doctor who 7x02

Doctor Who – 7×02 – Dinosaurs on a Spaceship

Alla sola lettura del titolo ero già soddisfatta dell’episodio.

Dinosaurs on a spaceship porta la firma di Chris Chibnall che ci consegna una storia spassosa e bizzarra in cui trovano posto, insieme ai dinosauri, un altro membro della famiglia Pond, la Regina Nefertiti, un avventuriero del secolo scorso, un’avido e spietato profittatore.  La girandola di avvenimenti innescata dalla minaccia di essere polverizzati da un attacco missilistico intrattiene riuscendo spesso a distrarre dall’amara verità: la struttura è quella di uno stand-alone ma è evidente che veniamo traghettati verso quello che sarà l‘addio di Amy e Rory. Allo stesso modo anche il Dottore tenta di distrarsi movimentando il suo entourage, mettendo insieme una “gang”, ma come dice ad Amy: “They’re just people, they’re not Ponds”. Ma, dicevamo: i dinosauri, c’è tempo per intristirci.

Il pianeta Terra nel 2367 d.c. è minacciato dalla collisione di un’astronave grande quanto il Canada. La Difesa Militare  è pronta a far partire le testate missilistiche in caso il Dottore fallisca nel tentativo di allontanare la minaccia. La regina Nefertiti è già al suo fianco, il tempo di passare a prendere Riddel un avventuriero accampato sulle pianure africane e, finalmente, i Pond. Passeggero accidentale Brian, il padre di Rory.

Mentre Amy, con l’aiuto di Nefertiti e Riddel, scopre di essere a bordo di una sorta di arca di Noè costruita dai siluriani alla ricerca di un nuovo pianeta – da qui la presenza dei dinosauri – il Dottore, Rory e Brian scoprono la causa dello stato di abbandono della nave: Solomon, un predatore di articoli rari, una volta sulla nave ha eliminato i siluriani per impadronirsi dei preziosissimi dinosauri. Le cose non sono andate secondo i piani: ferito dagli animali a bordo non è riuscito a modificare la rotta della nave che può essere governata solo da piloti che condividono lo stesso DNA.

Una trama del genere sembra puntare tutto sul divertimento e l’attrattiva di vedere il Dottore saltare in groppa a un dinosauro al grido di “Geronimo!” perché non abbiamo dubbi che troverà una soluzione e impartirà una lezione a Solomon. In effetti è così ma non proprio come potremmo aspettarci. La storia con Solomon rimarca un tratto peculiare della natura del Dottore: il suo rispetto per ogni essere vivente, in particolare la compassione per le creature sole – nel senso di ultime della propria specie – esattamente come lui. Il conseguente disprezzo per un individuo come Solomon porterà il Dottore a lasciarlo morire. Scelta forse estrema ma non fuori luogo considerando che il trafficante di beni è la negazione per il rispetto della vita a cui riesce ad attribuire alcun valore ma solo un prezzo.

Amy è ormai così avvezza a questo genere di situazione da riservare a Nefertiti e Riddel un trattamento da companions, i suoi companions, il che è certamente molto buffo ma pone anche l’accento sul fatto che ormai lei e Rory sono più vicini a essere una famiglia per il Dottore che non semplici compagni d’avventure. Sarà per questo che ho trovato molto toccante il momento in cui la ragazza, preoccupata dei tempi di attesa sempre maggiori tra un’apparizione del Tardis e l’altra, viene rassicurata dal Dottore ma involontariamente, entrambi, fanno riferimento al fatto che prima o poi dovrà arrivare la fine del loro rapporto ed è certamente più probabile che sia il Dottore ad accompagnare Amy fino alla fine dei suoi giorni che non il contrario.

Alleggerimento comico per il distacco che è nell’aria Brian, adorabile, pratico e pragmatico con sempre una cazzuola a portata di mano: perfetto ordinario contraltare per il Dottore e il suo cacciavite sonico e piacevole guest che concorre al giudizio positivo dell’episodio non straordinario ma divertente e godibile.

Note

  • Doctor Who, con Amy, sta praticamente dando vita a una sorta di matriarcato “Brian Pond, you are delicious” “I’m not a Pond” “Of coure, you are”.  Senza contare che Amy si definisce la “regina” di Rory.
  • Naturalmente se non fosse per la politica antispoiler nella scelta dello screencap l’immagine sarebbe stata questa.
  • “Don’t ever judge me by your standards”.
  • Il Dottore è un sagittario (probabilmente).
  • Piccola Harry Potter reunion: Brian Pond è Michael Williams, Solomon è interpretato da David Bradley.
  • Ridder è interpretato da Rupert Graves, l’ispettore Lestrade in Sherlock.

Mara R.

Whedonverse.

45 Comments

  1. Dinosaurs on a spaceship! Di primo acchito ho pensato fosse la risposta inglese a Snakes on a plane, perchè loro do it better.
    Episodio leggero, nella media, ben lontano dai fasti della sesta stagione ma temo dovrò farci l’abitudine.
    Un paio di scene sono meritevoli, quelle del triceratopo (ecco un buon companion!) e le riflessioni sul valore degli esseri viventi.
    Per ora è una stagione “light”, senza wibbly wobbly e col 60% in meno di epicità.

