The_Good_Wife_4x07_Anatomy_Of_A_Joke

“Well, guys make penis jokes”.

Per certi versi “Anatomy of a Joke” è strettamente collegato al precedente “The Art of War”. Entrambi i casi ruotano intorno a una donna (una querelante e una querelata), in entrambi il corpo femminile ha un ruolo centrale. Differiscono diametralmente il tono e l’approccio alla materia. Là era in gioco la prevaricazione più odiosa, quella sessuale; qua è in gioco l’uso provocatoriamente consapevole del proprio corpo.

Sulla carta è una buona idea anche giustapporre a un episodio intenso come lo scorso uno ben più leggero. Ma purtroppo qualcosa non funziona, e l’impressione, rarissima in The Good Wife, è che “Anatomy of a Joke” sia un’occasione mancata. Colpa in parte di un paio di guest star non all’altezza (a eccezione del sempre magnifico F. Murray Abraham nei panni dell’avvocato Burl Preston), altra cosa insolita per la serie.

Sul casting può darsi che si tratti di un’impressione personale, certo: ma ho trovato Christina Ricci poco adatta ad interpretare la comica Therese Dodd, forse per colpa della sua perenne espressione svampita e finto-innocente, o forse perché oggettivamente le sue battute non mi hanno fatto ridere. Ma veniamo al caso.

The Good Wife ci porta in territorio metatestuale, tra orari “safe”, Federal Communication Commission e network. Therese Dodd ha mostrato le tette* in diretta tv come provocatoria gag sul cancro al seno, obbligando la rete a correre ai ripari e a pagare una salatissima multa.

Nonostante le regole della FCC che stabiliscono cosa è opportuno mandare in onda e cosa no, il network può scegliere di essere ancora più restrittivo: a veicolare certe scelte sono gli inserzionisti e pain in the ass come i Parents Against Indecendy, una sorta di MOIGE statunitense. Appurata comunque la premeditazione dell’atto, che annulla la scappatoia della responsabilità del network trovata da Will e Alicia, Preston è disposto a cambiare le carte in tavola usando Therese a vantaggio della rete, portandola con sé a fare ammenda davanti ai commissari per convincerli togliere la multa. Una gaffe dopo l’altra si arriva ad una redenzione di Therese, probabilmente solo di facciata, che d’altra parte era quello che le veniva chiesto fin dall’inizio. Oltretutto la causa decade perché Preston ammette di fronte ai commissari che lungi dall’aver danneggiato la rete la performance di Therese ha fatto registrare un picco di ascolti. Tutti contenti, tutti a casa, e Cary ci rimedia pure un bacio random.

Mercificazione del corpo, censura, satira, umorismo, i sottili confini dell’indecenza, spunti interessantissimi che potevano essere trattati in mille modi: l’episodio sceglie un punto di vista abbastanza superficiale, come le gag della stessa Therese. Scelta legittima, ma che relega il tutto ad una questione fine a se stessa tra rete e commissari, con pochissimo spazio alla parte che generalmente rende interessante i casi meno eclatanti, ovvero il dibattimento. Intanto ci pensa proprio Peter Florrick, suo malgrado, a dare nuovo materiale a Therese per il suo umorismo greve. Ma ci torneremo.

“I think we need to use Cary more”, dice Diane, ma a parlare potrebbero essere gli autori dopo aver letto le centinaia di commenti di Serialmente che chiedevano a gran voce più screentime per il biondo avvocato, qua addirittura protagonista di un segmento tutto suo sui propri daddy issues.

Innanzitutto c’è da dire che Cary e Alicia sono assolutamente adorabili insieme, e ricordano le scene di lei con il fratello Owen, a sancire il rapporto fraterno e da pari a pari che si è instaurato tra loro; tuttavia l’incontro fortuito con il padre Jeffrey (John Shea, già padre di Blair e Lex Luthor in Lois & Clark) è piuttosto deludente: viene confermato che Cary appartiene ad una famiglia molto in vista e che il padre è uno stronzo senza appello (sai che novità) e il passato di severità ai limiti del crudele viene riconfermato nell’arrivismo del presente, col povero Cary che pensa al peggio mentre il padre vuole solo usarlo per farsi raccomandare. Sarà che è tutto sviluppato troppo in fretta, sarà per le scarse doti attoriali di Shea, ma la vicenda rifugge il coinvolgimento necessario, e dire che sappiamo bene che TGW è capace di farci amare o odiare un personaggio secondario con una battuta. Vedremo se si tratta di uno scontro nato e finito in questo episodio o se ci sarà un seguito.

Il versante politico gira attorno al pene di Peter e ad una fantomatica voglia a forma di Brasile, trait-d’union con le tematiche del caso Dodd. Posto che non mi dispiace questo accanimento triviale attorno alla figura dello State Attorney, la questione è apparentemente una ripetizione più goliardica della storiella della mitomane Indira: sciocchezza data in pasto ai giornali, terrore di Eli, rassegnazione di Peter, risata di Alicia ad appianare il tutto. Ma le prove di una frequentazione tra Maddie e la bionda diffamatrice danno qualche sfumatura in più al tutto, finora aperto a qualsiasi ipotesi: possibile che ci sia Maddie dietro un piano così approssimativo? Davvero si rivelerà semplicemente la più subdola tra gli sfidanti? E Peter sarà davvero totalmente estraneo ai fatti? Ma soprattutto, cosa starà macchinando Kristeva, assente da troppi episodi?

Anche l’assunzione di Laura Hellinger da parte di Peter aggiunge un tassello intrigante: ancora una volta vediamo come Florrick non si faccia alcun tipo di problema in fatto di favoritismi, soprattutto quando si tratta di compiacere Alicia; non mi stupirei se tutto ciò portasse prima o poi dei problemi.

Invece Diane e Will, rimasti a Chicago, devono nuovamente tenere a freno le iniziative di Hayden, che senza prendersi la briga di consultarli lavora per vendere la L&G a Preston: è vero che sarebbe la soluzione giusta per sanare tutti i debiti, ma l’impressione è in effetti che il buffo contabile si stia un po’ allargando. Ma Diane e Will fanno fallire il tutto con uno dei loro intrighi, che ci regala una delle mefistofeliche scene di David Lee. “They enjoy intrigue more than they do making money”, sentenzia Preston: e non è affatto chiaro dove e come la L&G troverà i soldi che gli servono, se continuano a ribattere ad ogni possibile soluzione con un muro di fiera autonomia.

La carne al fuoco è tanta, ma “Anatomy of a Joke” si dedica a rinforzare conflitti e questioni già precedentemente espressi: non possiamo fare altro che appigliarci agli interrogativi e ai semi lanciati per il futuro, e passare oltre questo episodio sufficiente ma dimenticabile.

