaggio che qualche scenografo/attrezzista porge al genio di Gimple;i catenacci che si aprono come fossero burro fuso?non sono un suggerimento per catturare l’attenzione di noi spettatori lasciandoci la sensazione di:cavolo,quì qualcosa non quadra…via ragazzi scappateeeeee è una trappola;bensì la reazione al rifiuto dell’omaggio floreale a Gimple da parte dell’attrezzista innamorato.L’hippie psicopatica?suvvia spettatori,ma quale trappola per avventori sprovveduti,è solo la prima comparsa ubriaca che passava di qui!!!Io spero vivamente che succeda qualcosa di simile alla mia prima ipotesi,ma ho solo un dubbio…che abbia ragione Homer Simpson quando dice a..(non ricordo a chi purtroppo):”è tutto sbagliato,lo spettatore non vuole essere spiazzato con idee originali e inaspettate,questo lo farebbe sentire stupido.La gente vuole sentire e vedere sempre le stesse cose,questo gli da un senso di sicurezza.Il pubblico non vuole pensare…vuole ridere”(ho riassunto a modo mio,non ricordo le parole esatte,ma come sempre era esilarante e geniale).Speriamo che a sto giro Homer abbia torto…lo spero….

    Rispondi

  61. 999sickboy666 26 marzo 2014 at 18:51

    @Fante: sai qual’è il problema? Che “l’oasi amena e (apparentemente) sicura” che si rivela, invece, essere una trappola infernale è una soluzione narrativa che esiste, a dire poco, dai tempi dell’Odissea. Per cui, in sé, non sarebbe nemmeno una svolta “spiazzante e geniale”. Anzi, è talmente telefonata, con questi cazzo di cartelli tutti uguali e capillarmente diffusi, così “ben ordinati” da stonare fortemente con qualunque idea di disastro apocalittico, che la vera mossa spiazzante ed originale sarebbe se Terminus fosse DAVVERO un luogo ameno, sicuro e protetto.

    Già. Solo che sarebbe anche mortalmente noioso. E allora, da sperare, è che le soluzioni originali, spiazzanti ed innovative siano nel MODO di mostrare il “locus amoenus” che si rivela essere “locus horridus”, nella descrizione di questo processo e degli eventuali “orrori”.

    Solo che qui ci si scontra contro un muro, che è la storica mancanza di coraggio di TWD – serie che tratta un mondo post-apocalattico e non si è mai presa la briga di mostrare, veramente e fino in fondo, a che punto può arrivare la degenerazione umana e che non ha mai brillato per la capacità di descrivere una qualsiasi cosa in termini nuovi ed originali.
    Come ha fatto notare qualcuno: è da parecchio tempo che TWD ha disperatamente bisogno di virare un po’ verso “il signore delle mosche” ed è da parecchio tempo che lo evita accuratamente.

    Ora, magari io sono pessimista e criticone, ma ho la sensazione che nemmeno questa sia la volta buona.

    Rispondi

  62. Un piccolo chiarimento sui minicap: non facciamo a gara su nulla, semplicemente il formato coglierà frutti più succulenti da episodi più sfaccettati. Il contenuto afflosciato è specchio dell’episodio che abbiamo visto- dopo aver letto anche i pezzi degli altri direi che l’articolo nel complesso è quasi un ulteriore commento, indiretto, alla qualità/andazzo della serie.

    Rispondi

  63. @ Rumenta: vabbè, io ho provato a far notare un dettaglio per fare avanzare ipotesi…mi scuso XD

    Rispondi

  64. @ Fante:

    È sicuramente la prima l’ipotesi più attendibile

    Rispondi

  65. SoraPampuria ha scritto:

    Per il resto è stata una puntata pessima e la prossima mi auguro sia un buco nell’acqua con il Terminus che è in realtà un covo di pazzi esaltati

    Scusa non ho capito bene. Speri che terminus sia un pakko? Ma che cavolo lo guardi a fare? Della serie facciamoci del male :D

    Rispondi

  66. 999sickboy666 26 marzo 2014 at 20:08

    @Eus: sono il primo a dire che, pur volendo, su un episodio come questo non c’è poi molto da analizzare. Però, mi pare che questo non nasconda, comunque, un problema di fondo con il meccanismo dei minicap.
    Circa 800 caratteri valgono circa 12 righe. Di ogni minicap, circa un quarto se ne va a scopo introduttivo ovvero, sul totale, circa 12 righe saltano via solo per permettere ai recensori di fare un mini-riassunto che introduca il loro punto di vista. Lo spazio che rimane basta appena per qualche considerazione, sicuramente interessante ma che non può essere approfondita e nemmeno motivata in modo dettagliato.

