eli_screen

The Good Wife – 2×20 – Foreign Affairs

Non credo che per ora la voce che circola sul rinnovo per due-e-dico-due stagioni sia nulla più di un rumor, ma vorrei comunque proporvi di pensare intensamente per dieci secondi speriamo-che-sia-vero-speriamo-che-sia-vero-speriamo-che-sia-vero perchè… bè, diciamo che in questo momento mi sento di essere sulla stessa lunghezza d’onda di Will, per quanto riguarda la superstizione. Ironicamente, una (semi)notizia così buona arriva in coda ad un episodio che mi ha lasciata con davvero tante (rispetto al solito, s’intende) perplessità… vi spiego perchè.

Her father always said this was a cursed suit.
A parte la bellissima replica di Will ehy, there’s no such thing… but don’t say it, because it’s unlucky, il caso della settimana ha risvegliato il mio scetticismo (che di solito durante la visione russa beato). Forse per la prima volta, ho avuto l’impressione che qualcuno, da qualche parte, abbia fatto un po’ di pasticci buttando cose a caso nella parte legal dell’episodio, come sempre attuale, come sempre colma di rimandi alla continuity, come sempre servita assieme alla giusta dose di ironia, ma -a differenza del solito- secondo me troppo in cerca di sensazionalità. C’era davvero bisogno del vedo-non-vedo di Chavez? A mio avviso no, meglio una voce fuori campo o un portavoce (i complimenti al vestito di Diane sarebbero stati comunque buffi e da parte mia mi sento di aggiungere una postilla per far notare l’orribile collana). C’era davvero bisogno di far trattare la faccenda alla figlia del cliente, ricoverato in ospedale, anzichè direttamente da lui? Direi di no, perchè mi pare impossibile empatizzare con un personaggio mai visto. C’era davvero bisogno di inserire in un episodio come questo Fred Thompson? Non credo, anzi secondo me sarebbe stato interessante dargli la possibilità (e ovviamente il tempo) di interagire di più con gli altri… ho trovato esilarante lo scambio not to sound too melodramatic… but over my dead body seguito da well, not to sound equally melodramatic, but, uh, let’s dance con Will, chissà che scintille con Diane!
Oh, my God, it’s like being in a Woody Allen movie! sbotta ad un certo punto Will… non posso che essere d’accordo, ma per The Good Wife non è un bene. In my opinion.

America is dying!
Altra nota dolente dell’episodio (e non solo, se volete il mio parere), la presenza di America Ferrera. Già non mi stava piacendo molto la sua storyline -Eli in preda ad una cotta? Ma per cortesia!- ma aggiungere al tutto il fidanzato che fa gli occhiacci a mister Gold (dopo avergli detto she said she met a Mr. Gold… that is you? ed essersi guadagnato con una sola battuta tutta la mia antipatia), il contributo determinante della traduzione di Natalie in un caso tanto importante e come ciliegina sulla torta la sua partenza improvvisa, mi hanno portata dritta dritta da un tiepido vabbè dai vediamo cosa si inventano ad un sonoro e quindi? nel giro di di una sola scena. Will, dimostrando un’ottima capacità di sintesi, ha riassunto tutto questo con un I’m sorry… who are you again? che mi sento di sottoscrivere in pieno.

Don’t put this on my shoulders, Eli.
E più si avvicinano le elezioni, più si fa difficile la situazione di Wend Scott-Carr, che fa un ultimo disperato tentativo di accaparrarsi simpatie e voti impacchettando per bene la sua famiglia e spedendola in tv. Ovviamente niente di tutto questo funziona, ma la parte più interessante dell’episodio -sebbene pesantemente penalizzata dall’assenza di Peter- è proprio quella dedicata al damage control di questa intervista, a cui deve necessariamente contrapporsi un’apparizione televisiva di Alicia. Eli ne è ben conscio, ma non vuole infrangere la promessa fatta ad Alicia tempo fa, a mio avviso per non sminuirsi agli occhi di questa formidabile donna, che ormai apprezza e che non vorrebbe in nessun modo forzare a tornare sui suoi passi. I loro scambi sono sempre molto significativi, in particolare mi è piaciuto molto vedere Alicia interessata a capire cosa renda Peter il “candidato ideale” agli occhi di Eli, che come sempre si dimostra estremamente pratico rispondendole the world chews up idealistic people; Peter will not be chewed up. L’attacco di Alicia al povero Eli -perchè erroneamente ritenuto responsabile del suo allontanamento dall’ufficio, in realtà dovuto al fastidioso Frank Landau del Democratic Committee, che ne ha fatto richiesta diretta a Diane- che termina con il quasi infantile I’m not doing the interview and I don’t care if Peter blames me for the rest of his life porterà la nostra mrs. State’s Attorney a fare esattamente l’opposto, ovvero a sedersi in uno studio televisivo, dopo le opportune prove, e a portare -sotto lo sguardo attento e orgoglioso di Eli- Peter alla vittoria. Le due scene in questione -le scuse di Alicia ad Eli e l’intervista, seguita anche da Will e Kalinda- sono a dir poco meravigliose, così incisive e stratificate da meritarsi il voto pieno (che l’episodio non avrà) e da parte mia un bel po’ di commozione.

