screen_fringe3x02

Fringe – 3×02 – The Box

Allora, com’è andato il viaggio di ritorno dall’universo alternativo? Tutto bene? Spero che nessuno abbia avuto nausea, problemi coi documenti o con il jet lag. Comunque le cose importanti da ricordare quando si saltella over here e overe there sono due: se proprio volete portarvi a casa un souvenir lasciate perdere le snowball e state molto attenti a non dimenticarvi nulla o rischiate di ritrovarlo in un blocco d’ambra. E ora che abbiamo esaurito le formalità, dedichiamoci a questa pseudo-premiere alternativa… bentornati a casa!

Bè, insomma, proprio bentornati non direi, visto che ad attenderci c’è una sorpresa abbastanza spiacevole, ovvero un gruppo di persone ridotte in stato comatoso da una scatola, innocua finchè non viene aperta, ma letale non appena a qualcuno viene la poco brillante idea di curiosarci dentro. Questa misteriosa scatola è l’oggetto attorno a cui ruota tutto l’episodio e oltre ad essere decisamente pericolosa di per sè (una volta aperta emette degli ultrasuoni che prima causano lo stato comatoso visto all’inizio e poi provvedono a spappolare il cervello del malaugurato ascoltatore), si rivela parte del famigerato “congegno” in cui Walternate contava di infilare Peter. Alcune delle parti che lo compongono sono dunque anche in questo mondo? La faccenda si complica!

A proposito di faccende che si complicano, assistiamo all’apertura del testamento di Bell, che tra una facezia e l’altra (bellissima la campana regalata a Nina, in una teca con uno specchio strategicamente posizionato in modo da riflettersi come se ne esistesse un impalpabile duplicato ah-ah) lascia la Massive Dynamic a nientepòpòdimenocheWalter! Lo stesso Walter che vuole ottenere il latte al cioccolato da Gene facendole mangiare delle fave di cacao e che chiama Astrid Aspirin. Insomma, c’è di che preoccuparsi, direi! Anche perchè mi aspetto che Walter da un momento all’altro si metta a sbroccare in merito alle questioni irrisolte con Peter (che ancora non vuole discutere con lui del suo rapimento… cosa del tutto comprensibile, visto che a differenza di Walter non ha ancora avuto molto tempo per digerire la notizia) e un suo eventuale colpo di testa con a portata di mano le risorse della MD potrebbe avere conseguenze di ogni tipo.

Nemmeno sul fronte Olivia (anzi Fakelivia) le notizie sono rassicuranti. A parte qualche difficoltà (tipo imitare la memoria fotografica di Olivia), la ex-rossa sembra più che decisa a portare avanti un piano ben strutturato, che coinvolge entrambi i Bishop, e a non pensarci due volte nè a sparare ad un poveretto capitato nel posto sbagliato al momento sbagliato nè ad usare l’emotività di Peter per distrarlo. Comunque, nonostante gli sforzi di Fakelivia, anche in questo episodio possiamo notare la goffaggine delle sue interazioni con Walter, che la spiazza offrendosi di comprarle qualcosa al supermercato… Abbiamo ormai capito che questa donna ha un grandissimo sangue freddo, ma credo che davanti alla versione casalinga e un po’ svampita di quello che per lei è il vero Walter Bishop -impeccabile, potente e un po’ scary- non sappia bene come porsi; speriamo che questa sua indecisione metta (prima o poi) in allarme Walter, perchè temo che la capacità di giudizio di Peter si sia un po’ persa per strada.

Insomma, tornando all’inizio del discorso, com’è andato questo ritorno dall’universo alternativo? Per quanto mi riguarda bene, più che bene! Abbiamo personaggi in conflitto con se stessi e con gli altri, un suggerimento di trama orizzontale, l’adorabile mucca, un soprannome per Astrid, Nina presa alla sprovvista da Walter, un colpo di scena che forse non era poi così impossibile da prevedere (l’eredità di Belly al cauto amico) ma che apre infinite possibilità e un deciso thumbs up per la struttura ad episodi alternati, che permettono di sviluppare bene ogni vicenda. Cosa mi aspetto d’ora in poi? Vorrei vedere dei miglioramenti nell’imitazione di Olivia da parte di Fakelivia (seriously, per ora è comprensibile che lo scambio non desti sospetti perchè ci sono in gioco per Peter il fattore ormone e in generale per gli altri il fattore siamo-ancora-un-po’-turbati-dal-ritorno-al-nostro-mondo, ma Fakelivia deve ringraziare il cielo che Walter sia un po’ “svaporato”, se no l’avrebbe già smascherata!) e vorrei che si evitasse di trasformare ogni puntata over here in una caccia al pezzo di ricambio. Per il resto, l’unica cosa di cui sono certa è che nel prossimo episodio ci saranno cose dell’altro mondo!

più (cioè un pochino meno della premiere over there, che ha dalla sua il sottile ma innegabile fascino del “cosa c’è di diverso rispetto a questo mondo?”)

