super fun night 1x01 pilot

Si può capire che questo Super Fun Night fa schifo anche solo guardando i giri che ha fatto per arrivare in tv: in principio doveva essere una comedy multi-camera per la CBS, il canale però bocciò il progetto. Lo show venne quindi proposto alla ABC, che decise di ordinare la serie ma di trasformarla in una comedy single-camera. Il nuovo pilot però a quanto pare fece così schifo ai critici che alla fine la ABC ha deciso di non mandarlo neanche in onda e di partire dal secondo episodio. Che non sia un gran prodotto quindi è praticamente scontato, la domanda vera è: quanto fa schifo?

Rebel Wilson interpreta Boubier, una ragazza con poca fiducia in sé stessa che lavora come avvocato per uno studio famoso. È stata promossa da poco e nel nuovo ufficio ha incontrato Richard, il figlio del capo, che a lei piace molto ma con cui è solo amica. Sul ragazzo ha messo gli occhi addosso anche la nuova arrivata che, caso vuole, è praticamente l’esatto opposto di Boubier: è magra, sicura di sé e in un modo o nell’altro lei vince sempre. Per farle superare la sua paura dei riflettori le amiche dei Boubier la portano a cantare ad un piano bar dove può mostrare tutte le sue doti canore. Alla serata però si presenta, oltre a Richard, anche la sua rivale che le mette adosso tanta di quella paura da farla svenire sul palco. Dopo un discorso improvvisato delle amiche nel bagno Boubier capisce che deve smetterla di nascondersi ed affrontare finalmente le sue paure, sale sul palco e spacca tutto. Alla fine la rivale vince la competizione canora ma Boubier ottiene una serata con Richard, le amiche e 4 pizze giganti come premio di consolazione.

Partiamo dall’elefante nella stanza. Eheh capita? Dai era una battuta non prendetevela. Comunque: Rebel Wilson è grassa. Lo dico senza cattiveria, è un fatto oggettivo: non ha le ossa grandi, è grassa. Altro fatto oggettivo è che Rebel Wilson è un’attrice di successo: senza controllare IMDB mi vengono in mente tre film che ho visto negli ultimi due anni in cui è presente (Pitch perfect, Bachelorette e Pain & Gain). Quello che voglio far notare è che in tutti e tre i film interpreta un personaggio secondario. Coincidenze? Nop.

Il personaggio della migliore amica grassa, che è praticamente la versione femminile del migliore amico di colore, è un ruolo abusato ad Hollywood ed è effettivamente molto utile: ti permette di fare un sacco di battute facili e ti para il culo da quelli che, giustamente, vogliono vedere attrici di tutte le taglie sullo schermo. Si può avere una ragazza grassa come protagonista per una volta? Certo che si può, ma non si può fare una semplice trasposizione di quel tipo di personaggio.

Prima di tutto una protagonista ha bisogno di una caratterizzazione più forte del semplice “è una ragazza grassa”. In Super Fun Night c’è da dire che Boubier è sicuramente il personaggio più caratterizzato, ma questo perché gli autori hanno deciso di togliere qualunque sfumatura agli altri personaggi. Tutti i personaggi secondari sono macchiette, e questo unito alla cattiva scrittura porta a dei dialoghi semplicemente terrificanti (tipo l’amica precisina che ad un certo punto dice letteralmente “queste sono le regole, e rispettare le regole è la cosa più importante di tutte”). Quanto a Boubier è vero che ha una personalità quasi completa, ma non è certo un personaggio forte e sicuramente non è quel tipo di personaggio che può reggere da solo una serie intera (come poteva essere ad esempio la stronza nell’appartamento 23).

Inoltre è fondamentale che l’umorismo non sia tutto incentrato sul peso della protagonista, e su questo fronte si va ancora peggio: non c’è neanche un minuto dei 22 che compongono il pilot che non contenga almeno una battuta sul fatto che la protagonista è grassa. Battute tra l’altro di un livello bassissimo, che non solo non fanno ridere ma che se fossi una ragazza grassa troverei anche molto offensive. Considerando che lo show è creato dalla stessa Rebel Wilson questa cosa non è solo di cattivo gusto ma anche parecchio imbarazzante. Perché i casi sono due: o lei trova veramente divertenti tutti questi fat jokes, e allora io non so proprio cosa dire, oppure vuole vendere questa serie così disperatamente che è disposta perfino a scriversi una scena di 30 secondi in cui cerca di entrare negli Spanx pur di farlo.

Ecco imbarazzante mi sembra la parola migliore per descrivere questa serie: uno show talmente vuoto che ha bisogno di ben due numeri musicali per riempire un pilot di venti minuti e scritto così male che per introdurre la protagonista ha bisogno di usare un video diario; ma soprattutto, è uno show che cerca di far ridere nel peggior modo possibile e non ci riesce nemmeno. È probabile che ci siano anche un paio di battute carine, il problema è che è difficile notarle attraverso il facepalm automatico che provoca tutto il resto dell’episodio.

