psd

Pretty Litte Liars – 3×14 – She’s Better Now

Vi espongo una teoria. Tutte le Pretty Little Liars, una volta invecchiate, diventeranno emulatrici della Signora In Giallo. Dopo aver passato un milione di puntate a sviscerare una sequela infinita di misteri, hanno di mostrato di avere sia le capacità che una certa propensione alla sfiga per seguire le orme di Jessica Fletcher.

Nelle stagioni passate, ad ogni personaggio sono state date così tante vesti che persino le protagoniste sono confuse. She’s Better Now serve a fare il punto della situazione dopo l’ennesima pausa del telefilm. Chi è vivo? Chi è morto? Chi è buono? Chi è A – forse?

Come già avevamo intuito da tempo immemore, A non è una sola persona, ma una squadra di calcio. Ci sono A che vanno, A che vengono e A che vengono ammazzate: giusto nelle ultime due puntate Garrett è stato fatto fuori e Jenna ha misteriosamente cambiato scuola, quindi fuori due. Nel frattempo, però, Mona è stata dimessa dall’ospedale psichiatrico ed è tornata alla Rosewood High. Con un video postato su Youtube, riesce a fare pena ai compagni e dunque riconquistarli, dimostrando di essere cambiata e di non meritarsi cervelli attaccati nell’armadietto.

Ma non dimentichiamo che, fino alla puntata scorsa, Mona fuggiva dall’ospedale psichiatrico per compiere malefatte. Inoltre, il proprietario del motel dove Mona aveva il suo covo segreto adesso è diventato bidello alla Rosewood High; il suo ufficio è pieno di oggetti di A, compresa la maschera della festa di Halloween e il diario segreto di Alison. Starà seguendo Mona per aiutarla? Oppure è al servizio di una A di grado superiore? Grazie a Caleb, scopriamo anche che Mona ha supplicato i suoi genitori di lasciarla tornare a scuola: le probabilità che anche lei sia ancora A, o al servizio di A, non sono affatto basse.

Sappiamo da un paio di puntate che anche Toby è A. Le sue azioni non cambiano particolarmente rispetto a quello che faceva prima – limona con Spencer, chiacchiera con tizio e caio – ma adesso è difficile capire fino a che punto sia onesto, o se stia soltanto spiando per riuscire a distruggere meglio fidanzata e socie. Mentre prima era tutto uno zucchero, adesso è sempre scocciato con Spencer e sembra che aiuti le PLL più per abitudine che perché ci tiene veramente. A mio avviso, Toby è un personaggio da tenere d’occhio: dopo diecimila cambi di personalità, da bad boy a buono e indietro, potrebbe essere che stia collaborando con A solo per aiutare fidanzata e amiche. O forse no.

Altro possibile A è Jason DiLaurentis. Non solo è il nuovo love interest di Mona, ma a fine puntata scopriamo che è stato lui a tentare di spingere Aria giù dal treno, quindi forse anche ad uccidere Garrett: sul fianco ha una ferita che potrebbe corrispondere alla pugnalata-via-cacciavite.

Non dimentichiamoci infine di Lucas; anche lui era in associazione a delinquere con Mona, ma ultimamente sembra soltanto una vittima del fato. Potrebbe essere lui la prossima A che viene uccisa; all’inizio della puntata, A-Toby inseguiva qualcuno su uno skateboard con la jeep e Lucas ha fatto “un incidente con lo skate”. Coincidenza? I don’t think so.

Aria è però di nuovo la più maltrattata dell’episodio, dopo essere quasi stata uccisa nello speciale di Halloween. Le prove che A è ancora viva e attiva (Vivo e attivo? Vivi e attivi? Insomma, avete capito) arrivano attraverso un palloncino azzurro con scritto “It’s A Boy!” fuori dall’appartamento di Fitz. Si riferisce ovviamente al figlio segreto, una storia che era scivolata nel dimenticatoio per un po’, ma che ora torna a visitarci e a provocare angustia nel cuore delle bitches.

Sempre dall’oblio riemerge anche Meredith, la ex amante del papà di Aria e nuova professoressa a Rosewood. Dopo una discussione con le mitiche quattro, la poverina rischia la pelle in un incendio (proprio come Jenna!) e riceve un biglietto minatorio, che viene attribuito alle PLL. Abbiamo anche la conferma che il papà di Aria, il signor Byron, è la persona più schifosa sulla faccia della terra televisiva. Pensateci: ha iniziato la prima stagione mollando sua moglie perché le faceva le corna, ha proseguito tormentando Aria per la storia con Fitz, e adesso SCOPRIAMO CHE VENIVA RICATTATO DA ALISON (sempre per l’adulterio con Meredith di cui sopra) E CHE L’AVEVA INCONTRATA LA NOTTE DELL’OMICIDIO. Complimenti per il tempismo, signor Byron! E perché non l’ha detto una dei milioni di volte che sua figlia veniva sbattuta in carcere? Dovevamo aspettare proprio che Garrett si pentisse e spiattellasse tutto a Spencer?!

