thatsnew

That’s New. Breaking Bad Colombiano e Halle Berry nello spazio.

BREAKING BAD COLOMBIANO. Sì, avete letto bene e no, non vi sto prendendo in giro. Breaking Bad ci ha lasciato orfani solo la settimana scorsa ma ecco che interviene la Sony Picture a regalarvi Metastasis, remake colombiano della serie appena conclusa. Visto l’enorme successo della creatura di Vince Gilligan e visto che l’America Latina non ha avuto la possibilità di seguire Breaking Bad causa mancanza della cable tv in molte parti del territorio, la Sony e la Teleset hanno unito gli sforzi per creare un remake. Il sud America si prepara quindi a seguire le vicende di (vi prego, non ridete, lo so, lo so) Walter Blanco, Jose (Jesse), Cielo (Skyler) e Henry Navarro (Hank). Qui trovate il trailer. [Fonte: The Hollywood Reporter]

HALLE BERRY E STEVEN SPIELBERG PER LA CBS. La CBS ha fatto il colpo grosso o Halle Berry sta raschiando il fondo del barile? Tralasciamo le cause e concentriamoci sulle conseguenze: l’attrice sarà la protagonista di Extent, nuova serie sci-fi prodotta dalla Amblin Tv di Steven Spielberg. La Berry (che in passato aveva detto “no grazie” a Homeland) si è detta entusiasta della sceneggiatura e interpreterà un’astronauta che torna sulla terra dopo un anno di missione solitaria nello spazio. Qualcuno ha parlato di alieni? No. Qualcuno sente odore di alieni? Avanti. C’è Spielberg di mezzo!! [Fonte: Deadline]

LA HBO STA PUNTANDO A MODERN FAMILY. L’indiscusso successo di Modern Family sta spingendo la HBO verso un prodotto che possa muoversi sugli stessi binari e far guadagnare punti al canale sul versante comedy. Questo è il motivo che ha spinto la rete a produrre un adattamento televisivo di These Things Happen, primo romanzo di Richard Kramer (già produttore televisivo) che collaborerà, in questo caso, in qualità di sceneggiatore e produttore esecutivo.  La trama in breve: una coppia etero e una coppia gay tirano su un adolescente di 15 anni. La madre si è risposata con un medico e vive nell’Upper East Side, il padre si è scoperto gay e convive con il suo partner. Solo io avverto un BIGNONO in arrivo? [Fonte: Deadline]

I NUOVI PROGETTI DI ROB LOWE. L’attore, che lascerà Parks and Recreation dopo i primi 13 episodi della stagione, non abbandonerà il piccolo schermo. Rob Lowe ha ottenuto il ruolo di protagonista nella nuova serie The Pro. La serie, prodotta dalla ABC Studios e Universal Studios, ha per protagonista un ex campione di tennis che, caduto in rovina a causa di scelte finanziarie sbagliate, si ritrova a fare da maestro di tennis in un country club. Vi ricordiamo inoltre che a breve potrete rivedere Rob in Killing Kennedy, in onda il 22 novembre (giorno in cui ricorrerà il 50° anniversario della scomparsa del presidente J.F. Kennedy). [Fonte: Deadline]

NELLE PUNTATE PRECEDENTI DI THAT’S NEW

STESSA SORTE DI BREAKING BAD PER L’ULTIMA STAGIONE DI MAD MEN. Ci stavamo preparando all’addio a Men Men un po’ come quando si cerca di rapportarsi a un lutto annunciato. La AMC, però, ha dato una brusca frenata al nostro processo di elaborazione del lutto comunicando che l’ultima stagione sarà divisa in due parti (così come lo è stata quella di Breaking Bad). La prima metà (composta da 7 episodi) andrà in onda nella primavera del 2014 coprirà un arco narrativo denominato “The Beginning” seguito poi, nella primavera 2015, da “The End of an Era” (altri 7 episodi).
È inutile nasconderci dietro un dito, sappiamo tutti il perché di questa decisione: la AMC è a corto di drama di un certo peso e ha trovato un’ottima strategia per massimizzare gli ascolti dell’ultima stagione di Mad Men. La scelta, se pur strategicamente condivisibile, ci lascia comunque un po’ amareggiati. [Fonte: Hollywood Reporter]

