dollhouse-1x12-omega

Dollhouse – 1×12 – Omega

dollhouse-1x12-omega“Three names. That’s always ominous.”

“Dollhouse” è sempre stato un oggetto “strano” nel palinsesto della Fox: inizialmente pensato come traino per 24, la rete si è trovata di fronte un prodotto meno commerciale di quanto sperasse e ha deciso così di relegarlo al venerdì, serata dalle aspettative minori, e di guidare la penna di Joss Whedon verso un più rassicurante e “vendibile” procedurale sci-fi. Il risultato è tristemente noto.

La serie però non ha mai smesso di essere “strana”, inclassificabile, e l’unica sua conclusione possibile era propria “Omega”, un’oscura riflessione su complesse tematiche esistenziali mascherata da thriller fantascientifico. Ci immergiamo?
L’episodio comincia esattamente da dove Briar Rose ci aveva lasciati.  Alpha è fuggito dalla Dollhouse in auto, ed è in dolce compagnia: con lui c’è Echo, con un imprinting ad hoc di una personalità selvaggia e innamorata di lui, mentre sul sedile posteriore si agita imbavagliata una ragazza che hanno appena rapito.
Un flashback rivela un importante dettaglio del passato di Alpha: durante una precedente missione, Alpha e Whiskey (finora mai mostrata e con lo stesso imprint che ora ha Echo) erano stati ingaggiati per soddisfare la fantasia di un cliente chiaramente innamorato del film Natural Born Killers.  I tre finiscono per divertirsi un po’ troppo e Alpha comincia a mostrare i primi sintomi di personalità disturbata, arrivando a torturare il cliente.
Ma il vero colpo di scena è la reale identità di Whiskey, che adesso è nota come “dottoressa Claire Saunders”. Scopriamo inoltre che Alpha ha sfigurato Whiskey/Claire quando Caroline è arrivata alla Dollhouse, nel tentativo di rendere quest’ultima la doll numero 1, posizione fino a quel momento detenuta dalla futura dottoressa.

Intanto, nel presente, Topher rivela l’inconveniente tecnico che ha definitivamente compromesso la stabilità mentale di Alpha: nel suo cervello sono infatti state scaricate contemporaneamente tutte le personalità che la doll ha mai utilizzato nei suoi ingaggi, rendendolo completamente folle e imprevedibile. Ora Alpha è determinato a fare lo stesso con Caroline, per punirla di aver “tradito” il suo corpo, affittandolo per cinque anni alla Dollhouse: dopo aver rubato tutti gli imprints usati su Echo, Alpha li scarica, attraverso un rudimentale macchinario costruito nel suo covo, nel cervello di Echo, lasciando che Wendy (con la personalità originale di Caroline) osservi con i suoi occhi le conseguenze del suo gesto e muoia per mano della stessa Echo.

Ma quest’ultima, che Alpha ha subito battezzata “Omega”, ha una reazione completamente diversa e, invece di uccidere Wendy/Caroline, si ribella al suo creatore, dando così luogo a una furibonda lotta tra super-doll.
Nonostante però arrivino in soccorso di Echo/Omega anche Sierra, November, Boyd e Ballard, Alpha riesce a fuggire (Paul salva però dalla distruzione l’hard disk con l’imprint originario di Caroline).

Alla Dollhouse le cose tornano faticosamente alla normalità: Ballard accetta l’incarico propostogli da Adele, a patto della risoluzione anticipata del contratto di November; Echo torna alla base e subisce un nuovo azzeramento ma, prima del consueto riposo nella sua cella, pronuncia il suo nome, “Caroline”, segno probabilmente di un non totale azzeramento della sua personalità.

