The Walking Dead 3x09

The Walking Dead – 3×09 – The Suicide King

Lo scorso dicembre avevamo lasciato The Walking Dead nel bel mezzo dello scontro tra gruppi di sopravvissuti e fratelli ritrovati, tra Woodbury e la prigione, Rick e il Governatore. A rimetterci le penne invece è stato Glen Mazzara, lo showrunner dell’era post-Darabont, che lascia le redini della serie a seguito di fumose “divergenze creative” con la AMC nei rispetti della direzione futura da farle intraprendere (le voci più attendibili parlano di una rottura ormai insanabile con Robert Kirkman, il creatore del fumetto originale ed executive producer della serie). Fatto sta che la persona responsabile della ripresa qualitativa di una serie che all’inizio del 2012 pareva essersi infilata in un tunnel senza uscita è stata allontanata, licenziato chi ha portato The Walking Dead a stracciare qualunque record di ascolto: domenica scorsa la serie l’episodio è stato seguito in diretta da 12 milioni e rotti di spettatori, con un rating gargantuesco di 6.1, inferiore di un solo decimo al titanico risultato di giovedì scorso di The Big Bang Theory. Insomma dopo la fine ingloriosa e meritatissima di Frank Darabont, anche Glen Mazzara dirà addio ai suoi amici zombie al termine di questa terza stagione. D’altronde siamo in The Walking Dead: nessuno è salvo, sia davanti che dietro le quinte.

The Suicide King

Scritto da Evan Reilly. Diretto da Lesli Linka Glatter.

Cronache della caduta di due sovrani. Potrebbe essere questo il sottotitolo di The Suicide King, che apre l’ultima parte di stagione per The Walking Dead. Rick ormai non riesce più a tenere unito un gruppo che perde i pezzi, inesorabilmente: dopo averlo tratto in salvo da una folla che li voleva morti, Rick non sa convincere Daryl ad abbandonare Merle al suo destino, né può mollare in mezzo alla foresta la ferita Michonne, nonostante la donna sia sparita durante l’attacco alla città e lo abbia tenuto all’oscuro del suo rapporto con Andrea, né pare in grado di calmare Glenn, assetato di vendetta dopo le torture subite. Tornato alla base, Rick così rifiuta la richiesta di ospitalità dei quattro sopravvissuti rifugiatisi nella prigione durante la sua assenza: non può dimenticare quanto affrontato con Tomas e i detenuti, la morte di Lori, quanto assistito a Woodbury. Purtroppo il suo no non è condiviso dai suoi compagni, Hershel per primo, e a Rick è difficile far valere le proprie ragioni quando davanti a lui si materializza Lori in abito nuziale, immobile e muta: la stabilità mentale dello sceriffo appare ormai definitivamente compromessa
La mattina dopo l’attacco di Rick e soci, Woodbury è in preda al caos. Gli abitanti vogliono addirittura andarsene via, preferendo sfidare la sorte fuori le recinzioni che passare un altro giorno dentro quella prigione sempre meno dorata. La reazione della “guardia cittadina” si rivela totalmente inadeguata, perché alla paura non si può rispondere con altra paura. Il Governatore? Sparito. Anzi, si fa vivo solo per porre fine alle sofferenze del suo concittadino ferito da uno degli zombie entrati approfittando del trambusto della notte precedente. Quanto durerà ancora Woodbury ora che il capitano sembra aver abbandonato la nave?
Per due leader che vacillano, ce ne sono altri due pronti a sostituirli. Alla prigione Tyreese si dimostra una guida carismatica e ragionevole, che seda le pericolose derive violente di Allen e Ben facendo appello a principi ben più solidali di quelli abbracciati da Rick negli ultimi mesi. A Woodbury invece è Andrea ad affrontare con passione il disorientamento e il panico degli abitanti. Quali saranno le conseguenze per entrambi i gruppi? Come si rapporteranno Andrea e Tyreese con questi leader in declino?

The Suicide King rende evidenti i meriti della gestione Mazzara premendo il tasto pausa agli eventi principali e zoomando sui protagonisti. Perché quando l’azione si arresta quel che rimane è il personaggio, anzi in questo caso più d’uno. Abbiamo il tormento di Rick, la follia del Governatore, il senso di colpa di Carl e la rabbia di Glenn, la sottomissione di Daryl al fratello e la comprensione di Carol, la dolcezza di Beth e la fermezza di Hershel. Se un annetto fa costruire un episodio fondato sugli stessi presupposti si sarebbe rivelato fallimentare, oggi invece il risultato è l’opposto: i conflitti interni e i dubbi morali hanno riacquistato valore proprio grazie al lavoro condotto nell’ultima decina di episodi, soprattutto nel ridare dignità a una schiera di personaggi fino ad allora usati come figurine interscambiabili. Perché se a un’analisi superficiale si potrebbe concludere che la superiorità di questa stagione possa essere riconducibile al semplice “succedono più cose e più velocemente”, in realtà la risposta è ben più complessa: sì, è vero, la staticità delle storyline si è ridotta, ma allo stesso tempo si è arricchito il dibattimento tematico e si è ingrigito l’universo morale, i personaggi non blaterano più predicozzi annacquati e ripetitivi, ma mettono in atto i propri principi morali e nel farlo ne escono più caratterizzati, le loro azioni più drammaticamente definite. Guardate la maturazione di un personaggio come Carol rispetto alla macchietta lamentosa di un anno fa, o ancora Carl, o Glenn o Maggie. Da questo elenco però devo purtroppo escludere Michonne, figura confusa e ricca di potenziale mal sviluppato. Ma è una sfortunata eccezione in una scrittura incredibilmente a fuoco.

Auguro a Scott M. Grimple e alla sua prossima gestione di saper preservare la qualità del racconto che The Walking Dead ha saputo costruire, di non confondere fiumi di parole con profondità, densità di eventi con azione drammatica. Glen Mazzara ha impresso una buona direzione creativa alla serie, che si spera possa essere mantenuta quanto meno per inerzia. È presto però per disperarsi, meglio godersi i prossimi sette episodi e riprendere il discorso in autunno. La guerra infatti è solo iniziata.

Ok.

Giovanni Di Giamberardino

Giovanni Di Giamberardino nasce qualche tempo fa da qualche parte. Da tempo complotta per la conquista del mondo e la distruzione dell’umanità. Come se non lo facesse nessuno nel mondo pure lui ha scritto un romanzo, che comunque nessuno ha letto.

60 Comments

  1. concordo in pieno.. ma andrea continua a non piacermi, mi è scaduta e sono in pensiero per daryl :D

    Rispondi

  2. Claudio Samcro 13 febbraio 2013 at 10:28

    la recensione ci prende ma comunque la puntata per me è stata di transizione. Non succedono fatti rilevanti, si dà inizio finalmente al minare l’autorità dei capi, entrambi, però è mancato il pathos che le prime 8 puntate della terza serie avevano offerto in abbondanza, a mio avviso.

    Rispondi

  3. Bella recensione!
    Io onestamente non sopporto la reazione di Andrea a tutto questo, è l’unico personaggio che ricordo completamente diverso da come si sta comportando.
    Inoltre mi sembra un pò stupida, prima la ricordavo più furba.

    Comunque un bell’episodio, ha alimentato ancora di più il mio hate verso il Governor!

