dawson

Television 101: Dawson Casting

Benvenuti su Serialpedia, la rubrica che si propone di mettere un sacco di nozioni sul mondo dei telefilm in un calzino e usarlo per picchiare gli sceneggiatori di Pretty Little Liars finché non perdono i sensi! Questo è Television 101, il dizionario del gergo telefilmico made in Serialmente che permette a noi di continuare a essere snob e pretenziosi usando espressioni come reaction shot e cold open e a quelli di voi che ancora non vivono in simbiosi con TV Tropes (ma davvero, come fate?) a sapere finalmente di che cavolo stiamo parlando.
Lo so che detto così sembra inutile e autoreferenziale, ma aspettate di dire “blooper” in presenza di una sbarba il sabato sera in birreria — ci ringrazierete la domenica mattina if you know what i mean.

Finita la pilot madness , finiti i Serialemmys, è ora che risorga dalle sue ceneri quella splendida fenice che era Serialpedia. Il termine del giorno è…

Dawson Casting

DEFINIZIONE: Quando Dawson’s Creek è stato trasmesso per la prima volta su Italia 1 avevo 13 anni e trovavo perfettamente plausibile che un sedicenne, che nella mia percezione era più vicino alla pensione che all’infanzia, potesse avere quella faccia lì. Spoiler: non lo era. Ispirata dalla faccia di eterno cinquantenne di James Van Der Beek, la definizione di Dawson Casting va a coprire tutti quei ruoli di adolescenti o di personaggi molto giovani interpretati da attori decisamente più datati.

STORIA: Si diceva che Giulietta dovesse essere tassativamente interpretata da una ragazza molto giovane, se non addirittura adolescente come Shakespeare la immaginava, mentre l’altrettanto adolescente Romeo non avrebbe sofferto un volto più maturo, dato che per la sua parte sarebbe servita più “esperienza”. Siamo di fronte a uno di quei concetti che affondano le loro radici nella preistoria (oltre che, in questo caso, nel maschilismo) dell’intrattenimento, ma che la tv ha adottato con slancio dandovi una piena, soddisfacente e piuttosto ilare definizione. Per farla breve: anche se è da lì che prende il nome, il Dawson Casting non l’ha certo introdotto Dawson’s Creek. Da che mondo è mondo l’interprete e l’interpretato spesso non hanno la corrispondenza fisica che dovrebbero, quindi non ha senso dare la caccia a chi si è inventato questa ridicola incongruenza. Chi si chiede come mai molti attori dei teen drama non restino in giro dopo la conclusione della loro serie ora può darsi questa risposta: probabilmente sono in pensione.

ESEMPI

Luke Perry. Chi, leggendo l’introduzione, non ha pensato subito a Beverly Hills 90210, o non ha capito nulla (e potrebbe essere colpa mia) oppure è troppo giovane per navigare l’internet da solo. A passare alla storia fu il venticinquenne Luke Perry che impersonava il sedicenne Dylan McKay, ma pochi ricordano che Gabrielle Carteris affrontò il ruolo dell’altrettanto sedicenne Andrea Zuckermann con trent’anni sulle spalle.

La Abc Family, oltre a fornirci cicliche dosi di trash settimanale su vite segrete o meno segrete di adolescenti bugiarde, adolescenti ginnaste, adolescenti feline, adolescenti sorde, difficilmente usa attori e attrici effettivamente adolescenti: ad esempio Chelsea Hobbs, giovanissima promessa della ginnastica mondiale in Make It Or Break It, non solo ha 26 anni ma è anche sposata con figli. Il più fulgido esempio resta comunque Bianca Lawson, che in Pretty Little Liars interpreta la sedicenne lesbica Maya: non solo l’attrice ha 32 anni, ma interpretava la sedicenne Kendra in Buffy oltre 10 anni fa. Quando, comunque, 16 anni non li aveva più già da un pezzo.

Sarah Drew (classe 1980) è un grande esempio di attrice semi-sconosciuta e dall’età schizofrenica. Nella sua carriera ha collezionato ruoli minori con in cui assumeva alterni gradi di invecchiamento: era Suzy Pepper, studentessa del liceo, in una puntata di Glee; la moglie-copertura di Salvatore Romano in Mad Men; faceva la quindicenne dedita alla stregoneria in un episodio di Supernatural; e, adesso, è una regular in Grey’s Anatomy, dottoressa con laurea e tirocinio alle spalle.

