revenge-2x08-lineage-2x09-revelations

Revenge – 2×08 / 2×09 – Lineage / Revelations

Alla fine la maggior parte del tempo non lo sappiamo neanche noi come mai guardiamo Revenge, ma tant’è che si è conquistato un pubblico piuttosto fedele, paziente almeno quanto Emily Thorne e dedito a cogliere particolare improbabili all’interno degli osceni rendering che ci regala lo show.

Questo midseason finale arriva un po’ così, con un episodio pieno di flashback a mio parere completamente inutili – sono certa che i fans della coppia Emily-Aidan dissentiranno – e con un altro in cui invece si smuove tutto, e tutto insieme. Classico Revenge, insomma.

Secondo me nell’ottavo episodio non hanno funzionato un sacco di cose, ma tra tutte di sicuro non ha funzionato l’aver inserito un episodio di flashback così presto nella stagione e subito prima di un mid-season finale piuttosto intenso; oltretutto, l’attrice che fa Victoria da giovane è odiosa quanto Charlotte e le assomiglia terribilmente. Questo non deve distoglierci dalle mommy-issues di Victoria che, ok, ci faranno anche capire com’è diventata la bitch che è ma non è che la giustificano. E comunque, era tutto terribilmente noioso, vedere questa “storia che si ripete” e lo smarmellamento eccessivo di burro di noccioline sulla telecamera non ha assolutamente aiutato.

Ancora meno interessante, se possibile, il flashback su Emily, anche perché in realtà si parlava d’altro; russi, bar, traffico, blablabla. Posso capire l’utilità di far comprendere come si sono conosciuti Emily ed Aidan (…) visto che lei decide di fargli vedere il suo Infinity Revenge Box, ma il pathos e le minigonne e la necessità di salvare Ashley dai traffici della mafia est europea era del tutto non necessario.

Ok, l’abbiamo capito, c’è un filo conduttore che lega i personaggi almeno quanto c’è un filo nella storia di ogni famiglia. Whatever.

Vagamente più interessante è stato il flashback di Nolan, che ce lo mostrano più leale alla famiglia Clarke che non ai suoi stessi affetti, così come nel presente è più leale a Ems/Ams che non alla sua Company. Alla fine mi aveva sempre fatto tenerezza, questo Nolan forse un po’ innamorato di Emily e sicuramente succube, che continua a mettere lei davanti a tutto e tutti; al punto da rimetterci tutto, sempre e comunque.

Tant’è che il filo conduttore tra l’episodio 8 e il 9 è proprio Marco Romero, ex CFO della NolCorp, ex amante di Nolan e facilmente ricattabile. Il personaggio tipo a cui farebbero il casting per Revenge, in sostanza. Che si vende a Daniel senza problemi, per ferire quel boss che lo aveva mandato via per dare una montagna di soldi a Emily. La quale, per inciso, non fa assolutamente nulla, tranne qualche pacca sulla spalla, per evitare che il progetto di una vita di colui che le ha salvato il sedere venga distrutto da un Daniel che non solo è troppo poco nudo da un po’ troppo tempo, ha anche un sorriso da schiaffi in faccia. E la mia malizia mi fa pensare che ad Aiden questo possa solo aver fatto piacere. Blah.

Tant’è che la debolezza di questi ultimi episodi mi è sembrato risiedesse proprio in questo rapporto troppo affiatato tra Emily e Aiden; anche togliendo le antipatie personali, è come se funzionassero troppo bene insieme, e questo funzionare bene distoglie Emily dai suoi veri obiettivi. Comunque, continuo a non capire l’implicazione esatta di Takedo nella vendetta di Emily, e questo comporta che non riesco a credere che Aiden sia sbarcato negli Hamptons a fagiolo a salvare tutti. Con il suo accento insopportabile.

Comunque, ora almeno Nolan ha più di un motivo per portare avanti di persona la distruzione della Grayson Global, spogliando Daniel di tutto (speriamo anche dei vestiti) e una sua agenda di vendetta. Mi aspetto molto dalla seconda metà della stagione.

La visione del video Ashley-Conrad potevano evitare di ripeterla centomila volte – mi ha dato la nausea. Comunque, il fatto che finalmente tutti trattino male Ashley facendole fare la…puttana in realtà non mi dispiace. Almeno le hanno tolto il sorrisino del cazzo dalla faccia. Ovvio, come tutti ho notato anche io la soddisfazione di Emily (così come l’ha notata Aiden, godo) nel veder Daniel di nuovo da solo, e sono sicura che da quel lato ce ne saranno da vedere ancora delle belle. Certo, considerato lo show ora anche Ashley potrebbe avere qualche bel nome da cancellare dall’agenda della propria vendetta. Interessante.

