Doctor Who - 5x05 - Flesh and Stone

Doctor Who – 5×05 – Flesh and Stone

“Sex and violence. I love children’s television”.

Okay, ho barato. Questa citazione non viene da questo episodio, né da un altro episodio di Doctor Who, ma mi è sembrata decisamente appropriata per l’episodio di questa settimana. È pur sempre una frase scritta da Steven Moffat… 19 anni fa. Che avesse già in mente di scrivere questa stagione di Doctor Who? Perché ormai è appurato, quest’uomo è un pazzo furioso… per almeno due delle cose che accadono in questo episodio. Una che sicuramente avrà fatto incazzare molta gente e un’altra della quale molta gente non si è sicuramente accorta (io non mi sarei accorto nemmeno sotto minaccia di morte). E questo per citare due cose che sono in aggiunta rispetto alla fantastica storia dell’episodio in sé!

Avevamo lasciato i nostri eroi a saltare… e ora scopriamo il motivo: la gravità della nave è ancora attiva e saltando sono finiti… sul soffitto della caverna, cioè sullo scafo della nave. Sempre inseguiti dagli Angeli, entrano nella nave, dove trovano una foresta artificiale (per produrre aria) e… la crepa del muro di Amy! Mentre scappano, Amy comincia a fare un conto alla rovescia involontario; è perché c’è un Angelo nella sua mente, che sta per uscire e ucciderla. L’unico modo per evitarlo è tenere chiusi gli occhi. Mentre il Dottore, River e Octavian vanno a cercare il ponte principale, Amy resta con gli altri soldati che la difendono dagli Angeli. Ma a un certo punto anche gli Angeli fuggono, spaventati dall’energia che esce dalla crepa e che attira i soldati uno per uno… cancellandoli dall’esistenza, e dalla memoria degli altri soldati… perché è questo che fa la crepa. Amy resta sola ed è costretta a passare con gli occhi chiusi tra gli Angeli (distratti dalla crepa). Alla fine raggiunge River e il Dottore (Octavian è stato ucciso da un Angelo) e il Dottore frega gli Angeli levando la gravità dalla nave e facendoli precipitare nella crepa, chiudendola (per il momento); la crepa ha infatti origine il 26 giugno 2010 e la sua vera natura è ancora oscura. River viene riportata in prigione, ed Amy chiede di andare a casa… vuole rivelare al Dottore del matrimonio del giorno dopo. E non solo, apparentemente vuole proprio farsi il Dottore, senza tante storie e tante preoccupazioni. Ma lui fa il timido e con la scusa di rendersi conto di come tutto giri attorno a Donna Amy (perché guarda caso la data è proprio 26 giugno 2010), riesce a svicolare.

Come previsto, il cliffhanger dello scorso episodio si risolve in un secondo… ma (e anche questo era previsto) in maniera assolutamente brillante e inaspettata. Non solo, la gravità della nave, introdotta qui, spiana anche la via per la vittoria finale del Dottore, che questa volta risolve davvero tutta la faccenda da solo, con sollievo di tutti quanti, preoccupati per una companion troppo intelligente.

I Weeping Angels hanno aggiunto un nuovo livello di creepyness quando hanno iniziato a muoversi nella foresta (in realtà uno si intravede muoversi fin da quando afferrano la giacca del Dottore). Ci sono un paio di punti oscuri sui loro “poteri”, però. In teoria non dovrebbero guardarsi nemmeno tra di loro, per non bloccarsi, eppure qui sembrano farlo senza problemi (sempre che non siano sincronizzati in qualche modo)… e, soprattutto, non è molto credibile che a un certo punto si “distraggano” quanto basti per non rendersi conto che Amy ha gli occhi chiusi! Sono Angeli spaventati ma pur sempre Angeli. Anche se forse la scena più importante e agghiacciante relativa a loro, nell’episodio, è una semplice battuta piuttosto che una scena d’azione. Quando “Angel Bob” spiega al Dottore il motivo del conto alla rovescia: spaventare Amy per divertimento. Terribile e fantastico allo stesso tempo.