TRUE BLOOD CI SALUTA. Era questione di tempo per Sookie e compagnia. Dopo anni di patimenti amorosi, vampiri fritti al sole, le fate, i lupi mannari, Alexander Skarsgard nudo e stagioni centrate principalmente su “chi riuscirà ad avere la vagina fatata di Sookie come premio?” True Blood giunge al suo ultimo atto: la settima stagione sarà anche l’ultima. Siete felici? Tristi? Già nostalgici? Non temete, c’è ancora tutta la settima stagione per vedere che fine faranno gli abitanti di Bon Temps! [Fonte: TvLine]

ROB THOMAS È A LAVORO SU LES MISERABLES. Il creatore di Veronica Mars porterà Les Miserables, recentemente visto al cinema nella sua versione musical, sul piccolo schermo. La serie, scritta da Graham Norris, sarà ambientata ai giorni nostri e avrà per protagonista un giovane avvocato che si districherà tra l’alta società e un procuratore che non ne vuole sapere di dimenticare il passato. Bonus: sembra che nessuno canterà. Rob, non deluderci. [Fonte: Deadline]

THE NEWSROOM AVRÀ UNA TERZA STAGIONE. FORSE. La notizia viene dal twitter di Jeff Daniels e, pur non essendo ancora stata confermata al 100% dai vertici della HBO viene data per buona viste le affermazioni di Michael Lombardo, addetto al palinsesto della rete, che dichiarava già a luglio di voler proseguire con The Newsroom.
Rimane ora da vedere se Aaron Sorkin prenderà parte alla nuova stagione visti i suoi numerosi impegni. State incrociando le dita o sperate che non se ne faccia niente? [Fonte:Deadline]

DAN STEVENS APPRODA ALLA CW. Ricordate quando vi comunicavamo che Dan Stevens avrebbe lasciato Downton Abbey per dedicarsi al cinema americano? Ecco. Mai avremmo pensato di ritrovarlo qualche mese dopo a casa CW nella nuova serie The Tomorrow People (premiere prevista per il 9 Ottobre).
L’attore darà la voce al computer biologico TIM senza apparire effettivamente sullo schermo. Premettendo che The Tomorrow People è una delle novità della CW sulla quale noi stiamo tenendo gli occhi aperti è innegabile che la notizia ci abbia colto un po’ alla sprovvista. Voi che ne pensate? Diteci la vostra! [Fonte: InsideTv]

THE KILLING È STATO CANCELLATO (DI NUOVO). Il feeling di déjà vu che state sperimentando in questo momento è quello che hanno provato tutti scoprendo la notizia: The Killing è stato cancellato di nuovo.
Dopo una terza stagione che, rispetto alla seconda, aveva fatto segnare ascolti discreti, lo show viene eliminato dal palinsesto della AMC in via definitiva. Sappiamo che qualcuno di voi si starà disperando e altri invece staranno gridando “finalmente, era ora!”: scatenatevi nei commenti e fateci sapere cosa ne pensate della decisione del network! [Fonte: Deadline.com]

LA BBC AMERICA CANCELLA COPPER. Copper non supera la seconda stagione e chiude con il series finale il 22 settembre. La notizia non è un fulmine a ciel sereno: gli ascolti avevano lasciato molto a desiderare perdendo la sfida contro il debuttante Orphan Black (e come dar torto all’audience?). Copper se ne va senza fare troppo rumore, non avrete mica bisogno di fazzoletti vero? [Fonte: Deadline.com]

PROMO POSTERS

I nuovi poster della seconda stagione di The Carrie Diaries Hannibal. 

