whattowatch

Avete passato un buon Natale? Vi state godendo come si deve le feste? State approfittando di questi pochi giorni di (relativa) libertà televisiva per uscire, fare cose, vedere gente? Bravi, bravi. Continuate a farlo finché potete, ma con la consapevolezza che, una volta passato il capodanno e rimesso a posto la tombola nel ripostiglio saremo tutti sommersi da una gragnuola devastante di robe da vedere, confusi e disorientati da un calendario televisivo improvvisamente pieno zeppo di proposte. E non parlo soltanto di tutte le serie che ripartono dopo la pausa invernale o dei ritorni eccellenti, anche se la stagione del riscatto di Community la stiamo aspettando tutti e le date dei ritorni di House of Cards e The Americans le abbiam già cerchiate in rosso sul calendario da tempo. Io mi riferisco anche alle serie nuove che arriveranno nelle prossime settimane, alcune già adocchiate mesi fa durante gli upfronts (solito promemoria obbligatorio sull’esistenza dei nostri upfrontalmente, che son qui nel caso vi venga voglia di rileggerli), altre entrate nella nostra orbita soltanto da poco tempo, ma capaci di stimolare ugualmente la nostra curiosità. Quella che segue è una non troppo breve lista di tutte quelle che hanno già più o meno una data certa di partenza, più una manciata di altre serie in fondo che andranno (quasi) sicuramente in onda nel 2014.

Intelligence (CBS, 7 gennaio)
Intelligence
Ovvero, “cosa avrebbe potuto essere Chuck se fosse andato in onda sulla CBS, si fosse preso molto più sul serio e avesse avuto un figone della madonna al posto del nerd imbranato”. Il deus ex machina stavolta è un microchip impiantato nel cervello, il figone della madonna in questione è Josh Holloway e il team di supporto è composto da gente come Marg Helgenberger, abituata a snocciolare complesse descrizioni cazzabubbolose come se fosse acqua fresca. Vale la pena dargli un’occhiata, fosse anche soltano per saperne qualcosa in più quando diventerà la serie preferita dei vostri genitori dopo le repliche di Criminal Minds sul due.
(trailer)

The Spoils of Babylon (IFC, 9 gennaio)
The Spoils of Babylon
E’ la miniserie-evento che sta per arrivare su IFC, canale che con questo tipo di opere a metà tra il vanity project e la genialata visionaria ha ormai una certa esperienza (per ulteriori informazioni in merito, vedere alla voce “Bullet in the face”), anche se non saprei dirvi di cosa parla neanche se mi pagassero. So dirvi che il cast è una meravigliosa sfilza di nomi a cui vogliamo un gran bene e altri a cui vogliamo bene in maniera ironica (Will Ferrell, Kristen Wiig, Jessica Alba, Tim Robbins, Tobey Maguire, Haley Joel Osment, Val Kilmer), che la press release parla in maniera vaga di “una saga tumultuosa di amori proibiti, tradimenti, corruzioni e sangue” e che il trailer l’ho già visto tre volte e non c’ho capito niente, ma è già capolavoro.
(trailer)

Helix (Syfy, 10 gennaio)
Helix
Dopo Battlestar Galactica, Ronald D. Moore ha deciso di mettere da parte i cylon per concentrarsi su un altro tipo di alieni, stavolta letali virus ibernati da centinaia di anni nei ghiacciai del circolo polare artico. La trama di Helix è un po’ quella di quel vecchio episodio di X-Files (che a sua volta era un po’ quella di The Thing) coi virus sottocutanei, e anche lì c’era un team di scienziati che conduceva ricerche sul virus in una base polare isolata dal mondo, ma stavolta il virus sembra essere soltanto la punta dell’iceberg (see what I did there?).
(teaser) (trailer)

True Detective (HBO, 12 gennaio)
True Detective
Su questi lidi noi lo si aspetta già da anni ormai, ed è con tutta probabilità la novità più succulenta del catalogo invernale HBO – e non solo. Tanti gli elementi che contribuiscono al sovraccarico delle nostre ghiandole salivari: un’indagine lunga diciassette anni, un serial killer apparentemente imprendibile, gli accenti e i paesaggi del profondo sud della Louisiana, McConaughey e Harrelson che fanno i detective compagnoni, e un trailer di quelli che fa salire la scimmia.
(trailer)

