twd

Fra i numerosi pregi dello scorso episodio c’è indubbiamente l’essere riuscito a portare a convergere le due storyline principali della serie, fino a quel momento scollegate. Se, da un lato, in una delle ultime scene, tornando verso Woodbury Merle aveva incrociato per caso Glenn e Maggie, facendoli prigionieri, dall’altro, negli ultimi minuti dell’episodio, Michonne (sicuramente una delle aggiunte di maggior rilievo in questa stagione, assieme al gemello bravo di Andrew Lincoln nel ruolo di Rick) era finalmente giunta alla prigione, portando con sé il carico di latte in polvere che Glenn e Maggie avevano dovuto abbandonare.

L’episodio di questa domenica (l’ultimo prima del midseason finale della settimana prossima) riparte esattamente da dove ci ha lasciati: Michonne, aggrappata alla rete metallica che circonda il perimetro di tutta la prigione, cerca di non farsi riconoscere come lo spuntino di mezzogiorno che è dagli zombie che la circondano, sperando nel mentre che qualcuno le apra il cancello – evento che, però, non si verifica: Michonne, la cui ferita alla gamba sanguina ancora copiosamente, viene riconosciuta dagli zombie, che la attaccano. La donna, per quanto indebolita, riesce a difendersi per un po’, salvo poi perdere completamente le forze ed accasciarsi a terra, esausta.

Fatto per nulla sorprendente, è Carl a prendere in mano la situazione, sparando agli zombie che la minacciano più da vicino e poi correndo fuori dal recinto assieme al padre per recuperare il latte in polvere, mentre Rick si occupa di portare al sicuro la nuova arrivata, il cui rapporto con gli altri inquilini della prigione, però, si rivela più turbolento del previsto: Michonne si rifiuta di rivelare la propria identità, ed anche per rivelare tutto il resto – da dove viene e perché si trova lì – aspetta un considerevole quantitativo di tempo, che trascorre ad osservare il resto della combriccola per capire se di loro si può fidare.

Alla fine, decide di collaborare – anche perché sia Rick (nella sua nuova versione badass che io personalmente apprezzo moltissimo) che Daryl non le lasciano molta scelta – e dopo aver rivelato al gruppo l’esistenza di Woodbury e gli eventi che hanno coinvolto Glenn e Maggie viene arruolata come guida per provare a recuperare i due rapiti. Un piccolo gruppetto composto da Rick, Daryl, la stessa Michonne e i due prigionieri superstiti (i cui nomi non ricordo e che, per comodità, saranno soprannominati Baffetto e L’Altro Nero che non è T-Dog) parte alla volta di Woodbury, non senza prima essere fermato a metà strada da un’orda di zombie durante l’attacco di quali il gruppo avrà modo, ancora una volta, di mostrare tutta la propria freddezza nel combattere anche nelle situazioni più difficili.

Meanwhile, in Woodbury, Andrea dimentica completamente due stagioni di wannabe-evoluzione del suo personaggio, completamente accecata dal possente maschio che se la porta a letto da ormai due episodi. Sbadiglio. Fortunatamente, non tutta la storyline ambientata nella gradevole cittadina ruota attorno a lei, specie da quando Glenn e Maggie sono stati condotti lì da Merle: ai due infatti toccano le due scene più emozionanti e potenti dell’episodio, diverse eppure ugualmente intense e disturbanti.

Merle sta infatti cercando di tirar fuori di bocca con la forza a Glenn informazioni sul resto del gruppo, ma la reticenza del ragazzo è tale che, per costringerlo a parlare, Merle lo chiude in una stanza legato ad una sedia con uno zombie affamato, sul quale – non senza qualche difficoltà – Glenn riesce ad avere la meglio. Nel frattempo, però, ci viene mostrata una nuova faccia del Governatore, che si offre in prima persona di occuparsi di Maggie: ho trovato la scena della tortura psicologica nei confronti di Maggie la più violenta di tutto l’episodio, perfino l’attrice che interpreta la ragazza, della quale io non sono una particolare estimatrice, è riuscita a rendere perfettamente il carico osceno di umiliazione provato da Maggie mentre il Governatore le chiedeva di spogliarsi.

Per quanto riguarda Andrea, invece, il lavoro di introspezione e crescita del suo personaggio sembra essersi momentaneamente bloccato: ci viene mostrato un briciolo dell’Andrea della seconda stagione solo quando le viene chiesto di aiutare il dottor Milton in uno dei suoi esperimenti (l’uomo è convinto che parte della coscienza delle persone resti nascosta dentro di loro anche quando diventano zombie, se evocata in modo giusto; inutile dire che la scena prova ampiamente che si sbaglia), ma oltre a questo si fatica davvero a riconoscere l’enorme cambiamento che si era sviluppato nella donna durante il corso della seconda stagione. Speriamo tutti che, col prossimo episodio, questa discrepanza cominci ad assottigliarsi. O, in alternativa, che Andrea muoia. Ma la vedo dura.

When the Dead Come Knocking non è certo l’episodio principe della terza stagione fino ad ora, ma serve efficacemente tutti i suoi scopi (approfondire le figure del Governatore e di Michonne e regalare momenti di tensione ed adrenalina pura, per non parlare di altri momenti intensi in maniera differente ma pur sempre validissimi, come quello in cui a Rick viene mostrata Carol viva) regalandoci un altro episodio di televisione di qualità che pone le basi per quello che sembra un midseason finale che stravolgerà la situazione corrente della trama e delle posizioni dei vari personaggi, prima della lunga pausa che ci separa dalla seconda metà della stagione.

Ok.

Lisa C.

Scrive tanto, e poi legge/guarda roba varia ed eventuale per parlarne principalmente male. Una vita mangiata dall'OCD.

More Posts

Commenti
175 commenti a “The Walking Dead – 3×07 – When The Dead Come Knocking”
  1. genio in bottiglia scrive:

    A mio avviso, episodio da Fuck Yeah! Basterebbero le scene di Glenn e Maggie per raggiungerlo, davvero bravi tutti e due nel rendere l’orrore della situazione (fisica per il maschio con il pestaggio e poi lo zombie, psicologica ma fino a un certo punto per la ragazza, dato che il dubbio che stesse per violentarla cmq me l’ha passato). Ma poi c’è anche il gruppetto che va in missione a recuperarli, con l’immancabile attacco degli zombie, l’ennesimo vivo ad essere fatto fuori (e addirittura dato in pasto agli erranti come diversivo e senza alcuno scrupolo morale). E Andrea, non molto instupidita dal Governatore questa volta, che osserva con un certo distacco gli esperimenti del Mendele de noantri di Woodsbury, preparandosi il campo per l’inevitabile schieramento con i buoni del prossimo episodio (nessuno spoiler, solo quello che immagino :) . Il tutto ha confezionato un episodio che, pur preparatorio, a me è risultato adrenalinico e che conferma come questa terza stagione sia proprio tutta da FY!

  2. Daniele Garzia scrive:

    È incredibile il cambio di passo di questa terza stagione. E si che ero tentato di accannarla, dopo quella passata. Michonne personaggio fantastico, anche secondo me il migliore insieme al nuovo Rick

  3. Ric_Rohmer scrive:

    Andrea, lentamente cresce, non sarà la paladina dell’autodeterminazione, ma dentro i suoi occhi cominciamo a leggere il dubbio, il tormento. E’ un personaggio fino ad oggi mostrato con diverse contraddizioni, ma verosimilmente ci arrecherà delle sorprese; sarà, a mio avviso, il Cavallo di Troia dentro la dorata prigione di Woodsbury.
    Il vecchio dato in pasto era un effettaccio, non troppo gradito; un gruppo di 5 superarmati che si fa cogliere sul tempo da un vecchio rimbambito non mi convince; serviva alla sceneggiatura, OK. ma non è stato esaltante.
    Carl va sempre più giù, da il peggio di se.

  4. billy scrive:

    i detenuti non si uniscono entrambi alla spedizione, va solo oscar.
    l’episodio mi è piaciuto anche se con ste forzature a volte esagerano proprio: dai, michonne ha sentito dove si trovavano gli altri, ma non ha capito che merle è una loro vecchia conoscenza?
    cazzo, merle aveva proprio chiesto di “SUO FRATELLO”, non è che ci fosse tanto da fare due più due.
    nel precedente episodio avrebbero potuto dare a michonne un motivo di distrazione, in modo che sentisse solo quello che le serviva per arrivare alla prigione senza collegare la relazione tra merle e il gruppo di rick.
    alla luce di quanto fatto, la fanno passare per perfetta imbecille

  5. Ukawa scrive:

    Episodio filler non brutto ma pieno di scene evitabilissime, come l’attacco dei millemila zombie nel bosco mentre un tizio a caso dorme beatamente abbracciando un fucile… maddai.
    Andrea la voglio figa come nel fumetto, ORA e SUBITO.

  6. tiz scrive:

    certo che dallas roberts (dr milton) deve avere qualche santo protettore da qualche parte visto che nonostante sia un cane riesce sempre a trovare lavoro. l’ho visto ormai in 3-4 serie e ha sempre le stesse espressioni, un po’ balbettato, un po’ strascicato e un po’ imbecille. E’ l’unica cosa, insieme alla whoraggine sconclusionata di àndrea che mi infastidisce in questa stagione. Un cambio di passo strabiliante rispetto alle prime due stagioni, tanto che infatti non so come farò durante la pausa O_O e michonne è stato quel qualcosa in più che mi fa aspettare con trepidazione il lunedì.

  7. Maurizio scrive:

    L’altro detenuto che mi fá pensare tanto al “Generale Custer”, si chiama Axel.

  8. manq scrive:

    Direi che, dopo due episodi che mi son piaciuti pochino, si torna su un buon livello.
    Succedono cose, ma c’è anche tempo per approfondire un po’ le relazioni ed i rapporti di forza nei vari gruppi.
    Trovo ancora che il difetto sia il volere action a tutti i costi, cosa che porta spesso a soluzioni discutibili (tipo quella specie di imboscata zombie che si apre e chiude dal niente e pare buttata lì solo per dare screentime al combattimento), però temo che a queste cose ci si debba fare l’abitudine ormai, visto che pare proprio il marchio di fabbrica della nuova gestione.
    I tempi in cui c’era quantomeno un alone di dubbio e rimorso dopo aver ammazzato una persona innocente all’unico scopo di salvarsi il culo son ben lontani. Shane ha vissuto il disagio per episodi, Michonne probabilmente ha rimosso il pensiero prima ancora della spada dal cadavere. E per questo, a quanto pare, guadagna simpatia nel gruppo. Tutte cose già scritte di cui, ogni volta, si trova la riprova.
    Però sì, l’episodio m’è piaciuto.

  9. Koss scrive:

    moscietto ma rende l’idea, ci sta poco da battagliare e quindi si fa politica spicciola per definire le future competenze, diciamo che è l’inizio del solito problema di sapere chi sta al primo posto della catena alimentare, visto che gli zombi cominciano un pò a cedere il passo per l’ovvia organizzazione degli umani, le poche risorse in gioco fa in modo che lo scontro cominci a spostarsi fra i soliti umani buoni contro quelli cattivi..

  10. mate scrive:

    Carl è il figlio illegittimo di Raylan Givens!! Mano sempre sulla pistola, cappello sempre in testa e mira incredibile! :D

  11. dory scrive:

    un buon episodio, decisamente.

    le scene di Glenn e Maggie sono state così disturbanti che ho dovuto fare pausa, ammetto che non reggevo emotivamente.
    Andrea…non so, in questa serie non riesco a “sentirla” come personaggio, come se non avesse una linea definita.
    Minchionne finalmente ha parlato per più di 25 secondi di fila mettendo insieme soggetto, verbo, complemento e pure qualcosa in più ed era ora, che sinceramente fino allo scorso episodio pareva un qualche personaggio di Lost a caso che non dice mai le cose per intero (e io Lost lo amo, sia chiaro) o – se vogliamo buttarla in ridere – la finta soap “Cichito e Paquito” :D
    l’agguato zombie nella baracchetta non mi ha fatto nè caldo nè freddo, minuti in più un po’ assurdi e basta.

    ora si aspetta l’incontro-scontro fra Merle e Daryl. le parole del Governatore sull’importanza della famiglia e la faccia di Merle quando gli promette fedetà fan presagire un bel caos.

  12. Gaetano scrive:

    http://www.oasidelcinema.net – cinema e serie TV

    Questo episodio è stato bellissimo e già mi viene, date le premesse, l’acquolina in bocca nell’attesa degli episodi successivi. Inizia un pò d’azione finalmente, anche se le puntate precedenti sono state oltre che necessarie, veramente ben fatte. L’unica cosa che mi lascia perplesso è che non viene introdotto nessun indizio su come il mondo supererà questa epidemia “zombesca”. Nessuno scienziato che lavora ad una cura? nessuna scoperta, nessun umano miracolosamente immune? Sarà la bambina che è appena nata la soluzione di tutto? Probabilmente gli autori vorranno tirarla per le lunghe e le sorprese in questo senso ce le daranno agli episodi conclusivi. Prevedo un bel numero di stagioni di “the walking dead”, ma è proprio ciò che vogliamo, no?

  13. TitoLivio scrive:

    Gaetano ha scritto:

    http://www.oasidelcinema.net – cinema e serie TV

    Questo episodio è stato bellissimo e già mi viene, date le premesse, l’acquolina in bocca nell’attesa degli episodi successivi. Inizia un pò d’azione finalmente, anche se le puntate precedenti sono state oltre che necessarie, veramente ben fatte. L’unica cosa che mi lascia perplesso è che non viene introdotto nessun indizio su come il mondo supererà questa epidemia “zombesca”. Nessuno scienziato che lavora ad una cura? nessuna scoperta, nessun umano miracolosamente immune? Sarà la bambina che è appena nata la soluzione di tutto? Probabilmente gli autori vorranno tirarla per le lunghe e le sorprese in questo senso ce le daranno agli episodi conclusivi. Prevedo un bel numero di stagioni di “the walking dead”, ma è proprio ciò che vogliamo, no?

    Ti posso solo dire che… Nel momento in cui mi fanno presagire ci possa essere una cura, smetto di seguire.

    I “morti che camminano” sono i vivi.

  14. Ric_Rohmer scrive:

    @ TitoLivio:
    E perchè mai? E diamogliela una speranza a sti disgraziati. Qualche ricercatore serio c’è sempre da qualche parte. Non esistno mica solo la prigione e la città fascista.
    E poi, mi sembra di intuire che stavolta le sacre scritture saranno smentite; Caino non ucciderà Abele, e neanche il contrario. Abele, nella comoda veste di vice premier, redimerà il fratello Capitan Uncino, forse con l’aiuto del Cavallo di Troia, addirittura, l’Andrea.
    E, dilcis in fundo” tornerà, chissà da dove, Lori viva e poco vegeta, e darà finalmente due schiaffoni a quello stronzo di figlio; così vorremmo noi tutte.

  15. TitoLivio scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Perchè sarebbe la peggio boiata della storia televisiva mondiale.
    Non è un paese per lieti fine o speranze.

  16. zos scrive:

    Episodio che riscatta il mezzo passo falso del precedente.
    L’evoluzione psicologica di Glenn,dovuta sicuramente all’intensa storia con Maggie,raggiunge l’apice in questo episodio.
    Maggie irresistibile,il Governatore stavoltà è da ringraziare.
    Michonne sorniona preferisce rivelare ai nuovi compagni quanto ritiene utile.
    Merle si rivela un villain non meno ambiguo del Governatore stesso,non credo che si schiererà contro suo fratello,soprattutto quando (e se,come spero) realizzerà di essersi sbagliato su Rick&C.
    Il “dottor Mengele” Milton mi sembra una mina vagante.
    Mi aspetto grandi colpi di scena e dipartite eccellenti per il midseason finale.
    Se l’episodio precedente per me era un “Meh!” , questo è stato decisamente “OK”.

  17. pemf.bolloso scrive:

    TitoLivio ha scritto:

    @ Ric_Rohmer:
    Perchè sarebbe la peggio boiata della storia televisiva mondiale.
    Non è un paese per lieti fine o speranze.

    Più che un problema di lieto fine, secondo me nessuno troverà mai un antidoto perchè non è su questo che è incentrata la serie (e il fumetto da cui è tratta). Gli zombie sono un pretesto narrativo per creare un mondo nuovo in cui le regole e le etichette costruite in migliaia di anni saltano all’improvviso e le persone devono adattarsi per sopravvivere.
    Se introducessero l’antidoto sarebbe come se Breaking Bad si mettesse ad analizzare le gerarchie del crimine organizzato: non avrebbe senso.

  18. billy scrive:

    se ci fosse l’antidoto sarebbe finita la serie.
    ok, potrebbe non avere effetto su chi già s’è trasformato, ma è troppo bello ogni tanto vedere la trasformazione da umano a zombie per privarcene :)

  19. winston smith scrive:

    Non riesco davvero a comprendere come mai certe persone su questo sito considerino Carl (e qui cito testualmente) “uno stronzetto”: ha una mira infallibile (anche da quaranta metri utilizzando una semplice pistola), vuole proteggere il gruppo e non esita ad agire personalmente e prendere in mano la situazione se necessario. Vi sta antipatico solo perché un bambino non dovrebbe essere così in realtà? Primo: non siamo nel mondo reale, ma in una serie post-apocalittica; secondo: cosa mi dite dei bambini-soldato in Africa? Per quanto mi pianga il cuore al solo pensiero che ci siano bambini privati della gioia di crescere, purtroppo il fenomeno esiste. E non è nemmeno minimamente paragonabile alla situazione di TWD, in cui gli zombies cercano di mangiarti vivo ogni volta che ne hanno la possibilità; ergo chiunque è in grado di impugnare con successo un’arma faccia la sua parte.

  20. Riccardo scrive:

    Episodio tra i meglio riusciti della serie. Il filo rosso della tensione lega tutti i 40 minuti, a partire dalle torture psico-fisiche(meraviglioso l’urlo di Glenn post-uccisione zombie), fino ai titoli di coda, passando per l’esperimento scientifico. Non trovo per niente inverosimile che in un mondo infestato di zombie, se ne possano incontrare nel bel mezzo di un bosco; e se pure fosse solo un espediente narrativo, è efficacissimo per far capire che dopo due episodi di calma, si ritorna sui binari della barbarie (come dimostra la morbosità con cui viene mostrato il banchetto degli zombie col malcapitato, nemmeno fossimo su NatGeo). Spettacolare la colonna sonora finale, un incedere martellante che mi ha emozionato e che ho voluto risentire (mai successo prima). Una tensione espressa in tutte le maniere, nei dialoghi, nella musica, nel montaggio, nelle espressioni del Governatore, di Rick, di Merle, si Andrea. Bene così!

