Gwen spara con la figlia in braccio.

Torchwood – 4×01 – The New World

It’s like the British equivalent of New Jersey.
Sono passati due anni dalla terza stagione di Torchwood, quel “Children of Earth” che ci ha lasciati tutti spiazzati e senza parole. E sarebbe potuto essere anche un finale definitivo: Jack disperato partito per lo spazio e Gwen a casa con la sua bambina. Ma per fortuna venne l’America e venne la Fox e se ne andò la Fox e venne Starz e quindi infine Torchwood approdò in USA. (“OMG, OMG se Torchwood non è in Galles non ci piace, non lo guardiamo, sarà un’americanata e – soprattutto! – ridateci Ianto che senza di lui Torchwood non esiste!”) Whatever! Incurante di queste vaccate, Torchwood ha tranquillamente cominciato la quarta stagione.

Miracle Day. Miracle Day. Miracle Day. Miracle Day. Forse Russell temeva non capissimo bene il concetto e invece, come ripetuto da milioni di annunciatori televisivi, la gente di colpo smette di morire. Noi assistiamo a due morti mancate. Quella di Bill Pullman che, invece di viaggiare per la galassia con il suo amico canuomo, ha deciso di fare il pedofilo assassino e dovrebbe essere giustiziato mediante iniezione letale. Niente da fare, non muore… e quindi per le allucinanti leggi americane (immagino non proprio realistiche fino in fondo) è praticamente libero.
L’altra morte mancata e quella di Rex Matheson, agente della CIA abbastanza insopportabile che guidando al telefono con la collega Esther si fa impalare da delle travi cadute dal camion che lo precedeva. Ma ovviamente non muore. Perché era al telefono? Perché di colpo sugli schermi della CIA era comparsa la scritta TORCHWOOD, per scomparire subito dopo.
Esther indaga su questo misterioso “Torchwood” invece che sull’immortalità e incappa in… Jack! Ma dopo averle salvato la vita Jack le dà le car-can del retcon e lei dimentica. Jack intanto scopre che le sue ferite non si rimarginano come dovrebbero… è tornato mortale!
Intanto il redivivo Rex, schizzato come pochi, va in Galles grazie alle poche informazioni trovate da Esther su Torchwood, relative a Gwen…
Gwen e Rhys vivono con loro figlia Anwen e l’ultima cosa che vogliono è farsi coinvolgere. Alla fine, quando un misterioso elicottero cerca di uccidere loro – e Rex – serve l’intervento di Jack per salvarli. Dopodiché Rex li “arresta” e porta tutti quanti in USA.

A quanto pare gli americani hanno gradito! Sia a livello di critica sia a livello di ascolti… sia che conoscessero prima la serie, sia che non la conoscessero. Sicuramente molte cose in questo primo episodio vengono ripetute più e più volte a favore di chi deve ancora entrare nell’ottica della serie, ma questo è forse l’unico difetto che ho trovato in questa ottima introduzione.

Personalmente le parti che ho preferito sono state quelle con Gwen e penso di dire una banalità se affermo che la scena più bella è sicuramente lei che spara con la bambina in braccio.

E da un certo punto di vista fa sempre piacere notare come Rhys sia rimasto il solito coglione di sempre… sarebbe stato un peccato se avessero provato a renderlo una persona piacevole. Invece no, mai in grado di vedere al di là del suo naso. E Gwen come sempre si fa convincere! Se Andy ti ha appena detto che entro quattro mesi e non ci saranno più risorse per l’umanità, la cosa migliore per il futuro di tua figlia è tornare a nascondersi nella tua casetta?

Il vero colpo di scena dell’episodio comunque, per lo spettatore di vecchia data, non è certo l’immortalità mondiale (di cui sapevamo già tutti) ma la mortalità di Jack! Pur dubitando altamente che alla fine Jack muoia – è pur sempre la Face of Boe… forse – questo cambia ancora una volta le carte in tavola. Sicuramente Gwen subirà ferite mortali nella serie mentre Jack dovrà stare attento a non spezzarsi un’unghia. Anche perché le facoltà rigenerative di questa immortalità mondiale non sembrano operative come quelle di Jack, mi domando se al tizio a cui hanno staccato la testa per divertimento mai ricrescerà un corpo. Non è che sia particolarmente utile un’immortalità così…

Particolarmente apprezzabile il fatto che tutte le domande che sorgono allo spettatore sulla natura dell’immortalità umana hanno risposta: “ma gli animali?”, “ma gli insetti?”, “ma le risorse?”, “ma se gli stacca la testa?”. Tutto ha risposta tranne ovviamente il motivo per cui questo succede… che suppongo si scoprirà solo alla fine (naturalmente non essendo l’idea nuova qualcuno potrebbe avere un déjà-vu… per esempio se siete lettori della serie a fumetti John Doe).