    Quindi, quello che succede, è che alla – interessantissima – pluralità dei punti di vista sacrificate le potenzialità d’analisi. Non solo non sono sicuro che sia un guadagno ma, guardando in prospettiva, mi viene da pensare che renda i commenti molto più vulnerabili ai flame starter, perché fa diventare più facile e immediato il gioco delle parti tra chi è “favorevole” al voto espresso e chi è “contrario”.

    Poi, intendiamoci: trovo sia un formato che, se utilizzato con discernimento, solo per episodi di simile piattume o comunque poveri di contenuti, vada benissimo. Solo che non mi sembra proprio adatto a “cogliere frutti più succulenti da episodi più sfaccettati”. Anzi, se quello è lo scopo – lodevolissimo – mi pare sia un po’ un autogoal.

    Rispondi

  67. 999sickboy666
    Come ha fatto notare qualcuno: è da parecchio tempo che TWD ha disperatamente bisogno di virare un po’ verso “il signore delle mosche” ed è da parecchio tempo che lo evita accuratamente.

    Ora, magari io sono pessimista e criticone, ma ho la sensazione che nemmeno questa sia la volta buona.

    Bingo.

    La virata Signore delle Mosche, per questi cialtroni, mi pare sia creare un luogo aggregante e far fare cazzate a un brancolo di svantaggiati mentali che si aggirano nel mondo come dei ciechi alla ricerca del loro ritratto in un bazar.
    Pensateci:

    – Prima serie, lo speudo villaggetto di 3 stronzi con tende, caravan e roulotte in montagna. Eden rovinato da un marito manesco e da Rick che vuole salvare l’universo ma soprattutto da una ciurma di zombie che arriva e fa carne di porco, perché NESSUNO AVEVA PENSATO CHE SAREBBERO POTUTI ARRIVARE e quindi sarebbe stato furbo legare qualche filo con delle lattine attorno al campo. Muore un po’ di gente. Che fanno i nostri? Se ne vanno.

    – Seconda serie, la casa nella prateria. Un’altra manciata di babbei vivono in una casa in pieno nulla. Nemmeno questi, che all’apparenza sembrano più vicini all’homo sapiens sapiens del più intelligente del nostro gruppo, hanno avuto l’idea di scavare un fossato o mettere dei pali o del filo spinato attorno alla tenuta. Sembra tutto bello, se non fosse che il pater familias odia gli asiatici (direte di no, ma secondo me Hershel è un reduce della Corea e sapere che un muso giallo infila la lingua in bocca alla figlia è roba che lo manda ai matti) e in più ha il vezzo di conservare degli zombie in una stalla. Come finisce pure qui? Una bella resa di conti per levarsi qualche personaggio dalle palle e una bella mandria di zombie che arriva e fa carne di porco. Anche in questo caso, la soluzione è andarsene, non rifiugiarsi in un buco in silenzio, aspettare che il branco se ne vada ad assistere ad un’altra woodstock e rendere la fattoria sicura.

    – Terza serie. Dalla fattoria passiamo alla città. La città è bellissima ma è retta da uno stalinista (dittatore che a suo dire è solo un servitore del popolo, processi farsa, deportazioni…) che sarà scemo in testa, ma la gente la tiene in effetti al sicuro. Come va a finire? Tutto a puttane, in una gara a chi ce l’ha più lungo con Rick. Che finirà per trovarsi più a suo agio in una prigione. Da notare che questa è la prima vera dinamica da signore delle mosche.