    Vorrei tanto vedere la reazione di Andrea se scoprisse che lui andava in giro a uccidere gente per prendere armi e provviste…

    Rispondi

  4. Concordo anch’io con la recensione. Mi unisco anche alla perplessità su Michonne, anzi, dirò proprio che non mi piace come personaggio. Andrea sarà anche stupida, ma mai quanto Michonne, eh! Se la tira tantissimo e fa un sacco di vaccate, secondo me.
    E poi che paura Lori in abito bianco!!! 0_0

    Rispondi

  5. Personalmente ho trovato la puntata un po’ noiosa. Ma la cosa è ampiamente perdonabile, trattandosi si una puntata che serve a rinfrescare la memoria: ci ricorda dove avevamo lasciato i vari personaggi, quali erano i loro rapporti nei confronti degli altri e inizia a collocare i pezzi sulla scacchiera per quelli che saranno gli eventi futuri.
    Ora, quasi tutti hanno un motivo per mettere in dubbio l’autorità di Rick: il fatto che il Governatore sia stato lasciato in vita (nonostante si sappia che sta preparando un attacco alla prigione), il fatto che Daryl sia stato “costretto” ad andarsene, la sua intransigenza nell’accettare nel gruppo elementi nuovi…

    Speriamo si riparta alla grande nella prossima puntata.

    PS: thumbs up per Merle! Quando inizia a sfottere il gruppo, commentando ogni singola parola, è stato il momento più bello della puntata!

    Rispondi

  6. Puntata di transizione, anche se dopo mesi di attesa mi aspettavo di più. Sarà per la prossima (spero)

    Rispondi

  7. Lenta, ma comunque godibile…bene.
    Ho paura per il personaggio di Rick sinceramente, voglio dire queste situazioni mentali sono sempre difficili da analizzare. Impazzirà del tutto o riuscirà a riprendersi? E se si come? Voglio dire da quel che traspare è davvero uno stato di dissociamento dalla realtà molto avanzata, con tanto di allucinazioni.
    Curare da questo tipo di disturbi è davvero difficile già nel mondo “civile, figurati nell’apocalisse (botta in testa stile cartoon forse? staremo a vedere).

    Ps. Solo io c’ho visto nella conta dei morti del governatore un non troppo celato richiamo all’altro show AMC, Breaking Bad?
    “Your friends kill six good people, Crowley, Tim, Gargulio, Heisenberg (!), Bob Adams, Haley.”
    Magari viaggio troppo io xD

    Rispondi

  8. A me onestamente la puntata non ha fatto impazzire. Però nell’economia della serie ci può stare.
    Puntualizzo solo due cose: Michonne di un’indolenza infinita; fossi stato in Rick l’avrei veramente presa a mazzate !!!
    Secondo, il discorsetto di Andrea alla folla di Woodbury: l’ho trovato abbastanza penoso e banale. Ma più in generale è proprio Andrea che non mi piace. Anche lei secondo me da prendere a mazzate.
    Poi ho una domanda per tutti: secondo voi, l’espressione di Rick quando prende in braccio la bambina, cosa avrà voluto dire ?? Ciao a tutti.

    Rispondi

  9. Bene, ormai la trasformazione nella seconda personalità (più forte e delineata) è quasi definita.
    Non è più una serie sull’apocalisse zombie, su una tremenda emergenza sanitaria e sociale, nè un telefilm sul modo di sopravvivere all’emergenza. E’ un affascinante campionato di Wrestling, dove ormai personaggi sono maschere di cera che non trasudano alcuna espressione viva ed intelligente, tranne il caustico Merle, il riflessivo veterinario amputato, ed appena poco sopra il 4 meno meno il nuovo Tyreese.
    Precipita verso il fondo del pozzo la recitazione dello sceriffo junior con lo sguardo tetanico-sardonico, cappello e pistolotto da carezzare continuamente.
    Ammetto che nelle precedenti puntate ci siamo lasciati andare a qualche scontro poco elegante chiamando in causa l’ordine dei medici, ma bisogna pur ammettere che, in fondo, ci siamo trovati d’accordo sul fatto che la serie stava scadendo verso il genere “battaglia campale frontale” e “chi perde perde”.
    Non ho ben capito chi c’è adesso dietro la produzione e realizzazione, sospetto però che la deriva semintelligente della storia sia pilotata perchè…questo in sostanza richiede il pubblico con la bava alla bocca e il cervello da zombi.
    Quindi a nanna la scienza, il respiro, la ricerca, il cinema, la fotografia, l’umanità, i dialoghi, la speranza.

    Rispondi

  10. Cocoabo ha scritto:

    Solo io c’ho visto nella conta dei morti del governatore un non troppo celato richiamo all’altro show AMC, Breaking Bad?
    “Your friends kill six good people, Crowley, Tim, Gargulio, Heisenberg (!), Bob Adams, Haley.”
    Magari viaggio troppo io xD

    No, anche io l’ho notato. XD
    Non sarebbe il primo richiamo a BB: in una puntata della (credo) seconda stagione, quando vengono saccheggiate delle auto in cerca di medicinali, salta fuori un sacchetto contenente dei cristalli blu.

    Rispondi

  11. Concordo con la recensione. Sarà interessante vedere lo sviluppo del rapporto Merle/Daryl, dopo che quest’ultimo ha scoperto cosa sono veramente i rapporti funzionali. Spero che trovi la forza di mandare al diavolo il fratello maggiore. In ogni caso, ottima recensione.

    Rispondi

  12. Ormai è chiaro che il vero problema di TWD versione TV è Robert Kirkman. Personaggio dall’ego spropositato e boia prima di Darabont e poi di Mazzara. L’augurio è che questa sia “solo” una puntata di transizione e non l’inizio della fine di TWD. Darabont poteva non piacere, ma aveva in testa una sua serie. Mazzara era riuscito nell’impresa di trovare il giusto compromesso con la storyline del fumetto. Siamo al terzo cambio di “timoniere” in 3 stagioni … speriamo bene.

    Rispondi

  13. Puntata un pò noiosetta a mio avviso,ma non malaccio.
    Mi aspettavo di più dalla “questione Woodbury”,ma forse il confronto tra Rick e il Governatore sarà più avanti.
    Andrò contro corrente,ma a me il personaggio di Andrea non dispiace:trovo molto più fastidiose Michonne e Carol. La prima non ho ancora capito che funzione abbia nella storia,mentre la seconda non ce la vedo molto nel ruolo di “amante abbandonata”,anche perchè il rapporto con Daryl non l’ho mai considerato particolarmente profondo.
    Mi dispiace che Daryl si sia rivelato così succube del fratello,spero che torni presto!
    Ho trovato interessante la follia di Rick,e poi Lori mi ha fatto pure un pò impressione lassù in bianco :)

    Rispondi

  14. Puntata noiosa e basta, spero migliori nelle prossime puntate… e pure record di ascolto…

    Rispondi

  15. Lo dicevo io che la cagna maledetta tornava.

    Rispondi

  16. Davvero pessima,la peggiore della stagione finora.
    E il cliffhanger di 3 mesi risolto in un modo così ridicolo non glielo perdono.