    Rispondi

  2. Non particolarmente colpito da questo inizio di stagione, e questo oneshot è ancora meno interessante del primo ep. Lo ricorderò per la tenera scena in cui Doctor rincuora Amy con tanto di bacio sulla fronte e appunto per il fatto che gli altri non sono Pond… mi mancano già :\

    Rispondi

  3. Divertente, adorabile e leggero. Lestrade ha finalmente trovato la sua divisione, e chiamalo scemo!
    I Pond sono ormai la famiglia del Dottore, cosa che trovo toccante: il Moff ha voluto regalare a questo personaggio così solitario un nuovo legame, forte, che non lo rendesse alieno per sempre.

    Rispondi

  4. Episodio davvero adorabile, alterna momenti spassosissimi (ma come abbiamo fatto tutto questo tempo senza Brian?) ad altri molto toccanti come la scena con Amy.
    Però secondo me la parte più importante in questo episodio la fa la scelta del Dottore di lasciar morire Solomon, ci ricorda (a dispetto del fatto che i Pond e soprattutto Amy lo vedono come un tizio buffo che non sa bene ciò che fa) che il Dottore è anche crudele e capace di un’ira implecabile. La scena in cui si infuria con Solomon, in cui gli chiede se anche i Silurian hanno implorato pietà, è secondo me bellissima e “pesante”, mi ha ricordato come impatto emotivo il Decimo Dottore che riempie d’acqua e fuoco il rifugio dei figli dell’imperatrice degli Aracnos.
    Bellissimo episodio, questa 7 serie, anche se si preannuncia povera di una storyline principale, si sta rivelando davvero molto entusiasmante!

    Rispondi

  5. Eleven13+centric 13 settembre 2012 at 12:52

    Bellissimo piccolo episodio. Ritmo perfetto, veloce, equilibrato, un’ennesima dinamica fresca. È un quintessenziale remainder di cosa sia DW al nocciolo: spesso, divertimento. Fantastica l’espressione con decine di sottotitoli di 11 dietro i Ponds durante il tramezzino e tè di Brian. A me è venuto il sospetto che stia diradando di proposito le visite per rendere un po’ meno dolorosa la partenza dei Ponds per sé. E ancora una volta DW animalista. Che nel Tardis non si possa mangiare carne secondo me è ormai assodato. ;D CC scrive benino, a bit traditional ma promosso! Anche la regia era di classe.

    I flirting companions, Neffy e Riddell non particolarmente ieratici o profondi (non che fossero pensati per esserlo, anzi!) Invece ottimo davvero l’equilibrio del trio che sta per lasciarci.

    Amy torna ad essere vispa e intelligente, dimostra d’avere imparato dai suoi viaggi e, nonostante Mr Pond, sceglie ancora di dare ancora voce alla parte di sé che ama viaggiare nel tempo. O è Chibnall che la scrive così bene? Ottimo lo sbaciucchio con Rory! Meno la reazione di Rory! :D A proposito di Brian, ottimo: da sedentario incallito a viaggiatore nel tempo incallito prodigo di postcards. Non è un Pond, è un Poulain.

    Dinosauri très mainstream: t-rex, raptors, ankylosaurus, pterodactyls, triceratops. Ma non importa! Davvero! Spoilers: l’India e l’ISA rullerano i cieli (e non sapranno nemmeno come disattivare i loro missili :D ). E citazioni musicali e letterarie: Adams, Schubert, Arthur Charles Clarke!

    Solomon: decrepito, genocida, non aveva imparato niente, continuava a bullarsene, aggrediva la mia immaginazione sbandierando l’idea di un fagiolino rattrappito dentro Nefy, laserava Tracey con gaudio, blow him off already! ;D Divertente il dettaglio “Did you hear what he called him? Doctor! After all this time” e poi aveva solo bisogno di un dottore :) E Eleven classy, specie nelle façade degli atteggiamenti. Gli occhietti dentro i Ponds!

    I’m happy.

    Rispondi

  6. Mr Weasley, Gazza e Lestrade!!!!

    Rispondi

  7. Concordo con la recensione ed i commenti: episodio stand alone assai divertente e ben congegnato.
    E che dire della deliziosa citazione di “2001: Odissea nello spazio”, quando il Dottore disattiva in un amen in due robot di Solomon… Daisy, Daisy, give me your answer do. I’m half crazy all for the love of you

    Rispondi

  8. sono l’unico che vuole Riddel come prossimo compagno ? ;-)

    Rispondi

  9. Eleven13+centric ha scritto:

    Non è un Pond, è un Poulain.

    Basta, questo sarà il nuovo riassunto dell’episodio. Ma che dico, della stagione! Ma che dico, di 50 anni di serie!

    On a side note: standalone carino, simpatico e puccipucci. Chiaramente non passerà alla storia ma piacevole da guardare. Con tutti quei siparietti che piacciono a me tipo Amy che won’t have flirting companions e il bacio del secolo, ma anche con un po’ di dark!doctor che dona tridimensionalità al personaggio.

    Però ammettiamolo, con un titolo così poteva venir fuori la cosa più entusiasmante dell’ universo. E invece.