Altrettanto interessante la reazione di Victoria; per qualche episodio ero arrivata a pensare che fosse Conrad quello innamorato di QueenV e mai il contrario; ma inizio a sospettare data la reazione al video con Ashley che quello non fosse solo orgoglio ferito – in fondo di tradimenti ce ne sono stati altri – ma proprio di ferita dentro. Da verificare. Fossi in Conrad, e date le capacità di Victoria di prendere la mira, starei molto attento…

Il siparietto invece Victoria-Conrad-The Initiative, inutile a dirlo, è ridondante, abbastanza ridicolo e ancora non un meccanismo che riesce a sembrare oliato e ben inserito nella storyline. Sono disposta a dargli ancora qualche episodio per capire se davvero c’entra qualcosa o meno.

Interessante comunque lo spegnimento di telecamere in casa Greyson altrettanto quanto contare i peli del naso di Daniel come fa The Initiative guardandolo dall’orologio. Non ho ancora capito, però, se queste nuove dinamiche dentro e fuori casa Grayson mi piacciono. Nobody plays dirtier than the Graysons.

La nozione di leverage con cui si chiude l’episodio, e quello che vorrebbe essere un cliffhanger sul rapporto Emily-Victoria è riuscito nella sua missione di farmi incuriosire, ma non in quella di lasciarmi incollata allo schermo. È interessante vedere il personaggio di Victoria che da Regina sembra sempre più sorpassata dagli eventi e dai suoi stessi familiari.

Note sparse:

  • i fratelli Jack&Deacon, il bar, il padre morto, la sparatoria, la pistola nella barca: who cares? L’unica cosa che ho memorizzato è stato Michael Trucco, fin troppo vestito per i miei gusti, nei panni del fratello di quellocattivolà.
  • il ruolo di Charlotte è stato quello di urlare “uomo morto sangue aiuto”. Speriamo si limiti a fare ciò per parecchio tempo.
  • Amanda madre è teriBBile quasi quanto il suo accento russo, ma non ha impedito di godermi la scena del battesimo, come atto di fede in un universo in cui è tutto talmente di facciata che la fede non si sa dove possa trovare posto. La faccia di Emily ci prova che sì, ci ha pensato che quella potrebbe essere la sua vita. Senza l’accento russo magari.
  • che ci sia di mezzo ora anche una agenda di vendetta di Jack, oltre che quella dei nemici del padre? C’entrerà mai qualcosa con la storyline principale tutto questo contorno inutile?
  • Rispetto a episodi simili della scorsa stagione, questo non è stato nulla come intensità rapidità o cliffhanger, ma è stato comunque godibile.
  • Revenge torna a Gennaio…buone Feste a tutti!

 

Ok.

Camilla A.

Alias Lillussia, strambo nick dovuto a problemi di pronuncia di un nipotino in fasce. Nata a Roma, ho vissuto un po' ovunque; le serie tv americane mi hanno insegnato l'inglese, quindi a loro devo tanto. Tanto almeno da scriverci qualcosa sopra e da diffondere il verbo, ogni volta che posso. Amante delle serie considerate belle, ma anche di quelle dette "lammerda". Inspirational quote of the day "THAT.BITCH" (Survivor).

14 Comments

  1. Non sai quanto ho aspettato queste due recensioni :) è il “dopo-Revenge” perfetto!

    Rispondi

  2. Gli episodi/flashback di Revenge mi fanno sempre sbadigliare.. non capisco se sono io o loro! boh!
    A me personalmente Aiden piace e mi piace con Emanda! Loro che si conoscono così bene e sanno fin dove possono spingersi e si accettano ugualmente.. non so, a modo loro sono dolci! (oppure ho battuto la testa! xD)
    Tutta la storia dell’initiative mi fa storcere il naso, ma le concedo anche io qualche episodio per capire se mi piace oppure no!! Nolan mi fa sempre più tristezza! Non vedo l’ora che abbia una sua storyline in cui tutti capiranno che lui è il re di ogni cosa!!
    Un’ultima cosa: Quando ci libereremo di Jack Porter e affini???

    Rispondi

  3. La trama dell’Initiative devono assolutamente cassarla, il triste tentativo di richiamo ad “Alias” mi deprime. Preferisco pensare che i Grayson sono una famiglia di affaristi senza pietà e Amanda un’instabile psicolabile sociopatica. E’ bello così! Chissene di complotti paragovernativi e addestratori giapponesi: è davvero TROPPO, pure per una soap come Revenge.

    Rispondi

  4. queste recensioni sono talmente in ritardo che ho fatto fatica a ricordarmi degli episodi,gia di per se poco memorabili.(la story di jack l’avevo completamente rimossa).
    in generale inizio a sentire una certa stanchezza negli episodi..spero che con il ritorno a gennaio revenge ritrovi nuove energie.

    Rispondi

  5. @ Jo3y:

    è troppo triste il fatto che pensino che citare alias sia una buona idea.
    no, sul serio….

