thatsnew_lindelof

Ne basta una di notizia, una buona. Di quelle che vi mandano in vacanza coi vostri hard disk zeppi e un paio di certezze per il futuro. Damon Lindelof torna a scrivere per la tv, confermando un trend che ci piace tanto: dal cinema alla tv, anche di sponda, ora usa così. Quel nome è garanzia, ma se non vi basta rilanciamo con un pacchetto completo: David Fincher, Kevin Spacey e Robin Wright. Ecco, quello è il sorriso giusto, e tenetelo su anche se in questo pezzo c’è un lutto. Ogni tanto tocca.

UPDATE: STARZ CHIUDE SPARTACUS. Spartacus ha gli episodi contati: dieci. I prossimi dieci, gli ultimi dieci. Così ha deciso Starz, regalando agli autori la scusa per correggere in corsa l’epica finale della serie: più sangue, più battaglie, e poi il solito latino masticato in inglese maccheronico e un’ampia quota tette garantita. La terza stagione (la quarta se si considera anche il mini-prequel Gods of the arena), sarà dunque l’ultima. Lo stesso Steven S. DeKnight ci tiene a far sapere che “la serie era stata pensata per 5-7 stagioni”, ma visto il taglio prematuro tanto vale darci dentro con lo scontro finale tra Spartacus e Marco Crasso: “Questa sarà di gran lunga la più grande stagione che abbiamo mai tentato di produrre”. Il capitolo finale si chiamerà War of the Damned, e andrà in onda a gennaio 2013.

LINDELOF IS BACK. Dice che non farà un altro Lost, nè un altro Mad Man, e nemmeno un altro Breaking Bad. Ma diamo una penna e un foglio bianco in mano a Damon Lindelof e basta: ci fidiamo, fai tu. E visto che la Warner Bros TV, la casa di produzione con cui Lindelof ha appena firmato un contratto di tre anni, prima di prendere qualsiasi decisione chiama Serialmente, ecco fatto: abbiamo dato la nostra approvazione anche se non si sa ancora nulla sul tipo di serie che vorrà creare. Sí, quello che sentite abbaiare è Hype. A cuccia, Hype!

LA CASA DELLE CARTE. Rendiamo noto con colpevole ritardo che nel vostro futuro di seriomani c’è una cosetta chiamata House of Cards, i cui primi due episodi sono nelle mani di David-FUCKING-Fincher, e che ha come protagonisti Kevin Spacey e Robin Wright.  A questo punto la nostra capacità di intendere e di volere è andata a farsi un giro, e quindi con meno trasporto vi diamo anche le informazioni minori: è un thriller politico ambientato alla fine del periodo di amministrazione di Margaret Thatcher, è la prima serie originale di Netflix ed è tratta dal romanzo di Michael Dobbs che non abbiamo letto e che non ci azzardiamo a cominciare proprio ora. Ne parliamo anche nell’ultimissima puntata degli Upfrontalmente di quest’anno.

L’URLO DEGLI INNOCENTI. La Nbc prepara Hannibal? Lifetime risponde con Clarice, serie basata sul personaggio di Jodie Foster ne Il silenzio degli innocenti. Speravate di esservi goduti il capolavoro al cinema, e stop? Invece ecco qui riesumato il film per farne polpette seriali in versione prequel. Non ci sono date, e nemmeno accenni di casting per la nuova Jodie Foster. Attendiamo impassibili, con un bel piatto di fave e un buon Chianti.

ADDIO SIGNORA MCCLUSKEY. La signora McCluskey, nota residente di Wisteria Lane, è sopravvissuta alla sua interprete. Kathryn Joosten, vincitrice di due Emmy per il suo ruolo da bisbetica dal cuore d’oro in Desperate Housewives, è morta a Westlake Village, in California, a causa di un tumore ai polmoni. Serialmente la saluta, e non dimentica i suoi ruoli in The West Wing, Scrubs, My Name Is Earl, Joan of Arcadia e Dharma & Greg.

I BORGIA IN EURO. Trenta milioni di euro per 12 episodi. I Borgia prendono soldi in Europa, direttamente in euro, e cosí mettono assieme un budget niente male per la seconda stagione: una trentina di milioni.  Il segreto sta nella coproduzione made in Europe: Canal+, Atlantique, EOS. Gireranno anche in Italia, fino a novembre. E nel cast entra pure Valentina D’Agostino, che fa il salto dal Giovane Montalbano.