Curiosità:
° i glyphs formano la parola ALERT; considerando questo episodio la metà over here di una ideale “duplice premiere”, dai glyphs di questi due primi episodi otteniamo AMBER ALERT, che credo sia da intendersi come un reminder per farci confrontare il rapimento di AlternaPeter bambino con il ritorno volontario di Peter alla fine della scorsa stagione. Le glyphwords andranno quindi lette in coppia? O forse in questa stagione le parole misteriose formeranno una frase? Mah!
° over there Bono è uno sconosciuto
° ho letto in giro che la produzione ha ribattezzato quella che io chiamo Fakelivia Bolivia… perchè? Non ho proprio capito da dove arriva la B…
° vi sconsiglio di guardare questa scena mentre mangiate uno yogurt con dentro i lamponi
° non ho trovato l’osservatore e mi rifiuto di scoprire dov’è spulciando in giro per i siti. Anzi, spero che in un universo parallelo ci sia un osservatore che si sta dannando perchè non trova me!
° su seriALTERNAmente, la recensione di questo episodio è stata pubblicata con questo screencap, quasi a voler sottolineare -usando un’immagine che richiama quella usata qui- l’idea di “duplice premiere”.

Jenny Cazzamali

lodigiana, ventiduenne da un numero imprecisato di anni, facile preda di inappropriati entusiasmi e caratterizzata da un soft spot grande come l'australia per i pazzi, i grand gestures e le cause perse, ritiene che limitare l'uso delle maiuscole all'inizio delle frasi, delle parole e ai nomi propri sia una forma di razzismo e che l'uso corretto dei congiuntivi sia la cosa più sexy del mondo.

44 Comments

  1. Bellissimo episodio così come il precedente, se questa è la qualità che ci aspetta per questa terza stagione non posso che esserne entusiasta.

    Walter in completo che esamina cervelli però è awesome. XD

    Rispondi

  2. Credo sia per A-Olivia e B-Olivia… non mi piace comunque (a me piaccioni i soprannomi OurLIVIA e OtherLIVIA, ma credo di essere l’unico.. :D)
    Comunque la stagione promette molto bene, speriamo non mandino tutto in vacca

    Rispondi

  3. per me mezza stelletta in più, perché il caso del giorno è davvero ben fatto ed è quasi da considerarsi trama orizzontale e per il resto è intrigante tanto quanto la premiere, questa Olivia è fantastica
    e Walter mi mancava troppo…

    Rispondi

  4. Nicola ha scritto:

    a me piaccioni i soprannomi OurLIVIA e OtherLIVIA

    non mi piace molto come suonano, ma trovo molto carina l’idea :)

    Rispondi

  5. L’episodio mi è piaciuto molto, quello che non mi piace è che dobbiamo ancora assistere a lungo a questa messinscena dell’altra Olivia.
    So che questo alza la tensione della serie, ma sembra di assistere ad una soap, e poi non capisco come faccia una persona intelligente come Peter a non notare lo strano comportamento di Olivia, ma d’altra parte non mi meraviglio di nulla, gli ci sono volute ben 2 stagioni per capire che veniva da un altro universo……

    Rispondi

  6. Anche io darei una mezza stellina in più. Bolivia (ma è proprio brutto come nome D: ) ha avuto la vita facile non solo a relazionarsi con gli altri ma anche nel caso che si è preparata da sola, ma di fronte ad un VERO caso, cosa accadrà? Ho apprezzato però l’idea. Non sarei troppo sicuro che ogni puntata di qua sia “alla ricerca del pezzo mancante”. Se non ho capito male, questo l’avevano portato loro da là a qua per farlo trovare alla Fringe division, quindi la vedrei più come eccezione. Se cominciassero a spuntare pezzi del macchinario ovunque, la faccenda diventerebbe un po’ sospetta.

    Tra le scene da evitare di guardare mentre si mangia metterei anche quella dell’esplosione della testa, che schifo!

    Rispondi

  7. Puntata stupenda, speriamo che la stagione si assesti su questo livello qualitativo.
    Penso che Bolivia stia per Bad Olivia (l’Olivia cattiva)… comunque FakeOlivia rende meglio l’idea a noi “da questo lato”.

