upfront_abc

Upfront(almente) – Stagione 2012/2013 – ABC

Dopo NBC e FOX, ecco che arrivano le signore della ABC.

RINNOVI: Grey’s Anatomy, Once Upon a Time, Revenge, Body of Proof, Scandal, Private Practice, Last Man Standing, Castle, Suburgatory, The Middle, Modern Family, Happy Endings, Don’t Trust the B**** in Apartment 23

La ABC quest’anno ha dimostrato di essere IL network della novità: Once Upon a Time è stata la nuova serie di successo della stagione, Revenge quella che ha indotto più assuefazione, Suburgatory e Don’t Trust the B**** in Apartment 23 due tra le migliori comedy degli ultimi anni (escludo ovviamente Last Man Standing, sopravvissuto un po’ alla Whitney per il gusto perverso di avere una sit com multicamera in garage). Insomma un 2012 che dire positivo è dire poco, soprattutto considerando che nel 2011 solo due novità si sono salvate per il rotto della cuffia (Happy Endings e Body of Proof). Grey’s Anatomy cala ma rimane il drama più visto del canale tanto da infondere il suo benessere alle due sorelline di mamma Shonda Rhimes, ovvero Private Practice e Scandal. Il vero caposaldo del canale però rimane Modern Family e in generale l’intera serata comedy del mercoledì sera, con Happy Endings e The Middle ottimi abbinamenti. Castle rimane un buon performer del lunedì sera, mentre Body of Proof si salva per qualche ragione che mi è del tutto oscura (mi azzardo a dire che qui i fattori in gioco potrebbero essere stati due: è prodotto direttamente dalla ABC ed è uno dei pochi procedurali spuri del network).

CANCELLAZIONI: Charlie’s Angels, Man Up!, Work It, Pan Am, GCB, Cougar Town, Missing, The River

Se da una parte la ABC ha lanciato le novità migliori della stagione (parlo sempre di broadcast tv, il cable non è calcolato e bla bla bla), dall’altra ha proposto anche parecchia robaccia. Parlo di Charlie’s Angels, remake insensato e vecchio, Man Up! e Work It, due comedy fallimentari (se non offensive, più che altro la seconda), GCB e Missing, drama di cui fregava poco a quasi tutti, Pan Am e The River, novità promettenti deterioratesi qualitativamente fin troppo in fretta. Infine il caso Cougar Town: rimandato a midseason per essere accoppiato con Don’t Trust the B**** in Apartment 23, dimenticato sugli scaffali e poi buttato da una settimana all’altra assieme a Last Man Standing dopo la sospensione di Work It, ha raccolto ascolti penosi. Grazie a Dio la TBS ha comprato la serie e ne trasmetterà una quarta stagione da 15 episodi, con l’opzione di rinnovarla anche per una quinta (nel senso che i contratti per autori e attori comprendono un eventuale quinta stagione). Ora possiamo festeggiare riempiendo fino all’orlo il nostro Big Carl personale.

CONCLUSIONI: Desperate Housewives

C’è stato un prima e un dopo Desperate Housewives. Ora la serie si è conclusa, forse con eccessivo ritardo. Preparate i bagagli, Wisteria Lane vi dice addio.

NUOVE SERIE

666 PARK AVENUE – tratto dall’omonimo libro, la serie racconta le vicende di una giovane coppia, Henry (Dave Annable, Brothers & Sisters) e Jane (Rachel Taylor, Charlie’s Angels) che si ritrova a gestire uno storico complesso residenziale di New York, dove iniziano ad avvenire strani eventi soprannaturali che minacciano le vite degli abitanti. A cura di David Wilcox (Fringe, Life on Mars US). Da segnalare anche la presenza, nel cast, di Terry O’Quinn (Lost) e Vanessa Williams (Desperate Housewives). Una specie di L’avvocato del diavolo meno sottile e ambiguo, con Terry O’Quinn al posto di Al Pacino (e un cast composto praticamente da reduci di serie ABC). Non si capisce come la serie possa svilupparsi settimanalmente o quanto a lunga possa reggere. Siamo cauti. Trailer

HOW TO LIVE WITH YOUR PARENTS (FOR THE REST OF YOUR LIFE) – Polly (Sarah Chalke, Scrubs) è una madre single che, in seguito al divorzio, decide di tornare a vivere nella casa in cui è cresciuta con i suoi genitori, Elaine (Elizabeth Perkins, Weeds) e Max (Brad Garrett, Everybody Loves Raymond). Creato da Claudia Lonow (Accidentally on Purpose, Work It). Cast niente male per una commedia che non sembra rivoluzionare nulla, ma che gioca bene le sue carte. Trailer

THE FAMILY TOOLS – le vicende di un uomo (Kyle Bornheimer, meglio conosciuto come “il re delle cancellazioni”) che, dopo aver fallito in ogni sua esperienza lavorativa, decide di mettere da parte i suoi sogni per mandare avanti il business di famiglia condotto dal padre (JK Simmons, The Closer). A cura di Bobby Bowman (Raising HopeYes Dear). Anche qui cast ok, commedia ok, ma non so perché, per dirlo alla Simona Ventura, “non mi sei arrivata”. Trailer

