ouat215_0774

Once Upon a Time – 2×15 – The Queen Is Dead

Non so voi, ma la sensazione che maggiormente mi ha accompagnata durante la visione dell’episodio è stata senza dubbio l’irritazione. C’era della curiosità riguardo ciò che stava avvenendo, c’era del vago interesse rispetto alle reazioni di certi personaggi di fronte agli in effetti numerosi avvenimenti che hanno riempito questi quaranta minuti di visione, ma sopra tutto il resto, a coprire qualsiasi scintilla di reale curiosità ed interesse c’era una tale quantità di irritazione che adesso mi trovo quasi in difficoltà a cercare di ricordare anche tutte le buone qualità dell’episodio.

Partiamo da queste, però, perché bisogna essere franchi e, in effetti The Queen Is Dead è un episodio che, grossomodo, funziona. Innanzitutto, funziona nel portare avanti la storyline, una cosa di cui bisogna dare atto, specie considerato che, in questa seconda stagione, quello della storyline è stato un problema pesantissimo, che in molti episodi lo show non è stato in grado di gestire. Qui, invece, entrambi i piani narrativi – le vicende dei Charming contro Cora e Regina a Storybrooke da una parte e quelle di Emma e Gold con Neal dall’altra – vengono portati avanti senza che uno debba prevalere necessariamente sull’altro, il che permette allo spettatore di interessarsi ugualmente ad entrambe le vicende.

Quella ambientata a New York sembra essere la storyline che funziona meglio, al momento, se non altro perché si tratta di quella al momento più misteriosa, ruotando attorno alla ancora poco chiara figura di Neal, sul quale gli sceneggiatori stanno finalmente cominciando a sbottonarsi (ad esempio, è stato finalmente chiarito una volta per tutte il mistero sulla sua età: è ancora così giovane perché, prima di fermarsi nella “nostra” realtà, ha girovagato un po’ fra i mondi, compreso Neverland. A questo punto sembra sempre più probabile che, in passato, Bae sia stato anche Peter Pan – tale padre, tale figlio, dopotutto, e se attorno a Rumpelstiltskin ruotano una quantità a volte perfino eccessiva di identità non vedo perché anche per Bae non dovrebbe poter essere così). L’effetto-spiegone di certi passaggi poteva forse essere smussato, e mi chiedo per quale motivo dare una fidanzata a Bae quando è abbastanza chiaro che lui ed Emma finiranno in qualche modo per rimettersi insieme, ma non intendo stare qui a lamentarmi della parte dell’episodio in cui vediamo finalmente Bae riavvicinarsi a suo padre grazie ad una ferita a quest’ultimo inferta da Hook tramite il suo uncino avvelenato. E d’altronde, qualsiasi scena in cui Hook appaia solo per venire barbaramente picchiato è da me sempre bene accetta.

La parte di episodio ambientata a Storybrooke funziona a mio parere un po’ meno, per due motivi principali.

Il primo: c’è delusione, parecchia delusione, per la scelta di chiarire una volta per tutte che in effetti quello di Regina non è un doppio gioco, ma si sta davvero fidando della madre. Fino a questo episodio la questione era sembrata abbastanza fumosa da poter sperare il contrario, ma direi che l’ultimo dialogo fra Regina e Cora lascia poco spazio a dubbi e supposizioni in questo senso. Peccato, peccato veramente. La gestione di Regina nella prima metà di stagione non era stata impeccabile, ma era intrigante, e la storyline della sua redenzione era circa un miliardo di volte più interessante di quella che le è toccata adesso con Cora. Speriamo in un miglioramento prossimo venturo.

Secondo motivo: la parte a Storybrooke è, purtroppo, legata a doppio filo con, credo, alcuni dei flashback più atrocemente brutti che Once Upon A Time sia mai stato in grado di offrirci in generale, e anche in particolare in questa stagione. Vi prego, non posso essere l’unica che, ogni volta che la piccola Snow apriva bocca, sentiva germogliare il violento desiderio di darle fuoco. Il personaggio di Snow bambina è sempre un po’ stato gestito e scritto coi piedi, al punto da farmi spesso pensare che fosse deliberatamente scritta per essere odiata, ma in questo nuovo episodio alla sua naturale antipatia si aggiunge anche l’assoluta cagnezza della giovane Bailee Madison, la quale diventa assolutamente insopportabile nelle scene di pathos, soprattutto quando piange.

È impossibile godersi ciò che il flashback racconta (anche a causa della totale piattezza della madre di Snow, presentata come la somma di tutto quanto di più buono possa esistere nel mondo, un compendio di perfezione al confronto del quale qualsiasi santo si sarebbe inchinato mormorando “non son degno”), ed è impossibile scinderlo dalla storyline di Storybrooke, che ne risulta estremamente, inutilmente appesantita.

Peccato, anche qui, perché gli sviluppi interessanti non mancano certo: Mary Margaret si riunisce con Johanna, anziana serva nel palazzo reale della Enchanted Forest del passato, scopre dell’alleanza fra Cora e Regina, cerca di convincere Regina a schierarsi dalla parte dei buoni (con uno dei pep talk peggio concepiti nella storia dell’umanità, per dirla proprio tutta), assieme a David riesce a mettere le mani per prima sul pugnale magico di Gold, affronta Cora e, uscendo sconfitta dallo scontro, prende una decisione che sicuramente cambierà la nostra percezione del personaggio con l’andare dei prossimi episodi, ma…

…ma. Davvero, non riesco a superare la sensazione di tremenda irritazione e fastidio che mi hanno dato i flashback nel mondo delle fiabe, sensazione che si è inevitabilmente ripercossa anche su Mary Margaret, sensazione che ha coinvolto anche Cora (l’introspezione del suo personaggio fino ad ora mostra solo che è cattiva; ma cattiva, eh! Cattiva, cattivissima! E basta), che ha reso opaca ai miei occhi perfino la performance della Parrilla. Una colpa assolutamente imperdonabile.

Meh!