    Rispondi

  17. L’unica cosa che mi viene in mente guardando questa puntata del “mio amore” dopo tre mesi di attesa e terrore domenicale che l’uragano su New York ne paralizzasse la trasmissione è: Dio sia ringraziato per il licenziamento di Mazzara. Sto cr… si vanta pure del risultato della “sua” terza stagione dal punto di vista artistico (ultima intervista): ma è scemo o ci crede veramente? Se no è grave peggio di Rick.
    Tre mesi, dico tre e questo mi fa una puntata dove l’opzione del sonno mi è apparsa interessante quasi per tutta la durata dell’episodio?
    – Andrea è alla deficienza pura (se questo è delineare un personaggio con tutte le meravigliose potenzialità che aveva grazie ne faccio volentieri e meno)
    – Rick è talmente “fuori” che se ne accorgerebbe anche un neonato (e infatti uno lo fa perchè la bimba appena la tocca piange come non aveva mai fatto prima) e tutti cosa pensano? Oh Oh non vuole Tyreese ed i suoi, è meglio farli andare via. Svegliarsi prego.
    – Glen che dà i numeri senza apparente motivo per Maggie (allora ore ed ore di discussioni sulle tette o meno di Maggie, sulla violenza che il Gov avrebbe o meno dovuto fare per rendere credibile la scena ed ora vogliono farci credere che il Gov l’ha violentata di nascosto?): ma sant’Iddio perchè lui continua a parlare dello stupro subito da Maggie e questa non lo nega? Un’altro piccolo buco narrativo di Mazzara come il cadavere di Lori mangiato completamente a parte, ovvio, il proiettile?
    – lo zombie che sta inseguendo la “preda” (Rick e gli altri), cioè segue l’unico istinto che gli zombie hanno, cioè magiare, e cosa fa? Vede un’entrata nella recinzione e, senza apparente motivo, perchè lì le prede non c’erano (tanto che azzanano i cittadini di Woodbury la mattina dopo perchè a quell’ora li trovano) decide di farsi un giro in città, così per vedere un ambiente nuovo. O Mazzara vuole dirci che quello è uno zombie “avanzato nella loro evoluzione” e “sa” che lì dentro troverà “cibo più facile” da prendere perchè non se lo aspettano, o siamo alla voragine narrativa. Chissà perchè propendo per la seconda ipotesi.
    Lasciando poi stare Daryl che torna ad essere il “cagnolino” di Merle buttando nel cesso l’evoluzione compiuta in 3 stagioni, per pietà nei confronti di Mazzara.
    La seconda stagione era brutta? Mazzara è il “salvatore della patria”? Mi spiace ma io vedo proprio l’opposto ed incredibile ma vero, per una volta sono d’accordo con @Rich-Rohmer: sta scadendo alla grande (anche se a me della ricerca scientifica ed altro non frega niente), nel senso che ormai le assurdità del plot sono sempre di più e sempre più macroscopiche perchè io, e penso altri, che la adorano possano non notarle anche volendolo con tutto il cuore

    Rispondi

  18. @ Johnny:
    Erano pessime anche prima.

    Rispondi

  19. jackson1966 ha scritto:

    Tre mesi, dico tre e questo mi fa una puntata dove l’opzione del sonno mi è apparsa interessante quasi per tutta la durata dell’episodio?

    Concordo in pieno. Noia mortale.

    Non sono mai stata una fan sfegatata di questa serie, al contrario di molti di voi.

    L’ho sempre guardata un po’ per curiosità e un po’ come “guilty pleasure”.

    Devo ammettere, però, che alcune delle ultime puntate mi avevano appassionato.

    Questa invece è penosa: mancanza di idee allo stato puro.

    Penso che uno qualsiasi di voi l’avrebbe scritta meglio, sul serio.

    Indipendentemente dagli ascolti, mi auguro proprio che NON continui così.

    Tra parentesi: ma sono l’unica che pensa che l’80 % degli attori di TWD reciti coi piedi??

    Rispondi

  20. jackson1966 ha scritto:

    lo zombie che sta inseguendo la “preda” (Rick e gli altri), cioè segue l’unico istinto che gli zombie hanno, cioè magiare, e cosa fa? Vede un’entrata nella recinzione e, senza apparente motivo, perchè lì le prede non c’erano (tanto che azzanano i cittadini di Woodbury la mattina dopo perchè a quell’ora li trovano) decide di farsi un giro in città, così per vedere un ambiente nuovo. O Mazzara vuole dirci che quello è uno zombie “avanzato nella loro evoluzione” e “sa” che lì dentro troverà “cibo più facile” da prendere perchè non se lo aspettano, o siamo alla voragine narrativa. Chissà perchè propendo per la seconda ipotesi.

    Io quel momento l’ho visto più come uno zombie attirato dai rumori..dopottutto è capitato spesso che gli zombie si “distraessero” da una preda perchè attirati da un rumore più forte..non so,azzardo una spiegazione! :)

    Rispondi

  21. Concordo con la recensione e con il voto finale, perchè era ovvio che era di transizione. Ma è QUESTO il bello della terza stagione di TWD. Nella scorsa le puntate di transizione le avrebbero spese a blaterare nella fattoria, girandosi i pollici e con dilemmi morali degni di Socrate. Invece guardateli ora: parlano, certo, ma sporchi di sangue, in una prigione in rovina, un posto ovviamente pericoloso e claustrofobico, con abiti a pezzi e tragedie alle spalle, molti recentissimi (Lori, T-Dog, Maggie pseudostuprata, Glenn picchiato e Daryl, indibbiamente il più forte, che li lascia per andare con quel decerebrato del fratello), e il clima di ansia c’è eccome, anzi, forse quando parlano ci fanno realizzare cosa provano, e la cosa raddoppia l’ansietà.
    Quindi, beh, spero che la prossima stagione (e la seconda metà di questa) rimanga a livelli alti, ma per ora c’è Glenn Mazara e quindi possiamo fidarci!

    Rispondi

  22. Piaciuta molto la caratterizzazione dei personaggi e le varie vicissitudini che si stanno creando attorno ai due leader e ai loro “seguaci”, ma per il resto l’episodio mi ha annoiato da morire.
    Ovvio che The Walking Dead non può essere una continua escalation di avvenimenti spiazzanti e versamenti di sangue, ma il ritmo di The Suicide King era veramente lento. Per gli standard elevati che ho avuto in questa stagione, fino ad ora è l’episodio che mi è piaciuto meno. Non fraintendetemi: fa mangiare la polvere a qualsiasi altro concorrente ci sia attualmente in giro sugli schermi televisivi, però è una delusione se paragonato ai precedenti otto episodi.
    Magari era solamente dovuto al fatto di un’eccessiva pretesa dopo i due mesi di astinenza, chi può dirlo. Al massimo me lo rivedrò di nuovo e vediamo che succede. Al meno mi “rasserena” vedere che non sono l’unico a pensarla in questo modo.

    Ps: come al solito, ho linkato la vostra recensione alla mia. Spero non sia di disturbo ;) : http://ktboundary-smnt2000.blogspot.it/2013/02/reviews-suicide-king-walking-dead-03×09.html

    Rispondi

  23. @ Ric_Rohmer:

    No dai,in questa stagione alcune erano pure state gradevoli.Questa se la gioca tra idiozia dei personaggi e noia dei dialoghi con le peggiori della 2a,aggiungendoci pure una palata di ridicolo involontario.

    Rispondi

  24. Puntata pessima: scrittura, recitazione, fotografia, effetti speciali a livelli infimi.
    Stenderei anche un velo pietoso sul riportare in auge il personaggio di Lori senza la partecipazione dell’attrice Sarah Wayne Callies (come già avvenuto nella terza stagione di Prison Break).
    Di questa serie salvo oramai solamente Lauren Cohan, ma giusto perché mi piace fisicamente come donna e intellettualmente come persona basandomi sulle interviste in cui l’ho vista all’opera.
    Almeno prima c’era l’inutile T-DOG a risollevare il morale durante la visione. Ora mi hanno tolto anche lui.

    P.S.: menzione d’onore al Governor che spara (centrandolo in pieno volto!) allo zombie in modalità “no look”, con la testa girata dall’altra parte. Chapeau a cotanto trash.