Well, if it were easier, everybody would be doing it.
La scena della simulazione dell’intervista -riassunta con un delizioso cinismo da Eli con it’s a performance, a show, and you’re the wife… but people don’t listen, they watch and they want to see you at ease, calm, loving- merita un paragrafo tutto per sè in virtù della risposta di Alicia did it sound true? ovvero della classica risposta da avvocato… che però pronunciata con quella particolare espressione scherzosa mi ha fatta pensare più ad una risposta politica che legale. Potrebbe davvero esserci una futura carriera politica davanti ad Alicia? Mah.

But don’t tell her you slept with Peter before you put in a good word for me, okay?
Come sempre succede nel momento in cui le cose sembrano andar bene, nel futuro immediato di Alicia c’è invece una mazzata di proporzioni epiche. Wiley sta infatti continuando le sue indagini in merito alle pagine mancanti nella deposizione di Blake e secondo l’opinione di Cary -I can’t stop him, the more I try to stop him, the harder he digs- non c’è nulla da fare se non prepararsi al peggio… che si verifica prima che Kalinda possa parlare con Alicia dandole la sua versione dei fatti o almeno cercando di informarla in maniera un po’ più delicata. Invece è proprio Wiley -ignorato e un po’ maltrattato per tutta la giornata- a raggiungere la nostra signora Florrick nel bel mezzo della festa per celebrare la vittoria di Peter e a sganciare (facendola suonare come una buona notizia) la bomba I checked out the woman’s name… the coworker he supposedly slept with. There was no one in the department with that name. Leela. Vediamo Alicia per pochi secondi, ma sono sufficienti per vederla andare letteralmente in pezzi… non faccio supposizioni su cosa succederà da qui in avanti, ma mi auguro davvero che anche con Kalinda riesca a mettere in pratica quel what is in the past is in the past che ha concesso a Peter e che nel gioco I just think it’s easy for people to judge and I think it’s harder for them to forgive scelga di stare ancora una volta dalla parte del perdono.

Come on, Eli. You rest tonight, we start tomorrow.
No vabbè, dai, io a questo non ci credo! Bisogna proprio che qualcuno dica ad Eli the U.S. Senate; don’t act surprised, it was the goal all along? Non ne aveva nemmeno un sospetto? Ripeto: non ci credo!

Will: I think she’s fantastic.
Kalinda: I think she just won him the election.
W.: Probably.
K.: You should tell her how fantastic she is.
W.: She knows.
K.: You should tell her. People like to be told.
W.: You’re in a weird mood.
K.: I am.
Ho fissato queste otto righe per più di mezz’ora, cercando di decidere con cosa iniziare il paragrafo. Poi mi sono arresa e ho riportato tutto il bellissimo dialogo, che per quanto mi riguarda ha raggiunto vette di tristezza mai viste in questo show. Allo she knows di Will ha fatto eco il mio ma cazzo diglielo! mentre quando superKalinda ha mestamente confermato I am mi è sinceramente venuta voglia di consolarla.

