Suits-3x09

Parliamoci chiaro: la terza stagione di Suits finora è stata una delusione. Se la prima stagione era stata una piacevole sorpresa, la seconda una figata, quest’ultima annata si è rivelata un buco nell’acqua. Un unico caso giudiziario troppo complicato e mal gestito, risonanze tematiche grossolane e spiattellate senza alcuna raffinatezza (fedeltà, amicizia, rivalità), storyline secondarie scadenti (la smielata e inutile love story fra Mike e Rachel, Louis degradato a comic relief). La puntata scorsa ci aveva illuso per un momento che la serie, dimenticata la convulsa e tediosa storyline principale, sarebbe finalmente tornata agli antichi fasti. Purtroppo non è così. D’altronde mancava ancora un episodio al midseason finale, episodio che ripropone in versione concentrata tutti i difetti finora riscontrati. Complimenti.

Bad Faith

Scritto da Ethan Drogin. Diretto da Christopher Misiano.

Dopo aver deviato il proiettile contro Ava e la Hessington Oil e aver sciolto la partnership con il viscido Darby, per Harvey e soci il pericolo non può dirsi ancora scampato. Si sa, i divorzi non sono una passeggiata e ognuna delle parti in causa cerca di uscirne al meglio. Così, indovina indovinello, gli studi di Jessica e Darby si fanno guerra aperta. A guidare la battaglia saranno Louis, che cerca di riconquistare una credibilità da tempo perduta, Harvey, ancora combattuto nei suoi sentimenti per Scottie, e Mike, che prova di portare la sua relazione con Rachel al livello successivo mentre sfrutta il rapporto con suo padre a vantaggio dello studio.
Dopo una serie di svolte e tradimenti che non vi riassumerò qui perché un po’ non li ho capiti, un po’ non li ho seguiti, un po’ non hanno senso, un po’ WHO CARES?????!!!! tutto finisce nel migliore dei modi, almeno fino a quando Ava non porta in giudizio lo studio per danni (e come darle torto?). Purtroppo le speranze dello spettatore di vedere la serie risollevarsi ai fasti della seconda stagione crollano di nuovo e inesorabilmente in vista dell’ennesimo capitolo, finale si spera, di Darby e la Hessington Oil.

Ma come è possibile che, anche se libera dal macigno rappresentato dalla terribile storyline senza capo né coda riguardante la Hessington Oil, la serie non riesca a riprendersi? Beh, perché forse i problemi sono altri. O meglio uno solo: i personaggi sono tutti diventati le caricature di se stessi.
Riguardo Louis ci siamo già dilungati abbastanza, ma il trattamento infame che gli è stato riservato fra storyline di gatti e incapacità professionale legata proprio ai gatti è solo il sintomo più visibile di un problema che in realtà riguarda la maggior parte dei personaggi (esclusa forse Jessica). Perché tutta la vicenda di Harvey “tradisco Jessica-sì, tradisco Jessica-no” è animata da uno sviluppo poco credibile del personaggio, in balia di sentimenti e desideri tanto infantili quanto poco motivati, gli stessi che si ripresentano in questo episodio stavolta diretti a Scottie. Non dissimile il trattamento riservato a Rachel, ora condannata a una melensa relazione amorosa. E se già il suo personaggio risultava poco digeribile in passato, ora è diventato un elemento talmente tossico da infettare anche Mike, passato in secondo piano in seguito al ricongiungimento (totalmente arbitrario, non dimentichiamolo) con Harvey.
La puntata rende visibili i difetti finora semi-coperti da una trama fallace e goffa come quella di Ava e della Hessington Oil, ma la cui potenziale deriva risulta molto più pericolosa di quella che coinvolge una storyline toppata alla grande.
Riuscirà la serie a riprendersi nella seconda metà di stagione programmata per il prossimo inverno? Una bella domanda. Noi speriamo di sì, perché Suits è stata una delle sorprese migliori dello scorso anno e dispiacerebbe vederla sgonfiarsi e capitolare prima del tempo. Ma è anche vero che il pubblico purtroppo è poco disposto a patteggiare.

Meh!

Giovanni Di Giamberardino

Giovanni Di Giamberardino (aka Rei) nasce qualche tempo fa da qualche parte. Ora, come un qualunque altro laureato italiano ex-corsista del RAI Script di sceneggiatura, complotta per la conquista del mondo e la distruzione dell’umanità. Ha scritto un libro che si intitola La marcatura della regina in uscita a luglio 2012 in libreria e in ebook. PS Qualcuno di nome Alice dice che assomiglia a Jason Ritter. blog - tumblr - twitter.

More Posts - Website

Commenti
36 commenti a “Suits – 3×09 – Bad Faith”
  1. Giulio scrive:

    Che disastro. Che disperazione. Che palle. Sob.