Ok.

* Ho interpretato l’espediente del clacson, a coprire le “parole disdicevoli” dette in tribunale, come una frecciatina meta alle restrizioni cui la serie stessa deve sottostare andando in onda su CBS. La gag è talmente al di fuori dagli standard di The Good Wife che l’ho apprezzata nella sua stupidità. E voi?

Chiara Checcaglini

also known as JaneLane. In principio fu l'amore sconfinato per il Cinema, le immagini e l'analisi ossessiva. Poi galeotto fu Six Feet Under, e la scoperta che mille ore di una bella storia sono meglio di due. Da lì cadde nel vortice seriale, a tratti annaspando, a tratti abbandonandovisi completamente, comunque senza nessuna intenzione di uscirne.

More Posts - Website

Commenti
59 commenti a “The Good Wife – 4×07 – Anatomy of a Joke”
  1. Siobhan scrive:

    Io la gag l’ho apprezzata la prima volta, le altre ho iniziato a infastidirmi, sarà che quando TGW prova ad essere eccessivamente meta non mi piace mai – e la delivery di Christina Ricci in tutte le sue scene era sbagliata e mi sembrava che l’umorismo cadesse nel metaforico silenzio generale. Non era proprio adatta a questo ruolo.
    Penso che a fine stagione ci guarderemo indietro e vedremo questo come uno dei peggiori episodi dell’anno, nonostante l’ammirevole tentativo di dare un po’ di back story a Cary. La ritrovata amicizia con Alicia è splendida, per quanto riguarda il padre sono d’accordo con la recensione. Buone intenzioni, risultato così così.
    La storyline di Peter l’ho trovata completamente insensata, si vede che vogliono mandare avanti la campagna elettorale (ogni due anni campagna elettorale, mamma mia) per tutta la stagione e quindi ogni tanto devono riempire il minutaggio con queste stupidaggini. Unica cosa bella, Eli che dopo secondi di silenzio al telefono riesce solo a ribattere “How dare you?”.

  2. AryaSnow scrive:

    Secondo me invece è stato un bell’episodio.
    Un caso della settimana tutto tettoso, per il quale temevo la boiata inutile, e invece non mi è dispiaciuto. Secondo me ha affrontato discretamente il tema del pudore e della censura (e non solo a proposito del corpo). La parte sul pisello di Peter invece anche a me è parsa troppo stupida (anche se… in fondo qualcosa di interessante l’ho trovata pure lì).
    La le cose migliori sono il resto: finalmente un po’ di approfondimento su Cary, niente marito di Kalinda, diversi dialoghi degni di nota.
    “People aren’t mean. They’re just polite liars”. Che depressione…

    4/5

    PS: però le battute sulle scoregge per me sono tipo al primo posto nella classifica “battute che non fanno ridere”. Poi in generale a me quel genere di comicità nel 95% dei casi non fa ridere, quindi non sono molto in grado di giudicare.

  3. Jeanne scrive:

    Christina ricci è perfetta per quella parte proprio perché è svampita (il problema forse è che sa fare poco altro). Le sue battute triviali non fanno ridere perché questo è esattamente ciò che si voleva rappresentare, su questo proprio non ho dubbi. Io l’ho trovato un ottimo episodio che salda i legami e prepara qualcosa a venire, e questo fa passare in secondo piano la banalità della situazione familiare di Cary – l’unico punto veramente debole della puntata.

  4. Raf1 scrive:

    Concordo con la recensione e con Siobhan, anche a me l’episodio è piaciuto proprio poco. Peccato, perché il precedente era stato il migliore della stagione, e ad andare su e giù così mi sento su un ottovolante (e non in senso positivo). Comunque, niente di drammatico, spero si riprendano con il prossimo. Due cose mi sono piaciute: il rapporto Cary – Alicia e il lavoro dato da Peter alla ex soldatessa. Lo sguardo dell’assistente (nera) di Peter per l’assunzione di questa (bianca) sconosciuta appena arrivata non promette nulla di buono. E poi va bene compiacere tua moglie, ma insomma, almeno dai uno sguardo al CV: la stai assumendo nell’ufficio dello State’s Attorney, non è la tua azienda privata. Quindi l’espediente mi è piaciuto perché a. conferma la moralità ballerina di Peter b. promette sviluppi interessanti. Peraltro la bellezza della soldatessa potrebbe portare a ulteriori sviluppi anche sotto il profilo sentimentale (per Will o per Peter?) smuovendo il tutto e facendo arrivare ad Alicia l’ennesima pugnalata da parte dell’amicona di turno (perché dopo Kalinda e Maddie non c’è due senza tre). Staremo a vedere…

  5. Jeanne ha scritto:

    Le sue battute triviali non fanno ridere perché questo è esattamente ciò che si voleva rappresentare, su questo proprio non ho dubbi.

    A me sembra invece che il fatto che Alicia la trovi divertente, anche se “a volte” (ma Alicia non si sbilancia mai), significhi che in fondo nelle intenzioni degli autori dovrebbe perlomeno starci simpatica; e più che svampita ho l’impressione che la volessero far passare per “monella” da tenere a bada perché chissà che battutacce può fare. in ogni caso Christina Ricci non si è rivelata all’altezza secondo me.

  6. Gaia89 scrive:

    Mi dispiace dirlo, ma questo è secondo me il peggior episodio di The Good Wife. Sarà che ancora ho i brividi per la gag del clacson ripetuta 200 volte, sarà Christina Ricci che ho trovato assolutamente pessima nel ruolo, sarà che il caso in sè poteva essere trattato molto, molto meglio, per la prima volta in quattro anni un’episodio di TGW mi ha delusa. Ma direi che ci può anche stare.

  7. elena scrive:

    Per me il finale di questa puntata è sembrato un po’ “riciclato”: ci aveva già pensato Diane a concludere l’episodio Infamy 1×11 (http://www.serialmente.com/2010/01/11/the-good-wife-1×11-infamy/) con una risata in tutto il suo splendore. Quella di Alicia mi ha semplicemente infastidita.
    Purtroppo ultimamente il personaggio principale mi sta diventando quasi antipatico.

