5x16

The Good Wife – 5×14 – A Few Words

Il pregiudizio con cui ho iniziato a seguire The Good Wife si era formato nella mia mente a causa del Network – famigliare, generalista, votato ai procedurali – che avrebbe ospitato l’ennesimo legal drama le cui premesse muovevano dall’immagine contrita di Silda Wall Spitzer di fianco al dimissionario marito. Mi aspettavo esattamente quello che in apparenza ci è stato dato in questa puntata, ovvero una successione di porte in faccia e situazioni mortificanti intervallate dai pianti di una donna che, poverina, dopo aver perso tutto a causa di un marito fedifrago accusato di corruzione deve rientrare nel “competitivo mondo del lavoro”. In “apparenza” dicevo, perché il racconto del come Alicia sia arrivata alla Stern-Lockhart&Gardner arriva dopo più di cento puntate:  il pilot ci aveva mostrato solo il perché – l’amicizia di Will Gardner – evitando da subito di cadere in ogni cliché del genere “rivalsa di una donna tradita”, puntando invece sulla crescita professionale di Alicia in un contesto in cui i casi legali sono sempre stati modi e mezzi per indagare la realtà sociale e politica come nessun altro show riesce a fare. Il contesto in cui, lanciati verso la conclusione della quinta stagione, viene presentato il come Alicia abbia trovato una porta aperta per il rientro al lavoro non fa eccezione.

L’American Bar Association sceglie Alicia per tenere il keynote speech di maggiore richiamo: il tema è quello delle cosiddette opt-out moms che cercano di tornare competitive nel mondo del lavoro a fronte di anni di assenza spesi nella cura della famiglia. Alicia, passata da ben 13 anni dell’essere mamma a tempo pieno a socio fondatore del proprio Studio, sembra incarnare la fata madrina delle opt-back. Ma non è così semplice mettere insieme un discorso che deve servire a molti padroni: tenere desto l’interesse del pubblico, essere presentato in chiave femminista per conquistare una nuova potenziale cliente alla ricerca di una firm con rilevante presenza femminile, risultare personale e, per Alicia, proiettare un’idea di sé che sia vincente ma non falsa. La First Lady dell’Illinois ha conquistato sul campo realizzazione ed emancipazione professionale ma l’accesso al campo di battaglia è stato possibile unicamente grazie a Will Gardner la cui – corretta – valutazione delle potenzialità professionali di Alicia è impossibile da scindere sia dalla parzialità per lei, sia dalla sua attitudine allo scommettere e rilanciare quando contrastato considerato che perfino la progressista Diane non avrebbe voluto dare alcuna chance ad Alicia. Alicia stessa non darebbe una chance a una versione di sé se questa bussasse alla porta del suo Studio.

Il termine opt-out, associato a una presunta generazione di donne che hanno scelto la cura dei figli rinunciando a una già ben avviata carriera, fa la sua comparsa nella cover story del New York Times il 26 ottobre del 2003 quando Lisa Belkin scrive un articolo per esplorare il fenomeno rappresentato da donne bianche, altamente istruite (tutte provenienti dall’Ivy League), sposate a uomini professionalmente affermati, che una volta arrivate a occupare posizioni di prestigio hanno deciso di essere mamme a tempo pieno ridefinendo la loro idea dell’aver successo nella vita. L’articolo cerca in qualche modo di far passare questa decisione come una scelta operata con un notevole grado di consapevolezza e libertà, prestando così il fianco a critiche che hanno evidenziato come l'”opt-out” sia in realtà indotto da condizioni di lavoro ostili e incompatibili con la maternità, e come in assenza di flessibilità, childcare, possibilità del part-time, le donne siano spinte a interiorizzare decisioni, più che scelte, in realtà indotte da un sistema che non lascia davvero molto margine di manovra come confermano, per esempio, gli studi riportati da Pamela Stone in una ideale risposta alla Belkin. La stessa autrice dell’articolo a distanza di dieci anni scrive sull’Huffington Post: “Looking back over 10 years and a lot of reporting, I have come to see my mistake when writing “The Opt-Out Revolution”. I confused being pulled toward home with being pushed away from work.” Tutto questo oltre il dato più evidente: anche a voler parlare di scelta obbligata stiamo comunque prendendo in esame i percorsi di donne privilegiate il cui tenore di vita non avrebbe risentito negativamente dei futuri mancati guadagni.