  2. genio in bottiglia scrive:

    Eppure c’è un elemento di grande qualità in questa puntata che mi è parso essere stato sottaciuto dall’attento recensore: STANFORD!!! No, voglio dire: dall’altra parte degli States. Una roba del genere conduce il più stinto dei MEH nel recinto dei FUCK YEAH destinati ai migliori prodotti seriali. Breaking Bad scansati che arrivo ….

  3. Fran scrive:

    ALLELUIA.

  4. genio in bottiglia scrive:

    Un sentito omaggio all’auspico presto dipartita:

  5. Lucan scrive:

    Ma non manca ancora un episodio al midseason finale? E poi a me la storyline Hessington Oil non è dispiaciuta così tanto, sono d’accordo che in generale la qualità è calata ma Suits rimane comunque un telefilm molto piacevole da guardare.

  6. lilly scrive:

    Concordo sul giudizio poco entusiasta circa la terza serie, però a me questa puntata è piaciuta.

    Dopo l’inizio un po’ così per la storia del gatto (salvo il divertente il dialogo Harvey-Louis circa la trattiva… “he tortured his cat?”), mi è invece piaciuto come si è ripreso Louis. Uscito dal ruolo di macchietta, he did litt up e ha dimostrato cosa sa fare prendosi pure delle piccole rivincite. In coppia con Katrina mi piace tantissimo, adorabile la tazza personalizza, che Katrina ha prontamente registrato all’ufficio brevetti.

    Le scena più deboli sono quelle che riguardano Rachel. Ma non mi farei troppe illusioni su una sua uscita di scena… Vero che è stata ammessa a Stanford ma è pure stata ammessa alla Columbia a NYC. Le due università hanno una reputazione ottima entrambe, Columbia è più inserita nella realtà degli studi di affari east coast e oggettivamente sarebbe la scelta migliore per Rachel. E in ogni caso molto probabile che la facciano tornare come summer associate tra un semestre e l’altro.

  7. genio in bottiglia scrive:

    @ lilly:
    Io non credo che Rachel sia stata ammessa anche a Columbia e NYC: ci ha fatto dei colloqui.

  8. lilly scrive:

    @ genio in bottiglia

    In “She’s mine” mi pare le avessero comunicato di essere ammessa alla Columbia (ora ho controllato su alcune recaps americane http://www.avclub.com/articles/let-the-games-begin,102051/)

  9. Tartaruga scrive:

    Lilly scusa come fai a dire che il personaggio di Luis si è ripreso? Io trovo INDEGNO il trattamento che la serie gli riserva… MAI un successo.. la scena iniziale dove si fa fregare per la storia del gatto è a dir poco ridicola : va bene essere un personaggio comico e adorabile, ma qui si esagera… addirittura sputtanare TUTTO lo studio! E alla fine è anche costretto a strisciare dall’odio Harvey…
    Cioè, onestamente, detto tra noi, QUANTO SONO ODIOSI HARVEY E MIKE? Veramente non mi è mai successo da passare ad amare un personaggio in una stagione e odiarlo nella terza…
    Due scene su tutte hanno nutrito l’odio :
    1 – la scena con Harvey che dice a Luis che lo stima, FALSO COME GIUDA e solo perchè gliel’ha detto Jessica… manco ci arriva da solo a capire quando è il caso di mentire… ma è idiota Harvey? Per non parlare di quando si impunta per non telefonare a Scotty.. che -l’hanno capito anche i sassi- non aveva fatto niente… SPARATI HARVEY.
    2 – La scena in cui Mike “sclera” con Rachel quando lei gli parla della tazza nel lavandino e lui le risponde malissimo dicendo “c’ho di meglio da fare che star dietro a te gnègnègnè” : OH MA SPARATI. Per non parlare della fantastica idea di ANDARE A VIVERE INSIEME A CASA DELLA NONNA MORTA… ma.. ma.. perchè? Se Rachel non vuole venire nel tuo sporco e fetido appartamento ti basta TRASFERIRTI TU. Mike che personaggio è diventato? E’ uno che entra nelle scene A CASO risolvendo i problemi (quante volte abbiamo visto ormai Harvey e Jessica discutere di un problema e lui entrare random con la soluzione?) e poi passa il resto della puntata a litigare con Rachel… MOBBASTA!!!! Altra scena irritabilissima è quando Harvey gli dice di fare non-ricordo-cosa e lui gli risponde “non dirmi che ci hai pensato tutto da solo”… ma come si permette? L’Harvey di una serie fa l’avrebbe stampato alla parete…
    Tutte le scene Harvey+Mike, che erano il top cool moment delle scorse stagioni, sono ormai RIDICOLE..come quando Mike sgama il bluff sulla cena alla Casa Bianca (a cui io avevo creduto… ahah).

