true blood 6x10 radioactive

Insomma, ce la siamo cercata. Abbiamo passato questa sesta stagione di True Blood rallegrandoci del fatto che fosse in qualche modo tornato alle origini, che avesse messo (relativamente) da parte i suoi fantastilioni di storyline inutili su esseri soprannaturali a casaccio per concentrare (quasi tutta) la sua attenzione sui vampiri e sul contrasto millenario tra i non morti e i vivi, per cullarci in un’allegoria trash, tra esplosioni splatter (il pene sanguinolento della scorsa puntata non lo scorderò facilmente) e metafore urlate a pieni polmoni. E naturalmente, fedele alle origini, la sesta stagione di True Blood ci propone un tipico finale di stagione di True Blood: tagliato decisamente a metà, nella prima parte risolve frettolosissimamente le ultime faccende in sospeso, nella seconda è praticamente la premiere della stagione a venire.

Plot twist: la seconda parte è molto meglio della prima. Ma, innanzitutto, bisogna dirlo: Radioactivity è un frullato di momenti WHAT THE ACTUAL FUCK?!!??!1! con pochi eguali. Il gradimento o meno della puntata dipende invariabilmente dalla disposizione dello spettatore a lasciarsi trascinare in questa montagna russa che passa dal “molto brutto” al “quasi geniale” al “ma che cazzo vi siete fumati?” al “ciao, coerenza narrativa, è stato bello conoscerti, qualche secolo fa”. Non ricordo chi diceva che “non è esattamente saltare lo squalo se non si atterra mai”: quel che auguro a True Blood, per la prossima annata, è di riuscire miracolosamente a restare in aria senza sfiorare il suolo.

GOODBYE WARLOW

Il vero finale di stagione (quello che chiude la storyline principale, sbarazzandosi della minaccia stagionale), come da tradizione, è stato nell’episodio 9: ai vampiri liberati non resta che godersi una tranquilla giornata di sole, organizzando un party sorprendentemente moscio nel giardino della villa di Bill. I succhiasangue, dopo secoli costretti nel buio della notte o al massimo nella penombra di luci artificiali, possono finalmente assaporare la straordinaria meraviglia dei raggi di sole sulla pelle, e cosa fanno? Organizzano una partita di beach volley. Okay, qualcuno copula nel prato, qualcun altro balla il charleston tra l’erba (e posso solo augurarmi che sia perché il sangue di Billith fa questo effetto). Ma, insomma, niente di che. Il picco di assurdità è la scena in cui Pam abbraccia Sookie. Il sangue di Billith è una droga potentissima.

Dopodiché, giusto per ravvivare un attimo gli animi, viene fuori che Warlow, il potentissimo e inscalfibile vampirofata che per metà stagione se n’è stato legato a un albero nel retro di un flashback smarmellato di Veronica Mars cercando di convincere Sookie ad amarlo perché sono destinati l’uno all’altra dalla notte dei tempi, in realtà è CATTIVO. Il cambiamento è così repentino e urla “cattiva scrittura” da ogni frame, ma mettetevi un attimo nei panni di Warlow. Era un fato (maschile di fata) felice, ma un giorno Lilith l’ha fatto diventare vampiro. Lui ha ucciso Lilith, ha massacrato la sua famiglia e la sua tribù (ma ha salvato Niall), ha girovagato per 5mila anni tra diversi universi, convincendosi che avrebbe trovato pace solo insieme a Sookie Stackhouse. Di certo non si aspettava che Sookie Stackhouse fosse una tale lagna stracciamaroni. A tutti noi è venuto voglia di dissanguare Sookie Stackhouse, una volta o l’altra, e la nostra pazienza non ha avuto 5mila anni per esaurirsi.

La mia di certo si è quasi esaurita all’ennesimo assalto del settimo cavalleggeri in soccorso di Sookie. Così come ho alzato gli occhi al cielo quando il potentissimo invincibile fenomenale imbattibile supereroico vampiro millenario è imploso indecorosamente nel cesso di casa Stackhouse, trafitto dal pene paletto di Jason con l’aiuto di Niall, convenientemente riapparso dall’aldilà. True Blood fa dell’anticlimax una delle sue cifre distintive (ricordate la morte di Russell, la scorsa stagione?), ma è un fatto che non potremo mai e poi mai credere a un vero pericolo soprannaturale, d’ora in poi. E’ un paradosso dei fumetti, quello per cui bisogna sempre inventare un cattivo più potente del cattivo precedente, fino allo sfinimento, però non sarebbe male se, una volta tanto, i nostri eroi dovessero metterci un po’ più d’impegno. Però: a. sono contenta che Jason abbia avuto il suo momento di gloria; b. rivedere Rutger Hauer è comunque sempre un piacere.