Esattamente il ritratto di Alicia: bianca, istruita, professionalmente competente, con un marito lanciato nella carriera politica perfettamente in grado di garantire agio materiale alla propria famiglia. Perfino il fatto che abbia due figli, considerato quello che scopre Kalinda – Alicia stava per essere licenziata dalla sua prima firm perché brava ma poco aggressiva – può essere letto alla luce dello studio dell’economista Sylvia Hewlett citato nel secondo articolo della Belkin: “If […] you have a real prospect of getting promoted, you feel… the respect of your colleagues and control over your work, then you are much more likely to not be tempted to take time off with that second child. If […] it’s made clear to you that you are marginalized, or you are working all the time for no appreciation, then your 2-year-old looks a lot more appealing.”

Con queste premesse diventa difficile spiegare come si è tornati al successo professionale quando altre donne altrettanto competenti non sono riuscite a farlo o hanno dovuto accontentarsi di rientrare dalla porta di servizio, ma Alicia trova le parole giuste: “Use everything you have to get the job” e nel suo caso l'”everything” include anche lo sfruttare la ben disposizione di Will nei suoi confronti, anche se la Alicia del ricordo sembra un po’ troppo disinvolta e prodiga di sorrisi nonostante – passatemi il bizantinismo – l’essere alla canna del gas può far nascere l’audacia che non si avrebbe in situazioni meno disperate. Dopotutto Alicia, seppur punta nel vivo dai sensi di colpa che assumono le fattezze di Jackie, non fa altro che mettere in pratica ciò che viene consigliato anche per la ricerca del primo lavoro, di un qualsiasi lavoro: sfruttare, creare, ampliare, la propria rete di conoscenze.

Naturalmente c’è dell’altro. Prosegue la vicenda dei voti truccati che di nuovo finisce per coinvolgere Will salvato una prima volta da Elsbeth – letale anche fuori dalla legislazione vigente nell’Illinois –  ma messo di nuovo nell’angolo da Nelson Dubeck (Eric Bogodosian). Ma quale che siano le storyline toccate da questa stagione, quale che siano gli elementi presi in considerazione – regia, recitazione, costumi – puntata dopo puntata, la valutazione è sempre la stessa

Fuck YeahNote

  • La serie è stata rinnovata per una sesta stagione: mi piace pensare all’esistenza di una lobby degli ascensori che fa pressione sui vertici CBS.
  • QUI i King parlano della serie e del loro matrimonio.
  • Il neo sindaco di New York, Bill de Blasio, appare interpretando se stesso nello spot promozionale alla sua città. A quanto pare sua moglie è una grande fan dello show. Jill Hennessy è Rayna Hecht.
  • Jackie appare di soppiatto alle spalle di Alicia come nella migliore tradizione del patto con il Diavolo “Alicia, you can always live with me“.
  • L’orso razzista e Jackie sarebbero grandi amici.
  • Mi aspetto che da un momento all’altro Alicia inizi a utilizzare i bicchieri da acqua per bere vino.
  • Working mothers are 79 percent less likely to be hired, half as likely to be promoted, and are offered an average of $11,000 less”.