    Vabè insomma troppe cose che non vanno… anche la scena iniziale con lui che porta Donna a fare shopping… boh non mi è piaciuta… DONNA PLEASE COME BACK.

    Ava fa causa allo studio…
    Non so come prenderla questa cosa perchè :
    1 – Da una parte CHEPPALLE speravo di essermi liberata di ‘sto strazio di storyline
    2 – Dall’altra… HELL YEAH, gli avvocati si erano comportati troppo male per passarla liscia… AHAH.
    Comunque io non ho capito, se Ava è stata -per colpa loro- esclusa dal consiglio della Hessingont Oil o come si chiama, come è possibile che adesso con un battito di ciglia possa fare in moda che questa licenzi lo studio su due piedi? Mah…

    Ultima cosa, relativa ad un pezzo delle anticipazioni che si sono viste alla fine della puntata (se qualcuno non le guarda per non spoilerarsi, non legga manco qui): ma la scena in cui Mike dà a Rachel l’ultimatum “se vai a Stanford tra noi è finita”? : WTF? Ma chi si crede di essere? Se io fossi Rachel lo manderei a strafanculo in due secondi netti… è proprio uno stronzo egoista che tarperebbe le ali al suo “amore” perchè è troppo egocentrico… ma AFFOSSATI.

  10. Lulu scrive:

    Harvey + Louis = FUCK YEAH! Volevate la fine del caso Hessington Oil, l’avete avuta. Volevate Louis fuori dal ruolo di mera marchetta, l’avete avuto. Volevate un Mike che assomigliasse più ad Harvey, l’avete (quasi) avuto. Se pure questa puntata è una delusione allora date Suits già per spacciato senza remissione di peccati. Certo non siamo ai livelli della seconda, sublime stagione, ma da tre episodi a questa parte sicuramente quest’annata è in netta ripresa. E soprattutto questa puntata penso abbia rimesso al proprio posto un pò tutti i personaggi. Mike/Rachel è la parte teen e CW della serie mettiamoci l’anima in pace, lo sono sempre stati e sempre lo saranno. Ultima cosa: solo io ho visto qualche strizzata d’occhio al fatto che ultimamente Harvey non ne imbrocca una giusta (vedi Jessica che ammette con Mike di essere rallentata da Harvey)? Secondo me con Harvey è stato fatto un lavoro che a non tutti può piacere ma che era necessario dopo due stagioni di ‘sono un gelido figlio di puttana, me ne sbatto delle persone e dei loro sentimenti’. È un Harvey più SENTIMENTALE, passatemi il termine, e che proprio per questo non vince più a colpo sicuro come prima. Il passo successivo dovrebbe essere tornare a vincere rimanendo una persona con dei sentimenti. Insomma Suits ha ancora (e sempre lo avrà) tutto il mio affetto, perchè non si abbandona il cane in autostrada per 5 giorni di vacanza!

  11. luciaponte scrive:

    una sola domanda: dove si compra la tazza “You just got LITT UP”??
    DEVO AVERLA!!

  12. lilly scrive:

    @Lulu

    Ho notato anche io che hanno attaccato il lato infallibile di Harvey che alla lunga tendeva a diventare poco credibile. Per i miei gusti ora hanno un po’ esagerato in senso opposto, sembra che senza Mike (“il grillo parlante”) non ne esca da nessuna situazione. Confido in una ripresa del personaggio.

    @luciaponte

    qui per 15 dollari… http://www.nbcuniversalstore.com/suits-you-just-got-litt-up-mug/detail.php?p=465806&v=usa_featured-products
    Il link è stato dato da Rick Hoffman (Louis) su twitter

  13. Prusso scrive:

    Concordo sul fatto che la qualità della serie sia leggermente calata rispetto alla seconda stagione ma non vedo tutto questo disastro. Il caso Hessington Oil, per quanto complicato, l’ho trovato tutto sommato avvincente.

    Prendo la serie per quello che è, un prodotto leggero con il surplus delle mille citazioni che fanno la differenza.

    Tutto ciò che è firm, Harvey, Jessica, Darby, ecc. ecc. thumb up…vorrei un Louis un po’ più serio…
    e poi c’è Mike che quando è da solo anche lui è da thumb up, quanto invece è con Rachel (unica nota veramente stonata del serial) no way !!!

    Per me è cmq un OK.