    Rispondi

  10. Io non capirò mai perchè l’idea dei dinosauri su una navicella avesse esaltato tutti a priori!
    io avevo aspettative basse ma alla fine l’episodio mi è piaciuto perchè la quota dinosauri era ridotta (ma solo io ho questo problema?)
    Meglio stand-alone convinti e simpatici che troppa carne sul fuoco che poi brucia. Sono anche felice di come stiano costruendo l’addio ai Pond, passo dopo passo…
    io mi son sentita tristissima non tanto durante il dialogo amy/doctor quanto nella scena finale quando lei guarda la terra dal tardis e il dottore dietro di lei passa dal sorriso al corrucciato
    really really sad

    Rispondi

  11. [...] E come annunciato la scorsa settimana, non tutti i commenti su Serialmente quest’anno li faccio io… il primo risultato è che il commento per “Dinosaurs on a Spaceship” è arrivato molto prima del solito! Lo trovate ovviamente su Serialmente! [...]

    Rispondi

  12. Molto carino, meno aspettative e meno seghe mentali! Il Dottore che abbandona lì Solomon forse cozza un po’ con il percorso che Davies aveva pensato ed intrapreso per il personaggio, ma questo è Moffat e questo è Eleven, tutta un’altra storia. Senza menzionare, poi, che lo stesso Ten aveva capito, in fondo, che in lui c’era ben poco del pacifista che credeva di essere… e io forse lo preferisco così. Bellissimi tutti i momenti con Amy e…che tristezza! Attendo con ansia The Angels Take Manhattan, ma anche no, ma anche sì.

    Rispondi

  13. fluorocromo ha scritto:

    Io non capirò mai perchè l’idea dei dinosauri su una navicella avesse esaltato tutti a priori!

    perchè, andiamo, cosa potrà mai esserci di più figo nell’universo di dinosauri su un’astronave? Al 99% delle persone piacciono i dinosauri e sempre al 99% delle persone piacciono ne astronavi, quindi di conseguenza…poi le eccezioni ci sono sempre eh.

    Rispondi

  14. ma solo a me è sembrato che uno dei robot fosse doppiato da Matt Smith? quello con la vocetta più acuta. Fateci caso e ditemi…

    Comunque, spassoso! :)

    Rispondi

  15. Amore puro. Pensieri sparsi perché sto ancora fangirlando troppo e non riesco a fare un discorso:
    “You are awesome. big fan. High five!”
    Da oggi shippo il Dottore e Rory, che hanno già in tasca il serialemmy per il kiss of the year.
    “Do you have anything vegetable in your pants?” – “Just my balls”
    Il Dottore che tira fuori la lingua per capire dov’è.
    I due robot “that I’m gonna melt down clog by clog as soon as this ends”
    RORY è UN WEASLEY.

    Per me era da Fuck Yeah.

    Rispondi

  16. @ Ema:
    Le voci dei due robot erano di David Mitchell e Robert Webb,un duo comico molto famoso in Gran Bretagna.

    Rispondi

  17. Avevo capito che era Lestrade di Sherlock, comunque riuscito anche in quel ruolo, i suoi flirt con Nefertiti erano spassosi e se ne è accorto qualsiasi personaggio.
    Devo abbandonare il desiderio di andare in giro con The Doctor se poi rifila baci a stampo a tradimento.

    L’episodio mi ha divertito, se il primo fosse stato ad alto contenuto drammatico l’avrei trovato perfetto per rilassare, ma nel complesso questo inizio di settima stagione è un po’ deboluccio rispetto alla sesta. Io mi sono divertito, 4 stelle le lascio con piacere.

    Come trama in sé però nulla di eccezionale, c’era Solomon che voleva la regina per lui, storia piuttosto bruttina, per fortuna c’era da ridere per il resto. Ottimi gli effetti speciali, altro che Terra Nova!

    Rispondi

  18. Io l’episodio me lo sono proprio goduto!! C’era tutto: divertimento, momenti toccanti, un accenno alla trama orizzontale di questa stagione (su questo torno dopo) e anche la “mitologia” del Dottore (una delle razze storiche dello show, i Siluriani, il tema del genocidio etc).
    Questo inizio di stagione si può sicuramente considerare più debole degli altri, ma non certo per questo episodio. E’ stata la premiere, pur rimanendo ottima, a non essere all’altezza. Ma aggiungerei “per ora”, perchè credo che Asylum of the Daleks acquisterà molto più spessore in futuro, quando ci sarà la (ri?) entrata in scena di Oswin. Ho la sensazione che sia come uno di quei film che devi vedere due volte per apprezzarne veramente il valore (alla Shutter Island, per intenderci). Anche se, a mio parere, rimane sempre inferiore a The Eleventh Hour e The Impossible Astronaut.
    Invece, per tornare a noi, non credo proprio che questo Dinosaurs on a Spaceship sia stato inferiore ad altri secondi episodi dell’era Moffat, anzi. D’altra parte, l’anno scorso il secondo episodio (se si calcolano The Impossible Astronaut e Day of the Moon come un tutt’uno) era The Curse of the Black Spot che, per quanto abbia momenti apprezzabili, non è certo impeccabile.
    Insomma, a me questi dinosauri sull’astronave mi sono piaciuti e pure parecchio!!
    E poi mi sto godendo appieno gli ultimi momenti con i Ponds. Vi dico solo che al “they’re just people, they’re not Ponds” già avevo gli occhi lucidi, al dialogo tra il Dottore e Amy singhiozzavo, il bacio in fronte mi ha quasi ucciso :(
    Infine, non sono d’accordo con chi dice che manca una trama orizzontale, una storyline principale. Sicuramente non è così evidente come le crepe nell’universo o il Silenzio, ma secondo me c’è, è in continuità con le stagioni precedenti (lo stesso filo conduttore per 3 stagioni è una cosa stupenda!) e si preannuncia pure tristissima. A me tutto questo dimenticarsi del Dottore non piace per niente!!! Anche in questa puntata continuiamo a vedere come Eleven stia facendo sparire le proprie tracce (il database di Salomon non lo riesce ad identificare). Che cosa succederà quando nessuno nell’universo si ricorderà più di lui? Si faranno tutti la fatidica domanda: Doctor Who?? E allora “cadrà” il Silenzio?? Io sono già in ansia…