I’m sorry, I’m late; traffic was crazy.
Cosa aggiungere? Quello che era iniziato come un episodio con piccoli tocchi horror è presto diventato una corsa verso le elezioni (e il disastro), scandita dallo squillare del telefono di Alicia, quasi buffo all’inizio e poi sempre più incalzante, come a volerci ricordare ossessivamente che non c’è tempo per tutto, che ci stiamo dimenticando qualcosa, che non siamo pronti ad ogni evenienza… io l’ho vissuto come la classica sveglia che suona nel bel mezzo di un sogno, buttandoti di colpo in una realtà -scusate il gioco di parole- irreale che ti spiazza del tutto. Alicia in definitiva è riuscita a dormire ancora un pochino, ma la sveglia-Wiley ha comunque trovato il modo di disturbare il suo sonno e di riportarla esattamente all’inizio, sopraffatta dalla sensazione di tradimento, nel mezzo di un avvenimento pubblico e di nuovo alle prese con una di quelle sorprese che mettono in discussione tutta la tua vita. Ci hanno risparmiato -non avevo dubbi, non sono così grossolani- la rivelazione del tradimento fatta un attimo prima di andare in onda, ma l’arrivo di Wiley in un momento di intima serenità di Alicia è stato forse ancora più traumatico e ha circoscritto ancora di più questo dolore alla sfera privata della protagonista. Mi sembra brutto concludere dicendo che spero che i due bicchieri di vino associati al duro colpo la stiano facendo correre ad attaccare Will al primo muro disponibile (ho escluso la possibilità di cercare di strangolare Peter con la cravatta data l’assenza -come già dicevo difetto imperdonabile dell’episodio- di Noth), quindi mi limiterò ad aspettare col fiato sospeso il chiarimento tra lei e Kalinda, sperando che non diventi un secondo “equivoco del messaggio cancellato” e che non si trascini per mesi.

 

Menzione d’onore alle battute
* “Looks to me”? Is that one of those new-fangled legal terms?
* Actually, it’s Lockhart/Gardner.
* Oh, it’s my honor, Your Honor.

Jenny Cazzamali

lodigiana, ventiduenne da un numero imprecisato di anni, facile preda di inappropriati entusiasmi e caratterizzata da un soft spot grande come l'australia per i pazzi, i grand gestures e le cause perse, ritiene che limitare l'uso delle maiuscole all'inizio delle frasi, delle parole e ai nomi propri sia una forma di razzismo e che l'uso corretto dei congiuntivi sia la cosa più sexy del mondo.

43 Comments

  1. In realtà l’unico difettuccio dell’episodio lo posso trovare nel caso di puntata, forse un po’ troppo cartoonesco (anche se mi ha divertito). Per il resto una grandissimissima puntata dal ritmo incalzante e con più momenti EPICI (già citati nel recap).
    Due cose: delle mire politiche di Eli verso Alicia gli autori hanno seminato indizi sin dalle prime apparizioni di Gold nella stagione scorsa (mi pare che una volta è stato anche detto esplicitamente) e mi sembra uno sviluppo GENIALE e perfetto per le prossime stagioni. Secondo, non ho trovato troppo pesante l’assenza di Peter nell’episodio, anzi ho apprezzato la focalizzazione nei confronti di Alicia, che ultimamente ha diviso lo spazio con fin troppi personaggi.
    Nonostante quel difetto di cui ho parlato all’inizio, io darei all’episodio quantomeno mezza stellina in più se non oltre. Se non oltre…

    Rispondi

  2. Io credo che prima o poi anche Alicia verrà lanciata nello scenatrio politico e magari troveremo un Eli Gould che preferisce lei a Pete, o sarebbe ancora più interessante, in my opinion, uno scontro Alicia/Peter!!! aiuto ma quanto dobbiamo aspettare per il prossimo episodio??? metà maggio se non erro??!!! non ce la posso fare!! sempre in my opinion!!! :D

    Rispondi

  3. D’accordo con la recensione , ma solo per il finale struggente merita le 5 stelline.

    Rispondi

  4. Rei ha scritto:

    delle mire politiche di Eli verso Alicia gli autori hanno seminato indizi sin dalle prime apparizioni di Gold nella stagione scorsa (mi pare che una volta è stato anche detto esplicitamente) e mi sembra uno sviluppo GENIALE e perfetto per le prossime stagioni.

    concordo con il geniale e shame on me per non ricordare il fatto che sia stato detto.

    a me il caso della settimana invece ha dato proprio fastidio… c’era troppatroppatroppa roba tutta assieme! credo che togliendo qualcuno dei “contorni” (la questione del padre in ospedale, la “guest star” che flirta con il giudice, la supertraduttrice natalie, la tizia con risposte acide per tutti) lo avrei apprezzato di più…
    e la questione “assenza di peter” mi è altrettanto indigesta… giustissimo focalizzarsi su alicia, ma è sempre successo anche con peter “sullo sfondo” o in una scena o due.

    comunque sappiate che -nonostante le perplessità- dare quattro stelline è stata una scelta sofferta, che mi ha tolto il sonno! :(

    Rispondi

  5. Concordo in pieno per quanto riguarda il caso della settimana, la presenza di Chavez, o della sua panza per essere precisi, m’ha lasciata un po’ perplessa. Idem per la Ferrera, s’era capito che la storia con Eli non sarebbe andata da nessuna parte, a questo punto avrei preferito la conclusione delle scorse puntate all’ennesima riproposizione del “sono più grande di te-sono fidanzata”. Ma sono comunque annotazioni di poco conto di cui non mi sarei ricordata se non rileggendo la (perfetta) recensione, perchè a distanza di una settimana riesco solo a ricordare le lacrime di Alicia che cammina un po’ barcollante e la stretta allo stromaco che mi ha provocato quella scena. Aliciaaaaaaa, prendi a mazzate Peter, perdona Kalinda e vieni qui a farti abbracciare!

