Revenge – 1×09 – Suspicion

revenge 1x09

Adesso che la evil twin di Emily/Amanda si è aggiunta stabilmente alla famigliola disfunzionale di Revenge, è necessario fare un po’ di chiarezza sulla nomenclatura: da ora in poi per appellare le signorine in questione userò i nomi originari, e cioè Amanda (ma anche Emilybot quando mi gira) per Emily VanCamp, e Emily per la cagna maledetta quell’altra.

COSE BUONE.

Il duetto Victoria-Lydia. Guardandole, mi è venuta in mente una scena di “Luna di fiele” di Polanski, quando Emmanuelle Seigner dice a Peter Coyote: “Ho una notizia buona e una cattiva. La buona è che sei paralizzato. La cattiva è che sarò io a prendermi cura di te”. Non siamo proprio a quei livelli, ma di sicuro deve dare una certa soddisfazione prendersi cura dell’amante malconcia del proprio marito rimbambendola a forza di pillole. Solo che Lydia non è nata ieri, sputacchia le pillole e con l’aiuto di Conrad se la svigna. Peccato, perché Amber Valletta e Madeleine Stowe insieme formano un duo di alto livello. Quanto mi piacerebbe vedere le due fascinose signore fare fronte comune e magari fuggire via in decappottabile con i foulard di seta a tenere ferma la messa in piega.

Nolan. Nolan in tutti i luoghi e in tutti i laghi, tanto che viene da chiedersi cosa ne sarebbe stato a questo punto di Emilybot senza il suo aiuto. Probabilmente sarebbe finita a fare da modella per i busti ortopedici, vista l’abituale scioltezza della sua postura. Nolan che ha sempre le battute migliori. Nolan che questa settimana merita lo screencap. Nolan che tra la tante cose frega quel viscidone di Tyler e si fa anche beccare di proposito da Ashley mentre ci fa lingua a lingua. Oh hey Ash. Love the dress. Classe pura. Che poi scusate se mi sono svegliata adesso, ho avuto l’influenza, il cane mi ha mangiato i compiti etc., ma ho realizzato solo da poco che Gabriel Mann ha interpretato Arthur Case in Mad men. Per la verità ha interpretato anche molti film, ha lavorato persino con Wim Wenders. Solo che aveva un aspetto molto diverso. Poi un bel giorno ha deciso di pettinarsi come Raffaella Carrà, e il resto è storia.

 COSE NON BUONE.

I bisbigli di Emily VanCamp. Per l’amor del cielo, per favore, per pietà, qualcuno dica alla VanCamp che NESSUNO parla normalmente in quel modo. Poi Amanda ha anche il coraggio di chiedere a Victoria perché l’ha puntata come un cane da tartufi? Ma Amanda cara, tu come ti sentiresti ad avere di fronte una che biascica in continuazione, persino nei voiceover? Va bene il gattamortismo spinto, ma qui si esagera. Guarda che tenere un basso profilo non significa mica tenere basso il volume audio. Mah.

Daniel Grayson e Jack Porter. Per la gioia di tutte e di tutti i fans, eccoli appaiati come le orecchie, come le mani, come gli occhi, come… vabbé, un’altra parte anatomica che va in coppia, avete capito. Il primo che ciondola inutilmente di qua e di là e che dà senso alla sua esistenza solo nel momento fanservice – cioè quando si esibisce a torso nudo in un’inutile partita di beach volley (Tyler invece ci ha graziato e non si è tolto la maglietta) – poi non è neanche buono a combinare uno straccio di affare, e soprattutto non caccia a calci nel sedere l’amichetto che gli fa gné gné ti ho fregato; il secondo che casca come un fesso davanti alla prima squinzia che gli fa miao. Uff, nemmeno un po’ di sano fangirlismo si può più fare. Questi due sono troppo quella parte anatomica maschile che di solito va in coppia. Sì, proprio quella.

La cagna maledetta. Gli stessi che dovrebbero dire alla VanCamp di non bisbigliare, potrebbero per cortesia dire alla tizia che interpreta Emily che non basta fare il broncio e sbatacchiare i riccioli per essere sexy? Magari dirle anche di cambiare mestiere, se non è troppo disturbo. Margarita Levieva (questo è il nome dell’attrice della tizia) prima faceva la ginnasta. Aprire una bella palestra no?

