spartacus-3x05

L’essenza di Blood Brothers è per molti versi racchiusa nell’immagine di Spartacus e Crixus che si stringono l’avambraccio a vicenda in segno della ritrovata amicizia, facendo gocciolare il sangue dei nemici appena massacrati. La puntata infatti non manca di regalarci la consueta dose di brutalità, ma si tratta di una violenza ben diversa dalle disturbanti stragi della settimana precedente. Assistiamo a una battaglia contro i soldati romani, che consente ai ribelli di tornare allegramente a uccidere insieme gente su cui sono tutti d’accordo, dando modo anche a noi spettatori di gustarci divertiti teste sfracellate contro il muro, sgozzamenti coreografici, facce tagliate e altre prelibatezze. Tuttavia l’azione si scatena solo verso la fine, e la successiva immagine della stretta fraterna fa pensare anche al risalto che l’intero episodio dà alle interazioni tra personaggi. Il rapporto tra Spartacus e Crixus ne è l’elemento centrale e il suo sviluppo divide la puntata in due metà, diverse anche dal punto di vista qualitativo.

La prima parte continua a mostrare la frattura tra i due guerrieri, senza però riuscire a coinvolgere come vorrebbe e dando anzi una sensazione di staticità. Dopo aver visto Crixus disobbedire sfacciatamente al leader con una strage drammatica come quella di Decimation, dopo averlo sentito parlare senza mezzi termini di prendere una strada diversa, non rimango molto impressionata delle sue lunghe occhiatacce al ralenty o dalla sua irritazione per non essere stato subito informato dei piani. In generale, la mezzora iniziale di Blood Brothers è sottotono. Ha un ritmo lento e un ruolo introduttivo, aspetti che non sono un male di per sé, ma che insieme a una certa carenza di dialoghi ispirati generano noia. Al contrario di Crixus, Agros si dimostra un sottoposto affidabile, con la sua prontezza nel difendere i prigionieri romani pur non avendo personalmente a cuore la loro sorte. A questo proposito, c’è un dialogo ripetitivo che ribadisce che quei poveri sfigati respirano ancora solo grazie alla misericordia di Spartacus, seguito poi da un altro in cui si rispiega, a chi ancora non lo avesse capito, che Spartacus ha patito la schiavitù, che sua moglie gli è stata strappata via e che al momento i ribelli sono in una situazione di cacca. La stessa missione che questi ultimi compiono per impossessarsi delle provviste destinate a Crasso è fin troppo facile (e con un combattimento visivamente troppo distante) per essere avvincente. In mezzo al caos, Agros e Nasir hanno un puccioso chiarimento riguardo alle recenti gelosie, mentre Gannicus mantiene il sorriso, si sbronza col vino e sbaciucchia Saxa. Sono entrambe coppie simpatiche da vedere, ma questo non può certo bastare a tenere vivo l’interesse.

La conflitto tra Spartacus e Crixus torna a bucare lo schermo nel momento in cui il trace decide di scortare i prigionieri romani fuori dalla città, liberandoli da quell’inferno marcio e claustrofobico. E’ il punto di massima tensione tra i due rivali, accentuata dal fatto che si cammina sul ciglio di un nuovo bagno di sangue pronto a scoppiare. Sono stata molto sollevata quando ho visto uscire quei disgraziati, non solo perché il mio lato buono ha tifato per la loro salvezza, ma anche per la speranza in una rivitalizzazione della storia una volta archiviata la faccenda. Speranza che per fortuna non è stata delusa, in quanto Blood Brothers è una puntata che si risolleva nella seconda metà.

Proprio quando le divergenze sembrano insanabili, Spartacus propone ai suoi uomini uno stratagemma che li mette d’accordo tutti e, con un’inversione di 180 gradi, inizia a ricucire i rapporti con Crixus affidandogli un ruolo cruciale. Il piano coinvolge Laeta, che ha ricevuto false informazioni per bocca di Spartacus stesso, e che nel comunicarle a Crassus (strano che faccia la spia, dopo la paradisiaca esperienza con i gentili ospiti della sua città) dovrebbe ingannare involontariamente i romani. Solo a questo punto si scopre l’utilità dei cadaveri appesi e cosparsi di sale nella scena d’apertura: devono stare sulle mura per fingere che Sinuessa sia ancora popolata, non soddisfare il fabbisogno proteico degli occupanti. Solo io sul momento ho pensato male? Comunque sia, la rivelazione del piano dona alla trama nuova linfa e direzione.