    Rispondi

  25. Cavoli, non c’è un sistema per evitare doppi nickname? Vorrei specificare che il Johnny che ha postato i commenti “13 febbraio 2013 alle 13:11″ e “13 febbraio 2013 alle 15:56″ non sono io :(

    Rispondi

  26. Per prima cosa complimenti per la recensione!
    A mio parere la puntata é stata cosí cosí! Alcune cose bene e altre male!!.
    Per queste ultime mi riferisco in particolare alle scene girate a Woodbury!!
    Piú volte ho avuto la sensazione di guardare uno di quei film catastrofici degli anni 80.
    Esempio: La scena della sparatoria nell’ arena, con Rick e Maggie appostati a pochi metri e nessuno che se li cagasse!!
    Ma la cosa peggiore-ridicola (sempre a mio parere), é stata la scena del tentativo di fuga degli abitanti della cittadina: in auto, piena di bagagli e che si mettono a strombazzare come se fossero bloccati nel traffico!!!!!!!!
    Puó anche essere che presi dal panico non si ragioni piú……peró pensare che fuori da Woodbury si stia piú sicuri!!???
    Vabbe’, mettiamo che sia cosí,……ma almeno cerca di farlo un pó in silenzio, senza metterti a strombazzare attirando tutti gli zombie del circondario!! Lo sapranno che fuori e pieno di camminanti e che il rumore li attira???
    Non só, forse mi sbaglio,..ma quelle scene (e le interpretazioni), mi hanno fatto un pó sorridere!
    Saluti a tutti!

    Rispondi

  27. Anch’io l’ho trovata una puntata più lenta e pacata delle altre, ma ci sta perfettamente. E’ la calma dopo la tempesta e insieme prima di una probabilmente ancora più grande.
    Mi piace il prendersi questi momenti, anche un episodio intero, per soffermarsi sui personaggi, per mostrarne aspetti che altrimenti non potrebbero uscir fuori perchè meno “plateali”: il discorso tra Carol e Beth ad esempio, che serve anche a “giustificare” un po’ la decisione di Daryl: da un lato è difficile liberarsi dalle proprie presenze ingombranti, specie se “it’s blood” e c’è un po’ di senso di colpa mischiato, dall’altro non è del tutto sicuro che si debba -appunto perché it’s blood e magari rientra in un proprio “codice d’onore”, che per quanto possa essere sballato o discutibile almeno c’è.
    A me sinceramente piace l’idea di Daryl on his own con Merle, principalmente perché penso che non durerà e tornerà presto dall’altra sua famiglia, ma poi perché è realistico che uno non lasci un fratello appena ritrovato, specie se questo aveva un qualche potere su di lui prima e c’è un’apocalisse zombie in giro. Magari tra un po’ Merle si farà odiare di nuovo e Daryl lo mollerà, ma ci sta che non l’abbia fatto ora, come ci sta che non abbia cercato di perorare la sua causa col resto del gruppo, ma ha semplicemente detto come stavano le cose e agito di conseguenza.

    @ Cocoabo:
    No, l’ho notato anch’io, quando ha detto “..Heisenberg” son saltata :D

    jackson1966 ha scritto:

    – Rick è talmente “fuori” che se ne accorgerebbe anche un neonato (e infatti uno lo fa perchè la bimba appena la tocca piange come non aveva mai fatto prima) e tutti cosa pensano? Oh Oh non vuole Tyreese ed i suoi, è meglio farli andare via. Svegliarsi prego.

    Credo che questa sia la reazione immediata, lui da di matto improvvisamente e loro mettono da parte gli estranei, mi sembra ovvio. Non c’è bisogno di giudicare la sanità mentale del loro leader davanti a degli estranei, così, su due piedi. Nel prossimo episodio qualcuno dovrebbe provare a parlargli e a capire a chi esattamente credeva di rivolgersi parlando al vuoto.
    Tra l’altro non capisco perché Rick dovrebbe accogliere Tyreese e co. a braccia aperte, la metà del gruppo è più che male intenzionata e gli altri due certo non lo fanno presente.

    - Glen che dà i numeri senza apparente motivo per Maggie (allora ore ed ore di discussioni sulle tette o meno di Maggie, sulla violenza che il Gov avrebbe o meno dovuto fare per rendere credibile la scena ed ora vogliono farci credere che il Gov l’ha violentata di nascosto?): ma sant’Iddio perchè lui continua a parlare dello stupro subito da Maggie e questa non lo nega? Un’altro piccolo buco narrativo di Mazzara come il cadavere di Lori mangiato completamente a parte, ovvio, il proiettile?

    Senza apparente motivo? E’ stato torturato, mezzo ammazzato, quasi ucciso, e con lui la sua ragazza, che è stata quasi stuprata. Magari lui sospetta che lo sia stata davvero e che non gli dica la verità per non ferirlo, chissà. Non vogliono farci credere che il Gov l’ha “violentata di nascosto”, ma mettono in scene le paranoie di un ragazzo che si è visto restutuire la ragazza che ama a petto nudo e in lacrime da uno psicopatico.
    E Maggie non è che non nega lo stupro (l’ha negato a Glenn), non ne vuole parlare davanti ad altri, non vuole che si sappia che lei era in una situazione del genere. Mi sembra tutto MOLTO realistico e molto umano.

    Rispondi

  28. @ jackson1966:
    Onestamente mi sembrava,come gia detto,piuttosto scontato che lo zombie fosse attratto dai rumori e luci della cittá in piena rivolta.
    @ winston smith:
    Mha a me la recitazione non è sembrata molto diversa dal solito,per il resto gusti personali.
    L’episodio ha disatteso le aspettative cresciute in tre mesi di clip mozzafiato e finti spoiler che giravano in rete.
    Apparte quest episodio deboluccio ,che comunque è fisiologico di una serie,mazzara puó essere fiero del suo lavoro che ha risollevato le sorti di una serie che stava naufragando.

    Rispondi

  29. roxy ha scritto:

    @ winston smith:
    Mha a me la recitazione non è sembrata molto diversa dal solito.

    Difatti io sono fra coloro i quali hanno sempre sostenuto che, salvo rare eccezioni (il pilot, ad esempio, dove Andrew Lincoln miracolosamente sapeva recitare, prima di perdersi in scialbe performances), le prove attoriali del cast di The Walking Dead lasciano molto a desiderare. Ovviamente, lo si nota ancora di più nei momenti in cui anche la sceneggiatura fa acqua da tutte le parti. :D

    Rispondi

  30. winston smith ha scritto:

    Difatti io sono fra coloro i quali hanno sempre sostenuto che, salvo rare eccezioni (il pilot, ad esempio, dove Andrew Lincoln miracolosamente sapeva recitare, prima di perdersi in scialbe performances), le prove attoriali del cast di The Walking Dead lasciano molto a desiderare. Ovviamente, lo si nota ancora di più nei momenti in cui anche la sceneggiatura fa acqua da tutte le parti.

    Esattamente. Quando la sceneggiatura è debole, la recitazione pessima si nota ancora di più.

    Come dicevo nel mio commento precedente, penso che il livello degli attori di TWD sia sempre stato molto basso (tranne rare eccezioni).