    – Quarta serie. L’invidia del pene porta Stalin de noantri a buttare giù la prigione. Se non ci posso giocare io, non ci gioca nessuno. Il resto è una puntata della Corrida. Dilettanti allo sbaraglio. Che terminerà con l’arrivo di tutto il gruppo, più i simpatici nuovi comprimari, dritti dritti nella tela del ragno. Che tutti hanno trovato e che nessuno aveva mai visto prima, manco un cartello per sbaglio.

    Di sicuro il villaggio figlio dei fiori-tutti-felici-e-contenti-vieni-fratello-ti-faccio-accoppiare-con-mia-sorella sarebbe lo svoltone a cui nessuno crede e che comunque, intendiamoci, narrativamente sarebbe una fucilata in faccia. Di conseguenza dev’essere un posto in apparenza fico ma in realtà… e qui fate voi: cannibali, lotofagi, avventisti del settimo giorno, il covo di jabba the hut, il laboratorio del millepiedi umano. Secondo me sono solo fattoni esaltati religiosi che mangiano gli sfigati tanto stupidi da credere ai loro cartelli (in fondo lavorano per l’evoluzione, viva Darwin!).

    Potrebbe esser altrimenti un villaggio tranquillo, davvero peace and love, fatto a pezzi da un’altro scontro a chi piscia più lontano fra i teppistelli senza moto amici di Daryl e Rick (magari, questo sarebbe un bell’abisso da signore delle mosche). E non dimenticate, fra l’altro, che c’è la questione in sospeso del Nerd che deve andare a Washington a salvare il mondo, perché lui ha capito, lui sa. Che per me è tutta una cazzata che gli permette di farsi imboccare da un militare sottosviluppato (benché grosso) garantendogli anche patata a portata d’occhi. Perché pure questa faccenda (ridicola) deve sfociare in qualcosa.

    E a questo punto, temo sono che Terminus sia esclusivamente una sorta di scusa per far ricompattare il gruppo, epurarlo dei rami secchi (Maggie e la sorella, la sorella di Tyresse, Tyresse, i cafoni amici di Daryl tranne l’anziano e, se Allah è grande abbastanza, Carl o Rick, poi spiego perché), perdere un po’ di tempo nella distruzione di terminus e poi rifarlo procedere on the road verso la capitale per una bella sesta serie On The Road!

    Perché una cosa ormai è chiara, questi lobotomizzati sono INCAPACI a costruirsi un rifugio e a tenerlo.
    Cosa questa che invece potrebbe dar via a tutto un altro sviluppo. Con villaggi e paesetti di cretini in guerra fra loro, in guerra con gli zombie, pronti a litigarsi materie prime e una visione più ampia del mondo e delle dinamiche di gruppo. Ma è un sogno…..

    Parliamo dei Morituri:

    Meggie si è scavata la fossa da sola con la storia della foto.

    Glenn è l’asiatico di circostanza.

    Tyresse si contende con Bob il ruolo del negro di circostanza, mena di più, ma non è un medico né un presunto tale. Bob sopravvive. Tyresse ci saluta.

    La sorella di Tyresse è utile solo come concubina di Bob, quindi inutile. Le coppiette rompono il cazzo (vedi alla voce Maggie e Glenn) e poi c’è Michonne, che mena di più, e ha una spada. Michonne vince.

    Beth (la sorella di Maggie, giusto?) serve solo per tenere Daryl lontano dal lato oscuro. Fatti fuori i figli di mignotta, non serve più.

    Daryl non può morire. Serve per tenere le non-più-tanto-ragazzine finto pudiche a sbavare contro lo schermo.

    Rosita non può morire. Serve per tenere i vecchietti sporcaccioni a sbavare sul telecomando.

    Il roscio e il nerd. Servono per dare un seguito alla serie.

    Il capo dei figli di mignotta lo stanno tratteggiando troppo bene per seccarlo presto. Può diventare il nuovo immortale arch-villain (tipo The Governator), di sicuro cercherà di attrarre al lato oscuro il suo giovine padawan Daryl. E ancora più sicuro che farà a gara a chi piscia più lontano con Rick.