La morte di Warlow, ovviamente, ha un effetto collaterale che nessuno poteva aspettarsi, e so che siete tutti qui per parlare di questo: la morte (?) di Eric. Defunto Warlow, tutti i vampiri che avevano il suo sangue in corpo perdono la possibilità di camminare sotto il sole. Poco male, tanto in Louisiana è notte. Ma Eric ha pensato bene di volarsene dall’altra parte del mondo e di leggere un libro tra le nevi svedesi completamente nudo. Lo vediamo prendere fuoco come un cerino, mostrandoci le sue grazie virili [parentesi 1: il nuovo showrunner ha commentato "non ho dovuto nemmeno convincerlo al nudo integrale: è scandinavo". Parentesi 2: ho letto un po' di recensioni d'oltreoceano e la gran parte dei commenti si concentra sulla lunghezza del pene di Skarsgard, lamentando che non abbia "fassbenderian proportions". Ma che, davero?]. Se abbia davvero incontrato la vera morte oppure no, lo scopriremo solo vivendo l’estate prossima. Pam era partita in sua ricerca, quindi può pure essere che lo abbia, in qualche modo, salvato (era nella prima stagione che Bill si ustionò per benino, ma sopravvisse?). Posso solo dire che, per quanto sia coraggioso uccidere un personaggio così importante, ammazzare il protagonista più interessante della serie mi sembra solo stupido [vi rimando alle note per eventuali spoiler], ma la scena l’ho trovata comunque divertente.

SEI MESI DOPO

Di solito, il “sei mesi dopo” è un escamotage del cavolo. Non sai più cosa fare, allora ci piazzi una bella ellisse e cambi tutte le carte in tavola senza prenderti il disturbo di mostrare come sono avvenuti mutamenti e trasformazioni. E che trasformazioni: Bill è a un talk show sull’MSNBC a presentare il suo libro in cui confessa al mondo ogni singolo evento della sesta stagione; Sam è il sindaco di Bon Temps; Arlene ha rilevato il Merlotte’s, che ore è il Bellefleur’s; Sookie sta con Alcide; Jason è reduce da 165 giorni ininterrotti di cunnilungus sulla vampira ipercattolica che però non ricambia il favore (vuol dire che Jason non fa sesso da 165 giorni!); il mondo è minacciato da orde di vampiri zombie.

Ci siamo arrivati (e so che, dopo aver parlato della morte e del pene di Eric, siete tutti qui per parlare di questo): i vampiri zombie. Non facciamo finta di non sapere che, prima o poi, sarebbe successo. Dopo le pantere mannare, i demoni iracheni, i medium messicani, le streghe casalinghe, i VAMPIRI FATA, potevamo forse non prevedere che, prima o poi, sarebbero arrivati i vampiri zombie? Lo profetizzò addirittura Arlene, a suo modo, nel finale (se non erro) della quarta stagione, in uno di quei momenti di autoironica metaconsapevolezza che True Blood si bea di regalarci di tanto in tanto. I vampiri zombie sono l’effetto della creazione dell’Epatite V, un virus che si è diffuso e modificato, e che invece di uccidere i succhiasangue li trasforma in esseri insaziabilmente voraci ma molto più deboli. Gli esseri umani sono immuni al virus, ma possono esserne portatori sani. E a Bill Compton – che non è più un semidio, ma a quanto pare non ha smesso di avere vocazioni messianiche – viene l’idea geniale che umani (non infetti) e vampiri (sani) possano essersi reciprocamente d’aiuto.

Ora, secondo la sottoscritta, pur con tutto il suo carico di MACCOSA?, questa seconda parte di finale funziona, ed è di gran lunga più interessante e accattivante della prima. Innanzitutto, non abbandona la tematica centrale che ha fatto la fortuna delle prime stagioni di True Blood e di questa sesta annata: la coabitazione tra umani e vampiri. La stagione 6 ha ribaltato l’assioma prede/cacciatori, facendo dei vampiri le vittime e degli umani i pericolosi carnefici. La stagione 7 si propone di rimescolare tutto ancora, costringendo umani e vampiri non solo a una convivenza forzata dall’abitare lo stesso pianeta, ma a una relazione di interdipendenza. I vampiri hanno bisogno di sangue umano (presumo che il TruBlood, per ora, non sia più in produzione… e comunque chi si fiderebbe a berlo?) per vivere, gli umani hanno bisogno che i vampiri normali li proteggano dai vampiri zombie. La METAFORA è come al solito evidentissima e spiattellata, ma è per questo che True Blood ci piace (?).

Inoltre, questa scelta promette (e vedremo se manterrà) un coinvolgimento di tutti i personaggi nella linea narrativa principale. Se ogni umano sarà costretto – volente o nolente – a legarsi a un vampiro, è legittimo aspettarsi che, più di tanto, non potremo avere storyline alla deriva come rami secchi. Gli stessi Sam e Alcide (a mio parere, le uniche note veramente dolenti di questa sesta annata) sono stati riassorbiti dentro il racconto corale e collettivo della stessa storia. Se True Blood 7 saprà concentrarsi sul conflitto umani+vampiri VS vampiri zombie – e magari rimanere confinata a 10 episodi, anziché 12 – credo ci siano speranze di una maggiore agognata coesione.

A queste buone scelte narrative, poi, mi è parso corrispondere un miglioramento della scrittura. Dopo il salto temporale, oltre alla curiosità di vedere “che cosa è cambiato” (facile) c’è la curiosità di capire il perché (meno facile) e pure un vago senso di minaccia, nonostante per un po’ ci sembri che tutti stiano più o meno bene. C’è da dire che, se per la maggior parte delle altre serie, spostarsi di mesi/anni in avanti è un espediente banalotto, per True Blood è aria pura: se eccettuiamo il salto di due settimane alle fine della prima stagione e quello di un anno tra la terza e la quarta, tutti i parossistici eventi della serie si sono sempre svolti in pochissimo tempo, provocandoci una sensazione di soffocamento e anche di frustrazione per la scarsa evoluzione dei personaggi. Ehi, so bene che probabilmente mi sto autoilludendo: ma, mentre la prima metà di finale mi aveva fatto salire un nervoso considerevole, la seconda mi ha rasserenato, regalandomi anche una moderata curiosità per la prossima annata.