Bitten (Syfy/Space Channel, 13 gennaio)
Bitten
Werewolves are the new black. Adattata da una serie di romanzi young adult (“Women of the Otherworld” di Kelley Armstrong), Bitten narra le vicende di Elena, unico lupo mannaro donna sulla faccia della terra, che per allontanarsi dal pericoloso stile di vita del branco (e dall’uomo che l’ha trasformata) lascia il piccolo borgo di periferia in cui ha vissuto tutta la vita per trasferirsi a Toronto e cercare di vivere come una persona normale.
(trailer)

Chozen (FX, 13 gennaio)
Chozen
Fresco di uno stint in prigione che gli ha cambiato il modo di vedere la vita, un aspirante rapper bianco e omosessuale cerca di sfondare nel mondo della musica a modo suo, rifiutando di aderire a quegli stereotipi misogini e machisti spesso associati al genere. Prima che diciate “eh ma che palle, io ormai sono un bambino grande e i cartoni non mi piacciono più”, sappiate che dietro la serie c’è un tandem composto dai creatori di Archer (che si son portati dietro lo stesso stile di animazione della serie di Adam Reed) e quelli di Eastbound & Down. Scusate se è poco.
(trailer)

Looking (HBO, 19 gennaio)
Looking
L’amore gay in quel di San Francisco. Un po’ ovunque si tende ad accostarlo già a nomi come Girls o Sex and The City, con tutti i pro e i contro che paragoni del genere possono suscitare, ma quella intravista nel trailer dà l’impressione di una serie (a cura di, tra gli altri, Andrew Haigh e David Marshall Grant) con una forte identità propria, che allontana il timore di trovarsi davanti ad un semplice “Girls visto dal lato del pene”.
(trailer)

Klondike (Discovery Channel, 20 gennaio)
Klondike
A furia di sentirsi chiamare Re del Nord, Richard Madden ha iniziato a crederci davvero e se n’è andato nello Yukon in cerca di miglior fortuna, che ormai in quel di Westeros gli unici metalli che prendeva erano quelli poveri. Nel petto. Tornando seri, si tratta della prima miniserie originale di Discovery Channel, ambientata nel remoto Klondike verso la fine del 1800, in piena corsa all’oro. Nessun cameo di Zio Paperone è stato ancora annunciato, anche se nel cast – oltre al già menzionato Madden – spicca la presenza di gente come Tim Roth e Abbie Cornish.
(trailer)

Broad City (Comedy Central, 22 gennaio)
Broad City
Se c’è una cosa su di voi che abbiamo imparato in cinque edizioni dei Serialemmys è che siete davvero in tanti a non apprezzare molto le comedy, e che l’83% delle persone che stanno leggendo saranno già passate al paragrafo sotto non appena hanno letto “comedy”. Ma per quelli di voi che sono rimasti e hanno voglia di dare una possibilità a qualcuno, perché non darla al duo comico composto da Ilana Glazer e Abbi Jacobson, fresche fresche di debutto in tv con Broad City dopo aver spopolato su internet con l’omonima web series? Tra i fan delle due è presente gente illustre come Louis CK e Amy Poehler (che tra l’altro produce la serie), e non vorreste mica insinuare che Amy Poehler e Louis CK non capiscono un cazzo di comicità? La serie parte il 22 gennaio, ma sul sito di Comedy Central è già possibile vedere il primo episodio.
(trailer)

Black Sails (Starz, 25 gennaio)
Black Sails
Ambientata un ventennio prima degli eventi narrati in “L’isola del Tesoro” di Robert Louis Stevenson e incentrata sul carismatico Capitano Flint, il pirata più cazzuto dei sette mari, quello che gli uomini temono e le donne… pure, perché è davvero cazzuto. Produce Michael Bay, ma il pilot l’ha girato Neil Marshall, e come capita spesso alle produzioni Starz (vedere alle voci “Boss” e “Magic City”), Black Sails è già stato rinnovato per una seconda stagione da dieci episodi nonostante non sia ancora andato in onda neanche un episodio della prima (che invece sarà composta da otto episodi).
(trailer)