    E veniamo ai pezzi grossi:
    Carol, Rick e Carl. Almeno uno di loro è di troppo. Se Rick tornasse il simpatico fascista (e può tornarci se gli ammazzano Carl) che abbiamo conosciuto l’attuale Carol non avrebbe più senso nell’economia del gruppo (e allora perché riportarla indietro?) Se Rick resta la mezza sega che è ora, va rimosso. Carl, istigato da Carol (Ao, a Carle’, devi MENA’!) ne potrà ricoprire il ruolo fra un paio di stagioni, ma lo scettro ora passerebbe a Carol che ha pure le briglie di Daryl.

    Spero di non aver dimenticato nessuno.

    Ah, la lesbica. Il personaggio utile come un lecca lecca al gusto di merda. Se non è lì in rappresentanza di qualche altre lobby, è il simpatico follower che un giorno troverà la sua utilità.

    Così ho detto. Scusandomi per essermi dilungato, prego la mia divinità amica che i fatti mi sbugiardino. :D

    Rispondi

  68. @ Rumenta:

    Semplicemente perfetto, dovresti fare uno di quei video sul tubo dove si spiegano interi argomenti in cinque minuti

    Rispondi

  69. @ 999sickboy666:
    Ma sì tranquillo. L’analisi più approfondita, quando possibile, ci sarà- soprattutto per episodi di maggior peso.
    Sui frutti succulenti: io credo che il formato possa anche favorirli, grazie alla pluralità di base (diverse interpretazioni, diversi spunti di discussione).
    Il flame come sai arriva quando un utente, invece di cogliere e magari ampliare o ripensare quegli spunti, vi si avvicina con i limiti della tifoseria: può accadere (e già accade ovunque su internet) con qualsiasi formato. Insomma la riuscita della discussione seriale dipende da noi tutti, come sempre ;)

    Rispondi

  70. se volessero discostarsi dal fumetto e far fuori Rick sarebbe veramente notevole. Primo perché quasi impensabile e secondo perché a me Rick come personaggio non piace.

    Rispondi

  71. Il punto è che i personaggi non dovrebbero sopravvivere in base a quanto piacciono ma solo in base alla loro utilità.

    Sei utile ? Vivi. Sei inutile ? Zombie mangia.
    Fai cose costruttive che permettono di sopravvivere ? Vivi. Fai cose che portano danno o proprio non fai un tubo ? Zombie mangia.

    Rispondi

  72. Rumenta ha scritto:

    999sickboy666
    Come ha fatto notare qualcuno: è da parecchio tempo che TWD ha disperatamente bisogno di virare un po’ verso “il signore delle mosche” ed è da parecchio tempo che lo evita accuratamente.

    Ora, magari io sono pessimista e criticone, ma ho la sensazione che nemmeno questa sia la volta buona.

    Bingo.

    La virata Signore delle Mosche, per questi cialtroni, mi pare sia creare un luogo aggregante e far fare cazzate a un brancolo di svantaggiati mentali che si aggirano nel mondo come dei ciechi alla ricerca del loro ritratto in un bazar.
    Pensateci:

    – Prima serie, lo speudo villaggetto di 3 stronzi con tende, caravan e roulotte in montagna. Eden rovinato da un marito manesco e da Rick che vuole salvare l’universo ma soprattutto da una ciurma di zombie che arriva e fa carne di porco, perché NESSUNO AVEVA PENSATO CHE SAREBBERO POTUTI ARRIVARE e quindi sarebbe stato furbo legare qualche filo con delle lattine attorno al campo. Muore un po’ di gente. Che fanno i nostri? Se ne vanno.

    – Seconda serie, la casa nella prateria. Un’altra manciata di babbei vivono in una casa in pieno nulla. Nemmeno questi, che all’apparenza sembrano più vicini all’homo sapiens sapiens del più intelligente del nostro gruppo, hanno avuto l’idea di scavare un fossato o mettere dei pali o del filo spinato attorno alla tenuta. Sembra tutto bello, se non fosse che il pater familias odia gli asiatici (direte di no, ma secondo me Hershel è un reduce della Corea e sapere che un muso giallo infila la lingua in bocca alla figlia è roba che lo manda ai matti) e in più ha il vezzo di conservare degli zombie in una stalla. Come finisce pure qui? Una bella resa di conti per levarsi qualche personaggio dalle palle e una bella mandria di zombie che arriva e fa carne di porco. Anche in questo caso, la soluzione è andarsene, non rifiugiarsi in un buco in silenzio, aspettare che il branco se ne vada ad assistere ad un’altra woodstock e rendere la fattoria sicura.