Le grandi svolte non finiscono qui. Heracleo tradisce i nostri cari eroi, aiutando i romani ad attaccarli di sorpresa ed entrare in città prima che il loro piano sia messo in atto. Il voltafaccia è molto prevedibile, visto anche il continuo accento sull’amore del pirata per il denaro, ma ciononostante funziona bene nello sconvolgere i precedenti equilibri. Oltre a dare il via a una vera e propria festa di sangue e azione, ci fa sentire quanto in realtà fossero fragili le conquiste e i progetti di Spartacus. Rappresenta però anche un ulteriore passo verso la riconciliazione tra i ribelli, con il conseguente ritorno a uno scenario più semplice: una netta e sincera divisione tra schiavi e romani, senza più ambiguità e dissidi interni. Anche Cesare getta la maschera, felice di poter sfoggiare con orgoglio il suo essere a fucking Roman e di potersi scatenare fisicamente, oltre che con la furbizia. Offre infatti una discreta dimostrazione di badassery, riuscendo a pugnalare Spartacus in persona e a distruggere il portone di Sinuessa. Sempre a lui spetta il compito di far uscire di scena l’”amico” Nemetes (l’antipatico barbuto di cui non sentirò la mancanza).

Un altro punto di forza di Blood Brothers sono le scene dedicate a Crassus, Kore e Tiberius. Ne parlo alla fine perché sono quasi staccate dal resto sia nei contenuti che nello spazio. Il ragazzo non riesce a darsi pace dopo la decimazione. Si trova tra i commilitoni emarginati, perseguitato del ricordo dell’amante pestato a morte e dal pensiero di essere stato incluso dal proprio padre tra le potenziali vittime. All’inizio dirige la sua ira contro la codardia dei soldati, mentre nei confronti del genitore si mostra più che altro ferito e amareggiato. Kore ha la malaugurata idea di invitarlo nella sua confortevole tenda, mettendogli davanti agli occhi i privilegi di cui gode nonostante la sua condizione di schiava. E’ solo a quel punto che Tiberius libera il suo lato oscuro, afferrandola e abusando di lei per vendetta (He took something from me. And I would have something in return…). La scena dello stupro è d’impatto proprio grazie a questa rapida trasformazione della vittima in aggressore. Viceversa Crassus, dopo l’incredibile spietatezza dello scorso episodio, fa emergere il suo lato sensibile e persino una sorta di mentalità progressista. Non solo si rapporta a Kore con tenerezza, ma la considera degna di stima a prescindere dal suo status sociale, affidandole il compito di essere constant in its guidance al figlio. Anche nel confronto con Metellus non si fa problemi ad ammettere di ammirare un uomo di umili origini, quando questi dimostra di possedere delle qualità.

Riassumendo, bene la seconda metà della puntata, bene il rilascio dei prigionieri, bene la storyline nell’accampamento romano. Un po’ insoddisfacente la prima parte delle vicende degli schiavi, ma il bilancio nel complesso è positivo.

Ok.

Anastasia

Conosciuta anche come AryaSnow.

More Posts

Commenti
55 commenti a “Spartacus: War of the Damned – 3×05 – Blood Brothers”
  1. Aemil scrive:

    Wow sono il primo :) comunque gran bella recensione molto dettagliata la penso allo stesso modo anche se non ho apprezzato moltissimo la riconciliazione fra Spartacus e Crixus che li preferivo rivali. Ho apprezzato molto l’importanza data a Cesare che prima uccide Nemetes tanto era inutile, poi pugnala Spartacus cosa che mi ha fatto urlare di gioia ahahahah e poi praticamente da solo da fuoco alla porta e contemporaneamente lotta con Aggron e Donar non proprie due seghe qualunque.
    Veramente epica l’ultima scena con i ribelli terrorizzati al rumore dell’ariete e con Cesare che li intima di scappare

  2. Lisa C. scrive:

    Per me era un episodio da Fuck Yeah, ma d’altronde difficilmente per me un episodio di Spartacus è da meno che Fuck Yeah X’D Ammetto la mia sfacciata predilezione per la serie e passo avanti. Sono d’accordo nel complesso con la recensione, anche se non ho notato un gran calo di tensione nella prima metà dell’episodio, anzi, la mia curiosità riguardo alle reali intenzioni di Spartacus cresceva esponenzialmente di minuto in minuto, e mi sono concessa un sorriso soddisfatto quando poi Sparty ha finalmente esposto il suo reale piano a tutti i suoi sub-comandanti <3 E' stato un grande momento di dimostrazione di leadership, Spartacus è stato in grado di riconquistarsi la fiducia dei suoi non con la violenza ma con l'astuzia, spingendo sui tasti giusti, riuscendo a gestire sia Agron che Gannicus che il complicatissimo Crixus in maniera magistrale.
    Poi boh, io fino ad ora mi sono tenuta fuori dal confronto sul problema delle capacità recitative di McIntyre, riconoscendole non particolarmente efficaci ma allo stesso tempo non cedendo alla facile – e sterile – tentazione di un paragone con Whitfield, ma a questo punto mi sbilancerò e dirò che in questo episodio ho visto una performance ottima, di molto superiore agli standard del "solito" McIntyre, che mi ha soddisfatta pienamente.
    Sulla battaglia della seconda parte dell'episodio non aggiungo niente perché è evidente che comunque è quella la parte di episodio più riuscita. E peraltro è riuscita a farmi sentire estremamente in tensione, sperando che non fosse giunto ancora per nessuno il momento di morire nonostante sia evidente che ormai è lì che stiamo lentamente ma inesorabilmente andando a parare.