I SOLITI SPOILER SU TRUE BLOOD. Tra pochi giorni si ricomincia e, come da tradizione, cast e crew di True Blood fanno il possibile per lasciar trapelare il 99% delle storyline. Vi anticipiamo qualcosa, per gli spoiler veri e propri vi rimandiamo all’amico Ausiello: sarà la stagione del conflitto tra Chiesa e Stato (sarà vero? Sono 4 stagioni che aspettiamo); scopriremo come Pam ed Eric si sono incontrati, e conosceremo la sorella di Eric; Tara – ma già lo sapevamo – avrà un arco narrativo nonostante la sua morte nella scorsa stagione.

Mario Piccirillo

Mi ammalo 12 volte l'anno solo per recuperare serie arretrate. Perso in Lost, ritrovato nel quarto universo parallelo di Fringe. Una volta, dopo una maratona di Battlestar Galactica ho valutato l'idea che mio fratello fosse un cylon. Nel tempo libero sono una persona seria. Ma ho pochissimo tempo libero.

More Posts - Website - Twitter

Commenti
33 commenti a “That’s new. Lindelof has to go back, e altre cose.”
  1. Mario scrive:

    Non vedo l’ora di vedere la nuova stagione dei Borgia EU!! La prima mi è piaciuta un casino malgrado non sia il mio genere…

  2. Pogo scrive:

    Lindelof che torna a scrivere per la televisione è una buona notizia. Per il cinema*.

    *e purtroppo mica tanto, visto che risulta executive producer di “Prometheus”…

  3. helly scrive:

    sinedie ha scritto:

    Lindelof che torna a scrivere per la televisione è una buona notizia. Per il cinema

    non esistono abbastanza parole per esprimere quanto io sia d’accordo con questa frase

  4. ilaSR scrive:

    Tra David-fucking-Fincher e Aaron-fucking-Sorkin (e Lindelof) non so se reggerò tutta quest’hype.

  5. pemf.bolloso scrive:

    La metto qui visto che tecnicamente è una news: su Vulture è uscito il primo poster della quinta stagione di BB ed è una cosa coattissima e spettacolare
    http://www.vulture.com/2012/06/breaking-bad-poster-season-five-king.html?mid=facebook_vulture
    Tra l’altro non so se già si sapeva che la premiere è il 15 luglio, personalmente l’ho scoperto ora.

  6. klatu scrive:

    Pogo ha scritto:

    Lindelof che torna a scrivere per la televisione è una buona notizia. Per il cinema*.
    *e purtroppo mica tanto, visto che risulta executive producer di “Prometheus”…

    Ecco da dove nascono le prime critiche al film di Scott per la svolta mistica… Mannaggia.La svolta mistica no per piacere.

  7. Mi fanno sempre ridere quelli che parlano male di Damon Lindelof. Ma tanto. E rumorosamente.

  8. doctorwho10th scrive:

    In effetti tutto l’accanimento su Lindelof non lo capirò mai. E’ colpevole di aver co-sceneggiato una serie di successo per pubblico e critica? Eh, sì, che brutta colpa. Sono contento per il suo ritorno.

    Spartacus per me può fare una buonissima stagione conclusiva se dà la priorità alla trama principale piuttosto che ai sentimenti ed alle storie da materasso.

  9. sara881 scrive:

    Lindelof è sceneggiatore dell’atteso Prometheus di Ridley Scott e le prime recensioni non proprio entusiaste derivano proprio da una sceneggiatura a quanto pare deboluccia.

  10. Pogo scrive:

    Giovanni Di Giamberardino ha scritto:

    Mi fanno sempre ridere quelli che parlano male di Damon Lindelof. Ma tanto. E rumorosamente.

    Sono contento. Almeno serviamo a qualcosa. Ridere fa bene.
    Infatti ogni tanto qualche sceneggiatura di Lindelof me la leggo; tutti abbiamo bisogno di ridere.

    klatu ha scritto:

    Ecco da dove nascono le prime critiche al film di Scott per la svolta mistica… Mannaggia.La svolta mistica no per piacere.

    Se non esce in 2D sarà pure difficile che io possa farmi un’idea. Odio profondamente il 3D.