Crisis (NBC, 3 febbraio)
Crisis
Un gruppo di terroristi prende in ostaggio gli studenti di una scuola privata che ospita la prole dell’elite di Washington, tra cui la figlia del presidente degli Stati Uniti. A rispondere alla domanda “cosa saresti disposto a fare pur di salvare tuo figlio?” saranno costretti i genitori, persone potenti che potrebbero mettere a repentaglio l’intera nazione. L’impressione è di trovarsi di fronte ad un Hostages su larga scala, e non è una bella impressione se si considera quanto facesse cagare Hostages, ma una possibilità in fondo non la si nega a nessuno. Curioso però notare come Dylan McDermott e Dermot Mulroney siano finiti in due serie con premesse così simili proprio nell’anno in cui è andato in onda questo sketch del Saturday Night Live. Derbel McDillet è vivo e lotta con noi.
(trailer)

The Red Road (Sundance Channel, febbraio)
The Red Road
Ne avevamo già parlato qualche mese fa quando ancora si chiamava “The Descendants”, ed è la storia del poliziotto di una piccola cittadina che, in seguito ad uno scandalo che coinvolge anche la moglie, instaura una pericolosa alleanza con un membro di una tribù di nativi americani che vive sulle montagne vicine. E’ la seconda serie originale di Sundance Channel (la terza se si considera anche Top of the Lake, che però era coprodotto con la BBC) dopo Rectify, motivo per il quale noi qui ci aspettiamo grandissime cose.
(trailer)

Resurrection (ABC, 9 marzo)
Resurrection
Cosa fareste se un bel giorno, aprendo la porta, davanti a voi trovaste proprio quella persona cara deceduta da anni? E se la persona in questione non fosse invecchiata di un giorno, e non avesse alcun ricordo della sua morte? Abbastanza a sorpresa, viste le premesse, Resurrection NON è un remake/ripoff di Les Revenants (anche se quello è già in lavorazione altrove), ma una serie originale basata sul romanzo di debutto di Jason Mott, in cui un bambino torna in vita a più di trent’anni dalla data del suo decesso.
(trailer)

Those Who Kill (A&E, marzo)
Those Who Kill
Un po’ X-Files, un po’ Hannibal, Those Who Kill è l’adattamento americano di una serie danese (che a sua volta adattava per la tv una serie di romanzi di Elsebeth Egholm) che ha come protagonista una detective (Chloe Sevigny) specializzata nella cattura di serial killer e tormentata da un passato in cui si nascondono un fratello scomparso nel nulla e un padrigno orribile, che lei sospetta essere un assassino.
(trailer)

Penny Dreadful (Showtime, primavera)
Penny Dreadful
Thriller psicologico ambientato nella Londra vittoriana, che mescola in un grosso calderone figure iconiche dell’horror classico come Frankenstein, Dorian Grey, e un paio di personaggi secondari di Dracula buttati lì giusto per far numero. A me piace immaginare che un bel giorno un dirigente di Showtime si sia accorto dell’esistenza di American Horror Story e abbia pensato “ecco cosa ci manca, una bella serie horror. Facciamola anche noi, ma con più tette”.
(teaser)

Salem (WGN America, primavera)
Salem
Prima serie originale anche per il semisconosciuto canale WGN, ambientata nel diciassettesimo secolo in piena febbre da caccia alle streghe. Non l’argomento più originale del mondo, forse, ma è sempre interessante vedere cosa ne viene fuori quando a buttarsi nel campo delle serie originali sono canali che non hanno niente da perdere e tutto da guadagnare (penso a Vikings di History Channel l’anno scorso, su cui nessuno avrebbe scommesso un centesimo).
(teaser)

Believe (NBC, primavera)
Believe
Bo è una ragazzina di dieci anni che sin dai primissimi anni della sua vita ha scoperto di avere poteri straordinari (levitazione, telecinesi, preveggenza, e chi più ne ha più ne metta), e questa cosa la rende appetibile a persone con cattive intenzioni. Per proteggerla, il piccolo gruppo che l’ha accudita in questi anni si rivolge all’unica persona apparentemente in grado di farlo, un uomo detenuto nel braccio della morte. A me puzza di nuovo Touch, se devo essere onesto, anche se i nomi coinvolti (l’ormai onnipresente JJ Abrams ci mette i soldi, ma la proprietà intellettuale della serie è tutta di Alfonso Cuaron, che oltre a scriverla ne dirigerà anche il pilot) mi danno più fiducia.
(trailer)