Liliana Manzo

Leggo tanto. Guardo tanto. Scrivo, qualche volta. Esisto a fasi alterne e solo se mi gira.

22 Comments

  1. CW? Seriously? E la folgorante carriera cinematografica per cui ha mollato Downton Abbey? Ahi ahi Mr Stevens ( risata sadica in sottofondo)

    Rispondi

  2. A me onestamente per Copper è dispiaciuto, ma il finale mi ha tutto sommato soddisfatta, per cui lo ricorderò con piacere e non ne farò una tragedia XD Per il resto,
    a) ma le comedy dell’ultimo anno/del prossimo ce la possono fare a parlare di qualcosa d’altro che non siano nuclei familiari?
    b) ma cos’è questa cosa dei remake in chiave moderna, che palle XD Devo per forza aggrapparmi alla CW per guardarmi un drama in costume (e sperare che non faccia cagare)?

    Rispondi

  3. AthanasiusPernath 7 ottobre 2013 at 12:37

    ovviamente guarderò tutto il nuovo Breaking Bad. e guarderò anche la versione italiana con Castellitto ed Elio Germano. e quella inglese con Mark Gatiss nella parte di Gus Fring.

    terribile la scelta di Mad Men. è un prodotto che non ha proprio senso ‘spezzato’, tanto valeva produrre due nuove stagioni più brevi, ma comunque ‘differenti’. l’unica cosa positiva è che così potrebbero riuscire a riarraffare qualche Emmy tra due anni (visto che i prossimi sono già stati assegnati all’unanimità a BB)

    Rispondi

  4. Nulla di commentabile, ma proprio nulla.

    Beh, spero se la mangino gli zombie la fairy vagina.

    Les Miserables? Se nessuno canta, forse. Altrimenti no, preferisco la versione con Depardieu.

    Lisa C. ha scritto:

    a) ma le comedy dell’ultimo anno/del prossimo ce la possono fare a parlare di qualcosa d’altro che non siano nuclei familiari?

    Quotone. Soprattutto, deve per forza esservene una gay? Magari afrogay? ‘Sto fatto delle quote tette-rosa-gay-neri-ecc-ecc m’ha un po’ rotto e mi fa rimpiangere molto i bei tempi pseudo spregiudicati di Queer as Folk.

    b) ma cos’è questa cosa dei remake in chiave moderna, che palle XD Devo per forza aggrapparmi alla CW per guardarmi un drama in costume (e sperare che non faccia cagare)?

    Già. Il revisionismo va di moda.

    Rispondi

  5. Tre cose:
    -Che carina la Samantha di TCD!!!
    -AMC mi vuoi male,come faccio ad aspettare fino al 2015 per la fine di Mad Men??E poi quel titolo “The End of an Era”..già piango
    -Mi associo ad Alessia nella risata fragorosa verso Dan Stevens..che delusione!

    Rispondi

  6. Salve a tutti, è un po’ che vi leggo, per “colpa” di BB.
    Per cui vi domando. Non è che Metastasis sia un elaborato scherzo? (azzardo: made in Screenjunkies)

    Rispondi

  7. Come non detto…Metastasis sembra una cosa seria…l’incongruità di un trailer per il mecato spagnolo in inglese mi ha ingannato…sorry for the fuss…

    Rispondi

  8. @ Chrisonbass:

    Non credo si tratti di uno scherzo.
    La notizia è stata riportata praticamente ovunque, se apri l’articolo della fonte noterai che la cosa è ormai ufficiale.
    I network sudamericani comunque non sono nuovi a questo genere di iniziative.