  14. Luca scrive:

    Io vi giuro che non vi capisco, perchè massacrare Dexter è diventato (giustamente) uno sport nazionale, ma evitiamo di fare la stessa cosa (per ora) con Suits.
    I gusti sono personali, chi recensisce ha i suoi, ma da qui a dare così contro ad una serie che rimane oggettivamente brillante mi sembra eccessivo. La prima stagione è stata bella, la seconda ottima, la terza è almeno discreta…ora stiamo dicendo discreta non inguardabile.
    Insomma, sembra che giocare al massacro stia diventando un modo per passare per “buoni recensori” o attirare l’attenzione, non si spiegerebbe altrimenti. Ho portato in esempio Dexter perchè credo che sia il fenomeno più evidente, ormai la struttura di ogni recensione diventa: dico che fa schifo la puntata e la serie e poi faccio il resto.
    Pare che i recensori si stiano più preoccupando di “schierarsi” pro o contro una serie piuttosto che recensirla oggettivamente, capisco che prendere una posizione forte vi caratterizza agli occhi dei lettori…ma un po’ di ego in meno ed un po’ di servizio agli utenti in più non farebbe di certo male.

    Saluti

  15. Pirutti scrive:

    Luca ha scritto:

    Io vi giuro che non vi capisco, perchè massacrare Dexter è diventato (giustamente) uno sport nazionale, ma evitiamo di fare la stessa cosa (per ora) con Suits.
    I gusti sono personali, chi recensisce ha i suoi, ma da qui a dare così contro ad una serie che rimane oggettivamente brillante mi sembra eccessivo. La prima stagione è stata bella, la seconda ottima, la terza è almeno discreta…ora stiamo dicendo discreta non inguardabile.
    Insomma, sembra che giocare al massacro stia diventando un modo per passare per “buoni recensori” o attirare l’attenzione, non si spiegerebbe altrimenti. Ho portato in esempio Dexter perchè credo che sia il fenomeno più evidente, ormai la struttura di ogni recensione diventa: dico che fa schifo la puntata e la serie e poi faccio il resto.
    Pare che i recensori si stiano più preoccupando di “schierarsi” pro o contro una serie piuttosto che recensirla oggettivamente, capisco che prendere una posizione forte vi caratterizza agli occhi dei lettori…ma un po’ di ego in meno ed un po’ di servizio agli utenti in più non farebbe di certo male.

    Saluti

    Beh Dexter fa abbastanza schifo eh ?
    Non so se lo hai mai seguito …ma dalla 4° in poi è diventato qualcosa di scandalosamente inguardabile !

    Poi boh io questo “schieramento” da parte dei recensori non lo vedo….certo sarebbe molto peggio se ti dicessero che è tutto bello e tutto Fuck YEAH !

  16. Luca scrive:

    Pirutti ha scritto:

    Luca ha scritto:

    Poi boh io questo “schieramento” da parte dei recensori non lo vedo….certo sarebbe molto peggio se ti dicessero che è tutto bello e tutto Fuck YEAH !

    Basterebbe un po’ di oggettività, su Suits pare che sia un’opinione molto poco condivisa

  17. fluorocromo scrive:

    Invece io altre due parole su louis le voglio sprecare. cosa cavolo hanno combinato? già alla prima comparsa della “faccenda gatto” avevo storto il naso, poi hanno deciso di costruirci attorno il mock trial della stagione: il mock trial! quello che nelle scorse rappresentava sempre il migliore episodio.
    Adesso mi vogliono far credere che Louis si giochi la carta più importante dello studio sempre per il dannato gatto? SERIOUSLY?! per delle lettere non lette…al gatto???
    se devi farne un comic relief lo devi fare bene. Questa è la fiera delle assurdità.

    Sto malissimo perchè questa serie mi aveva appassionato tantissimo e i personaggi sono andati tutti alla deriva. Ne soffro molto.

  18. crazy diamond scrive:

    Concordo con la recensione su tutta la linea, davvero deludente questa stagione di Suits.
    Quello che mi viene da pensare di fronte a questa totale incoerenza è che davvero gli autori siano a corto di idee e si stiano limitando a fare interagire i personaggi una volta creando un’alleanza, un’altra disfandola, un’altra ancora creando una guerra tra firms… Tutto questo perché non sanno dove andare a parare.
    Secondo me dovrebbero riprendere in mano la questione che ha dato il via a questa serie: Mike non è un avvocato. Prenderla in mano e portarla a conoscenza di tutti gli altri personaggi (oddio, che poi tra i personaggi principali chi è che non lo sa ancora? Louis forse? e nessuno che se ne preoccupa…). Il motivo per cui questa bomba non è ancora scoppiata è forse perché gli autori vogliono riservarla per il gran finale? oppure perché non sanno nemmeno loro come gestirla visto che il personaggio di Mike vive ormai nell’incoerenza “sono un bravo ragazzo però sono anche un truffatore”? Gli autori devono decidere da che parte far stare Mike, il loro tentativo di renderlo un ragazzo leale e onesto cozza con il presupposto stesso su cui si regge la serie, appiattendo notevolmente il personaggio che ormai è molto meno interessante rispetto quanto fosse nelle prime due stagioni.