Non è così scontato, per una serie costruita sull’eccesso e arrivata fino a qui mostrandoci tutto e il suo contrario. Certo: qualcuno (tanti) può essersi stufato lungo la strada, e ne avrebbe pure tutte le ragioni. E spero proprio che Eric non sia davvero morto: non fraintendetemi, non lo dico da fan (ho sempre un gran debole per Skarsgard) che vuole continuare a vedere il suo attore/personaggio preferito. Ma credo che il vichingo sia uno dei caratteri migliori, uno di quelli che non si è ancora esaurito, uno dei pilastri narrativi: farne a meno, proprio nel momento in cui si è deciso di rivoluzionare così il setting, potrebbe essere un discreto autogol.

Cionondimeno, il mio voto alla puntata e alla stagione è il medesimo.

Ok.NOTE NOTE NOTE:

  • Rivedere la tremenda mamma di Tara, nello scorso episodio, mi aveva fatto presagire il peggio, e infatti ecco che qua ritorna a essere un personaggio di rilievo (almeno pare). Sarà pure stata una scena straziante, e importante per la risoluzione del personaggio di Tara (ma a chi cazzo frega ancora delle menate familiari di Tara? Non siamo tutti più felici da quando è diventata vampira e la sua famiglia è diventata Pam?), ma speravo davvero di non rivederla mai più. E, tanto per la cronaca, in molti si sono chiesti se mammadiTara non fosse in realtà infetta e non abbia contagiato la figlia con l’Epatite V. Per dire, quanto ci fidiamo di questi momenti riconciliatori.
  • Bill, non più Billith, è tornato al suo posato accento da gentiluomo. Di contro, Sam, diventato sindaco, ha acquisito una parlata del sud ancora più marcata. Probabilmente a Bon Temps, quando si acquisisce potere, si eredita anche il modo di fare di un buzzurro sudista.
  • “You really are a dangerous whore”, Sookie. A me delle accoppiate di True Blood, non frega una cippa, ma questa cosa che Sookie, nel giro di poche ore, sia passata da promessa sposa di Warlow a fidanzata di Alcide, passando per una capatina (assolutamente random) da Sam (giusto per controllare), fa un sacco ridere. Altro che Team Bill VS Team Eric, vorrei avere anch’io la sua fairy vagina.
  • So che probabilmente non accadrà e che la storyline delle fate è chiusa, ma non mi dispiacerebbe rivedere Niall, soprattutto se in coppia con Jason.
  • A proposito: Jason vincitore assoluto della stagione, se non fosse per il dettaglio che ora appartiene a una vampira sadica.
  • Jessica con il vampiro hippy (ricordo che è interpretato dallo stesso inutile attore che faceva Ryan in Brothers & Sisters) non mi dice niente, ma Jessica che non sa perdonarsi per aver ucciso le fatine e offre la sua protezione a Andy e Adelyn mi piace. E Deborah Ann Woll è proprio brava, oltre ad essere gnocca.
  • Veniamo agli SPOILER. Non leggete se non volete anticipazioni sulla prossima annata. Il nuovo showrunner Brian Bruckner ha dichiarato che Alexander Skarsgard sarà un regular nella stagione 7. Questo non vuol dire per forza che non sia morto, abbiamo avuto abbastanza fantasmi, visioni e possessioni per sapere che la morte, in True Blood, non è mai definitiva. Ciò detto, io spero che ritorni in quanto Eric Northman, vampiro e vegeto. Abbiamo già avuto modo di sperimentare un Eric non Eric nella quarta annata, e non è stato bello. Bruckner ha pure detto che la mamma di Tara era sincera nel suo tentativo di riconciliazione, ma anche questo, chissà perché, è lungi dal rassicurarmi.

Alice Cucchetti

Mi piacciono le canzoni con i finali tristi, gli androidi paranoici e i paradossi temporali. Scrivo sul settimanale Film Tv, curo le pagine della televisione per il mensile Nocturno e recensisco film e altro su Mediacritica. Non aggiorno mai il mio blog perché passo tutto il mio tempo su Tumblr.

More Posts - Website - Twitter - Facebook

Commenti
46 commenti a “True Blood – 6×10 – Radioactive”
  1. sydneybristow scrive:

    la prima metà di questo episodio è davvero wtf.
    Forse mi sono persa qualcosa, ma come è possibile che proprio mentre Warlow sta per far fuori Sookie, non solo salta fuori Jason con il paletto magggico, ma si apre pure il portale con nonno Niall pronto ad afferrare Warlow? whaaaat??