  8. kaw scrive:

    che bomba questo episodio, CHE BOMBA. e ho odiato christina ricci in ogni singola inquadratura, a dimostrazione del fatto che una serie come TGW piò permettersi addirittura qualche errore di miscasting di tanto in tanto.
    ok, ora leggo anche la recensione e magari ne discutiamo, volevo esternare al volo il mio apprezzamento per questa puntata, che va tranquillamente nella mia personale top10 immaginaria

  9. Jeanne scrive:

    @ Chiara Checcaglini:
    io invece ho letto quella risata finale di Alicia un momento perfetto per chiudere la “giocosità” di tutto l’episodio, più che un segno di divertimento vero e proprio. Non a caso quelle ultime battute riguardavano la famosa macchia a forma di brasile, e, in particolare, Alicia stessa in tutta questa assurda parossistica situazione.
    Svampita o monella non so, di certo il personaggio di christina ricci è un simbolo dell’umorismo inappropriato (più di così…) ma ho trovato che funzionasse, specie nell’interazione con Cary. E soprattutto mi chiedo se con una più brava della ricci avrebbe funzionato altrettanto (considerando anche il fatto che si divide un po’ la scena dei guest con Amanda Peet).

  10. ManuSupertramp scrive:

    Concordo con la recensione, episodio dimenticabile, forse la sufficienza è addirittura larga.
    La gag del claxon poteva passare una volta (concordo con la recensione, ci può stare che abbiano lanciato una frecciatina sulle restrizioni alle quali la serie stessa deve sottostare) ma già alla seconda era completamente fuori dal contesto. Caso sviluppato in maniera piatta, le battute della Ricci a me non hanno fatto mai ridere e la storia del pene di Peter è francamente ridicola. Purtroppo anche sul versante Cary non ci siamo: padre stronzo che resta stronzo… per una volta che gli dedicano più spazio avrebbero potuto pensare a qualche sfumatura più originale ed interessante per il contesto familiare.
    Salvo i momenti Cary-Alicia, adorabili insieme (anche se questa amicizia mi pare arrivata un po’ dal nulla, ma non sottilizziamo), la reazione di Diane e Will alle urla e alle minacce del trustee (alzano a malapena lo sguardo dai fogli che stavano leggendo, per poi continuare come se niente fosse, quando si dice aplomb!), F. Murray Abraham (una delle guest che mi piace di più in assoluto) e l’apparizione di David Lee.
    Continua poi l’operazione “simpatia” nei confronti di Peter: bravo, anti-sgammo! non se n’è accorto nessuno che l’hai assunta solo perché raccomandata. Ottima mossa per un politico assumere una persona senza guardare nemmeno il curriculum, senza averle fatto nemmeno mezza domanda, il tutto davanti ad una tua dipendente, e cicliegina sulla torta: la persona in questione è giovane, bella e tu sei costantemente perseguitato da scandali sessuali. Che qualcuno ricordi a Peter che di mestiere fa il politico, non il salumiere!
    Spero gli si ritorca contro questa sua decisione (risata satanica).
    Va beh dai, domenica è vicina, speriamo di vedere qualcosa di meglio la prossima puntata.

  11. Mara R. scrive:

    Sono stupita per quello che sono riusciti a fare con il personaggio di Cary: così, di colpo, gli consentono di reggere l’intero episodio. Quando al telefono, con suo padre, lentamente capisce che il dramma umano del genitore è semplicemente quello di ottenere da un figlio messo da parte una raccomandazione, mi sono sentita triste e a disagio per lui.
    David Lee in azione è impagabile ma la mia scena preferita è quella in cui il trustee irrompe nello studio tuonando contro Diane e Will che flemmaticamente gli fanno capire che la nave può affondare come approdare: al timone ci saranno comunque loro.

  12. Raffyx scrive:

    Da un punto di vista personale, ho trovato Christina Ricci del tutto fuori parte e assolutamente priva di incisività ma sinceramente anche lo script che le hanno dedicato molto deludente. E mi fa rabbia che il primo caso in cui Cary è stato finalmente coinvolto sia stato il peggio che sia venuto fuori dalla penna degli scrittori da inizio stagione. Vabbè.
    Quanto a Cary, tutto frettoloso, come se in una sola puntata avessero voluto recuperare tutto il tempo perso in queste tre stagioni. Ma non mi aspettavo di più. E’ stato il loro modo di dichiarare quello che era stato sempre solo accennato su Cary. Lo scopo era dirci qualcosa in più su Cary. Non farci apprezzare un padre scritto come uno stronzo (probabilmente senza redenzione) e interpretato di conseguenza o nel darci una nuova versione di daddy issues. Non ho trovato Shea così scarso, come descritto.
    Cary viene da una famiglia benestante, ma ha goduto ben poco dei privilegi di una famiglia benestante, visto che se suo padre lo ha cacciato “without a cent” a 18 anni. Il che vuol dire che per permettersi law school e college ha dovuto con tutta probabilità indebitarsi con i soliti prestiti universitari e fare doppi lavori per mantenersi. Il che, FINALMENTE, da anche un senso al livore provato per essere stato solato la prima volta dalla L&G per le “conoscenze” di Alicia, cosa di cui lui, invece, non ha potuto, neanche volendo, mai godere.
    Sono d’accordo con Alicia che Cary “changed” ma penso che in fondo non è mai stato così male come si supponeva, ma semplicemente poco si sapeva di lui per dare un senso alle sue azioni, che ora sembrano più comprensibili. Come il suo quasi filiale rapporto con Peter, evidentemente un modello più positivo di uomo rispetto a suo padre.
    Alicia ha solo avuto una conferma di quello che è arrivata a realizzare conoscendolo un pò di più per quello che è. Senza bisogno di saperne molto di più. Cosa che dovrebbe valere anche per il telespettatore.
    Quindi ho apprezzato questa parte dell’episodio per quello che mi ha detto e fatto vedere di Cary. Qualcosa di più.

  13. elena scrive:

    ManuSupertramp ha scritto:
    Continua poi l’operazione “simpatia” nei confronti di Peter: bravo, anti-sgammo! non se n’è accorto nessuno che l’hai assunta solo perché raccomandata. Ottima mossa per un politico assumere una persona senza guardare nemmeno il curriculum, senza averle fatto nemmeno mezza domanda, il tutto davanti ad una tua dipendente, e cicliegina sulla torta: la persona in questione è giovane, bella e tu sei costantemente perseguitato da scandali sessuali. Che qualcuno ricordi a Peter che di mestiere fa il politico, non il salumiere!
    Spero gli si ritorca contro questa sua decisione (risata satanica).

    Ti quoto!
    Bellissima la tua risata satanica :D

  14. Raffyx scrive:

    Mara R. ha scritto:

    Quando al telefono, con suo padre, lentamente capisce che il dramma umano del genitore è semplicemente quello di ottenere da un figlio messo da parte una raccomandazione mi sono sentita triste e a disagio per lui.