    Bye!

    Rispondi

  8. Bella recensione, io penso che Bolivia stia per Bogus Olivia, ovvero Olivia finta, almeno credo…

    Rispondi

  9. mamma mia c’erano un sacco di ipotesi sulla B di bolivia! e non avevo pensato a NESSUNA di queste! XD
    grazie!!! :)

    Rispondi

  10. Nah, B per bad non penso ne’ spero proprio, qui non c’e’ buono o cattivo, qui l’universo alternativo si sente proprio in guerra e li capisco anche.. mondo distrutto dal salto di Walter, un figlio rapito, voglio dire, di “casus belli” ce ne sono quanti ne vuoi.. quindi definire la OurOlivia come “cattiva” e’ decisamente fuori luogo!

    Rispondi

  11. Beh, il nickname è nato nei forum americani e pare davvero che la B stia per Bad…comunque, ottimo episodio. La Torv sta smentendo tutti i detrattori e John Noble è sempre più grande (quando ha leccato la cravatta, ho davvero temuto che fosse una circonvoluzione cerebrale o__O).
    Mi pare di capire che quelli over there vogliano trasportare i pezzi della macchina vista nel season finale della scorsa stagione, nella nostra realtà per attivarla direttamente su questo universo. Resta da capire come Bolivia possa convincere Walter ad attivarla (in base al trascritto finale).

    Rispondi

  12. Bella puntata. Ho trovato però abbastanza irrealistica la scena dell’uccisione del tizio in casa di Olivia…
    cioè arriva questo tizio e tu:
    a) gli spari in casa tua in cucina
    b) arriva Peter e invece di liquidarlo lo fai entrare
    c) nascondi il cadavere in bagno… e se Peter chiedeva di usare il bagno?
    d) ma quanto sangue esce dal bagno??? L’aveva appoggiato sulla porta il cadavere?
    e) E come è possibile che Peter non noti il casino che sicuramente ci sarà in cucina avendo sparato in testa ad uno che stava proprio li davanti alla porta??
    A parte questo la puntata mi è piaciuta. La Torv rende molto bene le sottili differenze tra le due incarnazioni del suo personaggio e le rende bene proprio perchè non sono accentuatissime ma rimangono comunque ben visibili (e Peter è un idiota per non essersene accorto!!).
    In conclusione non vedo l’ora della prossima puntata!

    Rispondi

  13. Ottima puntata, come oramai da un bel po’ succede. Son saltato sul divano quando è esplosa la testa del nano :D
    Fringe ha raggiunto piena maturità, Torv compresa, molto brava a fare una Olivia diversa ma uguale.
    Poi però la congruenza interna (se si può tirare in ballo in questa serie) mi pare un po’ aggiustata secondo esigenza: mi pareva fosse “impossibile” saltare da un universo all’altro, ma ora pare ci sia una porta girevole… insomma ci sono aspetti che non mi quadrano, vedi ad esempio la paranoia che han fatto con il palazzo che si è spostato la stagione scorsa. Abbiamo accantonato la faccenda che “per ogni cosa che va di là ne deve venire una di qua?”

    Rispondi

  14. Il nano esplosivo me lo sognerò per molto tempo ancora…
    Degna continuazione della premiere, Fringe ormai è una serie matura che sfrutta appieno le sue infinite potenzialità. Pollice in su.

    Rispondi

  15. In effetti non l’ho mai trovato molto chiaro nemmeno io, ma da quello che ho capito possono andare di qua e di là come pare a loro grazie ai poteri di Olivia (altrimenti servirebbe la macchina che Walter ha usato per andare a prendere Peter), mentre per la questione del “peso” o se ne sbattono altamente di chi deve pagare le conseguenza dei loro attraversamenti, oppure riescono a tornare indietro prima che il fenomeno accada. Nel finale della s2 ci sono stati quanto, dalla mattina alla sera? Non ricordo quanto tempo è passato nella puntata del palazzo, ma non c’entravano le vibrazioni? Più ci penso e più mi sembra incasinato D:

    Rispondi

  16. Shikary ha scritto:

    Ho trovato però abbastanza irrealistica la scena dell’uccisione del tizio in casa di Olivia…

    su questo ho sospeso l’incredulità ad occhi chiusi! :D

    Rispondi

  17. Sanji ha scritto:

    In effetti non l’ho mai trovato molto chiaro nemmeno io, ma da quello che ho capito possono andare di qua e di là come pare a loro grazie ai poteri di Olivia

    Che è rimasta dall’altra parte…O_o

    Rispondi

  18. Sì ma infatti per tornare indietro ci ha pensato Bell… non è stato per quello che si è sacrificato? Per far funzionare il robo e mantenere aperto il varco che aveva fatto Olivia all’andata?

