thatsnew

That’s New. Dexter, teste mozzate e riforme sanitarie

IL CRISTO RAPITORE – Ehi, gente che non ha ancora digerito il finale spirituale di Lost, sappiate che a Damon Lindelof gli è presa così e non c’è modo di redimerlo. Quindi preparatevi, perché il suo ritorno in tv sarà una roba a cavallo tra religione e fantascienza. Sempre che HBO trasformi in serie Leftovers, la rielaborazione tv della dottrina evangelica secondo la quale Cristo tornerà in terra, ma solo per rapire i cristiani rinati e mettere in moto il conto alla rovescia per il Giudizio Universale. Supponiamo che nell’omonimo libro di Tom Perrotta (con il quale Lindelof scriverà la sceneggiatura) non ci sia un bunker, un pc scassato col DOS e una serie di numeri da inserire per resettare il countdown. Almeno speriamo. Anzi preghiamo.

DEXTER SI FERMA A 8 – Si sapeva già, ma qui ne scriviamo per via dell’ufficialità: l’ottava stagione di Dexter sarà l’ultima. Risultato di una mediazione tra gli autori che volevano tagliare a sette, e Showtime che voleva prolungarne l’agonia oltre il dovuto. Quindi otto, e basta. Vista la vena storta della sesta annata, ci auguriamo che gli autori non finiscano per tirarla via un po’ così, tanto per.

TUTTI MENO LUI – Dan Harmon… Dai, non fate così: ogni volta che esce di mezzo ‘sto nome tutti a singhiozzare, vestiti di nero, coi Rayban scuri, abbracciandoci al funerale di Community. Siamo qui a portare una buona notizia in questo triste mondo che si prepara ad un quarto anno al Greendale senza il suo Dio. E la buona notizia è che la NBC e la Sony Pictures Television hanno confermato i contratti di tutto il cast, compreso Chevy Chase. Gli showrunner saranno David Garascio e Moses Port. Certo che Dan Harmon… sigh, sob, sniff…

GOT FOR NERDS – Alla maggior parte di voi, quelli sani di mente, della lista dei registi della terza stagione di The Game of Thrones non gliene può fregar di meno. Ma noi, che abbiamo l’acne senilis, la canotta sotto la camicia giallina a mezze maniche e le penne colorate nel taschino, una cosa così la vorremmo sapere. E quindi: ci sono David Benioff e D.B. Weiss, i due creatori e showrunner della serie, e poi Alex Graves, Michelle MacLaren, Dan Minahan, David Nutter e Alik Sakharov. Manca Alan Taylor. Nota per chi volesse fare vacanze a tema: le riprese cominceranno il 9 luglio, in Irlanda, Islanda, Croazia e Marocco.

THE GAME OF BUSH – Restando sul trono di spade, ve lo ricordate il mezzo incidente diplomatico per la testa mozzata di George W. Bush jr. inquadrata imparruccata nella prima stagione? Ecco, la HBO è corsa ai ripari in post-post produzione. Un lavoraccio di lifting, guardate un po’.

SORKINISMI – Tra stroncature trionfali, ascolti discreti, critiche soppesate (anche qui, della stessa favolosa autrice) e qualche riscontro positivo – e se vi interessano recensioni meno italiche leggetevi Sepinwall e la fucilata del New Yorker –, Aaron Sorkin è tornato al ritmo di hype con il suo Newsroom. Giudizi a parte, trattasi di perfetto esempio di Sorkinismo, stile fatto di dialoghi velocissimi e ripetizioni a ripetizione. Come chiaramente evidenziato in questa raccolta a tema.

NO HARMON NO COMMUNITY” – A proposito di showrunners, sapere chi è che scrive una serie non è solo un feticcio da appassionati. La percezione che il pubblico ha degli autori è una roba tremendamente seria, tanto che la popolarità delle “penne” è finita addirittura nel mirino del Forrester Report, una specie di bibbia nell’analisi di mercato del web. E insomma: ne vien fuori che i quattro showrunners piú “influenti”, quelli che piú di altri fanno nome come e piú delle serie che scrivono, sono Eric Kripke (Supernatural), Kevin Williamson (The Vampire Diaries), Dan Harmon (Community) e JJ Abrams (Lost/Fringe). Ma dove diamine sono Joss Whedon e Aaron Sorkin? In questa infografica ci trovate anche un po’ di dettagli.

OBAMACARE OF YOU – La Corte Suprema degli Stati Uniti ha dichiarato costituzionale l’Obamacare. Ora, se volete sapere per benino di cosa stiamo parlando basta leggere questo. Se invece volete capire cosa diavolo c’entri la riforma del sistema sanitario americano con le nostre serie, beh, ecco qua: la riforma prevede che entro il 2014 tutti, ma proprio tutti i cittadini americani dovranno stipulare una assicurazione medica. Il che si traduce in un cambiamento epocale per i medical drama, pensateci. Pensate ad alcune delle vostre serie preferite, a quante storyline sconvolte, a quanti poveracci in meno nelle corsie di E.R. o Gray’s Anatomy accuditi dal bellone eroico di turno. Sarebbe carino farne un elenco, magari. No?

CANCELLATO, ANZI NO – Se l’avevate già dimenticata male, molto male. Perchè Unforgettable è ancora una serie. La CBS l’aveva cancellata e poi c’ha ripensato. Tutto sommato la prima stagione aveva un rating dignitoso, ed evidentemente è bastato a rimettere in piedi lo show, riprogrammato per l’estate 2013, per 13 episodi.