  3. .rIFF scrive:

    Vi immaginate se gli sceneggiatori la fanno porca e salta fuori che la schiava di Crasso in verità è la madre di Tiberio stesso ?
    Lei e Crasso sono troppo pucci pucci insieme: forse la sposa ufficiale è solo un matrimonio di comodo per i soldi

  4. evilane scrive:

    Grazie per la recensione, condivido sia l’analisi che il voto.

    Puntata ricca di avvenimenti, azione e colpi di scena, alcune cose mi sono piaciute, altre decisamente no. A questo giro la parte dello squilibrato tocca a Crasso jr, mentre Crixus sta rinsavendo alla stessa velocità con cui era sbroccato e sembra già voler rientrare nelle fila degli amiconi di Spartacus; pure Naevia tenta una riappacificazione con Gannicus, il quale però non le mostra il dito medio solo perché ai tempi non si usava. Non mi dite che ora moriranno da buoni o addirittura da eroi, io ci tenevo a veder saltare le loro teste mentre si gettavano in qualche stupido assalto dettato dalla follia. E mentre Agron dimostra buonsenso e neuroni in quantità insospettabili per poi riperderli di colpo in patetiche scenette di gelosia, escono prevedibilmente di scena Nemetes e il pirata da cinepanettone, ma per come si mettono le cose a fine episodio già nella prossima puntata potrebbe scapparci il morto importante.

    Ma ora parliamo di Spartacus, le cui decisioni, in questa puntata, mi hanno lasciata di sasso per ben tre volte. La prima quando se ne va in Sicilia: cioè, dopo tutto il casino che è successo tu, leader in crisi, te ne vai di nascosto assieme al guerriero migliore mollando lì Crixus e Naevia ancora in modalità psycho, che a quel punto potrebbero combinare di tutto, ma devi essere deficiente forte! La cosa poi diventa ancor più comica perché, proprio nello stesso istante, dall’altra parte Crasso tesse le lodi del rivale, spiegando che “no, ma io Spartacus lo stimo troppo, è intelligentissimo, un acuto stratega!” Risate.
    Quando poi al nostro (non) amato trace sembra venire offerta su un piatto d’argento l’occasione di liberarsi dei prigionieri romani senza ucciderli, in modo da poter conservare comunque la sua immagine da filantropo, ho sbuffato per l’irritazione, e invece – colpo di scena! – Spartacus aveva un piano! Di più: non solo aveva un piano, ma un piano che, per la prima volta in 15 puntate, non mi pare una completa stronzata. Ho avuto bisogno di un momento per riprendermi dallo shock XD
    E invece, altro colpo di scena: il karma pare volersi prendere la sua rivincita, quindi per la prima volta Spartacus ha una pensata decente e per la prima volta non viene paraculato, venendo invece sgamato al volo da Crasso sulla base di vaghe intuizioni. Ovviamente ci godo, e sono curiosissima di sapere come andrà a finire.

    Cosa non mi è piaciuto: le scene d’azione. Tutte o quasi. Pensavo che certi obbrobri ce li fossimo lasciati definitivamente alle spalle, cos’è tutto ‘sto ralenti? In un combattimento il ralenti dovrebbe enfattizzare un certo movimento, ma che cavolo si enfatizza se avviene *tutto* al ralenti? Per me l’azione di questo episodio mancava spesso di dinamicità, risultando oltretutto più pacchiana che esaltante. Oh, e la scena dell’assalto al carro, su uno sfondo posticcio che più posticcio non si può, credo sia la più oscena sequenza mai vista nella serie.

    Comunque, come sempre attendo con trepidazione la prossima puntata, che si preannuncia davvero epica :)

  5. Aemil scrive:

    @ .rIFF:
    Be dubito visto che la tipa bionda prova un vero affetto per Tiberius cosa che non farebbe se fosse figlio di una schiava

  6. Aemil scrive:

    Già l’assalto al carro ahahahahahahahahah sono quasi morto dal ridere per l’assurdità di quella scena, come cavolo hanno fatto i romani a non veder arrivare i ribelli prima che entrassero nella visuale dello spettatore? ahahahahahahahahahahah

  7. evilane scrive:

    Aemil ha scritto:

    Già l’assalto al carro ahahahahahahahahah sono quasi morto dal ridere per l’assurdità di quella scena, come cavolo hanno fatto i romani a non veder arrivare i ribelli prima che entrassero nella visuale dello spettatore? ahahahahahahahahahahah

    Vero? XD Poi quell’orripilante sfondo giallo/arancione rendeva tutto ancor più pacchiano XD

  8. Kiki May scrive:

    .rIFF ha scritto:

    Vi immaginate se gli sceneggiatori la fanno porca e salta fuori che la schiava di Crasso in verità è la madre di Tiberio stesso ?
    Lei e Crasso sono troppo pucci pucci insieme: forse la sposa ufficiale è solo un matrimonio di comodo per i soldi

    Tiberius Edipo: lo vogliamo! XDD
    Spero che muoia il piccolo bastardo. Ho capito che Crasso – il personaggio migliore sino ad ora – deve vincere, ma ciò non toglie che può perderci il figlio. E se Cesare è uno dei Foo Fighters possiamo anche stiracchiare un po’ la Storia per i romani.
    Le vicende dei ribelli sono davvero le più noiose e Crisso non lo posso più vedere.