  21. franz scrive:

    A me l’episodio non è piaciuto granché. L’ho trovato un po’ moscio, il ritmo era inesistente. La scena col cacciatore era del tutto inutile, la tortura di Maggie non l’ho apprezzata molto a differenza degli altri e mi è anche sembrato che si fidassero un po’ troppo di Michonne. In fondo questa arriva, non vi dice chi sia e che cosa voglia, vi dice solo che i vostri amici sono stati rapiti e voi la seguite. Ok, capisco la preoccupazione, ma se fosse una trappola? Noi sappiamo che non lo è, ma questi tizi che non si fidano di nessuno neanche per un secondo adesso di mettono nelle mani di una trovata per caso? Boh. Mi è sembrato tutto un po’ affrettato. Se non altro hanno spiegato che a Woodbury sapevano della prigione ma non avevano voluto ripulirla (cosa un po’ assurda, se ci pensate, ma meglio che non saperne nulla). Attendo il prossimo episodio.

  22. Cassandra scrive:

    Bellissimo episodio, con alcune scene cardine intensissime.
    Le scene di tortura di Glenn e soprattutto di Maggie le ho trovate difficili da guardare: nel caso di lei, la deliberata lentezza del Governatore, le espressioni terrificanti di Morissey, la povera ragazza che cercava di mantenere quanta più dignità potesse nella situazione più orribile in cui una donna si possa trovare… solo, non capisco una cosa: Maggie poteva sentire Merle e Glenn parlare dalla stanza affianco, e non è che urlassero, quindi mi aspettavo da un momento all’altro che Glenn sentisse cosa stava succedendo alla sua ragazza e desse di matto… l’unica scusa che mi viene in mente per cui non è successo è che Glenn era già ragionevolmente sconvolto a quel punto, frastornato e ferito.
    Michonne, che come personaggio mi piace tantissimo, stavolta l’ho trovata un po’ incoerente: come dice Rick “you’re here for a reason”, quindi perchè tirarla tanto lunga sul perchè e percome stai lì? Mi piace comunque che anche debolissima e senza uno straccio di difesa ringhi dietro a Rick e non si pieghi.
    Rick ha ritrovato se stesso, sembrerebbe. La riunione con Carol è dolcissima, come le scene con Carl: finalmente la piccola ha un nome, anche se Ass-kicker le stava bene :) E Rick che ringrazia Daryl per ciò che ha fatto ci voleva… adoro il rapporto tra i due e non vedo l’ora di vedere come sarà testato quando Merle rientrerà nei giochi.
    Il ritmo della scena finale è fantastico, se non fosse che manca troppo tempo a lunedi prossimo ._.
    Vedere Andrea cercare conforto nelle braccia dello stesso uomo che qualche minuto prima aveva quasi stuprato una ragazza, una sua amica perdipiù, mi ha dato i brividi. Speriamo la bionda si svegli, e presto.

  23. Giuppe scrive:

    Ciao, non scrivo mai ma vi leggo sempre…!! :) Sono peggio di uno zombie… :P

    Ritengo che questa stagione sia magnifica, che i primi quattro episodi avrebbero potuto tranquillamente rappresentare una stagione per intero e che il “rallentamento” narrativo di questi ultimi 2-3 episodi porterà ad un episodio 3×08 spettacolare.

    Io non credo che Michonne non abbia capito i vari legami tra i personaggi, ma che non voglia parlarne appositamente. Del resto, lei non sa perché abbiano abbandonato Andrea e non sa se potersi fidare del fratello di quel pazzo-figlio-di-buona-donna… quindi, meglio usare molta prudenza. Penso che il suo scopo fosse solo quello di trovare un gruppo di validi “combattenti motivati” (dal rapimento di Glenn e Maggie) per irrompere nella città e “salvare” Andrea… e la I parte del suo piano è riuscita perfettamente, sulla II parte credo invece che ne vedremo delle belle: Andrea sceglierà Michonne o il “suo” uomo autoritario e affascinante? Gli autori potrebbero averlo fatto apposta a tirare fuori queste sfaccettature antipatiche e frivole di Andrea per tirare le fila nell’ultimo episodio e sviscerare a 360° la psicologia, vista finora, del suo personaggio: a chi crederà? Ai suoi vecchi amici, che l’hanno abbandonata… o al fascino ambiguo del Governatore? Farà davvero da “cavallo di troia”, tradendo il Governor, o tradirà sia Michonne sia i suoi vecchi “amici”?
    Dico infine su Michonne che il suo personaggio ha, secondo me, delle potenzialità “combattive” e psicologiche notevoli, ma che per ora la fanno apparire solo, come dice giustamente qualcuno, come una MiNchionne… non fa quasi mai niente di che e non parla mai. Ok il personaggio misterioso e tenebroso, ma non esageriamo… :)

    Per quanto riguarda la questione ANTIDOTO-NON ANTIDOTO, io non penso, come @TItolivio, che sarebbe “la peggio boiata della storia televisiva mondiale”. Anzi, la peggiore boiata sarebbe che questi qua (i personaggi) pensino in eterno solo ad uccidere zombie e ad uccidersi tra loro… E’ chiaro a tutti che lo scopo del telefilm non è, non deve essere e non sarà mai quello di trovare un antidoto. Però, sarà pure rimasto qualche scienziato nel mondo, che dite? Ed un qualsiasi scienziato (anche un Fisico come ne, o un ingegnere ecc..) quantomeno si chiederà il motivo di quest’epidemia. Non sto dicendo che poi tale scienziato troverà una cura ma obiettivamente è assurdo che non salti mai fuori nessuno che si faccia delle domande “scientifiche” e che magari (perché no?) faccia anche degli esperimenti. Penso che gli esperimenti infruttuosi del Dr Milton vadano nella direzione che dico, cioè un uomo di scienza che si fa delle domande e fa degli esperimenti. Chiaro poi che questa è una serie horror e non fantascientifica, quindi la cosa deve essere limitata ed opportuna e dosata col contagocce, ma si dovrà pur arrivare ad una “fine” prima o poi… potrebbe essere anche una fine con un mondo senza neanche più un essere umano perché, ribadisco, farsi delle domande sull’epidemia non è arrivare forzatamente ad un lieto fine ma semplicemente dare più credibilità alla storia. Almeno credo… :)

  24. zos scrive:

    Il tema musicale di sottofondo che accompagna la sequenza finale fa molto anni 80 (tipo i film di Carpenter, oppure i vari Fuga dal Bronx,I predatori di Atlantide,ecc.)

  25. Giuppe scrive:

    zos ha scritto:

    Il tema musicale di sottofondo che accompagna la sequenza finale fa molto anni 80 (tipo i film di Carpenter, oppure i vari Fuga dal Bronx,I predatori di Atlantide,ecc.)

    A me ricorda “Visitors”… :)

  26. Kiki May scrive:

    Povero Carl, sta provando a dare il massimo. Non è una situazione facile eppure si sta comportando “da uomo”, nonostante la tenera età. Apprezzamento per Carl (Tenera la scena in cui sceglie il nome della sorella). Secondo me è legittimo fare esperimenti per trovare una cura, ma è anche una cosa molto difficile che ha bisogno di tanti e tanti campioni di zombie per capire se veramente è possibile recuperare ‘sta gente. Andrea infilza il vecchio trasformato dopo neanche trenta secondi e neanche il wannabe scienziato mi pare molto sicuro di quello che sta facendo. Comunque è un binario interessante. Episodio molto buono.

  27. Laris scrive:

    TitoLivio ha scritto:

    I “morti che camminano” sono i vivi.

    QUOTO.

    Però per me l’episodio era da fuckyeah, decisamente migliore degli ultimi due. Sono d’accordo con il pensiero su Andrea, al momento è un personaggio statico accecato dalla falsa facciata di WB. Spero che apra gli occhi il prima possibile.

  28. TitoLivio scrive:

    pemf.bolloso ha scritto:

    Più che un problema di lieto fine, secondo me nessuno troverà mai un antidoto perchè non è su questo che è incentrata la serie (e il fumetto da cui è tratta). Gli zombie sono un pretesto narrativo per creare un mondo nuovo in cui le regole e le etichette costruite in migliaia di anni saltano all’improvviso e le persone devono adattarsi per sopravvivere.
    Se introducessero l’antidoto sarebbe come se Breaking Bad si mettesse ad analizzare le gerarchie del crimine organizzato: non avrebbe senso.

    Il lieto fine sarebbe preterintenzionale ma, se mi inventi l’antidoto, scontato. Ho letto il fumetto, ma cerco di farci meno riferimenti possibili… Comunque la direzione di questo tv show è parallela ma non identica alla versione cartacea e non mi riferisco solo alla semplice trama, ma proprio all’atmosfera. In TV siamo molto “meno bestiali”, più “politically correct” imho, nonostante la sterzata Mazzariana.

    In breve comunque ti do ragione: questa realtà non è pensata per avere un’antidoto.

  29. Maurizio scrive:

    ANDREA, MILTON, LO STUDIO SULLO ZOMBIE,….E PICCOLI PROBLEMI DI COMUNICAZIONE!

    Se vuoi sconfiggere il tuo nemico lo devi prima conoscere, per cui lo studio sugli zombie, per quanto pericoloso, mi sembra una cosa logica! Mi sembra anche ovvio, che durante una ricerca si tenti di raccogliere tutte le informazioni disponibili!

    Ora Andrea ha detto a Milton che quando si trasformano, gli zombie non conservano piu niente della vita passata. Benissimo!!

    Peró Andrea poteva anche aggiungere che la cosa l’era stata dimostrata dal dottor Edwin Jenner nel laboratorio del CDC!!!
    Qui Jenner aveva spiegato diverse cose molto interessanti e qui andrea e gli altri avevano anche visto il video sul soggetto TS-19 con la morte celebrale e poi il microorganismo che risuscitava il tronco celebrale (per cui lo zombie non conservava nessun tipo di rocordo del passato!!). FINALMENTE UNA PICCOLA PROVA SCIENTIFICA!!

    Insomma, non mi sembrano proprio informazioni trascurabili e da tener nascosto a l’unico che cerchi di capirci qualcosa (non é che Milton mi sembri un genio,..ma almeno ci prova,…..e bisogna accontentarsi di quello che passa il convento!!).

    Per concludere, capisco che non si puó rivelare tutto subito,…ma se non era questa una buona occasione per aprrofondire il discorso e farsi qualcha domanda, quando????

  30. TitoLivio scrive:

    @ Giuppe:

    Ti consiglio di vedere “io sono leggenda” con Will Smith e poi di leggere il libro di Matheson.
    Così, solo per vedere come il buonismo può stuprare un capolavoro.

  31. massi scrive:

    Episodio a due marce per quel che mi riguarda. La pantomima della diffidenza verso i nuovi incontri, inizia a stancare un pochino. Ok, è un mondo difficile, è chiaro che non puoi fidarti, ma se ogni volta che incontrano qualcuno si deve perdere dello screentime a reiterare i medesimi argomenti, allora significa che non sanno dove andare a parare. Per quel che mi riguarda ogni volta che mettono in scena la neonata e le emozioni ad essa legate, io mi commuovo, ma non faccio testo. Buono quindi per me sia il rientro di Carol (personaggio sul quale ho molte aspettative) e il momento tra Rick e il figlio.
    Michonne, è chiaro ormai, dà il meglio di se nelle scene fisiche, per cui probabilmente il suo personaggio, sacrificato in panchina a inizio stagione potrà tornare alla ribalta nel mid-season finale, che si preannuncia interessante.
    Per quel che mi riguarda tutta la parte dell’esperimento del Dottore a Woodbury è screentime gettato alle ortiche, dato che non aggiunge nulla a quello che sapevamo già o avevamo già visto. Capisco l’idea di base di fare un bel reset degli errori passati con questa stagione, ma non possiamo fare finta, come ha fatto giustamente notare @ Maurizio, che il CDC e tutto quello che abbiamo imparato fin’ora non sia mai esistito. Sono molto deluso dagli esperimenti di Woodbury per il momento, ci avevano stuzzicato mostrandoci teste in salamoia, e bambine zombie e nulla. Capisco che serviranno più avanti, ma allora chiamiamo le cose col loro nome. Le scene del dottore in questo episodio sono un mero riempitivo, noioso per di più. Già meglio quando come riempitivo ci mettono una classica aggressione zombie, con uccisione di vecchio eremita pazzo e pasto per gli zombie.

    Per quel che riguarda il piatto forte dell’episodio, ovvero gli interrogatori a Woodbury, andiamo decisamente meglio. Situazione interessante, personaggi giusti. La scena di Glenn che lotta con lo zombie è figa assai, forse il miglior combattimento di tutto il serial fin’ora. Bene anche la tortura psicologica su Maggie.

    Anche se, concedetemelo, ho come la sensazione che uno dei maggiori problemi di TWD sia quello di non avere mai il coraggio di spingersi davvero all’estremo.
    Lasciamo perdere che le tette di Maggie potevano anche mostrarle, non solo per il piacere di noi che apprezziamo (lato comunque da non sottovalutare), ma anche per una questione di coerenza con la gravità della situazione. Ma per l’accennato stupro secondo me si sono persi una possibilità importante, sono del parere che (pur volendo bene a Maggie e Glenn), se il Governatore l’avesse davvero violentata, le emozioni in gioco ora sarebbero ancora più alte. E il Gov. diventerebbe finalmente un villain degno di rispetto.
    Per me un serial horror che parla di apocalisse in terra, e aspira a trattare temi tosti come l’”homo homini lupus” e la degenerazione della società civile, non dovrebbe avere paura di fermarsi davanti a nulla. L’accennato stupro mi è parso invece un tirarsi un passo indietro.
    Se poi qualcuno è convinto del contrario ed è in grado di spiegare perché invece sia stato meglio così sono pronto a farmi convincere.

    Finale bene, in tensione.

  32. Martolina scrive:

    Quoto in pieno @TitoLivio, anche per quanto riguarda il fatto che il buonismo ha decisamente storpiato un capolavoro (io sono leggenda)!!!!
    La bellezza di TWD sta, secondo me, proprio nel fatto che non si parli e non si pensi alla questione, banale, della cura…che a mio parere e’ stata chiusa e archiviata definitivamente con la figura dello scienziato che si fa saltare in aria nella seconda stagione!
    L’episodio mi e’ piaciuto tantissimo, infatti e’ sembrato durare 12 minuti..
    Concordo con @winstonsmith sul personaggio di Carl..e’ utile al gruppo e spero sia abbastanza pronto quando qualcuno, in assenza di Rick e co, cerchera’ di espugnare la prigione…
    Michonne non ha detto a Daryl di suo fratello Merl…penso lo abbia fatto appositamente…forse, come diceva qualcuno, vuole liberare Andrea che nel frattempo ha avuto un crollo e nel governatore ha trovato sicurezza!
    Non vedo l’ora di vedere il prossimo…anche perche’ poi ci sara’ da aspettare…!!!

  33. Ric_Rohmer scrive:

    @ Martolina:
    No Martolina, non si tratta di buonismo, cosa c’entra?
    Se gli uomini non cercano perennemente una soluzione non sono uomini; sarebbe la fine per una trasmissione, immaginare che dovranno solo sventrare cervelli di zombi e guardarsi in cagnesco l’ul l’altro i vivi.
    Lavora l’idea di una speranza, di una ricerca, di una possibilità.
    Forse la piccola Judith rappresenterà una speranza, e poi, il mondo non è solo la prigione e la città.
    Carl, ribadisco, è uno stronzetto insopportabile, è ovvio, volutamente disegnato così.

  34. Filo scrive:

    e improvvisamente dopo questa puntata lo sveglio Milton passa in testa alla mia lista di “chi sarà il prossimo ad essere mangiato vivo?”.
    bella puntata e bel finale.

  35. Martolina scrive:

    @Ric_Rohmer

    Il buonismo non riguarda il fatto che l’uomo cerchi continuamente soluzioni…piuttosto che si debba sempre, per forza, TROVARE una soluzione/cura rendendo cosi’ banali e scontati film o serie tv che, invece, hanno fascino e seguito proprio perche’ trattano una cruda realta’

  36. TitoLivio scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Il buonismo sarebbe quello degli sceneggiatori, che dovrebbero dare una speranza e una redenzione all’umanità (come il film che citavo) perchè… è brutto uccidere i bambini in tv, per tornare alla discussione di settimana scorsa. Perchè è brutto raccontare una storia che non finisce “bene”. Perchè il lieto fine fa contenti più spettatori di quelli che delude. Perchè biosgna far passare che filosoficamente l’uomo è superiore alla bestia, la quale cerca per istinto di sopravvivere. Perchè… sceglilo tu, un perchè qualunque.

    Qualche volta, nella vita vera, semplicemente non c’è più niente da fare.
    Vorrei che TWD raccontasse una storia di questo tipo, dove non resta che adattarsi al mondo e dove l’uomo non ha il potere supremo di fare quello che vuole al “destino”. Anche se una storia di questo tipo non è rassicurante per il pubblico.

  37. Vete scrive:

    Sottoscrivo la recensione ed i commenti ed aggiungo che effettivamente l’unica variabile ancora non svelata è quella della morte di un nato di seconda generazione.
    Sarebbe interessante vedere morire “ass kicking” (judith?) per capire se sia o meno immune dal virus/malattia che ha colpito tutti gli altri.
    La stessa curiosità per via delle vicende che han portato Rick a non trasformarsi ( il suo stato di coma ) l’ho sempre avuta anche sul protagonista. Mi aspetto un prossimo episodio col botto

  38. marty scrive:

    winston smith ha scritto:

    Non riesco davvero a comprendere come mai certe persone su questo sito considerino Carl (e qui cito testualmente) “uno stronzetto”: ha una mira infallibile (anche da quaranta metri utilizzando una semplice pistola), vuole proteggere il gruppo e non esita ad agire personalmente e prendere in mano la situazione se necessario. Vi sta antipatico solo perché un bambino non dovrebbe essere così in realtà? Primo: non siamo nel mondo reale, ma in una serie post-apocalittica; secondo: cosa mi dite dei bambini-soldato in Africa? Per quanto mi pianga il cuore al solo pensiero che ci siano bambini privati della gioia di crescere, purtroppo il fenomeno esiste. E non è nemmeno minimamente paragonabile alla situazione di TWD, in cui gli zombies cercano di mangiarti vivo ogni volta che ne hanno la possibilità; ergo chiunque è in grado di impugnare con successo un’arma faccia la sua parte.

    non ti sovviene che potrebbe trattarsi di mera antipatia basata sul suo essere fastidioso, fuoriluogo, montato e, ultimo ma non ultimo, perennemente cappellomunito?

  39. Maurizio scrive:

    @ massi:
    Condivido pienamente le riflessioni di Massi e anche a me il “mancato stupro di Maggie” mi é sembrato un tirarsi indietro degli scenegiatori, forse timorosi di disgustare troppo gli spettatori (beh…,..ormai sangue, interiora e cervella che saltano non fanno piú impressione a nesuno!!).

    Forse peró potrebbe essere anche una maniera per dare al Governatore una personalitá ambigua. Da un lato spietato e sadico (vedi l’imboscata ed il massacro dei militari e la collezione di teste), dall’altro dolce e affettuoso (per esempio con Andrea e con la figlia/zombie) e chissá forse anche con un minimo di sensibilitá risparmiando Maggie dallo stupro.
    Comunque é ancora molto diverso dal Governatore del fumetto che invece é un grandissimo bastardo!