    – Terza serie. Dalla fattoria passiamo alla città. La città è bellissima ma è retta da uno stalinista (dittatore che a suo dire è solo un servitore del popolo, processi farsa, deportazioni…) che sarà scemo in testa, ma la gente la tiene in effetti al sicuro. Come va a finire? Tutto a puttane, in una gara a chi ce l’ha più lungo con Rick. Che finirà per trovarsi più a suo agio in una prigione. Da notare che questa è la prima vera dinamica da signore delle mosche.

    – Quarta serie. L’invidia del pene porta Stalin de noantri a buttare giù la prigione. Se non ci posso giocare io, non ci gioca nessuno. Il resto è una puntata della Corrida. Dilettanti allo sbaraglio. Che terminerà con l’arrivo di tutto il gruppo, più i simpatici nuovi comprimari, dritti dritti nella tela del ragno. Che tutti hanno trovato e che nessuno aveva mai visto prima, manco un cartello per sbaglio.

    Di sicuro il villaggio figlio dei fiori-tutti-felici-e-contenti-vieni-fratello-ti-faccio-accoppiare-con-mia-sorella sarebbe lo svoltone a cui nessuno crede e che comunque, intendiamoci, narrativamente sarebbe una fucilata in faccia. Di conseguenza dev’essere un posto in apparenza fico ma in realtà… e qui fate voi: cannibali, lotofagi, avventisti del settimo giorno, il covo di jabba the hut, il laboratorio del millepiedi umano. Secondo me sono solo fattoni esaltati religiosi che mangiano gli sfigati tanto stupidi da credere ai loro cartelli (in fondo lavorano per l’evoluzione, viva Darwin!).

    Potrebbe esser altrimenti un villaggio tranquillo, davvero peace and love, fatto a pezzi da un’altro scontro a chi piscia più lontano fra i teppistelli senza moto amici di Daryl e Rick (magari, questo sarebbe un bell’abisso da signore delle mosche). E non dimenticate, fra l’altro, che c’è la questione in sospeso del Nerd che deve andare a Washington a salvare il mondo, perché lui ha capito, lui sa. Che per me è tutta una cazzata che gli permette di farsi imboccare da un militare sottosviluppato (benché grosso) garantendogli anche patata a portata d’occhi. Perché pure questa faccenda (ridicola) deve sfociare in qualcosa.

    E a questo punto, temo sono che Terminus sia esclusivamente una sorta di scusa per far ricompattare il gruppo, epurarlo dei rami secchi (Maggie e la sorella, la sorella di Tyresse, Tyresse, i cafoni amici di Daryl tranne l’anziano e, se Allah è grande abbastanza, Carl o Rick, poi spiego perché), perdere un po’ di tempo nella distruzione di terminus e poi rifarlo procedere on the road verso la capitale per una bella sesta serie On The Road!

    Perché una cosa ormai è chiara, questi lobotomizzati sono INCAPACI a costruirsi un rifugio e a tenerlo.
    Cosa questa che invece potrebbe dar via a tutto un altro sviluppo. Con villaggi e paesetti di cretini in guerra fra loro, in guerra con gli zombie, pronti a litigarsi materie prime e una visione più ampia del mondo e delle dinamiche di gruppo. Ma è un sogno…..

    Parliamo dei Morituri:

    Meggie si è scavata la fossa da sola con la storia della foto.

    Glenn è l’asiatico di circostanza.

    Tyresse si contende con Bob il ruolo del negro di circostanza, mena di più, ma non è un medico né un presunto tale. Bob sopravvive. Tyresse ci saluta.

    La sorella di Tyresse è utile solo come concubina di Bob, quindi inutile. Le coppiette rompono il cazzo (vedi alla voce Maggie e Glenn) e poi c’è Michonne, che mena di più, e ha una spada. Michonne vince.