  9. .rIFF scrive:

    Aemil ha scritto:

    @ .rIFF:
    Be dubito visto che la tipa bionda prova un vero affetto per Tiberius cosa che non farebbe se fosse figlio di una schiava

    Ma lei non lo sa… visto che siamo ai livelli di Dinasty, il figlio romano “doc” è nato morto e l’hanno sostituito per ragioni ereditarie tipo quelle che erano state mosse a Batiato dal padre.
    In ogni caso ricordiamoci che anche i romani potevano essere schiavi: bastavano i debiti di gioco

  10. Aemil scrive:

    @ .rIFF:
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH se la mettiamo così allora sono il primo a volerlo vedere ahahahahahahahah
    Crasso: No Tiberius Kore era tua madre!!!!
    Tiberius: D: NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!
    Cazzate a parte sarebbe assurdo come l’esistenza di un mostro gigante piondo pieno di tatuaggi e cicatrici divenuto una leggenda dell’arena… ma….

  11. Meles scrive:

    Concordo con evilane, il primo piano sensato di Spartaco da qui ad inizio stagione (si perché i piani dell’assassinio di Cossinius e Furios, e quello della presa della città sono riusciti solo per delle botte di culo allucinanti a suo favore).

    Ma andiamo per gradi, una prima parte mmmm.. non proprio noiosa, ma meno epica del solito, anche se non posso proprio dire di essermi annoiato, perché gli spunti interessanti ci sono in abbondanza.

    Primo fra tutti il colloquio fra Crasso e Metellus, è stato incredibilmente divertente vedere il senatore romano venir eclissato su ogni argomento da Crasso, ma occhio, da questa interazione sbuca fuori un informazione importante, il vittorioso Pompeo è di ritorno dalla Spagna con le sue legioni, una notizia che probabilmente non è stata molto gradita da Crasso. Son curioso di vedere come gestiranno lo storico battibecco dei due consoli dopo la caduta di Spartaco.

    Nella città intanto assistiamo ad una tensione sempre più crescente, con Cesare che infila il dito nella ferita non appena può. Non capiamo però la strategia di Spartacus fino alla spiegazione che questo da a Crixus, e devo dire che, questa strategia, è incredibilmente sensata: attaccare gli stabilimenti in Sicilia per dividere l’esercito di Crasso per poi attaccarlo e circondarlo, il tutto aiutato dalle informazioni errate date da Laeta, liberata appositamente per l’occasione. Non è male, peccato pero che questo piano dipenda totalmente dalle navi dei pirati Cilici, ed è qui che arriva l’epic fail di Spartacus. Cioè, il piano è sensato ok…. ma come si fa a confidare, per un azione di cosi vitale importanza per giunta, in un uomo che ti dice “il mio unico interesse sono le monete che mi procuri”???…. Ma Spartacus si è dimenticato che il nemico che stanno affrontando è nientemeno che l’uomo più ricco del mondo??? …. ma si può essere più ingenui?? quanto pensavi che sarebbe durata la cosa?….. Ed ecco perché, quando Heracleo ha mostrato a Spartacus il ciondolo con lo stemma di Crasso, mi sono fatto un enorme risata, ed in 10 fottuti minuti la situazione si è ribaltata completamente, i ribelli sono passati dal preparare un accerchiamento al doverne contrastarne uno (si perché adesso sono attaccati sia via mare che via terra) e come se non bastasse hanno pure perso la sola flotta che possedevano assieme agli alleati che gli rifornivano di grano, un FAIL totale!!!

    Ricapitando: Hanno perso gli approvvigionamenti, il trasporto via mare, il riparo dal’inverno ormai imminente (si, perché adesso Crasso si riprenderà la città) e il supporto degli alleati con la loro flotta, il tutto mentre un altro esercito romano è già in viaggio per dar man forte a Crasso… direi che sono leggermente dei guai…

    Complimenti a Crasso per aver fatto capire a Spartacus che lui non è l’unico che sa formulare una strategia… XD

    La battaglia è ovviamente epica, specialmente quella nel cancello, dove c’abbiamo un Cesare che dimostra finalmente ai gladiatori che non tutti i romani della serie sono delle pippe colossali. Poi abbiamo anche il ricongiungimento, temporaneo, di Crixo e Spartacus, che ci sta, effettivamente è un po’ troppo presto per l’effettiva separazione fra i due, che immagino avverrà verso gli ultimi due episodi.