LAST RESORT – Ennesimo progetto ambizioso di Shawn Ryan (The Shield, The Chicago Code), che a questo giro fa coppia con Karl Gajdusek (Dead Like Me) per raccontare le vicende dell’equipaggio di un sottomarino nucleare che diserta e fugge su una piccola isola, occupandola e dichiarandosi nazione indipendente. Solidissimo il cast, guidato da Andre Braugher (Homicide, Men of a Certain Age) e che vede anche la presenza di Robert Patrick (Terminator 2, X-Files), Dichen Lachman (Dollhouse), Autumn Reeser (No Ordinary Family) e Scott Speedman (Felicity). Progetto ambizioso in mani sapienti e con il cast giusto. Non chiedo altro. Trailer

MALIBU COUNTRY – Reba McEntire (Reba) è la protagonista di questa serie semi-autobiografica incentrata su una famosa cantante country che, in seguito ad un divorzio, si trasferisce a Malibu coi suoi tre figli adolescenti e cerca di rilanciare la sua carriera. Scritta da Kevin Abbott (Reba, Pappa e Ciccia). Spicca, nel cast, la presenza di Lily Tomlin (The West Wing, Damages). Ogni tanto vortici temporali e buchi neri tirano fuori porcherie del genere. Capita. Lily Tomlin, vergognati. Trailer

MISTRESSES – K.J. Steinberg (The Nine) si occuperà di questo remake dell’omonima serie britannica che ci ha regalato Anna Torv che limona duro con un’altra donna (you’re welcome), e che esplora le vite di quattro amiche al centro di tutta una serie di relazioni complesse e illecite. Nomi importanti nel cast, partendo da Yunjin Kim (Lost) e passando per Alyssa Milano (Charmed) e Rochelle Aytes (The Forgotten). Neanche il mio amore per Yunjin Kim mi farà avvicinare a sta robaccia. Pussa via! Trailer

NASHVILLE – Per rivitalizzare la sua carriera, una ex-leggenda della musica country (Connie Britton, Friday Night Lights, American Horror Story) viene costretta dalla propria casa discografica ad andare in tour con una nuova stella nascente (Hayden Panettiere, Heroes). Ideata da Callie Khouri (Thelma & Louise). Nel cast anche Robert Wisdom (The Wire), Powers Boothe (Deadwood, 24), Eric Close (Without a Trace). Non è Smash, non è Glee, ma potrebbe essere meglio di entrambi, più che altro perché  ha Connie Britton come lead. I’m in. Trailer

THE NEIGHBORS – Il primo progetto televisivo di Dan Fogelman (Crazy Stupid Love, Rapunzel) parla di una famiglia, quella dei Weaver, che si trasferisce in una graziosa comunità chiusa del New Jersey e, una volta lì, scopre che i vicini sono tutti quanti alieni. Nel cast: Lenny Venito (Knights of Prosperity), Jamie Gertz (Entourage). Il mio unico commento sarà questo: WTF???? Trailer

RED WIDOW – tratto da una serie originale olandese, narra le vicende di una donna (Radha Mitchell, Silent Hill) che, in seguito alla morte del marito, decide di prendere il suo posto nell’organizzazione criminale di cui lui faceva parte. A cura di Melissa Rosenberg (Dexter). Nel cast: Lee Tergesen (Generation Kill), Jaime Ray Newman (Eastwick), Luke Goss (Death Race 2). Se gestito bene potrebbe dimostrarsi una bella novità, nonostante mi sembri qualcosa di più adatto al cable che alla ABC. Da tenere d’occhio. Trailer

ZERO HOUR – Per uno strano scherzo del destino, il direttore di una rivista (Anthony Edwards, ER) che da vent’anni smonta leggente e teorie complottistiche finisce per ritrovarsi coinvolto in una delle più grosse cospirazioni della storia dell’umanità. Creata da Paul Scheuring (Prison Break), nel cast figurano anche Addison Timlin (Californication) e Scott Michael Foster (Californication, The River). Questo andrà visto JUST FOR THE LULZ, che LULZ!!. Anthony Edwards, tranquillo: Patrick Wilson e Sarah Michelle Gellar ti stanno già aspettando nel centro di recupero “attori col progetto sbagliato”. Trailer

La ABC quest’anno diminuisce il numero di nuove proposte (ha rinnovato l’impossibile) ed evita l’automatica ricerca del sostituto di Desperate Housewives buttandosi invece su generi che il canale ancora non ha esplorato: abbiamo la serie musicale (Nashville), il thriller criminale (Red Widow), quello cospirazionista (Zero Hour) e la recluta figa che non si capisce a che genere appartenga e forse proprio per questo moriamo dalla voglia di vedere cos’è (Last Resort). Queste ultime due novità sembrano strizzare l’occhio al pubblico maschile da tempo snobbato dal network (a meno che non contiamo The River…). Riprendendo la questione già accennata in merito alla NBC, anche qui l’offerta high concept sembra puntare a narrazioni di più ampio respiro (i sopracitati Red Widow, Zero Hour e Last Resort sembrano di certo avere più fiato di The River, Awake e A Gifted Man, per esempio) con risultati che giustamente variano dal potenzialmente fighissimo (Last Resort) alla cagata colossale (Zero Hour).
Le poche comedy (sempre perché la ABC ha confermato questo e l’altro mondo) non sembrano invece mantenere la stessa spinta al rinnovamento dei drama, seguendo a testa bassa la scia delle family comedy di successo sul network, anche se con qualche curiosa (leggi MACHECAZZOÈ) variazione sul tema (The Neighbors).