    Rispondi

  19. LordBison ha scritto:

    Dinosaurs on a spaceship! Di primo acchito ho pensato fosse la risposta inglese a Snakes on a plane, perchè loro do it better.

    l’ho pensato subito!! mi ricordo ancora l’intervista dell’estasiato samuel che raccontava “immaginatevi, snakes…on a plane!”

    Rispondi

  20. @ Eugenia:
    grazie mille per la dritta!

    Rispondi

  21. @ Bow Tie:
    il DB di Solomon non lo identifica, ma all’Agenzia Indiana Spaziale lo conoscono benissimo (anche se non esitano a metterlo a morte) e teoricamente sia l’uno che gli altri appartengono allo stesso tempo. Io ‘sta cosa devo ancora farmela andare giù, ma ho idea che dovrò mettermi l’anima in pace in proposito con un bel “perché sì”.

    Rispondi

  22. Episodio carino, ma nulla di speciale. Voglio dire, è un episodio classico nella media. Tutto qui.
    Le situazioni e l’atmosfera erano decisamente più leggere rispetto all’opener. Non che sia un male. Anzi, di tanto in tanto c’è necessità di farlo.
    Più che altro ho trovato discutibile alcune scelte pe la caratterizzazione dei personaggi. Tipo Amy che si rimangia il fatto di essere la regina di Rory. La Pond che abbiamo imparato a conoscere non lo farebbe. E poi (SPOILERS AHEAD!) il Dottore che uccide Solomon. Va bé, ad esser pignoli sono stati i missili ma…Il punto è che questa incarnazione è forse quella dal cuore più tenero e simili atti di “cattiveria” mi sembrava li dovesse ancora tirare fuori dalla manica. Non sono fattori negativi però. Le persone sono spesso ipocrite o a volte fanno cose che non fanno abitualmente. Quindi ciò che ho scritto è solo discutibile, tutto qui. Inutile pensarla in una maniera sola.
    Molto contento dell’arca Siluriana. E del fatto che esista un pianeta popolato da dinosauri chiamato Siluria. Fantastico.

    Ps: Come al solito ho linkato la vostra recensione alla mia. Spero non vi dispiaccia ;) : http://ktboundary-smnt2000.blogspot.it/#!/2012/09/reviews-dinosaurs-on-spaceship-doctor.html

    Rispondi

  23. Buongiorno a tutti! Sono un neofita di “Doctor Who” e avrei una domanda da fare ai fan duri e puri. Io ho provato più volte ad iniziare la nuova serie dall’inizio, ma non sono riuscito ad andare oltre il terzo episodio (quello con guest star la tipa che poi ha fatto “Torchwood” mi pare), soprattutto per via degli effetti speciali trash da morire e le storie poco accattivanti (manichini, fine del mondo e fantasma vittoriano) così sono saltato direttamente alla quinta stagione che invece mi sta piacendo moltissimo (forse è anche perchè ho letto che da lì in poi la gestione autoriale è passata nelle mani di Steven Moffat) quindi mi chiedevo: vale la pena continuare il primo anno oppure forse semplicemente preferisco lo stile di Moffat? Che mi consigliate? Grazie in anticipo :)

    Rispondi

  24. “vale la pena continuare il primo anno oppure forse semplicemente preferisco lo stile di Moffat? Che mi consigliate? Grazie in anticipo ”

    Ti capisco. La prima stagione (assieme alla quarta) è la più difficile da mangiar giù all’inizio, ma dopo un paio di episodi fidati che ti aggraderà pure quella. E’ proprio lì che fa la sua apparizione Steve Moffat, non te lo puoi perdeere. E poi secondo me non c’è gusto a vedere una serie senza sapere come inizia. Dalla prima in poi è (quasi) sempre una salita, sia come storie che come effetti visivi. Vai tranquilla e guardati Doctor Who anche dalla prima serie ;)

    Rispondi

  25. @ Jo3y:
    Se vuoi continuare solo con il DW di Moffat devi comunque recuperare alcune puntate del Decimo Dottore scritte proprio da Moffat prima della sua investitura da showrunner. La 3×10 Blink è semplicemente straordinaria e per me resta, a tutt’oggi, la migliore puntata. La 4×08 e 4×09 sono necessarie visto che introducono il personaggio di River Song.
    Il mio consiglio è comunque quello di recuperare almeno il decimo dottore, David Tennant, perché senza lui e RTD non avremmo neanche il Dottore di Moffat. E’ loro il merito – senza sminuire il lavoro di Eccleston – di aver riportato Doctor Who nell’Olimpo delle serie televisive.