    Matt Czuchry fantastico in questa scena. Sono d’accordo con Diane: we need to use Cary more. And better, aggiungerei.

  15. Fran scrive:

    Io invece ho trovato l’episodio proprio bello.
    E, la storyline più deludente, per me, non è quella con Christina Ricci, ma quella di Peter. Ne avrei fatto volentieri a meno.
    Therese l’avrei presa a schiaffi, non mi ha fatto ridere una volta, ma anche io l’avevo interpretata come Jeanne.
    Ma finalmente si dà spazio a Cary. E per quanto possa esser inespressivo il padre, Matt Czuchry regge tutto ed alla grande. L’ho adorato nel suo rapporto con Alicia, ho adorato la scena della chiamata al padre, perché si è visto FINALMENTE un Cary diverso ed abbiamo potuto scoprire qualcosa in più di lui (Mitchum Huntzberger in confronto era un santo).
    E abbiamo visto David Lee che SPACCA sempre.
    No, a me l’episodio è proprio piaciuto, non bello come il precedente, ma assolutamente salvabile.

  16. crazy diamond scrive:

    A me l’episodio è piaciuto. Non sta certo nella mia top ten degli episodi di TGW, ma l’ho trovato godibile e i riferimenti meta li ho apprezzati.
    Concordo però che Christina Ricci non è stato un casting azzeccato per la parte, ma un errore lo possiamo anche concedere.
    Finalmente abbiamo visto tanto Cary! Le daddy issues sapevano un po’ di riciclato, ma quanto è carina l’amicizia tra lui e Alicia? Spero che ora che condividono lo stesso studio avremo modo di vedere più del loro rapporto.
    La questione di Peter e del suo penis mi ha divertito. Si stanno proprio accanendo su di lui con la campagna politica e devo dire che è forse la storyline della serie che mi interessa di più. Il personaggio di Peter ha un’immagine sicuramente riscattata rispetto al passato, ma non so perchè c’è sempre qualcosa in lui che non mi convince. E’ come se da un momento all’altro mi aspettassi sempre il passo falso e penso che prima o poi effettivamente qualcosa i nostri autori tireranno fuori.

  17. Raffyx scrive:

    Ragazzi, vorrei solo notare che la recensione non è stata taggata come “the good wife”, quindi non compare nell’archivio insieme alle altre.

  18. cler scrive:

    Io non riesco a trovare link per lo streaming con subita… qualcuno mi può aiutare?? :)

  19. eleonora scrive:

    Mi sono dimenticata perfino che mandavano in onda un nuovo episodio.
    Da quanto viene detto nella recensione , credo che guarderò la parte che riguarda le issues dello studio e quindi Daianne e Will.

    Il pene di Peter ? che strazio :(

    Alicia che raccomanda personale al marito : che strazio !!!!
    Basta .

  20. Come Kaw, io questo episodio l’ho trovato una bomba, come la maggior parte di quelli di questa stagione. Il focus su Cary, il rapporto con Alicia, il caso, le vicende dello studio le primarie, insomma tutta roba non solo buona, ma bella. La migliore serie in onda quest’autunno. Viva.

  21. alessia scrive:

    La ricci non mi ha fatto proprio ridere. Ma proprio lei dovevano prendere per fare la comica? O_o io continuo a vederla come mercoledì….
    Cary è ciccio necessità sicuramente di più screen time!

  22. A. scrive:

    A me la gag è piaciuta..subdola..apparentemente cretina e perché no spiritosa.Il caso della settimana non mi è dispiaciuto affatto,però devo ammettere che IO AMO CHRISTINA RICCI..peccato che non lavori come dovrebbe (almeno per me).Devo dire che quel ‘more Cary’ mi ha fatto sorridere,lo dico sempre anche io ..chissà se gli autori si sono sentiti alle strette per le numerose richieste di ”DARCI PIù CARY” o se fosse una perculata,un po’ come la storia della gag,per noi fan di Mr.Agos .. Riguardo Hayden,devo ammettere che un po’ mi ha deluso o più che altro ho dovuto fare i conti con una cruda realtà .. io lo avevo etichettato come un Lane Pryce moderno,avevo ipotizzato un suo intervento,diventando socio,alla L&G..avevo intravisto nel suo relazionarsi con Cary un rapporto padre-figlio e in questo episodio ho dovuto scontrarmi con ‘la verità è che non gli piaci abbastanza’ ..nel senso,lui si sta occupando della L&G ma in ballo non c’è nessun sentimento..nessun legame… di conseguenza lui opera freddamente e in maniera distaccata..a quanto pare mi ero fatta un film,e che film.Li salverà ?! penso di si.. ma niente di più,tanti saluti un giro di champagne e via verso altri lidi…

  23. Angela scrive:

    A me questa puntata è piaciuta tanto. Non per il caso della settimana, per il contesto. Peter che assume la Peet è straordinario, ma vedo un difficile futuro lavorativo per il soldato Hellinger.

    Puntatona per Cary: adesso sappiamo qualcosina in più sul suo passato, sappiamo che ha un padre, una madre ed una fidanzata del liceo. Sappiamo che suo padre è un arrivista che vorrebbe sfruttate la posizione di suo figlio per accaparrarsi un buon posto. Povero Cary!
    Alicia e Cary che parlano come due vecchi amici nella stessa camera d’albergo? Se prima avevano dato poco spazio a Cary, con questa scena hanno fatto un grandissimo passo avanti.

    Ma le cravatte del avvocato dell’accusa, di Cary, del Trustee, di Eli e di David Lee? Dovevano sponsorizzare qualche stilista? Sono tutte tremendamende uguali e brutte.

    E poi Cristina Ricci che esordisce in tribunale dicendo: I’ve smiled to my lawyer because he’s cute riferendosi a Will! Quanto hai ragione Cristina, It’s molto molto cute!!!

  24. Raffyx scrive:

    A. ha scritto:

    Devo dire che quel ‘more Cary’ mi ha fatto sorridere,lo dico sempre anche io ..chissà se gli autori si sono sentiti alle strette per le numerose richieste di ”DARCI PIù CARY” o se fosse una perculata,un po’ come la storia della gag,per noi fan di Mr.Agos ..

    Spero vivamente non sia affatto una perculata. In specie dopo le sequela di perculate della scorsa stagione. In più non è solo questione di accontentare gli Aogostiani, ma è chiaro che usare più Cary da agli autori anche chance di movimentare un pò tutte le dinamiche interne allo studio. Infatti anche una storyline che doveva essere prettamente riferita a Cary, alla fine ha avuto benefiche ripercussioni anche nelle dinamiche fra Cary ed Alicia, questo perchè questa volta il parente o affine di turno è stato inserito nel tutto e non relegato a siparietti sconnessi dal resto. E’ servita a sviluppare Cary come personaggio ma anche a movimentare e fare un ulteriore passo in avanti nel rapporto Cary/Alicia.