Ed Amy pure è fantastica (ma non terribile). Il modo in cui inserisce con naturalezza nelle sue frasi dei numeri apparentemente senza senso è inquietantissimo. E pure è bravissima quando è costretta a tenere gli occhi chiusi. Soprattutto quando cammina e in quella scena col Dottore… di cui parliamo più avanti. Così come più avanti parliamo dell’ultima scena, sempre su Amy.

Il Dottore ormai è IL DOTTORE, senza se e senza ma. Ha il pieno controllo della situazione anche quando non ce l’ha. E si incazza spesso e volentieri, il che continua ad avvicinarmelo sempre più a Nine, piuttosto che a Ten, anche se devo dire che ieri ho rivisto The Girl in the Fireplace e anche Ten lì urla non poco. Sarà il Moff che tende a scriverlo incazzoso!

E River Song! Finalmente scopriamo qualcosa sul suo passato, anche se non è qualcosa che ci aspettavamo. Ha ucciso un uomo. Un eroe per molti. L’uomo migliore che lei avesse conosciuto. È abbastanza chiaro chi ci vogliono far pensare che sia… sarà davvero così o sarà un inganno, come il fatto che River sia la moglie? (Che poi magari un inganno non è, e chi lo sa?). E se fosse il Dottore… vedremo prima o poi quando lo ucciderà? E sarà una semplice rigenerazione oppure la morte definitiva? E soprattutto, quando si arriverà a questo punto nella 23a stagione o giù di lì, la tecnologia sarà in grado di creare una River Song in CGI abbastanza giovane? :P

La rivedremo comunque presto, come spoilera lei stessa alla fine dell’episodio. Quando la Pandorica si aprirà (finale di stagione?). E già sappiamo che lei sopravviverà, anche se… vallo a sapere, timey-wimey. E a proposito di finale di stagione, in questo episodio si comincia finalmente a capire il ruolo della crepa del muro di Amy e si spiega come mai lei non si ricordasse i Dalek… o il motivo per cui (e sono certo nessuno riuscisse a dormire la notte per questo) uno stagno per le anatre è uno stagno per le anatre anche se non ci sono anatre. Persino il CyberKing viene spiegato! Che fosse una cosa che stava sul gozzo al Moff e a cui ha voluto dare una spiegazione a prescindere? Fatto sta che la crepa, che casualmente, mondiali ed Eurovision permettendo, ha origine proprio nella data in cui verrà trasmesso il finale di stagione, sta cancellando molte cose dall’esistenza. “Il tempo può essere riscritto”, come dice il Dottore alla fine. Da sottolineare come lo dica con un sorriso sulle labbra… cosa avrà in mente?

E qui veniamo a uno dei due punti “aggiuntivi” dell’episodio, senza i quali sarebbe stato comunque fantastico. Uno è legato al finale di stagione e qualcuno potrebbe voler smettere di leggere questo paragrafo proprio qui, anche se si tratta di pure supposizioni e non sono in nessun modo realmente spoiler, quanto teorie nate interamente dalla visione di questo episodio (e dal primo). Siete ancora qui? Bene… minuto 17:40. Il Dottore senza giacca e con le maniche della camicia abbottonate, saluta Amy e se ne va con River e Octavian. Un attimo dopo il Dottore con la giacca e le maniche svoltate indietro riappare da Amy, per chiederle se si ricordasse una cosa che le aveva detto da bambina e per infonderle sicurezza e confortarla, in una scena molto intima e molto diversa dal Dottore baldanzoso e un po’ cazzaro di due minuti prima. Dopodiché il Dottore se ne va e ricompare senza giacca con River in fondo alla foresta… dove capirà per la prima volta che la crepa cancella il tempo (ma se non l’aveva ancora capito poco prima, perché chiedere quella cosa a Amy?) Un blooper? Possibile, ma altamente improbabile. Un Dottore dal futuro che torna indietro nella sua stessa linea temporale per qualche misterioso motivo che scopriremo solo alla fine? Molto probabile! E assolutamente fantastico! Da qui una sequela di teorie anche sul primo episodio, su quell’ombra che si muove in casa di Amy mentre lei aspetta fuori i “5 minuti” (il Prigioniero Zero? O… qualcun altro?), sullo stagno delle anatre e persino su quello strano “sogno” finale di Amy. Era davvero un sogno? Oppure il Dottore è tornato dopo 5 minuti? Si annuncia una stagione sempre più esaltante! (E alla fine si scoprì che era un blooper…)