  11. Andrea scrive:

    L’accanimento di Lindelof fa ridere pure me, dato che nel cinema ha anche prodotto Star Trek girato da JJ, che è tutto fuorchè un brutto film.
    Il mio personalissimo parere è che la sua scrittura necessiti decisamente di un tempo più lungo per dare il meglio, mentre nelle 2 ore canoniche di un film mostra un po’ il fianco.
    Prometheus è stato azzoppato da una campagna di marketing sbagliata; tutti si aspettavano di vedere xenomorphi per metà film o vedere i protagonisti chiaccherare con lo Space Jockey e 20 minuti di spiegoni, invece non solo non c’è nulla di questo, ma alla fine del film rimani con più domande che risposte! Detto ciò Prometheus non è affatto un brutto film e resta il fatto che Lindelof è stato aggiunto in corsa, dato che la prima versione dello scritp fu scritta da un’altro autore.

  12. joel scrive:

    sara881 ha scritto:

    Lindelof è sceneggiatore dell’atteso Prometheus di Ridley Scott e le prime recensioni non proprio entusiaste derivano proprio da una sceneggiatura a quanto pare deboluccia.

    Insomma, ovunque va fa danni.

  13. klatu scrive:

    @ Andrea:
    Sei già riuscito a vederlo?

  14. sara881 scrive:

    Comunque per questa affermazione Lindelof mi ha fatto molta tenerezza:

    “Ci sono state stesure che erano molto più esplicite. Credo che l’istinto di Ridley tendeva a tirare indietro, ed io dicevo, ‘Ridley, sto ancora prendendo parole un anno dopo la fine di Lost per tutte le cose che non abbiamo rivelato, sei sicuro di volerlo fare?’”

    Praticamente lui voleva fare un finale chiuso per Prometheus mentre Scott ha insistito per un finale aperto ad un sequel con molti misteri lasciati in sospeso. Il povero Lindeldof mette già le mani avanti perchè poverino di insulti e minacce per il finale porcata di Lost sarà pure stanco. Quindi dice questa volta le cose non spiegate e il finale a cazzo non sono colpa mia.

  15. Andrea scrive:

    @klatu, sì, vivo a Manchester e me lo sparato a mezzanotte, non potevo aspettare! :D

    Due anni più tardi e c’è ancora chi definisce il finale di Lost una porcata, il che per me è sconvolgente. Ma veramente volevate uno spiegone su ogni singolo mistero dell’isola?

  16. Francesco scrive:

    Se Prometheus fa schifo è tutta colpa di quel pelato, lo dicevo io.

  17. Daniela G. scrive:

    @ pemf.bolloso: che meraviglia coatta quel poster *____*
    ancora 1 mese e 10 giorni, maledizione!

    Non so che dire su Spartacus. Da un lato 10 episodi e poi la fine mi sembrano troppo pochi. Dall’altro forse così ci risparmieremo il discorsone ammorbante di McIntyre ad ogni episodio, perché non c’è tempo.

  18. Pogo scrive:

    Andrea ha scritto:

    che è tutto fuorchè un brutto film.

    Io toglierei la parola “brutto”. La frase si legge anche meglio.

    P.S. io trovo sconvolgente che c’è ancora chi ricorda “Lost” senza sorriderne al pensiero.

  19. Dextha scrive:

    Io Lindelof posso giudicarlo solo per Lost. Ho visto Star Trek (bel film dal punto di vista dell’intrattenimento e dell’aspetto visivo, decisamente “vuoto” per il resto), ma non so quanto abbia inciso come co-produttore (probabilmente molto poco). Per Lost, oltre ad avere svolto un ottimo (a tratti straordinario, ma a volte anche stupido) ruolo come showrunner, ha scritto e co-scritto una caterva di episodi magistrali.
    Spero che la sua prossima serie sia fantascienza al 100% (in stile The Constant/Flashes Before Your Eyes), possibilmente senza misticismi vari, e con meno misteri e più risposte.

  20. Andrea scrive:

    Si vabbè, se ci mettiamo a definire Star Trek un non film e Lost una boiata allora è come parlare ad un muro.

  21. Francesco scrive:

    Ha ragione il muro però.

  22. Pogo scrive:

    Andrea ha scritto:

    Si vabbè, se ci mettiamo a definire Star Trek un non film e Lost una boiata allora è come parlare ad un muro.