    Ah, e Alicia in politica ha il mio voto!

    Rispondi

  6. Quoto la recensione, e anche a me il caso della settimana ha fatto storcere il naso: troppo al limite della credibilità che infatti viene meno, e troppo spinto il triplo-meta-salto carpiato dell’inserimento di Thompson.
    Altra nota di scarsa credibilità l’ostinazione del detective: d’accordo lo zelo, d’accordo la pignoleria, ma una volta scoperta la verità sul contenuto delle due pagine, il fatto di volere a tutti i costi avvisare Alicia mi è parsa una forzatura. Anche se lo ringrazio, da ora quando vorrò mettere al tappeto qualcuno mi avvicinerò e gli dirò: “Leela!” Chissà se funziona.
    Altro grande episodio, comunque. E se la produzione continua a non potersi permettere Chris Noth neanche il giorno della rielezione di Peter Florrick (terribile la sagoma semovente che appare al suo posto alla fine), forse davvero potrebbero puntare sulla carriera politica di Alicia.

    Rispondi

  7. Concordo con la recensione sui difetti dell’episodio: il caso con Chavez decisamente sopra le righe per una serie che ci ha abituati alla misura; e poi America Ferrera (speriamo che non torni) e l’assenza di Peter che è troppo “ingombrante” per non notarla. La parte politica è comunque da applauso, e il finale è splendido e coinvolgente (ma davvero sono tutti così meschini sti detective maschi? buu). Stavo pensando che non sono da sottovalutare le continue offerte di lavoro ad Alicia: se quest’ultima mazzata la spingesse a cambiare vita, magari oltre a buttarsi in politica potrebbe anche allontanarsi dalla L&G (mi sembra che la mossa di Diane in combutta con Lloyd abbia deluso molto Alicia, al di là del fatto che alla fine decida “con la sua testa” di fare l”intervista).

    Rispondi

  8. Scusate la mia mega-ignoranza. Sono nuova ma impazzisco per TGW.
    Ma come fate a vedere i nuovi episodi?? Dove li trovo? Io (ovviamente) non riesco ad accedervi.

    Comunque complimenti per le recensioni. Davvero brillanti!!
    Grazie

    Rispondi

  9. @ Elena
    mi piacerebbe tanto aiutarti anhè xkè , anch’io come te, ho avuto problemi non tanto tempo fa, ora risolti grazie ad un provvidenziale aiuto, però non so come fare non possiamo mettere in difficoltà se no proprio nei pasticci chi ci ospita :) ( posso solo dirti che a me piacciano i muli)
    Per quello che riguaarda la puntata concordo sul caso della settimana troppo sopra le righe ee sulla stancante e inutile partecipazione della Ferrera, ma le lacrime di Alicia valgono tutta una puntata.
    Ultimaamente, lo confesso, questa donna che aveva suscitato tutta la mia ammirazione ero una sua sfegatata fan, non mi entusiasmava più, ma in questa puntata ha risalito di vari punti il mio personale indice di gradimento.
    Quanto a Will: bè sentite, non so voi, ma io che tifavo per loro, io che ho sperato di vederli finalmente insieme per davvero :) e non solo per un bacio( per quanto intenso…..) ebbene ora mi sono rotta: va bene tutto ma ora basta ma che razza di uomo, o meglio di ometto tentennante è Will? sempre, eternamente indeciso tra la mascellonica Tammy e una sempre più finalmente consapevole, decisa, ma pur sempre fragile e caleidoscopica Alicia? sapete che vi dico? Alicia merita di meglio di questi due uomini: perchè diciamoci la verità fra il fedifrago Peter e il tentennante Will accidenti al meglio…. :)

    Rispondi

  10. JaneLane ha scritto:

    ma davvero sono tutti così meschini sti detective maschi? buu

    Oddio, pensando a Kalinda…
    Raffaella ha scritto:

    Alicia merita di meglio di questi due uomini: perchè diciamoci la verità fra il fedifrago Peter e il tentennante Will accidenti al meglio…

