lb_a

Love Boat: Ask The Captain!

ATTENZIONE: SPOILER PER IL FINALE DI PRETTY LITTLE LIARS!

Come potete immaginare, alla redazione di Serialmente arrivano un sacco di letterine. Passiamo le nostre giornate a dissezionare roba che la maggior parte di voi guarda mentre affetta le carote o studia trigonometria, quindi ci siamo fatti un certo nome come esperti di nullologia applicata. Sappiamo più noi delle beghe amorose dei vari Emily, Meredith, Dan, Naomi, Toby ed Ezra di quanto ne capiscano loro stessi. Abbiamo quindi incaricato il Capitano Merril Stubing, esperto di faccende amorose, di aiutare questi poveretti in difficoltà a diramare situazioni ben al di sopra del loro QI. E, pubblicando le loro lettere, approfittiamo per stare al passo con le parti zuccherose delle serie tv che sareste tentati di mandare avanti veloce. Avete ricevuto anche voi richieste di aiuto da parte di persone che vi sembra proprio di conoscere? Mandatecele, noi inoltriamo tutto al Capitano.

 

Capitano,
non prendertela se, tipo, non ti do del lei o robe simili. Ho un’intelligenza superiore alla media e vivo in uno stato di costante iper-realtà, non posso perdere tempo con l’etichetta: sono troppo occupata a essere ovunque nello stesso momento. Essendomi però ritrovata, all’improvviso, con un sacco di tempo libero per le mani – per il fatto che, come dire, mi hanno chiusa in manicomio – posso almeno approfittarne per scriverti questa lettera.
Io non capisco cosa ho fatto di sbagliato, il problema semmai è degli altri: sono solo l’unica persona intelligente, adulti compresi, in quell’olocausto sociale che è Rosewood. È normale che io mi annoi. E no, caso mai te lo stessi chiedendo lasciati dire che il taccheggio al centro commerciale non è esattamente uno spasso da quando quell’imbecille della mia unica amica ha smesso di accompagnarmi: assistere ai suoi maldestri tentativi di non farsi beccare dalla sicurezza, mentre io riempivo con noncuranza la mia camera di inutile paccottiglia, almeno mi garantiva qualche sommessa risata interiore.
In questo periodo ho fatto di tutto per essere popolare, ma non devo esserci riuscita granché se a tutti sembra sfuggire il mio status di sgualdrina della scuola. Non che mi ci sia applicata con grande passione: certo, ho i numeri di telefono dell’intera squadra di lacrosse, ma a che pro se quelle tre imbecilli mettono su la faccia di chi ha appena pestato una merda ogni volta che mi avvicino? E Hanna, l’amica di cui ti parlavo all’inizio, è tornata a frequentarle proprio quando cominciava a diventare divertente. Ho fatto di tutto per fargliela pagare, non mi sono fatta mancare neanche i tentati omicidi, i boicottaggi, lo stalking aggressivo: arruolata da una squadra di gente permalosa (non so se hai presente, Capitano, di quelli che quando si legano una cosa al dito…) ho messo in piedi un bello spettacolo, dovevi esserci. Gente che si prendeva e si mollava ogni volta che inviavo un sms, falsi indizi, minacce: mi sembrava di avere nelle mie mani la vita dell’intera cittadina, adulti compresi. Che sensazione favolosa! Ma hanno vinto loro, e nello stesso modo in cui stavano perdendo: per puro caso. Capitano, capirai, una persona dotata come me non può accettare di perdere per pura casualità, soprattutto considerato che queste ancora non hanno capito nulla. Come fare per ristabilire il mio karma? Dovrei ucciderle tutte? O aprirmi a nuove esperienze e prendermela con qualcun altro, come consiglia il mio oroscopo?
XOXO
A.

p.s.: non sono tanto arrabbiata, eh, è solo che mi annoio.
p.p.s.: non so cos’ha letto in giro, ma quella carta di gomma non era la mia, ok? Tutta Rosewood mangia le stesse gomme, quante storie.

- ––– -

Cara, carissima A.