I piani diabolici del Mr. Ripley dei poveri. Ma dico io: tu Tyler vorresti tanto atteggiarti a mente diabolica, e poi ti metti a trafficare su documenti esplosivi proprio in casa di Nolan il genio della tecnologia? E poi pensi davvero che il biondino scucirà 20 milioni di dollari solo perché abbagliato dalle tue grazie? Ma hai capito o no con chi hai a che fare? Ma sei fesso o cosa? E soprattutto: ma ti sei visto?

 COSE BLEAGH.

Sexy Tyler. Tyler che si sbottona languidamente la camicia davanti a Nolan. Ma davvero lo sciagurato pensava di essere sexy? Non ne ho idea, so solo che è stato sexy come le pantofole infeltrite, se non di meno. Comunque Ashton Holmes ha lavorato con David Cronenberg, per la cronaca. Che c’entra? E’ una nozione che può tornare sempre utile, il perchè ve lo spiego alla fine.

L’ammore non si compra. L’inevitabile momento drama! in cui la madre riccastra e snob cerca di comprare il giovanotto povero ma di belle speranze che ambisce alla di lei figliola. Nello specifico Victoria che cerca di tenere lontano Eric Vanderwuzzen dalla rana, ma… hey! Il giovane ammore è più forte di tutto e quindi… no veramente, non ce la faccio. Datemi pure del trash, ma che sia D.O.C. Questo non è nemmeno più uno stereotipo pallosissimo e ultravisto, è di più. Che c’è di più? Lammerda

Jack Porter e la buzzicona. Attenti Eric Vanderwuzzen e rana, perché Jack e cagna maledetta Emily stanno insidiando il vostro titolo di coppia bleagh della serie. Lui fino a due episodi fa era lì che diceva ad Amanda quanto vederla fosse per lui un’esperienza a metà tra la folgorazione divina e un trip con funghi allucinogeni, e in questo lo vediamo caricare in barca la buzzicona e pomiciarci. Segue scena nella quale per amor di verità devo dire che c’è stata una bella gara di latrati tra i due attori, condita con dialoghi imbarazzanti tipo “oh quanto è bello navigare, sigh io non ho mai avuto niente di tutto questo e a proposito: io sono Amanda”. Quindi adesso la buzzicona ha deciso di spacciarsi per il perduto amor di Jack, e mò so cazzi nello scoprire questo il cuore meccanico di Emilybot ha prodotto un sinistro rumore che assomigliava a un crac!

 COSE BOH.

Amanda come Black Mamba. Parliamone. Quando nel flashback finale si è vista la giovane Amanda ancora versione cousin Itt telefonare a questo signor Takeda – che si è presentato anche alla milionesima festa di Victoria e Conrad – e soprattutto quando si è visto lui invitarla in Giappone per “completare il suo addestramento”, è stato inevitabile che il pensiero corresse a Kill Bill. Cosa avrà mai combinato la fanciulla all’ombra del Fujiyama? Lo scopriremo solo vivendo. Ma con la speranza che non si esageri, perché questa comparsa dell’amico made in japan mi ha mandato sgradevoli vibrazioni di boiata incombente. Comunque per adesso la cosa rientra nella categoria del “vediamo dove vogliono andare a parare”, anche se Mr. Takeda finora ha detto solo due battute, e una su due era un detto orientale pieno di antica saggezza e bla bla. E per i miei gusti c’è già stato un saggio detto orientale di troppo.

 TIRANDO LE SOMME.

Nonostante la lista di cose non buone e di cose bleagh sia decisamente più lunga di quella delle cose buone, Revenge continua a funzionare. A una serie come questa chiedo di fare il suo sporco lavoro, cioè di essere una soap opera appena appena mascherata, giusto per dare a me stessa l’illusione di non essere una che guarda le soap. Poi se qualcuno ti arriva alle spalle e ti dice: “ma che roba guardi?”, puoi sempre rispondere: “eh è una serie ispirata al conte di Montecristo, c’è Madeleine Stowe, poi c’è uno che ha lavorato con Wenders, e pure uno che ha lavorato con Cronenberg, mica robetta”. In quest’ottica anche le cose non buone possono andare, ma quelle bleagh no, a tutto c’è un limite. Eric Vanderwuzzen e la rana morti, Jack ed Emily che non latrano più insieme, Tyler che non si sbottona più la camicia illudendosi di essere sexy, e Revenge è perfetto.