    Beth (la sorella di Maggie, giusto?) serve solo per tenere Daryl lontano dal lato oscuro. Fatti fuori i figli di mignotta, non serve più.

    Daryl non può morire. Serve per tenere le non-più-tanto-ragazzine finto pudiche a sbavare contro lo schermo.

    Rosita non può morire. Serve per tenere i vecchietti sporcaccioni a sbavare sul telecomando.

    Il roscio e il nerd. Servono per dare un seguito alla serie.

    Il capo dei figli di mignotta lo stanno tratteggiando troppo bene per seccarlo presto. Può diventare il nuovo immortale arch-villain (tipo The Governator), di sicuro cercherà di attrarre al lato oscuro il suo giovine padawan Daryl. E ancora più sicuro che farà a gara a chi piscia più lontano con Rick.

    E veniamo ai pezzi grossi:
    Carol, Rick e Carl. Almeno uno di loro è di troppo. Se Rick tornasse il simpatico fascista (e può tornarci se gli ammazzano Carl) che abbiamo conosciuto l’attuale Carol non avrebbe più senso nell’economia del gruppo (e allora perché riportarla indietro?) Se Rick resta la mezza sega che è ora, va rimosso. Carl, istigato da Carol (Ao, a Carle’, devi MENA’!) ne potrà ricoprire il ruolo fra un paio di stagioni, ma lo scettro ora passerebbe a Carol che ha pure le briglie di Daryl.

    Spero di non aver dimenticato nessuno.

    Ah, la lesbica. Il personaggio utile come un lecca lecca al gusto di merda. Se non è lì in rappresentanza di qualche altre lobby, è il simpatico follower che un giorno troverà la sua utilità.

    Così ho detto. Scusandomi per essermi dilungato, prego la mia divinità amica che i fatti mi sbugiardino.

    Direi squisitamente vicino alla verità… sperando di no.. magari… :)

    Rispondi

  73. in un’intervista il capitano kirk-man dice che il finale sarà così totale globale che tutti gli spetttori cercheranno di vendere l’anima al demonio pur di vedere immediatamente la quinta serie.

    Si parla di un Rick come non lo abbiamo mai visto prima.

    Quindi:

    1. Rick si scopre seguace della stella della Cazzimma di Nanto picchia tutti e si fa costruire una piramide nel centro di Terminus
    2. Rick mangia Carl. Intendo fisicamente. Al grido di Viuleeeeeeenza!!!!
    3. Rick diventa zombie pur conservando il suo ruolo all’interno della serie
    4. Rick indulge nell’autocannibalismo
    5. Rick unico sopravvissuto e la quinta serie sarà un remake di Io Sono Leggenda
    6. Arriva a Terminus il Re di Hokuto, e sono volatili per diabetici
    7. il Capitano Kirk-man ha detto panzane

    Ho come il sospetto che attorno a Terminus non ci sarà ALCUN mistero, ma una mattanza parossistica e ingiustificata e che metà degli spettatori saluterà la fine della stagione fra lazzi e bestemmie.

    Rispondi

  74. @ Rumenta:
    “Rick unico sopravvissuto e la serie sarà un remake di Io sono leggenda!”
    Sei un fott*** genio!!!

    Rispondi

  75. Rumenta ha scritto:

    in un’intervista il capitano kirk-man dice che il finale sarà così totale globale che tutti gli spetttori cercheranno di vendere l’anima al demonio pur di vedere immediatamente la quinta serie.

    Si parla di un Rick come non lo abbiamo mai visto prima.

    Quindi:

    1. Rick si scopre seguace della stella della Cazzimma di Nanto picchia tutti e si fa costruire una piramide nel centro di Terminus
    2. Rick mangia Carl. Intendo fisicamente. Al grido di Viuleeeeeeenza!!!!
    3. Rick diventa zombie pur conservando il suo ruolo all’interno della serie
    4. Rick indulge nell’autocannibalismo
    5. Rick unico sopravvissuto e la quinta serie sarà un remake di Io Sono Leggenda
    6. Arriva a Terminus il Re di Hokuto, e sono volatili per diabetici
    7. il Capitano Kirk-man ha detto panzane

    Ho come il sospetto che attorno a Terminus non ci sarà ALCUN mistero, ma una mattanza parossistica e ingiustificata e che metà degli spettatori saluterà la fine della stagione fra lazzi e bestemmie.