    Rispondi

  19. Sanji ha scritto:

    Sì ma infatti per tornare indietro ci ha pensato Bell… non è stato per quello che si è sacrificato? Per far funzionare il robo e mantenere aperto il varco che aveva fatto Olivia all’andata?

    A bé allora… adesso tutto quadra O_o
    Comunque la scena del colpo di pistola nemmeno io l’ho digerita, nemmeno una gocciolina di sangue, nemmeno quando trascina il cadavere. La stessa scena in Breaking Bad avrebbe imbrattato tre isolati … :D

    Rispondi

  20. Un ottimo episodio che riconferma quanto sia brava Anna Torv: non solo interpreta un personaggio, ma interpreta un personaggio che interpreta un altro personaggio.
    Curiosità, attesa e anche un po’ di inquietudine al pensiero di tutta la MD nelle mani di Walter, ma se non altro ora può opporsi ad armi pari (in senso di potere e mezzi) a Walternate.

    Rispondi

  21. Mi riallaccio al discorso di prima, Peter dovrebbe capire che quella non è la vera Olivia, per tanti ragioni, la prima cosa che mi viene in mente proprio adesso, quando Peter va a casa di Olivia e si confida con lei riguardo a Walter, lei gli domandai se fosse venuto solo per parlare di Walter, ecco, la vera Olivia lo avrebbe ascoltato, basterebbe solo questo a Peter per capire che ha di fronte un altra persona.
    Comunque vabbè spero che non la tirino fino all’ultimo episodio.

    Rispondi

  22. Bellissimo episodio over-here! Il classico filler di Fringe (ma più interessante) con uno spizzico di mitologia, mi ritengo abbastanza soddisfatto. Il recap poi è spassosissimo, complimenti (:

    Note:
    * anch’io ho trovato in giro riferimenti all’OOT (Olivia Over There) come BOLIVIA, soprattutto su Tumblr – ma quanto è bello il picspam di Fringe? – ma io sapevo che Kurtzman e Orci l’avevano semplicemente indicata come Alt!Olivia
    * ormai mi diverto un sacco a interpretare i glyphs, la A poi credo di averla imparata a memoria LOL
    * ma nessuno, proprio nessuno, spende una parola per la meravigliosa fotografia della serie? Bhà.

    Rispondi

  23. @Giulio

    Non sono d’accordo né con l’uso della parola “filler” né con il concetto.

    http://cultural-learnings.com/2010/04/08/procedural-pacing-why-justifieds-non-serial-episodes-are-you-know-justified/

    Questo articolo di Myles McNutt (che piacerà rei perché parla di uno degli argomenti in cui mi sembra più coinvolto, cioè seriale/procedurale) descrive l’atteggiamento di alcuni show (appunto Justified ma anche Fringe) che partono con il procedurale e finiscono con il seriale.

    E’ una riflessione molto interessante perché, in effetti, sottolinea come la partenza procedurale crei una base (personaggi e mondo) sulla quale i conflitti successivi e gli elementi seriali diventano più significativi, oltre al fatto che il procedurale fidelizza più rapidamente lo spettatore.

    Questo episodio funziona con il meccanismo opposto. Ritorna al procedurale non per riempire lo spazio di un episodio ma perché in questo momento della narrazione deve mostrarci cosa significa la presenza di Fauxlivia nel nostro universo usare (Bolivia è idea degli autori ma io concordo con la maggiorparte della rete sul fatto che Fauxlivia sia molto meglio), e un episodio procedurale, con la sua staticità, è un palco perfetto per farci vedere come i personaggi interagiranno. Grande finezza narrativa (non a caso l’episodio è scritto dai boss in persona).

    Anna Torv a mio parere non meritava il serialemmy ma, avendola sempre ritenuta legnosa, faccio ammenda e ammetto che con materiale più stimolante sta dando prova di inaspettati talenti. Come ha detto close to me, qui recita un personaggio che recita un altro personaggio e, aggiungerei, è straordinaria nell’isolare quelle differenze che la rendono ai nostri occhi una plausibile Fauxlivia e agli occhi degli altri personaggi (che, ricordiamoci, non sanno tutto quello che sappiamo noi) una plausibile Olivia.

    Altro elemento notevole dell’episodio è l’ironia drammatica per cui Fauxlivia agisce coerentemente con il nostro universo e fa quello che avrebbe fatto anche Olivia (tipo correre a salvare Peter), solo che lo fa per motivi diversi. Uno stupendo accavallamento dei fini.