innanzitutto, prendi un bel respiro e CALMATI. Non prendertela se ti tratto come se fossi mia nipote ma, dal tono della tua lettera, non credo tu abbia ancora compiuto la maggiore età.
Ultimamente mi arrivano lettere un po’ allucinate e la parola omicidio compare spesso: quelli di Serialmente, per cui curo questa rubrica dedicata ai cuori solitari, non mi avevano anticipato nulla del genere. Esigo spiegazioni!
Scusa per lo sfogo, A., ora passiamo a te: te l’ho già detto di calmarti? La tua indubbia intelligenza ti ha portato a camminare per strade impervie, costellate di ripicche, inganni, meschinità, furti, boicottaggi, bugie: sfido io che nessuno vuole starti vicino! Hai mai pensato che, nonostante la tua senz’altro brillante arguzia, le tue malefatte  ti abbiano isolata un po’ da tutti – maschietti compresi?
Cara A., il posto in cui ti trovi adesso ti servirà per espiare le tue colpe e ripensare alle tue cattiverie. La squadra di gente permalosa di cui parli e che ti minaccia, (probabilmente frutto della tua mente iper-sensibile, ma non arrabbiarti per questo, ti prego! Potrei essere tuo nonno, cara, ricorda!), non può farti del male e se ti vestirai della corazza del pentimento, nulla potrà scalfirti.
Cara A., chiunque tu sia, pentiti. Getta nell’immondizia i rossetti che hai rubato al centro commerciale, il telefonino con cui hai causato tanto dolore, l’oroscopo e la vecchia te: solo così potrai costruirti un’altra identità – non deviata come l’ultima, ovviamente – e tornare a vivere come una ragazzina della tua età. Da quello che vedo sulla mia nave, le tue coetanee passano le loro giornate a prendere il sole, passarsi lo smalto sulle unghie e litigare con i genitori, invocando un certo Justin Bieber tra le lacrime. Io non so chi sia questo Justin (una rockstar, forse?), ma le mie passaggere adolescenti mi sembrano comunque più normali di te.
Rimettiti, cara A., non pensare più agli intrighi e non rivolgere la tua rabbia verso altre persone innocenti : so che molti si meriterebbero una bella strigliata ma non è tuo dovere smuovere le coscienze.

p.s. Non prendere a male quasta mia lettera. Non ho un cellulare e non saprei neanche leggere un messaggio, quindi i mezzi che usi per minacciare con me non funzionerebbero. Potrei essere tuo nonno, signorinella, non provarci nemmeno!

p.s.s: non so cosa voglia dire XOXO, ma ho paura possa nascondere un messaggio segreto destinato ai tuoi fantomatici colleghi di intrigo. Nel dubbio, ti rispondo con un generico

arrivederci

Tuo
Stubing

 


 

Grazie per aver votato!

Loading ... Loading ...

Captain Merrill Stubing

Galantuomo, saggio, dirige navi e dispensa consigli sentimentali con la stessa scioltezza, gli oceani e i palpiti del cuore non hanno segreti per lui. Restio al cambiamento, non si leva la divisa dal '77. Ma provate a chiedergli un consiglio d'amore: avrà sempre un proverbio da vecchio lupo di mare da citare per consolarvi.

19 Comments

  1. In pratica, ci avete semplicemente rivelato chi è “A.” di Pretty Little Liars, serie che peraltro non seguo più da un pezzo e della quale non mi potrebbe importare di meno…
    Con tanti saluti ai talebani dello spoiler, che per molto meno hanno condotto autentiche crociate all’insegna del “niente spoiler perchè sennò poi la gente non ci legge più”…
    vabbè, la vita è proprio strana…

    Rispondi

  2. skorpio ha scritto:

    In pratica, ci avete semplicemente rivelato chi è “A.” di Pretty Little Liars, serie che peraltro non seguo più da un pezzo e della quale non mi potrebbe importare di meno…
    Con tanti saluti ai talebani dello spoiler, che per molto meno hanno condotto autentiche crociate all’insegna del “niente spoiler perchè sennò poi la gente non ci legge più”…
    vabbè, la vita è proprio strana…

    Non l’ho mai visto eh, ma cito da wikipedia “Nel corso dell’ultimo episodio della seconda stagione l’identità di -A viene svelata”.
    Essendo finita la seconda stagione, credo che tutto ciò sia ampiamente spoiler-free per chi segue la serie.
    E per chi non la segue, “chissenefrega”, no?

    Rispondi

  3. Ehm…

    Non so se ci sono altri oltre me che seguono la serie ma sono indietro di 3-4 puntate che non riescono a recuperare.. Quando ho capito che si parlava di A. avrei voluto semplicemente chiudere la pagina, peccato per la foto a inizio articolo, magari quella si poteva evitare?

    Va be pazienza, per fortuna che si tratta di pll!

    Rispondi

  4. @ sybilvane:
    di PLL non me ne può fregare di meno, l’identità di A. era praticamente nota a chiunque (i lettori lo urlavano da due anni) ma al di là del giusto o sbagliato che sia dire chi sia A. ad una settimana dall’episodio il fatto che sia citato su wikipedia non vuol dire proprio nulla! Suvvia… è wikipedia!

    Rispondi

  5. @ cordelia:
    No, citavo da wikipedia perché per curiosità sono andata a vedere se l’identità di A. fosse stata svelata o meno e da quanto tempo!
    Non seguendo, ripeto, la serie e non avendola mai seguita, non potevo assolutamente sapere niente e visto che anche il primo “commentatore” diceva di non seguirlo, volevo verificare che avessero effettivamente spoilerato!

    Rispondi

  6. cordelia ha scritto:

    @ sybilvane:
    l’identità di A. era praticamente nota a chiunque (i lettori lo urlavano da due anni)

    Infatti non era stato facile tenersi al sicuro finora!
    Va be’, la prossima volta niente “vita reale” e in pari con le serie

    Rispondi

  7. Ero indecisa se votare per il guardaroba di Aria o Emily Thorne. Non ho resistito, Aria deve soffrire!! ahah

    Rispondi

  8. … Spoiler? Cosa sono gli spoiler?