    La scena finale con l’ariete (che si ricollega al titolo del secondo episodio) è il culmine dell’ epicità, e grazie a Dio si stanno salvando con Cesare, ora basta che gli taglino quei fottuti capelli e finalmente avremmo un personaggio degno di tale nome.

    P.S: Mi sta piacendo molto il modo in cui stanno gestendo Tiberio, in un qualche modo speravo che cercasse una sorta di vendetta contro il padre.

    P.S.S: “ora sei un guerriero Nevia, mettimi di nuovo le mani addosso e ti tratterò come tale”…. non c’era miglior risposta da dare ad una pazza che ti ha massacrato senza motivo un caro amico e che ti ha quasi fracassato la testa con un sasso, sempre più stima per Gannicus.

  12. cersei scrive:

    Ciao a tutti!
    Anastasia complimenti per la recensione.
    Spero che muoiano quanto prima, nell’ ordine:
    1) NAEVIA, pazza isterica indemoniata
    2) CRIXUS, cavernicolo troglodita mononeuronico
    3) SPARTACUS (per lui un po’ mi dispiace ma, onestamente, che ci sia o non ci sia fa poca differenza)

    I migliori:
    1) GANNICUS, sempre e comunque, bellissimo non solo fuori
    2) CRASSO, una rivelazione, perfetto

  13. .rIFF scrive:

    Aemil ha scritto:

    @ .rIFF:

    Cazzate a parte sarebbe assurdo come l’esistenza di un mostro gigante piondo pieno di tatuaggi e cicatrici divenuto una leggenda dell’arena… ma….

    No sarebbe assurdo come un surfista biondo che si sveglia al mattino, si guarda allo specchio e dice “ave caesar”…

    ops….

  14. AthanasiusPernath scrive:

    ehi, a me questo show sta piacendo! oddio, non mi è comunque venuta voglia di recuperare le due stagioni precedenti, ma questi episodi sono divertenti. l’unico problema oggettivamente insormontabile è che il protagonista non si accusa (al confronto Jon Snow è Daniel Day-Lewis) e che le storyline che coinvolgono esclusivamente i ribelli sono una rottura di palle abominevole..ma tutto il resto è figo (Crasso – Tiberio – Kore) , divertente (Cesare, Gannicus) o ha del potenziale (Agron, le tette di Laeta).

    domanda per voi esperti: è noto chi è l’attore scelto per interpretare Pompeo?

  15. Meles scrive:

    AthanasiusPernath
    domanda per voi esperti: è noto chi è l’attore scelto per interpretare Pompeo?

    No, per adesso non si sa neanche se comparirà effettivamente.

  16. Licia scrive:

    Concordo con la recensione e mi fido ciecamente, è proprio il caso di dirlo, delle descrizioni di macelleria, io non ce la faccio proprio a guardarle!
    Hanno puntato molto a farci notare la differenza fra la mente da stratega sopraffino di Spartacus, e quella da minus habens dei suoi vicecomandanti, che non avevano capito niente; pure lui però poteva spiegarglielo prima…
    Prevedo bufera per Tiberio, chissà come reagirà il paparino quando verrà a sapere che ha stuprato Kore.
    Già nel prossimo episodio Cesare tornerà senza barba e capelli, e allora vedremo quanto ci perderà in fascino con il nuovo look.
    @evilane I romani già utilizzavano il molto esplicito “digitus impudicus”, e noi lo abbiamo ereditato, credo che il dito medio sia uno dei pochi segni universali, compreso da tutti gli abitanti del pianeta! ;)

  17. warrior81 scrive:

    Bella recensione….
    Bene da dove cominciare, bè io comincio da FUKING ROMAN perchè Cesare è un fottuto romano ed è Roma stessa pronta a inviare negli inferi Spartacus e il suo esercito….., la scena finale con l’ariete a mo di drago che sfonda il cancello e Cesare pieno di orgoglio e rabbia con tanto di Fuoco alle spalle danno l’idea della sventura che si sta per abbattare sui nostri eroi……
    Spartacus finalmente convincente e carismatico, arriva ai suoi livelli top, escogita un piano fottutamente intelligente che gli si ritorce contro perchè da che mondo è mondo non si può riporre la fiducia su avidi pirati…, Crasso mostra di essere un degno rivale alla pari di Spartaco in strategia ma con la differenza che ha molte piu’ risorse per metterle in pratica….Gannicus si prepara all’atto finale, aimè il regista pare lo stia preparando alla morte, e lo rende quindi sempre piu’ menefreghista e impavido, lui è il mio preferito per lui prevedo una morte leggendaria sempre TOP.
    Crisso finalmente comprende che Spartaco è piu’ intelligente di lui, e che lui è piu’ adatto a menar fendenti, e quindi pare ricominci a fidarsi, Nevia ha un’influsso negativo su tutti quindi quando avrà il suo trapasso (speriamo presto) nessuno senitirà la sua mancanza.
    Agron l’ho trovato davvero tosto, ha carisma, è un vero subalterno di Spartaco piu’ fidato di Crisso, e ho apprezzato da paura il momento a rallenty in cui lui ruota su se stesso per atterare faccia a faccia con Cesare, spero duri fino alla fine…… Tiberius ha fatto una vigliaccata contro quel po po di donna che è Kore, non meritava lo stupro, lo meritava di piu’ Crasso però comprendo che in un certo senso volesse punire il padre, ora ho paura per lui, non credo che CRASSO sarà molto gentile con lui……e prevedo per lui una morte rapida…..
    Spero vivamente che Pompeo faccia una particina, nella storia è stato un generale ben superiore a Crasso e arriva da una vittoria campale in Spagna contro Sartorio, vittoria che eclissò completamente quella di Crasso….chissà come la esporranno……
    Puntata adrenalinica, mi è piaciuta dall’inizio alla fine……