  2. Bliss scrive:

    Sono completamente d’accordo con la recensione,la morte di warlow e tutta la sua scrittura che non si può perdonare a questa stagione, è stato un cattivo ridicolo con comportamenti insensati. E’ anche vero che secondo me a volte sopravvaluriamo tb.Menomale che sono passati i sei mesi a me l’introduzione è piaciuta. Eric sarebbe definitivamente morto solo se non ci fosse più stato modo di trattenere l’attore, perchè il suo personaggio ha ancora molto da dire.
    l’aria che tira per la settima stagione sa di ritorno alle origini definitivo e ben venga…..

  3. AthanasiusPernath scrive:

    a chi ha scritto le scene di Warlow andrebbero tagliate le dita

  4. Lorenzo scrive:

    Ottima recensione, sottoscrivo al 99%

  5. Alberto scrive:

    Bella recensione, ha davvero centrato tutti i punti di forza e debolezza di questa puntata!
    Io sono DELUSISSIMO di come sono state risolte le 3 grandi storyline della stagione (Vamp Camp,, Billith, ma soprattutto Warlow, personaggio interessantissimo, lasciato in panchina e poi ucciso come un pirla con un deus ex machina gigante).

    Ma detto questo, la puntata, forse proprio per la sua seconda parte, per il WTF gigante, per Bill che ama di nuovo Sookie (si, sono un romanticone!!!), per le storyline che si prospettano per la prossima stagione, mi è piaciuta parecchio!!

  6. .rIFF scrive:

    AthanasiusPernath ha scritto:

    a chi ha scritto le scene di Warlow andrebbero tagliate le dita

    Chi ha concepito il personaggio di warlow andava tagliato ben altro ma del resto è in buon compagnia tra la menade innamorata dei tori e bilith della stagione scorsa, stiamo tutti qua a farci illusioni su cosa capiterà poi finisce come vediamo tutte le volte

  7. Valentina scrive:

    Per me, uno dei migliori episodi di True Blood da due stagioni a questa parte. Veloce e coinvolgente, non ho staccato un attimo gli occhi dallo schermo – almeno fino a che non è entrato in scena Sam, il big bang della noia. Evidentemente gli autori lo inseriscono giusto in tempo per la pausa toilette degli spettatori.

    A riflettere sulle svolte narrative ci sarebbe da dire che alcune siano state sorteggiate o scritte coi piedi da uno zoppo, ma se la prossima stagione mantiene questo ritmo e questo carattere, va bene pure così. A me True Blood in versione WTF/kickass piace.

    Unico neo: il cliffhanger(ino) di Eric, pubblicizzato al Comic Con di San Diego dallo showrunner. Un po’ da ultima spiaggia.

  8. .rIFF scrive:

    Se hanno coraggio devono introdurre la versione casper di Steve Newlin, intento a far impazzire Jason giunto nel frattempo al 568° cunnilingus senza aver inzuppato il biscotto.

  9. fluorocromo scrive:

    Per me questa stagione è stata veramente godibile dall’inizio alla fine. il finale è un classico finale alla true blood: caciarone dall’inizio alla fine
    il six month later è stato un continuo What the fuck, non ci potevo credere, più si andava avanti e più strabuzzavo gli occhi, in bilico tra la cosa più trash e la cosa più divertente vista questa estate. Quindi per me La stagione è promossa a pieni voti, salvo qualche caduta in qualche episodio è andata più che bene
    La scena della morte (?) di Eric è favolosa, meriterebbe un premio tutto suo.

  10. jackson1966 scrive:

    D’accordo con la recensione (peraltro scritta da Dio) per la prima parte del finale, per niente d’accordo sulla seconda parte: a me ha fatto venire i nervi più della prima parte, e ce ne voleva eh!! Assurda, scritta senza fare pace con il loro cervello dagli autori, nè capo, nè coda, e continuerei così all’infinito per descrivere questa “cosa” chiamata finale di TB: gli altri a confronto sono dei capolavori.
    Applauso a colui che oltre ad essere il personaggio più sprecato della storia della tv (Warlow) è riuscito a fare ciò che, credo, come me milioni di fans avrebbero voluto fare da tempo: dare una mega sberla a Sook, peccato che sia stata solo una accidenti!!
    P.S. A me Alex/Eric va bene in tutte le salse e dimensioni quindi se proprio bisogna buttarlo via (soprattutto in favore di Fassbender) io sono qui sapete!!!!

  11. Giulio scrive:

    SCREENCAP DELLA VITA.

    L’espressione fassbenderian proportions merita una menzione negli annali.

    Sulla stagione: mmh, ok. Niente di esaltante, ho preferito di gran lunga quella dell’anno scorso. Mi è sembrata al livello della prima, addirittura forse della terza, per via dello schema (citato da Alice) crescendo positivo + finale dimmerda. Warlow aveva un sacco di potenziale, davvero un gran peccato.

    PS Quando ho letto “Radioactive” ho subito pensato a Marina & The Diamonds, non agli Imagine Dragons. Maledetti omonimi, sob.