The Last Ship (TNT, estate)
The Last Ship
Per un colpo incredibile di fortuna (o forse no?), una nave della marina militare si trova al sicuro in un angolo remoto del globo mentre una catastrofe globale spazza via una grossissima fetta della popolazione mondiale, e adesso sta al Capitano della nave e al resto del suo equipaggio affrontare la nuova realtà. Tratta da un famoso racconto di William Brinkley e potrebbe essere un grosso giocattolone se non si prendesse troppo sul serio, anche se il trailer non sembra puntare in quella direzione.
(trailer)

The Strain (FX, estate)
The Strain
Adattamento dell’omonima trilogia di libri scritti in tandem da Chuck Hogan e Guillermo Del Toro (che ne dirigerà anche il pilot), ambientati in un mondo dove il vampirismo non è causato da altri vampiri, ma da un virus. A fare le veci di showrunner è stato scelto Carlton Cuse, che si è buttato a pesce sul progetto non appena ha sentito che la serie inizia con un aereo pieno di passeggeri morti in circostanze misteriose.
(teaser)

Legends (TNT, estate)
Legends
Martin Odum è un agente dell’FBI con la straordinaria capacità di trasformarsi in persone diverse a seconda della copertura richiesta, che però inizia a dubitare della sua stessa identità quando un misterioso sconosciuto gli suggerisce che forse non è l’uomo che crede di essere. Non che ci siano davvero dubbi in proposito, ma se Sean Bean dimostra di saper gestire tutte queste trasformazioni anche soltanto la metà di come riesce a gestire le sue morti su schermo, allora siamo a cavallo.
(trailer)

Altre serie previste per il 2014: Turn (Amc, tbd), incentrata sulle prime vere spie americane; Fleming: The Man Who Would Be Bond (BBC America, 29 gennaio), miniserie in quattro puntate basata sulla vita di Ian Fleming; Tyrant (Fx, tbd), la storia di una famiglia americana che si trova intrappolata in un turbulento paese mediorentale; Wayward Pines (Fox, aprile), progetto televisivo di M. Night Shyamalan a metà tra Twin Peaks e Silent Hill; Jonathan Strange and Mr. Norrell (BBC America, tbd), miniserie a metà tra il fantastico e il soprannaturale; Extant (CBS, tbd), dove Halle Berry interpreterà un’astronauta tornata sulla terra dopo un anno di missione in solitaria nello spazio; The Knick (Cinemax, da definire), progetto televisivo di Steven Soderbergh ambientato in un ospedale newyorkese agli inizi del 1900; The Divide (WE Tv, tbd), incentrato su una giovane avvocatessa che cerca di scagionare un uomo di colore detenuto da undici anni nel braccio della morte; Fargo (Fx, primavera), adattamento/remake dell’omonimo film dei fratelli Coen; Garfunkel & Oates (IFC, tbd), commedia musicale incentrata sull’omonimo duo comico composto da Riki Lindhome e Kate Micucci; Gracepoint (Fox, tbd), remake americano dell’ottimo Broadchurch con David Tennant nello stesso ruolo dell’originale; Halt & Catch Fire (AMC, tbd), period drama incentrato sulle vite di tre giovani visionari nel campo della tecnologia; Murder in the First (TNT, tbd), nuova serie di una leggenda come Steven Bochco incentrata su un caso che durerà l’intera stagione; Outlander (Starz, tbd), incentrata su una giovane infermiera di guerra che finisce indietro nel tempo ed è costretta a sposare un guerriero scozzese nel 1743.

Giuseppe V.

just a humble motherfucker.

More Posts - Website - Twitter

Commenti
38 commenti a “Venti nuove serie da tenere d’occhio nel 2014 (più un pugno di altri titoli)”
  1. Caygri scrive:

    Aspetto con ansia intelligence solo x josh holloway ahaha

  2. And scrive:

    Già carico per Sherlock, COMMUNITY e Banshee (e dal trailer di quest’ultimo pare che entri in scena anche quella che sembra la mafia cinese. Giusto per non farsi mancare proprio nulla).