    Rispondi

  26. Uhm.. sono combattuto allora, perchè oramai sono alla 5×07 e la storia delle Crepe e la Pandorica mi hanno preso moltissimo.. onestamente non so se avrei la forza di mettere tutto in pausa per ritornare al Dottore e Rose.. e se finissi la quinta prima di saltare indietro? Scusate, lo so che sono per lo più pipponi mentali, ma sono davvero indeciso, ormai mi sono innamorato del dottor Matt Smith e non vorrei che il dottor Ecclestone, mi facesse riscendere la passione.. non so se mi spiego :D

    Rispondi

  27. Io sono partito dalla quinta, poi la sesta e poi sono ritornato alla prima…
    Oddio, certo, se qualcuno ti potesse fare un elenco delle puntate da saltare delle prime serie probabilmente ti farebbe un gran favore…

    Rispondi

  28. @ Jo3y:
    guarda, io ho recuperato DW questa estate iniziando da Ten, quando stavo arrivando alla fine della quarta temendo di detestare Smith ho fatto un salto nella quinta e appena sono stata convinta (è bastato flesh and stone) son tornata indietro, ho finito Ten e mi son buttata su Eleven contenta.
    in tutto ciò ho provato più e più volte a vedere la prima stagione con Nine ma nulla, è tremenda.
    Salvo solo il doppio episodio di Moffat.
    Sinceramente ti direi che se la quinta ti ha preso fregatene e vai avanti (SOLO dopo aver visto OBBLIGATORIAMENTE 4X08 e 4X09, e se proprio ci tieni gli episodi di Moffat nella prima, seconda e terza stagione) poi quando hai finito la quinta e magari anche la sesta e ti sei messa in pari con la settima a quel punto buttati sulla seconda (con la prima o è amore o è odio, è inutile provarci se non ti convince) e vedi cosa succede. Se ti ispira vai avanti :)

    Rispondi

  29. @ Jo3y:
    la 4×08-09 sono *necessarie* per la comprensione di quinta e sesta stagione, sono strettamente interconnesse alla continuity dell’Undicesimo Dottore.
    La 3×10 puoi prenderla quasi come un film ma considera che presenta alcuni tra gli “elementi” più citati e amati dell’intera serie. Elemento che verrà ripreso anche nella 6×11.

    Rispondi

  30. Grazie dei consigli, credo che finirò la quinta e poi darò un’altra chance ai vecchi episodi.. e sono un maschio comunque :)

    Grazie ancora

    Rispondi

  31. secondo me la serie con Christopher Eccleston resta la migliore, più matura e con trame più solide, ok il budget e gli effetti erano quelli che erano ma guardati almeno da “il bambino vuoto” a “padroni dell’universo p2″ secondo me sono i sei migliori episodi in assoluto.
    Eccleston incarnava molto meglio il dottore che non tennant. Per il resto l’11 come trame e ambientazioni è un dottore per bimbiminkia.

    Rispondi

  32. Antocharis Cardamines 16 settembre 2012 at 09:55

    @ Jo3y: le serie con Tennant te la devi guardare, sono bellissime. Rose, Martha e Donna sono fantastiche. La prima serie non piace molto nemmeno a me, ma ti consiglio comunque di guardarla, perchè, ance se un pò noiosa, è sempre doctor who!! e poi c’è Rose che è un personaggio fantastico e nemmeno Nine è male, anzi! ti consiglio comunque di quella serie di guardare perlomeno “il bambino vuoto” che dopo tutti i fantastici episodi con eleven e ten è ancora uno dei miei preferiti, e “padroni dell’universo” che è stupenda pure quella!! le altre saltale pure, ma appena hai un pò di tempo guardale! però non puoi perderti la 2 la 3 e la 4 serie, ten è il mio dottore preferito e tutte le puntate, tranne forse qualcuna, che se vuoi ti dirò, sono veramente belle!

    Rispondi

  33. “Il conseguente disprezzo per un individuo come Solomon porterà il Dottore a lasciarlo morire. Scelta forse estrema ma non fuori luogo considerando che il trafficante di beni è la negazione per il rispetto della vita a cui riesce ad attribuire alcun valore ma solo un prezzo.”

    non sono affatto d’accordo. Il dottore, quello vero, quello di Russell T. Davies, non avrebbe mai, e dico MAI lasciato morire una persona, non importa quanto essa potesse essere meschina.
    Come non avrebbe MAI puntato alla testa di una persona un’arma da fuoco (vedi A Town Called Mercy).
    Questa serie sta andando a farsi friggere, pian piano, con mio grosso rammarico, in quanto ho adorato Ecclestone, amato alla follia Tennant e guardato il declino di Smith.