    Infine più che ironia drammatica è “drammatica ironia” che Peter debba avere una storia con “Olivia” solo per interposta persona, però è anche vero che è uno dei sistemi più originali per allungare la tensione sentimentale/sessuale di due personaggi in una serie televisiva.

    Rispondi

  24. Bellissimo episodio! A me personalmente è piaciuto più questo rispetto ad ‘Olivia’ perchè a parte Olivia per l’appunto c’erano tutti i personaggi a cui mi sono affezionata in queste due stagioni…in più AMO alla follia Newton, è uno di quei ‘cattivi’ che non puoi fare a meno di adorare per me.

    Spezzo una lancia tra l’altro in favore di Peter..a me è sembrato palese nell’episodio che non è che non nota niente di strano con Olivia (anche se qualcosa la nota tipo la questione musica oppure le lancia qualche sguardo perplesso quando la raggiunge in casa del tizio,ma lei in entrambi i casi è brava nell’uscirne con una spiegazione plausibile) per via degli ormoni (infatti alla fine preferisce analizzare la macchina che uscire con lei), ma perchè ha tremila pensieri per la testa..primo tra tutti la macchina e secondo il suo rapporto con Walter. E’ confuso e distratto da altre cose al momento. In più il suo rapporto a pezzi con Walter lo induce a cercare una spalla in Olivia, che è probabilmente l’unica persona che lo tiene attaccato alla realtà al momento…se perde lei perde l’unica persona con cui può confidarsi. Insomma non è una situazione semplice.

    In più c’è da aggiungere (e questo vale anche per tutti gli altri) che noi sappiamo dello scambio…i personaggi no. Quindi anche se notano qualcosa di strano non è che saltano subito alla conclusione: ‘Toh..quella è alter Olivia’. Forse sarò l’unica ma troverei più poco plausibile questo che il fatto che dopo due giorni da quando sono tornati ancora non abbiano capito che quella con loro è Bolivia ;)

    Rispondi

  25. @ rampion: ho letto l’arrticolo, ma non sono d’accordo con l’esempio, perché Justified mi sembra una via di mezzo in cui la prima metà procedurale è uno scadente riempitivo nell’attesa che inizi la parte seriale (bellissima), Rylan è già caratterizzato per il 90% prima che inizi la sigla del pilot! The Shield e Sons of Anarchy sarebbero stati due esempi più appropriati (a me sembra proprio un trademark di FX la partenza timida).

    Rispondi

  26. Pixie_blue_eyes 5 ottobre 2010 at 20:03

    Quoto in pieno Valentina, anch’io la penso come te per quanto riguarda Peter ed il fatto che non abbia la voglia nè l’attenzione necessaria per rendersi conto che quella non è Olivia!
    Per quanto con l’episodio scorso Anna Torv ha saputo dimostrare alla grande che è capace di regere da sola un intero episodio, a me questo è piaciuto di più per il semplice fatto che mi mancavano le interazioni Peter/Walter e tutti i personaggi a noi familiari!!!
    A parte l’insolita ‘pulizia’ nell’uccisione del tizio (anche a me la prima cosa che è venuta in mente è stata: colpo alla testa=cervello schizzato dappertutto…boh) la cosa che ho trovato inutilmente macchinosa è stato il lascito della MD da parte di Belly: una semplice lettura del testamento no eh?Dovevano inventarsi questa specie di caccia al tesoro per far avere a Walter i documenti necessari… a parte questo trovo che siamo partiti alla grande!!!!
    PS. A me AltOlivia bionda con la frangetta piace un sacco! XD

    Rispondi

  27. @fuckthemummies

    Puoi non essere d’accordo con l’esempio ma l’essenza dell’articolo mi sembra condivisibile. Scusa, ma “scadente riempitivo” mi sembra un giudizio un po’ estremo. Justified era abbastanza gradevole, con le sue storie a là Elmore Leonard, anche quando era solo procedurale.

    Rispondi

  28. Stupenda seconda puntata, quest’anno Fringe sta facendo davvero bene, il gioco fra over here e over there funziona ed è chiaro che anche i filler saranno fusi alla mitologia (vedi la presenza di Newton già all’inizio).
    Che dire? Puntata bella, Walter più folle del solito e poi tutta questa questione del macchinario mi intrippa troppo

    Voto: 9.5

    Rispondi

  29. Comunque, io ancora non riesco a capire perchè gli americani non guardino Fringe, capisco che il giovedì è un botto assurdo su tutti i canali (mai quanto il lunedì) però è un peccato, davvero.