PALINSESTO AUTUNNALE

LUNEDÌ – 8-10 p.m. “Dancing with the Stars”; 10-11 p.m. “Castle”
MARTEDÌ – 8-8:30 p.m. “Dancing with the Stars Results” / “How to Live with Your Parents (for the Rest of Your Life)”, “The Family Tools”; 9-9:30 p.m. “Happy Endings”; 9:30-10 p.m. “Don’t Trust the B**** in the Apartment 23″; 10-11 p.m. “Private Practice”
MERCOLEDÌ – 8-8:30 p.m. “The Middle”; 8:30-9 p.m. “Suburgatory”; 9-9:30 p.m. “Modern Family”; 9:30-10 p.m. “The Neighbors”; 10-11 p.m. “Nashville”
GIOVEDÌ – 8-9 p.m. “Last Resort”; 9-10 p.m. “Grey’s Anatomy”; 10-11 p.m. “Scandal”
VENERDÌ – 8-9 p.m. “Shark Tank” / “Last Man Standing”, “Malibu Country”; 9-10 p.m. “Primetime: What Would You Do?” / “Shark Tank”; 10-11 p.m. “20/20” / “Primetime: What Would You Do?”
SABATO – 8-11 p.m. “Saturday Night College Football”
DOMENICA – 7-8 p.m. “America’s Funniest Home Videos”; 8-9 p.m. “Once Upon a Time”; 9-10 p.m. “Revenge”; 10-11 p.m. “666 Park Avenue”

MIDSEASON: Body of Proof, Mistress, Red Widow, Zero Hour

La ABC tenta il colpaccio e si dà agli spostamenti selvaggi, pur mantenendo quei pochi punti fermi nel suo palinsesto. A sostituire Desperate Housewives e godere del lead in di Once Upon a Time il network scommette su Revenge, seguito dalla soap soprannaturale 666 Park Avenue, una combinazione niente male. Dopo NBC e FOX, anche la ABC colonizza la serata del martedì con una valanga di comedy, proponendo il duo killer Happy Ending-Don’t Trust the B**** in Apartment 23, che andrà a scontrarsi direttamente con New Girl-The Mindy Project e Go On-The New Normal. Ouch! Il mercoledì resta più o meno identico, ma stavolta a beneficiare della posizione post Modern Family saranno The Neighbors e la serie musicale Nashville. Last Resort debutta nello slot della morte ABC (dove negli ultimi anni sono caduti FlashForward, My Generation, Charlie’s Angels e Missing per fare alcuni nomi), ma è anche vero che si tratta di uno show difficilmente collocabile nella programmazione del network, quindi per il ragionamento inverso un posto vale l’altro. Il canale azzarda un paio di scripted series al venerdì, ma si tratta di due sit-com molto low profile.

La ABC cerca di evitare di ammalarsi del morbo NBC presentando un’offerta variegata tra novità non scontate (e spesso drammaticamente scarse) e un palinsesto ambizioso. La stagione appena passata è stata positiva e ha saputo lanciare con successo molti nuovi show. L’intenzione allora parrebbe quella di cavalcare l’onda dell’entusiasmo generale e provare a raggiungere i due network nettamente in testa, CBS e FOX, spingendo ancora di più l’acceleratore sul “think different” (almeno per quanto riguarda i canali broadcast), rischiando però di ruzzolare giù e farsi molto ma molto male. D’altronde chi non risica non rosica.

Giovanni Di Giamberardino

Giovanni Di Giamberardino nasce qualche tempo fa da qualche parte. Da tempo complotta per la conquista del mondo e la distruzione dell’umanità. Come se non lo facesse nessuno nel mondo pure lui ha scritto un romanzo, che comunque nessuno ha letto.

60 Comments

  1. HOW TO LIVE WITH YOUR PARENTS (FOR THE REST OF YOUR LIFE) mi ricorda il mio amato Giudice Amy… stessa identica trama…

    Rispondi

  2. mi sento sporca, ma non guarderò nashville nemmeno per sbaglio. musica country, hayden panettiere, rip-off di un brutto film con gwynett paltrow… mi dispiace connie, nemmeno tu riuscirai a farmi vedere una cosa del genere.

    poi ovvio, ho segnato tutte le peggiori da tenere d’occhio (mistresses, parlo soprattutto con te).
    e last resort la stavo già saltando senza pensarci due volte quando ho letto scott speedman. I’m not that righteous.