    Rispondi

  34. Tama ha scritto:

    “Il conseguente disprezzo per un individuo come Solomon porterà il Dottore a lasciarlo morire. Scelta forse estrema ma non fuori luogo considerando che il trafficante di beni è la negazione per il rispetto della vita a cui riesce ad attribuire alcun valore ma solo un prezzo.”

    non sono affatto d’accordo. Il dottore, quello vero, quello di Russell T. Davies, non avrebbe mai, e dico MAI lasciato morire una persona

    Eleven abbandona Solomon al suo destino – quello di sicura morte – perché in lui non vede possibilità di redenzione. La scelta può non piacere, lo capisco e anzi credo che la direzione sia quella di un Dottore sempre più vicino all’esplorare zone grige, ma non credo si possa parlare di un *vero* Dottore. Si può preferire il Dottore di Davis o quello di Moffat ma non trovo corretto affermare che esista un vero Dottore.

    Rispondi

  35. Nine/Eccleston è il mio primo Dottore e non lo scorderò mai ( :P) quindi mi piange il cuore quando vedo consigliare di saltare la prima stagione del 2005 (eccetto qualche meritevole episodio come the Empty Child) per passare direttamente alla seconda, che io trovo semplicemente orrenda, eccezion fatta per lo splendido “The Girl in the Fireplace” (Moffat strikes back!) e il buon duo “The Impossible Planet-The Satan’s Pit”…poi per il resto è la stagione con gli episodi oggettivamente più brutti di sempre dell’era Nu Who ( Fear Her e Love and Monsters, ma anche The Idiot’s lantern non scherza mica).
    Comunque per ogni stagione ci sono gli episodi must, (che sono quelli veramente belli o comunque significativi) e quelli che si possono saltare a piè pari senza perdere nulla di che, e cercherò di fare una mini lista più oggettiva possibile
    Prima stagione
    Must:The Empty Child/The Doctor dances non possono essere saltati in nessun modo, e lo stesso vale per Bad Wolf/ Parting of the ways. Inoltre, pur non essendo dei veri e proprio capolavori, sono comunque da vedere Dalek e Father’s Day.
    TRASH: The long game non è proprio memorabile (nonostante Simon Pegg!) e anche Aliens of London, World War Three e Boom Town a causa della presenza degli Slitheen non sono decisamente tra i migliori
    Seconda Stagione:
    MUST: Già scritti su, aggiungerei anche il finale di stagione Army of Ghosts/Doomsday (che a me non sono piaciuti ma tutto si può dire meno che non siano significativi) e anche School Reunion ma solo perché rivediamo una vecchia conoscenza della serie classica :)
    TRASH: Love and Monsters e Fear her sono tra le punte più basse mai toccate in questa nuova serie del Dottore, però dalla sua L&M ha dei momenti divertenti, Fear Her è la noia assoluta fatta episodio.
    *Tra la seconda e la terza serie c’è lo speciale natalizio Runaway Bride. Non è granché come episodio ma introduce il personaggio di Donna Noble, quindi è da tenere in considerazione!
    Terza Stagione
    MUST: A partire da Family of Blood/ Human Nature la stagione va vista tutta. Un episodio capolavoro dopo l’altro ( la punta di diamante è Blink). Smith & Jones è da guardare almeno per capire chi è la nuova (bistrattatissima) companion del Doctah, Martha Jones.
    TRASH: Daleks in Manhattan/ Evolution of the Daleks sono di una bruttezza inenarrabile, meglio far finta che non esistano. E perdersi The Lazarus Experiment non è un peccato.
    * Da non perdere il buon Christmas special “Voyage of the Damned” con l’adorabile Astrid Peth!
    Quarta Stagione
    MUST: I “moffattiani” Silence in the Library/ Forest of the Dead sono imperdibili, oltre ad essere tra gli episodi più belli di sempre introducono un personaggio importante delle serie a venire :P. Degni di nota sono anche Midnight (particolare ma ben fatto) e Turn Left
    TRASH: The Sontaran Stratagem/Poison Sky sono una noia infinita. Discretamente kitsch sono Partners in Crime e The Unicorn and the wasp, ma comunque sono discretamenente divertenti. Personalmente metterei tra i brutti episodi The Doctor’s daughter, ma come si dice su tvtropes, your mileage may vary.
    * Tra gli speciali tra la quarta e la quinta il must assoluto è The Waters of Mars. The End of Time ha delle punte assurde di trash ma vorrete pur assistere come Ten si sia rigenerato, no?

    Per dire qualcosa su Dinosaurs on the spaceship, non nutrivo particolari aspettative su questo episodio, che a sorpresa si è rivelato molto carino e divertente, complice uno script brillante e un ottimo cast di comprimari (Mark Williams su tutti, ma ho adorato anche la strana coppia Nefertiti/Riddel e i robottini). I Pond mi mancheranno si, ma su tre episodi visti fin’ora solo in questo mi sono piaciuti sul serio, e ora ne mancano solo due all’addio…vedremo!