The Vampire Diaries deve fare i conti con un altro problema: metà del suo cast, in teoria, non invecchia da svariate decine (se non centinaia) di anni. Di conseguenza ci si aspetta che, per rappresentare un eterno adolescente, la produzione punti tutto sull’assunzione di un attore che appare molto più giovane di ciò che è, garantendosi qualche stabilità negli anni, e di un bravissimo truccatore. La scelta di far interpretare Stefan Salvatore, 17 anni dal 1847, a Paul Wesley, 29 anni e le rughe di uno che va per i 40, suona un minimo stonata rispetto alle premesse.

Friday Night Lights lo dimentichiamo spesso, in queste occasioni, perché è bello. E, insomma, il Dawson Casting prevede una certa noncuranza da parte dei produttori verso dettagli come realismo e credibilità. Ma: 1) rientra così palesemente in questa lista che ometterlo sarebbe un grave errore e 2) è bene ricordare che, talvolta, non è l’aspetto fisico dell’attore a renderne efficace l’interpretazione. Taylor Kitsch, 25 anni, era il sedicenne Tim Riggins; Minka Kelly (Lyla Garrity, coetanea di Tim) ne aveva 26; Scott Porter (Jason Street) ne aveva 27. Emerge dal mucchio Jesse Plemons, ovvero Landry Clarke, che a 18 anni interpretava un quindicenne.

Nelle puntate precedenti di Television 101, il vostro corso casalingo per imparare le cose della tv: Salto dello squalo | Bottle Episode

Per approfondimenti: la scheda di Tv Tropes sul Dawson Casting

Chiara Lino

Ero Bab, poi ho cambiato idea. Nervosa, indisponente e spesso gratuitamente crudele, ama la fotografia e la tortura psicologica. Ah, e gli elefanti. Adesso scrivo anche qui, sempre di tv americana ma in un modo un po' diverso.

32 Comments

  1. Uno dei pochi Teen Drama ( o similare) ad utilizzare attori vicini all’età che impersonano è Skins UK, giusto? al momento non me ne vengono in mente altri..

    Rispondi

  2. Hai dimenticato Glee, dove Cory Monteith, Mark Salling e Harry Shum Jr, tutti e tre 29enni, hanno solo 3 anni in meno di Matthew Morrison, e interpretano dei 16enni :P

    Rispondi

  3. @ Franz:
    si chiamano “esempi”, non “lista completa di gente troppo vecchia” :D voi lettori siete qui per completare il quadro e dimostrare che avete studiato. Bravo Franz! 10+!

    Rispondi

  4. Purtroppo credono che basti solo nascondere la barba per sembrare degli sbarbatelli… come se la conformazione delle ossa e dei muscoli di un adolescente non si modificano negli anni, no no!
    E’ anche vero che basta essere dei bravi attori per essere sufficientemente credibili, è facile, no?

    Rispondi

  5. E non dimentichiamoci anche delle serie TV nostrane tipo i Ragazzi della 3 C dove in effetti tutti gli attori dovevano interpretare adolescenti, ma erano molto più grandi!

    Rispondi

  6. un caso, come dire, strambo, di dawson’s casting era in Smallville: nel 2001 Tom Welling aveva 24 anni e interpretava un Clark Kent 15-16enne (la cosa si è fatta ancora più weird nel 2002 quando welling si è sposato mentre in smallville faceva l’adolescente imbranato che non riusciva a parlare con le ragazze XD) ma il fatto è che clark kent doveva effettivamente sembrare *più grosso* dei suoi coetanei quindi per una volta prendere un attore dall’età incongrua si è rivelata una scelta intelligente. il problema semmai è diventato evidente nelle ultime stagioni, in cui clark non doveva dimostrare più di 24-25 anni e tom welling iniziava ad avere l’artirte, perdere capelli e doveva farsi la barba tre volte al giorno XDD

    Rispondi

  7. Io più che altro mi son sempre chiesto: ma non si vergognano dei trentenni di interpretare dei sedicenni?

    Rispondi

  8. @ kaw:
    Vabbè, sai, gli effetti della Kryptonite sono devastanti…

    Rispondi

  9. @ Ratio:
    gira voce che paghino bene :D

    Rispondi

  10. Non è che viglia fare l’”ignoranta” sul passato, perchè a parte i già citati teen drama “modello”, alla fine anche in OTH brooke fa una battuta sul fatto che gli attori sono tutti vecchi, parlando del film che avrebbero dovuto tirar fuori dal libro di Luke, ma sono rimasta sconvolta nel sapere che Jessica Parker (alias l’odiosa e inutile “Tappezzeria” di The Secret Circle ù__ù) ha effettivamente 27 anni dovendo interpretare una che ne ha 16 <_<