    Rick e Carl potrebbero mangiarsi a vicenda, così ci liberiamo in un sol colpo di un insopportabile minipistolero che già ha fatto molti danni (lo so che ha tanti difensori che ne amano una supposta crescita e marurazione) e del suo infelice padre.

    Rispondi

  76. Terminus sarà un luogo sede di una setta di fanatici terroristi religiosi alla Manson, mi sembrano un po’ tanto sciocchi i nostri piccioncini e compagni che dopo tanto vagare e tanti perigli si fanno abbindolare da una con la faccia da cannibale. Una continua “Odissea”.

    Rispondi

  77. sperare un una altra puntata decente era troppo. siamo tornati al porto sicuro del totale inutile imbarazzo, tipo che con quei 40 minuti potevamo farci le treccine afro piuttosto. ma notare come questo gruppo di mentecatti si arrabatti per conoscere nuovi ed ancora più mentecatti personaggi che poi verranno sacrificati poche puntate dopo ha una sua certa valenza catartica.
    Il personaggio del presunto scienziato nerd che poi si scoprirà probabilmente essere nerd e basta, perchè solo il roscio marine e la bona con gli hotpants possono credere che detenga la chiave per salvare il mondo, è credo il punto più basso televisivo dai tempi di Lana Lang in Smallville, per quel che mi riguarda. Come ridicole sono le dinamiche del cialtrone gruppo di rozzi cafoni, non credo di avere parole sufficientemente offensive per descrivere la trovata del “claimed”.
    Leggo che fioccano i pronostici quindi lascio qui il mio: Terminus coi suoi girasoli e la sua valle degli orti probabilmente concimata da cose poco raccomandabili diviene scenario di guerra civile tra i rozzi cafoni che la vogliono per loro stessi; tra gli inermi e pacifici abitanti che nascondono un segreto inconfessabile; e tra i nuovi arrivati che vogliono difendere la sudata oasi perchè non è che abbiano altro posto dove andare nè altre cose da fare. Sopraggiungeranno Rick e Co da una parte e Beth in auto dall’altra, la quale dopo un’ultima scena da protagonista perirà in virtù della caratterizzazione sacrificale avuta nel corso della stagione. Il che farà tracollare Daryl che ucciderà bendato e con una mano sola il gruppo di rozzi cafoni compreso la sua canuta father figure.
    Glenn e Maggie con la loro storia a distanza che ci ha sfranto i maroni come e più di quella tra Bates e Anna in Downton Abbey si sono ricongiunti giusto per concederci la scena hot di rito nel season finale, assisteremo finalmente alla morte di uno dei due? Quali significati cabalistici si celano dietro al sensatissimo atto di bruciare l’unica fotografia rimasta dell’amato bene? E come fanno i sopravvissuti della zombie apocalypse ad avere denti così curati che che possono fare da riflettori nelle notti più buie?
    Destino di morte possibile anche per altri personaggi amati tipo Sasha (?) Bob (?) Tara (?) Tyreese o Carol, i finali sono fatti per sfoltire il gruppo e il gruppo è fatto per essere sfoltito.

    Rispondi

  78. @ Rumenta:

    Altra ipotesi: arriva di nuovo uno squadrone di zombie e fa per l’ennesima volta carne di porco del terminus, tanto le porte sono aperte

    Rispondi

  79. .rIFF ha scritto:

    @ Rumenta:

    Altra ipotesi: arriva di nuovo uno squadrone di zombie e fa per l’ennesima volta carne di porco del terminus, tanto le porte sono aperte

    Mi piace. Già vedo Rick con fucile sul cofano di una corvette arruginita e coi vetri rotti a sparare a membro di segugio sulla marea montante di zombie tutta attorno. Epperò mi piace pure l’immagine di Daryl bendato, con una mano sola (e aggiungerei un’unghia incarnita) citato da Salvo Bzero