    Rispondi

  36. Una puntata davvero divertente e piacevole per tanti motivi…
    i nuovi personaggi….Brian su tutti…è davvero credibile nei panni del Sig. Williams ma anche gli altri due…Riddel e Neffy hanno il loro spazio e hanno entrambi il loro caratterino…Neffy punta il Doc ma senza risultato si consola con il cacciatore ;)
    le sempre adorabili facce buffe di Rory e le sue reazioni anche quando non è in primo piano…tipo quando Eleven si accorge di Brian e va dritto da lui con fare minaccioso…Rory alza gli occhi al cielo ;)
    Amy in versione Doctor in seconda, mettendo a frutto l’esperienza dei suoi numerosi viaggi…e forse ha capito x la prima volta cosa vuol dire viaggiare con una coppia!
    e…il bacio…improvviso ed esilarante!!!

    ps. io consiglio di vederle TUTTE se possibile le puntate…perchè a volte ci sono episodi considerati meno belli in generale che hanno cmq al loro interno delle scene meritevoli o battute interessanti o altre cose piacevoli che si percepiscono in modo soggettivo…

    Rispondi

  37. Se il primo episodio era da 8/10, a questo non so dare un giudizio. Infantile? Ecco forse infantile è abbastanza centrato. Insomma se avessi 10 anni sarebbe da 10, ma siccome li ho passati da un pezzo…
    Per concludere, personalmente ritengo che questo sia di gran lunga il peggior episodio da quando lo vedo (dalla stagione 5 con Eleven), ridatemi il Moff, please.

    Rispondi

  38. @ JensTen:
    Wow, molto esauriente grazie :)
    Per ora sto terminando la quinta annata (ho appena visto “Vincent and the Doctor” che ho trovato splendido ed emozionante), mi sparo gli ultimi tre episodi e poi provo a tornare da Nine & Rose (anche se devo dire che l’idea mi uccide dentro). Ho letto qua su Serialmente le varie recensioni dei primi episodi della quinta annata e, devo dirlo, tutte quelle critiche a Matt Smith fidatevi che sono dovute al semplice affetto che i fan storici nutrono per Tennant (in misura maggiore) perchè vi assicuro che io che l’ho conosciuto con il volto di Eleven, mi sono comunque innamorato del personaggio (se escludiamo gli episodi sporadici che ho beccato su Rai 4 con Ten, tra cui quello che mi ha convinto ad iniziare la serie e cioè “Fires of Pompeii”, quanto m’è piaciuto!); spero che dopo qualche anno (le recensioni giustamente sono del 2010) ormai le cose siano cambiate, Eleven è un buon Dottore e comunque quello che racconta non cancella certo l’operato di Ecclestone e Tennant :)

    Rispondi

  39. franz ha scritto:

    Senza menzionare, poi, che lo stesso Ten aveva capito, in fondo, che in lui c’era ben poco del pacifista che credeva di essere… e io forse lo preferisco così. .

    hai completamente ragione…Ten l’aveva capito, ma anche Nine…d’altronde l’imperatore dei daleks glielo disse…lui li aveva uccisi tutti ,daleks e time lords, durante la guerra del tempo. molto in fondo tanto buono non è…

    Rispondi

  40. @ Jo3y:
    episodi sporadici che ho beccato su Rai 4 con Ten, tra cui quello che mi ha convinto ad iniziare la serie e cioè “Fires of Pompeii”, quanto m’è piaciuto!

    è questo che intendevo per SOGGETTIVO ;) l’episodio 4X02 non è né un MUST né TRASH per citare il bellissimo post di Sabrina C…eppure ti è piaciuto molto in base ai tuoi gusti personali…E se vogliamo tutti o quasi gli episodi della quarta sono importanti perchè in qualche modo legati dalla trama orizzontale e non dico di + per non rovinarti la visione ;) Ieri ho rivisto Partners in Crime e senza spoilerarti nulla, ti posso assicurare che ci sono alcune scene Ten/Donna che valgono l’intero episodio!

    concordo su “Vincent and the Doctor”…anche a me è piaciuto da matti!!!

    @Cilone: sì ok questo è un episodio molto leggero (ad eccezione del dialogo Amy – Doctor)…è questione di gusti…io per esempio Lo preferisco al 5×02 The Beast Below e ho mooolto più di 10 anni (purtroppo)

    Le critiche al New Doctor che succede al precedente ci sono state e ci saranno sempre…è “umana” come cosa e capiterà la stessa ancora con la prossima rigenerazione perchè molti si sono ormai affezionati a Matt…e mi ci metto dentro pure io nonostante il mio Doctor rimarrà sempre Ten.

    Rispondi

  41. Tama ha scritto:

    “Il conseguente disprezzo per un individuo come Solomon porterà il Dottore a lasciarlo morire. Scelta forse estrema ma non fuori luogo considerando che il trafficante di beni è la negazione per il rispetto della vita a cui riesce ad attribuire alcun valore ma solo un prezzo.”

    non sono affatto d’accordo. Il dottore, quello vero, quello di Russell T. Davies, non avrebbe mai, e dico MAI lasciato morire una persona, non importa quanto essa potesse essere meschina.
    Come non avrebbe MAI puntato alla testa di una persona un’arma da fuoco (vedi A Town Called Mercy).
    Questa serie sta andando a farsi friggere, pian piano, con mio grosso rammarico, in quanto ho adorato Ecclestone, amato alla follia Tennant e guardato il declino di Smith.

    volevo scrivere un commento ma mi ritrovo a citarti in tutto e per tutto!!

    e poi per il tipo che chiedeva se vale la pena saltare le puntate dico NO NO NO!! w NINE!!