Note “Will Gardner”

  • Le battute migliori sono di Will. Dopo aver formulato con il tono giusto l’unico commento non offensivo o involontariamente imbarazzante per Alicia è anche l’unico che molto opportunamente nota che l’attenzione dei media non dovrebbe essere puntata su di lei visto che “She wasn’t the one who slept with the hookers”.
  • “I’m an impressive person”. Yes, you are.
  • Will, dopo aver spinto per l’assunzione di Kalinda, poi per Alicia, dopo aver scelto Diane piuttosto che Bond, dopo essersi di nuovo affidato alle cure legali di Elsbeth, dovrebbe essere eletto selezionatore ufficiale di donne per incarichi importanti.
  • L’assunzione di Alicia è stata possibile grazie a David Lee che durante la terza stagione ha riscosso il favore da Will facendo assumere sua nipote Caitlin che in seguito decide di rinunciare alla carriera proprio per essere una stay-at-home-mom.
  • Io voglio davvero parlare di politica, attualità, new economy quando si tratta di The Good Wife ma non ho colpa se i King non fanno altro che ributtare Will e Alicia dentro l’ascensore con un 50% di puppy-eyes-Will e smiling-at-Will-Alicia più di quanto sarebbe regolamentare.

Mara R.

Whedonverse.

24 Comments

  1. La Tascioni !!! Quanto mi era mancata !!!! :)))
    La battuta che mi è piaciuta di più in assoluto : quella tra Diane e Will , quando compare la Tascioni e Will decide di affidarsi a lei per la questioni dei voti truccati.
    Per quanto riguarda l’episodio, che dire : fantastico !
    Un’altra volta , come dice Mara nella recensione, i King hanno trovato un modo non banale e intrigante di farci conoscere come Alicia è stata assunta da Will .
    Io , sinceramente, non me l’aspettavo neppure più di conoscere come Alicia fosse arrivata alla LG. ( pensavo avesse contattato direttamente Will )
    Bellissimo il dialogo tra Will ( che mente spudoratamente ) e Alicia al bar !
    E infine, sono contenta che tra i 2 contendenti ( LG e FA) abbia vinto la mitica Tascioni !
    Credo che rivedrò l’episodio molte volte ! :)
    Buona Domenica!

    P.S La battuta della ” lobby degli ascensori” è fantastica ! brava Mara :)

    Rispondi

  2. Questa serie stupisce davvero sempre, e stupisce davvero sempre in positivo!
    Sinceramente, chi se lo sarebbe mai aspettato che durante il discorso tanto sofferto da Alicia il 90% di quelli in platea si sarebbe alzato e dileguato per seguire un’importante acquisizione (non ricordo bene)? Una serie meno straordinaria di questa avrebbe fatto fare ad Alicia il best discorso ever e l’avrebbe fatta applaudire e poi scegliere dalla TipaDa60MilioniDiDollariMAODIOSA. Invece no, l’inizio del discorso manco lo sentiamo (perchè si sente in lontananza da dietro la porta, mentre Will parla con Tascioni), e poi naufraga tristemente verso la fine, quando pure l’organizzatore stesso SE NE VA. Tutto geniale.
    Il resto tutto bello come sempre, come sempre, COME SEMPRE! Bellissima la Jackie Diavolessa che incarna i sensi di colpa di Alicia! Quando Alicia e Will si incontrano in quella paninoteca di fronte all’hotel è stato molto bello, anche se mi aspettavo, a quel punto, che Alicia spendesse una parola per ringraziare (?) Will, che comunque l’ha veramente salvata dal suo piccolo inferno di tot anni prima. Invece niente, il muro di ostilità di Will è impenetrabile (Quando dice “Io non ti è odio, è che non mi piaci” … sale sulle ferite!).
    Posso dire che Will è stato un po’ ingenuo con Moody? Non avrebbe dovuto proprio rispondergli, e in ogni caso non avrebbe dovuto “imboscarsi” con lui! Secondo voi perchè Will, fino ad ora, non ha venduto Peter? Stento a credere che sia solo per la tutela del rapporto confidenziale Avvocato-Cliente…
    Ah, a proposito, interessante recensione, anche se la definirei più un approfondimento :-)

    P.S. EVVIVA SESTA STAGIONE \o/

    Rispondi

  3. @Tartaruga:
    Io, invece, credo proprio che Will non parli per non infrangere il segreto professionale,..sai che emorragia di clienti avrebbe la L&G se si sapesse che il socio intestatario va a dire in giro i segreti degli assistiti?
    Per il resto, un altro ottimo episodio, in questa 5 stagione non ne hanno sbagliata una!