Il buonissimo ritmo della parte di episodio ambientata a Manhattan non basta a controbilanciare gli orribili flashback e la appena sufficiente parte ambientata a Storybrooke. Provaci ancora, Once Upon A Time.

Lisa C.

Scrive tanto, e poi legge/guarda roba varia ed eventuale per parlarne principalmente male. Una vita mangiata dall'OCD.

45 Comments

  1. Devo dire che concordo, ultimamente la storia che più mi interessa è quella di Neal, Emma, Henry e Tremotino.
    Sono curiosa di come si svolgeranno tutte le dinamiche famigliari / sentimentali. (mi piace molto la coppia Emma & Neal)
    Tamara non mi piace…ma si sa che devono mettere sempre qualcuno tra i due innamorati.
    Credo questa storia ci porterà direttamente alle due puntate finali che parlano di Neverland.

    Rispondi

  2. Concordo in toto sui flashback, brutti e insopportabili peggeio di un prurito.
    Però sono piuttosto interessata alla svolta sul personaggio di Mary Margareth che finalmente potrebbe riservare qualcosa di interessante e smetterla di essere quella buona per forza. Su Regina eclisso, proprio non mi spiego cosa stanno facendo con il personaggio, su Cora invece ho millemila teorie e quindi aspetterò per dare un giudizio.
    La parte a New York è senza dubbio la più interessante, anche perchè il fatto che Bae potrebbe essere Peter Pan mi piace un casino e poi è sempre un piacere vedere Hook picchiato (sta quasi iniziando a farmi pena…quasi eh). Il ferimento di Gold, in concomitanza con gli eventi di Storybrooke, potrebbe essere davvero la svolta della stagione e portare a qualcosa di interessantissimo, per il momento mi godo il buon Gold che è meraviglioso in tutto quel che fa.
    Sulla fidanzata di Bae sono sul meh, mi sembra lo stesso artificio narrativo usato in The Hour della BBC della moglio di Freddie liquidata in due episodi.
    Detto ciò, nonostante la Snow bambina l’episodio mi è piaciuto e mi ha lasciato con una curiosità morbosa verso il prossimo, cosa che non mi succedeva da un po’ con questa serie. E voglio più Rumbelle.

    P.S. ho guardato l’episodio con un sorriso ebete per tutto il tempo: c’è Mrs Patmore!

    Rispondi

  3. Non sono molto d’accordo con la recensione! Puntata inferiore a Manahattan, che per me è stato un dei migliori episodi della seconda stagione,ma sicuramente non negativa quanto affermate!
    A me la parte nel regno delle favole è piaciuta molto. E la piccola Snow fa le stesse espressioni di quella grande.. devo dire che si assomigliano parecchio!
    Quando Cora è davanti alla regina morta mi fa pensare che ci sia un legame che non ci hanno ancora svelato tra le due!
    Sul triangolo Emma/Neal/Tamara non mi esprimo per ora…
    Su Neal che è stato all’isola che non c’è, ottima trovata, altrimenti ce lo saremmo ritrovati morto e sepolto da un bel pezzo! ahahahha Il fatto che sappia guidare anche la nave di Hook può solo far ben sperare (almeno per me!)!

    Rispondi

  4. I primi minuti mi hanno seriamente smontato, settando il tono delle mie percezioni per tutto l’episodio a venire. Palle palle palle. Mi dispiace perchè sarebbe pure un’onesta puntata, ma in una serie che inizia ad annoiarmi e della quale comincio a vedere molto più i difetti dei pregi. Aggiungo che certe situazioni non le capisco e neppure mi spreco più di tanto; per esempio: perchè Gold diventa così aggressivo con Henry e gli da la colpa di tutto quello che è successo? come e dico come può sperare Regina di uccidere tutti ed aspettarsi che Henry le faccia pure le feste? ma sopratutto Regina è un ottovolante in quanto a decision making, davvero non si capisce se è cattiva, se è buona, se tenta, se finge, se intrallazza, e so lo fa a favore di chi, il che sarebbe teoricamente interessante perchè terrebbe sulle spine lo spettatore ma così come è eseguito è solo irritante.

    Rispondi

  5. Irritazione è dire poco. La giovane snow sembra un’attrice da melodramma di serie z. Con 2 gigantesche patate in bocca. Per non parlare della madre e del suo unico abito (tra l’altro a me subito pareva milah!). Che puntata banale! Che noia! Snow hai un coltellaccio in mano, ma infilzare cora o regina? Pateva brutto? E la spiega di tutti i flashback snow-queen prima dell’evil, che erano giá palesemente chiari a tutti, era necessaria? NO. a mio avviso la puntata si salva solo perchè Neal è un figo.

    Rispondi

  6. D’accordo con la recensione, dal MACHECAVOLOSTAIFACENDO diretto a Snow quando s’è bruciata l’unico vantaggio (l’effetto sorpresa) in loro possesso andando a spiattellare tutto a Regina, alla delusione per il fatto che Regina si sta *davvero* fidando di nuovo di sua madre (ma allora sei dura!!)…. quoto in particolare:

    ” E d’altronde, qualsiasi scena in cui Hook appaia solo per venire barbaramente picchiato è da me sempre bene accetta.”
    Cacchio sì! che personaggio del cavolo…. aspettative altissime, risultato bleah!

    “Vi prego, non posso essere l’unica che, ogni volta che la piccola Snow apriva bocca, sentiva germogliare il violento desiderio di darle fuoco.”
    Assolutamente non l’unica, io venivo colta da un enorme voglia di pigliarla a manate… non fosse che poi avrebbe ricominciato a frignare e sarebbe stato peggio -___-

    Randomità:
    – anch’io ero tutta AWWWA! per Mrs. Patmore *_____* (e noto che la maledizione mortale sui poveri personaggi di Downton Abbey non se ne va’ neanche se cambiano serie O__O)
    – trovata finalmente la funzione definitiva di Charming: donna delle pulizie/cameriera/cuoca. Ora sì che ha un senso!!!!!