    Rispondi

  9. 1. voglio credere a Jeff Daniels e immaginare che The Newsroom avrà una terza stagione
    2. Dan Stevens faceva meglio a restare a fare Matthew ancora un po’, che tanto una serie qualunque da doppiare la trovava quando voleva
    3. mi attira la serie con Rob Lowe (e grazie per la dritta su Killing Kennedy)
    4. ma veramente Castellitto e Germano rifaranno BB???
    5. ciao ciao senza rimpianti a True Blood, Copper e The Killing
    6. sul progetto Berry.Spielberg sospendo il giudizio (ma credo che la Berry abbia perso una occasione a rifiutare Homeland)

    Rispondi

  10. Donatella ha scritto:

    4. ma veramente Castellitto e Germano rifaranno BB???

    No, non esiste il remake italiano di BrBa. Ma mai dire mai ;-)

    Rispondi

  11. Spielberg non ha ancora capito che deve stare lontano dalla tv!? Che grinta.

    Non ci credo che anche la HBO si stia abbassando alle famigliole, speriamo che il risultato sia migliore di tutto ciò che abbiamo visto all’inizio di questa stagione.

    Per True Blood mi sono già dispiaciuto durante l’ultima stagione andata in onda. Se devono fare il “drama di personaggi a cui siamo affezionati” (bitch, please) allora meglio chiuderla subito!

    Avevo incrociato “I am EL danger” ma credevo fosse una parodia, ho visto solo adesso che è un vero trailer.

    Rispondi

  12. nessuno sano di mente potrebbe dire: “finalmente!” a proposito della chiusura di The Killing dopo quest’ultima, bellissima stagione. E adesso come crime drama che non sia una baracconata cosa resta? The Bridge è stato una delusione. Solo Low winter sun resiste a buoni livelli, in attesa di vedere se si affaccerà qualcosa di nuovo degno di nota.
    Dan Stevens è un fesso. Steven Spielberg sarebbe meglio che si trovasse un hobby, non so, giardinaggio?
    se True blood avesse chiuso un paio d’anni fa avrei detto: nuoooooooo!!! adesso invece dico: Alleluja.
    infine: è vero che non ero pronta a dire addio a Mad men, ma questa cosa di spezzare in due la stagione mi irrita non poco. Solo 7 episodi e poi mi lasciano ad aspettare per un anno intero? Terribile :°°

    Rispondi

  13. Per la cancellazione di Copper mi sono già strappata i capelli, ho urlato, mi sono rotolata a terra e stracciato le vesti… è stato un colpo durissimo.
    Su Dan Stevens che lascia Downton per la CW credo che mi ispiri istinti omicidi.

    Rispondi

  14. @ Daniela G.:

    Beh, ti assicuro che esistono persone totalmente sane di mente alle quali The Killing non è piaciuto. Questione di gusti e i gusti, si sa, sono soggettivi.

    Rispondi

  15. @ Liliana Manzo:
    uhm… sinceramente mi rompo di fare polemica, e sul sito ultimamente ce n’è troppa per i miei gusti, quindi mi limito a dire che la stagione 3 di The Killing è stata oggettivamente molto bella (le prime due per me sono state mediocri). No, non è questione di gusti. basta un episodio come Six minutes a rendere impossibile dire che The Killing è una brutta serie. No, non soggettivamente, proprio oggettivamente. Se venisse qualcuno a dirmi che quello è un brutto episodio, penserei che come minimo è stupido. De gustibus fino a un certo punto, esistono anche cose oggettive.

    Rispondi

  16. Daniela G. ha scritto:

    @ Liliana Manzo:
    uhm… sinceramente mi rompo di fare polemica, e sul sito ultimamente ce n’è troppa per i miei gusti, quindi mi limito a dire che la stagione 3 di The Killing è stata oggettivamente molto bella (le prime due per me sono state mediocri). No, non è questione di gusti. basta un episodio come Six minutes a rendere impossibile dire che The Killing è una brutta serie. No, non soggettivamente, proprio oggettivamente. Se venisse qualcuno a dirmi che quello è un brutto episodio, penserei che come minimo è stupido. De gustibus fino a un certo punto, esistono anche cose oggettive.

    Sottoscrivo col sangue.