Super Fun Night è una serie inutile. Volendo pensare male, direi anche che è una trovata commerciale di qualcuno che pensa che basti una ragazza grassa per vendere una comedy che altrimenti non avrebbe mai visto la luce del sole. Volete la prova? Ok facciamo un gioco: mettiamo al posto di Rebel Wilson e di tutti i fat jokes la solita ragazza magra e bellina di Hollywood, cosa rimane a Super Fun Night? Praticamente niente, se ci pensate un attimo diventa uno show perfetto per Disney Channel: Boubier è una ragazza insicura ma con una voce incredibile, è innamorata del figo di turno ma lui non la nota perché è più attratto dalla sua rivale bella e sicura di sé. Con l’aiuto delle sue strane amiche però Boubier riuscirà finalmente a tirare fuori la sua voce e conquistare in un colpo solo sia il figo di turno che la parte da protagonista nella recita scolastica. La vita di Boubier, tutti i giorni alle 17.35 su Italia 1.

Big NoNo

Sia al pilot che alle potenzialità, perché a meno di estremi cambi di rotta (che non sono da escludere considerando quanti cambiamenti ha già avuto) non vedo proprio cosa possiate trovarci in questa serie.

Stefano Pandini

Name: Stefano. Age: 22. Rating: Awesome.

More Posts - Website - Twitter

Commenti
11 commenti a “Super Fun Night – 1×01 – Pilot”
  1. nicola83 scrive:

    Non ho visto la serie, ma da come l’hai descritta non intendo nemmeno darle una chance… dev’essere davvero uno scempio questa Super fan Night. Spero in un calo di ascolti.

  2. Roberto scrive:

    nicola83 ha scritto:

    Non ho visto la serie, ma da come l’hai descritta non intendo nemmeno darle una chance… dev’essere davvero uno scempio questa Super fan Night. Spero in un calo di ascolti.

    Augurare un calo di ascolti senza neanche aver visto la puntata e basandosi su una recensione non mi sembra una gran cosa :D
    Non è una gran serie lo ammetto ma non concordo neanche con la distruttiva recensione :D

  3. Andrea D. scrive:

    Il remake non autorizzato di Il mondo di Patty XD

    recensione spettacolarmente precisa.

  4. BetterLife scrive:

    Beh aver visto l’episodio mi è servito per godere appieno di questa recensione, quindi direi che non è stato totalmente del tempo sprecato, alla fine! :)
    Inutile dire che concordo su tutto. A me in realtà potrebbe anche andare bene una serie con una trama esigua e poco originale come questa, ma non posso assolutamente passare sopra le banalissime e fastidiosissime battute sull’essere grassa (almeno fosse un punto di vista nuovo o qualche scenetta mai vista!) e i personaggi-macchietta, che dopo due scene sono già inquadrati e da allora in poi fanno solo tutto ciò che già ci si aspetta da loro.
    Big No davvero.

  5. eri scrive:

    La recensione secondo me é stata fin troppo gentile. Questo episodio é lento, noioso e sembra messo li a caso. Poi magari é colpa mia, ché non riesco a capire come mai adesso tutti amino Rebel Wilson.

  6. violetta scrive:

    Recensione troppo cattiva, a me è piaciuta, mi ha anche fatto ridere in certi punti, è una sit-com dalle poche pretese ma almeno è originale rispetto alla catervate di famiglie disfunzionali che mi propinano ogni anno…quello che è mancato, oltre il pilot che non si trova nemmeno sul web, è qualcuno che si contrapponga al gruppo delle sfigate protagoniste, che non sia la stronza del karaoke o l’interesse amoroso. Le fat jokes con una protagonista obesa ci sono, quello della gag degli spanx è un modo come un’altro per declinarla, anche Lena Dunham mostra il suo corpo e fa scene dove mangia come un maiale, Mindy Kaling gioca sulle battute dei colleghi, c’è chi trova queste cose di cattivo gusto e imbarazzanti e chi no. Poi che debba decollare non c’è dubbio.

  7. Winnie Cooper scrive:

    La recensione è illeggibile e imprecisa (per dirne una, Boubier è il cognome della protagonista, non il nome); passo direttamente al giudizio, col quale sono tragicamente d’accordo.

    Già la messa in onda “mutilata” ci dà la fastidiosa sensazione che manchino dei pezzi (Richard parla con le ragazze di avvenimenti passati di cui lo spettatore non sa nulla), poi oggettivamente la struttura e lo sviluppo della storia sono ben poca cosa.
    E’ un peccato, perché il potenziale comico della Wilson (forse da comprimaria, ma non è nemmeno detto) viene sottoutilizzato in maniera vergognosa.

    Comunque è stata un’annata drammatica per le comedy (ah ah ah).

  8. Toni scrive:

    Da quello che ho capito la premiere andata in onda (l’ha scritto già qualcuno?) non sarebbe neppure il pilot vero e proprio … ma l’episodio 2.
    http://www.tvguide.com/News/Super-Fun-Night-Debut-Episode-2-Pilot-1070740.aspx?rss=breakingnews

  9. Andrea D. scrive:

    @ Toni: è scritto nella recensione XD

  10. Sebastian scrive:

    @ Winnie Cooper:

    cosa non si legge della recensione? a me è sembrata molto chiara

  11. Blowersdaughter scrive:

    quanto ho trovato brutto questo pilot è difficile da spiegare.

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.