    Infine riguardo la scoperta di una cura contro l’epidemia,…beh,…non ci credo molto, ma ogni cosa é destinata a finire, anche le serie TV. Quindi prima o poi si dovranno inventare qualcosa!
    Ma questo non significa per forza che debba essere un lieto fine tipo “Io sono leggenda”.
    Magari finisce tutto con un lancio di missili nucleari sulla terra per farla finita una volta e per tutte!!

    Io non escluderei la possibilitá che gli zombie con il passare del tempo si decompongano come ogni organismo. Milton, qualche puntata fá, aveva detto al Governatore che anche gli zombie muoiono, ma che lo fanno in maniera piu lenta. Essendo giá morti interpreto il “morire’ con “consumarsi/decomporsi”.
    Ma ok, questa é una mia teoria.

    Vabbé vedremo,..basta che non se ne escano con qualche cazzata tipo: é stato solo un incubo di massa”!!!

  40. winston smith scrive:

    marty ha scritto:

    non ti sovviene che potrebbe trattarsi di mera antipatia basata sul suo essere fastidioso, fuoriluogo, montato e, ultimo ma non ultimo, perennemente cappellomunito?

    Non uno dei termini da te menzionati è sinonimo di “stronzo” (riferito a una persona) che io sappia. Tra l’altro, dare per oggettivo, come fa Ric_Rohmer, che gli autori vogliano dare questa impressione del personaggio, quando oggettivamente, insieme a Rick e Daryl, è l’elemento più utile e attivo del gruppo, quello sì, che mi sembra da persone fastidiose e montate.
    Io ho riportato dati oggettivi estrapolati dalla serie. Dimmi (prendendo gli episodi della terza stagione come oggetto d’analisi, perché come avrai notato anche tu c’è stato un reboot dei personaggi e della serie tutta a partire da quest’anno) dove, quando e perché Carl è fastidioso, fuoriluogo e “montato”. Quando trova da solo l’infermeria della prigione con tanto di medicinali? Quando prende in mano la situazione e salva Michonne mentre il padre resta a guardare come uno stoccafisso? Quando si prende cura della sorellina appena nata?
    Che indossi sempre il cappello è un dato di fatto, ma onestamente mi sembra eccessivo odiare un personaggio per così poco (tenendo conto dei soli episodi della terza stagione per via del succitato reboot, visto che tranne Daryl non c’è un personaggio che sia uguale a come è stato presentato nelle prime due annate dello show).

  41. billy scrive:

    anch’io ho rivalutato carl, poi si potrebbe discutere sulle doti recitative dell’attore, ma il personaggio è cresciuto molto e i tempi del “WHERE IS CARL”?! sono andati.
    bellissima la scena del ritorno di carol, e concordo sul fatto che abbiano di proposito limitato la cattiveria del governor nella scena con maggie; non è che dovesse per forza stuprarla, poteva anche “semplicemente” riempirla di botte.
    tutto sommato il personaggio del governor mi piace, e non si può dire che non sia malvagio.
    staremo a vedere cosa succederà nell’ottavo episodio

  42. winston smith scrive:

    La AMC non ha la libertà di mostrare nudi. Lo ha dichiarato Matthew Weiner (creatore di Mad Men) in una intervista qualche anno fa. Ecco il perché del tentato (e non effettivo) stupro ai danni di Maggie da parte del Governor e delle mani della ragazza impegnate nel coprire il seno per tutto il tempo. Non siamo sulla HBO, gente.

  43. massi scrive:

    @ winston smith:
    ok, questa non la sapevo. comunque non toglie che la scena poteva andare fino in fondo. ma magari ci sono politiche di rete anche li.

  44. winston smith scrive:

    @ massi:
    Sono perfettamente d’accordo con te. Cercavo solo di spiegare a chi non lo sa (e non è una colpa non saperlo) che sulla AMC scene così crude come lo può essere quella che rappresenta uno stupro non le vedremo allo stato attuale delle cose (eppure mostrano bambini avvelenati su Breaking Bad, mariti infedeli su Mad Men e teste mozzate su TWD). Bisogna farsene una ragione.

  45. franz scrive:

    massi ha scritto:

    Episodio a due marce per quel che mi riguarda. La pantomima della diffidenza verso i nuovi incontri, inizia a stancare un pochino. Ok, è un mondo difficile, è chiaro che non puoi fidarti, ma se ogni volta che incontrano qualcuno si deve perdere dello screentime a reiterare i medesimi argomenti, allora significa che non sanno dove andare a parare.

    Per quel che riguarda il piatto forte dell’episodio, ovvero gli interrogatori a Woodbury, andiamo decisamente meglio. Situazione interessante, personaggi giusti. La scena di Glenn che lotta con lo zombie è figa assai, forse il miglior combattimento di tutto il serial fin’ora. Bene anche la tortura psicologica su Maggie.
    Anche se, concedetemelo, ho come la sensazione che uno dei maggiori problemi di TWD sia quello di non avere mai il coraggio di spingersi davvero all’estremo.
    Lasciamo perdere che le tette di Maggie potevano anche mostrarle, non solo per il piacere di noi che apprezziamo (lato comunque da non sottovalutare), ma anche per una questione di coerenza con la gravità della situazione. Ma per l’accennato stupro secondo me si sono persi una possibilità importante, sono del parere che (pur volendo bene a Maggie e Glenn), se il Governatore l’avesse davvero violentata, le emozioni in gioco ora sarebbero ancora più alte. E il Gov. diventerebbe finalmente un villain degno di rispetto.
    Per me un serial horror che parla di apocalisse in terra, e aspira a trattare temi tosti come l’”homo homini lupus” e la degenerazione della società civile, non dovrebbe avere paura di fermarsi davanti a nulla. L’accennato stupro mi è parso invece un tirarsi un passo indietro.
    Se poi qualcuno è convinto del contrario ed è in grado di spiegare perché invece sia stato meglio così sono pronto a farmi convincere.
    Finale bene, in tensione.

    Concordo pienamente su Maggie, non avrei saputo dire di meglio. E’ proprio questo a non essermi piaciuto della sua tortura, così come è stata messa in scena mi è parsa per nulla incisiva, oserei dire superflua. Che senso aveva fermarsi, a quel punto? Anche senza essere stata umiliata a costretta a spogliarsi Maggie avrebbe parlato comunque, perché temeva per la vita di Glenn.
    Sulla questione fidarsi-non fidarsi hai sicuramente ragione, dire e fare sempre le stesse cose è ripetitivo e noioso. Però questa volta ho trovato che, al contrario, si siano fidati troppo e subito. Alla fine non sanno nulla di Michonne o di Woodbury e lei non è nemmeno così degna di fiducia. Li giustifico solo per la preoccupazione, anche se hanno lasciato la prigiona quasi completamente incustodita.

  46. winston smith scrive:

    Io, da sceneggiatore, ad esempio, avrei lasciato velatamente intuire allo spettatore che lo stupro è stato perpetrato ai danni di Maggie, ma non lo avrei mai mostrato (e per ragioni di politica di rete e perché non me la sarei sentita io per primo di assistere ad un’azione così violenta e deplorevole).

  47. Mimmo scrive:

    Ma vi immaginate se fosse tutto un sogno di Rick in coma???
    So che non è possibile in quanto quello che accade nella cittadina è “staccato” dagli episodi personali del nostro sceriffo (quindi. se davvero fosse tutto un suo sogno, dovrebbe essere presente in ogni ambiente), ma sarebbe davvero un finale, come dire: proprio del cavolo!!!
    Comunque, mi dispiace per coloro che hanno letto il fumetto: non sapere cosa accadrà e dover aspettare ogni puntata per scoprirlo, è davvero uno spasso!!

  48. massi scrive:

    @ winston smith:
    assolutamente. forse mi sono spiegato male. quando intendo andare fino in fondo ovviamente non escludo l’uso della regia per lasciare off camera alcuni passaggi magari rischiosi per le politiche di canale sulle immagini esplicite, ma trasmettere comunque allo spettatore la sensazione di barbarie che può dare l’infangare il rapporto tra Maggie e Glenn.
    In fondo Carl che spara alla madre l’hanno lasciato off camera, e ti dirò: essendo un po’ “old school”, ritengo che il non visto in questi casi colpisca emotivamente di più dell’esplicito.

  49. massi scrive:

    @ franz:
    Mi pare evidente che la nuova linea Mazzara (comunque vincente sul confronto con Darabont), lascia un po’ in secondo piano la credibilità e le sottigliezze di scrittura. Tutto il ricongiungimento tra le due storyline se ci pensi bene è frettoloso. Dall’incontro con Merle, a Michonne che trova la prigione, al suo diventare guida scout per raggiungere Woodbury.
    E pensare che, per me, non è nemmeno una questione di tempo, che tanto lo screentime da tre episodi a sta parte lo stanno di nuovo riempiendo di puttanate (telefoni, esperimenti a cazzo di cane, flirtaggi vari).

  50. winston smith scrive:

    @ massi:
    E, ancora, sono perfettamente d’accordo con te. :D

  51. Martolina scrive:

    Comunque per quanto riguarda Carl…mi sembra di ricordare che il cappello sia stato un regalo (nella seconda stagione..non ricordo se da parte del padre o Shane) quindi ritengo abbia un valore affettivo.
    E’ normale che lo indossi sempre…date le circostanze.
    Per lo stupro anche io sono rimasta “delusa” dal fatto che non siano andati fino in fondo…pero’, pensandoci, potrebbe essere stata una scelta, umana, del governatore…che ci dice qualcosa in piu’ sul personaggio ( in fondo anche lui ha/aveva una figlia)…Solo perche’ e’ catalogato come “cattivo” non e’ detto che debba per forza fare cose “cattive”

  52. Maurizio scrive:

    @ Mimmo:
    He si,…un finale tipo sogno/incubo di Ric kin coma sarebbe una presa per il c…!!

  53. asd scrive:

    Mimmo ha scritto:

    Comunque, mi dispiace per coloro che hanno letto il fumetto: non sapere cosa accadrà e dover aspettare ogni puntata per scoprirlo, è davvero uno spasso!!

    niente di cui dispiacersi invece, sono proprio 2 cose diverse, con personaggi diversi, trama diversa e mood diverso
    ché infatti la domanda è: ma se io AMC non posso far vedere tette, violenza ecc. cosa ho comprato a fare i diritti di Walking Dead?
    vabbè, considerazioni generali a parte l’episodio non è stato male, resta sempre la sensazione che TWD non realizzi mai appieno le sue potenzialità

  54. winston smith scrive:

    asd ha scritto:

    niente di cui dispiacersi invece, sono proprio 2 cose diverse, con personaggi diversi, trama diversa e mood diverso
    ché infatti la domanda è: ma se io AMC non posso far vedere tette, violenza ecc. cosa ho comprato a fare i diritti di Walking Dead?
    vabbè, considerazioni generali a parte l’episodio non è stato male, resta sempre la sensazione che TWD non realizzi mai appieno le sue potenzialità

    Risposta divertita: totalizziamo 15 milioni di spettatori ad episodio solo negli U.S.A., quindi vienimi a dire che abbiamo fatto male ad acquistare i diritti di TWD!
    Risposta seria: non riusciamo difatti a realizzare a pieno le potenzialità che il prodotto di base offre, ma questo non lo nota chi non conosce il fumetto (e ti assicuro che sono la maggior parte), ergo “chissene”. Il nostro compito l’abbiamo realizzato alla grande conquistando una fetta di mercato enorme. Il nostro non è un prodotto di nicchia con violenza, parolacce (non ci sono se ci fai caso) e stupri. Il nostro è un prodotto mainstream che può vedere tutta la famiglia con la convinzione di conoscere il vero horror. Sebbene di tutto si tratti fuorché di horror.
    Ti sei risposto da solo, in pratica, caro asd.

  55. TitoLivio scrive:

    @ asd:
    Quoto la tua descrizione delle differenze tra show e fumetto. Sono proprio due cose diverse. Diversissime

  56. Maurizio scrive:

    @ massi:
    @ winston smith:
    assolutamente. forse mi sono spiegato male. quando intendo andare fino in fondo ovviamente non escludo l’uso della regia per lasciare off camera alcuni passaggi magari rischiosi per le politiche di canale sulle immagini esplicite, ma trasmettere comunque allo spettatore la sensazione di barbarie che può dare l’infangare il rapporto tra Maggie e Glenn.
    In fondo Carl che spara alla madre l’hanno lasciato off camera, e ti dirò: essendo un po’ “old school”, ritengo che il non visto in questi casi colpisca emotivamente di più dell’esplicito.

    Anche su questo pienamente d’accordo!!

  57. asd scrive:

    @ winston smith:
    ho capito, fa i numeri ma allora non accetto più critiche a Gli occhi del cuore, che 15 milioni di spettatori li faceva in Italia :-D
    scherzi a parte, bisogna capirsi: siamo qui per parlare delle serie TV in base agli ascolti o in base ad altri criteri?

  58. dory scrive:

    sulla questione delle scene con Maggie, a parte le politiche dell’AMC, ma fermatevi un attimo a pensare che ci sono molte donne che vedono questa serie.
    ora, non so le altre, ma tutta quella scena per me è stata un pugno allo stomaco, molto più che non Glenn nell’altra stanza.
    quindi non credo che a portarla oltre sarebbe stata più vera o più efficace, solo morbosa. è un momento angosciante, lividi o tette da fuori l’avrebbero resa invece molto più banale.

    riguardo Carl, già lo scorso episodio avevo fatto un elenco del perchè non mi va. non uso il termine stronzo, perchè non è calzante, ma insomma per me non è un personaggio realistico, soprattutto se rapportato agli altri della serie. e come recitazione non vale un granchè.

  59. asd scrive:

    @ dory:
    banalmente, siamo maschi e ci piace vedere le donne nude (come diceva quello là in Coupling)
    e da maschio dico che non puoi farmi vedere una bella ragazza che si toglie il reggiseno senza poi farmi vedere cosa c’è sotto il reggiseno, non puoi stuzzicarmi senza darmi anche la soddisfazione (sennò appunto resto insoddisfatto)
    forse potevano anche giocarsela in modo diverso: inquadratura prolungata su Glenn che sente Maggie urlare nell’altra stanza, tensione e paura sul suo viso, stacco, entra il Governatore che gliela riconsegna con indosso solo l’intimo (magari coi vestiti strappati macchiati di sangue), oddio, cos’è successo, cosa gli avrà fatto, cosa non gli avrà fatto, così è stato proprio un giocare con le ghiandole di noi maschietti ;-)

  60. Vi ricordo di evitare di fare confronti diretti con avvenimenti del fumetto che possono ancora verificarsi. Perché sì, sarebbe spoiler e in quel caso ci troveremmo costretti a cancellare il commento. Se volete discutere più liberamente delle differenze tra fumetto e serie tv c’è il nostro forum dove poter parlare in libertà.

  61. Ric_Rohmer scrive:

    dory ha scritto:

    sulla questione delle scene con Maggie, a parte le politiche dell’AMC, ma fermatevi un attimo a pensare che ci sono molte donne che vedono questa serie.
    ora, non so le altre, ma tutta quella scena per me è stata un pugno allo stomaco, molto più che non Glenn nell’altra stanza.
    quindi non credo che a portarla oltre sarebbe stata più vera o più efficace, solo morbosa. è un momento angosciante, lividi o tette da fuori l’avrebbero resa invece molto più banale.
    riguardo Carl, già lo scorso episodio avevo fatto un elenco del perchè non mi va. non uso il termine stronzo, perchè non è calzante, ma insomma per me non è un personaggio realistico, soprattutto se rapportato agli altri della serie. e come recitazione non vale un granchè.

    Non è solidarietà di genere, ma la scena della violenza a Maggie è durissima, non occorreva andare oltre e lascia il personaggio del governatore in un nebbia di ambiguità; è comunque un malvagio, con la sua storia, un sadico, ma non uno stupratore.
    Tornando a Carl, stronzo o non stronzo, il fatto che recita da cani, che ha la faccia inespressiva, che fa antipatia a quasi tutti, mi pare chiaro sia una scelta editoriale.
    Se qualche anima tenera immagina sia utile a proteggere il gruppo….puah! idiozie, qualcuno dovrà sempre proteggere lui, da se stesso!

  62. franz scrive:

    a me sta bene che il Governor non sia uno stupratore, ok. Ma allora perché farla spogliare? Solo per spaventarla? Mi è sembrato di poco impatto.

  63. massi scrive:

    @ dory:
    Personalmente non credo che la sensibilità rispetto ad un evento on screen, possa essere catalogata con il sesso dello spettatore.
    @ Ric_Rohmer:
    La nebbia di ambiguità sul Governatore l’hanno spazzata al secondo episodio mostrandoci prima la strage dei militari e poi le teste negli acquari. Cercare di riabilitarlo ora mi pare un pochino fuori tempo massimo.
    Per questo la sua tortura su Maggie l’ho trovata “blanda” e fuori personaggio. Il Governatore è uno spietato freddo folle figlio di puttana. Sapendo che i due piccioncini sono dello stesso gruppo di Andrea non può certo permettersi di lasciarli in vita, a meno che non stia già sospettando di dover presto scambiare dei prigionieri, ma sarebbe poco logico.

    Mi pare evidente che il turno di Maggie e Glenn non sia ancora arrivato. E ci può anche stare. Però ammetto che avrei avuto un masochistico piacere da spettatore di vedere come avrebbero reagito ad una violenza subita da Maggie. Come coppia.@ Ric_Rohmer:

  64. Liz scrive:

    dory ha scritto:

    sulla questione delle scene con Maggie, a parte le politiche dell’AMC, ma fermatevi un attimo a pensare che ci sono molte donne che vedono questa serie.
    ora, non so le altre, ma tutta quella scena per me è stata un pugno allo stomaco, molto più che non Glenn nell’altra stanza.
    quindi non credo che a portarla oltre sarebbe stata più vera o più efficace, solo morbosa. è un momento angosciante, lividi o tette da fuori l’avrebbero resa invece molto più banale.

    Vangelo.

  65. Martolina scrive:

    Anche io spero che quella specie di scienziato muoia subito e nel peggiore dei modi…pensava che lo zombi si comportasse come uno dei cani di Pavlov!…. se no ci fosse stata Andrea il signor Coleman, appena zombizzato, gli staccava la faccia..aveva anche la dentiera :) :)

  66. billy scrive:

    winston smith ha scritto:

    La AMC non ha la libertà di mostrare nudi. Lo ha dichiarato Matthew Weiner (creatore di Mad Men) in una intervista qualche anno fa. Ecco il perché del tentato (e non effettivo) stupro ai danni di Maggie da parte del Governor e delle mani della ragazza impegnate nel coprire il seno per tutto il tempo. Non siamo sulla HBO, gente.

    haha quoto.. mi viene in mente una frase sentita su madtv: HBO: its not television, its porn (facevano la parodia di sex and the city9

  67. manq scrive:

    Una scena simile, concettualmente, a quella di Maggie c’è in “Diaz – don’t clean up this blood”. In nessuno dei due casi avviene lo stupro (inteso come atto sessuale forzato), ma è innegabile il secondo abbia un impatto decisamente più violento su chi guarda.
    Non credo questo sia dovuto alla sola visione del corpo nudo, ma proprio alla messa in scena del tutto.
    Ora, credo non si potesse montare una scena così forte dentro una serie come TWD, quindi smussare un po’ era necessario. Però forse per come l’hanno costruita il messaggio arriva un po’ troppo smorzato.
    Forse un pochino oltre si sarebbe potuti andare, tette o non tette.