    Tra questi darò un’occhiata a Black Sails (esplosioni, pirati eccetera eccetera, se poi si rivelerà una vaccata pazienza), sicuramente Legends, probabilmente The Last Ship (ma da qui all’estate la strada è lunga).

    “A furia di sentirsi chiamare Re del Nord, Richard Madden ha iniziato a crederci davvero”
    Siete dei geni. Davvero.

  3. Bonny1994 scrive:

    E’ possibile cambiare la frase “incriminatoria” nella descrizione di “Klondike”? Io ho già visto la serie di Game of Thrones, e immagino anche tu, ma non è bello scrivere “muore tizio, muore caio” in posti dove uno non si aspetta uno spoiler. E’ così che i cari lettori delle “Cronache del ghiaccio e del fuoco” mi stanno rovinando la quarta stagione, mettendo dettagliucci tra un sorriso e l’altro in posti che magari non c’entrano minimamente con GoT.

  4. Anaìd scrive:

    “”Adattata da una serie di romanzi young adult (“Women of the Otherworld” di Kelley Armstrong), Bitten”"
    Fidatevi, i libri sono tutto meno che young e sono stupendi. Se è stata trasposta come serie per adolescenti hanno sbagliato tutto!

  5. Sal G. scrive:

    Il recap di Looking sembra uscito da Tre Scapoli e un Bebè, con un giovanissimo Tom Selleck. Solo questo mi spinge a non vederlo, anche se Andrew Haigh è una garanzia.

    The Spoils of Babylon mi fa lo stesso effetto della sua descrizione: capolavoro! Spero di non restare deluso.

    Per il resto, sufficiente noia, rivisto, non interessante, anche se due-tre titoli qualcosa smuovono (più le attrici, tipo Eva Green e Chloe Sevigny, o gli attori, tipo Richard Madden). Guarderò i pilot ovviamente, non sia mai col pregiudizio mi sfugga qualcosa di veramente valevole.

    Un occhio a Chozen, sembra interessantemente trasversale.

  6. Will Gaiman scrive:

    Black Sails, Believe (più che altro perché ci lavora Cuaron), Helix e Legends. Il resto è/sembra gran fuffa.

  7. The Buddha scrive:

    Finalmente un anno ricco di interessanti novità!
    Io mi butto con Resurrection (che a quanto ho capito non è un remake di quel CAPOLAVORO di “Les Revenants”), Believe, Penny Dredful, Wayward Pines, The Leftovers, The Strain, Helix, True Detective e Intelligence. Se capita darò pure un’occhiata a Legends!

  8. toppeddu85 scrive:

    a giudicare dal materiale promozionale che gira, True Detective promette di essere la serie dell’anno. altro che fuffa. per il resto, attendo con curiosità The Strain e Fargo. del resto, poco me ne cale.

  9. Daniela G. scrive:

    io ho la scimmia per True Detective, eccheveloidicoaffare. Ma attendo anche Looking, perché Haigh ancora lo ringrazio per “Weekend”. Spoils of Babylon pure promette bene, e chissà, magari Salem potrebbe farmi riappacificare con le streghe dopo questa stagione di AHS. Poi boh, lo sci fi it’s not my cup, i thriller a base di rapimenti idem, quindi penso che darò un’occhiata solo a Murder in the first (Steven Bochco!), per il resto attendo lumi.
    Quindi gli ammerigani hanno rifatto Broadchurch? Mi fa piacere che ci sia ancora Tennant (che è stato bravissimo), ma ho già visto l’originale, quindi passo.

  10. Giulio scrive:

    L’unica serie a cui sono SINCERAMENTE interessato è Looking. Poi il resto è tutta una serie di cose a cui dare un’occhiata a stagione già avviata (True Detective, Chozen, The Spoils Of Babylon) o solo per i bei faccini (Those Who Kill, Penny Dreadful). Ci sono poi dei titoli che mi fanno salire la violenza (Intelligence, Crisis, Black Sails).

    PS Zio Paperone in Klondike subito!