    Manco io avessi definito un non film qualche pietra miliare (per dire “Alien” già che ci siamo) o una boiata i “Sopranos”…

    Francesco ha scritto:

    Ha ragione il muro però.

    :-D

  23. Xander81 scrive:

    A me fa ridere questa sua santificazione invece.

  24. Andrea scrive:

    Ma chi ha parlato di santificazione? Io non ho visto nessuno definirlo un “genio della scrittura”, ma da qua a definirlo un incapace che fa fallire serie tv e film ce ne passa!
    Comunque ci sono fior fiori di episodi di Lost a riprova che lui non è proprio l’ultimo dei pirla, il resto è aria fritta.

  25. Psi scrive:

    Qualcuno mi spiega come mai alcuni lo odiano e alcuni lo amano?

  26. Pogo scrive:

    Psi ha scritto:

    Qualcuno mi spiega come mai alcuni lo odiano e alcuni lo amano?

    Non lo so. Credo per molti derivi tutto da “Lost” (non per me).
    Giusto per la cronaca, io non lo odio (nemmeno nel senso meno letterale che ovviamente intendi).
    È un mediocre scrittore di cinema e televisione. Finora.

  27. Francesco scrive:

    Se m’ha rovinato la saga di Alien (ancor di più di Fincher e dei Vs Predator intendo) io lo odierò ufficialmente.

  28. Andrea scrive:

    @Francesco

    Fincher non ha avuto parola in merito ad Alien 3 e ricordiamoci che ci sono produttori e un regista come Ridley Scott al timone di Prometheus, se a loro lo script avesse fatto così schifo non avrebbero dato il via libera!
    Finisco dando un consiglio; andate a vedere Prometheus senza Alien in testa, perchè di connessioni alla saga ce ne sono poche e di riposte nessuna!

  29. Xander81 scrive:

    andrea ci sono anche fior di episodi che ridimensionano il personaggio ( across the sea e’ una porcheria).
    Ma decisamente non lo odio. Trovo sia solo sopravvalutato. Star trEk e’ un gioiellino. Lo adoro. E per me e’ anche il migliore della serie. Cowboys and aliens invece e’ un altra porcheria sinceramente.vive di alti e bassi.
    Poi posso tranquillamente ammettere che come joss whedon ( che viaggia su un altro livello) e’ molto bravo a scrivere i personaggi e a fartici empatizzare nel giro di un paio di scene. E be’ questo non ‘ da tutti.
    Cio’ che salvo della brutta ( per me per via della direzione che ha preso a meta percorso) esperienza di Lost sono i personaggi.
    Sicuramente fra ipochi memorabili e indimenticabili dellultimo decennio televisivo.ma non sono un haters di damon. ( e forse nemmeno di Lost……)

  30. Francesco scrive:

    Andrea ha scritto:

    @Francesco
    Fincher non ha avuto parola in merito ad Alien 3 e ricordiamoci che ci sono produttori e un regista come Ridley Scott al timone di Prometheus, se a loro lo script avesse fatto così schifo non avrebbero dato il via libera!
    Finisco dando un consiglio; andate a vedere Prometheus senza Alien in testa, perchè di connessioni alla saga ce ne sono poche e di riposte nessuna!

    Sì questo è vero, con Fincher riassumevo la marmaglia di gente che ha reso Alien3 un film brutto. E con Prometheus, io SPERO che si stacchi tantissimo dalla saga, non me ne frega niente di vedere gli xenomorfi sinceramente, voglio solo un gran bel film di fantascienza. Poi oh, finché non vedo non parlo, ma da quello che leggo in giro, diciamo che dall’hype angosciato di qualche mese fa sono arrivato a un’attesa fredda, calcolata e “pronta”.

  31. sara881 scrive:

    Andrea ha scritto:

    @klatu, sì, vivo a Manchester e me lo sparato a mezzanotte, non potevo aspettare!

    Due anni più tardi e c’è ancora chi definisce il finale di Lost una porcata, il che per me è sconvolgente. Ma veramente volevate uno spiegone su ogni singolo mistero dell’isola?

    Ma mica è una porcata per i misteri non spiegati, per mille altri motivi.

  32. Francesco scrive:

    Il finale finale di Lost non è nemmeno così terribile, intendo il series finale proprio. La sesta stagione nel complesso è imbarazzante.

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.