  68. Ric_Rohmer scrive:

    @ manq:
    Non c’entrano le tette, esercitare il potere con richieste ed ordini secchi, ordinare di spogliarsi, cancella la dignità, ti mette a nudo togliendoti umanità, lacerandoti l’anima; in questo senso le ordina di spogliarsi, non per vederle le tette; non mi pare il pensiero fisso del governatore.
    Sorprende che in tanti post, ancora alludete alla violenza sessuale.

  69. winston smith scrive:

    @ manq:
    Bravo, hai centrato il punto. Non si tratta di “tette o non tette”: si possono trattare certe tematiche senza risultare espliciti e sgradevoli (si parla comunque di finzione narrativa, non dimentichiamolo). Si tratta di avere il coraggio di andare fino in fondo rimanendo coerenti con quanto si è costruito prima o non averlo. O averlo, ma rimettendosi a politiche di rete. Qui, però, si sfocia in un altra discussione, di cui TWD rappresenta solo un esempio fra i tanti. ;)

  70. manq scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Io davvero non capisco se scrivo in una lingua incomprensibile o se ormai lo sport è rispondermi senza leggere.

  71. Ric_Rohmer scrive:

    @ manq:
    Scusami, sono caduta in errore, non intendevo rispondere al tuo post, che peraltro non avevo letto.

  72. jackson1966 scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Scusa, potresti, se non ti è di disturbo, dire sempre che Carl non “piace a tutti” , che per “tutti” è stronzo”, che “sicuramente” gli sceneggiatori hanno fatto apposta per farlo apparire così per “tutti”: perchè nei “tutti” ci dovrei essere anch’io e, come sai, non sono per niente d’accordo con te su Carl (e, per favore, distinguiamo bene dal Carl “attore” al Carl “personaggio”, Se un attore, per te, non è bravo non significa che il suo personaggio sia schifoso) Il cappello lo porta perchè era una cosa molto preziosa di suo padre (rappresentava l’ultimo legame con il suo “essere un uomo di legge” nel vecchio senso del termine) che gli ha regalato un po’ come passaggio dall’essere bambino all’essere l’uomo che in questo mondo devi essere. Siccome Carl è ancora un bambino lo usa come simbolo di questo passaggio di consegne. Anch’io ho un anello che mi ha regalato mio fratello (che purtroppo non c’è più) e lo considero “mio fratello” nel senso del simbolo della sua presenza sempre con me. Magari rivedersi un po’ la tanto vituperata 2 stagione con l’approfondimento psicologico dei personaggi potrebbe funzionare.

    Su Michonne e il fatto che non dica di Merle, mi spiace ma io ci vedo uno dei soliti buchi narrattvi e frettolosi della gestione Mazzara: se Michonne diceva a Daryl di Merle la tensione della sorpresa nel prossimo scontro e quindi la tensione del vedere Daryl chi sceglierà (su Merle purtroppo non ho dubbi: non vuole trovare Daryl per amore fraterno ma per vendetta) sarebbe crollata. Come al solito Mazzara (per il resto in gambissima) ha deciso che tanto, noi spettatori pensiamo solo ai combattimenti (o alle tette di Maggie LOL) e che quindi, non ce ne saremmo accorti (un po’ come il cadavere di Lori mangiato pezzo per pezzo fino ai denti, tranne il proiettile ovviamente). Ha un po’ questa mania di dare buchi narrativi per velocizzare il tutto. Come il Governatore che sa della prigione ma, siccome è in red zone (che cacchio è ancora non ci è dato saperlo se non , penso un posto particolarmente affollato di zombie) non la tocca (e via la cibo, medicine, ecc. per cui ha però ucciso i marines) perchè lo ha detto Merle. Merle che chiama Maggie “figlia del fattore” all’inizio puntata: che intuito cacchio!!
    E signori e signori la deficienza di Andrea (con la sua borsa della spesa che non lascia mai) sale a livelli miracolosi: in compenso caro @Massi e@asd vi hanno fatto vedere la parte migliore di Andrea ( il motivo per cui l’ha scelta il Governatore): il suo didietro quando si veste. Questo almeno ha giustificato i soldi che pagano per averla nello show in questa puntata: da donna vi dico: è proprio fatta bene!!!! Altro motivo per odiarla LOL
    A me la scena nella capanna mi ha fatto morire dal ridere: “chiamo la polizia” e “io sono un poliziotto” sono stati troppo esilaranti.
    Comunque certo gli zombie si autodistruggeranno essendo morti, ma lentamente e sono tantini. Tenuto conto che la gente continua a morire e ne arrivano quindi di “freschi” non vedo un futuro prossimo un mondo libero di zombie. Sulla cura posso solo dire “vade retro Satana”

  73. genio in bottiglia scrive:

    Scusate, ma a qualcuno è venuto in mente che il Governatore non ha alcuna intenzione di stuprare Maggie (ha appena passato una notte con la sua nuova morosa)? Gli serve di spaventarla e quello che fa, a quanto pare, funziona. Ben più della tortura del suo sottoposto psicolabile. C’è della gente, abbastanza vicina, che ha munizioni e skill. Lui vuole sapere dove si trovano. Ottiene il risultato. Non capisco perché avrebbe dovuto violentare la ragazza, per farlo.

  74. Ric_Rohmer scrive:

    @ manq:
    Però, adesso che ti leggo, non ho mica capito bene.

  75. Martolina scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    Non c’entrano le tette, esercitare il potere con richieste ed ordini secchi, ordinare di spogliarsi, cancella la dignità, ti mette a nudo togliendoti umanità, lacerandoti l’anima; in questo senso le ordina di spogliarsi, non per vederle le tette; non mi pare il pensiero fisso del governatore.
    Sorprende che in tanti post, ancora alludete alla violenza sessuale.

    Hai espresso in parole quello che e’ il mio pensiero…

  76. Ric_Rohmer scrive:

    @ Martolina:
    Grazie, mi sono sentita un po’ attaccata; poi quell’”asd” che vuole vedere le tette; forse ha sbagliato genere.
    E comunque concordo con
    @jackson; “da donna vi dico: è proprio fatta bene!!!! ”
    Non c’è nulla da obiettare.
    A proposito “Jackson”, mi sembrava di avere fatto pace.

  77. asd scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    poi quell’”asd” che vuole vedere le tette

    io sono contro l’ipocrisia
    non vuoi farmi vedere le tette? bene, ci sono tantissimi show (chessò Revenge o Pretty Little Liars), anche con attrici molto belle, che non lo fanno e non mi lamento mica
    quando cominci con i giochini vedo-non vedo, ti faccio vedere ma non ti faccio vedere, ti stuzzico, ti faccio vedere l’attrice nuda ma solo di schiena il gioco mi piace meno perché appunto lo trovo un tirare il sasso e nascondere la mano e mi viene da chiedermi “Tu show la stai mettendo sul sesso o no?”
    comunque non è una questione così seria, ho fatto anche il riferimento a Coupling (pensavo a questa scena http://www.youtube.com/watch?v=LJJnzyxKhLA), io personalmente non stavo attaccando nessuno

    jackson1966 ha scritto:

    in compenso caro @Massi e@asd vi hanno fatto vedere la parte migliore di Andrea ( il motivo per cui l’ha scelta il Governatore): il suo didietro quando si veste.

    scena senza necessità narrativa per la quale se fossimo in un anime si sarebbe già parlato di fanservice

  78. Martolina scrive:

    @ jackson1966:

    Infatti mi ricordavo che il cappello fosse un oggetto transizionale…mi autoelimino anche io dai “tutti” che odiano Carl ( che poi sarebbe interessante scoprire perche’ genera tanta accanita antipatia)…pero’ devo dire che siamo in pochissimi a non odiarlo e, personalmente, non per questo sono un’nima tenera,come dice @Ric_Rohner:)

    @Ric_Rohmer
    non puoi negare che Carl e’ utile, materialmente, al gruppo e penso che presto lo dimostrera’ ancora di piu’ perche’ e’ rimasto custode del carcere

  79. Questione tette è semplice: la AMC non può mostrarle, come non può fare altre cose (tipo usare la parola FUCK). Maggie non poteva comunque far vedere le tette perché sennò la AMC si beccava una denuncia. Ciao.

  80. jackson1966 scrive:

    @ Giovanni Di Giamberardino:
    Oddio, mi sembrava di avere letto in post precedenti che solo noi italiani siamo bigotti sulle donne “libere” in fatto di sesso e che gli americani non se ne facevano problemi!!! Ma guarda un po’ invece. Noi le tette le facciamo vedere in tutte le salse e a tutte le ore (non che approvi ma non me ne frega niente, in fondo sono donne “libere”)@ asd:
    L’hai tolta da contesto. Sono d’accordo con te sullo stupro, rispondevo ai tuoi ormoni insoddisfatti in maniera. sèperavo, divertente. Fiugurati per me Andrea ci si può anche strozzare con quelle mutandine di pizzo (di pizzo in un mondo zombie, va beh va!)

  81. Liz scrive:

    asd ha scritto:

    quando cominci con i giochini vedo-non vedo, ti faccio vedere ma non ti faccio vedere, ti stuzzico, ti faccio vedere l’attrice nuda ma solo di schiena il gioco mi piace meno perché appunto lo trovo un tirare il sasso e nascondere la mano e mi viene da chiedermi “Tu show la stai mettendo sul sesso o no?”

    A me onestamente però qui pare che il punto sia stato mancato completamente, perché mai una volta, nel guardare la scena, ho avuto anche solo la più vaga sensazione che lo show stesse “cercando di metterla sul sesso col vedo/non vedo”. Quella con Maggie protagonista era una scena incentrata sull’abuso di potere del carceriere sul proprio prigioniero. Non era una scena ammiccante, o sexy, o provocatoria. Tutto il dialogo del Governor con la ragazza, ed anche gli ordini che le impartisce, non erano tesi allo stupro, ma alla semplice umiliazione del costringere qualcuno a spogliarsi non perché la si vuole vedere nuda, ma perché lo si può fare. La posizione di potere del Governor rispetto a Maggie era di quel tipo: ti dico di spogliarti non per vederti nuda, non perché voglio violentarti, ma perché posso farlo, e quindi lo faccio, e quindi tu – che mi sei sottomessa – obbedisci.
    Poi, non so, se tu ci hai visto un tentativo dello show di “giocare con l’ormone maschile” col vedo/non vedo, le tue sensazioni sono legittime quanto le mie, ma io – pur essendo attratta anche dalle ragazze – non ho percepito questa sensazione neanche lontanamente, e pertanto sono abbastanza convinta di poter ascrivere questa tua sensazione ad una sensazione personale e non ad un’intenzione reale dello show.

  82. Ric_Rohmer scrive:

    @ Martolina:
    @ jackson1966
    Più seriamente volevo dire che non ci si può affidare ad un bambino per difendere il gruppo; se non sono proprio stupidi, prima o poi accadrà che il bimbo malcresciuto incontrerà l’orrore e allora qualcuno ci rimetterà la vita per salvarlo.
    Ripeto, dovranno mettergli alle calcagna gli angeli custodi per proteggerlo da se stesso.

  83. Ric_Rohmer scrive:

    @ Liz:
    Molto bene, Infatti, esercitare il potere vuol dire anche: lo posso fare se voglio, ma non voglio.

  84. Hieronimous Bosch scrive:

    scusate, ma solo a me ha fatto impressione lo sguardo di Merle quando esce dalla stanza per ultimo dopo il ricongiungimento di Maggie con Glenn?
    Anche perchè rimanendo sull’inquadratura si vede che Glenn sta fissando lo stesso Merle mentre tiene abbracciata la dolce metà, e lo sguardo del primo mi sembra addirittura uno sguardo come di non so, di ricerca di perdono o di sorpresa interiore in senso negativo o boh, c’è il termine esatto ma ora mi sfugge.
    Insomma, non mi sembra proprio lo sguardo che un cattivone farebbe con i suoi prigionieri dopo avergli estorto le risposte alle agognate domande.

    Non so.

  85. Gatta scrive:

    Questa volta appoggio Ric_Rohmer…scusate ma leggere delle “tette di asd” mi ha inquietato.semplicemente perchè si parla di tette che si sarebbero viste grazie ad uno stupro.
    Spero di aver capito male,capita.Ma lo spero davvero eh,DEVO aver capito male.Anche perchè in confronto il Governatore sarebbe un puro di pensieri.Certo,Maggie doveva scoprire i seni per sedare pruriti?Ma scherziamo?
    Basta il culetto ( bellissimo per altro ) di Andrea;ci sta,volendo.
    Lamentarsi perchè non si esplicitano certe scene è disgustoso.Liz l’ha spiegato meglio di me questo concetto.
    Non penso proprio che ci fosse un gioco voluto di ” vedo non vedo”,c’era solo una ragazza costretta a mostrarsi per salvare il suo uomo,che si aggrappava alla sua dignità.
    Chi cercava altro ( e ce ne sono,fatevi un giro sul web) mi lascia basita…

  86. Johnny scrive:

    Visto che un argomento molto gettonato sono le tette di Maggie, anche io mi sono posto un dubbio.

    Possibile che in una serie dove ci hanno fatto vedere senza riserve mutilazioni, amputazioni, bambini sparati, smembramento e hanno pure violato il tabù del “non far mai vedere il cadavere di un cane”, si facciano tutti questi problemi per mostrare un seno nudo?
    Intendiamoci: se uno vuole vedere due tette in tv, le cerca altrove, non certo in TWD. E di certo nessuno spera che TWD si infarcesca di corpi nudi in maniera gratuita. Quello che trovo forzato -e un po’ ridicolo- è la classica tecnica della telecamera che zooma o che ruota attorno la tizia che si sta levando il reggiseno….o quando Andrea usa il lenzuolo per coprirsi dopo l’amplesso….tutte scene che ti aspetti di vedere in una commedia degli anni 80 che cerca di evitare la censura.

  87. Johnny scrive:

    Gatta ha scritto:

    Lamentarsi perchè non si esplicitano certe scene è disgustoso.Liz l’ha spiegato meglio di me questo concetto.

    Nessuno si lamenta perchè non si vedono certe scene o certe parti del corpo, ma per il fatto che usano metodi alquanto goffi per farci vedere più pelle possibile, senza temere di incappare nella censura.
    La scena della violenza su Maggie era molto forte a prescindere dal reggiseno. Lasciaglielo addosso, piuttosto di farmi vedere la scena alle sue spalle SOLO quando se lo toglie.
    E giustamente qualcuno ha fatto notare l’inutilità di Andrea che si tira su i pantaloni solo per farci vedere il suo sedere (rigorosamente mutandato). Ripeto: se voglio vedere culi e tette, mi guardo Game Of Thrones.

  88. Martolina scrive:

    Ciao @Gatta! da quello che ho capito @asd parlava semplicemente di “vedo non vedo” che ti mette comunque curiosita’…(non mi e’ sembrato un discorso squallido o libidinoso):) io durante quella scena mi sono sentita molto a disagio per la situazione in cui si trovava Maggie…pero’, considerando che e’ una finzione, la sana curiosita’ di vedere il suo seno e’ venuta anche a me…poi ognuno ha la propria interpretazione…

    @Hieronimous Bosch
    Non ho fatto caso allo sguardo di Merl…pero’ ho pensato che volesse fare fuori Glenn per non far sapere al governatore dove si trova Daryl…ho quest’idea che lo vuole proteggere…

  89. Ragazzi, davvero. Lo ripeto perché cerco di portare la discussione avanti da questo empasse. LE TETTE SULLA AMC NON SI POSSONO MOSTRARE. Questo è il motivo principale per cui le tette di Maggie sono coperte. PERCHE’ LA AMC HA DELLE RESTRIZIONI CHE IMPEDISCONO DI MOSTRARE UN PAIO DI TETTE. Gli autori sono riusciti a fare di questa imposizione una scelta creativa, ma COMUNQUE NON AVREBBERO POTUTO.
    Viscere = SI’
    Tette = NO
    Contraddizioni della censura? Certamente, ma ora andiamo avanti con la discussione.

  90. asd scrive:

    mamma mia che casino ho tirato in piedi, non so se riderne o deprimermi visto che fra le righe mi si accusa pure di incitare allo stupro
    vabbè dai, il mio pensiero l’ho espresso a sufficienza, c’è chi come Johnny l’ha capito e chi no, cercherò di scrivere più chiaramente la prossima volta

  91. zos scrive:

    Hieronimous Bosch ha scritto:

    scusate, ma solo a me ha fatto impressione lo sguardo di Merle quando esce dalla stanza per ultimo dopo il ricongiungimento di Maggie con Glenn?
    Anche perchè rimanendo sull’inquadratura si vede che Glenn sta fissando lo stesso Merle mentre tiene abbracciata la dolce metà, e lo sguardo del primo mi sembra addirittura uno sguardo come di non so, di ricerca di perdono o di sorpresa interiore in senso negativo o boh, c’è il termine esatto ma ora mi sfugge.
    Insomma, non mi sembra proprio lo sguardo che un cattivone farebbe con i suoi prigionieri dopo avergli estorto le risposte alle agognate domande.
    Non so.

    No.
    Non sei il solo.
    Tra l’altro Merle,come giustamente lui stesso ricorda a Glenn,non aveva alcuna intenzione di minacciare nè lui nè Maggie e quando parlò con Andrea il primo giorno che giunse a Woodbury sembrava sinceramente dispiaciuto nell’apprendere della fine di alcuni componenti del gruppo.
    Credo che il nostro Merle sia un cattivo un pò particolare e che potrebbe riservarci qualche sopresa (d’altronde potrebbe accorgersi di essersi sbagliato su Rick,Glenn e soci e quello sguardo a cui ti riferisci lascia pensare che qualche dubbio stia cominciando ad averlo)

  92. Gatta scrive:

    @jhonny il tuo intervento l’ho compreso,e sinceramente parli di tutt’altro.È una questione di ( passami il termine ) bigottismo e regia un po’ faziosa quella a cui tu alludi,e posso comprendere.
    Ma perdonami,frasi come ( @ Martolina qui rispondo anche a te) ” così è giocare con le ghiandole di noi maschietti ” mi sembrano squallide( in quel contesto ).Altro che ” vedo e nn vedo che mette curiosità”.
    Io non avrò compreso il tuo messaggio,Asd,ma non permetterti di dire che qualcuno ti accusa di incitamentallo stupro.Se quel qualcuno sono io,l’hai fatta fuori dal vaso.
    Ho solo detto che,a mio avviso,hai espresso desideri non consoni al contesto di QUELLA scena.
    Infine,sei stato anche carino…ribadisco di farsi un giro sul web per vedere lo schifo che dicono di quella scena.Senza dietrologie eh…semplicemente ” potevano farci vedere la tetta”.
    Ah.
    Wow.
    Edit : Signor Di Giamberardino,ricevuto :) solo un semplice diritto di replica.
    The show must go on…

  93. luciano_manara scrive:

    Puntata un po’ troppo precipitosa para mi. La lotta tra glenn e lo zombie nel seminterrato è la cosa che mi è piaciuta di più.. davvero ben recitata, col nippo-boy sugli scudi. pollice in su x il maestro d’armi di twd. nota di demerito invece per il rumorista: la rete di un materasso deve produrre il classico “boing!?boing!!?” quando uno zombi ci si butta a peso.. morto.