  11. AleOli scrive:

    L’unico che potrebbe interessarmi è Looking, anche se non ho capito niente dal trailer, spero che non si prenda troppo sul serio e non sia troppo drammatico! Se prendesse i lati positivi di Sex and the City sarebbe perfetto! (potevano scegliere attori più belli però eh… u.u)

  12. kript96 scrive:

    ho letto che true detective sarà una serie che cambia trama/protagonisti a stagione,è vero?

    ho già messo nel tracker black sails,legends,helix,believe,intelligence,the last ship,crisis(molto diffidente) e true detective

  13. Cable scrive:

    “…che ormai in quel di Westeros gli unici metalli che prendeva erano quelli poveri. Nel petto.”
    Ma allora non avete imparato proprio niente dallo scandalo dello spoiler di voi-sapete-cosa!! :D

    Comunque mi dispiace dirlo ma non attendo quasi nulla con ansia, penso che ormai siamo troppo abituati a correre dietro ai nomi e non alle idee, e per quanto i primi possano risultare in molti casi grandi segnali di qualità, mi pare che di buone idee si scarseggi molto.

  14. penelope scrive:

    True Detective per iniziare, ma darò sicuramente un’occhiata anche a Helix, Black Sails e The Red Road, per il resto se capita la visione di un pilot non si nega mai.

  15. tarpaulin scrive:

    Già domani con Sherlock sarò soddisfatto. Però attendo Helix per curiosità, True Detective NONOSTANTE McConaughey (lo detesto), Legends per Sean Fagiolo, Black Sails e Looking, per vedere se almeno questo Girls al maschile sarà meno pretenzioso e si accorgerà dell’esistenza di altre etnie.
    Detto questo, ti prego di essere per l’appunto humble e correggere, con calma e ad anno nuovo, la scivolata sul congiuntivo nella sinossi di Resurrection. Mi ha provocato un microinfarto :D
    E buon anno a tutti gli utenti e recensori di Serialmente

  16. jackson1966 scrive:

    Eliiminata la comedy subito (per carità, quest’anno proprio per l’ingoranza mostrata ai Serialemmys, me ne sono cercata di sorbire 5 o 6 e le ho mollate tutte alla terza puntata. L’unica che adoro la guardo, a quanto pare, solo io ed è The neighbors) e “prese” tutte le sci-fy, horror, fantasy e,forse, true dectetive. Eliminata decisamente Spoils of Babylon, tanto ho già capito che fra un po’ si comincerà a paragonare tutto a SoB come adesso si fa con BB, quindi ne saprò qualcosa lo stesso.

  17. Tartaruga scrive:

    What?! Ma quanta roba esce?! Non uscirò più di casa… :D
    Sono contenta, un sacco di polizieschi.. speriamo che True Detective non sia una delusione -come lo è stato Hannibal per me-! Tutti i telefilm con poliziotti e indagini meritano, da parte mia, almeno una chance! Anche Those Who Kill mi ispira ma l’attrice purtroppo mi sta un po’ sul cavolo. Mi interessa molto anche Believe, il trailer m’era piaciuto; ma anche Helix.. e anche Intelligence! E poi di quello sui pirati vogliamo parlarne? Sembra fighissimo.. sìììììììììììììììì! Nuove stagioni, ALLELUJA! *_*
    Grazie Serialmente, con queste tipologie di articoli ci risparmiate tanto lavoro di ricerca.. :D

  18. Giovannazzi scrive:

    Tartaruga ha scritto:

    What?! Ma quanta roba esce?! Non uscirò più di casa…
    Sono contenta, un sacco di polizieschi.. speriamo che True Detective non sia una delusione -come lo è stato Hannibal per me-! Tutti i telefilm con poliziotti e indagini meritano, da parte mia, almeno una chance! Anche Those Who Kill mi ispira ma l’attrice purtroppo mi sta un po’ sul cavolo. Mi interessa molto anche Believe, il trailer m’era piaciuto; ma anche Helix.. e anche Intelligence! E poi di quello sui pirati vogliamo parlarne? Sembra fighissimo.. sìììììììììììììììì! Nuove stagioni, ALLELUJA! *_*
    Grazie Serialmente, con queste tipologie di articoli ci risparmiate tanto lavoro di ricerca..

    PEr il tanto lavoro di ricerca….basta che segui questo calendario http://www.pogdesign.co.uk/cat/ ;)

  19. nicola83 scrive:

    Tante uscite, ma nulla che mi interessi davvero… solito soprannaturale, soliti drama con l’FBI, soliti immancabili flop annunciati. Tutto trito e ritrito. L’unica serie citata cui darò una chance è Looking su HBO. Ci sono le basi affinché venga fuori un buon prodotto (Queer as Folks, con lo stesso tema, fu davvero una bella serie).
    Ah… guardando bene anche Klondike mi ispira… se non altro l’idea è molto originale.

