4x01

Arrested Development – 4×07 – Colony Collapse

Cosa Succede. It’s Gob’s Arrested Development! Gob è deciso a lasciare Ann ma all’ultimo momento rimanda la questione per trascorrere una notte con la ragazza. L’indomani, quando tenta nuovamente di porre fine alla storia, Ann fraintende il “marry me!” di Gob scambiando l’esclamazione per una reale proposta di matrimonio mentre Gob l’aveva intesa alla Maeby maniera, ovvero come un mezzo per chiudere, con una battuta ironica, una situazione spinosa.

L’unico modo che Gob riesce a concepire per non fronteggiare alcuna responsabilità è la fuga, ma perché non approfittarne per rendere il classico abbandono sull’altare uno spettacolare numero di magia? L’illusione è opportunamente ispirata alla resurrezione di Gesù ma per una serie di sfortunati eventi — trucco non funzionante, cattività in un deposito, degenza in ospedale, abbandono di Ann — Gob, solo e lontano dalla famiglia, si ritrova in un locale a bere. Qui, prima si intrattiene con suo figlio per diverse ore senza neanche riconoscerlo, poi entra a far parte dell’entourage di un una stella del pop poco più che adolescente. Con il nickname “Getaway” all’inizio Gob sembra far parte del gruppo ma in realtà ne diviene solo l’autista e, notte dopo dopo notte, vive un’esistenza vuota e mortificante finendo per abusare delle pillole per dimenticare (che altro non sono che roofies, droga da stupro).

Infine, dopo aver provocato il ricovero in ospedale di tutti i ragazzi a causa della sua colonia di api sistemata nel bagagliaio, dopo essere stato abbandonato anche dai nuovi amici, dopo aver fallito nel sabotare il numero di illusionismo di Tony Wonder, Gob decide di andar via. In macchina riceve la telefonata di Lucille che gli chiede di raggiungere George Sr. nel deserto: c’è un lavoro per lui.

Degno di nota. “Hello Darkness, my old friend” la canzone di Simon&Garfunkel a sottolineare i momenti di black out/fuga dalla realtà di Gob.  “Go away, Getaway, stay away Getaway…” la canzone composta da Mark Cherry per suggerire a Gob l’inopportunità della sua presenza: ma il testo è troppo sottile e allusivo per essere compreso dal destinatario.
L’ irriverente scarsa familiarità di Gob con la figura di Gesù: scambia il ritratto del Salvatore per un altro uomo in camera di Ann,  monopolizza lo show religioso annunciando il suo spettacolo dopo il quale  “You will put no God before me”, ma è preoccupato per la riuscita del numero perché: “I need people to root for the Jesus character” salvo poi dire di sé: “I’m not the real Jesus: i am the amazing Jesus!”.
Il ritorno di “I’ve made a huge mistake” nel momento in cui Gob si lascia andare all’indietro, con il pigiama di Ann che somiglia tanto a una tunica, facendo sembrare il tutto una sorta di deposizione del Cristo. Infine il crocifisso scambiato per la “T” di Tony Wonder.

E ancora: il fraintendimento di Gob tra la sua “The bee Company” e la “Michael B. Company” di Michael. Il running joke  “Her?” culminante con l’acronimo gigante per Holy Eternal Rapture con bastone pastorale a mo’ di punto interrogativo. La sequenza che introduce l’ AD di Gob cita l’opening di Entourage. La caverna utilizzata nel numero di magia è la stessa acquistata su Craiglist da Heartfire per George Sr. nella seconda puntata. Gob che cita “A spasso con Daisy”. Il Marc Cherry writer a cui si allude è l’autore di Desperate Housewives. I titoli degli show del canale religioso!

Guest stars. Alan Tudyk torna nelle vesti di papà di Ann, Ben Stiller in quelle di Tony Wonder, rivediamo Isla Fisher che sappiamo essere Rebel Alley, la figlia i Ron Howard. Jean Ralphio di Parks and Recreation nell’entourage di Mark Cherry. Justin Grant Wade è di nuovo – su le braccia – Steve Holt! (sinceramente non mi sento di dar contro a Gob per non averlo riconosciuto).

Ci è piaciuto? Sì, per essere sintetici, “The Sound of Silence dovrebbe essere il brano più scaricato di iTunes!” per rimarcare il concetto. Questa puntata è il momento in cui la stagione compie il giro di boa, i pezzi vanno a incastrarsi, possiamo iniziare un lavoro di rilettura per le puntate che lo hanno preceduto,  la visione d’insieme diventa più ampia e dettagliata. Siamo anche di fronte a un picco in termini qualitativi: Will Arnett ci consegna un Gob favoloso nel suo essere infantile, egoista, autocelebrativo. I suoi pessimi, improbabili e mal riusciti numeri di magia altro non sono che la trasposizione sul palco delle stesse pessime, improbabili e malriuscite modalità con cui nella vita reale tenta di evadere da ogni sorta di responsabilità.

Bonus: La godibilità – concedetemi l’uso del termine – della nona puntata di Game of Thrones risulta enneplicata dalla visione di questa puntata di Arrested Development: non ditemi che non avete pensato anche voi a questo SPOILER , questo SPOILER e quest’altro ancora MAJOR SPOILER.