E infine, ovviamente, l’ultima fantastica scena. Amy confessa al Dottore che sta per sposarsi con Rory… e, dopo aver rischiato di morire (una volta dopo l’altra, aggiungerei) vuole passar bene l’ultima notte prima delle nozze, un addio al nubilato esclusivo… e salta addosso a un imbarazzatissimo Dottore. Non cerca grandi amori o chissà cosa (d’altra parte, si sposa il giorno dopo!), vuole solo farselo! Hanno qualche ora libera da passare, perché no? E per metterla come l’ha messa Moffat, c’è questo tizio, generalmente di bell’aspetto, intelligente, simpatico, con tutte le caratteristiche positive che un “uomo” possa avere… e mai nessuna companion ci ha fatto un pensierino? Seriously? (in realtà qualcuna sì, ma erano più timide di Amy! Lei è una kiss-o-gram, per l’amor del cielo, go Amy, go!).

Ora niente più Moffat fino al finale di stagione… ma ci aspettano autori interessanti: Toby “Being Human” Whithouse, Simon “Men Behaving Badly” Nye, Chris “Torchwood” Chibnall, Richard “Quattro matrimoni e un funerale/Il diario di Bridget Jones/Notting Hill/Love Actually/Blackadder/Mr. Bean” Curtis e il classico Gareth “The Shakespeare Code” Roberts. Neil Gaiman, come sappiamo, è slittato alla sesta stagione, purtroppo!

Note:
– Ogni volta che penso al nome “Rory” mi viene in mente Rory Gilmore.
– Just this once, everybody… DIES! Questa volta non sopravvivono tutti, anzi, praticamente schiattano tutti quanti tranne i protagonisti, sia i soldati entrati nelle catacombe che i Weeping Angels. Per i soldati c’è da dire che per una volta la chiesa non ci fa una figura barbina. Per quanto un po’ stronzo, infatti, Octavian non ne esce come un personaggio negativo e nemmeno i suoi soldati, Marco, Pedro e… chi è Pedro? Inoltre… Ben… è… Glory? Chi?
– Sia il Guardian che Paul Cornell (autore di Father’s Day e Human Nature/The Family of Blood) hanno definito questo episodio il migliore di sempre.
– Il Dottore si libera degli Angeli un po’ come si era liberato di Cybermen e Dalek in Doomsday (anche se per fortuna, qui, Amy non cade…)

Flesh and Stone è stato scritto da Steven Moffat.

(Grazie a Morry per l’aiuto!)

+

Laz

Front-end developer. Comic book translator. Heinleiner. Browncoat. AFOL. Geronimo!
"No power in the 'verse can stop me."

28 Comments

  1. ma la genialata del minuto 17 non l’avevo notata!!!
    cioè scusate ma…MA…non può essere un blooper. e nel caso lo fosse moffat sarebbe già pronto a giustificare la cosa in una puntata geniale!
    e io adoro amy per essere saltata addosso al dottore, avrei fatto la stessa identica cosa.
    ad ogni modo lo screen che hai scelto è bellissimo..lo vorrei come sfondo del computer. XD

    Rispondi

  2. Diciamo che gli angeli di questa puntata sono una cosa totalmente diversa da quelli di Blink; hanno perso quel fascino che derivava sia dal fatto di non uccidere il nemico ma semplicemente di spostarlo nel tempo e nello spazio sia dell’impossibilità di potersi guardare tra di loro(avevano sempre il viso coperto).

    Continuo a preferire di gran lunga Blink come episodio…

    Rispondi

  3. Secondo me le scena della giacca è voluta. Nell’episodio scorso ci hanno anche fatto vedere che volendo il TARDIS atterra senza fare nessun rumore. Il tono del dottore è decisamente diverso e, anche se non ho notato la giacca alla prima visione, la cosa mi è subito sembrata strana.
    Comunque, non credo che River Song abbia ucciso il Dottore, primo perché cercano di farcelo credere in ogni modo, poi perché sappiamo che lei vede il Dottore almeno in un’altra rigenerazione, dice infatti che il Dottore non appare mai nell’ordine delle facce che lei ha segnato. 10 ancora non l’ha incontrato, quindi vuol dire che 11 non è l’ultimo che vede. Avevo anche pensato che forse poteva uccidere Amy, ma si parla espressamente di un uomo, quindi è salva. Comunque, lo scopriremo nel finale di stagione.
    Per quanto riguarda gli Angeli, conoscerli meglio, secondo me, li ha resi meno inquietanti che in Blink, e un po’ mi ha infastidito il fatto che potessero tranquillamente guardarsi tra loro.
    E anche a me viene sempre in mente Rory Gilmore!