    Rispondi

  31. hanno sbagliato tutto, non era puntata per ammosciarsi, ma una col botto, finalmente gli opposti si scontrano e loro invece di tenere alta la tensione che fanno nada…
    uno è ammattito, i fratellini si amano più di prima, la moretta non si capisce se se la sono trombata, la bionda che se la sono trombata si pone come leader per le prossime elezioni di fine mese, la spadaccina poi è proprio ridicola, nemmeno a dire guarda che gli voglio tagliare la capoccia al monco perchè prima mi liberano e poi vengono per farmi la festa, etc…
    unico decente il ragazzino, che mantiene con ordine il suo ruolo e giustamente si immalinconisce per aver sparato alla mamma…

    speriamo nella prossima…

    Rispondi

  32. @ Cassandra:
    Scusa ma non sono per niente d’accordo: tiene presente per favore che stiamo parlando del mio amore incondizionato e quindi immaginati il “dolore” nel vederlo gettato nel ces….
    – Che Rick sia “fuori” lo abbiamo visto dalla famosa telefonata e dalla “pulizia” precisa e “lunga” della prigione dopo la morte di Lori. Quello che è grave è che lo hanno visto anche i suoi compagni e, come da me sottolineato ai tempi, “farlo guarire” in 30 min scarsi era la vera “follia”, e questi, con tutto quello che hanno passato, soprattutto Hershel (era quello che credeva nella resurrezione dei morti coem nella Bibbia, nella cura degli zombie, etc.) un po’ di sospetti e di “allerta” per i problemi intorno a te, soprattutto del tuo leader indiscusso, li avrei avuti: prende in braccio la figlia e quando gli dicono che ha gli occhi di Lori, i suoi sembrano quelli di uno che vorrebbe stritolarla (senza contare che i neonanti “sentono” una persona al volo e questa si è fatta una bella crisi isterica in braccio a papà: i miei figli piangevano se mi allontanavo da loro 3 sec, li ho tenuti in braccio ognuno 6 mesi fino a che non hanno gattonato e devo incolpare solo me stessa: sono iperprotettiva, non mi fido di nessuno se non di me stessa nella loro “cura”, dò istruzioni continue a chi si occupa di loro in mia assenza (compreso mio marito) e chi più ne ha più ne metta (aggiungo che hanno 11 e 16 anni). Loro questo lo “sentivano” ed hanno reeagito di conseguenza. Devo pensare che l’unica “sveglia” della prigione sia la neonata? Evvai)
    Accidenti poi che “pensiero gentile”: sta per arrivargli addosso l’ira di Dio e loro pensano a non offendere il loro leader che parla al soffitto dicendogli di darsi una calmata, che hanno visto e si sono accorti che Tyreese (scusa ma anch’io sono una di quelle che sostenevano che non andava bene “tenersi” i vecchi carcerati e che Rick doveva ammazzarli al volo, ma accidenti la differenza tra loro è evidente anche ad un pollo o, all’occorrenza, persino a Lori) è un uomo in gamba ed all'”antica” come loro e che qualche pistola in più non farebbe male al momento Visto che “ti sei lasciato andare via Daryl”. E se anche in futuro discuteranno con lui e gli diranno che sbaglia, perchè Tyreese dovrebbe fidarsi di uno schizofrenico (continuavano a dirgli che sarebbe arrivato il loro leader, che li aveva salvati, che li aveva portati lì, ecc. ecc. e chi si ritrovano? Rick il pazzo)? Vale per lui ciò che vale per loro.
    – Glen il saggio, calmo, ultima coscienza del gruppo vuole vendetta e solo per questo prende le sue decisioni? E da quando? E perchè Maggie non parla di sto benedetto stupro “probabile” (e faccelo vedere che almeno ci saremmo risparmiati 200 e più commenti sulle sue tette e sull’opportunità o meno che il Gov arrivasse a tanto)? La sua reazione sarebbe stata normale (non sana e nemmeno umana e normale per me, ma per te evidentemente sì quindi ti “seguo) in un mondo “normale”: qui siamo nell’apocalisse dove la vita tua e degli altri dipende intrensicamente dal loro stato mentale, dalla conoscenza delle tue problematiche e di come queste ti fanno o meno dare fuori di matto davanti al Gov …. ops scusa volevo dire gli zombie (perchè ancora ci sono vero come problema?)Senza contare che questi, prima di Natale, sapevano tutto di tutti loro (vedi Shane) per necessità di empatia necessaria a fidarsi interamente uno dell’altro e quindi sopravvivere.
    – E Daryl? E la puntata dove, nella tanto vituperata 2 stagione, “incontra suo fratello” nella mente e ne prende finalmente le distanze diventando il Daryl di adesso? E i suoi passi avanti per il gruppo? E Carol a cui teneva tanto? Ah già è passato Natale.
    – E lo zombie attirato dal rumore? Ma dove: se rivedete la scena è “incuriosito” chiaramente dall’apertura nella staccionata e di rumori, a parte quelli di Rick and company non ce ne sono in sottofondo. Ah già e passato Natale.
    E smettiamola per favore anche di dire che Mazzara ha salvato TWD: questa si salva sempre e comunque da sola perchè è ormai un must della nostra tv. Il record di ascolti è dovuto all’attesa snervante per rivedere questo “meraviglioso mondo” CREATO DA ZERO da Kirkmann e rovinato alla grande da Mazzara: ma Sant’Iddio veramente vi basta vedere qualche zombie, un po’ di sangue, e saltate a piè pari sulle assurdita di sceneggiatura? No mi spiace a me non basta: da TWD voglio e pretendo molto ma molto di più.
    OT : c’è stato lo “spiegone” sul recensire una serie tv su The Following (dove anche se un filo d’erba è fuori posto viene giù “l’ira di Dio”) e qui si salta comunque a piè pari su tutti i difetti chiari ed evidenti di sceneggiatura perchè è TWD? Tanto vale che la recensisco io che ho i cuoricini che mi escono dagli occhi solo a sentirne dire il titolo.
    2OT: Kirkmann dal nulla ha creato il meraviglioso ed unico universo di TWD. Dal nulla non da dei fumetti già belli che scritti e che gli hanno “apero” la strada!! Un po’ di merito e di capacità di “capire” la serie glielo vogliamo dare?
    3OT: non è che Mazzara si è venduto l’anima al diavolo per soggiogarli “tutti” con un anello vero? Sarà la sua bella faccia ma dice scemate, soprattutto FA scemate e tutti a dire “oh no se se ne va lui sarà al fine di TWD”. Per me sarà al fine di Mazzara per quanto mi riguarda, perchè non voglio più vedere niente fatto da lui se non sistema stà stagione e le voragini narrative dove TWD rischia di crollare.
    4OT: Dio non voglia che Rick-Rohmer abbia ragione e che gli spettatori si stiano rinc… e che adesso gli basti tutto basta che ci sia uno zombie: sennò Warm Bodies diventa un capolavoro e gli zombie “need love” (per me è da bruciare: una mia amica mi ha detto che non ha mai visto un film così “dolcemente romantico in maniera moderna”. Romantico uno zombie? Speriamo non me lo facciano sbrilluccicare!! Ma bruciatelo)
    P.S Casomai non si sia ancora capito, da innamorata folle di TWD, stò dando di matto a vedere sto sfacelo.