    Rispondi

  11. Se ricordo bene ai tempi di Veronica Mars Kristen Bell aveva già 26-27 anni!

    Rispondi

  12. sistolina ha scritto:

    ma sono rimasta sconvolta nel sapere che Jessica Parker (alias l’odiosa e inutile “Tappezzeria” di The Secret Circle ù__ù) ha effettivamente 27 anni dovendo interpretare una che ne ha 16 <_<

    O.O

    la cosa più inquietante è che non li dimostra!

    Rispondi

  13. Non so se questa cosa sia vera, ma una volta ho letto che Desperate Housewives è un esempio di Dawson Casting intenzionale: l’attore che interpretava John il giardiniere nel pilot originale (quello con Laura Palmer nel ruolo di Mary Alice) sembrava veramente un ragazzino e il risultato era che le sue scene di sesso con la Longoria facevano sembrare Gabby una seduttrice di minorenni (cioè quello che avrebbe dovuto essere…) e quindi fu sostituito da un attore che era palesemente un adulto nel ruolo di un sedicenne! XD
    Tra l’altro la stessa serie, grazie al “time-jump” fatto alla fine della quarta stagione, è diventata un caso di Dawson Casting al contrario perchè a quel punto Andrew, Julie e Danielle erano tutti più vecchi degli attori che li interpretavano…

    Rispondi

  14. @ Giulio:
    E Jason Dohring era sulla trentina con moglie a caricoXD

    Rispondi

  15. E dovreste vedere i ragazzini di Forbrydelsen, Dawson a confronto è un poppante.

    Rispondi

  16. Il problema con il Dawson Casting è che negli Stati Uniti ci sono leggi sul lavoro minorile. In sostanza un minore di diciotto anni non può lavorare più di un tot di ore al giorno e, ovviamente, più l’età dell’attore scende meno saranno le ore in cui potrà lavorare (il motivo per cui quando si lavora con bimbi piccoli-piccoli si usano gemelli, vedi già in Full House con le gemelle Olsen che interpretavano Michelle Tanner, la figlia piccola).
    Questo non è un problema quando è un telefilm corale, ma quando si ci trova con un teendrama in cui i ragazzini sono i protagonisti la cosa si fa più complicata e si preferisce passare all’attore più grande che passa per adolescente. Credo, ma non ne sono sicura, che utilizzino attori più adulti anche per girare le scene più “spinte” che con attori più giovani, sempre per leggi americane, non si potrebbero girare.

    Comunque credo che il miglior esempio di Dawson Casting sia Trina McGee di Boy meets world. Fu presa per interpretare Angela, il love interess di Shaw, interpretato da Ryder Strong: doveva interpretare una diciottenne, ma aveva 28 anni, dieci anni più di lui e mentre recitava era incinta del terzo figlio!

    Rispondi

  17. Ma io dico anche che, in fondo, questi telefilm funzionano sull’immedesimazione, e a me, che sono una (molto poco) frescona over 30 non viene molto naturale sospirare per una storia con il vampiro di turno se quello dimostra effettivamente i 16 anni da trama. Vuoi mettere un bel topolone trentenne che non ti devi preoccupare della carta d’identità? Insomma, è su questo che la maggior parte dei teen drama si fonda, o no?

    Rispondi

  18. Angel ha scritto:

    Il problema con il Dawson Casting è che negli Stati Uniti ci sono leggi sul lavoro minorile. In sostanza un minore di diciotto anni non può lavorare più di un tot di ore al giorno e, ovviamente, più l’età dell’attore scende meno saranno le ore in cui potrà lavorare

    Questa è un’ottima giustificazione per ogni diciottenne che interpreta un sedicenne, meno per un trentenne che gioca a fare l’adolescente :D poi, voglio dire, li scegliessero bravi almeno!

