whitecollar4x11familybusiness

White Collar – 4×11 – Family Business

Più o meno esplicitamente, White Collar è sempre stato basato sui rapporti interpersonali, famigliari o meno, da Neal a Elizabeth passando per June e per il passato di Mozzie. Non è quindi una sorpresa trovarci davanti ad un episodio chiamato Family Business, soprattutto perché riprende esattamente da dove aveva lasciato precedentemente.

Il dott. Andy Brown Sam non è Sam, bensì il padre di Neal, James; questo comporta un rimescolamento delle carte in tavola sia esplicito che tra i sentimenti di rancore/odio/amore che ha Neal, regalandoci le scene tra Neal e il padre come un crescendo di pathos non patetico che culmina nella cena a casa di Peter. È stato fatto un buon lavoro su una storyline che poteva diventare estremamente noiosa, troppo lagnosa o semplicemente banale.

Intelligente anche la scelta di non fare salti temporali, di seguire la storia nelle prime ore della scoperta di Neal e di mandare avanti il caso che collega i flashback e la storia di James. Oltre al fatto che ci permette di assistere alla splendida scena di Neal e Mozzie ubriachi e alla cura per hangover di Peter (avete preso nota?), riesce a mantenere l’attenzione sui fatti che succedono nel presente e a legarli con quelli del passato. Al contrario di quanto era successo con la storia di Kate nella prima stagione, di cui non ce ne poteva fregare di meno data l’antipatia e l’incapacità recitativa dell’attrice e l’assenza totale di spessore attribuita a quel personaggio, ho trovato la storia gestita bene e capace di tenere le file anche di uno dei temi orizzontali di White Collar che avevamo già intravisto durante il periodo di accuse a Peter, ossia la presenza di poliziotti corrotti e di gente agli alti piani della FBI compromessi in attività piuttosto losche.

Oltre al rapporto tra Neal e suo padre vediamo anche evolvere il nuovo rapporto tra Peter e Neal, che nonostante sembrino di nuovo fratelli (brooomaaance! quando ci sarà il tanto atteso bacio?) continuano ad avere delle divergenze d’opinioni e di obiettivi in ambito lavorativo. Peter è evidentemente più ben disposto nei confronti di Neal (visto che gli lascia portare avanti tutto il caso contro i Flynn), ma sempre con l’orecchio teso e mezza FBI pronta ad intervenire. Dopo il balletto di Neal tra bad and good e quello di Peter tra good and bad, sono curiosa di vedere l’evoluzione di questa situazione.

Mi è piaciuta l’ambientazione nel mondo semi illegale delle micro-distillerie, inclusa l’accoppiata di Neal e Mozzie che si occupano di ricreare del Whisky. E ovviamente inclusa la battuta di Mozzie sul fatto che è andato in New Jersey di sua spontanea volontà…

In tutto ciò in un solo episodio abbiamo visto Neal ubriaco, Neal triste, Neal commosso, Elizabeth che fa la pseudo agente (lovely! ne voglio ancora!), il rapporto tra Peter e Neal che sembra essersi quasi del tutto recuperato, Treat Williams, e un siparietto June e Mozzie. Devo dire che mi sono ritenuta soddisfatta nonostante alcuni degli episodi della prima parte di questa stagione mi avessero lasciata tra il perplesso e l’annoiato. Non credo sia un episodio da Fuck Yeah, però, e lo attribuisco all’80% ai toni seppia e lo smarmellamento di telecamera nei flashback (ok, capisco che hanno problemi di budget, ma non era necessario tutto quel marrone) e un 20% alla relativa lentezza della narrazione.

Ok.

- Moz ha perso una scommessa su una bottiglia di vino da 200k $ con June giocando ad High Stakes Candyland. Io adoro questi personaggi insieme.

- A quanto pare – leggo in rete – la storia dello Shackleton Whisky è successa davvero!

- Mi è dispiaciuto veder sparire così rapidamente Dennis Flynn. Aveva proprio la faccia da cattivo.

Camilla A.

Alias Lillussia, strambo nick dovuto a problemi di pronuncia di un nipotino in fasce. Nata a Roma, ho vissuto un po' ovunque; le serie tv americane mi hanno insegnato l'inglese, quindi a loro devo tanto. Tanto almeno da scriverci qualcosa sopra e da diffondere il verbo, ogni volta che posso. Amante delle serie considerate belle, ma anche di quelle dette "lammerda". Inspirational quote of the day "THAT.BITCH" (Survivor).

5 Comments

  1. Bello questo episodio io forse avrei dato anche un Fuck Yeah.
    Sarà che a me WC piace sempre e cmq.: trovo i suoi personaggi adorabili, la serie gradevole e mai volgare, tutto in stile molto british, elegante senza essere banale e, in un mondo molto trash, a mio avviso già solo questo è un buon motivo per guardarla.
    Naturalmente poi xkè non rifarsi gli occhi con la bellezza quasi perfetta di Neal, e xkè non sognare di avere un marito ideale come Peter? ( per noi danne comuni, casalinche e non più un meno frustrate e/o disperate :)), può fare solo bene.
    Camilla ha scritto: Al contrario di quanto era successo con la storia di Kate nella prima stagione, di cui non ce ne poteva fregare di meno data l’antipatia e l’incapacità recitativa dell’attrice e l’assenza totale di spessore attribuita a quel personaggio, ho trovato la storia gestita bene e capace di tenere le file
    brava Camilla ci sono volute più parole ma ne hai guadagnato in eleganza ( leggi Suits)

    Rispondi

  2. Camilla grazie per la recensione che condivido in pieno.
    A margine hai tutto il mio supporto: chiama cagna chiunque ti pare, poche parole rendono così bene l’idea.

    Rispondi

  3. Mi sono visto tutti gli episodi e quelli che non mi sono piaciuti sono veramente pochi! White Collar regala sempre 40 minuti leggeri e spesso anche divertenti!
    Complimenti per la recensione, anche se un “Fuck Yeah” ci stava dai! (Ok, sono di parte ;))

    Rispondi

  4. Ah che bella sorpresa trovare una recensione di White Collar dopo tanto tempo, non me l’aspettavo! ;) cmq concordo, bella puntata; mi è piaciuto il caso della settimana, adoro sempre quando Elizabeth prende parte alle azioni, e quando ci sono le scene con June! mi è piaciuto come hanno gestito la faccenda del padre, facendo capire lo stato d’animo di Neal senza passare per lunghissimi discorsi dove ci spiega per filo e per segno come si sente, ma semplicemente mostrando l’evolversi del suo comportamento. Poi boh, essendo la puntata del ritorno, son sempre più propensa a giudicarla bene, quansiasi cosa accada! XD

    Rispondi

  5. Posso chiedere se ci saranno le recensioni per tutte le puntate di W.C.?
    Grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>