American Horror Story - 2x08 - Unholy Night

American Horror Story – 2×08 – Unholy Night

«Well, Susie, none of it makes much sense, does it, huh?»

L’episodio natalizio di questa seconda stagione di American Horror Story riesce a mio parere dove tutti i precedenti episodi avevano clamorosamente fallito: pur senza risparmiarsi alcun eccesso (dal cold open di incredibile effetto e quasi affettato nella sua palese quanto immotivata crudeltà, alle scene di violenza particolarmente efferata che si ripetono per tutto l’episodio), a parte la strana (ma ben accetta) penuria di mostri sovrannaturali sparsi in giro come se piovesse, l’episodio riesce a portare a casa un risultato impensabile, che sarebbe quello di rimettere al centro degli eventi trama e personaggi in un episodio che, dalle sue premesse, sarebbe stato molto più facile far naufragare nell’ennesimo filler.

Così non avviene, e Unholy Night è, a sorpresa e pur con qualche sbavatura, un episodio incredibilmente centrato, preciso nei suoi intenti e chiaro nel suo svolgimento. È un episodio che si regge da sé, al quale non serve ricorrere ad alcuna metafora o ad alcun metatesto per raccontare qualcosa. Quelli come me, che non avevano molto apprezzato l’estrema preponderanza di metacontenuti rispetto ai contenuti effettivi di questa seconda stagione, ringraziano ed apprezzano.

È Natale anche a Briarcliff, e sorella Mary Eunice, ormai sempre più sfacciatamente posseduta dal demonio, organizza una festa natalizia al manicomio, nonostante sorella Jude, dopo il disastro dell’anno scorso, avesse proibito il ripetersi di tale evento. La sua dedizione alla causa e lo spirito d’inventiva prettamente natalizio ai quali ricorre anche in occasione delle decorazioni dell’albero (chiedendo ai vari internati di fornire dentiere, fiocchetti per capelli con ciocche di capelli annesse, cateteri, flebo e quant’altro per usarli al posto delle più classiche palline e dei più tradizionali festoni) incontrano il favore del sempre più ambiguo Monsignor Howard, il cui ruolo all’interno della vicenda è ancora poco chiaro.

Tutto sembra andare per il meglio, se non fosse che la guardia che, nel corso del precedente episodio, ha ucciso Grace, sembra intenzionata a coinvolgere la polizia. Mary Eunice approfitta dunque delle feste per fare un po’ di pulizie in casa propria, ricorrendo all’aiuto di un paziente rinchiuso in solitaria da sorella Jude l’anno prima. Si tratta del protagonista dello splendido cold open, uno psicopatico rinchiuso a Briarcliff per aver letteralmente sterminato intere famiglie durante la notte di Natale del 1962. È stato lui a rovinare la notte di Natale dell’anno successivo a Briarcliff, motivo per il quale sorella Jude ha ritenuto opportuno rinchiuderlo in solitaria per tutto il resto della sua esistenza.

A ciò porrà rimedio sorella Mary Eunice, che si premurerà di lasciarlo uscire dal proprio stato di isolamento proprio in occasione del ritorno di sorella Jude a Briarcliff: la donna viene infatti attirata in una trappola dal dottor Arden, che finge di volerla aiutare a “riportare indietro la purezza di Mary Eunice” liberandola dal demonio, per poi chiuderla in una stanza all’interno della quale lo psicopatico vestito da Babbo Natale viene fatto entrare poco dopo. Non sarà facile, per la donna, uscirne viva, ma fortunatamente sorella Jude è una donna di incredibile forza e di variegate risorse – e meno male; perdere adesso proprio lei, l’unico personaggio davvero vivo e nei confronti del quale si possa provare una certa empatia in tutta la serie, sarebbe stato criminale.

Per quanto riguarda Lana, dopo essersi risvegliata a Briarcliff non se l’è passata troppo bene. Almeno, tutti i big bad della serie sembrano lasciarla in pace, ed a lei viene permesso di passare un po’ di tempo in infermeria sotto la promessa che il suo caso sia stato già sottoposto alle autorità. Così non è stato, in realtà, e Lana lo scopre quando si rende conto che l’infermeria ospita al momento un altro inquilino: Kit, anche del ritorno a Briarcliff del quale la polizia non sa ancora nulla.