    Un altro cantante rock che piace a voi giovani, forse?

    Rispondi

  9. la rubrica è quella che è, parla delle serie che ci fanno parlare in questo momento e pll era la scelta più ovvia per questa settimana.
    mi scuso per chi abbia eventualmente visto rovinato il telefonatissimo finale di pretty little liars, ma davvero non pensavamo che dopo una settimana e anni di buzz potesse essere un problema.

    Rispondi

  10. Non capisco perché tutto questo rancore. Il bello di questa serie, nella sua innegabile cialtroneria, non sta tanto nell’andare dietro al mistero di A., quanto piuttosto vedere a che punto possono rendersi imbecilli le 4 grazie ( fra cui una dovrebbe addirittura essere intelligente!) alle prese con i vari giochetti. Anche se non si fosse stati a conoscenza del finale del libro – o se si fosse creduto al fatto che nella serie A. non sarebbe stata la stessa persona – non vi siete chiesti perché quella che si presentava come ancora più imbecille delle altre continuasse a ricevere minacce, e ignorarle, senza che le venisse torto un capello?! Mai vista una serie così raffazzonata come questa.. Ma 40 minuti d’ilarità per me sono assicurati!

    Rispondi

  11. Alice Alessandri ha scritto:

    la rubrica è quella che è, parla delle serie che ci fanno parlare in questo momento e pll era la scelta più ovvia per questa settimana.
    mi scuso per chi abbia eventualmente visto rovinato il telefonatissimo finale di pretty little liars, ma davvero non pensavamo che dopo una settimana e anni di buzz potesse essere un problema.

    premetto (come l’ho premesso mille volte) che degli spoiler non me ne importa niente e non me ne è mai importato niente (sono uno che va a leggere il finale dei gialli, tanto per dire), e che dopo la prima puntata di PLL (probabilmente il punto più alto raggiunto dalla serie, e molto più probabilmente l’unica puntata di PLL che valga veramente la pena di vedere) mi andai subito a leggere su wikipedia chi era questo famoso A…

    però ricordo ancora il pandemonio che scoppiò sul thread della prima stagione di TWD quando “osai” rivelare che nel fumetto si diceva che glenn prima della zombie apocalypse faceva il fattorino (sai che rivelazione), per non parlare della volta in cui, sul thread della prima stagione di GOT “osai” rivelare che nei libri ad un certo punto Jaime diventava un personaggio POV (“così ci rovini tutto!” “adesso ci crei delle aspettative sul personaggio!” roba da pazzi…), per non parlare delle ridicole diffide agli “spoileristi” nelle recensioni delle puntate di GOT…

    Rispondi

  12. Alice Alessandri ha scritto:

    mi scuso per chi abbia eventualmente visto rovinato il telefonatissimo finale di pretty little liars, ma davvero non pensavamo che dopo una settimana e anni di buzz potesse essere un problema.

    Io di serie tv su internet ne leggo solo su Serialmente, e voi ancora (nè commentatori nè autori) non l’avevate detto ;)

    Rispondi

  13. @ skorpio:
    la differenza coi tuoi esempi è che noi qui stiamo parlando di una cosa già trasmessa.

    mi spiace davvero molto che gente come @ Martina ne sia rimasta spoilerata, ma se c’è un articolo su una serie con cui non sei in pari entri a tuo rischio e pericolo.
    la natura della rubrica è leggera e forse noi con troppa leggerezza l’abbiamo gestita, mi scuso e ho cercato di rimediare per i prossimi avventori, ma ammettiamo che forse spoiler non è nemmeno la parola giusta.

    Rispondi

  14. Scusate ma c’è scritto a chiare lettere “Spoiler per il finale di PLL” dunque chi non voleva spoiler bastava non continuasse a leggere ;)

    Rispondi

  15. @ valentina:
    Secondo te se ci fosse stato scritto dall’inizio ci sarebbero state lamentele?

    Rispondi

  16. cordelia ha scritto:

    @ valentina:
    Secondo te se ci fosse stato scritto dall’inizio ci sarebbero state lamentele?

    Mi sembra ovvio che non sapevo all’inizio ci fosse scritto,cìè bisogno di essere sempre così scortesi??

    Rispondi

  17. @ valentina:
    Non volevo essere scortese, forse ho dimenticato di metterci questo ;-)

    Rispondi

  18. Ehhhh è proprio vero che la gente non ha niente di meglio da fare….guarda quà che vagonata di commenti per uno “spoiler” su una serie terrificante e bimbominkiesca :-|

    Rispondi

  19. Ho votato “Trovarsi un hobby innocuo come il punto croce, ma continuare a interessere minacciose letterine per i suoi nemici.” ma solo se le letterine minacciose devono essere centrini ben ricamati ok? ^_^

    A me il guardaroba di Aria piace XD è quello di Spenser che mi fa paura (o è lei che se li porta male).

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>