    Rispondi

  33. @ jackson1966:
    (Onde evitare altri guai coi form non ti ri-cito)
    Questione Rick: credo che in occasione della sua prima “uscita di testa” fossero tutti più che inclini ad attribuirla alla morte di Lori e basta, a qualificarla come un episodio passeggero e circostanziale, per quanto preoccupante, più che ad una pericolosa tendenza. Del resto, appena tornato in sè (almeno apparentemente) ha reagito ad una crisi non da poco salvando Glenn e Maggie (perdendo Daryl, ok, ma non è proprio colpa sua). Dovrei rivedere gli episodi, ma mi pare che Rick non dorma da prima della morte di Lori, e credo che la mancanza di sonno, su un fisico e una mente già provati e in condizioni non proprio di relax, possa ben giustificare un episodio psicotico. Inoltre, penso che i più non vogliano considerare l’idea della follia di Rick perché spaventati da quelle che ne sarebbero le conseguenze… nel breve termine, come hai notato tu, indebolire la loro posizione nei confronti di quegli estranei. Ma in generale, non è mica facile anche solo accettare che la persona a cui ti affidi per sopravvivere, a cui tra l’altro vuoi anche bene, sia pazza e vada deposta seduta stante. Non è questione di offesa, è proprio che non vuoi/puoi farlo. Magari ci arriveranno, o vi accenneranno, ma se l’avessero fatto dopo la menzione (fatta solo a Hershel poi mi pare) di una telefonata e un comportamento strano dopo un trauma, mi sarebbe sembrato esagerato. Opinione personale.
    Riguardo la neonata, non so perché ti senta in dovere di richiamare le esperienze personali per spiegare perché si è messa a piangere. L’ha già presa in braccio senza problemi, e senza essere nè madre nè medico anche io so che i neonati piangono. Ci possono essere millemila motivi per cui la bambina si è messa a piangere appena Rick l’ha presa, non meno plausibili di “ha sentito la presenza pericolosa di un pazzo”.
    Tyreese immagino ora avrà un bel daffare per convincere i suoi a non azzannare alla gola il gruppo ferito (prevedo guai). Ma Rick sembrava sulla buona strada per giungere a un accordo prima del fantasma xD
    Riguardo Glenn: Maggie non parla dello stupro perché non c’è nessuno stupro (per quanto ne sappiamo)! Ma Glenn forse ha paura che ci sia stato e che lei non glielo dica per proteggerlo (dal dolore di sapere la sua ragazza stuprata nella stanza affianco alla sua, scusa se è poco). Glenn “il saggio, ultima coscienza del gruppo”? Mi pare che abbia abdicato a questa posizione già dalla s2. E comunque, la reazione io l’ho trovata del tutto giustificata perché è traumatizzato, spaventato, esausto e deluso. Vuole vendetta, perché no? Michonne poteva voler fare a fette il Gov per averle fregato l’amica e tentato di ucciderla e lui non può volerlo morto per le stesse ragioni, o quasi (l’aggravante di Maggie)?
    Dicevo che la reazione di Maggie mi sembra normale anche per quel mondo perché gli zombie sbranano, non stuprano, e il pudore che una ragazza mostrerebbe a parlare spontaneamente di un evento del genere potrebbe essere lo stesso. Come anche il fatto che Maggie non parli a suo padre nemmeno dell’altra molestia -non importa se ci sono gli zombie e siete tutti quasi morti un milione di volte e siete più o meno mutilati, di certe cose resta difficile parlare, proprio perché (e finché) resiste una parvenza di civiltà.
    Riguardo Daryl, in tutte, dico tutte le interviste Norman Reedus insiste sulla vulnerabilità di Daryl, sulla sua somiglianza con Carol (per quanto possa sembrare assurdo), sul suo esser stato succube del fratello per tanto tempo, ecc… credo che il fandom abbia fatto Daryl più macho di quanto l’attore stesso e i creatori (in questo caso Reedus stesso è in gran parte creatore) intendessero. Quella puntata della s2 era un passo avanti nella sua autostima, io per prima credo che essere separato da Merle possa essere la cosa migliore mai capitatagli… ma appunto, esserne separato, non separarcisi spontaneamente. Credo che a quello si debba ancora arrivare. Per farla breve, “è pur sempre suo fratello”.
    Inoltre, io non ho detto nulla né pro né contro Mazzara xD non me ne interesso abbastanza, e inoltre a me la s2 è piaciuta, pur con le sue mancanze, ma la s3 per ora di più, pur con quei buchi terribili ben rappresentati dal proiettile sopravvissuto alla fame dello zombie, e non per la quantità di sangue e azione, personalmente, ma per una maggiore varietà di ambienti e situazioni, anche psicologiche, dei personaggi.

    Rispondi

  34. Gran bella puntata anche se mi mancherà Darryl era il mio preferito, e quando Rick vede Lori sono scoppiato a ridere, prima il telefono ora questo penso che la sua sanità mentale sia partita e il gruppo se ne sia accorto

    Rispondi

  35. jackson1966 ha scritto:

    Kirkmann dal nulla ha creato il meraviglioso ed unico universo di TWD

    jackson1966 ha scritto:

    questo “meraviglioso mondo” CREATO DA ZERO da Kirkmann

    No, questo non lo accetto.
    Il solo e unico padre indiscusso degli zombie è e sarà per sempre George A. Romero. Punto.

    quoto testualmente da Wiki
    La notte dei morti viventi (1968): Il film divenne un vero e proprio cult negli anni settanta ed è considerato anche il film che ha CODIFICATO il genere zombie movie.
    Anche gli zombie di Kirkman seguono le regole di Romero…non è che abbia proprio inventato di saccoccia sua tutta l’ambientazione…se intendi i personaggi che agiscono all’interno della storia, e di per sè, le vicende che seguono i protagonisti, allora ok.

    Dopo di chè, da appassionata di horror e in particolare di zombie movie fin dalla tenera età, non posso assolutamente far altro che gioire come una pazza quando arriva l’ora di vedere TWD!!

    Rispondi

  36. Scusa@ lamu:
    Scusa ma qui sfondi una porta aperta io considero Romero uno dei miei 2 dei insieme a King difendevo Kirkman dall’essere considerato il rovina TWD Lui è il creatore dell’universo di TWD (non degli zombie ci mancherebbe) e forse conosce la sua creatura meglio di tutti
    @ Cassandra:
    Scusa il ritardo ma influenza domina
    Non vedo le cose come te ma posso capire perché tu lo fai e ci sta tutta
    Io uso sempre esempi concreti della mia vita per chiarire meglio le mie posizioni anche sul lavoro e per me quella bimba ha reagito con paura(i bimbi hanno un sesto senso che potrebbe stupirti) senza contare l’occhiata da folle che gli ha dato il “padre”

    Rispondi

  37. winston smith ha scritto:

    Stenderei anche un velo pietoso sul riportare in auge il personaggio di Lori senza la partecipazione dell’attrice Sarah Wayne Callies (come già avvenuto nella terza stagione di Prison Break).

    oddio ma cosa mi riveli??ero talmente fusa che pensavo fosse lei..:)

    Rispondi

  38. Secondo me Daryl non è perso e la seria continuerà su tre story line: la prigione, Woodbury e i due fratelli.

    Rispondi

  39. Concordo in pieno con la recensione ed il voto assegnato a questa puntata!

    Per ciò che concerne invece il tentato stupro del Governatore ai danni di Maggie mi viene in mente solo una cosa: ma davvero ancora si pensa che se una persona non violenta l’altra ma la costringe a spogliarsi non è da considerarsi una violenza? Ma per favore! Glenn ha avuto una reazione più che normale credo e il silenzio di Maggie lo trovo anch’esso più che normale: non tutti reagiscono allo stesso modo e soprattutto non è detto che tutti i momenti sono buoni per confidarsi.

    Michonne è stata ai margini per tutto il tempo, afona e imbronciata, spero evolverà, ha ottime potenzialità come personaggio!

    Rick dall’inizio della seconda stagione è insopportabile (sta quasi surclassando il figlio in quanto ad idiozia); Andrea non è mai stata un pozzo di scienza ma credevo che ormai si fosse tolta il prosciutto dagli occhi invece continua a girare la testa dall’altra parte.

    Il personaggio migliore è stato e continua (per ora) ad essere Daryl che è stato coerente fino in fondo alla sua idea originaria (l’unico credo): trovare Merle e continuare a vivere con lui e a questo punto con o senza l’approvazione del gruppo.

    Confido in più adrenalina nel prossimo episodio!