Per quanto riguarda i personaggi nuovi, come già detto Rex è completamente schizzato e abbastanza insopportabile. Esther sembra simpatica, per ora, e così anche la dottoressa. Per ora ovviamente le cose più interessanti hanno riguardato Jack e Gwen… anche semplicemente rivederli in nella Roald Dahl Plass ha fatto quasi scendere la lacrimuccia.

Ma passiamo a parlare di Bill Pullman… quanto è assolutamente viscido e squallido il suo personaggio? Se mai RTD ha scritto un cattivo umano davvero orribile, questo è sicuramente Oswald Danes. E tanto di cappello a Pullman per l’interpretazione. Non si può dire che sia invecchiato molto bene il povero Bill, ma sicuramente si può dire che è bravissimo.

Non mancano comunque i momenti divertenti… Rex che attraversa il “ponte di Gwen” e si lamenta del pedaggio è da applausi… e così tutte le battute sul Galles, forse anche utili agli spettatori che magari nemmeno sanno cosa sia, il Galles. E a proposito di questo… avranno sottotitolato Rhys per gli americani? Oppure quello che dice non è rilevante e quindi non importa se non lo si capisce (come il cinese di Firefly)?

E naturalmente simpatici e innocui i riferimenti alle stagioni precedenti… i 456 ripetuti più volte e l’”Owen Harper” usato come finto nome da Jack.

In definitiva, un buon inizio per una stagione che si preannuncia interessante. Rimane solo da vedere se riusciranno a reggere una stagione di 10 episodi con un unico story-arc. Con “Children of Earth” c’erano riusciti benissimo, riusciranno anche con “Miracle Day”?

“The New World” è stato scritto da Russell T. Davies.
(Grazie a Morry, che con me e altri cura Doctor-Who.it, per l’aiuto!)

Laz

Front-end developer. Comic book translator. Heinleiner. Browncoat. AFOL. Geronimo!
"No power in the 'verse can stop me."

15 Comments

  1. Children of Earth per me è stato un capolavoro assoluto tra le serie sci-fi. Sembravano anche recitare come degli attori veri tra l’altro!
    Ma questo Miracle Day l’ho trovato davvero pessimo pessimo. Uno spiegone dopo l’altro, magari lo stesso ripetuto più volte, per tutto il tempo. Children of Earth giocava tutto sul contrario, sullo spiegare poco e fare immaginare molto.
    Poi c’è questo Rex che fa il piagnone dall’inizio alla fine.
    Questa nuova serie non la sto proprio apprezzando, peccato. Spero nelle prossime. Mannaggia a ‘sti merigani…

    Rispondi

  2. Sono stato scettico fin dall’annuncio di questa quarta stagione, e invece è cominciata proprio bene!

    Viva! Speriamo continui :)

    Rispondi

  3. Io l’ho trovata intrigante, nonostante tutto. L’incipit del Miracle Day è estremamente interessante, specialmente per gli effetti che sembra avere su Jack… sono anche curioso di vedere il ruolo del pedofilo e come si inserirà nel tutto.
    Per il resto boh, si nota che è un nuovo Torchwood, ma per il momento mi va bene così. Unica cosa le esplosioni caciarone (tre in un episodio di cui due nel giro di 5 minuti, hmmm) e qualche scena che in Torchwood UK non avrebbero mai messo, tipo Gwen che spara con Anwen (ma che nome, poi)… eh va bè dai, magari c’è tempo per migliorare. E poi s’è vista Cardiff! Quasi non ci speravo.

    Per il resto mi sono piaciuti vari riferimenti che ho notato, ovviamente il 456 ma anche Owen Harper come alias di Jack (lacrimuccia)… poi sarò io, ma quando Mekhi Phifer nomina Steve Reynolds non ho potuto fare a meno di pensare al personaggio che interpretava in Lie to Me (Ben Reynolds). :D

    Rispondi

  4. un riferimento a Paperinik e uno a John Doe.. Non posso che apprezzare.

    Per il resto mi piace, tranne che per gli spiegoni, che comunque saranno stati ritenuti necessari per non alienare i nuovi spettatori.

    Il mio problema con Bill Pullman è un problema che ho in generale verso gli attori che di solito hanno ruoli da “buoni” che improvvisamente sentono il bisogno di avere ruoli da “cattivi”: non ce li vedo per niente.

    altri esempi: Robin Williams in One Hour Photo. Ogni volta che vedo una cosa del genere mi immagino sempre che siano uno dei loro personaggi che nella vecchiaia è impazzito

    Rispondi

  5. Io attendo con ansia il secondo episodio prima di dare un giudizio. immaginavo che quest’episodio sarebbe stato principalmente introduttivo quindi non sono rimasto deluso. Il problema principale è che ho recuperato Children of Earth da poco quindi è ancora fresco nella mia memoria. Per quanto riguarda i nuovi personaggi, penso che farò fatica ad affezionarmici a parte la dottoressa che mi sembra l’unica degna di nota. Voglio Lois Habiba!