    Rispondi

  42. @ Jo3y:
    con tutto il rispetto per Eccleston il dottore Tennant è un’altra cosa, intanto uno può sicuramente preferire Matt Smith, ma sul fatto che Tennant sia un grande attore non possono proprio esistere dubbi, Tennant non nasce col Doctor Who, Tennant è un solido e acclamato attore Shakesperiano (tra le altre cose), a difesa di Eccleston possiamo sicuramente dire che anche il livello delle storie sale pian piano, ti hanno consigliato di recuperare le puntate del decimo importanti per l’undicesimo, ma io direi che ci sono diversi episodi della RTD-Tennant che mi meraviglierei molto se non ti piacessero. Direi che dovresti assolutamente vedere Rise of the cybermen (ed episodio seguente) perchè fanno parte della mitologia del Dottore e penso che prima o poi i Cybermen li rivedremo, il doppio episodio in cui il Dottore incontra Satana secondo me è molto bello, storia se vogliamo convenzionale, ma godibile lo stesso e cmq c’è Tennant che la nobilita, una scena intensa emotivamente fatta da un cane renderebbe il tutto trash, fatta da uno come Tennant nobilita da sola un episodio, Anche il finale della seconda stagione è ottimo e la scena strappalacrime tra il Dottore e Rose è splendida, per lo stesso motivo che dicevo prima, anche una scena molto sentimentale se l’attore è bravisismo (e ripeto sulle doti Di Tennant come attore non si può proprio discutere) non risulta stucchevole, ma emoziona. Nella terza stagione il doppio episodio in cui il Dottore incontra The Family, non solo mette ancora in luce le doti di Tennant ma il finale si riallaccia alla decisione su Solomon in questo episodio, ci ricorda che il Dottore se proprio gli fai perdere le staffe può scatenare un ira che può consumarti (e consumare lui),finale di stagione della terza stagione, non si può perdere John Simm che fa il Maestro. Quarta stagione, una stagione all’inizio dura da digerire, ma a parte gli spledidi episodi con l’esordio di River Song che ti hanno consigliato c’è uno stand alone che è l’episodio più adulto ma visto nelle 7 stagioni del Doctor Who moderno, mi riferisco a Midnight, un vero gioiellino con il solito grande Tennant e una straondinaria Lesley Sharp (un’altra sulle cui doti attoriali non si può proprio discutere). Quindi se prendi per buoni tutti i miei consigli, se non altro per curiosità ed eventualmente potermi dare torto, ti vedi tutti questi episodi che giudico imperdibili, non fai prima a recuperare almeno tutto Tennant? :D

    Rispondi

  43. Do un piccolo aggiornamento per chi interessasse; ho finito la quinta annata (semplicemente splendida, un delirio così appassionante come la 5×13, da quel “this is where it gets complicated” in poi, non l’ho mai visto in vita mia), e sono tornato a terminare la prima. Confermo quanto detto in precedenza, mi spiace per i fan di Ecclestone, ma il suo Nine doctor è senza dubbio il peggiore che abbia mai visto, così forzato, così poco coinvolgente, così poco.. Dottore, ecco. Le trame degli episodi poi sono state di una bruttezza imbarazzante (gli Slitheen atroci), salvo solamente lo splendido doppio episodio del Moffatt (empty child! Rose aggrappata su un dirigibile nazista mentre bombardano Londra! ragazzina perseguitata! Jack Harkness! plot twist finale meraviglioso!) e “Father’s Day”, per il resto una noia mortale assurda (quel Bad Wolf poi, che cosa BANALE!!!), mentre ora sono a metà della seconda season (ho appena visto il doppio episodio dei Cybermen) quindi faccio un paio di considerazioni random. David Tennant si vede che si diverte decisamente di più ad interpretare il Dottore, arriva e subito gli si vuole un bene assurdo, inoltre il personaggio acquista in empatia praticamente all’istante (e che chemistry con Billie Piper) e anche le storie sono migliorate ma proprio di tanto. Decisamente contento di questa seconda annata per ora (e “The Girl in the Fireplace”.. Dio benedica Moffatt, ma che cazzo di genio è?!? Sì ok, l’idea in effetti l’ho vista sviluppata molto di più con Amy Pond, ma come episodio stand alone fa comunque la sua porca figura senza se e senza ma) e devo dire che avrei preferito di gran lunga iniziare da qui, di quel primo ciclo davvero voglio ricordare solo i tre episodi che dicevo sopra, per il resto è stato come bersi la medicina più amara del Mondo.. che porcheria.

    Rispondi

  44. [...] incognito negli Hamptons per distruggere le vite dell’Upper Class newyorkese, o a incontrare dinosauri su un’astronave; Parenthood racconta di piccole grandi cose quotidiane, quelle che popolano la nostra esistenza di [...]

    Rispondi

  45. [...] Una volta visti gli episodi non dimenticate di andare a leggere i commenti su Serialmente! “Asylum of the Daleks” e “Dinosaurs on a Spaceship“. [...]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>