    Poerannoi uomini, e dire che fino a un po’ di tempo fa su questi commenti si leggeva “Fra tutti e due Alicia certo che ha proprio una gran scelta”…

    Comunque, pure io sono morto dalle risate al “Non esiste niente del genere ma non dirlo, porta sfortuna” e alle battute citate…

    E comunque, anche da un punto di vista meta-qualcosa, era piuttosto ovvio che la storia Will-Alicia si sarebbe riaperta: il cliffangher della scorsa stagione lasciava ovviamente intendere che si sarebbe sviluppata la cosa nella successiva, e date le premesse il modo in cui hanno “chiuso” la faccenda qualche episodio fa era decisamente troppo, troppo frettoloso in proporzione alle “promesse” della fine della scorsa stagione… Insomma, non mi stupirei troppo di vedere Peter nelle braccia di Alicia nelle prossime 2-3 puntate.
    Altra cosa scontata in proposito: perché parlarne in continuazione, anche in episodi precedenti, se non per ravvivare la storia?

    Ad ogni modo pure a me il caso della settimana non mi ha particolarmente entusiasmato, nonostante sia fatto comunque decisamente bene; however lo so che non ha molto senso dirlo, ma se in altre serie avessimo visto una cosa del genere avremmo fatto i salti di gioia…

    Altra cosa, riguardo però a una puntata precedente: trovo interessante, parlando di Alicia, lo scontro fra opposti che si genera tra Stern (e non solo) che le dice che è cambiata e il fratello che continua a ribadire che può essere cambiata quanto le pare ma resta comunque una persona buona…

    PS: a me la collana non dispiaceva più di tanto…

    Rispondi

  11. Per la cronaca Chris Noth sta recitando a Brodway e non può essere presente in tutte le puntate. Credo che lo rivedremo nelle ultime due puntate di stagione, in onda aimè dall’inizio di maggio. Fonti: Michael Ausiello.

    Rispondi

  12. sono d’accordo con le carenza che avete evidenziato..quello che mi ha disturbato di più è stato il mezzo chavez che blatera in spagnolo,poteva non esserci e il caso avrebbe comunque “funzionato”.
    l’assenza di peter non la trovo imperdonabile ma è sinceramente irrealistico che il candidato non attenda l’esito delle elezioni davanti alla tv con tutto lo staff.. la sua presenza nelle ultima scene avrebbe distolto l’attenzione da alicia..
    detto ciò..l’episodio è decisamente la premessa ad un bel giro di boa..attendo con ansia di vedere come gestiranno la nuova carica per peter e l’inevitabile rivalità tra l’ufficio del procuratore e la L/G ma soprattutto la reazione alla BOMBA! sinceramente non credo che a kalinda verrà estesa l’amnestia al grido di “what is in the past is in the past” ma..vedremo:)
    ah..will ha un po’ rotto le palle,lui e questi tentennamenti…

    Rispondi

  13. A me la scelta di focalizzare l’attenzione su Alicia nel giorno della vittoria di Peter, è piaciuta, l’unica cosa che ho da criticare è stato l’orribile body double che non gli somigliava per niente ;)
    Il caso davvero brutto.

    Rispondi

  14. ok critiche su Chavez, ok critiche su America Ferrera, … ma io rimango a quel momento, quando ho visto Alicia crollare, mi sono commosso come un salice piangente :P

    E come dicevo la scorsa settimana, questo Wiley è una specie di mannaia implacabile, che qualcuno lo fermi! (anche se ormai cosa può fare ancora?)

    Rispondi

  15. Vi ricordate la bellissima musica che Stern ascoltava nell’episodio della sua dipartita?
    Credo di averla individuata, penso che si tratti di J. S. Bach ” Goldberg variations bwv988″ esecuzione al pianoforte di Angela Hewitt.
    Sappiatemi dire :)

    Rispondi

  16. Raffaella ha scritto:

    Vi ricordate la bellissima musica che Stern ascoltava nell’episodio della sua dipartita?
    Credo di averla individuata, penso che si tratti di J. S. Bach ” Goldberg variations bwv988? esecuzione al pianoforte di Angela Hewitt.
    Sappiatemi dire

    Bravissima, Raffaella! E’ proprio quella l’opera, composta per clavicembalo e consistente in un’Aria con trenta Variazioni. :D
    Il brano è, per essere precisi, la Variazione n.18: Canone alla sesta. L’esecuzione della Hewitt si può ascoltare su YouTube qui: http://www.youtube.com/watch?v=-QnEldZD0QI ed inizia esattamente a 0:43:09 del video, terminando a 0:44:34.
    Aggiungo qualcosa che su YouTube non c’è: la Hewitt ha eseguito queste Variazioni per pianoforte tra il 28 agosto ed il 1º settembre 1999, alla Henry Wood Hall, Londra, riferimenti Hyperion Records CDA 67305.