    Sul sesso: a me sembrano tutti asessuati in quanto le pulsioni dei corpi vengono sublimate nella lotta contro gli erranti. Daryl è un esempio lampante di questa mia teoria: belloccio e maledetto al punto giusto farebbe impazzire donne a tutte le latitudini. ma lui più che una donna nel letto, vuole la sua balestra oliata e le sue frecce pulite e ben allineate nella faretra.
    le scene di sesso o inultilmente pruriginose – in questo tipo di serie – sono da tasto ffw.

  94. Martolina scrive:

    @ Gatta:
    errore mio…non avevo letto il commento sulle ghiandole dei maschietti.

  95. Johnny scrive:

    Hieronimous Bosch ha scritto:

    scusate, ma solo a me ha fatto impressione lo sguardo di Merle quando esce dalla stanza per ultimo dopo il ricongiungimento di Maggie con Glenn?
    Anche perchè rimanendo sull’inquadratura si vede che Glenn sta fissando lo stesso Merle mentre tiene abbracciata la dolce metà, e lo sguardo del primo mi sembra addirittura uno sguardo come di non so, di ricerca di perdono o di sorpresa interiore in senso negativo o boh, c’è il termine esatto ma ora mi sfugge.

    Sembra più uno sguardo del tipo “hai capito o no quanto è bastardo il tuo capo?”.
    Ma potrebbe anche essere “finchè ero legato, le ho prese…ma se ti becco, ti stacco pure l’altra mano”.
    Difficile capirlo.

    Quello che invece sembra più evidente è che Merle ora si troverà a dover scegliere una delle due fazioni. E, al di là del fratellino che lo aspetta, il fatto che il Governatore abbia utilizzato un metodo così squallido e umiliante su Maggie potrebbe anche aver fatto indispettire Merle. In fondo, neppure lui ha osato alzare un dito su Andrea, nonostante diverse allusioni nei suoi confronti.

  96. marty scrive:

    winston smith ha scritto:

    marty ha scritto:
    non ti sovviene che potrebbe trattarsi di mera antipatia basata sul suo essere fastidioso, fuoriluogo, montato e, ultimo ma non ultimo, perennemente cappellomunito?

    —————–

    Non uno dei termini da te menzionati è sinonimo di “stronzo” (riferito a una persona) che io sappia. Tra l’altro, dare per oggettivo, come fa Ric_Rohmer, che gli autori vogliano dare questa impressione del personaggio, quando oggettivamente, insieme a Rick e Daryl, è l’elemento più utile e attivo del gruppo, quello sì, che mi sembra da persone fastidiose e montate.
    Io ho riportato dati oggettivi estrapolati dalla serie. Dimmi (prendendo gli episodi della terza stagione come oggetto d’analisi, perché come avrai notato anche tu c’è stato un reboot dei personaggi e della serie tutta a partire da quest’anno) dove, quando e perché Carl è fastidioso, fuoriluogo e “montato”. Quando trova da solo l’infermeria della prigione con tanto di medicinali? Quando prende in mano la situazione e salva Michonne mentre il padre resta a guardare come uno stoccafisso? Quando si prende cura della sorellina appena nata?
    Che indossi sempre il cappello è un dato di fatto, ma onestamente mi sembra eccessivo odiare un personaggio per così poco (tenendo conto dei soli episodi della terza stagione per via del succitato reboot, visto che tranne Daryl non c’è un personaggio che sia uguale a come è stato presentato nelle prime due annate dello show).

    infatti non sono sinonimi, ma solo un insieme di aggettivi che descrivono quel fastidioso ragazzino.
    l’essere utile alla comunità che vedi tu non è in antitesi all’avventurarsi senza permesso e senza aiuto per dimostrarsi grande e all’altezza che vedo io.
    deryl e rick, grandi e grossi, a meno di momenti di follia da telefonata dall’aldilà cercano di muoversi in formazione, coprendosi le spalle e facendo gruppo ma lui no, lui è il maschietto di casa che gira per una prigione infestata manco fosse la sua tacita iniziazione…e a me non può rimanere il ”diritto” di aspettare solo che se lo pappino con veracia?

  97. winston smith scrive:

    marty ha scritto:

    e a me non può rimanere il ”diritto” di aspettare solo che se lo pappino con veracia?

    Sei libero di fare ciò che vuoi nei limiti della legge e dell’onestà intellettuale per ciò che mi riguarda, ma non spacciare per oggettivo ciò che oggettivo non è, perché così facendo rischi di passare per fastidioso e montato o, come diresti tu, “stronzo” (quest’ultima parte del periodo è una battuta – lo scrivo casomai te la dovessi prendere a male e dirmi che sono cattivo :D ). Come hanno dimostrato i commenti in questa discussione fino a questo momento, il NUOVO Carl (sul vecchio siamo tutti d’accordo XD) piace a molte più persone di quante lo vorrebbero divorato dagli zombies e solo due osano mettere in dubbio la sua utilità nei confronti del gruppo.
    Infine, non per infrangere i vostri sogni in maniera insensibile, ma se non l’avete ancora capito Carl è la ragione per cui il protagonista del serial, ovvero sceriffo Rick, continua a lottare anziché abbandonare ogni speranza. Pertanto, Rick e Carl possono eventualmente lasciarci solo in un series finale. Mettetevi l’animo in pace o continuate pure a lamentarvi del fato ingrato, ma in separata sede possibilmente, visto che leggere ogni settimana i soliti vaneggiamenti spacciati per verità assoluta (“Sì, gli autori vogliono che risulti antipatico!!!!”…WHAT!?) non è il massimo.
    Se un personaggio non vi piace ditelo e basta, non cercate di far passare la vostra per l’unica scelta possibile (e ancora, dire che gli autori scrivano il personaggio in modo da renderlo antipatico significa che o lo si odia o lo si odia, no matter what).
    Per intenderci, il Governor è un personaggio scritto in maniera che non si possa avere compassione alcuna per lui (cosa che a me personalmente non piace – preferisco i cattivi caratterizzati da una ambiguità di fondo, che lo sono per una certa ragione e con degli scopi precisi a quelli che sono cattivi per il gusto di esserlo come il caro Philippe).
    E con questo spero che l’argomento Carl sia chiuso per il momento, visto che con l’episodio in questione ha ben poco a che fare.

  98. marty scrive:

    oddio, a me risulta d’aver scritto oggi due soli messaggi in cui esprimo la mia…ehm..stima per il ragazzino ed il motivo per cui può risultare poco simpatico, non ho mai invocato verità oggettive nè mi risulta d’averlo definito stronzetto, per quanto tale lo ritenga… se devi battagliare su internet dovresti prender nota di chi ha detto cosa.

  99. manq scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Scusa, non ho più avuto tempo di risponderti. Il mio punto era che la scena di Meggie era volta a mostrare una violenza psicologica sulla vittima, più che sessuale. Una cosa analoga avviene anche nel film “Diaz”, ma con un risultato molto, molto più disturbante per chi guarda. Cosa che mi porta a valutare la seconda scena come “venuta meglio” rispetto a quella di TWD.
    Ecco, forse non arriverei a quel livello di violenza in una serie tv, ma penso che comunque tutto lo scambio Meggie/Governor potesse essere ripreso e messo in scena in modo più convincente. Mi è parso invece un po’ deboluccio, cosa di certo non dovuta all’assenza di nudo, ma più ad un freno a mano tiratissimo nella rappresentazione della sofferenza psicologica di Meggie in quel momento.
    Più chiaro? Spero di sì, ma non ne sono convinto… :P

  100. marty scrive:

    ecco, la scena della ragazza in questura su diaz è stata fortemente disturbante, in quell’istante ero fortemente turbata.. la scena di maggie mi ha tenuta incolata alla tv, ma non ugualemente provata.

  101. Dampyr scrive:

    Si salva solo il tanga (quello che conteneva in particolare) di Andrea..
    oltretutto di un bianco lindo e pinto… purtroppo il profumo vedendo la tv non si sente.. mah.
    Possibile (non ho letto i 90 e passa commenti.. chiedo scusa se già ne avete discusso) che il tutti quei mesi la ns guerriera ed Andrea non abbiano mai parlato di coloro con cui era vissuta?
    Non dico i nomi ma almeno come era formato il gruppo..
    invece ci fanno credere (spero) che la belvetta con la katana nulla sa di Rick&company.
    Per non parlare dell’unico scemo al mondo (guardacaso pronto al sacrificio) che non sa nulla di quello che sta accadendo fuori.

    Di solito sono di bocca buona…
    alcuni espedienti narrativi sono necessari.
    Stavolta hanno esagerato.

  102. Dampyr scrive:

    Dimenticavo..
    ha sentito anche Merle (Glenn) parlare di un fratello quando era nascosta e ferita.
    Non è possibile che passi.
    Hanno una sola possibilità per riscattarsi.. farci sapere che la belvetta con Katana sapeva chi fossero e che per qualche (assurdo) motivo tacesse.

  103. Mimmo scrive:

    Comunque, non so cosa ne pensate, il mio sogno sarebbe si una serie incentrata sugli zombie, ma strutturata in maniera totalmente differente!
    Una serie che racchiuda un arco temporale più breve, ma che non inizi ad apocalisse avvenuta, ma che anzi ne segua gli sviluppi!! Quindi più che un horror post-apocalittico, un horror “live-apocalittico”!
    Una serie che segua gli interi sviluppi dell’infezione: i primi contagi, la confusione che piano piano inizi a diffondersi tra la popolazione e i media che confusamente raccontano gli avvenimenti, la confusione di biologi e dottori che non sanno che pesci pigliare, il caos che pian piano inizia a regnare per le strade!! L’accerchiamento dei vivi che avviene poco alla volta, rendendo pia piano sempre più claustrofobico ogni luogo con il dilagarsi dell’infezione!!
    Una serie che ad ogni puntata ti fa appunto chiedere: ma che diavolo sta succedendo??
    Diciamo una rappresentazione sulla scia dei film di Romero, che però invece di concludersi dopo due ore, dura l’arco di qualche stagione!!
    Da amante degli zombie, è sempre stato questo che più mi ha colpito e fatto “paura”: il caos, la confusione e il mistero che pian piano crescono con il dilagarsi dell’infezione! In questo modo sicuramente sarebbero l’infezione e gli zombie a farla da padrone!!
    The walking dead è davvero una bella serie, ma gli zombie sono appunto un contorno per raccontare le vicende dei sopravvissuti ad una catastrofe! E per questo, da puro amante degli zombie, spero un giorno in una serie in cui la protagonista sia la “maledetta” infezione!! E solo quella! :-)

  104. massi scrive:

    manq ha scritto:

    @ Ric_Rohmer:
    Mi è parso invece un po’ deboluccio, cosa di certo non dovuta all’assenza di nudo, ma più ad un freno a mano tiratissimo nella rappresentazione della sofferenza psicologica di Meggie in quel momento.

    Concordo. E aggiungo che per quel che mi riguarda, il problema tette si è posto nella misura in cui ho trovato forzato il coprirsi di Maggie in relazione alla scena. Ma non sapevo dei limiti censura per AMC.
    Per quel che riguarda il mancato stupro, magari sono l’unico a pensarla così, ma il non portare il bluff fino in fondo mi è parso come un segno di debolezza da parte del Gov. Tutto qui.
    Oltre al fatto che un evento di questo genere avrebbe reso più interessante la love story tra Glenn e Maggie

  105. Beth scrive:

    Hahahah 80 commenti sulle tette. Vi adoro. Ragazzi, però, QUALI TETTE?! Maggie non è che sia proprio una maggiorata, anzi. Tuttavia io ho apprezzato molto la scena. Il pudore e l’incredulità di lei, lui che si toglie il cinturone..Credo che per una donna, mostrarsi nuda davanti ad uno sconosciuto, contro la propria volontà, consapevole di quello che sta per accadere, sia davvero più che sufficiente per stare male. Non è la violenza, quella che fa male, ma la vergogna, e la sofferenza di venire private di qualcosa, in questo caso la libertà di scelta. Lei si copre il seno, ma dice “fai pure”. Secondo me se lei si fosse mostrata nuda senza problemi, sarebbe stato molto meno ricco di pathos quel momento. .
    E infatti poi cede quando cercano di toglierle quello a cui tiene veramente (Glenn) e non quando vogliono violarla. Come dire “tengo più a te che a me”.

  106. marialice scrive:

    se volete vedere cosi tanto un paio di tette andate su youporn :D cmq puntata noiosa e inutile a parte la bellissima scena di glenn, che diventa sempre piùà tosto, e daryl che adoro sempre a prenscindere, spero che merle non gli faccia del male :(

  107. marialice scrive:

    @ Mimmo:
    concordo, a ogni puntata spero che spieghino come e perchè sia iniziato tutto ma niente..

  108. Martolina scrive:

    @Mimmo:

    Anche a me piacerebbe sapere di piu’ sull’origine e la propagazione dell’infezione…adoravo i flashback della prima e seconda stagione! Nelle terza non ci sono mai stati, ma sarebbe bello anche avere un piccolo accenno alla vita precedente dei personaggi (soprattutto Michonne, Daryl, il Governatore)…lo so che fa molto Lost ma io lo apprezzerei…:)

  109. dory scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    @ manq:
    Non c’entrano le tette, esercitare il potere con richieste ed ordini secchi, ordinare di spogliarsi, cancella la dignità, ti mette a nudo togliendoti umanità, lacerandoti l’anima; in questo senso le ordina di spogliarsi, non per vederle le tette; non mi pare il pensiero fisso del governatore.
    Sorprende che in tanti post, ancora alludete alla violenza sessuale.

    ecco, appunto. a chi ha parlato di uguale “reazione di genere” (scustae, non ricordo più chi) rispetto alla scena,ricordo che non è umanamente possibile viverla in modo uguale se maschi o se femmine. ci sono millenni di storia, usi, abusi e messaggi e leggi e altro sul corpo feminile, ne siamo imbevuti tutti e tutte, ci piaccia o meno.

    riguardo poi all’idea che gli autori abbiano giocato sugli ormoni maschili per noi negargli un paio di tette, per favore, siamo a TWD, non è quella la storia.

  110. jackson1966 scrive:

    @ Dampyr:
    E’ esattamente ciò che ho detto io: Mazzara crea troppi buchi narrativi per “tirare” la tensione alle stelle (se hai tempo rileggiti il mio commento perchè è onetsamente troppo lungo e, probabilmente, noioso da riscrivere)@ Ric_Rohmer:
    Certo che “abbiamo fatto pace”. Ma non significa che io debba essere d’accordo con tutto ciò che scrivi tu. Io faccio parte dei “tutti” e non la penso come te su Carl (come molti altri vedo)
    @ zos:
    Ma per favore: Merle è CATTIVO in tutto e per tutto (il Governatore secondo me è Cenerentola a suo confronto) e, porca miseria, ODIA DARYL come quest’ultimo continua a cercare di farci capire (ma sta benedetta 2 stagione nessuno se l’è cag. proprio?)

  111. Hieronimous Bosch scrive:

    JohnnySembra più uno sguardo del tipo “hai capito o no quanto è bastardo il tuo capo?”.
    Ma potrebbe anche essere “finchè ero legato, le ho prese…ma se ti becco, ti stacco pure l’altra mano”.
    Difficile capirlo.

    nono, intendevo lo sguardo di Merle, non di Glenn, la penso come zos in pratica.

    Boh, vedremo, chi può rivedere quella puntata in quella particolare scena credo che percepirà che effettivamente Merle stia virando… anche quando la scena dopo il governatore gli chiede con chi si schiererà è evidente che Merle risponde nel modo che il governatore voleva…
    Personalmente Merle mi sta sui cosiddetti dalla prima serie, ma temo che si redimerà in un qualche modo, anche se solitamente personaggi così si redimono giusto in tempo per fare una brutta fine a moh di sacrificio ed essere ricordati dai buoni come degli eroi. Vabbè.

  112. Martolina scrive:

    @jackson
    io la seconda stagione l’ho vista e amata..la situazione tra i due fratelli e’ stata descritta di piu’ dal punto di vista di Daryl…che “odia” il fratello maggiore ma che comunque lo ha cercato quando fu abbandonato sul tetto…Io ho avuto la netta impressione che Merl volesse proteggere Daryl dal governatore…e rivedendo la scena ho notato lo sguardo di Merl..mi e’ sembrato preoccupato del fatto che il governatore abbia saputo della prigione…Secondo me vuole una vendetta privata nei confronti di Rick e il suo gruppo, escludendo Daryl…

  113. Samedi scrive:

    Martolina ha scritto:

    Comunque per quanto riguarda Carl…mi sembra di ricordare che il cappello sia stato un regalo (nella seconda stagione..non ricordo se da parte del padre o Shane) quindi ritengo abbia un valore affettivo.
    E’ normale che lo indossi sempre…date le circostanze.
    Per lo stupro anche io sono rimasta “delusa” dal fatto che non siano andati fino in fondo…pero’, pensandoci, potrebbe essere stata una scelta, umana, del governatore…che ci dice qualcosa in piu’ sul personaggio ( in fondo anche lui ha/aveva una figlia)…Solo perche’ e’ catalogato come “cattivo” non e’ detto che debba per forza fare cose “cattive”

    Lo scopo del Governatore non era lo stupro, che è ben’altra cosa. Era l’umiliazione, il far tremare le gambe ad una che non avrebbe parlato con la prospettiva di una cosa orribile e da cui è difficile riprendersi senza strascichi emotivi. Si è dimostrato, ancora una volta, manipolatore e di dubbia morale, ma con una sorta di morale sua. Fosse stato descritto come un orrido stupratore e cattivo tout court senza alcun controllo, nessuno avrebbe creduto al Governatore che riesce ad abbindolare tutti i suoi adoranti cittadini. Insomma, ci vedo più quel pazzoide di Merle a fare certe cose per il gusto di farle. A questo proposito spero vivamente che Daryl si renda conto che suo fratello è solo una zavorra da cui deve liberarsi a tutti i costi perchè altrimenti potremo dire addio a due stagioni di evoluzione del personaggio.