    Riguardo Hayden,devo ammettere che un po’ mi ha deluso o più che altro ho dovuto fare i conti con una cruda realtà .. io lo avevo etichettato come un Lane Pryce moderno,avevo ipotizzato un suo intervento,diventando socio,alla L&G..avevo intravisto nel suo relazionarsi con Cary un rapporto padre-figlio e in questo episodio ho dovuto scontrarmi con ‘la verità è che non gli piaci abbastanza’ ..nel senso,lui si sta occupando della L&G ma in ballo non c’è nessun sentimento..nessun legame… di conseguenza lui opera freddamente e in maniera distaccata..a quanto pare mi ero fatta un film,e che film.Li salverà ?! penso di si.. ma niente di più,tanti saluti un giro di champagne e via verso altri lidi…

    Mah, io gli do ancora il beneficio del dubbio….

  25. Raffyx scrive:

    Angela ha scritto:

    Ma le cravatte del avvocato dell’accusa, di Cary, del Trustee, di Eli e di David Lee? Dovevano sponsorizzare qualche stilista? Sono tutte tremendamende uguali e brutte.

    Ci si potrebbe scrivere un’intera recensione solo sul vasto campionario di cravatte (molte delle quali abominevoli) apparse nello show. Sono una specie di recurring non ufficiale.

  26. elena scrive:

    @ Raffyx:
    Infatti nella scorsa stagione quando Will era senza cravatta ho provato un certo sollievo :P

  27. Giovanni Di Giamberardino ha scritto:

    Come Kaw, io questo episodio l’ho trovato una bomba, come la maggior parte di quelli di questa stagione. Il focus su Cary, il rapporto con Alicia, il caso, le vicende dello studio le primarie, insomma tutta roba non solo buona, ma bella. La migliore serie in onda quest’autunno. Viva.

    mi accodo. m’è piaciuto un sacco. e pure la Ricci, lo ammetto.

  28. A. scrive:

    @ Raffyx:
    visto che amano tanto pontificare ho pensato che ci stanno dando ‘more Cary’ perché gli abbiamo sfracassato le balle ma concedendoci questo piacere un po’ ci sfottono ..chissà magari vorrebbero avere un pubblico meno da CW,un po’ come la 7 che snobba il pubblico di italiauno :p ..è che almeno per me,non è che io voglia Cary più in ballo per la sua avvenenza..o per lo meno non solo,penso che Matt sia bravissimo e capace di grandi cose …il suo personaggio è interessante … lo è molto di più rispetto ad altri..ehm.. Kalinda.. dicevo ad altri a cui sono stati dedicati minuti e minuti di niente;di conseguenza non trovo così frivola la richiesta di occupare la scena con un inside nella vita di Mr.Agos o anche solo farcelo vedere in aula e all’opera e non in seconda a fila a fare da controfigura agli arredi in tribunale.Però ci sta che magari l’appello un po’ infantile abbia storto gli autori :) Riguardo le cravatte è vero sono come dire ‘folcloristiche’ però quel damascato,mo ci rivuole su Cary non stona.. a me piace il risultato finale ;)

  29. Paola scrive:

    Ormai non mi viene neanche più da commentare. episodio abbastanza penoso, battute scarse, e dai Alicia, ripigliati! sai che risate, ma una volta avevi di meglio da fare…e Will è scomparso? Mah. C’è un riferimento a Maddie che non capisco, ma ve lo chiederò se mai più avanti..ora mi sta venendo un po’ di depressione per la fine che sta facendo la serie, e soprattutto Alicia. Però l’episodio nuovo che ho visto oggi forse introduce un cambiamento…meglio, molto meglio.

  30. Raffyx scrive:

    @ A.:
    A. ha scritto:

    @ Raffyx:
    visto che amano tanto pontificare ho pensato che ci stanno dando ‘more Cary’ perché gli abbiamo sfracassato le balle ma concedendoci questo piacere un po’ ci sfottono ..chissà magari vorrebbero avere un pubblico meno da CW,un po’ come la 7 che snobba il pubblico di italiauno :p ..è che almeno per me,non è che io voglia Cary più in ballo per la sua avvenenza..o per lo meno non solo,penso che Matt sia bravissimo e capace di grandi cose …il suo personaggio è interessante … lo è molto di più rispetto ad altri..ehm.. Kalinda.. dicevo ad altri a cui sono stati dedicati minuti e minuti di niente;di conseguenza non trovo così frivola la richiesta di occupare la scena con un inside nella vita di Mr.Agos o anche solo farcelo vedere in aula e all’opera e non in seconda a fila a fare da controfigura agli arredi in tribunale.Però ci sta che magari l’appello un po’ infantile abbia storto gli autori Riguardo le cravatte è vero sono come dire ‘folcloristiche’ però quel damascato,mo ci rivuole su Cary non stona.. a me piace il risultato finale

    Ormai a fracassargli le palle erano pure i reviewers oltre che i fan che, almeno a quello che leggevo io in ogni dove, non gli hanno mai chiesto niente di così imbarazzante: la richiesta più frequente era “una storyline” per Cary. Ma lasciamo stare la presunta scarsa considerazione per i fan.. questo non dovrebbe influenzare la considerazione, che pure hanno sempre (a parole) enunciato, per l’attore…e invece…
    In più non vorrei che per un’intera stagione mandassero avanti questa storia di Diane che incita Will ad usare più Cary, con l’unico risultato di non usarlo fino a fine stagione
    Non condivido poi gli ultimi possibili sviluppi della vicenda e temo che ancora una volta Cary verrà utilizzato non per raccontare qualcosa in più su di lui ma per salvare capre e cavoli dopo i macelli delle ultime puntate, ma questo è materiale per i commenti al prossimo episodio.

  31. Siobhan scrive:

    @Paola: come è stato già fatto notare, Josh Charles ha diretto questo episodio. Avrà scelto apposta uno in cui appariva di meno, e comunque hanno sempre fatto un po’ a turno con gli attori, Margulies esclusa. Se volessimo proprio lamentarci, Cary a parte, è Diane quella ad avere meno storyline personali. Will ha sempre avuto Alicia e l’anno scorso il grand jury e la sospensione. Eppure nessuno si lamenta per il minor spazio dato a Diane.