  12. Amistade scrive:

    Tra Fassbender e Skarsgard ovviamente non c’è paragone. Detto questo, io amo Eric (senza parrucca e con la memoria) e quando l’ho visto prendere fuoco, non ho pensato neanche per un momento che potesse morire come un coglione, perchè so che ai piani alti della HBO lo amano anche di più ($$$$$).
    Menzione d’onore a quel genio incompreso di Bill che si allea con noiaSam e reverendi e diventa il protettore/Padrino di Bon Temps, oltre che una celebrità. Scema io che pensavo che sarebbe morto.
    Warlow, invece, è stato introdotto esclusivamente per mostrarci che Bill non è così stronzo come sembra e che Sookie è 100 milioni di volte più idiota di quanto pensassimo.
    Condoglianze alle funz del “dolcissimo” Ben :D

  13. Lisa scrive:

    Anch’io concordo con la recensione per quanto riguarda la prima parte dell’episodio, mentre ho trovato la seconda parte altrettanto sciattona. Per me è proprio un finale scritto male, a livello di trama, personaggi, tutto. La risoluzione della vicenda di Warlow di una demenzialità troppo campata in aria per strappare anche solo un sorriso, il “sei mesi dopo” soporifero e troppo superficiale per essere preso un minimo sul serio. A mio parere. :)
    Un OK ai primi quattro/cinque episodi della stagione -soprattutto al quarto che sembrava molto promettente- un MEH ai successivi e decisamente un BIG FUCKING NO NO NO a questo Radioactive.

  14. Thiliol scrive:

    Qualsiasi cosa di questo episodio cade rovinosamente davanti al fatto che Eric prendeva il sole (e leggeva una rivista!) completamente nudo sulle nevi svedesi…cioè, GENIO!

    Comunque, concordo in toto con la recensione, molta curiosità sulla faccenda del patto tra umani e vampiri. Per me è OK, così come è OK tutta la stagione.

  15. Basil scrive:

    Sapere che Sookie è finita con Alcide mi ha lasciato interdetto. Lo scorso (?) episodio, quando è andata a menarla da Sam mi sono detto, ok, gli autori hanno deciso di finirla con questa storia che ogni due per tre deve darla a qualcuno, stanno tirando le somme, ben venga (non che mi sia mai fregato nulla delle storie sentimentali di Sookie). Ma Alcide? Si capisce che sono andati per esclusione, che il salto temporale aiutava, che in questo modo potevano ancora scrivere scene su di lui (sui licantropi spero mai più). A questo punto o lo avrei fatto fuori (tanto è inutile) o magari gli avrei dato un ruolo più attivo nel salvataggio (lol) di Sookie, giusto per dare una motivazione più forte a questa scelta. E invece boh. Ora mi rendo conto che da TB è meglio aspettarsi trash e svago, ma io un personaggio come questo non lo posso più reggere: è partito da lupo solitario, poi si è unito al branco, poi ha scalato il branco per finire di nuovo da lupo solitario? E la crescita del personaggio quale sarebbe, quella avvenuta nel salto temporale?
    Mi sentirei di tirare le somme anche su Bill (e sulla crescita del personaggio), da vampiro maledetto, a vittima di Lorena, ha scavalcato subito lo sceriffo diventando prima Re, poi capo dell’Autority, poi ”Dio”… non oso immaginare che ruolo avrà nella prossima stagione, ma da cocco degli autori (mia impressione) sicuramente avrà IL ruolo centrale fra la coalizione umani-vampiri vs vampiri zombie (magari con la sua nuova popolarità ed influenza), ed ovviamente mi aspetto che rivoglia Sookie tutta per se, -.- .

    Ultima considerazione, mi sbaglio o quando Bill si era bello che abbrustolito al sole senza morire aveva fatto il pieno del sangue di Sookie, che a differenza di quello di Warlow nel caso di Eric, “era attivo”?
    Spero che non sia morto perché concordo sul fatto che fosse uno dei personaggi meglio riusciti, ma la vedo dura, seppellirsi sotto la neve? Non si scioglie? XD Pam che lo salva? Ce la vedo piovere giù dal cielo tutta un fuoco come una meteora -.-’ Sarà morta pure lei? -.-’

  16. Manq scrive:

    Dico la mia per punti in ordine chiaramente sparso. non ho letto gli spoiler, quindi non ne faccio nel commento. Almeno non in maniera conscia.
    1- A me le morti anticlimatiche dei big bad piacciono un sacco, così come mi piace tutta la struttura di TB. La trovo tutt’ora abbastanza peculiare e direi unica nel panorama televisivo.
    2- La morte di Eric secondo me è stato un momento bellissimo proprio perchè è il miglior personaggio della serie. Sacrificare il tuo cavallo di punta con un WTF clamoroso secondo me è scelta geniale. Certo, può essere un problema, ma non è detto lo sia. Sicuramente è un azzardo. Ma la scenza, cazzo, è bellissima. :D
    3- Per me la portatrice sana di V è Sook. E lei lo sa.
    4- La parte di Tara è onestamente l’unica roba orrenda di questo episodio.
    5- La stagione per me rimane colossale, ma io fino ad ora boccio solo la 4.

  17. lupus in fabula scrive:

    naaa, eric non può essere morto: se volevano far fuori un personaggio della sua importanza, oltretutto adorato dai fan, avrebbero dedicato un episodio intero alla sua morte. Prima ci avrebbero infarciti di flashback su di lui per farci empatizzare, e una volta fatto salire il livello emotivo per trenta minuti, gli avrebbero dato una morte epica. Va bene che gli autori di true blood sono un branco di psicotici a corto di medicine, ma nemmeno loro toglierebbero di mezzo eric così, in pochi secondi, in una scena mischiata a tante altre.