    @ Ivy:
    ecco, sono perfettamente d’accordo con te! :D

    Rispondi

  19. Ma chi vuole vedere dei VERI adolescenti nei teen drama?
    QUELLI VERI sono dei mostri. Gli adolescenti sono dei mostri…
    Per quanto cani possano essere i cinquantenni che li interpretano sono sempre qualcosa di più compiuto e meno…spaventoso…di QUELLI VERI…bbbrrr…

    A parte le turbe, obiettivamente: ci sono attori anagraficamente grandi che hanno un età scenica giovanissima. E poi… c’è James Van der Beek. Lui, era vecchio anche da embrione, è innegabile.

    Jule

    Rispondi

  20. Ivy ha scritto:

    Vuoi mettere un bel topolone trentenne che non ti devi preoccupare della carta d’identità? Insomma, è su questo che la maggior parte dei teen drama si fonda, o no?

    Sacrosantissima verità ù__ù Amen

    Rispondi

  21. grandi!! scoprire l’età degli attori dei teen drama è uno dei miei hobby quando voglio deprimermi ancora di più!
    per non parlare di quando succede il contrario, vedasi The Vampire Diaries dove Sara Canning a 22 anni cominciò ad interpretare la zia Jenna, che aveva MINIMO 25 anni (visto che da quello che ricordo faceva una specie di master all’università)…. mentre appunto Paul Wesley (Stefan), Zach Roening (Matt), Kayla Ewell (Vicki) e Michael Trevino (Tyler) sono più vecchi di Sara di minimo 2 anni e interpretano 17enni. -.-”

    kaw ha scritto:

    Smallville: nel 2001 Tom Welling aveva 24 anni e interpretava un Clark Kent 15-16enne

    ma mi sa ancora peggio, tipo 14-15, visto che i protagonisti compiono i 18 anni durante la 4a stagione -.-” sta di fatto che scoprire l’età di Tom Welling è stato un trauma, a sto punto davano la parte ad un 17enne e sicuramente non avrebbe danneggiato ulteriormente lo show in quanto a recitazione….

    Giulio ha scritto:

    Se ricordo bene ai tempi di Veronica Mars Kristen Bell aveva già 26-27 anni!

    24 anni nella prima stagione! però non si vedeva molto la differenza dai :)

    sistolina ha scritto:

    @ Giulio:
    E Jason Dohring era sulla trentina con moglie a caricoXD

    ma nooo jason è un 1982, era più giovincello di Kristen! in ogni caso, oltre a rimanere la mia prima cotta telefilmica, per me Jason continua a sembrare un ragazzino!

    cmq l’altro giorno guardavo Ringer, e pensavo “ma quanto è vecchia la figlia adolescente di Mr. Fantastic”…. wikipedio la cosa…. e mi risulta che la tipa è una 1994. sconvolta. età identica al personaggio. allora le cose sono 2: o l’attrice ha sul serio più rughe di mia madre, o i tizi del telefilm devono cambiare truccatrice.

    Rispondi

  22. Kristen Bell ha sempre avuto il fisico, comunque, per fare la regazzina. è uno di quei casi che non c’è proprio di che lamentarsi.

    Rispondi

  23. Maledetti, ho cercato Jason Dohring su IMDB e ho scoperto che la settimana prossima farà la guest star in Ringer.

    Rispondi

  24. Secondo me non scelgono dei veri adolescenti, o preadolescenti, in quanto si tratta di un periodo impietoso per l’intero genere umano. Le ragazze hanno qualche possibilità di salvezza, ma i ragazzi spesso si trasformano nel giro di pochi mesi in sgorbi inverecondi, per poi tornare normali in qualche anno.
    E’ un rischio assumere un quattordicenne carino: rischi poi di ritrovarti con un sedicenne adatto ad interpretare solamente il mostro di Frankestein!

    Rispondi

  25. Clod ha scritto:

    E dovreste vedere i ragazzini di Forbrydelsen, Dawson a confronto è un poppante.

    ?

    E come dimenticare The OC? Lì erano TUTTI Dawsoniani!

    Rispondi

  26. Boss ha scritto:

    E come dimenticare The OC? Lì erano TUTTI Dawsoniani!

    adam brody non so quanti anni avesse ma c’aveva il fisico e la faccetta giusti. ben mckenzie al contrario con la faccia da galera e il collo taurino probabilmente sembrava mio nonno anche a 16 anni. bisogna dire che salvo casi particolari con le tipe è molto più facile, forse perché la maggior parte di loro non deve farsi la barba

    Rispondi

  27. ok, non c’entra con i teen drama, ma non posso fare a meno di citare “Grease”. Olivia Newton John e Stockard Channing che facevano le liceali erano TROPPO. Lo so che ci volevano delle professioniste coi controcazzi per quel film, ma quando è troppo è troppo.