    Rispondi

  4. L’unico problema di questa quinta stagione è la programmazione suicida della CBS che si dimentica della serie per un tempo necessario a farla dimenticare anche al suo pubblico. E’ l’unica serie che hanno capace di portare lustro all’emittente dal punto di vista critico e la trattano così. TGW meriterebbe ben altro.

    Rispondi

  5. @ klatu:
    Questa volta non possiamo imputare nulla alla CBS. La programmazione settimanale è saltata a causa del SuperBowl, delle Olimpiadi Invernali, degli Oscar… http://it.eonline.com/news/498691/the-good-wife-s-winter-hibernation-explained-why-there-s-no-new-episode-until-march

    Rispondi

  6. NON MI PREOCCUPEREI DI UN ECCESSO DI SGUARDI LANGUIDI TRA I DUE MARA, CHE TI RIVELI COME AL SOLITO INTELLIGENTE E PUNTUALE, MA CON QUEL TANTO DI FREDDEZZA CHE CARATTERIZZA I MIGLIORI COMMENTATORI DI SERIALMENTE. IO SONO UNA PERSONA CHE SI OCCUPA ATTIVAMENTE DI POLITICA, MA NON HO MAI DISDEGNATO LE IMPLICAZIONI AFETTIVE E SENTIMENTALI DEGLI INCONTRI, COMPRESI QUELLI FATTI IN AMBITI SUPER SERI E SUPER IMPEGNATI. ANZI, DIVENTANO IL SALE ID TUTTO E RENDONO MOLTO MENO COMPLICATO IL DISPIEGAMENTO DEI PROPRI INGRATI COMPITI.
    E QINDI GRAZIE DELL’ANALISI SOCIOLOGICA, MA IN QUESTA PUNTATA IO ELEGGO DEFINITIVAMENTE JOSH MARGULIS, ICONE ASSOLUTE DI CARISMA. WILL SEI GRANDIOSO NELLA TUA GENEROSITà E AMMICCAMENTO, JULIANNE IO NON SO PIù COME DESCRIVERE LA TUA VERSATILITà. SE JOSH NON RINNOVA LA SUA PARTECIPAZIONE IO SMETTO DI DISTURBARVI, VI AVVISO GIà DA ORA. PER ME è INSOSTITUIBILE.
    LUI NON TESTIMONIA PER PROFESSIONALITà E COME SPERO DIMOSTRERà TASCIONI NON C’è ALCUN SONORO LEGATO AL VIDEO. LA VICENDA DELLE DONNE IN CARRIERA è LA COSA PIù RISAPUTA MA DIREI SEMPRE PUNTUALE A RIPROPORSI IN UN PAESE COME IL NOSTRO DOVE GLI UOMINI OCCUPANO PRATICAMENTE TUTTO.
    TASCIONI DIVERTENTISSIMA COME AL SOLITO E ANCHE QUI NON MANCA IL POLITICALLY CORRETNESS LEGATO ALL’ANTISEMITISMO, ANCHE PERCHè QUESTA è UNA SERIE WASP FINO A UN CERTO PUNTO. IN REALTà DEMOCRATICO-JEWISH ( SONO EBREI QUASI TUTTI GLI ATTORI) -LIBERAL, E IL FATTO CHE LA MOGLIE, AFROAMERICANA, DEL NUOVO SINDACO LA APPREZZI NE è ULTERIORE CONFERMA. PIù POLITICA DI COSì! NON OCCORRONO SERMONI QUINDI E UNO SGUARDO TRA WILL E ALICIA VALE PIù DI DIECI KINOS ( SI SCRIVE COSì?)