    Rispondi

  3. Mistress a me invece sembra quel trash quality della Abc a cui non si può rinunciare. Per il resto mi convincono anche Zero Hour, Red Widow, HOW TO LIVE WITH YOUR PARENTS e 666 PARK AVENUE. Last Resort sinceramente dal trailer mi è sembrato un b-movie dell’asylum!

    Rispondi

  4. The Last Resort: Storia a dir poco improbabile??

    Rispondi

  5. ah Nashville (pur essendo probabilmente l’unica italiana ad ascoltare tantissima musica country) la trovo una roba noiosa alla Smash, prevedibile.

    Rispondi

  6. Quando lessi le prime news su Nashville non mi fece una grande impressione, sarà la presenza di Hayden Panettiere. Facciamo che aspetto un po’ prima di cominciare a vederlo :D
    Per il resto, promettono bene Red Widow e Last Resort, almeno a giudicare dalla trama.

    Rispondi

  7. Leggere un po’ ovunque dai produttori/scrittori di Gossip Girl, Pretty Little Liars e Twilight ha istantaneamente raffreddato il mio entusiasmo… Vedremo…

    Rispondi

  8. Sery_x ha scritto:

    Twilight

    Se intedi Melissa Rosenberg è vero che ha scritto Twilight ma anche Dexter e O.C che sono state anche serie di un certo livello nel loro percorso. Se a me sceneggiatrice mi dicessero di scrivere una sceneggiatura di un best-seller e mi dessrero un sacco di soldi non credo mi farei problemi. Il materiale del romanzo poi se è quello che è mica posso fare miracoli, ma soprattutto i produttori del film non vogliono miracoli perchè il pubblico di quel romanzo esige di vedere esattamente ciò che ha letto, anche nei suoi difetti, in quel caso gli sceneggiatori sono quasi dei presta nome e basta.

    Rispondi

  9. Vi segnalo che in Mistresses non c’è Holly Marie Combs, ma un’altra attrice che non conosco ;) indagate

    Rispondi

  10. 666 Park Avenue e Last Resort sono assolutamente da tenere d’occhio per quanto mi riguarda. Tiepida curiosità per Red Widow, schifo per Nashville e Mistresses.
    Per le comedy mi ispira solo The Neighbors che sembra qualcosa di assolutamente folle e spassoso.
    How to live with blablabla ha 2 degli attori che odio di più, ossia Brad Garrett e Sarah Chalke. Che poi per quest’ultima poverina non è nemmeno sua la colpa, è che le danno sempre ruoli in cui si deve fare odiare e ci riesce bene.

    Rispondi

  11. Neanche a me Nashville ispira, ma Connie Britton ce la vedo tantissimo a fare la cantante country.

    Rispondi

  12. Per gli altri upfront ero abbastanza d’accordo con te. Sulla Abc (che come al solito a mio parere è quella che “almeno ci prova” a inventare qualcosa) invece no! 666 Park Avenue, The Neighbours, Zero Hour già le attendo da ora! The Neighhbours per la sua totale assurdità (che potrebbe risultare divertentissima!) e le altre due perchè almeno propongono un pò di mistero, intrighi, trame anche se buttate sul soprannaturale. Anche Last Resort ma ho paura che troppo pomposa e nell’orario in cui l’hanno messo, possa floppare. Nashville e Red Widow mi sembrano sempre le solite cose (seppur ritrite in salse diverse).

    Rispondi

  13. Dai trailers veramente osceni non ispira quasi nulla, tranne 666 Park Avenue, Zero Hour e ovviamente Mistresses che lo si vedrà solo per Alyssa Milano e Yunjin Kim.
    Holly Marie Combs era nel cast di un precedente remake, poi non andato in onda.

    Rispondi

  14. FabioB ha scritto:

    The Last Resort: Storia a dir poco improbabile??

    Ma perché dev’essere “il più potente sottomarino mai costruito” e perché il Pakistan? La mitomania rovina tutto.

    Rispondi

  15. Athanasius Pernath 16 maggio 2012 at 12:37

    non riesco a capire come un sì stimato recensore riesca a dare la luce verde ad un progetto in cui c’è Hayden Panettiere :)

    e dire che tra tutti è quello che avrei visto più volentieri. ovviamente, non esiste che io ne guardi neanche il trailer. Hayden Panettiere. roba da matti.

    Rispondi

  16. In realtà su IMDB la presenza di Holly Marie Combs viene segnalata, ma non si sa se il suo ruolo sia da regular o guest star. Staremo a vedere.

    Le novità che terrò d’occhio saranno 666 Park Avenue e How to live with your parents che vede il ritorno sulle scene di quell’adorabile donna di Elizabeth Perkins. Il resto mi sembra tutta una minestra riscaldata…. Reba McEntire in una comedy dove interpreta una mamma divorziata con figli a carico che canta musica country? Una cosa nuova! Ah, The Neighbors secondo me sarà la cagata del secolo.

    Rispondi

  17. @ Athanasius Pernath: Frega una cippa lippa di Hayden Panettiere, Connie Britton vince su tutto.