    Rispondi

  7. La recensione rispecchia totalmente i miei pensieri sulla puntata e, fino ad adesso, su questa seconda stagione.
    Come volevasi dimostrare (ok attendiamo fino all’ultimo episodio della stagione…ma appunto, MEH) gli sceneggiatori hanno mandato in pappa tutto quello che c’era di buono nella prima stagione, compresi i personaggi.

    Si sono presi così tanto il disturbo di infilare situazioni su situazioni, che adesso voglio vedere come se la caveranno (hanno dato il via a delle storyline che poi sono finite nel dimenticatoio).
    Snow e Charming che mi stavano anche simpatici, adesso hanno raggiunto livelli di stupidaggine indicibili (va bene essere buoni, ma un minimo di furbizia ve ne prego) e se ne va un pò anche il mio amore per la Goodwin (se vedo un’altra espressione di pura disperazione o se sento un altro “I will always fiiiiind you” spacco il pc, seriamente).

    Concordo con chi dice che, per adesso, l’unica vera storyline degna di essere seguita è quella di Emma/Neal/Rumple, anche se per quanto riguarda i personaggi resto sempre un pò perplessa.
    Nella prima stagione ogni personaggio ha avuto il suo percorso, la sua crescita ed eventuali cambiamenti, seguendo una certa coerenza e qui invece ci ritroviamo davanti ad una Regina più confusa che mai e ad un Rumple che dovrebbe imparare dai proprio errori, in fase di redenzione nel cercare suo figlio ed invece è pronto a scagliare tutto il suo odio su Henry (WTF?).

    Rispondi

  8. sarò ripetitiva ma io veramente David e Mary Margaret non li sopporto più! a sto punto spero davvero che Regina ammazzi tutti.

    Rispondi

  9. purtroppo sono d’accordo con la recensione, soprattutto la parte su Regina, io ero davvero convinta facesse il doppio gioco, ma sembra invece che sia così scema e insicura da fidarsi della madre! i flashback noiosissimi, ritrovamento e immediata perdita del pugnale da parte dei Charming imbarazzante, (anche se mi stupisce che Mr. Gold si sia fidato di quei 2, a meno che non sia solo un altro depistaggio) che Neal tornasse a Storybrooke con loro era scontato quindi se ci risparmiavano la comparsata di Hook con la nave magica a NY era meglio secondo me!, comunque ormai Rumple sta per tornare in città e non vedo l’ora di vederlo interagire con Cora!

    Rispondi

  10. Non so perché ma la prima volta che è comparsa, nella scorsa stagione, l’attrice che fa babysnow mi sembrava adorabile, a questo giro l’avrei presa a randellate, e sono contenta di sapere che nn sono l’unica!!! Inoltre nn ho capito il perché di tutto quello spiegone su come fosse stato tutto architettato da cora… Visto che era già stato spiegato in un’altra puntata!!!!
    Tutto sommato non mi è dispiaciuto l’episodio, è stato sicuramente sollevato dalla parte a New york… Io adoro neal e shippo lui ed Emma! Spero che tornino tutti presto a storybrooke perché preferisco quando la struttura e divisa in due (presente/ passato) che in tre (presente/presente/passato).

    Rispondi

  11. Andrò contro corrente: a me la piccola Snow non dispiace. O meglio, mi basta una sua inquadratura per farmi salire la furia omicida, però mi ha fatto venire il dubbio di essere in qualche modo imparentata con Ginnifer Goodwin. Forse perchè anche Mary Margaret mi fa salire la furia omicida. Fanno le stesse espressioni da pesce lesso, è la peggior Biancaneve di sempre. Speriamo che in versione dark acquisti punti.
    Per quanto riguarda la puntata in sè, per quanto prevedibile, l’unica cosa degna di nota è Neal/Peter Pan.
    I fan della Disney sostengono che la fidanzata di Neal sia l’equivalente di Giglio Tigrato nel cartone, personaggio di cui personalmente non ricordo neanche l’esistenza.
    Io temo un po’ per il futuro di Regina. A ‘sto punto che la facciano diventare The Evil Queen a tutti gli effetti e la facciano finita. Una eventuale futura redenzione secondo me non sarebbe molto conciliabile con la complicità in omicidio. Che stermini i coniugi Charming a questo punto! ;-)

    Rispondi

  12. Stavo scrivendo uno a uno la lista di tutte le schifezze che questo episodio ha mostrato, ma rischiava di diventare piu’ lunga della recensione! Quindi mi limito a dire: BELLA MERDA!!! Veramente, un episodio cosi’ brutto non si e’ mia visto (e non solo in OUAT) ma in TV in generale. Snow bambina fa talmente tanto schifo che ho rimpianto quel moccio di Henry per tutta la puntata. Regina e Cora sono pietose, e Charming e Snow ancora peggio (vuoi uccidere Cora? Ma vaffan…) e Hook mi fa pena, tutte le volte che e’ in scena e’ per prendersi una botta in testa.

    Insomma, non si salva NIENTE in questo episodio! BIG NONO!!!!

    Rispondi

  13. Thiliol ha scritto:

    P.S. ho guardato l’episodio con un sorriso ebete per tutto il tempo: c’è Mrs Patmore!

    ahaha!!l’unica cosa che ha reso sopportabile la parte stoorybrooke e i noiossissimi flashback!!
    concordo con la recensione.mi ha stupito vedere un rumple attaccatissimo al figlio e altrettanto desideroso di vedere morto il nipote..si la veggente ha predetto che a causa sua sarà distrutto, ma per un uomo che cerca di riunirsi con la propria famiglia da tipo 200 anni,non sò..un pò più di tormento nello scoprire che il marmocchio da far fuori è proprio suo nippote me lo sarei aspettato..vedremo nelle prossime puntate.