    Rispondi

  7. Ah, giusto Mara, he is an impressive person. Definitevely. E da quando guardo tgw trovo gli ascensori sexy, e cosa non è il sorriso di Alicia a fine puntata? ( Margulies, da che dentista vai? Upper class Manhattan, of course)

    Rispondi

  8. unico appunto: è la 5×14, non 5×16.

    Per il resto, bella recensione, evviva TGW!

    Rispondi

  9. @ tgwaddicted:
    Corretto, grazie!

    Rispondi

  10. Jess ha scritto:

    @Tartaruga:
    Io, invece, credo proprio che Will non parli per non infrangere il segreto professionale,..sai che emorragia di clienti avrebbe la L&G se si sapesse che il socio intestatario va a dire in giro i segreti degli assistiti?

    Concordo. Cioè, se non ci fosse il problema, credo non parlerebbe ugualmente, ma troppo si cerca di far vedere Will come i knight in a shining armour dimenticando che ha delle questioni professionali a cui sta pensando.

    Rispondi

  11. ma che scoperta che Will sta anche pensando alle questioni professionali, e ci mancherebbe altro così fan tutti comunque alicia compresa. ma gli interessi dei due tornano ad avvicinarsi a questo punto a reintreccciarsi con la delusione di alicia verso peter. Quindi, prevedo sviluppi interessanti.

    Rispondi

  12. quoto tutto. amo questa serie, mi riempie di gioia guardarla. il lunedì è il mio giorno preferito solo perchè la sera dopo l’università torno a casa, mi apro una bottiglia di vino e mi guardo il mio bell’episodio nuovo in santa pace. è perfetto. e quoto tutto anche sui personaggi. ci sarebbe da scrivere pagine e pagine su tutti loro, ma oggi vorrei soffermarmi su uno che in questi ultimi episodi non è sempre centrale, ma che piano piano è riuscito a diventare il mio preferito: Cary è fantastico, ragazzi! e lui ed Alicia insieme sono la cosa più bella EVAH. non saranno Will e Diane (anche se a volte i paragoni ci sono), ma sono perfetti così come sono. Mi piace come gli autori hanno costruito le loro dinamiche e mi piace sopratutto come nel corso del tempo loro due siano sempre più complementari ed uniti. E soprattutto adoro come loro due siano sempre pronti ad aiutarsi e migliorarsi.
    Cary, non cambiare mai!

    Rispondi

  13. Bellissimo episodio in questa quinta serie non hanno sbagliato un colpo, meravigliosa.
    Pensare che non ci doveva neanche essere…….
    Quoto anch’io tutto, ho solo una domanda: cosa intendi Paola quando dice che Josh potrebbe non essere presente nella sesta serie?
    Davvero? credo che sarebbe u gran danno, mi date qualche informazione in più?
    Grazie e buona domenica

    Rispondi

  14. Da quel che ho letto Raffaella, e che avete forse scritto anche voi, Josh non ha ancora firmato il contratto per una possibile nuova serie. ma dove vuoi andare Josh, senza margulies? Se non hai una proposta stra attraente, e remunerativa, ti conviene solo restare qui..ma sapete che sulla rai pare l’abbiano sospesa perchè ha troppo pochi ascolti? Come la maggior parte delle fiction che noi amiamo..guardano solo csi ncis e via dicendo. Ma come è possibile? Comunque beata te che dopo l’univesità ti stappi il vino..beata per l’età ovviamente. Io la vedo in studio tra un paziente e l’altro, e anche ora sto scrivendo qui, leggendo una relazione suonando la chitarra, ed esercitandomi in inglese ( con House of cards, difficilissimo da comprendere senza sottotitoli). Cary è diventato simpatico, è vero, e in questo caso è stato di grande aiuto ad Alicia. Credo che adesso la difenderà da possibili eventuali accuse di complicità fraudolente con Peter