    Rispondi

  17. Episodio per certi versi fantastico, ma con qualche eccesso. Personalmente l’unica cosa che mi ha disturbato davvero è stata la presenza di Chavez, che per quanto divertente era proprio non credibile. Per il resto però l’episodio mi è piaciuto, tutto sommato la presenza di America Ferrera ha consentito di mettere in luce un’altra sfaccettatura del carattere di Alicia – ipercorretta con una che pure è lì a fare uno stage per fare un favore a un cliente, tanto che declina il “good job” che will le rivolge all’inizio e fa partecipare la fanciulla a tutte le riunioni: roba non da poco, se permettete. Alicia ha guadagnato più di un punto nella mia personale classifica :)
    Ho adorato la scena del “fantastic” tra will e kalinda, e non concordo con Raffaella: Will non è per niente indeciso, Will è pienamente consapevole di essere innamorato di Alicia ma ha fatto una scelta diversa, in considerazione del fatto che è Alicia ha un marito in politica, dei figli…e che alla fine è lei l’indecisa. Vediamo ora che succede, sono molto curiosa, su tutta la linea: le continue proposte di lavoro ad Alicia potrebbero alla fine portarla altrove (anche per sfuggire a Kalinda?) e se Will non è più il suo capo , magari questo sarebbe un punto a favore di una diversa evoluzione personale – anche se chissà, mi spiacerebbe molto perdere il focus sulla L&G!
    In conclusione, per me sono comunque 5 stelline – nonostante Chavez! :)

    Rispondi

  18. per me, orfana inconsolabile di boston legal, è stato un bell’episodio. certo alan shore sarebbe stato più a suo agio di will, ma per una volta, dai, è stato bello.

    Rispondi

  19. dimenticavo: per me la nota dolente resta sempre ava, o comunque si chiami quella sciacquetta di will. è proprio l’attrice ad essere insopportabile.

    Rispondi

  20. idra ha scritto:

    Per la cronaca Chris Noth sta recitando a Brodway e non può essere presente in tutte le puntate.

    va bene, non è un regular e quindi è giustissimo che si faccia anche i “cavoli suoi”, ma bastava preparare in anticipo una scena di tre secondi di lui vicino ad eli o qualcun altro e in mezzo ad un po’ di gente, in fondo alla sala, mentre faceva un gesto con la mano o un sorriso verso alicia… e alla domanda di lei “dov’è peter?” una risposta tipo “ma tu pensa, tu lo hai fatto eleggere e ora non riesci nemmeno ad avvicinarti perchè il resto del mondo s’è messo in mezzo” associata a quella scena avrebbe tolto l’alone di incredulità e fastidio dato dall’assenza del vincitore al suo stesso party…

    Rispondi

  21. L’ho visto poco fa: da questo pomeriggio è possibile trovare anche i sottotitoli di questo episodio n. 20. :D

    n.d.r. Il commento è stato modificato: ragazzi, occhio alle regole prima di postare!

    Rispondi

  22. @ Gmes
    Ciao, sei sicuro? io ho torvato il 19, ma il 20 non l’ho visto ;)
    Grazie cmq.

    Rispondi

  23. @Raffaella

    Grazie ora ci sono anch’io

    Rispondi

  24. @Elena
    Bravissima :)
    sono contenta così ora commenterai in tempo reale….;)

    Rispondi

  25. avete trovato i sottotitoli??????? ma dove? io sono disperatamente ferma al 2×13!

    Rispondi

  26. Ciao Donatella,

    i sottotitoli in italiano sono qui: http://www.podnapisi.net/it/ppodnapisi/search?tbsl=1&asdp=0&sK=the+good+wife&sM=&sJ=9&sY=&sS=time&sO=desc

    Merito di Gmes ;)
    Sono arrivati all’episodio 2×20! :)

    Rispondi

  27. Elena (e Gmes): thanks!! vi adoro!

    Rispondi

  28. gmes ha scritto:

    L’ho visto poco fa: da questo pomeriggio è possibile trovare anche i sottotitoli di questo episodio n. 20.

    n.d.r. Il commento è stato modificato: ragazzi, occhio alle regole prima di postare!