  18. Aemil scrive:

    Si è molto probabile che lo metteranno Pompeo anche perchè fu considerato uno dei veri fautori della sconfitta di Spartaco anche se in realta si limitò a atturare e trucidare una banda di sbandati ribelli in fuga. E poi è anche probabile che mettano una scena con Cesare Crasso e Pompeo sotto la stessa tenda per far vedere la potenza dei più FUKING ROMANS del tempo. Non vedo l’ora di vedere la battaglia in cui morrà Crixus sicuramente qualcosa di spettacolare e penso che sarà fra nella puntata 8, visti i continui riferimenti a un posizionamento di truppe a nord e visto che i ribelli non potranno superare le montagne e l’inverno in mezza puntata

  19. Daniela G. scrive:

    scusate, ma nessuno ha notato che a quanto pare il copyright di IL DADO E’ TRATTO appartiene a Nemetes? XD
    cmq sì, episodio per me spaccato nettamente in 2. La prima parte una discreta palla, il fatto che Spartacus vada in Sicilia mollando dietro di sé una situazione esplosiva come se nulla fosse successo mi è sembrata una stronzata, ma whatever. Agron in nettissima ripresa, è anche capace di dire una cosa sensata a Crixus che la mena ancora con la vendetta sui romani: “non siamo più le stesse persone”, dimostrando che almeno lui una sorta di evoluzione l’ha avuta. Peccato che poi la meni in modo assurdo con Nasir “eh ma tu stavi camminndo vicino a lui”. E che è? E poi saremmo noi italiani quelli gelosi in modo morboso?
    Crixus non lo sopporto più, però ammetto che quando è piombato dall’alto per aiutare Spartacus in difficoltà ho gridato: vai Crixus!
    Avevo scommesso con qualcuno che la faccenda di Tiberius sarebbe andata proprio così, e mi spiace vedere che avevo avuto ragione. Mi spiace per Kore, ma d’altronde quando Crassus se l’è portata dietro era chiaro che avrebbe fatto una brutta fine (credo che morirà)
    la parte finale da FUCK YEAH, ok le solite tamarrate a ralenty, però ho sentito una tensione tremenda. Quando Cesare è rimasto da solo a combattere contro Agron, Saxa e Donar, ho avuto il terrore che Agron o Saxa potessero lasciarci la pelle. Stavo là e gridavo: No! No! XD
    a quanto pare non sono ancora pronta ad assistere alla morte dei personaggi importanti (tranne Naevia), ma è meglio che io ci metta una croce su, sigh.
    bellissima la scena finale con il portone in fiamme e la testa di quella bestia che lo sfonda, e poi Cesare che dice: ora fareste meglio a scappare. Una chiusura fantastica.
    Tra l’OK e il MEH la prima parte, decisamente FUCK YEAH! la seconda.

  20. Meles scrive:

    Piccola puntualizzazione: Nelle precedenti stagioni nell’episodio 5 abbiamo sempre assistito a delle grandi vittorie di Spartacus (vittoria contro Theokoles nella prima stagione, distruzione dell’arena nella seconda), ma questa volta pare proprio che assisteremo ad una sua pesante sconfitta, un chiaro segno che l’esito finale della stagione sarà differente dalle precedenti.

  21. Setteditroppo scrive:

    Lisa C. ha scritto:

    Per me era un episodio da Fuck Yeah, ma d’altronde difficilmente per me un episodio di Spartacus è da meno che Fuck Yeah X’D Ammetto la mia sfacciata predilezione per la serie e passo avanti.

    Mi associo all’ammissione.
    Meles ha scritto:

    Poi abbiamo anche il ricongiungimento, temporaneo, di Crixo e Spartacus, che ci sta, effettivamente è un po’ troppo presto per l’effettiva separazione fra i due, che immagino avverrà verso gli ultimi due episodi.