    Rispondi

  18. Sarò un fanboy, ma l’ansia per Last Resort è al massimo.

    Rispondi

  19. @ rampion: Prendono possesso di un isola perlopiù abitata minacciando presumo il lancio di testate nucleari.. madò!!

    Rispondi

  20. Strano, in effetti c’è anche Holly Marie Combs segnalata. Sicuramente c’è un errore, altrimenti lo avrebbe detto lei stesso su twitter.

    Rispondi

  21. Le due serie drama che più mi hanno incuriosito sono “666 Park Avenue” (Vanessa Williams e Terry O’ Quinn sono tipo la miglior coppia di sempre!), “Zero Hour” (vabbè sono un patito delle teorie di cospirazione, mi rendo conto che potrebbe svaccare dopo due-tre episodi come FlashForward, ma è anche vero che se gli autori si giocano bene le loro carte, potrebbe venire fuori qualcosa di eccezionale).
    “Last Resort”, vedremo… l’idea di base non mi convince al 100%.
    Tra le comedy, “The Neighbors”, il trailer mi ha fatto morire dal ridere!
    Per il resto, al momento passo

    Rispondi

  22. Last resort è di Shawn Ryan, quindi I’m in! di default. Nashville avrei voluto, giuro, ma con la Panettiere non ce la posso fare. Per me la sua faccia a forma di pallone è come l’aglio per i vampiri, sto male appena la vedo.

    Rispondi

  23. GCB è già cult. In dieci episodi era diventata un gioiello. Altro che OUAT, che ha abbagliato tutti con una manciata di brillantini… insieme a Revenge era la migliore novità del canale. Scandalosa la cancellazione. : (

    Rispondi

  24. The Neighbors: NON CI CREDO.

    Rispondi

  25. Ma voi volete dirmi che la ABC sta producendo veramente questa roba per l’anno prossimo? Non credevo che avrei mai potuto bocciare in toto un upfront che non fosse quello della CW (si, il mio è odio. deal with it) e invece è successo. Una tale quantità di immondizia è inconcepibile. No, seriamente, come si fa a pensare a qualcosa come Malibu Country o The Neighbors? A parte questi esempi estremi è proprio tutta la programmazione ad essere imbarazzante, neanche Shawn Ryan è riuscito a farmi venire un po’ di curiosità per Last Resort…sulla carta la ABC veramente ma veramente male.

    Rispondi

  26. frisio

    Si però conteniamoci :). Nel senso dal trailer leggittimo dire non mi piace, non mi attira o quello che vuoi lo stiamo facendo tutti. Ma già dire parlare già di “questa immondizia” mi pare veramente troppo come giudizio a priori :)

    Rispondi

  27. Shonenbat ha scritto:

    GCB è già cult.

    Anche a me le ultime puntate son piaciucchiate ma non è diventato cult di niente e dubito verrà rivalutato tra anni :).

    Rispondi

  28. sara881 ha scritto:

    (pur essendo probabilmente l’unica italiana ad ascoltare tantissima musica country)

    Non sei sola. ;-)

    Ho visto il trailer – cosa che non faccio mai – perché la curiosità era troppo alta verso un prodotto che SCEGLIE di avere nel titolo “Nashville”, che ha (almeno dal 1975) una doppia valenza: la città – sede pure della mitica Gibson – e il film.
    Il risultato? Da quel trailer mi chiedo come abbiano potuto solo pensarla una cosa del genere. Da codice penale.

    I tre spezzoni ascoltati in quel trailer tutto mi sembrano fuorché country. Sono poppettino riducibile a una sola parola: robaccia.
    Non chiedo roba di qualità alla Nitty Gritty Dirt Band o Little Feat, ma almeno qualcosa di decente…

    P.S. sulla ABC non vedo (quasi) nulla, ma “GCB” poteva rimanere tranquillamente un’altra stagione… scanzonato e idiota al punto giusto, divertente in altri frangenti e più “leggero” delle casalinghe disperate.
    Resta solo A23…

    Rispondi

  29. the neighbors è il lolwut? definitivo, ma mi incuriosisce il fatto che la abc ci creda talmente tanto da metterla dopo modern family. last resort una possibilità gliela do di sicuro, 666 indirizzo ha l’aria di una di quelle serie che hanno una possibilità solo se il network ci crede molto e promuove un sacco per far capire di che si tratta (poco probabile). il mistero dei templari lo seguo solo se la buttano sul lol fin dall’inizio. bello il palinsesto, ma la royal battle del martedì mi fa molta paura, non vorrei che alla fine due comedy bellissime come happy endings e apartment 23 morissero per la troppa competizione

    Rispondi

  30. Pogo

    ovvio che una serie che va sulla Abc non si possa ispirarsi al country storico ma al country (che come tutti i generi musicali si è evoluto e contaminato) di oggi. I gruppi da te citati sono gruppi di 50 anni fa, la serie è ambientata al giorno d’oggi. Persino l’attuale “re del country” Tim Mcgraw non fa più quel tipo di musica lì. Questa serie essendo ambientata oggi ci sarà musica country sulla stile di Carrie Underwood, Miranda Lambert, Lady Antebellum, Taylor Swift, Brad Paisley, Jason Aldean etc..