    Rispondi

  28. @ DaphneMoon:
    hai ragione, ma grease senza di loro non sarebbe mai stato grease….però lo sforzino di ambientarlo all’università più che al liceo potevano farlo..

    Rispondi

  29. Talvolta a peggiorare la scelta scellerata di teenagers poco teen c’è la scelta di genitori troppo giovani. Si cade effettivamente nel ridicolo quando madre e figlia hanno 8-10 anni di differenza (se va bene).
    Bene o male in Beverly Hills sembravano tutti effettivamente più grandi, non solo Dylan.
    James van der beek e Tom Welling rientrano comunque tra le peggiori scelte di attori poco teen della storia della tv e non solo per una questione anagrafica. Il primo per morfologia frankeinstaiana, il secondo perchè è scarso a recitare.
    E’ anche vero come ha scritto Mela che gli attori maschi, se presi troppo giovani, si possono trasformare in mostri abominevoli :D ma chi ha detto che non può succedere il contrario? La palestra fa miracoli :)

    Rispondi

  30. Povero James Van Der Beek, dai xD
    Sarà che a Dawson voglio bene perché ha fatto parte della mia adolescenza e le prime tre stagioni, con tutti i loro difetti ed esagerazioni, le trovo ancor oggi davvero belline e profonde, ma ho sempre pensato che James Van Der Beek FOSSE Dawson… ma proprio nell’anima :-D … forse anche più credibile di altri proprio perché non sempre “in character”, non so se riesco a spiegarmi… per esempio la Holmes era *stupenda* all’inizio, ma tipo dalla stagione 4 in poi a me pareva facesse solo due facce, quella incazzosa e… quella incazzata. Insomma, ho visto molto di peggio, tipo certi che vogliono essere da Oscar a tutti i costi e ottengono l’effetto contrario.

    Piuttosto, magari a volte non li prendono giovanissimi perché non ne trovano di abbastanza bravi (però non so, ci sono bambini che recitano meglio dei grandi), tuttavia è innegabile che uno sui 25-30 anni abbia magari quel pelo di formazione in più alle spalle che aiuta… ma anche no, lo so bene :-P

    In effetti, specie in caso di telefilm non sempre leggeri e spensierati, potrebbe essere alquanto disturbante vedere (e far recitare) dei veri adolescenti

    Rispondi

  31. bhe anche ian somerhalden è vecchiottino….

    Rispondi

  32. KilgoreTrout ha scritto:

    rtroppo credono che basti solo nascondere la barba per sembrare degli sbarbatelli… come se la conformazione delle ossa e dei muscoli di un adolescente non si modificano negli anni, no no!

    Vero. Ma ancora oggi, per interpretare i ‘soliti’ liceali e neo-maturati dei ‘soliti’ film italiani si utilizzano attori prossimi alla trentina…ma credo che qui le motivazioni siano altre (amicizie, raccomandazioni, paraculismo ecc…).

    Quanto ai telefilm americani, in tanti hanno già spiegato perchè spesso l’attore adolescente non è adatto a interpretare sè stesso. Al di là della minore esperienza o della minore disponibilità (per motivi legali o perchè comunque sono ancora studenti), si tratta di persone che, da un anno all’altro, potrebbero avere dei cambiamenti fisici o nella voce (soprattutto nei maschi) che potrebbero renderli estremamente sgradevoli o, comunque, non più adatti al ruolo.
    Pensate a quei ragazzini che, nel giro di due stagioni, hanno uno sviluppo improvviso che fa perdere il loro aspetto tenero e innocente per cui sono stati scritturati (es. chi seguiva Lost si ricorderà che il bambino che intepretava Walt non è più stato utilizzato in quanto era diventato più alto del resto del cast).

    Infatti gli attori adolescenti vengono usati solo se si tratta di un numero ridotto di elementi, come nel caso dei due personaggi di The Middle, ma in un teen-drama è improponibile.

    E poi non dimenticatevi che scritturare un attore ancora tutelato dai genitori è una grana immensa, in quanto questi sono notoriamente dei rompipalle incredibili, che spesso arrivano ad avanzare pretese o richieste verso gli sceneggiatori che, puntualmente, eliminano tali personaggi dal cast.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>