    Rispondi

  30. Non capisco come si possa definire filler o mezzo filler questa puntata. il caso non è il “caso della settimana” ma è strettamente connesso al motivo per cui alt-Olivia viene mandata di qua: recuperare parti dell’invenzione di Walternate, senza parlare di quanto sia necessario mostrarci come alt-Olivia gestisca il suo inserimento nella fringe divison con tutte le implicazioni del caso, non ultimo il dubbio che la sua impostazione militaresca possa addolcirsi a contatto con Peter, Aalter e perfino Broyles, molto più paterno di quello dell’universo rosso.

    Rispondi

  31. rampion ha scritto:

    @fuckthemummies
    Puoi non essere d’accordo con l’esempio ma l’essenza dell’articolo mi sembra condivisibile. Scusa, ma “scadente riempitivo” mi sembra un giudizio un po’ estremo. Justified era abbastanza gradevole, con le sue storie a là Elmore Leonard, anche quando era solo procedurale.

    Io l’avevo proprio abbandonato a un certo punto, comunque sì, parlavo solo dell’esempio, come discorso può essere condivisibile, l’esempio di Dexter è molto calzante: le prime 4 puntate (identiche) sono state essenziali per capire l’universo del protagonista. E’ comunque un compromesso che accetto, ma che non mi fa impazzire.

    Rispondi

  32. Fringe tende al ‘perfettino’ quindi la gestione della uccisione del povero ladro è da bocciare in toto.

    Per il resto è chiaro che gli sceneggiatori stanno posizionando sulla scacchiera tutti i pezzi che comporranno la 3° stagione e ritengo che la ‘mossa’ + importante (x gli sviluppi futuri) sia la cessione della MD a Walter … già mi immagino la MD impegnata in una guerra tecnologica con l’altro Walter.

    Per quanto riguarda Peter e altraOlivia è plausibile che Peter al momento non sia abbastanza sereno/distaccato da poter cogliere i segnali di diversità ma ritengo che gli sceneggiatori non vogliano portare la trama avanti fino alla ultima puntata.

    Rispondi

  33. buon episodio,
    anna torv sempre più brava, e anche la Bolivia comincia a piacermi come personaggio………. doppiogiochista, fredda, calcolatrice, senza scrupoli e parecchio disinvolta sessualmente………. sono curioso di vedre se il personaggio si manterrà sempre così o se con l’ andare avanti della storia si ammorbidisca e inizi ad affezzionarsi alla realtà alternativa che la circonda

    mi sento in dovere di spezzare una lancia in favore di peter……….. dopo quello che ha passato nell’ ultimo periodo ritorna indietro sapendo cmq di aver lasciato il suo mondo di appartenenza, non riesce ancora a farsi andare giù le decisioni passate del padre con il quale deve ricostruire nuovamente un rapporto che era riuscito con molta fatica a fare poco prima e si trova a dover gestire una relazione parecchio impegnativa con una collega……….. insomma se anche ti ritrovi un’ olivia un pò più disinibita (con la scusante anche lei del trauma post accadimenti) al posto del pezzo di ghiaccio che era prima, non ti fai tante domande, te la fai e basta…….

    walter potrebbe fare diversi danni cosa che rende questa stagione sempre più interessante……….

    ottima puntata anche questa

    Rispondi

  34. MERCURIO2 ha scritto:

    Fringe tende al ‘perfettino’ quindi la gestione della uccisione del povero ladro è da bocciare in toto.

    No, no non hai capito, non sei attento: Alt-Olivia ha una Alt-Pistola con un Alt-Silenziatore che spara automaticamente proiettili emostatici provvisori (infatti poi in bagno il sangue esce) che coagulano momentaneamente il sangue in prossimità del foro di entrata e di uscita del proiettile.
    O forse i proiettili sono in uranio impoverito che sviluppano talmente calore che cicatrizzano la ferita ?
    Boh, adesso non ricordo… :D

    Rispondi

  35. Gran bell’episodio anche questo…. Questa terza stagione se continua così potrebbe diventare proprio un bel gioiellino…… Anche perchè se faranno puntate alternate con l’universo “alternativo” io ci vado proprio a nozze visto che mi piacciono veramente tanto questo tipo di cose……
    Anna Torv mi piace sempre di più…. Non l’ho mai amata particolarmente ma adesso la trovo davvero molto brava….
    Walter a capo della MD…. Sono molto curiosa di sapere cosa succederà….
    Secondo me Alt-Olivia prima o poi si rabbonirà accanto a Walter, Peter ed Astrid e quando si ritroverà nel momento clou (qualunque esso sia) deciderà di passare dalla loro parte….. Mi piacerebbe alla fine vedere le due “Olivia” collaborare…
    Spero che dal prossimo episodio ambientato nell’universo della nostra Olivia qualcuno cominci a notare qualche differenza nel comportamento di Alt-Olivia!!!!