    Ok, chiedo scusa a tutti ed alla redazione, non m’ero resa conto… :$

    gmes ha scritto:

    Raffaella ha scritto:

    Vi ricordate la bellissima musica che Stern ascoltava nell’episodio della sua dipartita?
    Credo di averla individuata, penso che si tratti di J. S. Bach ” Goldberg variations bwv988? esecuzione al pianoforte di Angela Hewitt.
    Sappiatemi dire
    Bravissima, Raffaella! E’ proprio quella l’opera, composta per clavicembalo e consistente in un’Aria con trenta Variazioni.
    Il brano è, per essere precisi, la Variazione n.18: Canone alla sesta. L’esecuzione della Hewitt si può ascoltare su YouTube qui: http://www.youtube.com/watch?v=-QnEldZD0QI ed inizia esattamente a 0:43:09 del video, terminando a 0:44:34.

    Per il brano di Bach, mi accorgo ora però che l’esecuzione più che da parte di Angela Hewitt nel 1999 come da video linkato più sopra, potrebbe essere di Glenn Gould, probabilmente la prima (1955):
    http://www.youtube.com/watch?v=0RInThW6F9U
    (dal tempo 08:30 a 09:15)
    o forse la seconda registrazione (mi pare 1982, poco prima di morire):
    http://www.youtube.com/watch?v=L8niPZ9laLE
    (dal tempo 0:58 a 2:00)
    delle Variazioni Goldberg che proprio lui, Glenn Gould, con la registrazione del 1955 aveva fatto conoscere al mondo.

    Rispondi

  29. Ringraziamo i ns amici di PODNAPISI (Sloveni se non erro!), sottotitoli allineati alla 20 … alla faccia di ITASA!
    MA avete visto cosa Itasa ha postato a proposito dei sottotitoli di TGW (fra l’altro inserite nelle serie junior di ‘minor importanza’…..)?

    Rispondi

  30. Mi associo per quello che riguarda i sottotitoli e ringrazio anch’io ancora una volta a Gmes ti adoro :)

    Rispondi

  31. MA avete visto cosa Itasa ha postato a proposito dei sottotitoli di TGW (fra l’altro inserite nelle serie junior di ‘minor importanza’…..)?

    Cosa?

    Lunga vita a PODNAPISI.

    Finalmente anche io in pari. Sarà ch’era troppo tempo che non lo vedevo, ma mi sembra sempre bellissimo.
    Ok, Chavez era un po’ troppo.

    Però, riguardo a le critiche che leggevo anche nelle vecchie recensioni verso Mr.Gold In Love, è tutto nella chiave di lettura della figlia – che trovo un personaggio un sacco simpatico, non dà dargli una storyline tutta sua, ma mi piace avere degli spaccati quotidiani di Eli – al padre serve qualcuno di cui “prendersi cura” quando è sotto elezioni. Tant’è che non c’è un bacio o niente tra i due, ma una semplice infatuazione dove i sensi di colpa di Eli giocano un ruolo fondamentale. IN MY OPINION.

    Rispondi

  32. Il caso della settimana era forse davvero troppa carne al fuoco, ma non mi ha dato fastidio più di tanto (ma concordo sull’apparizione/non apparizione di Chavez, risibile, tanto valeva mettere un portavoce, concordo con Jenny). Per il resto mentre leggevo trovavo la recensione troppo critica, ma poi nel finale mi ci son ritrovato tutto, voto compreso. La verità è che The good wife è una di quelle serie che hanno valanghe di roba ottima anche in un solo minuto di episodio.

    Rispondi

  33. ragazzi! Per far passare queste due settimane sto quardando a random le puntate anche della prima stagione rileggendo poi le vostre recensioni.
    Ieri sera ho riguardato per (devo dire la verità) l’ennesima volta il capolavoro di Hybristophilia ed ho rivisto la scena di Will preoccupato per aver mandato Alicia da Sweene. Quel suo No (intendendo: non sto parlando di quanto è successo da Sweene ma di …) mi ha sciolto come neve al sole. Mamma che emozione che mi ha dato e che batticuore. Ovviamente per voi uomini non sarà così, ma cavolo avere davanti un uomo che ti sospira a quel modo e ti apre l’anima con un semplice no …. (che tenero !!).
    Beh insomma mi ha fatto sognare…
    (in effetti non la ricordavo più questa scena).
    E allora arrivo a quanto mi sono proposta di fare: chiedo a tutti voi, ragazze e ragazzi, di ricordare le scene più memorabili, più dense di … sentimento che abbiamo visto finora.