    Rispondi

  14. Eh purtroppo devo concordare con la recensione..puntata da meh!
    La storia di NY è al momento la più interessante,anche se Bae/Peter Pan lo avevamo già ipotizzato (in realtà non ne sarò convinta finchè non lo vedrò,dato che gli autori si sono prodigati bene a dire a destra e a manca che Peter Pan non comparirà in questa stagione..depistaggio?),però mi piacciono lui e Emma,e sono curiosa di vedere in che modo si svilupperà il rapporto nonno/padre/figlio.
    (tra l’altro,quando hanno spiegato il motivo dell’età di Neal,nessuno si è ritrovato a pensare come me “ah autori,allora leggete serialmente anche voi!”)
    La storia di Snow mi ha annoiata dall’inizio alla fine,ma il motivo è presto detto:io non sopporto il personaggio,o per lo meno come lo hanno costruito in OUAT,e niente temo potrà farmi cambiare idea. Un passato triste per Snow che giustifichi il suo odio per Regina?Mi spiace,non fa effetto su di me. Se la famosa 1×18 mi bastò per adorare alla follia Regina,tutte queste sfighe capitate a Snow non mi toccano..sono troppo insensibile?
    Poi veramente,il pugnale rimane nascosto per secoli praticamente,Regina e Cora sembrano brancolare nel buio..e quei “due idioti” in un secondo lo perdono?Aveva ragione Rumple a questo punto..
    Per il resto,anche io penso ci sia del non detto tra Cora e la mamma di Snow..e non dimentichiamo Mrs.Patmore <3

    Rispondi

  15. Holly ha scritto:

    (tra l’altro,quando hanno spiegato il motivo dell’età di Neal,nessuno si è ritrovato a pensare come me “ah autori,allora leggete serialmente anche voi!”)

    IO IO :)!!!!!!

    Rispondi

  16. Ormai da un po’ di tempo Once è entrato di diritto in quell’odioso gruppo di tv show con un immenso potenziale che vengono mandati in vacca da una scrittura pigra e superficiale, e credo che l’irritazione generale suscitata sia in parte legata a questo fatto…
    Per gli standard della serie però direi che questo è stato un episodio apprezzabile, non certo un capolavoro ma s’è rivelato piacevole da guardare.
    Era da un po’ che non empatizzavo con Snow ma stavolta è successo, la trafila di tragedie che ha vissuto me ne hanno fatto avere pena, povera, che accanimento.. Mi piace molto la svolta dark che sembra profilarsi, confido dia al personaggio molto più spessore e interesse e gli faccia perdere quell’aria di superiorità che mi fa tanto detestare i buoni senza macchia. Ho trovato il confronto con Regina intenso, questo è un rapporto a cui andrebbe dato più spazio e di cui sarebbe bene sviscerare le varie sfumature da entrambe le parti coinvolte.
    La piccola Snow m’ha fatto tenerezza invece, ma credo sia colpa dell’attrice, in ogni scena pensavo al suo impegno per trasmettere le emozioni del personaggio; purtroppo il tutto è risultato troppo forzato e, a volte, ridicolo. Avrà di certo tempo per migliorare.
    Flashback noioso, personaggio della mamma di Snow piatto e banale, ma il finale presuppone uno sviluppo interessante per Cora, e non vedo l’ora di vederlo!
    Fronte NY così così, Neal resta ancora un mistero interessante da scoprire (ho dei dubbi che sia davvero Peter Pan comunque a giudicare dalla sua reazione nel vedere Hook, lo conosce ok ma non reagisce con troppo trasporto); il ferimento di Rumple è stato penoso invece, scritto proprio con i piedi e pieno di così tanti nonsense che non m’ha fatto godere nemmeno degli eventi successivi (e la minaccia di Rumple al bimbo malefico doveva essere uno di questi).
    La redenzione è un cammino lungo e difficile, e in quest’ottica accetto che Regina sia caduta così stupidamente nelle grinfie della madre, in fondo la cosa è plausibile e, come dice lei stessa a Snow, che cosa le ha portato essere buona finora? Ha perso tutto e si aggrappa all’unica persona che le dice di amarla. E’ davvero triste ma così umano… Avrei voluto che questo conflitto avesse più spazio, ma sono fiduciosa per il futuro, in fondo con questo personaggio hanno fatto bene in passato.

    Rispondi

  17. Holly ha scritto:

    (tra l’altro,quando hanno spiegato il motivo dell’età di Neal,nessuno si è ritrovato a pensare come me “ah autori,allora leggete serialmente anche voi!”)

    Rivendico la parternità di Bae=Peter Pan!! :)
    Scherzi a parte, a questo punto è probabile che Gold, da quando ha perso Bae a Fairyland, lo abbia sempre monitorato e tenuto d’occhio (con quella sfera di cristallo che è comparsa un paio di volte? oppure me la sono completamente immaginata?) senza però mai avere la possibilità di raggiungerlo. Alla prima occasione utile è quindi partito verso il figlio, e questo spiegherebbe come mai non ha fatto una piega nel rivederlo giovane anziché duecentenne.

    Per il resto, concordo con tutti quelli che trovano pallosissima la trama incentrata sui Charming, ma anche su Regina (un’involuzione del genere di questo personaggio non me la sarei mai aspettata) e Cora. Ho smesso di provare empatia o qualunque altra emozione o attaccamento ad un personaggio tempo fa.

    Rispondi

  18. Concordo quasi su tutto, cioè io all’episodio darei OK (e a me Bailee Madison non dispiace, nel senso che la trovo decisamente sopra le righe, quindi per questo facilmente detestabile, ma comunque espressiva) però PURTROPPO- e purtroppo devo per forza scriverlo grosso- concordo sul gigantesco FAIL per la gestione di Regina. Mi dispiace veramente, e inevitabilmente quando ci sono troppe cose che non funzionano, vanno a incidere anche sulle performance degli attori e quindi sono d’accordo a malincuore anche qui, la Parrilla è un mostro, io la amo, ma non può fare miracoli. Nel momento in cui il personaggio e le vicende non sono credibili, anche lei non riesce ad essere sufficientemente credibile, e risulta sottotono.
    Detto questo, un punto di merito però- secondo me- va alla scena di Cora che la rende Bitch per eccellenza, quella in cui scaraventa Johanna fuori dalla finestra. Cioè a me ha stupito e mi ha anche divertita, non so voi.
    E ultima cosa, si, la parte a New York funziona di più, proprio perché misteriosa.