  18. Eus scrive:

    Questa stagione mi ha lasciato abbastanza confuso. Stendo subito un velo pietoso sugli sprecatissimi Warlow e Niall. Per fortuna c’era da ridacchiare, negli ultimi due episodi, e alcuni momenti splatter notevoli ma, poi, un tentativo troppo azzardato di favorire i personaggi a scapito del plot. Ne parla anche Buckner nell’intervista citata su: questo passare da una serie plot-driven ad una sui character era quello che temevo; se n’è visto un assaggio nel calo di ritmo di metà stagione, confermato dal preambolo alla prossima (il sei mesi dopo).

    La scena di Eric, quella di Tara e la mia amatissima Lettie Mae mi sono piaciute un mondo: la prima per l’ilarità esaGGGerata e il finto cliffhanger, la seconda per il contrappasso dark, che fa veramente tanto “true bleah”.
    Sull’orda di mutanti non ho grandi aspettative (tipo rivedere un po’ di brutti sporchi e cattivi, qualcuno tipo Franklin, buonanima/ oppure trastullarmi nella metafora della sicurezza), sembra solo un escamotage per raggruppare i personaggi e farli interagire in conversazioni pallosissime (cfr. sempre quella intervista a Buckner, che sembra aver deciso di cambiare la serie e “normalizzarla”). Io, personalmente, non sopporto i triangoli, o la geometria in generale, quindi mi nutrirò di WTF (se ce ne saranno).

  19. Valentina scrive:

    Manq ha scritto:

    5- La stagione per me rimane colossale, ma io fino ad ora boccio solo la 4.

    Eppure la 4a stagione ha delle chicche trash favolose, tipo quando Jessica immagina come la prenderebbe Hoyt se lo lasciasse e gli sfracassa la testa sul piano della cucina.

  20. Pepkins scrive:

    D’accordo con tutta la recensione. True Blood deve essere guardato per divertire. E questa sesta stagione è stata veramente divertente. E la settima potrebbe rivelarsi ancora interessante. W il trash e l’estate con True Blood!

  21. LucaM scrive:

    Eric: shower or grower?

  22. Dampyr scrive:

    Solo una cosa conta (almeno per chi, come me, ha dovuto sopportare in questi anni la rottura di pa**e continua sul vichingo)..
    e cioè che il super biondone svedesone Eric/Alexander ha il c**o piccolo.. hahahahaaa.
    Sono piccole (appunto) soddisfazioni per noi comuni mortali.

    Ed ora scatenatevi pure…

  23. ele scrive:

    mi hai fatto morire dal ridire .. tutto vero!

  24. Dampyr scrive:

    Ma si dai ele.. anche superdotato no..
    e che c….
    un po’ di giustizia!

    Che poi in realtà, se davvero non è messo “benissimo” come qualcuno lascia intendere e lui invece di farsi paranoie si spoglia tranquillamente in un (tele)film.. beh.. quasi quasi mi diventa pure simpatico.
    Forza Alex-ino dunque…

  25. missy scrive:

    Splendida splendida splendida recensione. E mi trovo d’accordo su tutto ciò che dici. Thumbs up!

  26. Manq scrive:

    @ Dampyr:
    Beh, dai, non credo faccia fatica a beccare il ragazzo. Indipendentemente. Quindi boh, non vedo davvero dove stia la prova di coraggio.
    Sarebbe come elogiare l’autostima di tutte quelle attrici che fanno scene in topless però hanno le tette piccole. Son gnocche fotoniche uguale. ;)

    Ah, sia chiaro, Manq endorsa il topless a qualunque livello. :D

  27. Alice scrive:

    Le stagioni migliori di True Blood, secondo me, sono quelle dispari. Quindi per la prossima c’è ancora speranza.

  28. Ivy scrive:

    TB è finito palle al vento. NOn metaforicamente stavolta. Posso chiedere di più? No. Quindi viva la stagione ;)

  29. .rIFF scrive:

    Comunque sia Suki ha già assaggiato la cucina nordica, quella balcanica con alcide, quella di casa con Bill e quella globetrotter con Warlow.

    Per renderla cittadina (battona) del mondo le mancano giusto un vampiro nero (lì non avrà problemi di proporzioni o meglio dovranno schiodarla dal soffitto dopo ogni amplesso) ed uno cinese. L’ultimo, quello arabo, cercherà di rinchiuderla in un burka di cemento armato ma la forza dell’amore (ovvero degli altri maschi allupati) avrà la meglio anche su di lui.

  30. lodo84 scrive:

    Spero anch’io che Mr. Northman torni “vivo” e vegeto nella prossima stagione, ma forse è stato tralasciato, involontariamente, che un pò del suo sangue scorre nelle vene del caro Jason Stackhouse, e che quindi la sua apparizione possa limitarsi ai soli sogni erotici che si troverà a fare (spero che gli sceneggiatori non si facciano sfuggire questa possibilità, ricordo ancora il sogno di Sam con Bill LOL)
    http://www.youtube.com/watch?v=kkbSSuFVBNA

  31. Froid scrive:

    L’errore nostro è stato di credere che Warlow fosse un punto centrale della stagione quando invece, oltre a rappresentare un serbatoio di magic blood per Eric e Bill, era solamente un cretino a caso passato tra le gambe di Sookie. Cretino che, giustamente, fa una fine ignobile perchè nessun supercattivo potrà mai sostituire il compianto Russell Edgington nei nostri cuori.
    Un OK alla stagione con svariate somme punte di FY perchè quando True Blood spinge sull’acceleratore raggiunge livelli vertiginosi.
    Inutile, come ho già detto qualche recensione fa, pretendere verosimiglianza o continuità narrativa da questa serie perchè il suo marchio di fabbrica è il continuo ed impenitente WTF e ringraziamo per questo.