    Rispondi

  15. @ Paola:
    Io ho saputo della possibilità che Charles non rinnovi, leggendolo qui su Serialmente.
    Non ho trovato rumors da altre parti.
    Ho letto però , che vorrebbe un futuro al cinema come regista… a meno che non abbia qualche progetto ?!
    Certo che senza di Lui… mi sentirei come quando in HOUSE m.d. Lisa Edelstein non ha rinnovato per l’ultima stagione, ma in quel caso c’era Hugh…
    Ora non so come mi comporterei, se continuerei a vedere le “avventure” della GW.
    Se lui non rinnova, i King devono concludere la Willicia story nella prossima metà stagione.
    La battuta di Will : ” non ti odio , ma non mi piaci ” sarà per caso l’inizio della fine ???
    Secondo me, a Will ora come ora Alicia ” non piace” .
    Ai suoi occhi Lei “ha perso l’innocenza” non è più la ragazza di cui si è innamorato.
    Ma non credo che abbia smesso di amarla.
    Come tutti sappiamo: il cuore ha ragioni che la ragione non conosce !
    Stasera mi riguardo episodio ! :)
    Buona serata a tutti.

    Rispondi

  16. No io l’ho letto non so più dove Eleonora. E anch se vuol fare il regista, cosa gli impedisce di fare l’attore? Ma che inizio della fine, direi che ancora una volta in questa puntata i due dimostrano di essere legati da legame profondo. Dicono molte cose per ferirsi, ma io credo che qualche evoluzione ci sarà nei prossimi episodi. Dovrà pur Alicia avere a che fare con lui se devono comparire davanti al gran giuri..e dai promo sembra così. Inoltre qui Will dice “io non ho mai mischiato le due cose..”. Falso. Non so, potrebbero farlo andare altrove o reimpostare tutto, ma non c voglio neanche pensare..mi basta che questa splendida quinta serie finisca col botto..

    Rispondi

  17. sesta stagione!!! §*o*§

    Bellissima puntata, mi piacciono sempre quelle con i flashback…

    Grazie Mara per i riferimenti sul retroscena del tema delle donne allontanate dal mondo del lavoro, è un argomento che varrebbe la pena di approfondire più di frequente, ma di certo non è facile farlo con la classe e l’onestà di una serie come questa…

    Rispondi

  18. Will nn dice la verità su quello ke prova ancora x Alicia. Sia come sia, visto l’alto livello della serie, nn mi aspetto un banale happy end.

    Rispondi

  19. Io mi aspetto infatti un non banale end. ma non è detto che bisogna che finisca male per forza, no? O consideriamo la felicità una cosa proprio da evitare?

    Rispondi

  20. Le recensioni di Mara di TGW sono belle come gli episodi.
    Alicia e Will sono “la coppia”. E mi piacerebbe che i King avessero il coraggio di farli uscire dagli ascensori, dalla passione fine a se stessa, dai tentativi, che ci dimostrassero che sì, si può fare, si può mantenere alto l’interesse, si possono evitare i cliché, si può uscire dal “lo vedono anche le seggiole che quei due si amano”, ma non possono stare insieme. Perché ?

    Rispondi

  21. @ Paola:
    No, assolutamente !
    La felicità , per essere tale non deve essere banale. Lo so bene , che ne ho perso un pezzo da poco.
    Intendevo che potrebbe essere un finale aperto , per quanto riguarda la storia tra Will e Alicia.

    Rispondi

  22. Consiglio a tutti voi di guardare la 5×15 in tempo zero. Rischio spoiler a livelli interstellari.

    Rispondi

  23. *Lo spazio commenti resterà chiuso fino alla pubblicazione del prossimo recap per evitare ogni genere di spoiler*

    Edit: riaperto lo spazio commenti ma ricordo: niente spoiler sulla puntata successiva.

    Rispondi

  24. […] non a Diane con l’ambizione di una carriera da Giudice, non ad Alicia che è di fatto una opt-back mom. La scomparsa di Will è dunque professionalmente e strategicamente la perdita per la LG sia del […]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>