    Rispondi

  19. Mi aspettavo una recensione durissima e cattivissima su quest’episodio,visto che non era peggiore ma neanche migliore di Manhattan…e invece devo dire che comunque sono parzialmente d’accordo.Questa seria ha infinite potenzialità,ma il problema è che non vengono sviluppate come si deve o molto approssimativamente!Nel complesso però,l’episodio è stato bello.Il personaggio della regina Eva,pur essendo poco connotato caratterialmente(cosi come d’altronde il 60% dei personaggi di Storybrooke e del mondo delle fiabe!)è riuscita a rendere una abbastanza credibile immagine della madre di Biancaneve.E poi l’attrice è molto bella e brava!.Anche Bailee Madison è stata molto brava,non capisco perchè tutti ce l’abbiano con lei!Sarà anche enfatica quando recita le scene strappalacrime,ma sicuramente recita meglio di tanti suoi colleghi di 20 anni più grandi(e non è una frecciatina se è questo che qualcuno ha capito! xD).Concordo tuttavia sul fatto che il flashback poteva essere strutturato meglio dal punto di vista della storyline perchè,nonostante per me sia stata emotivamente coinvolgente(il minimo),non ha raccontato nulla che noi non potessimo prevedere o intuire.Le vicende a Storybrooke si fanno molto interessanti,adesso Snow è assetata di vendetta e vorrei proprio capire come ha intenzione di scontrarsi con Cora….Regina ultimamente come personaggio sta facendo cagare,lo stanno distruggendo episodio dopo episodio ma credo che stiamo tutti giudicando troppo in fretta!Da alcuni sguardi,si capisce che Regina non ha totale fiducia nella madre e che forse abbiamo qualche speranza che riesca a rinsavire prima del finale di stagione!La parte di NY mi interessa relativamente,ciò che mi preme sapere è cosa Tremo ha intenzione di fare con la faccenda di Henry.Di sicuro,non gli faranno uccidere suo nipote perchè si metterebbe TUTTI contro!Vorrei capire fin dove vuole spingersi….Neal mi sta profondamente sulle scatole,e non mi interessa che sia Peter Pan o meno,è un personaggio insulso e se muore per me è anche meglio!

    Rispondi

  20. Io non capisco una cosa… probabilmente me la sono persa in passato ma preferirei che qualcuno piu’ attento me la chiarisse…
    Perchè Cora non fa esplodere la testa a Snow e a Henry e prende il pugnale?
    Ormai non c’è piu’ il “Facciamoli uccidere da Rumple che cosi’ non dan la colpa a te e Henry puo’ tornare senza darti colpe”, no?
    O se non poteva perchè aveva il pugnale MAGGGICISSIMO, perchè non li ha massacrati appena consegnato il pugnale e si è limitata a scagliare la povera attendente fuori dalla finestra?

    Rispondi

  21. @ Roberto:
    ottima domanda,me lo sono chiesto anche io, anche perchè quando regina le chiede come avrebbero fatto ora che erano state scoperte, lei mi sembra accenni a cancellare la memoria del ragazzino..allora perchè affaticarsi tanto?non mi è chiaro..
    comunque solo a me è sembrato che nella torre dell’orologio,quando regina dice a snow che magari potrebbe essere lei la buona per una volta, volesse farle capire che stà facendo il doppio gioco? me lo sono sognato?

    Rispondi

  22. jackson1966 7 marzo 2013 at 20:40

    Non sono d’accordo sulla recensione (che novità! me lo dico da sola) A me la puntata è piaciuta e il vestito della madre di Snow l’ho adorato. E finalmente Snow gira l’angolo come da un po’ sta mandando segnali che vuole fare, vedremo l’evoluzione ma sarà interessante anche per il rapporto con David.
    L’unica cosa con cui sono d’accordo è Regina: sembra una rimbecillita, non all’altezza della sua “fama” Spero sempre che stia fingendo
    Secondo me l’assalto di Rumple a Henry ci riserverà sorprese: come sempre quando c’è di mezzo lui.

    Rispondi

  23. @ Ginny:
    Giglio Tigrato è la ragazzina indiana,mi pare a Peter piaccia pure un pochetto..sarebbe carino se fosse lei!!
    A questo punto manca solo Trilly e siamo a posto :)
    @And:
    Già è vero,anche io ricordo la sfera di cristallo!!!

    Rispondi

  24. qualcuno mi spiega perchè evolvono solo i cattivi?!? sarà la ventordicentocinqunomilionesima volta che la meravigliosa famiglia-noi-siamo-buoni-puri-e-perfetti-charming si fa dire dov’è nascosto qualcosa di assolutamente ben nascosto per proteggerlo e se lo fanno soffiare da sotto il naso non appena lo trovano senza nemmeno riuscire a salvare uno dei poveri cristi tenuti in ostaggio.

    a parte questo hook che continua a prenderle di santa ragione da chiunque?(lo ammetto è divertente ) ma ormai è diventato una routine .-.

    per quanto riguarda la piccola snow (odiosa come la grande ) mi ha dato per tutto il tempo un sentimento di rabbia . Per quanto mi riguarda un ruolo da cattiva le starebbe strabene …

    Rispondi

  25. Eli ha scritto:

    Ormai da un po’ di tempo Once è entrato di diritto in quell’odioso gruppo di tv show con un immenso potenziale che vengono mandati in vacca da una scrittura pigra e superficiale, e credo che l’irritazione generale suscitata sia in parte legata a questo fatto…

    Perfettamente d’accordo.
    le idee sarebbero anche interessanti, se solo non fossero sviluppate con dei dialoghi così prevedibili… Sulle capacità interpretative non posso che condividere il senso di irritazione generale nel vedere l’attrice che interpreta la piccola Snow, evidentemente non in grado di sostenere quel ruolo senza una attenta guida registica, mentre purtroppo in questo show chi sta alla regia spesso pare proprio guardare altrove.