  114. Vete scrive:

    Quando ho visto la scena di Maggie non ho potuto non pensare al quell’inpiù di sofferenza che stava provando legato alla sua educazione e formazione personale. Quando si è presentato il personaggio nella fattoria era quello della tipica ragazza che lottava per la sua emancipazione ma senza aver avuto molte occasioni per viverla. Per motivi diversi anche Glenn non brillava in esperienza vissuta. Non voglio dire che per alcune donne una situazione come quella sia più semplice da gestire di altre però, per lei, oltre alla paura della violenza e l’umiliazione c’era la forte componente di pudore, come dicevo proveniente dal contesto familiare e sociale in cui è vissuta.
    Rispetto a Carl personalmente non provo particolari sentimenti, ha una sola espressione che oscilla tra il triste e l’imbronciato, ma lentamente il personaggio a discapito dell’attore non particolarmente talentuoso cresce.

  115. franzecta scrive:

    Continuo a credere che la scena di Maggie sia stata poco incisiva, però leggere i vostri commenti mi ha fatto rivalutare le intenzioni degli autpri. Ripeto, disattese per quanto mi riguarda, ma sicuramente interessanti.

  116. Quincy scrive:

    Giovanni Di Giamberardino ha scritto:

    Questione tette è semplice: la AMC non può mostrarle, come non può fare altre cose (tipo usare la parola FUCK). Maggie non poteva comunque far vedere le tette perché sennò la AMC si beccava una denuncia. Ciao.

    Allora Breaking Bad ha una dispensa speciale: ”Fuck you, and your eyebrows!”
    E il flashback su Jesse e le escort è strapieno di tette :D

  117. ADRIANO scrive:

    e se la scena dello stupro fosse stata tra il governatore e andrea versione mano nel pacco a shane? io penso che a essere stuprato sarebbe stato il governatore……..!!! gran puntata,non capisco chi si lamenta degli attacchi degli zombi,la scorza stagione per vedere uno zombi bisognava aspettare 3 puntate ….grande stagione peccato che siamo gia a meta’.

  118. jackson1966 scrive:

    @ Martolina:
    Oddio se per amore fraterno intendi Merle che insulta Daryl a go go per farlo uscire dal buco (lo immagina Daryl ma è basato su come ha vissuto la storia con suo fratello) e l’affermazione di Daryl che se non c’era Merle poteva essere un bambino normale con altri bambini e giocare con loro …. beh direi che non abbiamo la stessa idea di amore fraterno. Daryl è tornato a cercare di salvare Merle perchè era, allora, l’unica persona conosciuta e “sicura” in un mondo reso folle da un’apocalisse. Ma appena ha conosciuto meglio gli altri (vedi il discorso con Glenn dopo che ha scoperto che suo fratello era sparito e quindi il suo odio doveva essere al massimo, soprattutto verso i “gialli” ed i “negri” così come insegnatogli da Merle) ha virato nettamente verso la “normalità” intesa come quella del gruppo.
    Che poi Merle ami qualcuno al di fuori di sè stesso … scusa ma ne dubito fortemente

  119. franzecta scrive:

    Quincy ha scritto:

    Giovanni Di Giamberardino ha scritto:

    Questione tette è semplice: la AMC non può mostrarle, come non può fare altre cose (tipo usare la parola FUCK). Maggie non poteva comunque far vedere le tette perché sennò la AMC si beccava una denuncia. Ciao.

    Allora Breaking Bad ha una dispensa speciale: ”Fuck you, and your eyebrows!”
    E il flashback su Jesse e le escort è strapieno di tette

    In effetti….

  120. Martolina scrive:

    @jackson1966
    Scusa ma dove vedi che parlo di amore fraterno? Ho solo detto che Daryl lo odia, ma e’ comunque suo fratello e lo stesso vale per Merl (mi e’ sembrato)…anche nella vita reale esistono certe situazioni purtroppo…e non e’ che uno si spara in faccia (fortunatamente). Concordo sul fatto che Daryl abbia poi scelto di appartenere alla “normalita’” del gruppo, ma non credo che sarebbe mai capace di eliminare il fratello a sangue freddo (per via dell’infanzia infernale che gli ha fatto passare)…

  121. Cassandra scrive:

    Riguardo Merle e Daryl, a me sembra che il loro rapporto sia più complicato del si odiano/si amano.
    Personalmente credo che per molti aspetti perdere Merle sia stata la cosa migliore che sia capitata a Daryl, perchè gli ha permesso di crescere tantissimo come persona e come membro del gruppo, più in generale di far emergere aspetti del suo carattere (quelli più dolci, nascosti di solito sotto una scorza durissima e sangue di scoiattolo) che con Merle semplicemente non poteva permettersi e non aveva mai avuto modo di mostrare.
    Inoltre le sue doti latenti di leadership non sarebbero mai uscite fuori finchè Merle fosse stato attorno… è come se la sua presenza lo facesse striminzire, far sentire più piccolo e incapace (Word of God, se sapete a che mi riferisco). Capita spesso nei rapporti di questo tipo.
    Però credo che nonostante tutto ci sia dell’affetto tra di loro: Merle avrà certo sete di sangue e vendetta ed è tutt’altro che una brava persona, però finora in tutto quello che ha fatto non mi è sembrato di scorgere nessuna cattiva intenzione contro Daryl… semmai prevedo guai dopo, per quando vorrà tirarlo dalla sua parte contro Rick&co. e troverà -credo- un baby brother molto meno malleabile di come l’aveva lasciato.
    Per Daryl, blood is blood: per quanto possa essere consapevole che sta meglio senza di lui, che è una cattiva persona, che ha delle idee assurde ecc, è suo fratello, probabilmente l’unica famiglia che gli resta… e per anni è stato l’unica presenza più o meno stabile nella sua vita, per quanto, appunto, più nociva che positiva. Sinceramente il proliferare di previsioni fratricide per cui l’uno uccide l’altro mi lascia un po’ perplessa, non vedo nessuno dei due arrivare a tanto, nè lo vorrei… un Daryl che si rende davvero conto di quanta strada ha fatto e di come non possa tornare a essere “succube” di Merle, e Merle che deve farsene prima o poi una ragione mi sembra molto più interessante.

    Riguardo l’ultimo sguardo tra Merle e Glenn… sarò una sentimentalona, ma pure a me è sembrato di vederci una specie di “che cazzo è successo”, per quanto ne sapeva il Governor aveva davvero stuprato Maggie, e a vedere anche la sua espressione quando il G. dice di volersi occupare personalmente di lei, non mi sembrava proprio entusiasta. Della serie, pure un mezzo squilibrato razzista filonazi torturatore ha un cuoricino.

  122. Martolina scrive:

    @Cassandra
    La penso esattamente come te!

  123. Johnny scrive:

    Quincy ha scritto:

    Giovanni Di Giamberardino ha scritto:
    Questione tette è semplice: la AMC non può mostrarle, come non può fare altre cose (tipo usare la parola FUCK). Maggie non poteva comunque far vedere le tette perché sennò la AMC si beccava una denuncia. Ciao.

    Allora Breaking Bad ha una dispensa speciale: ”Fuck you, and your eyebrows!”
    E il flashback su Jesse e le escort è strapieno di tette

    No, però ha ragione Giovanni: alcune parolacce erano silenziate, mentre i seni erano pixellati (mi ricordo perfettamente la tipa in topless che compare nel primissimo episodio, quando vediamo Jesse per la prima volta). Probabilmente chi ha visto le puntate non censurate, ha guardato dei DVDrip oppure le puntate trasmesse da canali stranieri.

    Però a questo punto preferisco molto di più un BB in cui le scene sono censurate “postume”, in modo che sia sotto gli occhi di tutti che la censura è una decisione della rete e non del regista. Per spiegarmi meglio: preferisco sentire Jesse che dice ” f***you, a**hole” (dove gli asterischi corrispondono al silenzio della traccia audio) anzichè fargli pronunciare il corrispettivo inglese di “vergonati, maledetta canaglia”, tanto care ai doppiatori italiani.

    Hieronimous Bosch ha scritto:
    <blockquote
    nono, intendevo lo sguardo di Merle, non di Glenn, la penso come zos in pratica.
    Boh, vedremo, chi può rivedere quella puntata in quella particolare scena credo che percepirà che effettivamente Merle stia virando… anche quando la scena dopo il governatore gli chiede con chi si schiererà è evidente che Merle risponde nel modo che il governatore voleva…

    Ah ok. Ma in effetti avevo notato anche lo sguardo di Merle e, come ho detto prima, l’occhiata tra lui e Glenn poteva essere vista sia come un segno di sfida, sia come un segno di complicità, della serie “Io e te dovremmo stare dalla stessa parte”.

    Perchè anche Merle, per quanto sia un personaggio discutibile, sembra ora seguire una sorta di “codice morale”.
    Pensateci: all’inizio della puntata lui ricorda a Glenn che, quando si sono incontrati, lui aveva immediatamente gettato la pistola, mentre Maggie e Glenn continuavano a puntargli addosso le loro. Ed è solo per questo che ha reagito. Inoltre, durante l’interrogatorio a Glenn, ha usato minacce e provocazioni, ma non gli ha mai fatto del male, nemmeno con il coltello. E’ stato il ragazzo il primo a cedere, iniziando lo scontro fisico (al quale, ovviamente, Merle ha reagito).

    Insomma, per quanto non sia uno stinco di santo, Merle sembra essersi posto dei limiti da non infrangere. Se fosse così, chiaramente la violenza sulle donne farebbe parte di questi limiti, visto che (esattamente come la violenza sui bambini) è un limite che gli stessi criminali si pongono, al punto che anche in carcere supratori e pedofili hanno vita dura.
    E infatti, quando il Governatore dice “alla ragazza ci penso io”, Merle ci rimane male: all’inizio sembra dispiaciuto perchè il Governatore vuole giocare con Maggie al posto suo, ma col senno di poi sembra quasi che si preoccupi, perchè sa che il Governatore non ha il suo stesso codice etico.

  124. zos scrive:

    Daryl e Merle provengono da un contesto sociale dominato dalla violenza e dall’intolleranza ed è facile intuire che l’infanzia di Merle sia stata se possibile peggiore di quella del fratello minore,che a modo suo ha cercato di proteggere (educandolo alla violenza).
    Daryl ha trovato in Rick una figura fraterna positiva e che lo sta aiutando a trovare un suo posto fra le persone “normali”.
    I due fratelli sono fra i personaggi più interessanti della serie proprio perchè con loro in misura maggiore rispetto ad altri le categorie di buono/cattivo mostrano i loro limiti.
    Fermo restando che Merle rimane un assassino fuori di testa che cmq avrebbe fatto fuori Glenn (e nella prima serie avrebbe ucciso T-Dog),ma paradossalmente mi faceva quasi più paura Shane.

  125. Liz scrive:

    zos ha scritto:

    Fermo restando che Merle rimane un assassino fuori di testa che cmq avrebbe fatto fuori Glenn (e nella prima serie avrebbe ucciso T-Dog),ma paradossalmente mi faceva quasi più paura Shane.

    Quotissimo. Io sono fra quelli che hanno adorato la svolta psicotica di Shane, ma non ho pianto (eccessivamente) la sua morte proprio perché sapevo che quel personaggio lì, ridotto in quelle condizioni ed a quel punto, doveva necessariamente morire. Shane aveva completamente perso di vista il senso di opportunità, di misura e di criterio che nessuno, in situazioni così al limite, dovrebbe lasciarsi sfuggire. Non c’era più una rotella a posto, nel cervello di Shane.
    Merle invece incarna un tipo di cattiveria completamente diverso: è spietato, ma non è un pazzo furioso. Quel senso di opportunità, misura e criterio, in lui è molto forte, ed è stato più che mai evidente nel – credo – scorso episodio, durante la fuga di Michonne. Merle la insegue, la combatte, è spietato, ma quando lei riesce comunque a sfuggirgli lui non si fa troppi problemi a lasciarla andare, proprio perché ha ancora tutte le rotelle perfettamente a posto e sa che non vale la pena di avventurarsi in una zona piena di zombie solo per inseguire lei.
    Proprio per questo Shane era molto più spaventoso di lui, Shane era la disperazione e l’ansia di sopravvivenza portate all’estremo e fuori controllo, Merle invece è la freddezza spietata di chi sopravvive perché ha imparato a farlo e vuole continuare a farlo senza impazzire.

  126. Johnny ha scritto:

    No, però ha ragione Giovanni: alcune parolacce erano silenziate, mentre i seni erano pixellati (mi ricordo perfettamente la tipa in topless che compare nel primissimo episodio, quando vediamo Jesse per la prima volta). Probabilmente chi ha visto le puntate non censurate, ha guardato dei DVDrip oppure le puntate trasmesse da canali stranieri.

    Quello che ha detto lui.

  127. zos scrive:

    @Liz
    Concordo.
    Forse la “lucidità” di Merle è dovuta anche al fatto che tutto sommato non ha dovuto modificare molto il suo approccio con il mondo per sopravvivere in questo scenario apocalittico (mentre Shane era più combattuto anche nelle sue scelte più terribili).

  128. Gatta scrive:

    @Martolina,no problem ;)
    Io non so voi ma c’è un avvenimento che temo più di tutti ( oltre ad una eventuale dipartita di Daryl ),e cioè che accada qualcosa alla piccola spaccaculi.
    Non fraintendetemi,non è per buonismo,so che in uno scenario del genere tutto può accadere,ma che ci vogliamo fare…cuore di mamma ^^”
    Poi vabè,non faccio molto testo,ho sofferto pure per il cavallo ed il cane/mummia!
    A proposito,che fine ha fatto il labrador che viaggiava con il gruppo?Non ricordo proprio…grazie!

  129. jackson1966 scrive:

    @ Cassandra:
    Vista così devo dire che ti quoto e li vedo in altra prospettiva (certo però non un rapporto fraterno del classico tipo)
    Sulla disamina di Merle dissento un po’ a me sempre str… opportunista sembra

  130. Cassandra scrive:

    Interessante il confronto Merle/Shane.
    Anche a me faceva più paura Shane, perchè con Merle almeno “sai a che gioco stai giocando”.
    Mi spiego: Merle mi sembra una di quelle persone da cui a prima vista sei portato a tenerti lontano per istinto, perchè anche quando è calmo e accomodante, puoi sentire una vena sotterranea di “cattiveria” (non proprio, ma lasciatemi passare il termine), qualcosa che ti dice di non fidarti, e quindi se tutt’a un tratto ti si dovesse rivoltare contro non ne rimarresti così sorpreso. Anche in situazioni normali, non solo se la fine del mondo ti ha reso sospettoso e diffidente in generale. (che poi, va tutto a plauso dell’attore, perchè a vedere delle interviste Rooker, occhialuto e pacifico, sembra un pezzo di pane xD)
    Shane è diverso. Secondo me da un certo momento perde davvero la ragione, e Shane fuori di testa significa una scheggia impazzita capace davvero di tutto… e non c’è niente di più temibile di uno fuori controllo, Capace ancora di ragionare e fare calcoli ma con quella proverbiale rotella fuori posto che lo rende imprevedibile. Specie poi se il contesto in cui agisce fa sembrare le sue azioni giustificate quando sono, appunto, pazzesche. La scena in cui apre le porte del capanno alla fattoria di Hershel, con lui che grida e comincia a sparare e nessuno può fermarlo, è la più emblematica di quello che sto cercando di dire.
    In un certo senso, la differenza è che Merle era un bad guy anche prima degli zombie, Shane una brava persona trasformata dalle circostanze. (il che è tutto da vedere comunque, una discussione interessante sarebbe: ma Shane sotto sotto era così anche prima dell’apocalypse o questa l’ha completamente cambiato?)

  131. Quincy scrive:

    Johnny ha scritto:

    No, però ha ragione Giovanni: alcune parolacce erano silenziate

    Perdincibacco, AMC silenzia le parolacce? E con Jesse come fanno, va via l’audio per tutta la scena? 0_o

    È piuttosto inquietante che sia considerato più ”grave” far intravedere due tette, che mostrare nei dettagli squartamenti, decapitazioni, e cannibalismo.

  132. Dampyr scrive:

    @jackson1966 Letto e condiviso.

    Vedo che gran parte della discussione converge su un punto…le tette(ine) di Maggie…
    strano.. l’ho presto dimenticata (non posso dire altrettanto del magnifico “tanga” di Andrea), pur essendo la ragazza piacevole alla vista. Sarà perchè completamente inutile?
    Certo.. a chi ci vede la (tentata) privazione della dignità non posso dar torto, ma ai fini della puntata è un di più, o come dicono altri, leggi stupro, un “di meno” (narrativamente parlando).
    Potevano saltarla e passare direttamente alla minaccia finale (e reale) di morte.
    Oppure avere il coraggio di fare quello che (purtroppo) da che “guerra è guerra” l’essere umano (diciamo gli uomini va…) fa… stuprare (non solo le donne a dire il vero).
    In quel caso poi si sarebbero potute sviluppare tutta una serie di nuove (e cazzute) interazioni tra alcuni personaggi.
    Comprendo cmq la scelta fatta.. telesivamente parlando (riguardo il non stupro).
    Resta cmq inutile quella delle tette(ine).

  133. Johnny scrive:

    Quincy ha scritto:

    Perdincibacco, AMC silenzia le parolacce? E con Jesse come fanno, va via l’audio per tutta la scena? 0_o

    XD
    No, semplicemente venivano censurate solo alcune parolacce, quindi non sentivi i “fuck”, ma sentivi tranquillamente i “bitch”. Non chiedermi quale fosse il criterio alla base di questa selezione, perchè non ne ho la più pallida idea.
    So solo che preferisco l’idea di personaggi realisticamente sboccati (anche se mi oscurano le parolacce in maniera artificiosa) anzichè sentire personaggi che usano il termine “sgualdrina”.

    Quincy ha scritto:

    È piuttosto inquietante che sia considerato più ”grave” far intravedere due tette, che mostrare nei dettagli squartamenti, decapitazioni, e cannibalismo.

    Più che altro fa capire che non è solo un problema italiano. Io mi ricordo che fino a non molti anni fa era possibile vedere una versione censurata di “Shining” , senza la scena della donna nuda della doccia.
    Oppure nel film “L’avvocato del diavolo” veniva censurato il nudo integrale alla fine del film, ma pochi secondi dopo si vedeva il primo piano di uno dei personaggi che si sparava in testa.

  134. Dampyr scrive:

    -In un certo senso, la differenza è che Merle era un bad guy anche prima degli zombie, Shane una brava persona trasformata dalle circostanze. (il che è tutto da vedere comunque, una discussione interessante sarebbe: ma Shane sotto sotto era così anche prima dell’apocalypse o questa l’ha completamente cambiato?)