    P.S. Eric morto? Ma fatemi il piacere.
    P.S. 2 Nonno Niall resta, ti supplico.
    P.S. 3 E’ da almeno 3 stagioni che aspetto l’arrivo degli zombie. Era ora !

  32. Toni scrive:

    Recensione non condivisibile.
    Voto alla stagione: MEH.
    Voto alla puntata: BIG NONO.
    Un consiglio ai nuovi showrunner: ANDATE A ZAPPARE.

  33. mariotto scrive:

    Puntata media, ho trovato più intrigante la seconda parte che una sbrigativa prima parte, della quale scrivendo oggi già faccio fatica a ricordare i dettagli.
    A me piace la seconda parte perchè unisce esseri straordinari nel contesto urbano-civile in un luogo fortemente agreste e provinciale ed è più facile identificarsi con uno a caso dei protagonisti ( io con Sam…) umani o amici degli umani.
    Stagione con alti e bassi, ma più che sufficiente per essere rivista una seconda volta tutta di fila.
    Ps: nessuno sa rispondermi su che fine ha fatto la cugina di Sookie e il suo nipotino fatato ?

  34. Valentina scrive:

    mariotto ha scritto:

    Ps: nessuno sa rispondermi su che fine ha fatto la cugina di Sookie e il suo nipotino fatato ?

    Se non ricordo male, Warlow ha massacrato tutti quelli nel club fatato, mezzo minuto dopo che Sookie gli aveva indicato l’esatta ubicazione…

  35. Cable scrive:

    @ mariotto:
    Cugina e nipotino sono scappati dal rifugio fatato prima che Warlow facesse lo sterminio di massa.

    Comunque, alla fin fine, stagione niente male.
    “Le magiche avventure di Sam&Alcide” sono state noia totale. Alcide si era anche imbruttito con quei capelli alla “ho perso la spazzola” e la barba incolta, quindi non c’è stato neanche il gusto della carampanata. Per non parlare dell’ipocrisia di Sam, che ci ha messo circa un giorno (ora più ora meno) a dimenticare Luna in favore di un’altra tizia che ha addirittura battuto il suo record, dimenticando il suo ragazzo, anche lui defunto, in qualche ora!!
    Ma i punti forti della stagione mi fanno sorvolare, perché in fondo il True Blood che voglio e a cui bado davvero è gestito da ben altri personaggi: partendo da Pam, continuando per Eric e finendo con un Jason (nel pieno di una rinascita comica), che in squadra con l’esaltata Sarah Newlin fa vere scintille. Peccato per un Lafayette utilizzato male ed una Arlene sprecata nel ruolo di vedova inconsolabile.
    Concordo con la recensione e spero che la nuova stagione possa farci la grazia di avere un numero esiguo di storylines.

    P.S. Eric, torna!! Non ci importa niente di dimensioni e robe varie!!

  36. Faye scrive:

    Credo di essere morta e risorta una mezza dozzina di volte più che leggendo la recensione, leggendo i commenti. Procediamo per ordine, shall we? Shall we.

    Prima parte del season final: BIG NONO tranne la morte (???) di Eric/Alex-ino che è da: FUCK YEAH
    Insomma, concordo sulla recensione (Warlow è stato veramente un…. *ma checazzo?* per la sua pietosa uscita di scena molto alla *non sappiamo più che cazzo farci con questo personaggio*) e se Alex-ino adesso verra snobbato perchè non ha “fassbenderian proportions” (questa merita veramente di entrare negli annali) tranquilli, a me quel dio greco piace anche se mini (?) dotato, compensa tutto di (__|__) e charme! Ce lo spartiamo io e Jack1966! Non posso comunque pensare che sia morto. Insomma, ha mille e passa anni, dovrebbe essere capace di.. boh, scavarsi un buco nella neve semplicemente starnutendo! Dulcis in fundo, un plauso al povero Jason, re indiscusso della perseveranza!

    Seconda parte: 50% OK, 50% FUCK YEAH
    Insomma, è stata molto molto più interessante. La scena “mamma” vs “Tara” mi ha fatto letteralmente scoppiare allarmi in testa all’urlo di *PORTATRICE SANA DI EPATITE V!* Insomma, dato il personaggio della madre, non mi sorprenderebbe affatto. Sam e Alcide è il più grande WTF di tutta la stagione. Dall’inizio alla fine soprattutto dopo il salto temporale. Aggiungiamoci anche Sookie. Insomma………… morisse, lo show ne gioverebbe soltanto. Standing Ovation per Andy vs Jessica, li ho letteralmente adorati.

  37. mariotto scrive:

    @ Cable:
    Speriamo…ma non si è visto o me lo sono dimenticato?

  38. Cable scrive:

    @ mariotto:
    Allora, se non mi sbaglio subito dopo lo sterminio Jason chiede a Sookie che fine abbiano fatto e lei gli dice che erano già andati via. Almeno dovrebbe essere così, per quanto ricordo.