    Rispondi

  17. Daniela G. ha scritto:

    De gustibus fino a un certo punto, esistono anche cose oggettive.

    Non potrei essere piü in accordo con una frase del genere, Daphne.
    Mi chiedo solo – senza polemica – perche´ spesso quando qualcuno (io, per esempio) sostiene questo fatto, si finisce in polemica.
    Sulle chiusure, io non sono mai contento, soprattutto perche´ ci lavorano tante persone che poi devono trovarsi un contratto, ma ciö non mi impedisce di giudicare ciò che vedo e francamente The Killing mi ha meravigliato sia arrivato alla seconda stagione, tanto era insignificante la prima. Ovviamente non posso giudicare la terza perche´ non l´ho vista.

    P.S. non mi meraviglia ti abbia deluso The Bridge. Visto che hanno un po´ copiato e un po´ inventato. E nessuna delle due cose l´hanno fatta bene. Guardati l´originale, fidati del mio consiglio.

    Rispondi

  18. antarctica ha scritto:

    Daniela G. ha scritto:

    @ Liliana Manzo:
    uhm… sinceramente mi rompo di fare polemica, e sul sito ultimamente ce n’è troppa per i miei gusti, quindi mi limito a dire che la stagione 3 di The Killing è stata oggettivamente molto bella (le prime due per me sono state mediocri). No, non è questione di gusti. basta un episodio come Six minutes a rendere impossibile dire che The Killing è una brutta serie. No, non soggettivamente, proprio oggettivamente. Se venisse qualcuno a dirmi che quello è un brutto episodio, penserei che come minimo è stupido. De gustibus fino a un certo punto, esistono anche cose oggettive.

    Sottoscrivo col sangue.

    Mi associo alla sottoscrizione con il sangue.

    Rispondi

  19. Però Metastasis è un bel titolo! anche se, se lo pronunci spostando l’accento, potrebbe sembrare una serie di fantascienza…

    Per il resto:
    1) bene per l’ultima stagione di True Blood!
    2) Dan Stevens, che sicuramente troppo intelligente non è stato a priori, sta facendo anche altri film, non solo la voce in una serie CW…
    3) Brutta la scelta di fare due stagioni di Mad Men (e non mi si dica che è una stagione divisa a metà!! sono due stagioni di sette episodi trasmesse come d’abitudine ad un anno di distanza!!)

    Rispondi

  20. Noooooooooooooooo io adoravo Copper!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ma possibile, con tutte le schifezze che tengono???????????

    Rispondi

  21. Lisa C. ha scritto:

    A me onestamente per Copper è dispiaciuto, ma il finale mi ha tutto sommato soddisfatta, per cui lo ricorderò con piacere e non ne farò una tragedia XD

    Insomma. A me sarebbe piaciuto qualcosa di più risolutivo, così invece no sappiamo nulla di Eva e lui rimane lì come un pisquano sul balcone :(

    Rispondi

  22. FlopStar ha scritto:

    antarctica ha scritto:

    Daniela G. ha scritto:
    @ Liliana Manzo:
    uhm… sinceramente mi rompo di fare polemica, e sul sito ultimamente ce n’è troppa per i miei gusti, quindi mi limito a dire che la stagione 3 di The Killing è stata oggettivamente molto bella (le prime due per me sono state mediocri). No, non è questione di gusti. basta un episodio come Six minutes a rendere impossibile dire che The Killing è una brutta serie. No, non soggettivamente, proprio oggettivamente. Se venisse qualcuno a dirmi che quello è un brutto episodio, penserei che come minimo è stupido. De gustibus fino a un certo punto, esistono anche cose oggettive.
    Sottoscrivo col sangue.
    Mi associo alla sottoscrizione con il sangue.

    anche io, e la cancellazione di The Killing è una gran perdita (sarò strana io ma ho amato tantissimo tutte e tre le stagioni, la terza era superba ma le altre le ho adorate comunque…)

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>