NB è vietato lasciare qualsiasi tipo di commento relativo alla nona puntata di Game of Thrones in particolare, e di GoT in generale, che non sia “LOL” oppure “No, non vedo nessi”. Vi prego, non fatemi dire “I’ve made a huge mistake”  per aver tirato in ballo GoT.

Mara R.

Whedonverse.

14 Comments

  1. Le. Lacrime.
    Gob è il miglior personaggio della serie a mani basse e in questo episodio ci sono troppe TROPPE cose esilaranti. Il bello è che forse non è nemmeno il miglior episodio della stagione.
    Hello darkness my old friend, Her?, Get Away Getaway sono recurring jokes da morire dalle risate, ma il momento più bello della puntata, per me, è il dialogo al bar con Steve Holt (STEVE HOLT!) durante il quale chiunque pensa “Cristo è praticamente irriconoscibile” per poi accorgerci che neanche Gob lo riconosce. C’è del genio, ma non lo scopro io.

    Rispondi

  2. Per ora il mio episodio preferito!!!!
    Gob fenomenale..non saprei davvero cosa citare oltre ciò che hai già nominato tu!
    Alzi mano chi non si è messo a canticchiare “Stay away Getaway” dopo aver visto la puntata :)
    E Steve Holt è irriconiscibile davvero!!!!
    Dimenticavo Tobias che si presenta in chiesa non per il matrimonio ma per il ruolo del centurione romano e dice a Gob “I don’t like to quote reviews, but His Word magazine called my Jew pitiful!” :D

    Rispondi

  3. Chiunque dica di aver riconsciuto Steve Holt! è un bugiardo XD
    Che episodio, ragazzi, che episodio

    Rispondi

  4. Finora L’EPISODIO di questa quarta stagione. Epico, meraviglioso, folle, clamoroso.

    “Hello darkness, my old friend” è il mio nuovo motto personale.

    Rispondi

  5. Giovanni Di Giamberardino ha scritto:

    “Hello darkness, my old friend” è il mio nuovo motto personale.

    Non riesco a pensare a situazione o serie tv che non ne trarrebbe giovamento, una su tutte The Newsroom: Sorkin dovrebbe utilizzarla per Will Mcavoy. Sempre.

    Rispondi

  6. Holly ha scritto:

    Per ora il mio episodio preferito!!!!
    Gob fenomenale..non saprei davvero cosa citare oltre ciò che hai già nominato tu!
    Alzi mano chi non si è messo a canticchiare “Stay away Getaway” dopo aver visto la puntata
    E Steve Holt è irriconiscibile davvero!!!!
    Dimenticavo Tobias che si presenta in chiesa non per il matrimonio ma per il ruolo del centurione romano e dice a Gob “I don’t like to quote reviews, but His Word magazine called my Jew pitiful!”

    The Sound of silence è officialmente diventata una canzone totalmente diversa dopo quest’episodio.
    Il momento migliore per me è stata la faccia di Alan Tudyk quando Gob gli chiede di controllare che la caverna non contenesse nulla intimandogli di non mentire poiché in chiesa di fronte a Dio. Giuro in 2 secondi di espressione credo di averci visto la vita intera del suo personaggio ahahahahha!

    Rispondi

  7. Gob è sempre stato il mio preferito e Will Arnett è, ancora una volta, immenso. Secondo episodio preferito dell’intera stagione. Il primo è l’altro Gob’s arrested development.

    Rispondi

  8. Scusate, ma il bar che si chiama “And with Jeremy Piven”, l’attore che interpreta Ari in Entourage? Capolavoro! :)
    La migliore insieme alla quinta, finora.

    Rispondi

  9. Episodio già storia della serialità televisiva.
    Un incastro incredibile di elementi e una quantità di roba esilarante da far perdere la ragione.

    STEVE HOLT!

    Rispondi

  10. Bravissimo e spettacolare Will Arnett, davvero notevole anche il lavoro fatto sul tono muscolare ;-)

    Rispondi

  11. Francesco Gerardi 10 giugno 2013 at 22:23

    Episodio mostruoso. Ho amato moltissimo gli episodi dedicati a Tobias, ma questo è un gradino sopra. Venitemi a dire che questa non è una delle migliori comedy concepite, scritte e interpretate degli ultimi 10 anni.

    Rispondi

  12. Episodio pazzesco, continuavo a tornare indietro a rivedere le scene, avrò impiegato il doppio del tempo per vederlo. Non so a qualsiasi cosa ripenso mi fa ridere. Poi mi è sempre piaciuto il personaggio di Ann e le battute che ci giravano intorno e mi ha fatto piacere ritrovarle tutte!

    Rispondi

  13. Episodi di tenuta grandiosa. The sound of silence non sarà mai più la stessa!
    Comunque AD ti entra talmente in testa che qualsiasi serie risulta più godibile con questa presente, soprattutto perché tutti i personaggi delle serie contemporanee fanno “huge mistakes”.

    Quanto AMO questa serie, Netflix mi ha reso troppo felice e Hurwitz si è riconfermato top dog degli showrunner comici.

    p.s. Voglio un HER? gigante in casa, e uno sul frigorifero, in corrispondenza della maionese.

    Rispondi

  14. [...] Intanto tenta di vendicarsi di Tony Wonder, che crede responsabile del fallimento di una sua illusion a tema divino. Tony ha recentemente finto un coming out, perciò GOB si finge gay per avvicinarlo, [...]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>