Nel frattempo, anche Emily e Hanna sono alle prese con la famiglia: la prima è reclusa in casa dagli allarmi anti-intrusione di suo padre, la seconda alterna limoni con Caleb e momenti di grande confidenza con la nonna. Non si sa dove sia sparita la signora Marin, ma nella scorsa puntata aveva le allucinazioni, quindi potrebbe aver avuto bisogno di una vacanza.

Già dall’inizio, Pretty Little Liars si basava sul presupposto che non ci si può davvero fidare di nessuno. She’s Better Now ci dimostra che quasi tutti gli abitanti di Rosewood, in particolare amici e familiari delle protagoniste, hanno qualcosa a che fare con A o con la morte di Alison. Tutti sono stati, sono o saranno A. Non è detto che chi se n’è andato non decida di tornare a fare più danni (per esempio Melissa e Jenna). Gli sceneggiatori di Pretty Little Liars riescono ad aprire e chiudere archi narrativi ogni tot puntate, ed allo stesso tempo a tenere tutte le carte in tavola e continuare a rimescolarle; She’s Better Now è un riassunto a nostro e a loro favore, che prepara il territorio per la stagione a venire.

Non si sa bene, in effetti, se il titolo dell’episodio si riferisca a Mona, che sta meglio perché é stata dimessa, o a A, che diventa sempre più brava a distruggere le vite delle protagoniste. Non si sa bene neanche se a questo punto le ragazze vogliano di più scoprire chi è A, scoprire chi ha ucciso Alison (non necessariamente A, ricordiamo) o essere semplicemente lasciate in pace. Nessuna di queste tre cose succederà presto.

Ok.

Marta Corato

alias Emme. il vostro punto di riferimento per qualsiasi serie tamarra.
soft revolution zine / blog / twitter

12 Comments

  1. Sono d’accordissimo con la recensione, è stato un episodio … OK. Appunto. Non è stato quella cosa mirabolante che ci avevano preannunciato, ma per lo meno ha fatto ordine al casino nella nostra testa dopo tutte le storyline e puntate inutili (The Khan Game ne è un esempio) che ci siamo visti solo per inerzia nella speranza che PLL migliorasse, e in effetti dalla 3×12 sta migliorando (anche se dai…Adam Lambert nella 3×13… che cazzo ci va a fare a Rosewood? Allora tanto vale che va a Cavadura (paese che nessuno conosce e che ho trovato ora su google map a caso). Mona è uno dei personaggi migliori, e pure Lucas, odio Jason e spero che crepi così il NAT è sistemato xD. Spero vivamente che, come dici tu, l’A-team sarà una squadra di calcio, letteralmente, ma anche due squadre di calcio, così la cosa diventa più interessante e loro vanno più nel panico e non c’è rischio di noia u.u
    Un’ultima cosa: il messaggio di A fuori dall’appartamento di Fitz ( o come si scrive) è una chicca ahahahah

    Rispondi

  2. contentissima per questa puntata, mai un momento di noia, specialmente perchè di Ezra ce n’era veramente poco!!! :D speriamo continui così e che presto si trasferisca a fare il papà a tempo pieno!! ;)
    la nonna di Hanna la adoro!!! fantastica!!!

    Rispondi

  3. Una puntata positiva perchè ha chiarito alcuni dubbi che erano stati lasciati al caso e ha ricreato un pò di quel mistero che caratterizzava la prima serie. Gli sceneggiatori si erano comunque sputtanati alla grande con la rivelazione Mona-A (il colpo di scena più inutile e idiota della storia della tv). Continuo a credere che avrebbero fatto meglio a svelare PRIMA di tutto la vera identità di Toby, tanto per non deludere i telespettatori di età superiore ai 12 anni, e POI quella di Mona (scontata). Certo, hanno recuperato in corner (e non escludo dopo essersi accorti che appunto un buon 80% dei telespettatori era incazzato come una iena), ma non basta perchè la tempistica è stata comunque pessima.
    Vabbè, dopo questo piccolo sfogo diciamo che mi aspetto di meglio da PLL. Ho sempre detto che questo telefilm ha delle potenzialità. Nonostante le attrici siano veramente scarse, la trama globale è sviluppata in modo tale da lasciare molti spazi di manovra. Quindi, per piacere, ora che avete recuperato un pò di stima del vostro pubblico non sputtanate di nuovo tutto con trovate di serie Z. E’ un consiglio, più che altro.