    Rispondi

  40. SoraPampuria ha scritto:

    Per ciò che concerne invece il tentato stupro del Governatore ai danni di Maggie mi viene in mente solo una cosa: ma davvero ancora si pensa che se una persona non violenta l’altra ma la costringe a spogliarsi non è da considerarsi una violenza? Ma per favore! Glenn ha avuto una reazione più che normale credo e il silenzio di Maggie lo trovo anch’esso più che normale: non tutti reagiscono allo stesso modo e soprattutto non è detto che tutti i momenti sono buoni per confidarsi.

    Ma più semplicemente…Glenn ce l’ha con Rick perchè non è tornato indietro ad uccidere il Governatore, che meritava una punizione per quello che aveva fatto a Maggie (sia che si parli dell’umiliazione, sia per chi vuole immaginare un presunto stupro), oltre al fatto che è diventato una minaccia per la prigione.

    Ma può anche darsi che Glenn voglia la morte del governatore anche per risolvere il casino che Maggie ha combinato, rivelando l’ubicazione del carcere. E forse è questo il motivo per cui lei non insiste: sentendosi in colpa, non sa cosa dire.

    Rispondi

  41. episodio un po’ così.

    non entro nel merito delle azioni di Andrea prima di quest’episodio, ne abbiamo già parlato a lungo, ma del suo comportamento da pazza all’interno di 47 minuti. già l’avevamo lasciata con grossi dubbi sul Governatore, a inizio puntata fa di tutto perchè Daryl e Merle non combattano e lo guarda come se di colpo (meglio tardi che mai) si fosse svegliata, una manciata di minuti ed è lì a coccolarlo e aiutarlo nel riprendere in mano la felice cittadina. ecco, è questo che davvero è un nonsense.

    momento triste: Daryl che sceglie Merle, spero solo temporaneamente, perchè è il miglior personaggio della serie e non posso credere che non lo rivedremo col gruppo, mi parrebbe un suicidio degli autori.

    non ho invece trovato per niente fuori parte nè Rick nè i suoi attorno a lui quando sbrocca, ho trovato normalissime le reazioni di Glenn, Maggie ed Hershel. e pure di Carol, che per l’appunto è cresciuta ed è diventata un buon personaggio.

    pur non essendoci attacchi zombie, le scene iniziali all’arena la nostra dose di adrenalina l’hanno alimentata mi pare e quindi non l’ho trovata lenta o noiosa anche se fatta per lo più di dialoghi. quello che invece mi impensierisce è che si ripeta ad oltranza il meccanismo di accettazione o meno di nuovi elementi nel gruppo con tutto il consueto tira e molla fra sì/no/non so/fidati/non fidarti/ammazzali/portagli il caffè che ormai è già stato visto e rivisto.

    Minchionne si conferma il personaggio più inutile della storia. i suoi eterni silenzi non danno più aspettativa, fanno sbuffare e basta e visto come si comporta l’idea di rimetterla in piedi e poi un calcio nel sedere mi pare sacrosanta. se vuoi stare in un gruppo, dai qualcosa a quel gruppo.

    vabbè, aspettiamo il prossimo episodio e speriamo in qualche guizzo in più.

    ah, al cappello di Carl continuo a non rassegnarmi, mi viene sempre voglia di farglielo volare via con un ceffone. lo so, è la sua coperta di Linus ecc ecc, ma è più forte di me.

    Rispondi

  42. Poco roboante, poco eccessiva rispetto alle altre puntate ma molto efficace.
    Governatore in preda alla follia
    Rick allucinato
    Daryl bye bye
    Tyreese in rampa di lancio
    Michonne mina vagante

    Puntata di transizione se ce ne è una ma di sicuro ce ne saranno delle belle!!

    Rispondi

  43. Porcata indifendibile e offensiva, solo a voi poteva piacere.

    Rispondi

  44. A me questa puntata è piaciuta abbastanza (nonostante qualche rallentamento di troppo) e concordo con la recensione.
    La notizia del licenziamento di Mazzara mi allarma non poco, spero che la serie non scada perchè finora questa stagione,tranne che per un paio di puntate,è stata eccezziunaale!
    Ovviamente quello di Daryl è solo un arrivederci e spero anch’io ci facciano seguire l’evoluzione del rapporto tra i due fratelli ritrovati.
    Bene così!

    P.s. Nella prima parte della stagione avevamo un Rick tutto sommato sano di mente e un Governatore che si rilassava guardando teste mozzate e pettinava la figlioletta zombie (tra le altre cose).
    Ora ci ritroviamo un Rick che risponde a telefonate inesistenti,parla con voci che sente solo lui e vede fantasmi mentre il Governatore,guardando Andrea incoraggiare gli abitanti di Woodbury,sembrerebbe cominciare ad avere qualche dubbio sulla condotta da lui tenuta sino ad ora. Magari mi sbaglio. Vedrem !

    Rispondi

  45. Stronzo ha scritto:

    Porcata indifendibile e offensiva, solo a voi poteva piacere.

    un nick, un commento.

    Rispondi

  46. dory ha scritto:

    Stronzo ha scritto:
    Porcata indifendibile e offensiva, solo a voi poteva piacere.

    un nick, un commento.

    Still, è vergognoso che ci sia gente a cui piace veramente ‘sta schifezza.

    Rispondi

  47. D’accordo con la recensione.
    Io sono tutt’altro che deluso dall’episodio.
    Mi piace l’idea che ci si sia un po’ soffermati sui personaggi.
    Che siano tornati un po’ dei dialoghi alla maniera dell’anno scorso.
    Dopo tanta adrenalina.
    E dopo aver visto la serie francese sui morti che ritornano, ho apprezzato ancor più le pause, i silenzi al posto delle parole.
    E proprio come praticamente tutti gli episodi della serie francese, quest’episodio di TWD – la mia serie-culto in assoluto – mi ha lasciato un bel senso di inquietudine, per un po’ (eh sono finiti i tempi quando la notte ci si infilava sotto le coperte, ultimo baluardo contro i mostri di fuori, e non si riusciva dormire XD).
    Mi rivolgo ai fedelissimi di TWD. Ma avete visto la scena finale?
    Rick è restio, non vuole i nuovi venuti, per esperienza sa cosa potrebbe succedere, ma noi vogliamo che cambi idea, perché sappiamo di Tyreese, ed ecco, il nostro portavoce in quel momento, “il riflessivo veterinario amputato” (bella definizione del caustico Ric_Rohmer mi sembra), lo ha convinto, sospiro di sollievo ma dura pochissimo, con tutti i problemi che ci sono cazzo! Non ora! E invece sì, appena Rick si rilassa e non è pressato dagli eventi, i suoi fantasmi si materializzano ma questa volta la sua crisi avviene davanti a tutti gli altri, è terribile! Lui è il leader, lui è il capo, se crolla lui crolla tutto…la camera si allarga e vediamo gli altri indietreggiare, hanno paura di Rick ma anche per Rick e per ciò che sarà di loro senza Rick, tensione e arriva l’azzeccatissima sigla di chiusura, la tensione diventa inquietudine, dura giusto un po’ poi svanisce come è giusto che sia.
    Scena ben scritta, semplice, tesa, efficace. Degno finale di una bella puntata.
    Ah…per quanto riguarda un commento più razionale e meno fazioso di questo sull’episodio, rimando a tutto quello che ha scritto Cassandra, d’accordissimo!

    Rispondi

  48. Io non mi sono mai annoiato con The Walking Dead, nemmeno durante la famigerata seconda stagione. Ma devo ammettere che l’altro giorno sono stato veramente molto tentato di andarmene a letto una mezzoretta prima del solito..