Comprendendo che nulla e nessuno verrà mai a salvarla, la sfortunata eroina rivela a Kit di sapere che il vero Bloody Face è il dottor Thredson. Dice di poterlo provare, e convince Kit a cercare di fuggire con lei. Thredson arriva a lei per primo, e fra i due scoppia una colluttazione violentissima in seguito alla quale il dottore cerca di trascinare via la donna con sé, ma Kit, puntuale, lo ferma colpendolo alla testa. Lana vorrebbe (giustamente) ucciderlo e porre fine al proprio incubo, ma Kit riesce ad instillarle un po’ di sale in zucca e convincerla a lasciarlo in vita, dal momento che provare la colpevolezza di Thredson è l’unica cosa che potrebbe impedire a Kit di finire sulla sedia elettrica. La donna acconsente, ed i due si limitano a nascondere Thredson in uno sgabuzzino, mentre Lana gli promette che prima o poi lo farà fuori.

All’interno di un episodio così rigidamente strutturato e lineare, l’unico particolare un po’ stonato è quello del dottor Arden che, mentre attraversa i tunnel sotterranei col cadavere di Grace (probabilmente con l’intenzione di darlo in pasto alle sue mostruose creature), viene costretto ad un temporaneo svenimento/stato di confusione mentale dall’arrivo degli alieni, che rapiscono il corpo di Grace, per farsene cosa non è ancora dato sapere. Onestamente, l’episodio mi era piaciuto abbastanza da non sentire per niente il bisogno del ritorno della storyline sovrannaturale sicuramente più debole fra tutte quelle presentate da questa seconda stagione, ma ovviamente bisogna rendersi conto del fatto che, ad ormai soli cinque episodi dalla fine, era necessario cominciare un po’ a tirare le fila del tutto.

Personalmente, nutro ancora forti dubbi che questa seconda stagione riuscirà a convincere dove la prima era riuscita a convincere così bene, nel recuperare tutte le storyline sparse per i vari episodi componenti la stagione fino a condurle ad un finale unitario ed emozionante, ma se non altro questo episodio dà qualche speranza che gli scrittori della serie stiano cominciando ad entrare nell’ottica season finale, per tentare di concludere una stagione che, indipendentemente da come finirà, in molti ricorderemo come un’enorme occasione mancata.

Ok.

Alzino la mano quelli fra voi che, quando hanno visto Lana vomitare per nessun motivo apparente, hanno visto accendersi un gigantesco neon luminoso intermittente rosa glitter con sopra scritto la parola GRAVIDANZA.

Lisa C.

Scrive tanto, e poi legge/guarda roba varia ed eventuale per parlarne principalmente male. Una vita mangiata dall'OCD.

24 Comments

  1. Quindi se Lana è incinta….
    Il figlio è bloody face del presente…….?

    Rispondi

  2. fuckthemummies 10 dicembre 2012 at 15:24

    AL SWEARENGEN!
    Vorrei vedere più spesso Ian McShane in TV.

    Rispondi

  3. solo io ho sofferto una sorta di strana ansia tutte le volte che passavano le immagini del giradischi che iniziava a girare ma non partiva Dominique?

    Rispondi

  4. Fabio ha scritto:

    solo io ho sofferto una sorta di strana ansia tutte le volte che passavano le immagini del giradischi che iniziava a girare ma non partiva Dominique?

    Ansia no, ma io ne ho sentito un sacco la mancanza! XD

    Rispondi

  5. Metafore su metafore! Questa puntata (a parte ovviamente gli alieni) per me è stata davvero interessante. A parte il linguaggio scurrile, la violenza, i dialoghi spettacolari tra il Dr. Arden e Sister Jude.. Mary Eunice che forse è posseduta dal diavolo o forse è solo schizofrenica (il diavolo avrebbe saputo che la bambina dell’incidente era viva..ma Mary Eunice no, e infatti). Io ci ho visto veramente di tutto e di più, in questa puntata. L’albero di Natale fatto “con quel che si può”, il sacrificio dei capelli e dei fiocchi, unica femminilità rimasta alle donne.. La scena degli orecchini, vengono dal culo di un’ebrea ricca e attaccata alle cose (eh ehm..!! sceneggiatori coraggiosi)? Chissene.., la nuova Mary Eunice, se li mette e sta bene. la doppia redenzione di sister jude..
    Io ero estasiata alla fine. Se davvero l’ambiziosa e povera Lana è incinta, sono le nausee più veloci della storia. Se l’è ingroppata, quanto? 5 giorni prima?
    Comunque, sarà che gli attori sono fantastici, sarà che il Bad Santa mi è piaciuto davvero un sacco, alieni esclusi, per me è stata una puntata molto bella.