  20. Stefania scrive:

    Accidenti! mi buttate via così, in ultima riga, la serie tratta dalla saga Outlander della Gabaldon? Certo, sono tutti attori e produttori praticamente sconosciuti, e il successo editoriale e la frenesia dei fan non bastano a garantire che sarà bella, ma forse non avete idea dell’attesa che c’è per questa storia lunga 11 volumi (ed. italiana) e non ancora terminata, un misto avventuroso di soprannaturale (salti nel tempo), storia, intrighi, romance.. Io non vedo l’ora!

  21. Mr.Franz scrive:

    Grazie per la completa panoramica !! Si sa qualcosa sulla seconda serie di Utopia ?

  22. Firpo scrive:

    A leggere le presentazioni non mi interessa quasi nulla. Sembra sempre la solita roba trita e ritrita e un pò rimescolata. Poi magari tra questi si nasconde il capolavoro che non ti aspetti, ma è solo il tempo a dirlo.
    Interesse per Helix ma non tanto per l’argomento, già visto, ma per Ron Moore. Idem The Strain perchè tratto dalla trilogia di Hogan/Del Toro più che per l’argomento (entro quest’estate devo assolutamente cominiciare a leggere i libri).
    True Detective dovrebbe essere la mia serie e la HBO garantisce qualità, ma devo confessare che è dai tempi de I Soprano e OZ che non riesco a portare a termine una serie HBO (GOT mi sa che lo mollo e BE è in stand-by dalla seconda stagione). E poi McConaughey non lo reggo….

  23. Setteditroppo scrive:

    @ Firpo:

    Hai citato le tre serie che più m’interessano e con le stesse motivazioni!
    Ma ve ne aggiungo altre quattro degne per me di un primo sguardo per motivi di genere: Wayward Pines, The Last Ship, Penny Dreadful e Salem (anche se di streghe non ne posso più!). E poi c’è la miniserie The Spoils of Babylon per il suo cast…e poi tutte le altre che ricominciano e per le quali non riuscirò ad aspettare che finiscano per vederle…mi sa che dovrò organizzarmi come si deve. Il dato che mi sembra esca fuori (almeno spero) dall’infornata di nuove serie + le seconde attese stagioni di altre serie è quello di una veste più “adulta” rispetto alle novità uscite l’autunno appena andato. E meno male!

  24. Lukes scrive:

    Ma perché True Detective viene trasmesso alla stessa ora di Shameless?!? :( Spero non gli rubi troppi spettatori!

    Non ci sono tantissime cose che mi interessano, ma abbastanza da tenermi impegnato, considerati i ritorni! Tra parentesi, entrambe le nuove serie CW (non citate qui) mi interessano abbastanza da gettarci un occhio, vedremo…

  25. dory scrive:

    The Spoils of Babylon, True Detective, Looking, The Red Road mi attirano, ilr esto no. il buon Josh non è mai stato un punto di attrattiva in Lost, non credo lo diventerebbe oggi. :)

  26. bob69 scrive:

    Il Pilot di Helix l’ho appena visto … non mi ha fatto saltare sulla sedia ma ha svolto la sua funzione minima, mi è venuta voglia di continuare a seguirlo. Fra gli altri forse proverò a dare una chance a Salem e forse a Black Sails e The strain.

    PS
    ma ho capito bene? remake americano di Broadchurch e Ten si è prestato a farlo? ma non teme di inflazionarsi così? bah adoro Davidino ma non mi attira per nulla. Big nono.

  27. Bonny1994 scrive:

    Io ho appena visto il pilot di The spoils of Babylon. E’ diverso da tutto ciò che ho visto finora; se sarà in bene o in male ce lo dirà il tempo. Ma, per ora, mi ha convinto, con la sua ironia esagerata (“My loooooooooooooooooooooooooove”) e con il suo Tim Robbins!

  28. greyapple scrive:

    The spoils of babylon è una bomba di demenziale genialità!

  29. mr_floppy scrive:

    Interessante per me, almeno stando al trailer, True Detective e Broad City.