  19. Woland scrive:

    Mah, questa serie é sempre stata un guilty pleasure. Certo, é triste il trattamento riservato a Louis (che era il miglior personaggio dopo Jessica). Però abbiamo guadagnato una Michelle Fairley che spacca discreti culi (non riesco a non commuovermi vedendo Catelyn Stark nella stessa scena con Lord Varys). E non capisco tutto quest’odio per Rachel e la storia con Mike: cioé, é la storia sentimentale obbligata del protagonista, superflua forse sì ma non così fastidiosa. E Meghan Markle in lingerie onestamente non mi da fastidio per niente…

  20. Mara R. scrive:

    A inizio stagione Suits sembrava pronto per giocare con i bimbi grandi: la separazione Harvey/Mike, la guerra fredda Harvey/Jessica, la stessa Jessica detronizzata. Tutto messo in discussione finché, tanto velocemente quanto arbitrariamente, si è tornati a un rassicurante, già visto, status quo.
    Il personaggio di Louis è la cartina tornasole della serie: quando lo Studio è credibile come luogo di potere lui può essere il predatore inatteso, il gatto panciuto che prima è sul divano un attimo dopo, con un balzo, è sul collo della preda. Ma quando lo Studio è il crocevia di gente incapace mossa da puntigli e immaturi moti di orgoglio, il povero Louis diventa un personaggio che farebbe pena anche alla gattara dei Simpson.
    L’unico motivo di blando interesse nella coppia Mike-Rachel era dato dal segreto di lui, adesso che Rachel conosce la verità gli autori hanno pensato di creare tensione con questo estenuante tira e molla del vado all’Università sulla costa opposta/No, vado alla Statale a 100 m da qui.
    Insomma, in tre puntate hanno disfatto quasi per intero la tela di due stagioni.

    PS Oltre che le idee devono aver finito anche i soldi: incontri di affari e firma contratti avvengono direttamente sul marciapiede.

  21. Nicola S. scrive:

    @ Mara R.:

    Vogliamo aggiungere anche che le motivazioni dei personaggi ormai rasentano il ridicolo? Tralasciando Louis e il gatto che poteva anche passare finché non diventa la ragione per cui Louis sputtana l’accordo con Darby (completamente fuori dal personaggio), tutta la stagione si regge sul fatto che Harvey vuole detronizzare Jessica e allora accetta il caso Hessington. Poi però in realtà Harvey non vuole davvero far fuori Jessica ma salvare Eva Hessington che è davvero innocente, però c’è anche il fatto che vuole battere il suo ex mentore Cameron Dennis (una delle poche cose passabili della stagione), ma poi scopriamo infine che Harvey ha cambiato di nuovo idea e vuole far fuori Darby perché era contro la fusione fin dall’inizio. Insomma, tutta la stagione è rapsodica, occasionale e piena di pretesti narrativi. Tutti i conflitti dimenticati, Harvey vs. Mike risolto a tarallucci e vino, Harvey vs. Jessica, dai non ci ha creduto nessuno, Mike vs. Rachel ha già detto Mara, Louis ridotto a macchietta per poi fargli fare la grande redenzione ribaltando qualsiasi coerenza stagionale e facendolo diventare l’alfiere di Gionopoulos.

    Che Suits sia guardabile più di altre cose possiamo essere d’accordo ma è guardabile soprattutto perché ha avuto un esordio buono e una seconda stagione eccellente, sia secondo gli standard della TV estiva e sia di quella autunnale. Questa stagione non è solo ben al di sotto delle aspettative ma anche al di sotto della sufficienza.

  22. raffaella scrive:

    Anch’io ho trovato questa terza serie molto sottotono rispetto alla prime due, non inguardabile però.
    Veramente trovo il personaggio di Mike un pò assurdo, possibile che lui arrivi sempre con la soluzione in tasca? ma come facevano prima?, possibile che nessuno e dico nessuno( padre di Rachel in primis) indaghi su questo genio?, mi pare francamente stranoo.
    Quanto a Luis concordo in toto con Fluorocromo: siamo al festival del ridicolo con la storia del gatto, vabbè amare gli animali (chi vi scrive li adora, cani in particolare) ma tutto ha un limite, siamo seri scrivere delle lettere a un gatto?????????????? ma via solo per questo merita un grosso MEH

  23. Pirutti scrive:

    Luca ha scritto:

    Pirutti ha scritto:

    Luca ha scritto:
    Poi boh io questo “schieramento” da parte dei recensori non lo vedo….certo sarebbe molto peggio se ti dicessero che è tutto bello e tutto Fuck YEAH !
    Basterebbe un po’ di oggettività, su Suits pare che sia un’opinione molto poco condivisa

    Le parole “Oggettività” e “opinione” nella stessa frase……mmmmmh !
    Di solito raramente vanno di pari passo…che poi di Opinioni Oggettive , qui su Serialmente , ne vedo talmente poche…

  24. Luca scrive:

    L’opinione che sia “inguardabile”…appunto!