    Rispondi

  31. Once Upon a Time è stata la nuova serie di successo della stagione, Revenge quella che ha indotto più assuefazione, Suburgatory e Don’t Trust the B**** in Apartment 23 due tra le migliori comedy degli ultimi anni

    concordo anche se mi manca revenge,lo tengo là per il buco dell’estate piu che altro

    Rispondi

  32. Athanasius Pernath 16 maggio 2012 at 16:32

    sara881 ha scritto:

    Pogo
    ovvio che una serie che va sulla Abc non si possa ispirarsi al country storico ma al country (che come tutti i generi musicali si è evoluto e contaminato) di oggi. I gruppi da te citati sono gruppi di 50 anni fa, la serie è ambientata al giorno d’oggi. Persino l’attuale “re del country” Tim Mcgraw non fa più quel tipo di musica lì. Questa serie essendo ambientata oggi ci sarà musica country sulla stile di Carrie Underwood, Miranda Lambert, Lady Antebellum, Taylor Swift, Brad Paisley, Jason Aldean etc..

    si, questo è innegabile. e per me non sarebbe stato un problema.
    ma tanto poteva anche avere un redivivo Johnny Cash come supporting character…sempre che c’è Hayden “vivere senza rimipianti” Panettiere, perciò non può (non deve!) funzionare :P

    Rispondi

  33. sara881 ha scritto:

    che come tutti i generi musicali si è evoluto e contaminato

    Infatti, i primi a farlo in modo elegante e massiccio furono i NGDB, che mischiarono al country il bluegrass e il folk-blues.

    sara881 ha scritto:

    Carrie Underwood, Miranda Lambert, Lady Antebellum, Taylor Swift, Brad Paisley, Jason Aldean

    Ma lo chiamano country, solo per etichette commerciali. Io quello lo chiamo pop (compreso Tim McGraw). E pop sarà anche “Nashville”… che per me è rosso in attesa di vedere il pilot.

    Per un country contemporaneo penso, ad esempio, a Ryan Bingham.

    P.S. “Mr. Bojangles” nella versione NGDB è del 1971. Ed è ancora il meglio della contaminazione country-folk-blues che esista.

    Rispondi

  34. Carrie Underwood, Miranda Lambert, Lady Antebellum, Taylor Swift, Brad Paisley, , Jason Aldean
    Ma lo chiamano country, solo per etichette commerciali. Io quello lo chiamo pop (compreso Tim McGraw). E pop sarà anche “Nashville”… che per me è rosso in attesa di vedere il pilot.

    Si, il country come detti si è contaminato molto, soprattutto col pop. Ma Tim Mcgraw, Underwood, Paisley, Luke Bryan, Eric Church, Kenny Chesney, Miranda Lambert non sono cantanti pop suvvia!, è musica country bella e buona :) Taylor Swift e Lady Antebellum hanno delle produzioni che virano quasi completamente al pop è vero (infatti sono i 2 nomi più celebri anche all’estero) ma il tipo di scrittura dei testi ad esempio anche per questi 2 è quella tipica della tradizione country.

    Rispondi

  35. sara881 ha scritto:

    è musica country bella e buona

    Di quell’elenco, salvo, FORSE, Paisley e Church. Siccome questo non è un blog di musica mi fermo qui e non scrivo nemmeno che penso degli altri (solo che sono country come Ligabue è rock)…
    Ma per farti capire il mio pensiero, quando Norah Jones decide di fare un po’ di Country, non c’è paragone. Come pure Bingham.

    Su “Nashville” posso sbagliarmi oppure no (non si giudica un libro dalla copertina ;-) ), ma potevano evitare questo titolo.

    P.S. gli Outlaws sono più moderni a distanza di 40 anni di qualsiasi Underwood, Swift o McGraw che passa per caso…

    Rispondi

  36. ma solo per me sono tutte delle gran str****te?
    Nashville poteva salvarsi grazie alla Britton, ma la Panettiere mi fa venire l’orticaria, per cui passo.
    Il resto è qualcosa di abominevole. soprattutto i vicini alieni. I VICINI ALIENI, RENDETEVI CONTO.
    povera ABC, e dire che con Revenge, OUAT e Apartment 23 quest’anno ha fatto un gran bene! (non saranno dei capolavori, ma si fanno guardare più che volentieri!). a questo punto potevano tenersi Pan Am e GCB. o ancora meglio Cougar Town, a cui hanno riservato un trattamento orribile. povera povera Cougarton Abbey.

    Rispondi

  37. Un’offerta decisamente diversificata; si può provare tutto, anche se credo che Lily Tomlin stia davvero abusando di maryjane lollipops.
    L’hype per 666 è svanito con questo trailer.
    Kyle Bornheimer mi piace (e anche la slapstick comedy): chissà se reggerà.
    The Neighbors sembra cavalcare un’onda prevalentemente cinematografica (e d’animazione) e ha decisamente stimolato la mia curiosità.
    Da provare Andre Braugher che si autoproclama re e il catfight country, anche se per farlo dovrò alienare dai miei ricordi l’esistenza del cinema di Robert Altman per quei 40 minuti di pilot.
    E poi c’è Celia Hodes che parla di genitali, come si fa a dire di no?

    p.s. Mistresses lo eviterò come la peste bubbonica. Red Widow sembra di una noia spaventosa.