    Rispondi

  6. @ Camilla A.:
    Dici che è stata solo una mia impressione?

    Rispondi

  7. Takeda è il maestro della vendetta perché è giapponese.
    Il giappone post kill bill (ma diciamocelo, anche prima) è da sempre stato associato alle katane e alla vendetta. Dove addestrare Emily/Amanda dunque? Da una sorta di Hattori Hanzo dei poveri.
    Certo, magari poi spunta fuori che in realtà questo bravo signore giapponese dalla faccia camaleontica in realtà vuole semplicemente sguinzagliare una pazza contro the initiative e sbarazzarsene eh. Però rimango dell’idea che sia troppo per un telefilm come revenge.

    Sugli altri fronti. Tanto meh sull’episodio flashback, ne facevo volentieri a meno.
    Un po’ meglio il mid season finale ma comunque non ci siamo. In generale questa seconda stagione per ora è molto, molto sottotono.

    Rispondi

  8. Jo3y ha scritto:

    La trama dell’Initiative devono assolutamente cassarla, il triste tentativo di richiamo ad “Alias” mi deprime. Preferisco pensare che i Grayson sono una famiglia di affaristi senza pietà e Amanda un’instabile psicolabile sociopatica. E’ bello così! Chissene di complotti paragovernativi e addestratori giapponesi: è davvero TROPPO, pure per una soap come Revenge.

    Non avrei saputo dirlo meglio!

    Rispondi

  9. io non credo che dietro l’idea di inserire l’initiative ci sia un tentativo di rifarsi ad alias,semplicemente revenge è una soap e come tale gioca al rialzo,se all inizio emily si sarebbe dovuta scontrare “semplicemente”contro una potente famiglia dalle illimitate risorse,ora dovrà vedersela con un organizzazione ilnternazionale dedita al terrorismo e
    all omicidio e legata chissà come alla mafia russa..mi chiedo se nella prossima stagione non tireranno dentro direttamente qualche senatore,se non il presidente..

    Rispondi

  10. secondo me takeda ha un suo obiettivo e ha manipolato fino ad oggi emily per qualcosa.

    Rispondi

  11. HO cominciato a vederla tardi, continuo a criticarla ma non posso fare a mano di vederla. Certo, dopo The good wife, dopo Homeland dopo Downton, ma ..devo vederla. che succede? attrazione trash fatale..in ogni caso, vi dò ragione su tutto; compreso il fatto che Aiden non è poi così male, dai. Tutti bellocci, un po’ alla Beautiful ( no, non proprio così..). Interessante Nolan, io in realtà lei non la trovo così fantastica un pochettino col naso rifatto…grandissime Victoria e Janet anche perchè mie coetanee..ultra ben conservate e botulinate..insignificante Jack, anche se seguendo la logica di Montecristo, dovrebbe essere ancora l'”amore finale”. Speriamo di no. Buon Natale.

    Rispondi

  12. Sarò io che sono ossessionata, ma nella storyline Nolan/Marco ci ho visto una citazione del rapporto Mark Zuckerberg/Eduardo Saverin (sì, quelli che hanno creato Facebook)… sbaglio? Dai, Nolan il giovane genietto dei computer che fa i miliardi, Marco (persino il nome diciamo esotico) il cfo trascurato… per favore ditemi se sono pazza.
    Il che (il fatto che sono pazza) mi ha portato poi a gongolare nel vedere che la componente amorosa del rapporto in questo caso era esplicita e non ad esempio solo accennata come in The Social Network (non dite di no).
    Il resto della puntata (soprattutto quella del salto indietro nel passato) l’ho trovato come avete già detto in molti noioso e pure inutile… Non mi è piaciuto molto come si è inserito Aiden nella storia, ci mancava l’ennesimo personaggio innamorato di Emily/Amanda (che sarà pure bellina, mah, ma non si può negare che abbia lo charme di una roccia sul fondo del mare).

    Rispondi

  13. boh sarò io , ma revenge è il tipico telefilm che mi paice seguire , ma da cui non sono assolutamente preso!seguo tutte le puntante , ma molto spesso mi dimentico proprio che esita , e di sicuro non rimango trepidante aspettando la nuova puntata della settimana.secondo me perchè alla lunga è fatto bene come telefilm , ma non ha quelle trame o quei personaggi che ti rimangono , nonostante cmq sia sempre intrigante seguire le puntate!

    Rispondi

  14. Ragazzi,

    io arrivo in ritardissimo su questa stagione, ma sto recuperando. Volevo solo condividere la chicca con voi. Puntata 2×09, minuto 5.10 circa: ASHLEY che con i tacchi a spillo fa la gnorri, che quasi si accoppa sul parquet…da rivedere e rivedere, per quanto è odiosa e bruttina! :P

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>