    PS: cambio il nick per non confodermi con l’altra (ti chiedo scusa Elena)

    Rispondi

  34. @ Elena Esse:

    Ciao Elena! Chiedi scusa a me? Ci mancherebbe! ;) Mica colpa nostra se abbiamo lo stesso nome :P
    Comunque anche io sono nuova e ti capisco quando scrivi che noi donne ci emozioniamo di fronte a certe scene del telefilm.. mentre gli uomini niente da fare!
    A me manca il fratello di Alicia, Owen… strepitoso personaggio! Non sarà la volta buona che torni per consolare sua sorella?

    Rispondi

  35. Non leggo i commenti, visto che non ho ancora visto la puntata, ma volevo fare sapere a tutti che quì:

    http://www.tvsubtitles.net/tvshow-514-2.html

    Si trovano i sub ita delle puntate, fatti da un certo “Etto” che è il mio nuovo idolo… Sono anche fatti mediamente bene, e sono aggiornati alla programmazione fino ad oggi!

    Rispondi

  36. A me quella che lascia perplessa è proprio Kalinda. O meglio, quella che me la sta cominiciando a far girare è Kalinda. E non solo per la storia di Alicia, che probabilmente è sola la crosta di quello sfilatone di pane che ci riservano gli autori sul passato di Kalinda e che forse, una volta svelato, ci farà capire il “perchè” in partenza una come lei se la doveva fare con uno come Peter …..
    Ma anche per come stanno andando le cose con Cary da quasi un’intera stagione. Per carità, mi sono goduta tutte le loro scene fin dall’inizio, ma ora che con lui abbiamo ricevuto il messaggio, che cioè ” si farebbe triturare in un minipimer senza anestesia pur di proteggerla”(ma non so se fino ad oltranza), mi resta un pò fastidioso il continuo atteggiamento miocazzoistico di Kalinda, che addirittura si sorprende che a lui piaccia lavorare lì dove lavora…cavolo, Kalinda, che pensi? Che si stava autoboicottando da solo, non per pararti il fondoschiena, ma perchè in fondo il suo lavoro non è che gli piaccia più di tanto? Ma facci il piacere.
    Quindi per quanto mi riguarda, Kalinda necessita al momento di una “doppia” redenzione.

    Rispondi

  37. @ Alberto
    Ciao grazie per il sito, volevo però segnalarti anche quello scoperto da Gmes che è aggiornato già da un pò fino all’ultima puntata che è www. podnapisi.it
    L’importante è essersi liberati di itasa eureka :) ;)

    Rispondi

  38. Ops dimenticavo . prova e sappi dire

    Rispondi

  39. Volevo dirvi che su Podnapisi ci sono già i sottotoli dell’ultima fantastica puntata, alla faccia di quelli di itasa :)
    Non vedo l’ora di leggere la recensione….. ragazzi TGW ogni volta è sempre meglio.

    Rispondi

  40. Caspita, caspita, altra ottima puntata! Caso un po’ fiacco, poco “legale” e molto politico, ma il contorno è stato talmente ricco che su questo si può passare sopra… Peter ha vinto le elezioni, Alicia ha scoperto di lui e Kalinda… E ora? Ottima Alicia, ottima la sua intervista (e anche le scuse ad Eli), bravissima la Margulies nella scena finale… Bella poi la scena Will-Kalinda… E che bello rivedere Natalie, anche se penso che il suo sia un addio definitivo… :(
    Voto: 4 stelle ½.

    P.S. Che tatto che ha Carey!! Ma la scena degli ombrelli mi è piaciuta molto!!
    P.P.S. Orrendo il fatto che nella sua giornata più importante, Peter non ci fosse… Sui questo sono d’accordo con la (ottima) recensione.

    Sulla questione sottotitoli: sono proprio contento che ci sia qualcuno che si sia messo a subbare la serie… Ora, per la prima volta da quando vedo TGW, posso vedere una puntata prima che ci sia la recensione su Serialmente… Che tra l’altro, spero esca a presto, perchè è sempre un aiuto importante alla visione della puntata… IN MY OPINION. :D

    Rispondi

  41. In my opinion ahahah :D
    Ben detto ;)

    Rispondi

  42. Articolo con intervista ai King sugli ultimi tre episodi della serie (In sickness e seguenti)
    http://www.hollywoodreporter.com/live-feed/good-wife-creators-tease-next-184517
    Non so voi, io in questo finale di stagione sono in fibrillazione. Attendo la recensione con ansia :D

    Rispondi

  43. […] Michael Thomas. non lo vedevamo da Foreign Affairs e continua a piacermi molto, così come il suo melodrammatico modo di esprimersi (frasi come try to […]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>