    A proposito delle insistenze di fan e reviewer (se leggete The A.Club, David Sims chiede di Cary a ogni puntata), ho rivisto da poco una vecchia intervista e i King dicevano di leggere le varie cose su internet. Quindi sono sicuramente consapevoli di quello che i fan pensano delle varie scelte. Non è che la scena di Kalinda, Nick e le uova fosse meravigliosa sulla carta e solo filmandola si siano resi conto che era ridicola. Hanno visto che Nick fa schifo a tutti indistamente e hanno deciso di tagliarlo.

  32. Raffyx scrive:

    Ho letto non so dove che Charles per preparasi alla regia ha dovuto ridurre la sua presenza nei due episodi precedenti e in quello successivo (per occuparsi del postproduzione). Quindi non credo assolutamente che lo show lo stia mettendo da parte. Anzi.
    Quanto al fatto che il privato di Will abbia sempre avuto largo spazio, specie se paragonato a quello di altri personaggi, concordo. E penso anche che gli autori abbiano comunque tentato di mettere una toppa alla fine della storia con Alicia, trovandogli altro da fare (se con successo o meno questo è un altro paio di maniche).
    E direi, ad occhio, che il personaggio di Laura ha grosse chances di diventare la prossima girlfriend di Will.

  33. Namaste scrive:

    Siobhan ha scritto:

    come è stato già fatto notare, Josh Charles ha diretto questo episodio. Avrà scelto apposta uno in cui appariva di meno

    Ti confondi con “The Art of War”, dove Josh Charles si prendeva un po’ in giro limitandosi a fare da segretario.

    Questo episodio l’ha diretto invece James Whitmore Jr., veterano dei procedurali.

  34. Siobhan scrive:

    @ Namaste:
    Hai ragione! Ora che ci penso però Will in questo episodio non mancava lo stesso, era con Diane a combattere il trustee. Era l’abbiocco post-prandiale a confondermi :P
    @Raffyx: interessante, e in effetti due episodi dopo, nell’ultimo andato in onda, c’è parecchio Will.

  35. Mia scrive:

    Finalmente sono riuscita a recuperare questo episodio (e a guardare il prossimo ;) )! Visto in prospettiva di ciò che lo seguirà, lo valuto “carino”, di passaggio, diciamo pure leggero, in alcuni tratti un’ironia un po’ sopra le righe (ad es. clacson strategici e finestra in coordinato, ma alla fine lascio passare con simpatia anche quello!); in sostanza Cary’s time, finalmente! Niente di così speciale, e neanche lo pretendevo, infatti va bene così, Matt Czuchry riesce a dare spessore e senso anche a qualcosa di scontato o stravisto, ma almeno questa volta è una situazione che riguarda Cary, e non sempre di altro/i in cui si presta a jolly salva tutto! Sfumature che colorano il suo passato, rendono vero il suo rapporto con Alicia, confermano chi è oggi. Bene! Unica nota stonata: ma a Mr. Shea l’hanno spiegato che non stava recitando in (teen drama mood) GG?!!

    Christina Ricci non mi è dispiaciuta affatto, mi è sembrata nella parte; in generale né la odio né la amo, e credo che in questo caso la scelta sia ricaduta su di lei proprio per evitare che il pubblico prendesse sul serio le sue battute, e le voci in campo di ulteriore supporto a tal fine sono proprio le eloquenti facce interpretate, attorno al suo personaggio, di disagio/esasperazione(Will: “She needs a babysitter!”)/rassegnazione(Cary: “She’s a comedian!”). È una recita della Dodd nella recita della Ricci, that’s all!

    Ah, le risatine di Alicia, dall’inizio alla fine, quelle no, non mi sono piaciute….ultimamente non la capisco molto, ma in fondo forse non l’ho mai ben capita!

    Su Mr. Hayden, beh, lavora con i numeri, c’era da aspettarselo….ma lavora anche con Cary, il ragazzo che riporta sempre tutti, anche il caro trustee, alla ragione….e alla mediazione! Chissà, chissà….anche se 12 non è 60, e su questo non si può mediare!

    L’unica cosa che ho trovato veramente noiosa è la storiella su Peter, la sua fantomatica voglia e la stratega Maddie…inutile e ripetitiva.

    Prendiamola così, as a joke hour! Ah, “When (money) there isn’t, wishing there is won’t make it so.” e “People hire people they know. It’s not wrong (??!!!). It just is.”, purtroppo non fanno parte dello scherzo!

    Su Willaura, concordo con Raffyx! Will in women……..Cary in court, magari!! ;)

  36. Raffyx scrive:

    Mia ha scritto:

    ma almeno questa volta è una situazione che riguarda Cary, e non sempre di altro/i in cui si presta a jolly salva tutto! S

    Almeno questa volta. Per il futuro non so se riusciranno a rimanere fedeli a questa direzione. Ma me lo auguro perchè ne ho abbastanza di Cary “utilizzato” quando serve ad altro (ed altri).

  37. raffaella scrive:

    Episodio terribile, brutto proprio brutto, concordo abbastanza con la pacata recensione, trovo però il voto troppo generoso io non so cosa avrei dato forse zero.
    A me non piace Christina Ricci la trovavo insopportabile anche nella sfortunata Pan Am,in questo episodio poi il suo personaggio è proprio mal riuscito, ma è tutto mal riuscito anche lo spazio che è stato dato(finalmente a Cary) raccontandoci un pò della sua vita, della sua famiglia prima della L&G ma è stato trattato in fretta e male forse per colpa del padre o meglio dell’attore(non ricordo neanche il nome) ma ha fatto veramente pietà.
    Aggiungo solo che dai commenti ho notato che alle donna come è piaciuto poco mentre ai maschietti molto di più ma come mai???? ;)

  38. Mia scrive:

    @ Raffyx:

    Prevedo (e neanche tanto, visto che sono stati gli stessi King a dirlo!) che Cary ed Alicia saranno coinvolti (leggi pure “utilizzati per correggere il tiro”) nella storyline(??!) Nick/Kalinda, o meglio nell’ormai divenuta mission #facciamofuoriMr.Savarese! Ma chissà che poi tutto questo non si riveli qualcosa di buono anche per il nostro Cary! ;) Boh…..