    Rispondi

  49. ou ma basta dire che sta serie fa schifo..basta!! a me schifo twilight. mi sono visti tutti i film?? no!! se una cosa non ti piace non la guardi fino a metà della 3 stagione,ma molli dopo 2 puntate. e a molte persone sembra che the walking dead sia bello solo quando tagliano teste..questa puntata è stata molto importante per la serie ci hanno fatto capire molte cose. ah, ho letto che glenn esagera..come prego??? lo hanno torturato e maltrattato la sua ragazza e mi dite che esagera?? ahah ma cazzo avete mai avuto una ragazza?? solo il pensiero che uno psicopatico possa maltrattarla mi viene voglia si di prendere un machete a andare finire il lavoro che ha iniziato michonne!! mi sembra tutto ovvio e sensato..così come la scelta di daryl,perchè merle sarà uno stronzo ma ha cresciuto daryl e la scelta di non abbandonarlo è giusta..

    Rispondi

  50. Holly ha scritto:

    winston smith ha scritto:

    Stenderei anche un velo pietoso sul riportare in auge il personaggio di Lori senza la partecipazione dell’attrice Sarah Wayne Callies (come già avvenuto nella terza stagione di Prison Break).
    oddio ma cosa mi riveli??ero talmente fusa che pensavo fosse lei..:)

    Io ho letto che era proprio lei invece.

    Setteditroppo ha scritto:

    Ma avete visto la scena finale?
    Rick è restio, non vuole i nuovi venuti, per esperienza sa cosa potrebbe succedere, ma noi vogliamo che cambi idea, perché sappiamo di Tyreese, ed ecco, il nostro portavoce in quel momento, “il riflessivo veterinario amputato” (bella definizione del caustico Ric_Rohmer mi sembra), lo ha convinto, sospiro di sollievo ma dura pochissimo, con tutti i problemi che ci sono cazzo! Non ora! E invece sì, appena Rick si rilassa e non è pressato dagli eventi, i suoi fantasmi si materializzano ma questa volta la sua crisi avviene davanti a tutti gli altri, è terribile! Lui è il leader, lui è il capo, se crolla lui crolla tutto…la camera si allarga e vediamo gli altri indietreggiare, hanno paura di Rick ma anche per Rick e per ciò che sarà di loro senza Rick, tensione e arriva l’azzeccatissima sigla di chiusura, la tensione diventa inquietudine, dura giusto un po’ poi svanisce come è giusto che sia.

    Gran bella descrizionre della scena finale, è così che anch’io l’ho vista e apprezzata.
    Poi mi hai incuriosito con “la serie francese sui morti che ritornano” di cui parli, qual è? :D

    Rispondi

  51. @ Cassandra:
    Non te la devi assolutamente perdere
    gioca sull’orrore sottratto più che sull’orrore mostrato
    ma gli effetti sono gli stessi, almeno su di me
    Les revenants è il titolo
    E’ finita la prima stagione
    quindi hai la possibilità di godertela come e quando vuoi
    ti invidio
    buona scorpacciata!

    Rispondi

  52. Setteditroppo ha scritto:

    @ Cassandra:
    Non te la devi assolutamente perdere
    gioca sull’orrore sottratto più che sull’orrore mostrato
    ma gli effetti sono gli stessi, almeno su di me
    Les revenants è il titolo
    E’ finita la prima stagione
    quindi hai la possibilità di godertela come e quando vuoi
    ti invidio
    buona scorpacciata!

    Wow, se la presenti così non ho speranze di resistere xD Grazie, vedrò sicuramente!!!

    Rispondi

  53. Ma a nessuno l’intera puntata è sembrata, diciamo per cosi dire, finta??
    Non so, mi sembrava i protagonisti “recitassero”, nel senso che non c’èra quella recitazione che fa sembrare la scena vera… si vedeva proprio che recitavano!
    Anche l’atmosfera, le scene… boh, non so, c’è qualcosa di poco chiaro in questa puntata!
    Sembra tutto cosi forzato e poco spontaneo…

    Rispondi

  54. Setteditroppo ha scritto:

    @ Cassandra:
    Non te la devi assolutamente perdere
    gioca sull’orrore sottratto più che sull’orrore mostrato
    ma gli effetti sono gli stessi, almeno su di me
    Les revenants è il titolo
    E’ finita la prima stagione
    quindi hai la possibilità di godertela come e quando vuoi
    ti invidio
    buona scorpacciata!

    concordo totalmente! l’ho iniziata un po’ timorosa, il primo episodio un po’ faticoso proprio per la lingua e quindi la “musicalità” diversa, ma proprio bella. scusate l’off topic. :)

    Rispondi

  55. dory ha scritto:

    Setteditroppo ha scritto:

    @ Cassandra:
    Non te la devi assolutamente perdere
    gioca sull’orrore sottratto più che sull’orrore mostrato
    ma gli effetti sono gli stessi, almeno su di me
    Les revenants è il titolo
    E’ finita la prima stagione
    quindi hai la possibilità di godertela come e quando vuoi
    ti invidio
    buona scorpacciata!

    concordo totalmente! l’ho iniziata un po’ timorosa, il primo episodio un po’ faticoso proprio per la lingua e quindi la “musicalità” diversa, ma proprio bella. scusate l’off topic.

    OT anche per me, ma dovevo assolutamente dirlo:

    “Les revenants” è una serie stupenda.

    Mi ha talmente inquietato che l’ho persino sognata più volte!!

    La consiglio a tutti :)

    Rispondi

  56. @ Ary:
    E allora OT SU OT Les revenants è splendida.tanto che ho chiesto più volte a serialmente di recensirla perchè volevo vedere se aveva fatto agli altri lo stesso stupendo effetto che ha fatto a me
    Ma non h assolutamente niente a che vedere con TWD sennò si cade in un grossolano errore

    Rispondi

  57. jackson1966 ha scritto:

    @ Ary:
    E allora OT SU OT Les revenants è splendida.tanto che ho chiesto più volte a serialmente di recensirla perchè volevo vedere se aveva fatto agli altri lo stesso stupendo effetto che ha fatto a me
    Ma non h assolutamente niente a che vedere con TWD sennò si cade in un grossolano errore

    Sono proprio felice che sia stata così apprezzata, se lo merita!!

    Speriamo che inizino a recensirla anche qui, o almeno che scrivano un pezzo dedicato all’intera stagione.

    No no, hai assolutamente ragione: non ha niente a che fare con TWD :)

    Rispondi

  58. Puntata mediocre (e noiosa) che spero sia preludio a momenti migliore.

    Deludente perché dopo tanta attesa ci si aspettava di più (e soprattutto si spera che la serie non ricada in certa noiosa verbosità di troppi episodi della seconda stagione).

    Per ora però il giudizio della terza stagione è ampiamente positivo.

    Rispondi

  59. @ jackson1966:
    Querida Jackson, mi pare che ci si trova d’accordo ormai; spiacevole che nelle precedenti puntate ci si sia scontrate in modo anche acceso, ma era segno di puntate più interessanti, che lasciavano fantasticare, emergere spunti e riflessioni; oggi, dopo la 10 puntata mi pare che la vertigine di banalità stia trascinando in fondo anche le preziosità del passato.
    Per quanto riguarda i nostri scontri, su….perdoniamoceli, in fondo “serialmente” spinge pure a buttarsi un po’ nella mischia (serialmente o seriamente o poco seriamente); ci ha consentito di punzecchiare e di ridere.
    Speriamo tempi migliori; Les revenants è interessante, tutta altra pasta, il francese è comprensibile e posso utilizzare le esperienze del passato, quando giovanissima vivevo nella Francia del Sud.

    Rispondi

  60. grazie per avermi fatto conoscere les revenants… cominciata ieri notte e finita oggi a 24 ore di distanza… che bella, anche se imho avrebbero dovuto farla durare una sola stagione. chissà cosa combineranno con la prossima..

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>