    Rispondi

  80. The Real Cajun 28 marzo 2014 at 16:52

    Comunque una delle poche cose nelle quali ho trovato un senso interessante è proprio quella della foto, non capisco come mai non sia andata giù a nessuno.
    Cioè lascia chiaramente presagire il peggio, su questo non ci piove, però non è una scelta infima secondo me…
    Non si vedevano da quando Glenn si è ammalato e Maggie è rimasta tagliata fuori dalla quarantena, si sono ritrovati ed il gesto di Maggie sta a significare che non ha più intenzione di separarsi da Glenn, costi quel che costi, e che quindi lui non avrà più bisogno di quella foto.
    Ha un forte sapore simbolico, che poi sia il preambolo alla dipartita di uno dei due è un altro discorso (idem il fatto che la coppia sia stucchevole e che abbia francamente rotto le scatole).

    Visto che si parla di previsioni secondo me l’ultima puntata vedrà lo scontro con i compari di Daryil, con il suo conseguente dilemma per il lato in cui schierarsi.
    La faccenda Terminus penso rimarrà congelata, si vedrà qualche abitante ma non si capirà molto per via dei casini derivati dallo scontro dei nuovi arrivati.
    Poi in chiusura di puntata ci sarà la rivelazione di fine season che riguarderà il lato oscuro di Terminus…e può essere una Beth incatenata e non fisicamente integra (l’opzione meno pagata dai bookmakers), uno zoo di walkers nei sotterranei del complesso, una nave aliena parcheggiata nel piazzale posteriore, o quelunque altra cosa possa essere.

    In realtà c’è un altra variabile, cioè il fatto che a Terminus finora c’è arrivato solo un gruppo…mancano Daryil e soci, il trio di Rick, e Carol/Tyreese. Quindi qualcosa prima della mega reunion potrebbe ancora succedere.

    Rispondi

  81. Rumenta ha scritto:

    cut…

    /thread

    Rispondi

  82. Ma stavo pensando… ammesso che Terminus sia un covo di cannibali, come faranno gli umani a mangiare altri umani se subito dopo averli uccisi si trasformano in zombie?
    Nemmeno il tempo di accendere il barbecue.

    Rispondi

  83. li mangiano vivi.

    Rispondi

  84. @ Salvo Bzero:
    Mio Dio!! che bruto.

    Rispondi

  85. Ric_Rohmer ha scritto:

    @ Salvo Bzero:
    Mio Dio!! che bruto.

    ma no. Come il governatore insegna basta decollarli. La testa diventa zombie (trasformandosi un simpatico trofeo interattivo da attaccare sopra il camino o da mettere in un televisore pieno d’acqua), il resto va sulla graticola per la gioia di grandi e piccini! :)

    Rispondi

  86. Che bello mamma, non hai portato a casa la solita pantegana, che si mangia oggi ?
    Piede di zombi piccino ! Guardalo come salta, mentre faccio scaldare l’acqua prendi la corda e va a farlo saltare un po’ mentre per papà c’è soufle di palle, guarda come girano da sole.

    Rispondi

  87. .rIFF ha scritto:

    Che bello mamma, non hai portato a casa la solita pantegana, che si mangia oggi ?
    Piede di zombi piccino ! Guardalo come salta, mentre faccio scaldare l’acqua prendi la corda e va a farlo saltare un po’ mentre per papà c’è soufle di palle, guarda come girano da sole.

    beth e carl sono ancora molto teneri, poco grassi, puoi sgranocchiare anche le docili cartilagini, tipo orecchie etc etc.

    Rispondi

  88. L’uomo nella decima puntata dice a Carol & Co di seguire i binari perchè c’è un posto sicuro.

    Rispondi

  89. The Real Cajun 30 marzo 2014 at 12:16

    May ha scritto:

    L’uomo nella decima puntata dice a Carol & Co di seguire i binari perchè c’è un posto sicuro.

    Vero ma è una cosa che lascia spazio a tutto.
    Potrebbe essere la verità e aprirebbe lo scenario di Terminus come oasi, oppure il personaggio in questione potrebbe essere stato un membro del gruppo di Terminus…in quel caso potrebbe aver voluto mandare un po’ di scorte alimentari ai suoi compari.

    Rispondi

  90. Big nono

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>