  39. ManuSupertramp scrive:

    Raffyx ha scritto:

    Ho letto non so dove che Charles per preparasi alla regia ha dovuto ridurre la sua presenza nei due episodi precedenti e in quello successivo (per occuparsi del postproduzione). Quindi non credo assolutamente che lo show lo stia mettendo da parte. Anzi.

    in effetti ha senso, non ci avevo pensato! questa cosa (anche alla luce della puntata di domenica scorsa) mi tranquillizza :-D

    Raffyx ha scritto:

    E direi, ad occhio, che il personaggio di Laura ha grosse chances di diventare la prossima girlfriend di Will.

    la scelta magari non è delle più originali ma riflettendoci potrebbe portare a qualche interessante sviluppo… io però al contrario di Mia spero di vedere Will “in court” invece che “in women”, nulla da obiettare se danno più spazio anche a Cary in tribunale ma di fidanzate di Will ne abbiamo già avute abbastanza… meglio concentrarsi sul piano lavorativo

  40. Raffyx scrive:

    Mia ha scritto:

    @ Raffyx:
    Prevedo (e neanche tanto, visto che sono stati gli stessi King a dirlo!) che Cary ed Alicia saranno coinvolti (leggi pure “utilizzati per correggere il tiro”) nella storyline(??!) Nick/Kalinda, o meglio nell’ormai divenuta mission #facciamofuoriMr.Savarese! Ma chissà che poi tutto questo non si riveli qualcosa di buono anche per il nostro Cary! Boh…..

    Mah, io so dai precedenti, che ongni volta che Cary viene coinvolto nei casini di Kalinda niente di buono ne esce per lui, nè in termini di storyline nè di screentime. Mi auguro che questa volta vada, se andrà in questa direzione, diversamente.

  41. Mia scrive:

    ManuSupertramp ha scritto:

    io però al contrario di Mia spero di vedere Will “in court” invece che “in women”, nulla da obiettare se danno più spazio anche a Cary in tribunale ma di fidanzate di Will ne abbiamo già avute abbastanza… meglio concentrarsi sul piano lavorativo

    Il mio “magari” era per “Cary in court”! Riguardo a Will solo congetture sul nuovo arrivo (Laura)….e poi mi sembra che sia proprio un vizietto del caro Mister Gardner mischiare lavoro e piacere….che a quanto pare non ci tiene proprio a perdere…né il vizietto, né tantomeno in aula, quindi non mi preoccuperei più di tanto (ogni riferimento a fatti e/o persone è puramente casuale…->next episode ;) )!!

  42. Raffyx scrive:

    @ ManuSupertramp:
    A quanto pare l’originalità è andata esauirita. Ora si spera solo che anche il materiale non originale sia quanto meno gestito coerentemente e senza character’s assassinations….
    E Cary in court è prioritario per me, ma se dessero ANCHE a lui una donna decente, invece di lasciarlo ancora incatenato a Kalinda nella versione “amico” innamorato senza speranza di essere ricambiato…

  43. Siobhan scrive:

    Ma siamo ancora nelle puntate scritte e girate prima che i Kings avessero un’illuminazione sulla via di Damasco oppure no? Ormai la frittata (anche letteralmente, purtroppo) è fatta, aspettiamo e vediamo. Mi aspetto una seconda parte di stagione migliore.

  44. Raffyx scrive:

    Siobhan ha scritto:

    Ma siamo ancora nelle puntate scritte e girate prima che i Kings avessero un’illuminazione sulla via di Damasco oppure no? Ormai la frittata (anche letteralmente, purtroppo) è fatta, aspettiamo e vediamo. Mi aspetto una seconda parte di stagione migliore.

    Si mi sa che siamo ancora nelle puntate scritte e girate (e secondo me pure tagliate, soprattutto dopo aver visto l’episodio a seguire)

    Credo che dovremo sorbirci Nick almeno fino a metà stagione. La frittata è fatta e di certo non possono farlo scomparire nel nulla. Ho solo paura che anche con il coinvolgimento di altri personaggi nella vicenda non riusciranno a rimediare. Per risollevare la mia considerazione per Kalinda come personaggio la strada è lunga dopo questo lungo e penoso ruzzolone. In più se per rimediare dovessero compromettere quanto invece era stato programmato e scritto per personaggi a cui invece sono ancora interessata….mah. Vedremo.

  45. ManuSupertramp scrive:

    Mia ha scritto:

    mi sembra che sia proprio un vizietto del caro Mister Gardner mischiare lavoro e piacere….che a quanto pare non ci tiene proprio a perdere…né il vizietto, né tantomeno in aula, quindi non mi preoccuperei più di tanto (ogni riferimento a fatti e/o persone è puramente casuale…->next episode )!!

    eh già! il lupo perde il pelo… ma commenteremo a tempo debito ;-)
    d’altra parte in questa serie le vicende personali non possono avere troppo spazio (escludendo la protagonista) quindi per forza di cose quello che ci mostrano delle relazioni sentimentali dei protagonisti sono sempre legate anche al lavoro, tutti alla fine mischiano lavoro e piacere (Diane, Kalinda, Cary oltre che il già citato Will). E’ proprio un’esigenza di script per non slegare troppo le storyline. Si presuppone (o meglio voglio credere) che abbiano anche rapporti con chi non è collega/cliente/dipendente ma è lasciato giustamente off screen.

  46. Mia scrive:

    Raffyx ha scritto:

    Cary in court è prioritario per me, ma se dessero ANCHE a lui una donna decente, invece di lasciarlo ancora incatenato a Kalinda nella versione “amico” innamorato senza speranza di essere ricambiato…

    Straquoto!!!

    ManuSupertramp ha scritto:

    per forza di cose quello che ci mostrano delle relazioni sentimentali dei protagonisti sono sempre legate anche al lavoro, tutti alla fine mischiano lavoro e piacere

    D’accordo…diciamo pure allora che le relazioni di Will sono “serialmente” più on screen rispetto a quelle degli altri! ;)

  47. Raffyx scrive:

    Mia ha scritto:

    D’accordo…diciamo pure allora che le relazioni di Will sono “serialmente” più on screen rispetto a quelle degli altri! ;)

    Indubbiamente. E non si può certo dire che gli autori abbiano lasciato mai Will senza niente da fare. Sia dentro che fuori dall’aula.
    E peccato che invece, per ben quattro stagioni, abbiano incatenato Cary a Kalinda, senza mostrare nessuna intenzione di dare un seguito “serio” a questa storyline, ma nel frattempo senza neanche mai dare a Cary un serio love interest.
    Tutto questo ovviamente perchè, caso mai poi Cary fosse servito a rendere la storia di Kalinda più avvincente ( o semplicemente meno disastrosa), era lì pronto per entrare in scena, senza praticamente nessuno rilievo in termini di SUA storyline o di evoluzione del suo rapporto con Kalinda, e poi uscire quando non fosse servito più, portandosi dietro quei suoi perennemente “unresolved romantic feelings” per Kalinda. Due. Palle.