    Bella domanda Cassandra..
    onestamente vedendo nel flash-back quello che Shane cercò di fare per salvare il Rick “comatoso” mi verrebbe da dire che no, forse non lo era (ma….).
    Tutto è scattato con il ritorno dall’inferno del ns sceriffo (lo ha privato dell’unica cosa che lo teneva ancorato alla realtà, l’unica che contasse davvero.. l’amore di Lori e dello stesso Carl).
    Loro in quel contesto erano diventati quello che lui (noto provolon-playboy) non aveva mai avuto.
    Oltretutto il ritorno di Rick non solo gli aveva tolto la “sua” famiglia.. ma lo aveva anche fatto ritornare nel cono d’ombra del suo amico (???)..
    era di nuovo, e solamente, la sua spalla.
    Quindi boh.. forse davvero sotto sotto qualcosa già covava.. forse no.. alla fine del papiro scopro che non so cosa rispondere. :Confused:

  135. Ric_Rohmer scrive:

    tette, shane, merle daryl………………………….basta.
    In questa terza serie invece manca il respiro delle immagini; mi spiego: le città cadenti, la tecnologia abbandonata, le file di automobili senza vita (ricordate la scena di Rick a cavallo che va in città e nella carreggiata opposta migliaia di automobili. La descrizione della vita nei boschi e nelle campagne è oltremodo noiosa, scadente.
    Basta con tutto il lavoroio pisicologico tra fratelli violenti, governatori infidi; perchè sparisce del tutto l’indagine medico-scientifica?
    Perchè nessuno si chiede “da dove veniamo” “dove andremo”?
    Chi la manda? Dio? Qualcuno potrà guarirci? Non si tratta di buonismo, ma si tratta della vita e dell’obbligatorietà della ricerca.
    Se la serie proseguirà con scontri, lacrime, introspezioni solamente, è destinata a fallire, a languire. Allora ben ci stanno i bambini stupidi e guerriglieri e tutte le baggianate scritte e ripetute (anche da me).
    @jackson1966 PUSHTA
    Rileggendo, forse con superficialità, la roba scritta qui, mi sembra che gli zombi e l’epidemia non esistono più. Beh, se questo è l’epilogo, è noioso, è tutto noioso; continueremo ad avere le solite schermaglie più o meno violente tra uomini, punteggiate talvolta da qualche orda di zombi ammuffiti e fragili. Qualcosa non quadra più.
    Dov’eravate, vi annoiavate durante le prime puntate della prima serie?

  136. Johnny scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    Basta con tutto il lavoroio pisicologico tra fratelli violenti, governatori infidi; perchè sparisce del tutto l’indagine medico-scientifica?
    Perchè nessuno si chiede “da dove veniamo” “dove andremo”?
    Chi la manda? Dio? Qualcuno potrà guarirci? Non si tratta di buonismo, ma si tratta della vita e dell’obbligatorietà della ricerca.

    E’ anche vero che quando la tua vita si trasforma in sopravvivenza, non hai nè il tempo nè la voglia di farti queste domande (che erano il cruccio di Lori quando ha scoperto la gravidanza). Quando non sai se passerai la notte o se tornerai da un viaggio di avanscoperta, non ti fermi a chiederti se un giorno tutto questo finirà…soprattutto se dopo un anno continui a trovare zombie ovunque tu vada. E questo contribuisce a rendere queste persone degli animali: come gli animali, non si preoccupano del domani finchè non termina l’oggi.
    Non te ne frega niente di sapere se il resto del mondo è nella tua stessa situazione, perchè il tuo mondo si ferma ai pochi km attorno a te.

    Al contrario, a Woodbury si fanno queste domande, proprio perchè sono riusciti a ricreare una sorta di società, in cui la sicurezza e la sopravvivenza degli abitanti è delegata ad altre persone.

  137. Ric_Rohmer scrive:

    @ Johnny:
    Ma no, nessun periodo buio, nella storia dell’umanità, ha impedito alla specie umana di porsi domande e di cercare soluzioni.

  138. Johnny scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    @ Johnny:
    Ma no, nessun periodo buio, nella storia dell’umanità, ha impedito alla specie umana di porsi domande e di cercare soluzioni.

    Sì, ma chi poteva permettersi di fare domande, cercare soluzioni ed, eventualmente, far progredire la specie?
    Non certo quelli che ogni giorno lottavano contro la fame, le bestie feroci e le intemperie.
    La scienza, l’arte, la filosofia e la cultura si sono sviluppate sempre in ambienti privilegiati, come le corti o gli ambienti religiosi…dove non mancavano i soldi e dove i bisogni primari erano soddisfatti senza problemi. E, purtroppo, è una cosa che succede ancora oggi: la ricerca scientifica e culturale trovano maggior appoggio nei paesi economicamente più floridi.

  139. Dampyr scrive:

    @Ric_Rohmer

    -Rileggendo, forse con superficialità, la roba scritta qui, mi sembra che gli zombi e l’epidemia non esistono più. Beh, se questo è l’epilogo, è noioso, è tutto noioso; continueremo ad avere le solite schermaglie più o meno violente tra uomini, punteggiate talvolta da qualche orda di zombi ammuffiti e fragili. Qualcosa non quadra più.
    Dov’eravate, vi annoiavate durante le prime puntate della prima serie?

    Ho quotato solo questa parte del tuo commento perchè la restante mi trova d’accordo.
    Però non dimentichiamo una cosa, più o meno presenti, gli zombie sono (e devono essere) solo il pretesto per raccontare le storie dei sopravvissuti, la reazione-interazione della ns specie di fronte all’apocalisse.
    Sul COME farlo (ciò che scrivevi nella parte restante del commento) sono d’accordo.
    Purtroppo non credo sia cosa facile e gli scivoloni sono inevitabili.

  140. Martolina scrive:

    @Cassandra
    Molto interessante il discorso su Shane…un personaggio che amavo! comunque secondo me l’apocalisse ha solo amplificato e portato alla luce la sua natura ( che poi e’ piu’ o meno la natura di tutti)..perche’ Rick, che aveva problemi di coscienza e moralita’ nella seconda stagione, li ha completamente “accantonati” per la sopravvivenza.
    L’unico punto debole di Shane e’ stata proprio Lori…che forse “desiderava” gia’ da prima di tutto
    Ric_Rohmer
    e’ soprattutto l’aspetto psicologico che rende interessante il tutto…altrimenti sembrerebbe un documentario di nat geo

  141. Ric_Rohmer scrive:

    @ Martolina:
    Perchè, credi che in Occhi bianchi sul pianeta terra, Il Pianeta delle scimmie, Io sono leggenda ecc ecc, mancassero indagini psicologiche?
    Fino a quando vi rosicchierete le dita esaminando con la lente d’ingrandimento la bava di Shane, la simpatia di Carl, la bontà digrignante di Rick, gli ormoni dei vari commentatori?
    @ Johnny
    Dove manca l’acqua ed il pane, ci sono sempre quelli che la cercano, la trovano, e penetrano nelle profondità della terra per estrarla; certo, la ricerca con i soldi funziona meglio.
    Ma hai mai visitato una vecchia casa contadina e soffermata ad osservare gli oggetti utili, costruiti con l’ingegno umano, eccellenti manufatti, che neanche ti sogneresti che esistano?

    Ad esempio, a voler fantasticare su pseudoscienza, si potrebbe lavorare su una ipotesi suggerita dalla bambina zombie che nella prima puntata, prima serie, raccoglie un orsacchiotto di peluche. Come mai?
    Perchè accanirsi sulle tette della giovane mormona?

  142. Johnny scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    Dove manca l’acqua ed il pane, ci sono sempre quelli che la cercano, la trovano, e penetrano nelle profondità della terra per estrarla; certo, la ricerca con i soldi funziona meglio.
    Ma hai mai visitato una vecchia casa contadina ed osservare gli oggetti utili, costruiti con l’ingegno umano, eccellenti manufatti, che neanche ti sogneresti che esistano?

    Certo! Ma infatti in una casa contadina potrò trovare tanti oggetti utili alla sopravvivenza contadina: oggetti per raccogliere il cibo, per conservarlo, per scaldare il letto, per tagliare o accatastare la legna, ecc…sicuramente opere di grande ingegno, ma puramente funzionali alla situazione. Troverai qualche rudimentale giocattolo per i bambini, ma non troverai mai (esempio stupido) un tavolo per il bricolage, per lo studio musicale o un tavolo su cui esaminare o sezionare gli animali del bosco.
    Nel momento in cui l’inverno o la fame non sono più stati un problema per i contadini (e non solo per loro9, ecco che anche a casa loro sono arrivati i libri, la musica, la tv, gli hobby e il piacere dell’acculturamento personale

    Non è che il gruppo di Rick non utilizzi l’ingegno. Ma appunto, davanti a problemi del tipo “come esco da questa imboscata” o “come faccio a bloccare gli zombie fuori da qui” ecco che il problema su come si possa curare l’epidemia o su quale sarà il destino del mondo, diventano incredibilmente secondari.
    Al contrario, a Woodbury possono preoccuparsi di capire come si possano addomesticare gli zombie o se questi possano avere ricordi del loro passato.

    Ric_Rohmer ha scritto:

    Ad esempio, a voler fantasticare su pseudoscienza, si potrebbe lavorare su una ipotesi suggerita dalla bambina zombie che nella prima puntata, prima serie, raccoglie un orsacchiotto di peluche. Come mai?

    Direi che in quel caso si possa trattare di una semplice scena ad effetto, senza alcuna pretesa di influenza nella continuity :D
    Se non ricordo male, quando raccoglie l’orsacchiotto, noi non sappiamo ancora che è una zombie, quindi è una scelta registica per farci apprezzare maggiormene la scoperta che avverrà qualche secondo dopo.

  143. Martolina scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Infatti quelli che hai citato non sono documentari! Forse non so scrivere o vengo fraintesa (come al solito) Non volevo dire che l’aspetto psicologico esclude quello della ricerca scientifica…Sarebbe interessante discutere, come dici tu, di questi aspetti ma abbiamo pochissimi spunti per farlo. Forse TWD si concentrera’ di piu’ sul tema del come e perche’ solo quando,e se, si assestera’ la situazione dei sopravvissuti.
    Quoto in pieno @Johnny..perche’, come dicevo in discussioni molto precedenti, quando c’e’ in ballo la vera sopravvivenza (dove trovo acqua,cibo,come elimino i morti che camminano) non c’e’ tempo per tutto il resto..e la storia ce ne da la conferma

  144. TitoLivio scrive:

    @ Johnny:

    Ti quoto anche le virgole. Ma proprio tutto tutto, eh.

  145. Ric_Rohmer scrive:

    @ Johnny:
    Cero, non sappiamo se è una bambina o una zombi, però rimane il fatto che da zombi raccoglie il peluche, e non mi sembrava una scenetta di passaggio tanto per colmare un vuoto.
    @TitoLivio
    @Martolina
    Quindi, per voi, fame e paura sono sufficienti ad abbassare il livello di inteligenza e pensare solo a sbranarsi ed educare i figli piccoli all’uso della pistola piuttosto che altro?
    Si può dire….staremmo freschi.
    Meno male che l’uomo pensa.

  146. Ric_Rohmer scrive:

    @ Johnny:
    Certo, non sappiamo se è una bambina o una zombi, però rimane il fatto che da zombi raccoglie il peluche, e non mi sembrava una scenetta di passaggio tanto per colmare un vuoto.
    @TitoLivio
    @Martolina
    Quindi, per voi, fame e paura sono sufficienti ad abbassare il livello di inteligenza e pensare solo a sbranarsi ed educare i figli piccoli all’uso della pistola piuttosto che altro?
    Si può dire….staremmo freschi.
    Meno male che l’uomo pensa.

  147. Martolina scrive:

    @ Ric_Rohmer:

    Stiamo tornando sul vecchio discorso? comunque la risposta e’ SI.. Non ritengo che dare ascolto all’istinto di sopravvivenza corrisponda ad abbassare il livello di intelligenza! L’unica cosa veramente poco intelligente sarebbe mettersi a fare esperimenti e ricerche di massa lasciando estinguere la razza umana!

  148. winston smith scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Cara (posso appellarti cara o ti offendi? Non ci conosciamo del resto) Ric_Rohmer, potresti gentilmente dirmi chi dovrebbe portare avanti questa “ricerca”? Il dottor Merle? Il dottor Daryl? Il veterinario Hershel (che ora sembra diventato un medico migliore di Gregory House, ma questa è un’altra storia)? Lo sceriffo Rick? Il factotum Glenn? Chi? Tieni bene a mente, non sto portando la discussione su un “la ricerca scientifica deve essere portata avanti oppure no?”, ma su quale personale debba concentrarsi sulla raccolta e analisi dei dati.

    Posto il quesito, ti rimembro che il season finale della prima stagione, quello ambientato al CDC, è considerato brutta televisione da gran parte della critica e da gran parte del pubblico (a ragione, ma non è questo il luogo per spiegartene il motivo – magari cerca un po’ in internet pareri argomentati in merito).
    Da quello che scrivi e da come lo scrivi, mi sembra che tu non legga il fumetto (il qual fatto non rappresenta un crimine, intendiamoci), ma se credi che TWD intenda concentrarsi sulla scienza, hai sbagliato completamente prodotto. Per non parlare del fatto che, se volessi la scienza, mi guarderei un bel documentario dal quale trarrei tante belle informazioni utili e reali. La scienza fasulla non interessa a nessuno, tantomeno quella relativa agli zombies (guarda i film di Romero, dove come causa del fenomeno viene additata un’onda elettromagnetica particolare o qualcosa di simile, ma viene dato come postulato alla base del tutto e non se ne parla in maniera più approfondita in nessuno dei suoi film).
    Personalmente, sarei maggiormente interessato a vedere i superstiti ingegnarsi per tornare a produrre energia, armi, proiettili e altri oggetti utili alla loro sopravvivenza che non vederli proni su strumenti (quali strumenti, tra l’altro? Presi da dove?) per decifrare la causa prima della trasformazione. Una volta superati i problemi fondamentali per riportare alla luce l’umanità stessa delle persone (perché messa in TOTALE sicurezza, non Woodbury-style), mi andrebbe bene se si provasse a studiare la zombieficazione in tutte le sue forme. Non dimenticare che i non-morti non si riproducono, per cui non aumentano, per cui prima o poi si estinguono. Scientificamente parlando, per carità (leggasi questa frase con ironia)!

  149. Giuppe scrive:

    Martolina

    A me sembra che The Walking Dead stia mostrando che la razza umana si stia estinguendo comunque… Rick & comp. possono correre quanto vogliono ed ammazzare tutti gli zombie che vogliono, ma alla fine soccomberanno pure loro (le continue perdite nel loro stesso gruppo ne sono la dimostrazione).
    Come diceva un vecchio saggio qualche secolo fa: “Cogito ergo sum”. La differenza tra noi e gli animali è la capacità di ragionamento: è dal “perché” empirico che nasce la scienza moderna: è dal “perché” metafisico che nasce la religione. Si può essere in mezzo ad una catastrofe, una malattia, una carestia ecc… ecc… ma tutti prima o poi si domandano “perché?”
    E’ chiaro che questa serie non può trasformarsi né in un documentario né in una serie (fanta)scientifica (io NON lo voglio assolutamente!!), ma inserire le ricerche di Milton sono la dimostrazione che qualcuno se la fa qualche domanda… Non so perché, ad un certo punto, @Titolivio abbia tirato fuori la parola “BUONISMO”: qui non si sta cercando un lieto fine!! Si cerca solo qualche elemento ragionevole, che sia perfettamente incastonato nel senso del serial, che dia qualche spunto di fantasia in più per il telespettatore… Del resto, nella prima stagione era comparso quello scienziato del laboratorio sotteraneo a spiegarci delle cose, nella seconda stagione si viene a scoprire che tutti sono infetti, anche i vivi (altro elemento scientifico minimo e perfettamente inserito nel contesto), si potrebbe proseguire su questa strada… come del resto penso si stia facendo con le ricerche di Milton, vedremo dove gli autori vogliono arrivare…

    Penso comunque che il punto di forza narrativo sia e debba essere l’introspezione psicologica dei personaggi e, a tal proposito, come già diceva qualcuno, mi mancano un po’ i flashback… In fondo, cosa ne sappiamo della vita precedente di Andrea, del Governatore, dei due fratelli..??

  150. Johnny scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    Certo, non sappiamo se è una bambina o una zombi, però rimane il fatto che da zombi raccoglie il peluche, e non mi sembrava una scenetta di passaggio tanto per colmare un vuoto.

    No, la scena aveva una sua funzionalità esplicita. Non era casuale. Solo che mi sembra un po’ esagerato pensare che, al momento della sua scrittura, ci si potesse già porre il problema della memoria degli zombie, che sarebbe saltato fuori solo qualche decina di puntate dopo. Anche perchè nessuno poteva sapere se la serie sarebbe arrivata fin lì e, soprattutto, quanto sarebbe rimasta fedele al fumetto.

    (magari chi ha letto il fumetto potrà dire se quella scena è presente anche lì)

    Ric_Rohmer ha scritto:

    Quindi, per voi, fame e paura sono sufficienti ad abbassare il livello di inteligenza e pensare solo a sbranarsi ed educare i figli piccoli all’uso della pistola piuttosto che altro?
    Si può dire….staremmo freschi.
    Meno male che l’uomo pensa.

    No, fame e paura non riducono l’intelligenza. Anzi, in molti casi la risvegliano. Solo che in quel momento compaiono delle priorità che prima non erano tali, quindi l’ingegno viene utilizzato per altre finalità. E questioni più grandi di te, come il destino della razza umana (ma anche i più semplici “cosa faremo tra un mese?” o “continueremo a fuggire per sempre?”) possono trovare spazio solo nei pochi momenti liberi tra una ricerca di cibo, una fuga dagli zombie o la difesa da qualche invasore.
    Da quando sono arrivati al carcere, il gruppo non ha avuto un momento di tregua.

  151. Martolina scrive:

    @ Giuppe:

    Guarda che concordo sul fatto del cogito ergo sum e tutto il resto…anche se non capisco perche’ si debba sempre tirare in mezzo il fatto che la ragione ci distingue dagli animali! Siamo due cose diverse…con evoluzioni diverse…
    Comunque,parlando dello specifico contesto di TWD, abbiamo detto la stessa cosa perche’ penso che sia un istinto naturale dell’uomo cercare i perche’…dico solo che non e’ questo il momento giusto…
    Fin quando la cosa rimane circoscritta agli esperimenti di Milton (che per inciso al di fuori del laboratorio e’ un uomo praticamente gia’ morto) mi sta bene…TWD parla di tutta un’altra cosa..e se in questa serie tv la razza umana si dovesse estinguere preferirei vedere gli uomini lottare e ingegnarsi per la sopravvivenza piuttosto che vederli morire chiusi in un laboratorio…
    Ps: ero io quel qualcuno che parlava dei flashback…:)

  152. Ric_Rohmer scrive:

    @ Martolina:
    Bah, non vedo perchè non possono coesistere due differenti canali, i miseri uomini che si sbranano, ma anche altri più protetti cher ricercano. Il mondo non sarà solo quello.
    Fumetto o non fumetto, la serie, così povera, sta diventando noiosa; ce lo dimostra il fatto che qui si parla di fratelli buoni e di fratelli cattivi, di uomini forti e di uomini malvagi….per non parlare delle tette e degli ormoni maschili.
    Fantasia zero, psicologismo d’accatto da rivista a puntate a palate, scontri sulle “cagne” (non ricordo male) e sui figli semideficienti a palate.

  153. Salvo Bzero scrive:

    per me era un fuck yeah fatto e finito.