  25. Tartaruga scrive:

    Luca ma che discorsi fai? Se una serie peggiora peggiora, c’è poco da fare… secondo te per non fare la figura dei demolitori uno deve dire che una serie è figa quando non lo è? Non essere assurdo, CHIUNQUE abbia seguito Suits dall’inizio non può negare che queste ultime puntate fanno pena, ma non pena in assoluto bensì rispetto alla serie cui eravamo abituati… resta comunque una serie carina ma non eccelsa, che basa comunque molto su quello che è stata e non su quello che è adesso : stanno facendo tante stronzate proprio sui personaggi e la trama. Molti commenti sono stati chiarificatori per chi è poco attento, la serie è incoerente, arzigogolata, vacilla e fa acqua da tutte le parti, i personaggi sembra che facciano le cose a caso… e se questo poteva passare liscio con dei protagonisti divertenti, cool, scoppiettanti… è invece opprimente e desolante se ci accompagni dei protagonisti giù di noto, irascibili e odiosi.. per non dire paradossali in certe cose.. vedi la super genialità di Mike e la super demenzialità di Luis…
    Come hanno giustamente detto Luis ci stava benissimo come amante dei gatti -il finto processo per l’affindamento di Mikado secondo me è stato geniale e spassosissimo- ma far perdere allo studio botte di milioni per il suo gatto… no.
    Una delle cose più irritanti di Suits è poi che voglia spacciarsi per una serie che ci porta nel mondo vero degli interessi ad altissimi livelli, con in gioco casi milionari e multinazionali, insomma che ci vuole portare ai piani alti… e poi mi cade su Mike : a quei livelli un finto laureato sarebbe sgamato dopo tre secondi… così come Mike indaga sui suoi opponenti.. così i suoi opponenti presumibilmente dovrebbero fare con lui, per non parlare del padre di Rachel…
    La patata che scotta di più è comunque il fattore truffa, giacchè non esiste NESSUN MODO per risolvere il problema di Mike : la laurea non ce l’ha, non può arrivare il giudice generoso dal cielo che decide di graziarlo…
    A meno che con il suo genio non gli facciano salvare gli Stati Uniti d’America dall’invasione aliena e quindi gli diano una laurea ad honorem.. :|

  26. andr3a22 scrive:

    Avete chiaramente scelto la puntata più sbagliata per stroncare un giudizio relativo all’intera stagione.

    Il suits visto in questo episodio è il suits che attendevo dall’inizio della s3. Per me chiaramente il miglior episodio della stagione. I “meh” li dovevate dedicare agli scorsi episodi, semmai, non a questo.

  27. Luca scrive:

    Tartaruga ha scritto:

    Luca ma che discorsi fai? Se una serie peggiora peggiora, c’è poco da fare… secondo te per non fare la figura dei demolitori uno deve dire che una serie è figa quando non lo è? Non essere assurdo, CHIUNQUE abbia seguito Suits dall’inizio non può negare che queste ultime puntate fanno pena, ma non pena in assoluto bensì rispetto alla serie cui eravamo abituati…

    Ecco, non capisco come fai a centrare così bene il punto della “pena in assoluto” e poi “perderti” nel dire che sono assurdo e che CHIUNQUE abbia seguito Suits debba concordare con tale opinione, altre persone stanno seguendo Suits e non lo trovano inguardabile ma semplicemente peggiore rispetto alle 2 precedenti serie ed i commenti in questo thread lo confermano: ad alcuni piace, ad alcuni meno, ma non viene oggettivamente ritenuta inguardabile dalla maggioranza degli spettatori. Quindi, dove sarebbe la mia affermazione ASSURDA nel criticare una recensione che stronca una serie che molti seguono con interesse? Secondo me in 3 stagioni un calo ci sta, come ci sta criticarla ma non ci sta stroncarla, troppo presto e comunque chi la stronca non è la maggioranza degli spettatori, quindi per tua buona pace mi pare che di assurdo non ci sia proprio nulla e nessuno ha mai detto che deve essere considerata “figa”, mi sembra che più che leggere quello che ho scritto hai fatto delle tue considerazioni e poi messe in relazioni al mio post.
    Torno nel silenzio.