 

 

Daniela G.

DaphneMoon in una vita precedente. Mi piacciono le serie raffinate e quelle dove la gente si spara in faccia senza tanti complimenti. Esempio di mirabile sintesi di entrambe queste caratteristiche? The Wire.

More Posts

Commenti
14 commenti a “Revenge – 1×09 – Suspicion”
  1. Daaka scrive:

    Preferivo le prime puntate con un omicidio garantito. Il livello generale si sta abbassando per quanto mi riguarda.

    La storia tra la figlia ricca e il fratello del tizio del bar è una rottura di palle tremenda.

  2. Jo3y scrive:

    Sinceramente continuo a non comprendere il senso di Declan e Charlotte, sono stati davvero messi lì solo per accaparrarsi il pubblico teenager con la speranza della ABC che il pubblico fosse così idiota da non accorgersi che erano stati infilati nella serie solo a posteriori? Bah, vediamo che piega prende la serie dopo il tredicesimo episodio, sono curioso.

  3. Billy scrive:

    Il maestro di vendetta giapponese ti da vibe da boiata pazzesca… Perché il resto? :)
    Riassumendo; Amanda si fa Daniel, Emily si da Jack, Jack vorrebbe farsi Amanda, ma si fa Emily convinto sia Amanda, Daniel si fa qualcuno ma non lo capisce, Tyler si fa Nolan, la cagna inglese e chiunque per 50 dollari, ma vorrebbe farsi Daniel e fare lo schiavo sessuale del di lui padre, Nolan vorrebbe farsi Jack, ma si fa Tyler, la cagna inglese si fa Tyler ma vorrebbe essere l’amichetta della Queen Vic… Rana e bimbominkia si fanno a parte…
    I vecchi li lascio perdere se no, altro che schemino Beautiful

  4. luigi scrive:

    Piccola curiosità. Giornata nuovolosa, fredda negli Hamptons ( si vedeva gente con i maglioni in sottofondo) e la nostra Emily (ex ginnasta maledetta) in bikini a prendere il ?sole??? E addiritura nella scena arriva Emily (la bisbigliante) e le dice, togliti che mi oscuri il sole! Ma se sta per piovere… Non potevate aspettare un raggio di sole cavolo…

  5. D.A.N.I. scrive:

    Recensione STUPENDA!!!!!!!! Sicuramente meglio della serie che ho semplicemente adorato nei primi episodi e che lentamente mi sta perdendo punti!

  6. AlterBetto scrive:

    Gli ultimi due episodi sono stati davvero poco accattivanti e questo non è da REVENGE.
    Urge qualche nuovo personaggio e soprattutto più spessore per il personaggio di CONRAD GRAYSON, un uomo che diabolicamente ha strutturato un piano davvero infame, permettendo addirittura alla moglie di essere a lui infede, solo per distruggere un rivale; temo che venga messo un po’ da parte quando in teoria dovrebbe essere lui il BIG BAD.
    VOGLIAMO ESSERE TERRORIZZATI DAL SIGNOR GRAYSON! Go autori!

  7. The Headmaster scrive:

    Io, invece, faccio parte della nutrita schiera che preferisce questa versione, certamente soapeggiante, ma meno procedurale e più seriale, di Revenge. Le primetime soap-operas hanno una lunga storia nella televisione americana – Dallas, anyone? – e il divertimento salace e torbido che questa serie ci regala mi ricorda un po’ i fasti, salaci e torbidi, di quel tipo di serialità anni ’80. Io mi diverto, faccio il tifo e mi gusto ogni puntata dall’inizio alla fine. Sì, anche i pezzi con il Van Der Woodsen ;)