  48. elena scrive:

    Saranno gusti personali, ma sinceramente a me non interessa molto di Cary e non trovo chissà quale affinità tra lui e Kalinda.
    Piuttosto preferirei vedere di più Diane, in ufficio e fuori. Lei mi è sempre piaciuta molto!

  49. Angela scrive:

    Ieri guardavo un video su youtube che raccoglie i più bei momenti di Cary e Kalinda, tra questi c’era una che avevo completamente dimenticato. Voi ricordavate che Cary aveva detto a Kalinda:”non mi piace averti nella mia testa” e la bacia?
    Cmq a proposito di loro due ci sarà molto da commentare nell prossima puntata. sinceramente a me non piacerebbe assistere ad una storia tra loro due, Kalinda è troppo strana e Cary soffrirebbe troppo a stare con lei e io non voglio che lui soffra. È così pacioccoso, tenero che non se lo merita.

  50. Siobhan scrive:

    Angela ha scritto:

    Ieri guardavo un video su youtube che raccoglie i più bei momenti di Cary e Kalinda, tra questi c’era una che avevo completamente dimenticato. Voi ricordavate che Cary aveva detto a Kalinda:”non mi piace averti nella mia testa” e la bacia?
    Cmq a proposito di loro due ci sarà molto da commentare nell prossima puntata. sinceramente a me non piacerebbe assistere ad una storia tra loro due, Kalinda è troppo strana e Cary soffrirebbe troppo a stare con lei e io non voglio che lui soffra. È così pacioccoso, tenero che non se lo merita.

    Io ho trovato quello che è successo nella puntata dopo questa moooolto pretestuoso, fatto solo per metterlo in mezzo alla storia di NIck senza che ci fosse nessun senso. Certo, Kalinda protegge le persone a cui vuole bene, e non dubito che reputi Cary un amico, ma il modo in cui hanno fatto notare a Nick l’esistenza di Cary in relazione a Kalinda era completamente off character per Kalinda.

  51. Raffyx scrive:

    @ Angela:
    Due (o forse due e mezzo) stagioni fa sarei stata in disaccordo…ma ora come ora non posso che dire “quoto”.
    La mancanza di approfondimento di quanto c’era (se c’era a prescindere da essattamente cosa fosse) tra i due. Il fatto che lei non se lo sia filato di striscio per più di mezza terza stagione, anche da un semplice punto di vista amicale (e meglio non sta andando in questa quarta, dove a parte occhiate di intesa non si è visto assolutamente nessuno sviluppo, approfondimento e risoluzione di quello che si era visto in precedenza – baci, risentimenti, sentimenti mai spiegati – ) già mi avevano lasciato con l’amaro in bocca.
    Tanto che io invece dubito del fatto che Kalinda reputi Cary un amico, perchè di concreto, che provasse questo tipo di considerazione, non si è visto mai niente. E se amicizia fosse, allora avrebbero dovuto definirla da subito in tal senso e dare a Cary la possibiltà di moving on, come pare stia accadendo per Will. E invece no. Si ritorna sempre a bomba. Ed è questo effetto yoyo che mi fa girare le palle, perchè tra un lancio e un altro, Cary come personaggio si perde.
    Ma ora più che mai questa Kalinda che ci stanno prospettando, che dovrebbe essere la vera Kalinda per loro, non mi fa assolutamente apparire come fausta una possibile love story con Cary (che comunque, per me, non ci sarà mai), che ora più che mai non sembra avere nessun posto di rilievo negli affetti (se di veri affetti, a parte Alicia, ne ha) di Kalinda. Salvo un cambio a 360° gradi non vedo come il possibile coninvolgimento di Cary in questa storia possa rivelarsi qualcosa di interessante anche per lui e per la sua storia e non solo nel fare da deux ex machina che risolve la situazione, risvegliando la nostra eroina dal coma farmacologico in cui con tutta evidenza si trova, per poi ritornare lì da dove era venuto: dal background. Per fare spazio ad altri.

  52. mara scrive:

    non vedo l’ora di commentare il finale della prossima puntata. Intendo quella di domenica scorsa.

  53. Angela scrive:

    mara ha scritto:

    non vedo l’ora di commentare il finale della prossima puntata. Intendo quella di domenica scorsa.

    Anche io… Puntatona!!!

  54. ManuSupertramp scrive:

    elena ha scritto:

    Saranno gusti personali, ma sinceramente a me non interessa molto di Cary e non trovo chissà quale affinità tra lui e Kalinda.
    Piuttosto preferirei vedere di più Diane, in ufficio e fuori. Lei mi è sempre piaciuta molto!

    Straquoto. Comunque siamo in netta minoranza, Cary piace tantissimo a un sacco di persone, basta solo leggere i commenti qui su Serialmente. Non che mi infastidisca se ha più spazio, semplicemente non sono molto interessata a lui, anche se in queste ultime puntate mi è piaciuto un po’ di più.
    Invece mi interesserebbe tanto vedere più Diane, sono d’accordissimo. Paradossalmente, da qualche tempo a questa parte, chi mi interessa meno di tutti però è Alicia!

  55. elena scrive:

    @ ManuSupertramp: Grazie ;)
    Sono d’accordo riguardo ad Alicia, io ultimamente la trovo antipatica e faccio fatica a capirla, come personaggio. Peccato che si tratta della protagonista :P

  56. Alberto scrive:

    A me invece la puntata è piaciuta parecchio!! Molto strana per la Goof Wife, di solito più “tosta” a livello di temi rispetto a questo, che fra tette e peni mi ha fatto molto ridere!! XD
    E poi io adoro Christina Ricci, e l’ho trovata perfetta nella sua “innocenza fisica” contrapposta alla volgarità dei toni… XD Anche la parte di Cary non male, era ora che costruissero un po’ di retroscena… Ma si poteva fare mooolto di meglio con la storia del padre… Anche se la sua scena in stanza con Alicia mi è piaciuta un sacco!! :)

    Sulla connessione India Starr e Maddie, io era dalla scorsa puntata che avevo iniziato a pensarci… E temo sia andata proprio così. Non riesco a spiegarmi altrimenti le bugie reiterate di India e questo interesse di Maddie per Alicia: secondo me era tutto premeditato dall’inizio!!

    Voto: 3 stelle 1/2.

    P.S. A me la scena del clacson mi ha fatto molto ridere!!! XD Mi ha ricordato una scena di Subugatory, che però là finiva con “…. Bitch!”. Ahahah!!

    P.S. 2 Quanto mi piace la decisione di assumere l’avvocatessa militare nella procura!!! Così almeno si tornerà a dare spazio a questa parte!! E questo nuovo personaggio a me piace davvero tanto, molto più papabile come “amica di Alicia” rispetto a Maddie!!

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.