  154. Liz scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    Fumetto o non fumetto, la serie, così povera, sta diventando noiosa; ce lo dimostra il fatto che qui si parla di fratelli buoni e di fratelli cattivi, di uomini forti e di uomini malvagi….per non parlare delle tette e degli ormoni maschili.
    Fantasia zero, psicologismo d’accatto da rivista a puntate a palate, scontri sulle “cagne” (non ricordo male) e sui figli semideficienti a palate.

    Guarda, accetto il tuo punto di vista, ma onestamente a me non sembra che la serie stia diventando noiosa XD Io non mi annoio (neanche per un secondo, in realtà) a guardare TWD, e come me altri milioni di telespettatori e, sono sicura, anche la maggior parte dei commentatori in questo post. Se si finisce, fra le altre cose, a parlare di analisi di personaggi, di chi è cane e chi no, di quale personaggio è simpatico e quale non lo è, e perfino delle tette di Maggie, non è perché il telefilm è noioso, ma perché in centocinquanta e più commenti è ovvio che si vada ad analizzare qualsiasi cosa, anche il pelo nell’uovo, e quindi anche la cagnitudine di certi attori o la bravura di altri, e l’interesse di certi personaggi piuttosto che altri. A me sembra normale conversazione attorno ad un argomento, non una cartina al tornasole della qualità della serie. Poi come la metti tu sembra che la noia di TWD sia un dato oggettivo ed universalmente riconosciuto derivante dal fatto che non si parla abbastanza di ricerca in campo zombie-medico nella serie, e mi pare un’assunzione un po’ esagerata, se permetti XD

  155. Alez scrive:

    mate ha scritto:

    Carl è il figlio illegittimo di Raylan Givens!! Mano sempre sulla pistola, cappello sempre in testa e mira incredibile!

    ahahhaha verissimo!!!

  156. jackson1966 scrive:

    @ Johnny:
    @ Liz:
    @ Martolina:
    Quoto tuttissimissimo quello che avete detto
    @ Ric_Rohmer:
    Mi sembra che stai chiedendo a TWD ciò che TWD non intende dare: spiegazioni. Questa è una serie sulla sopravvivenza degli uomini in un mondo di un’apocalisse zombie (Oddio si ricomincia) non su cosa può fare la scienza per noi. Forse non è TWD a diventare noioso ma tu che hai sbagliato serie tv. Molte volte ho scelto una serie tv su certe premesse e, una volta non “soddisfatte” l’ho abbandonata. Non ho chiesto e preteso che la cambiassero a mio uso e consumo.
    Le analisi dettagliate qui ed in altri siti fatti non fanno che dimostrare quanto il pubblico stia attento e sia partecipe degli eventi e con i personaggi del tf. Forse anche qui hai sbagliato forum visto che ti annoiamo.
    P.S. Di chi sarebbero i figli semideficienti scusa? Perchè qui io divento subito nervosa (sai la mamma chioccia che si incazza se le toccano i figli? Moltiplicala per 1000 e troverai me)

  157. TitoLivio scrive:

    @ Ric_Rohmer:

    L’avrai letto “Se questo è un uomo”, immagino.
    Cerca di capire cosa un “privilegiato” (in quel contesto) pensa del lager e di coloro che “privilegiati” non sono.
    Lui stesso comincia a scrivere quando è al “sicuro” (virgolette d’obbligo, per brevità) in laboratorio, parla dell’ “orrenda pena di ricordare” nelle domeniche di riposo, ecc… Lui stesso dice di pensare poco al futuro perchè da dove si trova “non si esce che per il camino”.

    Quando c’è da sopravvivere, anche Levi, anche Rigoni Stern (“1953 – Il sergente nella neve”), anche Bedeschi (1963 – “Centomila gavette di ghiaccio”) hanno spazio solo per il presente (la vita in Lager, la ritirata di Russia) e il passato (i ricordi della famiglia, della ragazza, il cibo che manca…). Non certo il filosofeggiare convinto (ad esempio di questo caso, ancora Levi in “I sommersi e i Salvati, che credo sia degli anni ’80…) su cosa rende i Tedeschi così crudeli, o sul come far finire la Guerra. E Levi era un genio, per personalità, empatia, capacità di comprensione del mondo, spirito critico e forza interiore. Figurati della gente normale.

    Il paragone col telefilm è forte, mi scuso se offende qualcuno, ma credo sia calzante. Quando il futuro non è certo non hai le risorse mentali e materiali di teorizzare, neanche quasi per sperare. Ancor meno per pensare di “curare” nel medio/lungo termine un’epidemia che ha devastato il 99% del mondo.
    These are my 2 cents.

    A Woodbury, come diceva giustamente Johnny, c’è più tempo e più spazio per un’attività intellettuale, perchè l’insicurezza e la paura sono minori che alla prigione. Ergo il fratello di Alicia in The Good Wife può quasi farsi sbranare per interesse culturale.

  158. Ric_Rohmer scrive:

    @ TitoLivio:
    Oh perbacco, infine si alza il livello del dibattito, e ci sono uomini, soldati, emarginati e deportati, e non solo cagne, sceriffi, presunti stupratori e malati di mente.
    Sì, qualcosa nella vita si legge e si sente, e ti dirò, da medico, che si tralasciano le speranze poche volte, da uomo (donna) che avendo ascoltato direttamente testimonianza di guerra (15-18), nelle trincee più fetide, accanto ai cadaveri putrefatti dei tuoi ex amici, circondati di topi, attaccati dai pidocchi, sotto i morsi della fame e sotto la neve, o sotto il sole cocente del Carso, beh quegli uomini a volte potevano sorridere, scrivere ai propri cari, ridere del riso che arrivava nei sacchi sfarinato ed incollato, potevano addirittura fraternizzare, mostrando sulla punta della baionetta una foto di famiglia, o lanciando una pagnotta dall’altra parte.
    Vedi, a questo proposito il film Joyeux Noël, del2005, una produzione franco tedesca. Ed allora il popolo giapponese non si è rialzato, e le stesse città tedesche? Ed i palestinesi?
    NO, adesso dovremmo tutti diventare barbari perchè il mondo è al 99% dominato da zombi. Ma chi l’ha detto?
    Non mi pare che ci dica questo l’appassionante ma mediocre (si può dire) telefilm. Ogni tanto spuntano uomini vivi che a proprio modo cercano di sopravvivere. Sì, l’uomo da il peggio di se, a volte il meglio, a volte sta nel mezzo; ma sopravvive, cerca di farlo.
    Qualcuno impazzisce; ci sta.

  159. TitoLivio scrive:

    @ Ric_Rohmer:
    Non ho capito se mi pigliavi per il culo o no… Nel dubbio, pro reo… Quindi no. :)

    Tutti ti hanno raccontato che quando si lotta per sopravvivere non c’è altro in testa. Quando c’è riposo (diciamo mentre Ungaretti scriveva “veglia”, estrapolando dai tuoi racconti), c’è spazio per altro.

    Nessuno al fronte ha mai rifiutato una trincea perchè era convinto di gridare al nemico che la guerra è male, sperando di convincerlo (che più o meno è il potere che hanno i “ricercatori eventuali” in TWD per risolvere l’epidemia… a meno che non si sia salvata una città intera con tanto di risorse energetiche). Testa bassa e si spera di sopravvivere.
    Chi arrivava a fine giornata aveva un pensiero per i propri cari. Certo, è umano. Quando sei sicuro che nessuno ti minaccia per un’oretta. Cosa che, per scelta narrativa, è successa solo alla fattoria. Dove i personaggi hanno passato il tempo a legare rapporti umani (rompendoci mortalmente le palle, tra l’altro… :D ). Che quindi è un’altra priorità che viene prima della cura.
    Singolo>Gruppo>Sconosciuti (in periodo di estrema emergenza.

    E poi… Ma siete tutti medici? :D

  160. Ric_Rohmer scrive:

    @ TitoLivio:
    Boh, non ti prendevo in giro, mi sembri che centri il mio pensiero, ma che poi ci giri intorno; ho paura che si giustifichi la caduta tendenziale del saggio di intelligenza.
    Sì, mi pare che siamo tanti medici; e a proposito, meglio una pagnotta rafferma ed una zuppa di legumi, ragionando sul futuro intorno al fuoco……che scappare uccidendosi con aperitivi e snacks e parlando di tette.

  161. JackBurton scrive:

    @ Giovanni Di Giamberardino:
    Le tette di Maggie si vedono in un episodio della seconda stagione (quando lei e Glenn fanno sesso nella farmacia). Comunque, mi associo a Liz, Ric_Rohmer e gli altri/e: non ha senso stare a parlare del fatto che ce le abbiano mostrate o meno. La scena era decisamente angosciante così com’era. Le tette non avrebbero aggiunto nulla.

  162. Johnny scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    meglio una pagnotta rafferma ed una zuppa di legumi, ragionando sul futuro intorno al fuoco

    Certo. Peccato che in un mondo senza tecnologia e senca comodità, prima devi riuscire a procurarti la pagnotta e la zuppa. Poi devi riuscire ad accendere il fuoco. E magari devi pure preoccuparti che nessuno ti piombi addosso mentre ti stai godendo il pasto, perchè il fuoco e l’odore del cibo attirano presenze indesiderate.
    Quindi, bisogna vedere se, alla fine di tutto lo sbattone, hai ancora voglia di fare disquisizioni sul tuo futuro e quello dell’umanità o se invece preferisci pianificare la divisione dei lavori del giorno dopo…o se semplicemente preferisci mangiare quel poco che hai trovato.

    Come ha detto TitoLivio, la seconda stagione di TWD ci ha fatto vedere i personaggi che hanno iniziato a stringere relazioni hanno pensato a che senso avesse continuare a vivere costantemente al riparo dai walkers e se avesse senso far nascere un bambino in quel mondo. Ma quand’è che questo è successo? Quando hanno avuto un tetto sopra la testa, quando Carl ha superato l’operazione, quando non erano impegnati a cercare Sofia (perchè era notte o perchè, aihmè, l’avevano già trovata)….ovvero per un tempo estremamente ridotto. Eppure, quando questo succedeva, tutti si lamentavano che TWD era un’immensa rottura di maroni.

    Se poi un giorno anche il gruppo di Rick troverà finalmente un minuto di quiete dove:
    - nessuno attacca allarmi sonori e scatena un’invasione
    - nessuno scompare o viene rapito
    - nessuno muore
    - non sarà necessario procurarsi il cibo per un neonato
    - nessuno deve sopravvivere a un’amputazione eseguita senza anestesia
    - non arrivano in carcere nuove persone

    allora FORSE li ritroveremo seduti ad un tavolo a discutere di argomenti più alti rispetto anzichè organizzare spedizioni punitive o di avanscoperta.

  163. jackson1966 scrive:

    @ Johnny:
    I love you

  164. Claudio scrive:

    JackBurton ha scritto:

    Le tette di Maggie si vedono in un episodio della seconda stagione (quando lei e Glenn fanno sesso nella farmacia).

    Non è vero. Anche in quel caso, l’inquadratura viene spostata alle sue spalle, ad un’angolazione che permette di far vedere qualche centimetro di rigonfiamento mammario, ma senza infrangere la censura.
    Ed infatti ai tempi, quella scena era risultata estremamente gratuita, perchè alla fine ciò che importava era sapere che Glenn e Maggie stavano finalmente consumando il loro amore. La scena poteva fermarsi qualche secondo prima e si sarebbe capito lo stesso cosa stava accadendo tra quegli scaffali. Invece no. Han voluto a tutti i costi far denudare Maggie, ribadendo che però “le tette sono male, quindi non vanno mostrate, ma ve ne facciamo intravedere un pezzettino, così potete immaginare il resto”.
    Trattasi di fanservice a tutti gli effetti…come i vestitini aderenti di Yvonne Strahovski in Chuck. Ma almeno lì non avevano l’ipocrisia di dover trovare un modo per nascondere ciò che non si doveva vedere.

  165. Ric_Rohmer scrive:

    @ Johnny:
    Bello l’amore di Jackson1966.

  166. zos scrive:

    Con Lauren Cohan i fanservice sono più che ben accetti,per quel che mi riguarda :-P
    http://www.google.it/search?q=lauren+cohan&hl=it&tbo=d&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=7De6UJGLJ63U4QTiqICACQ&sqi=2&ved=0CAQQ_AUoAA&biw=1280&bih=583

    Quando al termine dell’interrogatorio l’hanno gettata mezza nuda fra le braccia di Glenn un pò d’invidia l’ho provata. :-D

  167. Bayta scrive:

    Qualcuno rubi la borsa ad Andrea!! XD
    Allora, dopo aver letto tuuuuutti i commenti, posso dire intanto di essere nel gruppetto scarno di quelli che NON odiano Carl, e anzi che pensano che sia diventato anche piuttosto utile (e nella seconda stagione lo odiavo). Ok, il cappello è irritante, ma d’altronde, come dice anche Jackson1966, Carl alla fine è ancora un bambino e ci sta che si attacca a qualcosa di materiale per trovare sicurezza.
    Ho notato anch’io, poi le mutandine di pizzo di Andrea, ah ah ah!!!
    Per quanto riguarda invece le scene degli interrogatori, quelle di Glenn sono fantastiche (mi associo con chi ha detto che quella con lo zombie potrebbe essere la scena di combattimento migliore di tutte le stagioni). Anche quella di Meggie è fatta molto bene ed è disturbante solo che…ok, abbiamo capito che la rete vieta di mostrare le tette, ma qua si trattava, da parte del Governor, di imporre la propria autorità per umiliare. Bene, allora cosa mi rappresenta lasciarle coprire il seno con le mani? Io mi aspettavo un immediato “giù quelle mani”, ma così ha perso phatos, secondo me.
    Sono però d’accordo con chi dice che il Governor non avesse intenzione di stuprarla fin dall’inizio, non so, è stato caratterizzato in modo tale che non mi sembra nemmeno interessato al sesso, in realtà. Andrea per me se la fa per un tornaconto futuro e per passatempo, ma non mi sembra un libidinoso, piuttosto un sadico puro e crudo.

    Sul versante “amore fraterno” invece, solo io ho notato che Merle a un certo punto dice, non mi ricordo a chi, una cosa tipo “Eh, ma anche lui continua a dire che sono tornati a cercarmi, come diceva anche Andrea…magari è vero”. Le ipotesi secondo cui Merle potrebbe più o meno redimersi (sempre nei limiti di Merle, ovviamente) non sono in effetti così assurde.
    Seconda cosa, sono assolutamente convinta che Daryl non ucciderebbe mai il fratello, perchè comunque è stata la sua unica figura di riferimento fino a un anno prima e poi…è suo fratello! E il puccioso Daryl non sarebbe mai capace di farlo. A meno che, a meno che Merle non minacci qualcuno del gruppo, soprattutto Carol o la bambina.
    Insomma, è Merle la grande incognita per quel che mi riguarda.

    Michonne invece, mah. Anch’io ho pensato che non abbia detto che Merle cercava il fratello deliberatamente, ma mi sfugge la ragione. In tutto ciò però si è guadagnata la fiducia ammazzando senza indugi l’eremita pazzo (che non è dato sapere come sia sopravvissuto in quel bordello per un anno, in piena zona cosiddetta rossa). La reazione sorpresa di Oscar (si chiama Oscar vero???) invece ci stava perchè lui alla fine, se uno ci pensa, non è ancora abituato al mondo zombie, è appena uscito dall’isolamento della prigione e i suoi valori sono ancora, come dire, puri.

    Comunque domani uscirà la nuova puntata e poi non posso pensare di dover aspettare mesi per vedere il seguito!! >_<

  168. Ric_Rohmer scrive:

    @ Johnny:
    La tua, pur rispettandola, la trovo una visione piuttosto minimalista.
    I pensieri “come tu dici” alti, ci stanno sempre nella mente degli uomini, ed emergono tra gli altri a volter nei momenti più difficili.

  169. Johnny scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    @ Johnny:
    La tua, pur rispettandola, la trovo una visione piuttosto minimalista.
    I pensieri “come tu dici” alti, ci stanno sempre nella mente degli uomini, ed emergono tra gli altri a volter nei momenti più difficili.

    E come è già stato detto prima (vedi commento di TitoLivio del 30 novembre ore 16:52 ) questi pensieri emergono solo quando questi uomini se lo possono permettere. I filosofi, gli artisti o tutti i vari “pensatori” diventano tali solo quando hanno il sedere al caldo e lo stomaco pieno. Nel medioevo, questo tipo di persone viveva nella corte del re, non certo nelle baracche o nelle casette attorno al castello.
    Durante la guerra, i soldati parlavano della loro famiglia solo quando sapevano che potevano fiatare senza rischiare di essere scoperti dai nemici.

    Da quando il gruppo di Rick è arrivato in carcere, non ha avuto un solo secondo di tranquillità.
    Se poi durante una cena o prima di addormentarsi, Maggie e “l’altra figlia di cui non ricordo il nome” hanno iniziato a parlare dei loro progetti per il futuro, evidentemente è una cosa che non ha alcuna utilità ai fini della trama…più o meno come sapere dove vanno a espletare i loro bisogni tutti i componenti del gruppo.

  170. Ric_Rohmer scrive:

    @ Johnny:
    Elogio della “barbarie”

  171. TitoLivio scrive:

    @ Ric_Rohmer:

    Apologia della realtà.

  172. Johnny scrive:

    Ric_Rohmer ha scritto:

    @ Johnny:
    Elogio della “barbarie”

    Beh, allora credo che non avrai problemi a espormi episodi storici in cui l’uomo si è dedicato al filosofeggiare, ai dubbi e ai progetti sul futuro dell’umanità, alle domande esistenziali…anche nei c.d. “momenti difficili”.

  173. Martolina scrive:

    @ Ric_Rohmer
    E’ cosi difficile accettare che l’uomo e’ cosi’ al di la’ del bene e del male?

  174. ventoacqua scrive:

    Intervengo nella discussione sul ‘mancato stupro’ di Maggie per segnalare come le sue motivazioni si possano trovare direttamente nell’andamento storyline (che a causa della suddivisione degli episodi può essere sfuggita)

    Andrea ed il Governatore sono intenti a consumare la loro passione -> Merle li interrompe, comunicando al Governatore di aver catturato Maggie e Glenn -> Andrea ed il Governatore riprendono a consumare la loro passione, mentre Merle tortura Glenn -> Appena alzatosi dal letto, il Governatore si reca a ricevere il resoconto di Merle, che gli comunica di non essere riuscito a piegare il prigioniero -> Il Governatore decide di occuparsi di Maggie personalmente.

    Per cui, senza andare alla ricerca di complesse motivazioni psicologiche, credo che il fatto di aver provveduto non-stop fino a 10 minuti prima a far scaricare ad Andrea la libido repressa da quasi un anno rendesse il Governatore piuttosto saturo nell’ambito ‘sfogo sessuale’ (mica è una macchina, poveraccio), e che dunque possa aver deciso di soprassedere senza troppi problemi ad un atto che chiaramente (vista la determinazione di Maggie) non avrebbe comunque portato alle risposte da lui cercate…

  175. Ric_Rohmer scrive:

    @ Martolina:
    Ti dimostra il contrario la puntata di ieri

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.