  28. _B_ scrive:

    ..mi sono comprata la tazza LITT!! oh yeah!! ;-)
    per me questo è stato il miglior episodio della stagione, se anche il prossimo manterrà un po’ il livello di decenza continuerò a seguire Suits alla ripresa!

  29. Psi scrive:

    Per me Suits ha un po’ iniziato a decadere con la seconda metà della scorsa stagione, buona ma non eccellente; per me questa stagione si è mantenuta su quei livelli, con picchi notevoli come questa puntata, che mi è piaciuta molto.

  30. LinaP scrive:

    Anche a me la puntata non è dispiaciuta, la migliore di questa -obiettivamente- deludente stagione.
    Diciamo che mi ha fatto ben sperare nel futuro: mi sembra siano stati messi a posto i tasselli per raddrizzare il tiro nelle prossime puntate.
    In fondo ci ha regalato qualche buona battuta e un primo riposizionamento dei personaggi.
    Una puntata che forse non porta avanti di molto la trama ma fa pubblica ammenda dei propri difetti e parla direttamente allo spettatore, non parla dello studio ma della serie.
    Prendiamo il personaggio di Louis: dice di non essere (più) una barzelletta, viene riproposta l’ennesima storia del gatto ma stavolta viene apertamente riconosciuta come priva di valore, diventa “una cazzata colossale” (la cosa che rischia di far perdere per sempre la credibilità di Louis), poi torna ad essere la iena che avevamo conosciuto nelle scorse stagioni: secondo me queste sono dichiarazioni degli autori nei confronti degli spettatori, tipo: scusate, abbiamo fatto delle cretinate, abbiamo rischiato di bruciare uno dei personaggi migliori della serie, però ce ne siamo resi conto e faremo di tutto per tornare agli antichi fasti.
    In segno di pace rimettiamo anche Katrina al suo posto, ovvero insieme a Louis. E secondo me potrebbero regalare dei bei momenti.
    Donna che dice a Harvey che l’avergli comperato una borsa non lo autorizza a parlarle in quel modo è Donna che dice agli spettatori: ok, la mia storyline romantica (la mia borsetta del ciufolo) è stata una cagata, ma sono tornata e sono più cazzuta di prima! Infatti poi infila un paio di battute ben riuscite e da ad Harvey un suggerimento che, se seguito, gli risparmierebbe delle grane.
    Anche in Jessica che non vuole “voltare pagina, ma chiudere il libro” ho letto un chiaro messaggio di scuse e una sorta di buon proposito per l’anno nuovo.
    Mike che va a parlare col padre di Rachel è solo un modo per ricordare allo spettatore che lei è figlia di “quello lì”, per dare un po’ di spessore ad una storyline davvero inconsistente con una svolta interessante che si intuisce dal promo della prossima puntata.
    Insomma, io ci voglio ancora credere.

    ps: a me l’idea del caso impegnativo che si sviluppa nell’arco di diverse puntate piace, in fondo è molto meno verosimile che uno studio legale -ancorchè affollato di brillantoni- riesca ad uscire vittorioso da casi all’apparenza quasi impossibili nel giro di pochi giorni.

  31. Tartaruga scrive:

    @ Luca:
    Ma_che_cosa_blateri?
    Stiamo dicendo esattamente la STESSA COSA e cioè che la serie è peggiorata… i commenti sono tutti concordi in questo senso più o meno. Anche chi dice che la puntata è bella dice cmq che la serie stava facendo cagare, quindi…

    Se la serie era da 5 stelle adesso è da 2, ci sono pure serie che valgono 1 rispetto alle quali Suits è meglio, ma rispetto alle prime due season QUESTA SUITS FA PENA e se non campasse di rendita [cioè su quanto fossero fighe le prime due serie] non varrebbe la metà di quello che vale : io personalmente seguo la serie (così come continua a farlo Serialmente, per motivi loro) perchè mi aspetto/auguro che torni ai suoi antichi fasti, se continuasse su questi binari la abbandonerei… io sinceramente non capisco che differenza profonda tu ci possa trovare tra il “stroncare la serie” e “criticare la puntata”… inutile che vai a fare il figo su queste sottigliezze insignificanti…una stroncatura E’ di fatto una critica, critica giustificatissima che perdura da diverse puntate tutte abbondantemente criticabili.
    Comunque non capisco cosa ci sia di male nel stroncare qualcosa… sono d’accordo con te che spesso i critici per sentirsi tali sganciano bombe stroncanti di qua e di là… e magari su Serialmente l’hanno fatto per altre serie che io non seguo -Tipo Dexter- … MA NON E’ QUESTO IL CASO, nel senso che una volta tanto (?) la stroncatura è davvero motivata da un imbarazzante (oserei dire) calo di qualità…

    Se questa fosse la prima serie di Suits io avrei già smesso di guardarla.