    Rispondi

  4. smay ha scritto:
    la nonna di Hanna la adoro!!! fantastica!!!

    io la vorrei prendere a badilate

    Rispondi

  5. Un episodio OK in una stagione decisamente MEH!

    Rispondi

  6. Ma come mai nessuno parla mai del fatto che Mona aveva chiesto a Spencer in auto durante l’ultima puntata della seconda serie se voleva entrare anche lei a far parte del Team A? …non so se è una cosa che sottovaluterei e comunque continua a tornarmi in mente. Cosa ne pensate? Mi faccio troppe storie? xD

    Rispondi

  7. @ ale9719:
    se ad ogni evento continua a proporsi per cantare l’inno credo che molto presto qualcuno dell’ A-team provvederà a farla tacere ;) anche se non credo che alla ABC family siano a favore per il maltrattamento degli anziani!!! cmq ora mi è chiaro del perchè la Signora Marin è diventata alcolizzata e vede la gente morta…con una madre del genere!!! :D

    Rispondi

  8. Se devo essere sincera io la puntata l’ho trovata parecchio noiosa..capisco che abbiano dovuto rinfrescarci un pò la memoria visto che era passato tanto tempo,ma ho fatto fatica ad arrivare alla fine.
    La storia del figlio di Ezra mi pare inutile,a meno che lui non c’entri in qualche modo (chissà quale) con l’A-team e allora abbia senso puntare l’attenzione su di lui;altrimenti cosa ci interessa?Un pò come la storia delle lotte clandestine dell’amico di Aria malato di cuore.
    Poi qualcuno mi spiega per quale motivo il proprietario del motel adesso che lavora a scuola si è dimenticato delle quattro sciroccate?O per lo meno Spencere non avrebbe dovuto riconoscerla?
    Il signor Montgomery è veramente un personaggio inquietante:ora non so se sia stato lui ad uccidere Alison o no,ma in ogni caso è di un viscido che più non si può:quando spiava Aria dalla porta mi ha dato molto fastidio.
    Per il momento salvo solo Toby (che comunque vada è uno dei miei personaggi preferiti) e anche Jason,che non capisco mai da che parte stia.
    Tutto sommato le quattro liars mi erano mancate! :)
    (ma niente più nonna di Hanna per favore)

    Rispondi

  9. Mi aspettavo più colpi di scena dalla puntata ma alla fine mi ricordavo talmente poco della trama che mi ha fatto comodo anche questo momento di messa in ordine di un po’ di tutto!
    Spero che Aria dica in fretta a Ezra del figlio e che lui se ne vada a crescerlo…non lo sopporto più sullo schermo, personaggio inutile e attore ancor peggio! per il resto come sempre finchè tutti i personaggi restano ambigui funziona, e questa puntata direi che è riuscita bene a mostrarci l’incertezza che si può avere rispetto a quasi tutti i personaggi!

    Rispondi

  10. @ Lettuce:
    Più che altro mi chiedo perchè non ne parlino loro!!xD
    le PLL hanno una capacità investigativa pari a 0.
    Perchè spencer non ha tentato il doppio gioco sfruttando mona??
    Ah si perchè sarebbe stato troppo intelligente…-.-
    Spero toby sia davvero cattivo,il triplo gioco sarebbe davvero scontato!

    Rispondi

  11. in realtà la cosa più bella è notare come la bravura delle pll in campo investigativo migliori di puntata in puntata. Emblematica è infatti la scena di hanna ed emily (mi pare) avvicinatesi di soppiatto alla porta dello stanzino del bidello Adam-che cosa cavolo ci fai qui?-che cominciano tranquillamente a parlare sotto voce con lui a mezzo metro di distanza! e poi..no! si è accorto di noi! ma come ha fatto?? nascondiamoci sfruttando la nostra abilità sui tacchi!!
    Ok che non pretendiamo nulla di più da loro, ormai da tempo, ma a volte potrebbero essere risparmiate queste forzature poco realistiche!

    Rispondi

  12. [...] volta che abbiamo avuto occasione di parlare di PLL risale all’episodio 3×14, She’s better now. Nel frattempo molti fatti oscuri sono accaduti, ma per brevità citerò solo i più [...]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>