    Sciolto il mistero dell’età di Neal (se non era Peter, era uno dei bambini perduti – e forse preferirei questa seconda possibillità), è automatico il crearsi del mistero del suo arrivo su questo pianeta, e per me è decisamente più interessante rispetto al “mistero” della sua fidanzata.

    Ma la novità che più mi ha intrigato, devo ammettere, riguarda la mamma di Snow: certamente un personaggio piatto se ci limitiamo a questo episodio, ma il saluto di Cora, con tanto di bacio in punta di dita e quel riferimento all’essere “Miller’s daughter”, mi fa pensare/sperare in un legame tra le due moooolto più complesso di quanto ci hanno fatto già vedere… io punto sul “sorelle” o quanto meno amiche/rivali d’infanzia…

    Rispondi

  26. Anche io ho pensato Cora e la mamma di Snow come sorelle (anche per il discorso “Ah, mia figlia sarà regina! Non tu!”)

    Se non fosse che abbiamo già avuto Cenerontola (non me lo sto inventando, vero? Era quella incinta nella prima stagione, no?) avrei visto bene Cora come una sorellastra e la mamma di Snow, con tanto di fata madrina, un cindarella ormai regina…

    Rispondi

  27. @ Holly:
    Trilly sarebbe più carina come cosa rispetto a Giglio Tigrato!

    Rispondi

  28. @ Nusta: ci manca solo che cora e la madre di snow siano sorelle, poi si che costruire l’albero genealogico di henri sarebbe uno spasso!
    ok dover trovare nuovi spunti per la trama ed i personaggi, ma qua si rischia di scavalcare beatiful..
    @ Ginny:
    concordo mi piacerebbe molto!,molto più di giglio tigrato(che poi è impossibile sia lei, o neal l’avrebbe conosciuta sin dai tempi in cui stava con emma).
    in generale mi sembra tutto un gran pasticcio..come se per scegliere cosa fare gli autori lanciassero le monetine.
    se nella prima stagione l’obiettivo era chiaro, ora non si capisce più dove si voglia andare a parare.

    Rispondi

  29. Sebbene quello della madre di Snow fosse il perfetto stereotipo di buona-buonissima, contraltare alla cattiva-cattivissima Cora, devo dire che i flashback non mi hanno irritato per nulla se non a causa dell’incredibile bruttezza dei costumi. Confesso che ho anche pianto un pochino, sia con la morte della regina che con quella di Johanna (mrs. Patmore!!); e non capisco come si possa voler male alla povera Snow.
    Concordo sull’inutilità di dare una un fiancée a Neal: lo sanno pure i sassi, gli orsetti lavatori e i termosifoni che la famigliola si riunirà felicemente, perché caricare drama sentimentale à la Downton Abbey non richiesto?
    Capitolo Regina: non avevo mai pensato al doppio gioco, ma a furia di leggere teorie mi ero affezionata all’idea. Ora spero che avesse un fondamento.

    Rispondi

  30. Ho perso la voglia di continuare a guardare questa serie. Noia mortale e irritazione (hai detto bene) sono tutto ció che provo. La trama che si svolge a Storybrook é tutta demenziale. La sceneggiatura é insostenibile, la regia ridicola e le scenografie del mondo delle favole pura cartapesta. Di Snow bambina avete già detto voi (recitazione insostenibile peggio di una recita parrocchiale), ma che dire di Snow adulta che vive in un paesino di 10 abitanti e in 20 anni non aveva mai incrociato la sua vecchia nutrice? La sceneggiatori ci prendono veramente in giro e inventano personaggi a casaccio per farli morire al momento giusto e creare un po’ di patos d’accatto in puntata. Ormai é una telenovela…

    Rispondi

  31. Momi ha scritto:

    ma che dire di Snow adulta che vive in un paesino di 10 abitanti e in 20 anni non aveva mai incrociato la sua vecchia nutrice?

    Bè a proposito di questo non credo si tratti di un errore di sceneggiatura:mi pare che fintanto che la maledizione non fosse stata spezzata,se anche si fossero incontrate non si sarebbero riconosciute..o sbaglio?
    Poi certo,farla morire alla fine della puntata ha dimostrato che si era trattato di una semplice “comparsa”..

    Rispondi

  32. Holly ha scritto:

    Bè a proposito di questo non credo si tratti di un errore di sceneggiatura:mi pare che fintanto che la maledizione non fosse stata spezzata,se anche si fossero incontrate non si sarebbero riconosciute..o sbaglio?
    Poi certo,farla morire alla fine della puntata ha dimostrato che si era trattato di una semplice “comparsa”..

    Quoto tutto.Finchè c’era la maledizione,Snow non sapeva di essere Snow,figuriamoci se si ricordava di aver avuto una nutrice nella sua vita passata! E ovviamente,il suo primo pensiero una volta spezzata la maledizione,non era di certo quello di andare a cercare la sua nutrice dato che come lei stessa ha detto,non sapeva nemmeno che fosse a Storybrooke.

    Rispondi

  33. Sarò contro vento ma trovo la bambina fantastica non solo perché è uguale a Ginn ma anche perché riesce a ricalcare le espressioni di lei.

    Come al solito ci sono i soliti buchi temporali e i soliti bias con regina che lascia ammazzare la nutrice e comincia a farsi scrupoli quando viene fuori che la morte della regina è opera di Cora. Bel tempismo.

    E poi Hook cavolo…un pezzo di gnocco che come il povero Damon in TDV viene sempre picchiato e vive nella sfiga più assoluta.
    Bae riconosce subito Hook è ormai chiaro che sia lui Peter pan e penso sia intuibile che ciò renderà difficile l’uccisione di Gold. Credo che tra Hook e Peter non ci sia l’odio tipico della storia. (mi sembra che Hook parlasse dei bambini sperduti in modo positivo quando era sul fagiolo).