  32. Marco Mori scrive:

    Concordo sulla recensione e con molti commenti: questa stagione è uno strazio. Mike con Rachel sono insopportabili quanto inutili alla trama, e la storia col padre di lei fa ridere. Siete lì a parlare di milioni di dollari e stai a fare l’offesa?, ma vai a fare l’università su marte, darling.
    Harvey è stato rapito dagli alieni ed è solo un’eco di quelllo della prima stagione. L’emergere della trafottenza di Mike e la sua definitiva spavalderia con jessica e HArvey in questo episodio mi fa sempre più credere quanto già detto per l’episodio precedente: Mike è cattivo, stronzo e egocentrico. E pforse hanno già deciso anche gli autori solo che , mentre ci risolvono questioni legali e tradimenti nel giro di mezzo episodio, vogliono lentamente accompagnarci ad odiarlo per tutta sta stagione. (così voglio sperare). ma secondo me sbagliano, NOn hanno capito che la chiave di salvezza di sta serie a cui ormai do la sufficienza, sta nel rifocalizzarsi sul personaggio e e ruolo di mike come personaggio discriminante le storie: “delfino con harvey, curiosità e strumento di ricatto per jessica, oggetto del desiderio personale per rachel, professionale per luis.. dimenticata la sua memoria, e il suo ruolo con harvey e la sua truffa ha significato trasformare questa serie in un incrocio pessimo tra Ally Mc Beal e the good wife, con abiti di sartoria.

  33. Luca scrive:

    Tartaruga ha scritto:

    @ Luca:
    Ma_che_cosa_blateri?
    Stiamo dicendo esattamente la STESSA COSA e cioè che la serie è peggiorata… i commenti sono tutti concordi in questo senso più o meno. Anche chi dice che la puntata è bella dice cmq che la serie stava facendo cagare, quindi…
    Se la serie era da 5 stelle adesso è da 2, ci sono pure serie che valgono 1 rispetto alle quali Suits è meglio, ma rispetto alle prime due season QUESTA SUITS FA PENA e se non campasse di rendita [cioè su quanto fossero fighe le prime due serie] non varrebbe la metà di quello che vale : io personalmente seguo la serie (così come continua a farlo Serialmente, per motivi loro) perchè mi aspetto/auguro che torni ai suoi antichi fasti, se continuasse su questi binari la abbandonerei… io sinceramente non capisco che differenza profonda tu ci possa trovare tra il “stroncare la serie” e “criticare la puntata”… inutile che vai a fare il figo su queste sottigliezze insignificanti…una stroncatura E’ di fatto una critica, critica giustificatissima che perdura da diverse puntate tutte abbondantemente criticabili.
    Comunque non capisco cosa ci sia di male nel stroncare qualcosa… sono d’accordo con te che spesso i critici per sentirsi tali sganciano bombe stroncanti di qua e di là… e magari su Serialmente l’hanno fatto per altre serie che io non seguo -Tipo Dexter- … MA NON E’ QUESTO IL CASO, nel senso che una volta tanto (?) la stroncatura è davvero motivata da un imbarazzante (oserei dire) calo di qualità…
    Se questa fosse la prima serie di Suits io avrei già smesso di guardarla.

    Senti ma da quando abbiamo mangiato insieme e quindi puoi permetterti di dirmi che faccio il figo e che sono assurdo?

    Ragazzino (lo spero per te) stai al tuo posto che qui non si attacca nessuno sul personale, si parla in tranquillità di un argomento (i serial) che ci appassiona.

  34. Psi scrive:

    Tartaruga ha scritto:

    Stiamo dicendo esattamente la STESSA COSA e cioè che la serie è peggiorata… i commenti sono tutti concordi in questo senso più o meno. Anche chi dice che la puntata è bella dice cmq che la serie stava facendo cagare, quindi…

    No; tutti sono concordi nel dire che c’è stato un calo di qualità, non che la serie è diventata brutta.

  35. Lox scrive:

    Hai per caso detto “STORYLINE”? ;)

  36. Lebowski scrive:

    @Lulu
    Il tuo commento è la miglior recensione che abbia letto qui dentro su tutta la serie.

    Sulla questione Louis-e-il-gatto non so più cosa pensare. Sono anche arrivato a ipotizzare che la Saioni (script supervisor della serie ma con un passato da standup comic) stia avendo su Korsh un pessimo ascendente perché non riesco proprio a immaginare come gli autori possano essere arrivati a partorire alcune scene di questo episodio. Spiace davvero vedere il povero Macht sforzarsi di mantenere un’espressione seria mentre urla “Louis you’ve lost your shit during the negotiations because someone didn’t read your letters to their cat?”

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.