    Rispondi

  4. fantastica puntata per una fantastica stagione

    Rispondi

  5. Anche io preferisco ovviamente Blink come episodio, ma devo poi aggiungere che sono due tipi di episodio molto diversi. Sinceramente credo di aver preferito la prima parte, che mi ha inquietato di più rispetto a questa. Amy che ci prova con il Dottore è stata fantastica. E la cosa della giacca…. mmmmmmmh, interessante. Infine spero di rivedere River Song anche prima del season finale.

    Rispondi

  6. Questo episodio è fantastico… troppe domande!!!

    Rispondi

  7. Volevo aggiungere che la scena finale delle avances di Amy è stata molto divertente. Ancora più divertente è stato vedere Matt Smith e Karen Gillina che ne parlavano nel Confidential. Sono perfetti insieme, sembra siano amici dai tempi dell’asilo, è incredibile!

    Rispondi

  8. Sì, ma non è che si può paragonare tutto con Blink, altrimenti in tv possiamo chiudere baracca e burattini e andare a casa… ^^;

    Rispondi

  9. A meno che… il fatto che gli angeli si possano guardare tra di loro dipenda anche dalla spaccatura e dal fatto che “la storia puo esser riscritta”… e poi chi è il prigioniero zero??? non è che va a finire che è prorprio il dottore§?

    Rispondi

  10. Mi sta proprio piacendo sto Dottore, e adoro Amy! Però mi sa che allora mi devo proprio recuperare Blink…

    Rispondi

  11. Sono l’unica che non è stata convinta da Smith??Cioè,non mi dispiacerebbe affatto,forse,se prima non ci fosse stato Tennant;questo doc è certo buffo,disinvolto,ma mi manca del tutto l’epica ,elemento fondamentale di un Signore del tempo che vive da 900 anni,e che Tennant trasmetteva con una sola occhiata,anche nei momenti di sbruffonaggine.Di sicuro il lato più mistico si riequilibra con le storie,episodi davvero belli finora,ma non mi bastano uffa.

    Rispondi

  12. Pixie_blue_eyes 8 maggio 2010 at 21:03

    @Anna: come ti capisco!!!!
    La stagione è partita proprio bene (tranne x la puntata sui Daleks per la quale ho avuto una crisi di rigetto, sarà che non ho mai apprezzato quei cosi ma vedermeli modello power ranger è stato veramente troppo…) soprattutto quest’ultima avventura ci ha proiettato per bene nell’universo del Dottore.
    In effetti ques’ultimo è stato l’unico episodio dove per un attimo non ho pensato a quanto sarebbe stato meglio con Ten…è vero questo nuovo Dottore è proprio incazzoso!!!
    La cosa della giacca non l’avevo notata ma a pelle quella scena mi dava un’impressione strana come se stonasse in qualche modo, però che carini Doctor ed Amy ;-D
    Secondo me gli Angeli di Blink erano really more creepy… non solo per il fatto già sottolineato del non potersi guardare tra loro ma secondo me soprattutto dal fatto che l’episodio era ambientato sulla terra dove si confondevano perfettamente con le normali statue ed il tutto era giocato proprio su questo… in questo caso invece abbiamo un’ambientazione diversa, un pianeta alieno dove da subito sono individuati come creature aliene e qundi si perde questo senso di mistero. (certo c’è anche il fatto che adesso sappiamo già cosa sono mentre in Blink giocava molto il mistero di presentare queste nuove creature…)