    Rispondi

  36. @ Tony19:
    Scusa ma tu gia dalla prima stagione sapevi che Peter proveniva da un altro universo? Se non lo sapevamo noi, figurati Peter XD
    Come poteva mai sospettare una cosa del genere? O_o
    E poi è comprensibile che non si sia ancora accorto dell’inganno di Bolivia, dopo tutto quello che ha passato ultimamente: scoprire di venire da un universo parallelo; di essere stato rapito da bambino e ingannato da colui che non era il suo vero padre; walternate vuole usarlo per distruggere il nostro universo e c’è una macchina antica che risponde solo lui. Non è roba da poco, insomma. Ora come ora ha tutti questi pensieri nella testa che non gli permettono di essere completamente lucido.
    Teniamo anche presente che sono passati solo due giorni da quando i nostri sono tornati nel nostro universo, quindi non possiamo pretendere che peter, così come gli altri, si accorgano subito della falsa Olivia.

    Rispondi

  37. @ jade86:
    Sul fatto che Peter venga da un altro universo, hai ragione.
    Il fatto che non si sia accorta dell’inganno di Bolivia lo trovo strano: dopo avere lavorato tutto questo tempo a stretto contatto con una persona, ti accorgi quando si comporta in modo così diverso dal normale, comunque non voglio prolungarmi su questa cosa, i produttori sanno quel che fanno, e per quel che mi riguarda forse è meglio così, sai che palle se Peter scoprisse già alla terza puntata di Bolivia…………

    Rispondi

  38. CHIEDO IL DIVIETO DI USARE NANI ESPLOSIVI IN QUALSIASI TELEFILM DA QUI AL 2012!
    Mannaggia a loro… O_O’

    Comunque bell’episodio, utile soprattutto a farci rivedere Peter, Walter, Broyles e “Aspirin”, che nella season premiere mancavano all’appello.
    Come ho già detto per quello precedente, è fantastico come Anna Torv debba interpretare due personaggi…ognuno dei quali deve, a sua volta, fingere di essere l’altro. Non è per niente semplice. Ad esempio, avete notato come Olivia-2 ridacchia alle battute di Peter? Olivia-1 non lo faceva…ma ora lo fa, poichè la memoria di Olivia-2 sta affiorando…che casino :s

    Citerei la scena più EPICA dell’episodio: quella in cui Walter parla di suoni impercettibili, ma che vengono comunque percepiti…e poi invita tutti ad allontanarsi perchè ha appena scorreggiato. :D

    Rispondi

  39. WOW!
    respiro… respiro profondo… WOW AGAIN!
    ho appena finito di mettermi in pari con questo telefilm dopo due settimane di visione intensiva delle prime serie e devo dire che è su-per-ba! e pensare che tempo fa, quando ne sentii parlare, pensai “ma sì, sarà la solita cosetta a base di paranormale senza capo nè coda…” invece ora ne sono totalmente rapito.
    Concordo su tutto con la recensione, voto quattro stelle e un po’ perchè le cinque ce le teniamo per episodi totalmente incredibili come “Peter”… a proposito… volevo condividere un pensiero che mi è venuto dopo aver visto quell’episodio.
    Avete mai sentito parlare dello “show, don’t tell”? è una regola di scrittura considerata da alcuni particolarmente valida, specie nella letteratura di genere (fantasy, sci-fi), che in pratica consiglia di non RACCONTARE mai quello che succede, ma MOSTRARLO descrivendo le azioni dei personaggi… questo molto in breve, se volete approfondire http://it.wikipedia.org/wiki/Show,_don't_tell_(narrativa)
    beh, guardando fringe mi sono convinto che lo SDT vale anche per i serial tv. Basta fare un confronto Lost-Fringe, in particolare di due puntate cruciali come Across the Ocean e Peter; nella prima, senza bisogno di spoilerare, tutto ci viene detto, raccontato, “spiegato” (le virgolette sono d’obbligo, visto che la spiegazione è “funziona così perchè funziona così”). Nella seconda al contrario, TUTTO ci viene mostrato, dall’osservatore nel laboratorio alla decisione finale di Walter di tenere Peter con sè, ed è proprio questo secondo me a far sì che “il colpo di scena più telefonato del millennio” diventi un capolavoro assoluto (oltre alla sigla. ragazzi, la sigla… piango di gioia). Nel complesso ritengo che questo sia proprio quello che Fringe ha in più di Lost: lo schema è lo stesso, misteri su misteri che si sovrappongono, alcuni chiari anche per lo spettatore più distratto e altri che sembrano protrarsi all’infinito (la macchina ti tistruzione ti monto… da dove viene? walternate l’ha definita “antica”, ma nel senso di anni, o di centinaia di anni… o millenni? non so voi ma mi ha fatto pensare al finale del videogame “Indiana Jones and the Fate of Atlantis), ma mentre tutto quello che sappiamo sull’isola, dopo sei anni di fedele sbavo davanti allo schermo, è solo quello che qualcuno ci ha raccontato; mentre qui, il passato di Walter, il “rapimento” di Peter, l’universo alternativo ci vengono sbattuti in faccia in tutta la loro “AWESOMENESS” con una cura dell’insieme e dei particolari che merita veramente applausi a scena aperta.
    Bravi, bravi bravi abrams e soci, bravissimi la Torv e Jackson e Reddick, sublimi Noble e il buon vecchio Nimoy. WOW.