    Rispondi

  38. Pogo ha scritto:

    sara881 ha scritto:

    (solo che sono country come Ligabue è rock)…

    Concludo pure l’O.T io dicendoti che tu racchiudi il termine musica country ad uno solo stile musicale che è quella della musica country degli anni 70 o quello legato indiscutibilmente al mondo folk. Sarebbe come dire che i Coldplay non fanno rock perchè son diversi dagli arcade Fire, che son diversi dai Radiohead che son diversi dai Queen che erano diversi dai Led Zeppelin. Tutte rock band in generale ma in sostanza 5 tipi di rock diverso che vanno dall’hard rock, l’opera rock all’indie-rock.. Tutti gli artisti da me citati fanno tutti in tutte le sue accezioni musica country. Come scrissi una volta (forse in un post sulla tv via cavo) sono stata diversi anni in texas, sono gli idoli nazionali questi artisti, altro che non essere considerati artisti country.

    Rispondi

  39. Body of Proof è stata rinnovata per i profitti sul mercato internazionale.
    Anna Torv che limona duro con una donna mi suggerisce di vedere Mistresses originale.
    666 Park Avenue mi sa di vaccata, ma anche OUAT ai tempi mi dava l’idea di una cagata quindi…
    Last Resort è il Revolution della ABC elevata per mille. Ryan, non fare errori, ti prego.

    Rispondi

  40. Per i drama curiosità per 666 park avenue e last resort e zero hour!
    Il primo se diventa troppo once upon a time non mi piacerà ma 2/3 puntate le vedrò , il secondo non si capisce cosa vogliano farne e forse il bello è proprio questo, il terzo c’è la parolina cospirazione che mi intriga e poi c’è scheuring di prison break!

    Per le comedy the neighbors può essere divertente per la sua assurdità , how to live… Gli concedo una manciata di episodi.

    Il resto fuffa!

    Rispondi

  41. sara881 ha scritto:

    Sarebbe come dire che i Coldplay non fanno rock

    Ohibò, infatti non fanno rock. Non so cosa fanno, ma non è rock… (e non c’entrano niente gli Arcade Fire). [scusa, non mi sono trattenuto, ma ora mi fermo davvero. Comunque la mia mail è a disposizione se vuoi continuare la discussione. Saluti]

    Rispondi

  42. doctorwho10th 17 maggio 2012 at 11:30

    Zero Hour lo voglio vedere, almeno il primo episodio con il Dottor Green che parla di cospirazioni.
    Last Resort promette piuttosto bene.
    Red Widow penso che potrà piacermi, amo le donne forti e capaci di ottenere il controllo, inoltre il background della criminalità la rende una serie capace di incuriosirmi.
    Delle altre serie non mi interessa nulla, continuo a ridere per l’incipit di The Neighbours. Come si fa a venir fuori con idee del genere?

    Rispondi

  43. @ Pogo:

    Ecco se per te Coldplay e Arcade Fire non sono rock vuol dire che sei uno di quelli per cui il rock è solo chitarre spianate. Ora capisco l’idea un po’ limitante che hai di quella che è la musica country :).

    Rispondi

  44. Io “The Neighbors” non me lo lascerò perdere nemmeno per sogno!! ahah già sembra una cosa senza alcun senso e governata dal WTF estremo..IMPERDIBILE! :)

    Rispondi

  45. sara881 ha scritto:

    Ecco se per te Coldplay e Arcade Fire non sono rock vuol dire che sei uno di quelli per cui il rock è solo chitarre spianate.

    Falso.
    Prima di tutto, stai dando giudizi random su ciò che intendo come musica e sui miei gusti, la qual cosa è francamente irritante.
    Gli Arcade Fire (rock) non c’entrano niente come metro di paragone dei Coldplay.
    I Coldplay non fanno rock e basta (sono fenomeno stra-pop, pure mediocre e banale).

    E il rock a “chitarre spianate” non so cosa vuol dire (a meno che non intendi la fuffa dei vari Metallica e compagnia cantando). Spiegamelo pure.
    enemyisus@gmail.com

    P.S. per del rock moderno, rivolgersi a Fanfarlo, National, Okkervill River, Band of Horses…

    Rispondi

  46. [...] dice giovanni che ne faranno anche una seconda serie. cool. “Don’t Clinton me with [...]

    Rispondi

  47. [...] CW, upfronts Dopo aver analizzato il palinsesto dei “fantastici quattro” (NBC, FOX, ABC e CBS), concludiamo la carrellata degli upfronts dei broadcasting network con la piccola [...]