  8. Noodles scrive:

    Recensione da Oscar, DaphneMoon, assai mgliore dell’episodio! Ho riso per tutta la lettura.
    Questo episodio però secondo me mette in evidenza molti dei pericoli di Revenottoe. Non che abbia tracimato perché ci piace sempre e ci diverte, però diamine le situazioni da soap stanno aumentando vertiginosamente e il personaggio di Emily è davvero troppo sputtanato, oltra a essere una puttanella di basso bordo. Già il fatto che no fosse partita la setimana scorsa mi faceva tremare, ma non pensavo si arrivasse addirittura al cliché dei cliché dell’altra che si rifrega l’identità segreta/non più segreta della complice e bla bla bla. Il guaio, in questi casi, non è tanto l’atto, quanto il personaggio. Emily non ha spessore, è la classica pura funzione-spina nel fianco da soap opera, ed è quello che infastidisce. Anche i cattivi e le stronze devono avere delle motivazioni solide, altrimenti sono ridicoli. E non mi si venga a dire che Emily compete con Amanda perché fino a ieri era un cucciolo scodinzolante, pronto a far tutto per lei (io pensavo-sognavo evoluzioni saffiche ma mi sa che ce le dobbiamo scordare) e tutt’a un tratto il cagnolino si scopre cagna e si rivolta come una serpe? mah.

  9. Chiara scrive:

    Continuo a guardarlo solo per rimanere al passo con le recensioni!! Boh, ormai penso sia chiaro che questo telefilm è una ciofeca, non mi viene un altro termine più elegante. Aggiungo solo : dove è Sammy??? Povero!!
    Ah e anche : ma scusate, ma all’inizio Amanda non ci era stata venduta come una spietata calcolatrice pronta a tutto per vendicare il padre? E non doveva avere un piano segreto,segretissimo, ordito per anni? Beh, talmente segreto che tempo 3 puntate abbiamo già saputo che sono coinvolti una spogliarellista, un magistrato, un samurai. Ah, e Nolan che l’ha beccata tipo 3 secondi dopo che averla vista negli Hamptons. 4 complici, 4!! Uno addirittura intercontinentale!
    Povera Van Camp, non so dire se è lei che rende odiosi i suoi personaggi o se sono già scritti così, in modo da farsi detestare in massimo massimo 3 episodi. Opto per la prima comunque!

  10. susy scrive:

    cavolil, ho guardato un po’ di foto dell’attore che fa nolan con un taglio di capelli decente sarebbe anche un gran figo! facciamo una petizione, via la parrucca della carrà!

  11. Monik scrive:

    Complimenti, grande recensione mi ha fatto sorridere in più i un passaggio anche se non la condivido appieno.
    Diciamo che sono in linea con il pensiero di The Headmaster e attenzione vi stupirò con effetti speciali, a me non danno per niente fastidio il fratello di Jack e la rana dalla bocca larga. E’ uno stereotipo, ma c’è di peggio, tutto sommato è sopportabile e anche plausibile alla fine.

  12. sara881 scrive:

    mah le ultime puntate convincono poco, ormai sembra veramente una serie The Cw come cura dei personaggi e dei dettagli.

  13. lucyvanpelt scrive:

    Ottima recensione, mi ha divertito molto. Condivido assolutamente ogni virgola.
    Non capisco poi cosa c’entri il Conte di Montecristo con tutto questo. Come dire che Beautiful è ispirata ai Promessi Sposi perchè ci sono due che si vogliono sposare.

  14. DaphneMoon scrive:

    @ The Headmaster:
    @ Monik:
    no vi prego eric VdW e rana devono andare incontro a una morte atroce. ma poi a che diamine servono? ad accontentare i teen?e allora potevano creare dei personaggi più interessanti, se proprio dovevano. Questi due non si possono proprio guardare causa eccesso di noia. E la noia in una serie come questa non è ammissibile :(
    @ susy:
    e infatti! c’è in giro un video in cui lui dialoga con Wenders in cui è proprio taaaanto carino. Più in carne, con i capelli decenti… ma quel frangettone biondo non si tollera :(

Lascia un commento

Note: non sono graditi riferimenti ad argomenti illegali, spoiler, insulti e commenti esageratamente off-topic. Il sito utilizza gli avatar di Gravatar.