    Rispondi

  13. uffi non capisco perchè non riesco a lasciare i commenti!
    1) dai piedi: quoto Anna e Pixie… secondo me, DT essendo attore teatrale ha una marcia che lo rende “particolare”, capace di emozionare perchè costretto a rendere più forti i personaggi in una sede meno costruita con effetti speciali e quant’altro come è appunto il teatro.
    2) Matt smith. Il ragazzo e la fanciulla – ok, magari stavolta Amy non la metterei a letto con il latte caldo :-P – hanno un’alchimia notevole.
    3) River: c’entrerà qualcosa con la morte “definitiva” del Doc? Visto che siamo “alle porte” (si fa per dire) della fatidica 13esima rigenerazione, tt sommato il dubbio è lecito… tanto abbiamo visto morire il Maestro e risorgere letteralmente dalle sue ceneri ( o era saliva? :D )
    4) posso essere sincera? ?Sti angiolotti non è che mi abbiano terrorizzato più di tanto in questa seconda parte.
    Per me la cosa più interessante in assoluto è e rimane la crepa…
    stefi

    Rispondi

  14. Matt Smith è un grande.
    Ha un solo difetto, non è David Tennant.
    Tenth lo vedevi capace di salvare universi, Eleventh sembra avere difficoltà a salvare i documenti sul desktop.

    Rispondi

  15. @CiccoPiccolo:
    Ah ah!!!Esatto,è proprio quello che intendevo;sto ragazzo è bravo però la figura del Dottore è quella di un “uomo”in grado di fare tutto,risolvere qualunque problema cosmico e lui secondo me manca di pathos.Certo è difficile reggere il confronto,ma a sua difesa si può aggiungere che non è una carenza a livello di talento,è più che altro un genere di fascino diverso;Tennant era magnetico.Tra l’altro era in grado di far risaltare tutti quelli che recitavano con lui,dai vecchietti che passavano per caso alle companion;provate ad affiancare a Smith una come la mitica Donna..Improponibile.

    Rispondi

  16. @Anna… Donna gli ruberebbe la scena con un “Ohi, space boy!” e un’occhiataccia… hihihihih!!
    Cmq hai messo non il dito ma la mano nella piaga: non che M. S. non sia il Dottore ma come dire… he is a good Doctor, not “The ” Doctor…
    che dite, sono troppo di parte??

    Rispondi

  17. No no è vero.Poi ci siamo abituati in questi anni a vedere Ten interagire con tutti quei bellissimi personaggi,quindi quelle belle puntatone corali con tanto di capitan Jack,Rose e la madre,Martha,Sara Jane eccetera adesso mi sembrerebbero davvero stonate.Ovviamente il Dr Who va avanti da decenni proprio per la natura stessa del personaggio,quindi si deve accettare il cambiamento.A me piaceva anche Ecclestone,è durato una stagione,mi è scappata la lacrima poi me ne sono fatta una ragione.Invece Tennant è rimasto un sacco di tempo,ci siamo affezzionati ai suoi compagni di avventure,alle sue All Star e ai modi di dire,ha ridato vita al mito.Quindi stavolta è più difficile accettare la novità.Allons y!!

    Rispondi

  18. Ultimo appunto:secondo me Smith è troppo giovane.Per il Doctor è più indicato un uomo con l’aria da uomo.

    Rispondi

  19. @anna… VEROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO scusate l’urlo ma ci sta tutto! M S. lo vedo bene per una puntata di scrubs :P ma nei panni del Doc… è bravo ma non mi convince al 100%. Diciamo all’80/90… :D
    Ecclestone aveva dalla sua quell’aria bastarda e molto vissuta che mi piaceva un sacco. Era forte e per citare Highlander – adoro quel film – il suo sguardo aveva la profondità dei secoli.
    Mi piaceva moooooltissimo. Testosteronico ma non gradasso, ironico e insieme sensibile… fantastico!