    Rispondi

  48. Um, senza offesa, non so se mi facciano più sorridere quelli che si strappano i capelli all’idea di un’adattamento di Sherlock Holmes che non sia fedele all’ ADATTAMENTO di Moffatt (non oso immaginare quale potrebbe essere la reazione delle persone sconvolte all’idea che Watson sia una femmina umana a Basil l’ Investigatopo!) , o quelli che si danno le pacche sulle spalle per il progressismo e l’apertura mentale che dimostrano nello shippare un bromance (uno schema narrativo che consente di avere due maschi bianchi come protagonisti senza realmente rappresentare una relazione omosessuale! Wao, che roba rivoluzionaria! Ci credo che a quei poveri parrucconi degli americani faccia “paura”,non è che sfornano roba come questa dai tempi di Starsky & Hutch…)

    Poi a me di Elementary frega nulla, ma, scusatemi, questi argomenti sono veramente ridicoli…

    Rispondi

  49. [...] Tag cancellazioni, CBS, nuove serie, rinnovi, stagione 2012/2013, upfronts Dopo NBC, FOX e ABC, oggi è la giornata della [...]

    Rispondi

  50. featherhead ha scritto:

    Um, senza offesa, non so se mi facciano più sorridere quelli che si strappano i capelli all’idea di un’adattamento di Sherlock Holmes che non sia fedele all’ ADATTAMENTO di Moffatt (non oso immaginare quale potrebbe essere la reazione delle persone sconvolte all’idea che Watson sia una femmina umana a Basil l’ Investigatopo!) , o quelli che si danno le pacche sulle spalle per il progressismo e l’apertura mentale che dimostrano nello shippare un bromance (uno schema narrativo che consente di avere due maschi bianchi come protagonisti senza realmente rappresentare una relazione omosessuale! Wao, che roba rivoluzionaria! Ci credo che a quei poveri parrucconi degli americani faccia “paura”,non è che sfornano roba come questa dai tempi di Starsky & Hutch…)

    Il punto è che è impossibile guardare una nuova serie su Sherlock senza fare paragoni con la serie inglese, e visto che si è sulla CBS non ci si può aspettare chissà che innovazione; non è che la gente la critica perchè non è fedele alla versione di Moffat, ma perchè non reggerà sicuramente il confronto. Così come la serie inglese quando l’ho vista l’ho paragonata al film di Guy Ritchie, perchè l’argomento è quello, mica per altro.
    Poi nessuno dice che gli americani abbiano paura della bromance in generale, ma che la CBS preferisca utilizzare schemi classici e osare poco è risaputo, in più per loro ogni serie è una potenziale 8 stagioni e devono giocarsi la trama sul lungo periodo.

    Rispondi

  51. Mi piace moltissimo 666 Park Avenue. Il ritorno di Terry O’Quinn e i suoi sorrisi!! E poi la serata della Domenica è un qualcosa di sublime! OUAT Revenge e 666!!!

    Il resto boh. Darò una chance sicura ai pilot di Nashville (per Connie Britton e Hayden Panettiere) e a Last Resort per vedere come sono. Gli altri nada.

    Rispondi

  52. Bella la nuova domenica ABC! Per il resto, non ci sono molte serie interessanti, a mio parere…

    – 666 Park Avenue: WOW, WOW, WOW… Sarà il cast (a parte quella cagna di Rachel Taylor, mi piacciono tutti, Terry ‘O Quinn in primis!), sarà la storia della casa stregata… Mi intriga!
    – How to live with your parents: meh. Non mi piace Sarah Chalke, non mi piace il cast, non mi piace questa cosa della censura per dire le parolacce, non mi piace nulla. Bocciata.
    – Last Resort: figo è figo, e c’è Ben di Felicity (lo AMOOO!!). Però non è esattamente il mio genere.
    – Mistress: EW!!! Cos’è questa cosa?? Bocciato.
    – Red Widow: noia.
    – Nashville: non mi convince, e ODIO la Panettiere.

    Rispondi

  53. P.S. Ho visto il trailer di “The Neighbours”… XDDDDD Forse può uscirne una serie divertentissima, speriamo!!! :D

    Rispondi

  54. Scusate, sapete dirmi se è vero che Patrick Dempsey alla fine nn lascia lo show ed è stato riconfermato per Grey’s anatomy 9?

    Rispondi

  55. Ari ha scritto:

    Scusate, sapete dirmi se è vero che Patrick Dempsey alla fine nn lascia lo show ed è stato riconfermato per Grey’s anatomy 9?

    E’ confermato che ci sarà anche nella prossima stagione!

    Rispondi

  56. @ BetterLife:
    Come sono felice <3

    Rispondi

  57. MardiGrasDude 23 maggio 2012 at 18:36

    Ma sbaglio o The Neighbors,alieni a parte,è un po’ un copia di Suburgatory?? :|

    Rispondi

  58. [...] SOLO CONNIE – Nashville, se avete letto gli upfront ABC sapete di cosa parliamo (se non l’avete fatto facciamo gli offesi e ci voltiamo dall’altra [...]

    Rispondi

  59. [...] abbiamo per voi due teaser promozionali rilasciati pochi giorni fa dalla ABC di Nashville, serie musicale in arrivo per la stagione [...]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>