    Ho odiato Gold quando allontana in quel modo Henry ma in sto telefilm tutti si arrogano il diritto di dare la colpa agli altri per le cose che accadono?

    Rispondi

  34. @ roxy:

    Io sono convinta che Cora sia la sorella della madre di Snow….beautiful delle fiabe….inoltre credo che ci sia anche un legame di parentela tra Gold e regina…..

    Rispondi

  35. @ Holly:
    notare che Emma è bionda con gli occhi azzurri con Wendy!

    Rispondi

  36. È vero, Snow non sapeva di essere Snow finché non si é spezzata la maledizione, ma ciò non spiega comunque come, in 20 e passa anni, non avesse incrociato per strada la nutrice o come non avesse sentito il bisogno di cercarla dopo che le era tornata la memoria. Quando la maledizione si spezza, tutti i protagonisti ricordano bene sia il passato recente che quello nel mondo delle fiabe e si “ritrovano” e si riavvicinano con coloro che erano amici prima, vedi Snow e tutti i nani (o no?). Mi é sembrata un’incongruenza fastidiosa che Snow si stupisse nel sapere che anche la nutrice viveva a Storybrook da vent’anni. Mi pare proprio che le chieda “oh, anche tu vivevi qui? Non lo sapevo mica…” Ma come? É un paesino con un’unica strada e non vi siete mai incontrate? È capisco, come dice Federico, che il primo pensiero di Snow non sia stato andare a cercare la nutrice, immediatamente dopo la fine della maledizione, peró dopo i gg e le sttimane che sono passate non é nemmeno credibile che non si sia riavvicinata a lei, se davvero l’amava come nella puntata vogliono farci credere. Mi é sembrato davvero che il personaggio sia stato catapultato in puntata dal nulla in quell’unica puntata, solo per esigenze di trama piagnona. Stile Carramba o Beautiful…

    Rispondi

  37. @ alessia:
    E’ vero!!Ci avevo pensato,ma Emma è l’unica che in teoria non dovrebbe far parte del mondo delle fiabe..però sarebbe troppo bello! :)

    Rispondi

  38. @ alessia:
    l’unica parentale che mi verrebbe in mente per gold regina sarebbe se questa fosse la figlia di gold,ma visto come si è comportato da sempre con lei,e che alla sua nascita lui era gia diventato the dark one,la vedo dura…ma d’altronde tutto può succedere nella beatiful delle fiabe..dove tremotino è il coccodrillo di hook, la bestia di belle,forse il padre di peter pan,e il sovvenzionatore del dr.franckenstein..ah! e dimenticavo consuocero di biancaneve e maestro della evil queen…menomale che abbiamo già incontrato la matrigna e sorellastre di cinderella..bhà.

    Rispondi

  39. Momi ha scritto:

    È vero, Snow non sapeva di essere Snow finché non si é spezzata la maledizione, ma ciò non spiega comunque come, in 20 e passa anni, non avesse incrociato per strada la nutrice o come non avesse sentito il bisogno di cercarla dopo che le era tornata la memoria. Quando la maledizione si spezza, tutti i protagonisti ricordano bene sia il passato recente che quello nel mondo delle fiabe e si “ritrovano” e si riavvicinano con coloro che erano amici prima, vedi Snow e tutti i nani (o no?). Mi é sembrata un’incongruenza fastidiosa che Snow si stupisse nel sapere che anche la nutrice viveva a Storybrook da vent’anni. Mi pare proprio che le chieda “oh, anche tu vivevi qui? Non lo sapevo mica…” Ma come? É un paesino con un’unica strada e non vi siete mai incontrate? È capisco, come dice Federico, che il primo pensiero di Snow non sia stato andare a cercare la nutrice, immediatamente dopo la fine della maledizione, peró dopo i gg e le sttimane che sono passate non é nemmeno credibile che non si sia riavvicinata a lei, se davvero l’amava come nella puntata vogliono farci credere. Mi é sembrato davvero che il personaggio sia stato catapultato in puntata dal nulla in quell’unica puntata, solo per esigenze di trama piagnona. Stile Carramba o Beautiful…

    Concordo sul fatto che spesso vengono inseriti nuovi personaggi solo per esigenze di trama,e la cosa è fastidiosa perchè spesso questi(vedi appunto Johanna e la regina Eva) finiscono per morire prima della fine dell’episodio!D’altronde gli autori non hanno neanche il tempo di svilupparli decentemente in termini psicologici e di storyline,anche perchè poi ci si lamenta che ci si focalizza su personaggi inutili quando invece dovrebbero procedere nel far avanzare la trama orizzontale che è quella che interessa a una gran parte del pubblico di OUAT.Comunque sul discorso di Snow e Johanna,io credo che lei non abbia pensato di poterla rivedere a Storybrooke perchè probabilmante Johanna è stata la sua levatrice solo fino ad un certo punto della sua infanzia,infatti già nella puntata 1×18 ossia The Stable Boy dove si racconta della morte di Daniel,Johanna non compare.Bisogna ricordare poi che Snow per forza di cose,è stata costretta a fuggire dal castello a causa di Regina perdendo di conseguenza gli eventuali contatti che forse aveva ancora con Johanna,e forse è per questo che non ha pensato subito a cercarla,ma è solo una mia teoria.