I RINNOVI CHE NON CI INTERESSANO – Dopo il buon riscontro di pubblico ottenuto da quella grande operazione nostalgia che è il sequel di Dallas, la TNT ha deciso di rinnovare la serie per una seconda stagione. I vostri nonni sarenno contentissimi!
Buone notizie anche per i fan di Rizzoli & Isles e del nuovo Longmire, che ritorneranno rispettivamente per una quarta e seconda stagione.

Mario Piccirillo

Mi ammalo 12 volte l'anno solo per recuperare serie arretrate. Perso in Lost, ritrovato nel quarto universo parallelo di Fringe. Una volta, dopo una maratona di Battlestar Galactica ho valutato l'idea che mio fratello fosse un cylon. Nel tempo libero sono una persona seria. Ma ho pochissimo tempo libero.

12 Comments

  1. Leftovers, detta così, sembra IL TRASH…

    Rispondi

  2. Evvai vediamo se dopo Prometheus e World War Z Lindelof riesce ancora a rovinare il bel lavoro degli altri. Ma si limitasse a sputtanare i suoi di progetti.

    Rispondi

  3. sapete dirmi in che periodo e in quale location gireranno Game of thrones in Irlanda?
    io sarò lì in vacanza dal 16 al 23 luglio e non mi dispiacerebbe andare a dare un’occhiata :D

    Rispondi

  4. Sempre bello vedere gente che critica Lindelof per film che o non hanno visto, o non sono stati nemmeno girati!

    Rispondi

  5. C’è una vera avversione verso Lindelof da parte di tanti il perchè non lo capirò mai

    Rispondi

  6. Devo dire che dopo la terribile sesta annata di Dexter, vedere il protagonista basito non sarebbe neppure il peggio del peggio. Magari nel wine bar di nonno Alberto mentre la clinica esplode in lontananza :-D …

    Insomma, ci siamo capiti. Tutto fuorché la porcheria (leggasi: banalità e inverosimile a iosa) che hanno fatto l’anno passato.

    C’è ancora speranza, dai.

    Rispondi

  7. “entro il 2014 tutti, ma proprio tutti i cittadini americani dovranno stipulare una assicurazione medica. Il che si traduce in un cambiamento epocale per i medical drama, pensateci. ”

    Vero, nel medical drama americano il tema del paziente senza assicurazione/impossibilitato a pagare le cure necessarie è uno dei più ricorrenti, trattato in ottica palesemente critica contro “il sistema”, anche in serie leggere come ‘Scubs’…

    Rispondi

  8. Sir Appleton 2 luglio 2012 at 23:43

    Comunque Longmire (tra le serie rinnovate che non interessano) non è per niente da buttare. Non sarà eccelso ma in tempi di penuria è una piacevole scoperta, tipo Suits la scorsa estate.

    Rispondi

  9. Andrea ha scritto:

    Sempre bello vedere gente che critica Lindelof per film che o non hanno visto, o non sono stati nemmeno girati!

    Prometheus l’ho visto ed è rovinato da Lindelof, non è un pessimo film per gli altri nomi coinvolti.

    WWZ l’hanno girato, poi hanno cambiato idea e l’hanno fatto RISCRIVERE (anzi lo stanno facendo riscrivere) da Lindelof con scene già girate. Sperare che ne esca fuori qualcosa di buono è decisamente utopistico.

    Rispondi

  10. In realtà Leftovers non è completamente da buttare, nel senso che il libro di Perrotta (un autore al quale voglio molto bene perché è uno dei primi che ho iniziato a leggere in inglese) non è male. Non è ai livelli di Election (dal quale è stato tratto il film con Reese Witherspoon) o di The Abstinence Teacher, ma è sempre presente quel forte elemento di satira mai gratuita nei confronti della middle class, tema molto caro all’autore (vedi anche Little Children). Bisogna vedere quanto Lindelof riuscirà a “rovinare”..

    Rispondi

  11. Francesco ha scritto:

    Andrea ha scritto:

    Sempre bello vedere gente che critica Lindelof per film che o non hanno visto, o non sono stati nemmeno girati!
    Prometheus l’ho visto ed è rovinato da Lindelof, non è un pessimo film per gli altri nomi coinvolti.

    WWZ l’hanno girato, poi hanno cambiato idea e l’hanno fatto RISCRIVERE (anzi lo stanno facendo riscrivere) da Lindelof con scene già girate. Sperare che ne esca fuori qualcosa di buono è decisamente utopistico.

    Probabilmente tu sai cose che il resto di noi poveri mortali non sanno, perchè che io sappia nessuno sa le modifiche apportate allo script di Prometheus da Lindelof; per quel che ne so io lo script originale avrebbe potuto essere pure peggio! In tutto ciò non ci scordiamo che in regia non c’era il primo sfigato, ma Ridely Scott! Pensi davvero che se avesse pensato che la sceneggiatura non fosse stata adatta alla sua visione del film l’avrebbe accettata comunque? La realtà è che Prometheus è stato schiacciato dalle inverosimili aspettative del pubblico; io sono andato a vederlo non aspettandomi un prequel di Alien e me lo sono goduto, riconoscendo che ci sono evidenti difetti.

    Rispondi

  12. A me non è dispiaciuta affatto la sesta serie di Dexter, forse è stata fatta troppo in fretta, ma tutto sommato carina.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>