    Rispondi

  20. Pixie_blue_eyes 11 maggio 2010 at 20:00

    La differenza secondo me è data anche dal fatto che, mentre per il passaggio Eccleston/Tennant quello che cambiava in fondo era solo il Dottore, quindi il resto dei personaggi, il Tardis, il cacciavite sonico erano gli stessi, in questo caso non c’è solo il trauma dell’addio di Tennant, che dopo 4 anni si fa sentire non poco, ma anche tutto il resto è cambiato… e se la nuova companion mi piace molto quello che mi rattrista è che non c’è più nessun riferimento a tutti quei personaggi che costituiscono l’universo del Dottore così come noi abbiamo imparato ad amarlo (parlo avviamente per me che non conosco affatt ole serie classiche).
    Però dai in fondo siamo solo a metà serie, secondo me dobbiamo dare al ragazzuolo ancora un po’ di tempo per trovarsi comodo nei panni del Dottore… e a proposito di panni ma come diavolo lo hanno vestito!!!Vabbè che dovevano sottolineare l’aspetto eccentrico ed il fatto che non sia propriamente un ragazzino…mi stà bene la giacca col cravattino ma quei ridicoli pantaloni con scarponcini alla Gianni Morandi potevano evitarseli!!! XDDDDD

    Rispondi

  21. esatto. C’era una continuità, un “cambiare tutto perchè nulla cambi” che invece con Moffat e la nuova squadra non c’è. IN un certo senso mi sento un po’ traumatizzata. E’ come se avessero voluto cancellare di colpo il passato, e posso capire che sia così, visto anche l’addio di Ten :'( … ma è come se la serie fosse spezzata. Come se avessero ricominciato da capo. Come nel 2005.
    :D In verità, io ho ricordi vaghissimi delle serie che arrivarono negli anni Ottanta in Italia ma avevo tipo 4 o 6 anni quindi ricordo solo una sensazione di fifa traumatizzante e fantastica!!
    Sul costume di MS penso che si sia trattata di una scelta obbligata per “invecchiarlo un po'” visto che il fanciullo ha tt sommato 27 anni. Il look fa molto Proprietario terriero/professore universitario della Deep England degli anni Trenta ma ci sto facendo l’occhio. Ciò che non riesco ad accettare è il ciuffoooooo!!! :D ;)

    Rispondi

  22. Pixie_blue_eyes 11 maggio 2010 at 22:02

    Ho appena finito di vedere il confidential della nuova puntata…rimanendo in tema vestiti…ma Matt va veramente vestito in quel modo o si è immedesimato un po’ troppo nel personaggio???

    Rispondi

  23. :DDDDDDDDDDDDDDDDDD
    sarà come per gli scrittori, che “vivono” nei libri che scrivono… lui vive nel personaggio ;)

    Rispondi

  24. […] possibile avere alcuna idea su cosa potrebbe accadere. Certo, chi di noi ha fatto bene attenzione a Flesh and Stone (e forse anche The Eleventh Hour), come avevamo detto allora, immagina cosa potrebbe […]

    Rispondi

  25. […] linea temporale. Tra le varie scene, vediamo quella con Amy (che può sentirlo, ma non vederlo) di Flesh and Stone e arriva fino alla notte in cui Amelia aspettò. Il Dottore, mentre lei dorme, la porta in camera e […]

    Rispondi

  26. @ Stefyna:
    Sono d’accordissimo con te: Smith va bene per una serie con pubblico adolescente/giovane, ma non mi risulta ancora credibile (spero di cambiare la mia opinione in seguito) per impersonare un 906enne Time Lord con tutta quell’esperienza….
    Proprio per la sua esperienza teatrale e per la mimica facciale che esprimeva (oltre che per la voce e le inflessioni che si colgono bene in originale), Tennant era Il Dottore… anche Eccleston era più dottore di Smith (soprattutto quando si incazzava…), ma arrivare a Tennant proprio non si può!!!

    Rispondi

  27. […] Trovate il nostro commento dettagliato all’episodio su Serialmente. […]

    Rispondi

  28. Secondo me il nuovo dottore spacca! Anche se non avevo visto le stagioni precedenti alla quinta (infatti me le sono riviste tutte per avere un quadro generale di questo straordinario telefilm) ho sempre considerato Matt Smith come il dottore più completo. Anche se David Tennant, come ho constatato poco tempo dopo, era quasi insormontabile. Vorrei rivolegrmi a chi continua a preferire Ten: capisco che, avendo fatto tre stagioni, l’attore è riuscito a catturare praticamente tutti i telespettatori, ma c’era bisogno di cambiamento! Se no cominciava a risultare stomachevole anche per chi lo adorava e perdeva tutto quel fascino che era riuscito ad acquistare. Questa stagione è iniziata subito con un mistero accattivante e la conclusione sarà spettacolare!

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>