    Rispondi

  6. Da appassionato di film horror, io credo che AHS di quest’anno abbia bisogno di atmosfere più che d’intreccio, abbia bisogno di invenzioni gioiosamente infantili più che d’introspezione psicologica, abbia bisogno di registi più che di sceneggiatori, di fotografia e di musica più che di parole. Esempio: la suora indiavolata che balla davanti alla madonna (mi pare) è un’immagine potente e irriverente perché se la prende con il potere (in questo caso quello religioso); il confronto/scontro tra la suora indiavolata e suor Jessica è roba da sceneggiatura di bmovie…
    Ahhhh dove è finito il mio tormentone musicale preferito!!!! Mannaccia al diavolo travestito da suora mannaccia!
    Quest’ultimo episodio mi sembra senza infamia e senza lode. La sua linerità mi ha annoiato ma ormai i personaggi principali, gli “eroi” e gli “antieroi”, mi hanno preso e quindi seguo le loro vicende con curiosità (la partecipazione mi sembra eccessiva).
    P.S. L’episodio 5 resta, secondo me, il migliore fin qui visto.

    Rispondi

  7. linearità, credo:)

    Rispondi

  8. ottima recensione, Liz, concordo appieno: il miglior episodio della stagione – e io sono pure tra quelli che vorrebbero mollarlo ogni settimana AHS. Vedremo se riusciranno a concludere degnamente. (
    Gli alieni però no.

    Rispondi

  9. Ormai mi sono arresa puntate fa: la guardo per gusto dell’orrido. Se riesco a vedere Revolution cosa vuoi che sia questo? E poi la Lange vale sempre la pena.
    Non ci avevo visto tutta sta trama prima che me lo dicessi tu. Forse ho bisogno di sottotitoli esplicativi per capirci qualcosa in una serie tv così “out” e “moderna”

    Rispondi

  10. Antonio Varriale ha scritto:

    Gli alieni però no.

    Gli alieni sono il male… e purtroppo io ho come l’impressione che invece li useranno per collegare tutte le storyline, combinando un disastro XD

    jackson1966 ha scritto:

    Non ci avevo visto tutta sta trama prima che me lo dicessi tu. Forse ho bisogno di sottotitoli esplicativi per capirci qualcosa in una serie tv così “out” e “moderna”

    In effetti questo è il primo episodio in assoluto in cui la trama assume una certa rilevanza, anche io negli scorsi episodi avevo faticato parecchio a trovarne una XD

    Rispondi

  11. Ma vogliamo parlare del sottofondo musicale sulle ultime scene? Quel pianoforte è stato spettacolare, brividi brividi brividi.

    Rispondi

  12. Dailana ha scritto:

    Ma vogliamo parlare del sottofondo musicale sulle ultime scene? Quel pianoforte è stato spettacolare, brividi brividi brividi.

    Assolutamente sì, uno splendido arrangiamento per solo piano di Carol of the bells, se non sbaglio!

    Rispondi

  13. perfettamente concorde nel dire che questo episodio è riuscito dove gli altri avevano miseramente fallito;
    per la prima volta non mi sono annoiata, ne ho pensato”mi stanno prendendo in giro??!!” ogni cinque minuti;ed è esattamente questo che chiedo,non un episodio razionale, ci mancherebbe altro in una seriecome questa!,ma un minimo di logica nella successione degli eventi.
    Fabio ha scritto:

    solo io ho sofferto una sorta di strana ansia tutte le volte che passavano le immagini del giradischi che iniziava a girare ma non partiva Dominique?

    ahahah!!pensa che quando ho visto mettere il giradischi ero già pronta a canticchiare “dominique”!
    vera protagonista della serie!

    non avevo pensato alla gravidanza,ma nel caso mi piacerebbe come svolta narrativa e collegamento con le scene ambientate nel presente,come supponeva @Sara.
    non dico che aspetterò la prossima puntata,continuo solo perchè odio lasciare le serie a metà..ma almeno non partirò con il naso già storto..
    gli alieni che si fregano il corpo di grace..vabè devo davvero commentare??forse gli è piaciuta l’idea della calottacranica\portamentine..
    chiudere un serial killer in uno stanzino è come mettere un leone in una scatola di cartone..prima o poi esce e ti sbrana..

    Rispondi

  14. @ Setteditroppo:
    concordo su tutto, episodio senza infamia e senza lode. Era ovvio che a un certo punto un qualche sviluppo della trama avremmo dovuto vederlo, ma alla fine la cosa mi ha lasciata indifferente. E’ altro quello che chiedo a questa serie, come ho scritto nella recensione del 5×07, non me ne faccio nulla se diventa una serie come tutte le altre, anzi peggio, se mi diventa un horror di serie B qualunque.
    salvo giusto il cold open e l’albero di Natale demoniaco-pazzoide, poi basta. Ah no, pure la storiella degli orecchini custoditi cosi’ gelosamente XD
    p.s. che Lana fosse incinta l’ho pensato dalla copula dello scorso episodio. Zachary Quinto padre di er piagnone, olé!