    Per quanto riguarda Black Sails avrei preferito una serie incentrata sul mitico Long John Silver detto Barbecue perché “Si diceva che fosse l’unico uomo di cui Flint avesse paura”, ma gli darò comunque una possibilità.

  30. mr_floppy scrive:

    mr_floppy ha scritto:

    Interessante per me, almeno stando al trailer, True Detective e Broad City.
    Per quanto riguarda Black Sails avrei preferito una serie incentrata sul mitico Long John Silver detto Barbecue perché “Si diceva che fosse l’unico uomo di cui Flint avesse paura”, ma gli darò comunque una possibilità.

    Anzi come è riportato sul libro di Larson:
    “C’era chi aveva paura di Pew, e chi aveva paura di Flint; ma Flint, perfino lui, aveva paura di me. Paura, e orgoglio.” Long John Silver

  31. Firpo scrive:

    greyapple ha scritto:

    The spoils of babylon è una bomba di demenziale genialità!

    Cioè The Spoils of Babylon fa ridere?

  32. Bonny1994 scrive:

    @ Firpo:
    Sì è una comedy!
    C’è una storia di base seria, ma ci sono delle cose assurde alla “Family guy” (ma a mio parere più divertenti), come i manichini che parlano o le “X” che compaiono sugli occhi dei cadaveri.

  33. salvag scrive:

    True detective: big yeah!

  34. Fissif scrive:

    True Detective e Spoils of Babylon = Fuck Yeah
    Intelligence and Helix = Meh

    Direi un buon bilancio per ora :)

  35. Eva scrive:

    Non ho ancora guardato nulla di nuovo (EHI, tra scuola e vecchie serie da recuperare e riprese dalle pause natalizie…), ma di sicuro mi son segnata un paio di cosette! C’è True Detective che temo proprio sia il mio genere e che potrei adorare, temo perché ho appena avuto l’enorme, gigantesca, improponibile e incomprensibile delusione da Heller con The Mentalist (e il filone che mi interessava tanto era seeeeeempre quello), quindi ho paura che potrebbe rivelarsi qualcosa di simile. Si vedrà. Poi voglio vedere Klondike, lo ammetto, per il caro Robb e perché potrebbe rivelarsi interessante, e mi avete fatto scoprire Vikings v.v
    Più avanti sembrano carini Resurrection, che avevo già segnato a causa di astinenza da House (ok, non è Hugh, ma Epps ha abbondantemente dimostrato di essere un gran bravo attore), Penny Dreadful, meh, però sembra abbia delle belle atmosfere dark, chissà che non sia una bella sorpresa, e attendo Legends, assolutamente!

    Edit: oh, naturalmente sono curiosissima per Black Sails, che mi vedrò in settimana!

  36. bob69 scrive:

    Aggiornamento su quelli che ho provato finora:
    True Detective altissimo livello sotto molti aspetti (fotografia e interpretazioni in primis), esattamente come tutti si aspettavano, però nell’ultimo episodio visto, il terzo, mi sono anche annoiato, va benissimo la lentezza, ma se inizi a dedicare molto minutaggio a cose di cui non mi frega nulla (crisi coniugale e relazione del detective), mentre l’altro detective per quanto affascinante sta esagerando sta diventando quasi caricaturale (parlo della versione odierna). Comunque per ora continuerò a vederlo.
    Bitten mollato senza rimpianti dopo due episodi, qui davvero noia, noia, noia e senza la qualità sopraffina che sotto molti aspetti contraddistingue il precedente.
    Helix pieno di assurdità e castronerie però a differenza del precedente non annoia, non me almeno, vediamo come andrà, per ora pure se certe scene gridano vendetta persino per uno spettatore poco attento ai particolari come me è abbastanza interessante da continuare
    Black Sails il pilot davvero buono per quello che ti puoi aspettare da un telefilm sui pirati, ecco cosa ne penso: http://www.serialmente.com/forum/index.php?showtopic=22605&st=200#entry1209629

  37. Corazon scrive:

    Generally I don’t read article on blogs, however
    I would like to say that this write-up very forced me to try and do so!
    Your writing style has been surprised me. Thanks, quite great article.

    Visit my webpage Natural Remedy Treatment For Herpes Simplex 1; Corazon,

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.