  39. quella scrive:

    Mi suggeriscono che forse è la stazza di Eric a fra sembrare l’arnese “piccolo” :O

  40. A. scrive:

    anche io avevo letto dei commenti poco ‘carini’ sul pacco di Alex .. e anche sul fatto che sia depilato.Si lo so,le mie letture sono di un certo livello.BTW effettivamente se usiamo come unità di misura il buon Jon Hamm forse Alex ci perde,ma se la questione non fosse venuta fuori io non ci avrei proprio pensato..insomma con un vichingo tutto nudo sulla neve,l’ultimo dei pensieri è tirare fuori il centimetro.La conferma di Alex come regular è comunque una notizia positiva anche se ritrovarlo in forma non ‘fisica’ sarebbe una grave perdita per lo show.

  41. LucaM scrive:

    …e vedremo come chiuderanno questa serie, visto che la prossima stagione sarà ufficialmente l’ultima.

  42. Daphne scrive:

    la prossima sarà l’ultima stagione….vediamo se si sputtanano o meno.
    In tutto ciò…quanto sono andati fuori rispetto ai libri? cioè i big no no ci sono anche nella versione cartacea? :D

  43. martocchia scrive:

    @ Daphne:
    io ho avuto il coraggio di leggerli quasi tutti anche se non so perché.
    A un certo punto (diciamo dalla 2 stagione in poi) le trame iniziano a divergere moltissimo.
    Se ci sono dei big no no?
    Diciamo che pare di leggere harmony ma con vampiri, lupi mannari e altre amenità che in confronto la serie è povera di personaggi.
    Per esempio c’è uno che è una truzzissima tigre mannara: ancora non mi spiego come ha fatto a non trovare posto nella serie…

  44. MaCheVuoiFarci scrive:

    Salve a tutti, è il mio primo commento a questo sito (che leggo spesso e molto volentieri, anzi colgo l’occasione per ringraziarvi per le ottime recensioni e per le grasse risate che mi fate fare). Certo, speravo di scegliere momento migliore, che ne so, magari la première della 3a stagione di Enlightened ;) ,,,sorrido nauseato, perché so che non ci sarà,,,così eccomi qui a commentare True Blood, a poche ora dalla ultimata visione dell’intera stagione. Che dire? Usando il vostro linguaggio avanzerei un timido MEH!! ,,,che nel linguaggio corrente potrei tradurre con “CHE NOIA!” ,,,Guardo questo telefilm dalla prima stagione, anno dopo anno, e ha sempre (o quasi) trovato il modo di stupir(mi) ,, certo toccando tutto e il contrario di tutto è facile “stupire”, ma questa stagione davvero non è riuscita a farlo (sempre se quello era il suo intento ,, ormai scorte di fan li ha e in più si sa che alla lunga tutto bene o male tende a logorarsi) !! Ma veniamo a valutare puntualmente quanto visto ,, premetto che, forse dopo 6 anni son cresciuto (non a caso ho apprezzato l’ironia fresca e malinconica di Enlightened), magari è un telefilm che non fa più per me, chissà ,, so solo che appena sullo schermo compariva Bill/Billith il voltastomaco aumentava ,, e pensando che è/era uno dei protagonisti principali peggiorava le cose! Quanto ad Eric? Leggo molti di voi preoccupati dalla sua eventuale assenza futura, seriously? ;D ,,non voglio far l’ironico è che proprio non mi ha lasciato nulla il suo ruolo in questa stagione! ,,a proposito di ironia,,che fine ha fatto? ,,se ne coglie qualche traccia nella solita spezza-cuori Sucky (scusate il volgarismo ma ci sta), nella necessaria figura di Lafayette un po’ tralasciata e sulla notevole prova da non protagonista di Arlene (unico personaggio che salverei in questa stagione) ,,,Veniamo ai casi peggiori, ah perché questi erano i migliori? ahah,,erano i meno peggio diciamo (tralasciando le nuove malcapitate figure) ,,,la storyline di Sam, che includeva anche Alcide, era davvero poca cosa ,,in sintesi un gran calderone pseudo-branco-familiare che nemmeno Forum avrebbe accettato in quanto risolvibile in poco meno di mezz’ora ;D ,,,quanto all’ennesima sveltina di sire Marlotte ,, MEH!! ,,ma la delusione e domanda che pongo a voi è “What Happened to that fucking bitch of Tara??!!” ,,diventata si vampiressa ormai da un po’, ma sembra quasi un elemento d’arredo alla serie e mai e poi mai mi sarei trovato qui, puntata dopo puntata, a rimpiangere quella che svogliatamente lavorava al Marlotte’s mandando a fanculo un cliente si e l’altro pure!! Insomma, stagione bocciata e chissà se vedrò la prossima (la vecchiaia incombe? ,,ho 32 anni in fondo) :P ,,,ma se dobbiamo sperare nell’ennesima prova di coraggio di Jason Stackhouse, io passo molto volentieri ..

  45. Truebloodlover scrive:

    @ AthanasiusPernath:
    Anche qualcos’altro!!!

  46. Truebloodlover scrive:

    E’ ricominciatoooo! Alèèè! Non male la premiere!

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.