    A questo punto non sono più convinto che i due si separino come la Storia vorrebbe. Credo ci siano anche problemi economici alla base di scelte che evitano battaglie campali, più cinematografiche che televisive. Tuttavia me ne aspetto almeno una, altrimenti rimarrei deluso.

    Meles ha scritto:

    P.S.S: “ora sei un guerriero Nevia, mettimi di nuovo le mani addosso e ti tratterò come tale”…. non c’era miglior risposta da dare ad una pazza che ti ha massacrato senza motivo un caro amico e che ti ha quasi fracassato la testa con un sasso, sempre più stima per Gannicus.

    E’ il personaggio più interessante della serie. Capace da solo, per il carattere che gli hanno dato, di reggere un altra serie a lui dedicata, altro che Cesare.
    Daniela G. ha scritto:

    scusate, ma nessuno ha notato che a quanto pare il copyright di IL DADO E’ TRATTO appartiene a Nemetes? XD

    abbiamo notato, abbiamo notato eh eh…gli autori lo hanno fatto quasi vergognandosi, di soppiatto. Peccato, la cosa era divertente, andava ancor più evidenziata XD

  22. Aemil scrive:

    @ Setteditroppo:
    Bè Gannicus una serie per sè l’ha già avuta con Gods of the Arena che è la seconda fatta meglio sinceramente, seguita da questa e poi Vengeance.

    @ Daniela G.:
    notato notato e proprio perché lo ha detto nemetes ho preferito sorvolare e dimenticare

  23. Meles scrive:

    @ Setteditroppo:

    Sicuramente è il ribelle più interessante, molto più dello stesso protagonista (almeno di quello attuale), ma nonostante il carisma e la popolarità sono cosciente del fatto che purtroppo morirà verso la fine della stagione, spero solo che ritardino la sua dipartita il più a lungo possibile.

  24. jackson1966 scrive:

    Io adoro Cesare (con i capelli corti e senza barba si vedrà ancora di più il suo viso che è stupendo quindi… evvai!!!! Quando ha detto “no, non sono un fottuto traditore ma un fottuto romano” ho fatto una standing ovation.
    D’accordo con la recensione in tutto.
    Anch’io ho pensato che la schiava di Crasso sia la madred i Tiberius, ma permetterebbero mai un abuso di un figlio sulla madre in tv? Sarebbe fantastico ma credo un po’ improbabile.
    A me Crasso non piace molto ma veramente Spartacus ha pensato che avrebbe creduto ciecamente agli schiavi liberati ed alle loro informazioni così da scemone? Lo sta sottovalutando evidentemente.
    OT A questo punto è sicuro lo spin off su Cesare?

  25. Meles scrive:

    Ho visto i video clip O_O… ora non posso proprio aspettare due dannati giorni….

  26. warrior81 scrive:

    Ragazzi ho visto il trailer del sesto episodio e a quanto pare Gannicus resterà a Sinuessa per rallentare l’avanzata di Crasso e Cesare e permettere a Spartaco e Crisso di fuggire, faccio tutti gli scongiuri possibili ma non stupitevi se alla prossima Gannicus ci lascerà…..spero vivamente che trovi il modo di cavarsela perchè trovo prematura la sua morte…….

  27. Aemil scrive:

    @ warrior81:
    Non può morire nel trailer ascolta l’ultimo discorso di Spartacus e conduce delle truppe a cavallo cose che non ho ancora visto

  28. Meles scrive:

    @Aemil: Meno male O_O…

    E grazie al cielo finalmente Cesare ha un aspetto adeguato…

  29. Aemil scrive:

    Spero solo di no vedere la morte di Saxa nella prossima puntata mi sta un sacco simpatica

  30. warrior81 scrive:

    L’importante è che Gannicus resti in vita, Crisso mi spiacerebbe ma è una morte accettabile, Nevia l’unica che mi farebbe addirittura piacere…..

  31. Aemil scrive:

    Lo stesso vale per tiberio è passato da cagnolino fedele a micio bagnato a stronza vendicativa non mi piace e poi ha un espressione troppo da bambino che puzza ancora di latte, per la serie secondo me stona un po troppo

  32. cersei scrive:

    Gannicus non può morire! Mi dispiacerebbe troppo, è sempre stato il mio personaggio preferito….Qualcuno sa se è stato un personaggio realmente esistito?

  33. Meles scrive:

    @ cersei:

    Si, era uno dei generali di Spartacus, ed è morto separato dal leader come Crixo.

    Lo so, sarà dura veder cadere una simile leggenda :(

  34. cersei scrive:

    @ Meles:

    Grazie
    Credo che piangerò quando morirà.

  35. roberto scrive:

    io farei una serie su Gannicus visto il suo carisma e la sua popolarità,è un personaggio amato da tutti!
    tra l’altro nella storia vera Crasso è morto in battaglia contro i parti (credo che siano persiani),quindi dopo la sconfitta di spartacus passerei a lui il testimone visto che anche spartacus lo identifica come un leader!
    Crasso vs Gannicus la vendetta per i fratelli caduti.