    Rispondi

  15. Apparte gli alieni e i mostri del Dr.Arden che non amo devo dire che adoro questa stagione di AHS *____*.
    Certo magari manca di una vera e propria trama orizzontale ma basta vedere quello che succede nel manicomio per continuare a seguirla.
    Misfits 3 senza trama orizzontale era noioso proprio perchè le puntate,apparte qualcuna,non erano per niente interessanti invece AHS riesce sempre a stupire

    Rispondi

  16. Alzino la mano quelli fra voi che, quando hanno visto Lana vomitare per nessun motivo apparente, hanno visto accendersi un gigantesco neon luminoso intermittente rosa glitter con sopra scritto la parola GRAVIDANZA.

    La mia malata mente ha invece pensato pensato:
    hey, ma allora la terapia “Alex” di avversione/conversione che Sylar le ha propinato qualche episodio fa comincia a dare i suoi frutti con la suora sbarbina!

    O_O

    Rispondi

  17. Beth ha scritto:

    (il diavolo avrebbe saputo che la bambina dell’incidente era viva..ma Mary Eunice no, e infatti).

    in realtà non lo sappiamo: Mary Eunice / Diavolo potrebbe averlo saputo, ma al suo scopo è irrilevante: che non lo sapesse suor Jude era sufficiente.

    a me non sembra una serie in grado di scartare il paranormale (vedi anche la stagione precedente) per cui la storia del diavolo la prenderei per buona.

    per quanto riguarda gli alieni, aspetto Mel Gibson con un cappello di carta stagnola da un momento all’altro.

    Rispondi

  18. ansia , è il termine giusto per descrivere questa stagione ahaha, cmq bella puntata!finalmente per la prima volta ho avuto come la sensazione che le storie si stessero allineando per arrivare a destinazione , e non è una cosa semplice considerando tutti gli elementi sovrannaturali presenti nella serie.continuo cmq a pensare che la storia degli alieni centri davvero poco !!

    Rispondi

  19. Devo avere qualcosa che non va, quando c’è “trama” mi annoio talmente tanto che non ricordo nulla della puntata.

    Rispondi

  20. Dirtyfishydishcloth 18 dicembre 2012 at 22:04

    Domandona per i più esperti: Thredson dice a Lana che la notizia del suo incidente era finito su tutti i giornali…ma dunque adesso amici/colleghi/parenti dovrebbero sapere che fine ha fatto, perché nessuno va a cercarla?

    Rispondi

  21. @ Dirtyfishydishcloth:
    Perchè è AHS cioè non sanno neanche loro cosa dicono oppure, Thredson le ha mentito

    Rispondi

  22. Dirtyfishydishcloth ha scritto:

    …perché nessuno va a cercarla?

    Perché se no finisce la serie.

    Rispondi

  23. Daniela G. ha scritto:

    @ Setteditroppo:
    concordo su tutto, episodio senza infamia e senza lode. Era ovvio che a un certo punto un qualche sviluppo della trama avremmo dovuto vederlo, ma alla fine la cosa mi ha lasciata indifferente.
    salvo giusto il cold open e l’albero di Natale demoniaco-pazzoide, poi basta. Ah no, pure la storiella degli orecchini custoditi cosi’ gelosamente XD

    felice di non essere l’ unica …

    P.S. solo a me non è fregata una cippa di lana che sbombicava ?!? xD

    Rispondi

  24. Dirtyfishydishcloth ha scritto:

    Domandona per i più esperti: Thredson dice a Lana che la notizia del suo incidente era finito su tutti i giornali…ma dunque adesso amici/colleghi/parenti dovrebbero sapere che fine ha fatto, perché nessuno va a cercarla?

    Magari non ne ha o se ne ha o a loro non frega nulla di lei. L’unica che sembrava esistere nella sua vita era la sua amante ormai morta.

    Piaciuto molto anche a me questo episodio, più dei due precedenti, però a me interessa molto più questa stagione della precedente, forse per via di quei metacontenuti di cui si parlava nella critica.
    Che magari non colgo appieno (e per questo mi piace leggere un’ analisi critica della serie), ma questa stagione riesce ancora ad affascinarmi più che schifarmi.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>