ratings

E si ricomincia.
Evitando di citarvi la canzone dei Righeira in loop da giorni nei vostri auricolari – lo sappiamo benissimo, non provate a negarlo – auguriamo un bentornato a voi e a A Week In Ratings, appuntamento settimanale per discutere di ascolti, rinnovi e cancellazioni alla partenza della nuova stagione televisiva.
Prima di passare a fare il punto della settimana ecco una veloce guida alla lettura degli ascolti e un piccolo avviso sui cambiamenti attuati alla vostra rubrica preferita che non riguardano solo l’immagine qui di fianco. Nello specifico l’articolo settimanale si snellisce per riportare esclusivamente il commento ai dati più importanti della settimana e lasciare spazio a un pezzo più approfondito alla fine di ogni mese in modo da riassumere meglio sviluppi e tenuta degli ascolti delle vostre serie preferite. Chiaro? Bene, cominciamo.

Lunedì 10 sulla NBC ricomincia The Voice, in netto calo rispetto alla premiere della scorsa stagione (4.2 di rating contro i 6.7 dello scorso febbraio), ma ciò che più ci interessa è che The New Normal al suo seguito debutta in maniera nient’affatto eccezionale con 2.5/6. Buono per la NBC, ma di certo non entusiasmante, soprattutto considerando che martedì 11 il secondo episodio di Go On, la nuova comedy con Matthew Perry raccoglie invece 3.4/10 da quello stesso lead-in (anche se giù rispetto alla premiere proposta un mesetto fa in coda alla copertura della giornata olimpionica). Il dato positivo è che il secondo episodio di The New Normal andato in onda proprio dopo Go On è rimasto stabile allo stesso 2.5/7 della serata precedente. Per il momento perciò ci si accontenta, aspettando di vedere come reggerà contro la competizione seria. Ancor meno positiva la partenza di Guys with Kids di mercoledì 12, che si assesta sui 2.2/6.
Sempre sulla NBC non impressiona troppo il ritorno di Parenthood che raccoglie soltanto 1.9/5, più o meno in linea con gli ascolti della seconda metà della stagione scorsa. Basteranno a far sopravvivere la famiglia Braverman per una quinta annata? È ancora presto per stabilirlo, ma si prospettano notti insonni NONOSTANTE la disastrosa media di rete della NBC.
Giovedì 13 l’accoppiata musicale di casa FOX va bene, ma senza guizzi. X-Factor e Glee pareggiano con un rating di 3.1 e l’high-school musical di Ryan Murphy registra la sua premiere più debole quanto ad ascolti sebbene la competizione nulla. Noi vi abbiamo avvisati.

Per quanto riguarda il via cavo invece ritorno impressionante per Sons of Anarchy su FX. La creatura di Kurt Sutter registra un nuovo record di ascolti con un rating di 2.8 e 5 milioni e rotti di spettatori, battendo nella serata di martedì sia The New Normal che Parenthood in onda invece sul broadcaster NBC.
Buone notizie invece per i fan di Episodes. La Showtime ha infatti deciso di rinnovare la serie per una terza stagione.

Cosa scende, cosa sale, cosa rimane dov’è

Sons of Anarchy, White Collar, Awkward
Hell on Wheels, The New Normal, Alphas, Warehouse 13, Parenthood
Go On, Guys with Kids, Glee

(Fonti: TvbytheNumbersTHR)

Giovanni Di Giamberardino

Giovanni Di Giamberardino (aka Rei) nasce qualche tempo fa da qualche parte. Ora, come un qualunque altro laureato italiano ex-corsista del RAI Script di sceneggiatura, complotta per la conquista del mondo e la distruzione dell’umanità. Ha scritto un libro che si intitola La marcatura della regina in uscita a luglio 2012 in libreria e in ebook. PS Qualcuno di nome Alice dice che assomiglia a Jason Ritter. blog - tumblr - twitter.

More Posts - Website

Commenti
8 commenti a “A Week In Ratings Light – Settimana 9-14 settembre”
  1. Thiliol scrive:

    Rubrica sempre molto interessante, ma che ne dite di dare uno sguardo anche a ciò che accade nel Regno Unito?

  2. Gli ascolti d’oltremanica sono molto più complessi da decifrare (il più grande network e produttore di serie è pubblico, quindi non interessato “soltanto” al tornaconto pubblicitario, senza contare il fatto che la misurazione è meno “scientifica” di quella americana) e meno interessanti da seguire settimanalmente (la programmazione a singhiozzo e la competizione ridotta sono più simili alla situazione italiana che a quella statunitense). Insomma, non mancheremo di riportare notizie di rinnovo o cancellazione come sempre facciamo, ma non più di quello.

  3. Ivy scrive:

    Fa sempre bene sapere che un buon prodotto come SOA, seppur con alti e bassi, riceve l’attenzione che merita nel paese dove si decide la sua sorte. Per il resto, le nuove premiere non sono il mio genere, e odio Glee, quindi direi una week in ratings non da strapparsi i capelli ;)

  4. Pepkins scrive:

    Contentissimo per Sons Of Anarchy (di quale non vedo l’ora della vostra recensione) e spero che Hell On Wheels si mantenga stabile. Questa sua seconda stagione sta ingranando alla grande.

  5. Alberto scrive:

    Rubrica (come sempre) interessantissima.
    Avevo inteso che il debutto di The New Normal non avesse fatto faville (ma forse era anche per il pilot già trasmesso in rete…), ma se si mantiene così (come sembra far sperare il secondo episodio) ce la può fare… :)

  6. BetterLife scrive:

    Sentivo la mancanza di questa rubrica, finalmente è tornata!
    Cmq boh è difficile trarre conclusioni visto che sono iniziate così poche cose, però per Glee mi aspettavo un rientro migliore (non che m’importi granchè, ma son sorpresa). Son contenta per Go on e spero vada avanti così, mi sta piacendo, e voglio Matthew Perry in tv per sempre.

  7. Sweet_Cele scrive:

    Glee è scritto in verde perchè lo considerate un buon prodotto?? A parte che non sono d’accordo (e qui è questione di gusti), non avete passato 3 anni a massacrarlo nelle vostre recensioni? Sono confusa..

    ps: non volevo fare polemica, giuro!

  8. Qui si parla soltanto di ascolti, non di qualità. E’ verde perché ha ottime possibilità di essere rinnovato per una quinta stagione. E’ il terzo anno di A Week In Ratings, pensavo ormai fosse chiaro. ;)

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.