    Rispondi

  40. Sottoscrivo in pieno la recensione. Tra l’altro credo di aver capito cos’è che mi fa essere tanto insofferente, ma proprio a livello fisico, nei confronti di Snow e Charming: sono di cartone. Un conto è essere i buoni, tutt’altro è essere dei coglioni e la nostra coppia incantata del true love sono dei coglioni fatti e finiti, che pretendono di abbattere tutto in nome del cuore puro e via dicendo. Un buono per essere convincente deve anche essere credibilmente cosciente del male del mondo, altrimenti è un fesso che merita ciò che gli accade e quindi insopportabile, un santino irritabile
    Il destino riservato a Regina poi è inammissibile. Dopo la maturazione subita NON può trnare con uno schiocco di dita a far ela cattiva, ancora più cattiva di prima. ma per piacere! e poi con quel obiettivo? no seriamente, cosa spera? che se stermina tutta la famiglia di Henry poi lui l’accoglierà a braccia aperte solo xkè c’è solo lei? non è credibile specie dopo che Regina ha capito che per conquistare Henry deve imparare ad amarlo, a fare rinunce per dimostrargli che il suo amore è vero e sentito. Altrimenti non capisco cosa speri di ottenere. mah.

    Rispondi

  41. E’ evidente che i miei gusti non rispecchiano per nulla quelli di chi recensisce alcune serie. E’ la seconda lettura oggi e, per la seconda volta, mi trovo a non essere d’accordo con quanto leggo.
    Sarà che sono lo spettatore della domenica, quello che guarda un telefilm per il piacere di vederlo senza sezionarlo nei singoli fotogrammi né, tanto meno, chiedersi come mai la gente di Manhattan non si sia stupita vedendo girare un tipo con un uncino al posto della mano (per dirne una). Per carità, questo è il vostro lavoro ed è giusto che ci sia qualcuno che lo faccia.

    A me la puntata è piaciuta molto.
    Io trovo la piccola Snow assolutamente brava. E’ assurdo come, osservandola recitare, riesca ad evocare l’immagine di Mary Margaret. Non capisco perché la si ritenga insopportabile. Riesce a rendere ogni emozione a me, almeno, arriva. La regina è piatta, è l’immagine del bene, ma non dimentichiamoci che stiamo parlando di favole anche se in chiave televisiva e sia pur con gli stravolgimenti che gli autori ne hanno fatto. Ma lei è pur sempre la madre di Biancaneve quindi che ci si aspetta?

    Per quanto riguarda Cora lo trovo un personaggio snervante e credo di aver capito il perché (per quel che mi riguarda). Regina, Rumple sono cattivi, ma la loro malvagità ha un fine. E’ come quei polizieschi in cui il padre chiede giustizia per il proprio figlio e entra in un luogo pubblico armato e minacciando di uccidere. Lì morale, etica, empatia combattono e non sempre riesci a puntare il dito contro quell’uomo, anzi. Lo stesso meccanismo si rivela per Regina e Rumple. Cora, al contrario, è una donna senza cuore. Letteralmente. Questo la rende, a mio parere, il personaggio meno empatico e più fastidioso…tanto che ti chiedi: Regina..are u ok?

    Che Regina non facesse il doppio gioco credo che fosse chiaro dall’inizio. Sin dal flashback su Wonderaland Regina ci spiega come, pur avendole fatto patire un’esistenza terribile, lei non può che amare sua madre. Volendo fare un parallelismo – per quanto “iperbolico” – è come Piper di fronte a sua nonna: madre di famiglia e donna razionale prima, ragazzina immatura con Penny al suo fianco.
    Credo che Regina stia prendendo consapevolezza di quello che sua madre è veramente, al tempo stesso, però, è l’unica che le sta offrendo l’aiuto di cui ha (o crede di aver) bisogno.

    Sono curioso di vedere la nostra Snow tramutarsi in SnowDark, se mai avverrà; e sono curioso al tempo stesso di capire come si evolverà il personaggio di Gold viste le diverse dinamiche familiari.

    Rispondi

  42. A me piace questo tf ho trovato solo un po’ ridicolo che Regina abbia usato la magia per prendere la mappa dalla borsa di Belle e la pala per spalare in terra. Non era meglio il contrario?

    Rispondi

  43. Comunque voglio ricordare che la madre di Snow è interpretata da Rena Sofer, i più begli occhi di Hollywood. Protagonista nel purtroppo chiuso Chronicle, moglie paralitica del senatore Petrelli in Heroes, un pò di particine qui e là ma degli occhi veramente incredibili e immediatamente riconoscibli.

    Rispondi

  44. […] Nello scorso episodio la madre di Snow, Queen Eva, veniva salutata da Cora in un modo che lasciava supporre ci fosse un passato tra loro. Non abbiamo dovuto aspettare molto per scoprire quale fosse. In Once Upon a Time è sempre più evidente che la storia è fatta di piccoli momenti, piccole scelte estemporanee, piccoli bivii quasi invisibili. La farfalla che scatenerà l’uragano è in questo caso uno sgambetto, una piccola prepotenza totalmente gratuita, che alimenta la rabbia di una Cora già al limite della frustrazione. E’ da notare che si tratta ancora una volta di un gesto mortificante come quello che umiliò Rumple e che contribuì a mettere in moto gli eventi che ci hanno portato fino ad oggi. Un gesto tanto più interessante considerando che la stupid foolish girl altri non è che la futura Queen Eva. Immagino che presto vedremo anche la storia del suo cambiamento, da ragazzina stronza a beneamata regina, ma questa volta i riflettori sono tutti puntati su Cora. Di fronte alla sua rabbia, onestamente, l’empatia nei suoi confronti è inevitabile: chi non avrebbe voluto prendere a sberle quella bugiarda di una principessa e a calci quel cafone di un Re? E chi non si è mai trovato a doversi mordere la lingua perché non era nelle condizioni di poter rispondere a tono? Da qui allo strappare i cuori dal petto il passo non è certo breve, a meno che non spunti fuori una nostra vecchia conoscenza ad accorciare le distanze… […]

    Rispondi

  45. Anche questo era un episodio che si poteva fare meglio, ma un Ok lo avrei dato senza problemi.
    Eccetto per quanto concerne Regina. Veramente uno spreco il modo in cui è stata trattata dagli scrittori in questa seconda metà di stagione. Fino a questo episodio avevo creduto facesse il doppio gioco ma aimé non è così.
    La snow piccola è sembrata meno irritante in italiano probabilmente salvata dal doppiaggio.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>