    P.s. scusate tanto se il messaggio è troppo lungo, visto anche che è il primo che scrivo su questo sito, ma vi seguo da tanto e Fringe ha avuto il potere di spingermi a scrivere finalmente un commento anch’io…con gli arretrati ;-)

    P.p.s. due citazioni che mi sembra di non aver visto rimarcate in nessun commento fino ad ora… la suoneria di Alt-Olivia nel finale della seconda stagione è “Science Fiction/Double Feature”, l’apertura del mitico Rocky Horror Show (in cui i protagonisti sono due fidanzatini impacciati che alla fine liberano la loro “parte animale”, e la suoneria squilla mentre AltOlivia è a letto col suo ragazzo… chicca + + +)
    Inoltre, sono l’unico a pensare che il cognome di Astrid, Farnsworth, sia un omaggio a Futurama? l’ho pensato dalla prima puntata, anche perchè in italiano (ebbene sì, la prima serie l’ho vista doppiata, poi per mia fortuna sono passato al subbed) la doppiatrice è la stessa di Amy Chang!

    Rispondi

  40. Anche io dissento dal chiamare “Filler” un episodio del genere.
    A differenza di una serie tipo Supernatural, in cui è spesso capitato di episodi contenenti 2 minuti di trama vera e propria all’interno di un episodio autoconclusivo, questo espisodio è tutto tranne che filler.
    Nel mio immaginario un episodio tale di questo nome è un episodio che, se saltato a piè pari, non lascia lacune nella trama. (Es. l’episodio di lost in cui muoiono i due trafficanti di diamanti).
    In questo episodio invece sono tantissimi elementi della trama:
    – La presentazione del personaggio di Bolivia, fredda e manipolatrice.
    – L’ingresso degli artefatti che compongono il congegno anche in questo universo.
    – Walter che eredita la MD.

    Per quanto riguarda l’episodio stesso, adoro assoltamente gli easter egg che gli sceneggiatori lasciano sparsi qua e là come briciole di pane anche se effettivamente non vedo l’ora di tornare di là, l’altro universo è più intrigante.

    Rispondi

  41. Episodio davvero sottotono,non capisco tutti sti inneggiamenti al capolavoro del secoloh (come da pressi per Fringe).
    Non bruttissimo ma proprio niente di che,dimenticabilissimo insomma.

    Rispondi

  42. Idea: secondo me la vasca di deprivazione sensoriale che il Segretario vuole usare su Our-livia le farà tonare la memoria… è la stessa usata da Walter nella prima serie, no??

    Rispondi

  43. Michael Scofield>>>>Homeboy aka HB-O 11 ottobre 2010 at 20:02

    Selkis ha scritto:

    Idea: secondo me la vasca di deprivazione sensoriale che il Segretario vuole usare su Our-livia le farà tonare la memoria… è la stessa usata da Walter nella prima serie, no??

    Si,c’è anche la musichetta da colpo di scena mi pare e secondo me Charlie sara colui che aiutera Olivia a scappare e rimarra ucciso,mai idea eh.

    Rispondi

  44. Selkis ha scritto:

    Idea: secondo me la vasca di deprivazione sensoriale che il Segretario vuole usare su Our-livia le farà tonare la memoria… è la stessa usata da Walter nella prima serie, no??

    Si,c’è anche la musichetta da colpo di scena mi pare e secondo me Charlie sara colui che aiutera Olivia a scappare e rimarra ucciso,mai idea eh.

    PS:Scusate doppio post.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>