  36. Aemil scrive:

    @ roberto:
    Anche a me piace Gannicus ma una serie in cui lui è un leader rovinerebbe solo il personaggio, lui piace proprio perché è la voce fuori dal coro è l’ubriacone che se ne frega di tutto vederlo come un serio leader calcolatore rovinerebbe solo il suo personaggio come forse è successo a Spartacus

  37. warrior81 scrive:

    Una serie puntata su Gannicus è stata già fatta, ed è la seconda serie di spartacus, e direi che è venuta piu’ che bene, si potrebbe sicuramente far sopravvivere nel finale e metterlo magari al fianco di Cesare o contro proprio lo stesso Crasso….

  38. Alfonso scrive:

    Puntata molto interessante di questa serie. Condivido il fatto dell’inizio a rilento e un po’ sottotono rispetto agli standard. Gli ultimi venti minuti però sono pura adrenalina, con la rivelazione della vera identità di Cesare e con un bel po’ di sangue sparso.

  39. AryaSnow scrive:

    Licia ha scritto:

    Concordo con la recensione e mi fido ciecamente, è proprio il caso di dirlo, delle descrizioni di macelleria, io non ce la faccio proprio a guardarle!

    Cioè, ti allontani o chiudi gli occhi al momento di ogni scena d’azione o in generale di uccisione? :D

  40. Aemil scrive:

    tornando alla puntata nessuno ha notato che Cesare riesce tener testa a Donar e Agron per un bel po? Cioè non sono due Nemetes qualunque sono due dei gladiatori più forti della serie

  41. Meles scrive:

    @ Aemil:

    Ed era anche ora che nella serie ci fosse un romano che dimostrasse di saper combattere… diamine tutti i soldati semplici sono delle mega pippe in questo show XD

    Non vedo l’ora di vedere Crassus in azione, anche lui dovrebbe essere bello cazzuto in combattimento, infondo ha già sconfitto un gladiatore campione esperto.

  42. Aemil scrive:

    @ Meles:
    Infatti uno dei motivi per cui la seconda stagione è stata orribile era la totale assenza di bei combattimenti, in vengeance si vedevano solo fendente schizzi di sangue rallenti sangue fendenti. Non c’erano i bei duelli come quelli dell’arena

  43. Meles scrive:

    @ Aemil:

    Già, In vengeance si salvavano solo le scene con l’egiziano, il resto dei combattimenti era totalmente a senso unico, e quindi noioso.

  44. Aemil scrive:

    @ Meles:
    E pure quelle erano poche e solo nelle ultime puntate e di tipo 30 secondi

  45. .rIFF scrive:

    AryaSnow ha scritto:

    Licia ha scritto:

    Concordo con la recensione e mi fido ciecamente, è proprio il caso di dirlo, delle descrizioni di macelleria, io non ce la faccio proprio a guardarle!
    Cioè, ti allontani o chiudi gli occhi al momento di ogni scena d’azione o in generale di uccisione?

    Io invece mi metto sotto la tv in ginocchio tipo scivolata after gol ed agito il telecomando come una daga. Gannicus Style

  46. Licia scrive:

    @aryasnow
    Diciamo che chiudo gli occhi, ma a volte non abbastanza velocemente…Una volta al cinema mi ha fregato di brutto una scena de ” Il Gladiatore” quando è arrivata una mazzata in faccia a un povero condannato che si stava affacciando nell’arena in quel momento :(

  47. Aemil scrive:

    Ho appena visto la sesta puntata e dico solo una cosa Crasso&Cesar Time!!!!!!!!!!!

  48. Jackson1966 scrive:

    Vista la sesta Crasso odioso Cesare ….. mamma mia (anche se un certo suo comportamento con una certa donna mi ha dato fastidio e siano ringraziati gli dei per Gannnicus puntata meravigliosa

  49. Aemil scrive:

    @ Jackson1966:
    Aspetta odioso è riferito a Crasso o a Cesare

  50. Jackson1966 scrive:

    A@ Aemil:
    A Crasso ovviamente Cesare a parte la caduta con Laetia è adorabile Crasso poi con il figlio ha fatto proprio la figura del fesso

  51. Aemil scrive:

    nessuno ha più voglia di commentare? bè se non havete visto i 30 secondi della settima puntata fatelo Spartacus si becca ciò che tutti aspettano o che almeno io aspettavo

  52. Meles scrive:

    @ Aemil:
    LOL

    Attendo la recensione della quinta: Gannicus è stato un IDOLO, e il nuovo Cesare è molto meglio in ambito estetico.

  53. Meles scrive:

    @ Aemil:

    Ah, e vorrei aggiungere, anche Nevia si becca quello che tutti aspettavano .. XD

  54. warrior81 scrive:

    Gannicus 1 Cesar 0…..

  55. jackson1966 scrive:

    @ Meles:
    Quotissimo su Cesare e Gannicus Anhce Spartacus è stato bravissimo rispetto al solito LOL

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.