    Rispondi

  6. Certo che tu, Laz, proprio non riesci a non parlare benissimo di nessuna cosa con legami al Dottore! Anche se qui ormai Doctor Who non centra più niente. E a me i commenti sui siti e forum americani non sono sembrati poi così entusiasti.
    Comunque, per estrema pigrizia ricopio quanto scritto sul forum, tanto non ho altro da aggiungere.
    Dunque, io mi sono sforzata di non partire prevenuta, anzi ero piuttosto elettrizzata del ritorno di Torchwood, ma ciò nonostante non sono pienamente soddisfatta di quello che ho visto.
    Certo, l’americanizzazione era inevitabile, ma mi è sembrato abbia appiattito un po’ le cose. Intanto, ho dovuto penare fino al minuto 20 per vedere Jack e fino alla fine per vedere la riunione con Gwen!
    E a proposito di Gwen: ma cosa le hanno fatto?! In teoria dovrebbe essere reclusa e lontana dal mondo, ma perchè ha un taglio di capelli super alla moda ed è tutta infighettata?! Le hanno persino fatto la ceretta ai baffi, e, non sono riuscita a controllare bene, ma mi pare sia sparito persino il culone. Però Anwen è adorabile e per lo meno ha un bel nome gallese, la scena della sparatoria, fin troppo americana, si salva per lei con i paraorecchie rosa.
    Il cast aggiunto per ora non mi dice niente, la biondina è proprio sciapa e poi, scusate la nota frivola, ma aveva delle scarpe così brutte che non riuscivo a guardare altro, chi porta un tacco 12 al lavoro? E sembravano pure due numeri più grandi del necessario.
    L’uomo mi sembrava un po’ “schizofrenico”, cioè cambiava carattere e atteggiamento di continuo, non mi ha convinto, soprattutto la scena finale, bah. Che tra l’altro, quando ho visto la scritta “Cardiff”, speravo di vedere la piazza del Millenium Centre, ma invece hanno inquadrato solo una scala perchè probabilmente non erano nemmeno in UK. Che delusione!
    E alla fine mi sono chiesta: Ma questo è lo stesso Russel T. Davies che diceva cose come “Se non vi è piaciuta la morte di Ianto, guardatevi un’altra serie, perchè io faccio come mi pare”. E’ davvero questo quello che gli pare?
    Mi ha fatto piacere la citazione a Owen, ma d’altro canto mi ha fatto tristezza il fatto che quando mostravano i fascicoli su Torchwood, non facessero vedere né nominassero Tosh, Ianto e Owen, ho pensato che fosse per problemi di diritti e non potessero mostrare attori non sotto contratto. Spero comunque che vengano almeno citati i caduti.
    Sono troppo criticona? Forse perchè questo episodio è stato fin troppo introduttivo per i miei gusti, era fatto a posta per chi non aveva mai visto Torchwood prima. Resto comunque fiduciosa sul seguito.

    Rispondi

  7. Russell T. Davies? No Moffat?
    Hai, hai, hai….

    Passo.

    Rispondi

  8. Pixie_blue_eyes 14 luglio 2011 at 19:45

    Finalmente è tornato Torchwood!!!
    Certo come molti qui anch’io mi sono accinta alla visione con una buona dose di perplessità per questa svolta americana e devo dire che per quel poco che abbiamo visto il buon vecchio Russel non se l’è cavata malaccio!
    Ovvio che aspettarsi il vecchio Torchwood sarebbe stata follia ma a mio parere sono riusciti a bilanciare abbastanza bene l’ambientazione ed il modo di fare americano (non solo come location ma soprattutto come modo di realizzazione e caratterizzazione dei personaggi) con il fascino britannico!
    Effettivamente per noi spettatori affezionati la narrazione risulta a volte un po’ troppo didascalica e piena di spiegoni( mi viene in mente Jack che praticamente “mette in bocca” alla tipa bionda la domanda sul retcon per far capire di cosa si trattasse e quanto meglio era stata resa la stessa situazione nella prima puntata con Gwen…)
    Il personaggio di Oswald Danes per adesso si è visto troppo poco ma sembra proprio essere un viscidone coi fiocchi!!!
    Bella Donna ha scritto:

    la biondina è proprio sciapa e poi, scusate la nota frivola, ma aveva delle scarpe così brutte che non riuscivo a guardare altro, chi porta un tacco 12 al lavoro? E sembravano pure due numeri più grandi del necessario.

    Questa assurdità delle tipe americane che vanno al lavoro con trampoli esagerati l’avevo notata pure io! Anche la dottoressa, pare che in America i dottori vanno al lavoro super in tiro con vestito e scarpe da sera!!!!
    Il personaggio di Rex per adesso proprio non mi piace… l’ho trovato eccessivo in tutto, spero che sia solo un effetto dato dallo shock di trovarsi in quella situazione e che evolva in meglio nel corso della serie!
    Certo che l’intera faccenda dell’immortalità ma soprattutto di Jack tornato mortale solleva un sacco di interrogativi:
    ovviamente è qualcosa di alieno ad averla causata e sicuramente la cosa è diretta a torchwood e Jack in particolare… mi preoccupa un po’ questa cosa perchè noi sappiamo a cosa è dovuta l’immortalità di Jack e presupporre che un alieno sia riuscito a ribaltare questa situazione vuol dire che sia riuscito ad alterare le leggi del tempo e dello spazio, cosa che lo metterebbe al di là persino di un Time Lord…
    Siccome non credo che tireranno in ballo il Dottore (voglio sperare che almeno qualche fugace riferimento lo facciano) come se ne usciranno senza mandare in vacca la continuity passata? Boh staremo a vedere…
    Anche perchè mentre Jack, immortale, anche fatto a pezzi si rigenerava e tornava sano come un pesce, adesso invece l’umanità rimane allo stato in cui è, ferite, malattie e tutto…doppio boh!!!
    Per il resto John Barrowman è il solito figodiddio, anche se essendo un po’ dimagrito le rughe iniziano a vedersi un po’… pur non dimostrando l’età che ha non è certo immortale come Jack!!!!
    Un’altra cosa che mi ha lasciato un po’ perplessa è il fatto che ovviamente hanno ricostruito Roald Dahl Plass, ma tutta la roba che c’era sotto che fine ha fatto? Impossibile che sia andata tutta completamente distrutta nell’esplosione…Gwen ne parla come se fosse una cosa normale voler ricostruire l’hub al di sotto… boh secondo me avrebbero potuto gestirla meglio questa cosa!
    Per il resto grandiose tutte le scene di Gwen e Rhys nella loro casetta gallese, ed adoro la loro paffuta bimbetta tutta sorrisi al limite dell’inverosimile visto tutto quello che le capita!!!!

    Rispondi

  9. Cilone ha scritto:

    Russell T. Davies? No Moffat?

    Hai, hai, hai….
    Passo.

    Pover’uomo, già Sherlock e Doctor Who gli portano via una marea di tempo, vuoi proprio vederlo morto! :D

    Rispondi

  10. @Bella Donna… ehm, vai a guardare i miei commenti alla seconda stagione di Torchwood, poi magari ne riparliamo… :P

    Rispondi

  11. complessivamente mi è piaciuta parecchio, anche se ci sono state delle cose che mi hanno dato preoccupazioni, come ad esempio l’introduzione di nuovi personaggi tutti americani (la CIA la sopporto poco, pardon), spero che la serie non diventi troppo “americana” perchè una cosa che adoro di torchwood (come del doctor who d’altronde) è proprio il suo essere così british.
    Interessantissima invece la questione della mortalità (apparente almeno) di Jack, già sappiamo che sicuramente non morirà, ma spero vivamente che non sconvolgano la continuity con Dottore dimenticandosi il motivo per cui Jack è immortale.
    Bello bello bello, è ancoa presto per dire se si arriverà ai livelli di “Children on earth” ma l’inizio promette benissimo!

    P.S. ma sono io l’unica ad amare Rhys?

    Rispondi

  12. Laz ha scritto:

    @Bella Donna… ehm, vai a guardare i miei commenti alla seconda stagione di Torchwood, poi magari ne riparliamo…

    Erano altri tempi! Guarda, da quando hai giustificato il “pirata scomparso”, mi sembri fin troppo buono! :D

    Rispondi

  13. Giddo ha scritto:

    Cilone ha scritto:

    Russell T. Davies? No Moffat?
    Hai, hai, hai….
    Passo.
    Pover’uomo, già Sherlock e Doctor Who gli portano via una marea di tempo, vuoi proprio vederlo morto!

    Eheheh… :D
    Doctor Who votato nei Serialemmy. Stagioni “Moffettiane” fantastiche. Ma Sherlock non da meno.
    Ma quando torna?

    Rispondi

  14. Cilone ha scritto:
    Eheheh…
    Doctor Who votato nei Serialemmy. Stagioni “Moffettiane” fantastiche. Ma Sherlock non da meno.
    Ma quando torna?

    Sherlock? Boooh, autunno 2011 anche se non si sanno ancora date precise. Io d’altronde devo ancora vedere la prima stagione, ma già so che mi leccherò i baffi…

    Rispondi

  15. Ho sentito molte critiche, ma la première è coi controfiocchi.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>