Ambizioso. Bizzarro. Imperfetto. Complesso. Profondo. E’ così che definirei “Omega”, ma più in generale l’intera serie. Allo stato attuale non ci è ancora dato sapere se ci troviamo di fronte a un (ottimo) finale di stagione, o a un (deludente) finale di serie, senza neanche considerare tutto il mistero sulla mancata programmazione di “Epitaph One”, l’episodio post-apocalittico girato praticamente a solo beneficio dei dvd.
Quello di cui son certo è che, pur nei suoi evidenti difetti e punti deboli, “Omega” è una appassionante e coraggiosa ora di televisione, che raggiunge vette toccate dai migliori episodi di Battlestar Galactica, o di Lost.
Come altro classificare un episodio in cui convivono importanti e originali riflessioni esistenziali a battute come “I don’t know why Alpha would imprint her as a background singer unless he was starting an evil band.”?

Dopo una partenza travagliata e gli sforzi evidenti della serie di trovare un suo pubblico e (ironicamente) una sua personalità,  “Omega” ci mostra la forza di “Dollhouse” quando esprime tutto il suo potenziale: Tim Minear è riuscito, seppur con qualche inciampo, nell’ambizioso obiettivo di offrire riusciti colpi di scena, ritmo, azione, importanti quesiti filosofici, e la solita attenzione ai personaggi, confezionando il tutto in un involucro fantascientifico dai toni piacevolmente dark e disturbanti.
Il catalizzatore di tutti questi elementi è l’affascinante figura di Alpha, presente solo negli ultimi minuti di Briar Rose: attorno a lui non solo gravitano i numerosi colpi di scena, ma dalla contrapposizione con Omega scaturiscono molti dei quesiti che l’episodio ci forza a considerare. Cosa rappresenta l’identità di una persona, qual è il prezzo per abbracciare la propria e quale quello per disfarsene? Di cosa è fatta l’anima? E’ un insieme di bit memorizzabili su un disco rigido o un’impronta incancellabile e irriproducibile?

La contrapposizione finale tra Alpha e Omega è quasi scontata, se si ha familiarità con le opere di Joss Whedon: non è Buffy contro Angel di Becoming, o tanto meno l’indimenticabile Buffy contro Faith di Graduation Day, ma Alpha contro Omega è appassionante per motivi diversi dall’aspetto puramente coreografico. E’ interessante infatti notare gli effetti diametralmente opposti che il download di tutte le personalità ha avuto su Alpha su Echo: il primo è diventato una sorta di superuomo, che si ritiene talmente superiore al resto delle persone da ergersi a giudice del gesto di Caroline, rea di aver “affittato” il suo corpo; Echo invece si sente subito vicina sentimentalmente alle sue personalità, provando compassione per ognuna di esse e in particolare per Caroline: “We’re not new. We’re not anything. We’re not anybody, because we’re everybody.”
L’episodio inoltre finalmente risponde chiaramente al dilemma morale su cui finora sembrava ci fosse un po’ di ambiguità: Echo dice “I have 38 brains and not one of them thinks you can sign a contract to be a slave”, in qualche modo chiarendo una volta per tutte l’immmoralità intrinseca dell’attività della Dollhouse, al di là di ogni considerazione sul libero arbitrio delle doll.

Nel parlare dell’episodio non si può prescindere dalle lodi sperticate ad Alan Tudyk (già incensato nel recap di Briar Rose, praticamente il “Joker” del piccolo schermo) e ad Amy Acker, tanto a suo agio nel suo “nuovo” ruolo di doll da rimpiangere quasi che la rivelazione circa la sua identità sia arrivata così tardi. E’ un peccato che le critiche a Eliza Dushku (non tutte giustificate, a mio modesto parere) abbiano in qualche modo messo in ombra i meriti di un cast davvero all’altezza del materiale spesso così complesso: oltre ai già citati Alan Tudyk e Amy Acker, una particolare menzione meritano anche Olivia Williams, Harry Lennix e persino Fran Kranz, cresciuto in maniera costante con il susseguirsi degli episodi.

Non si può tuttavia prescindere dal considerare gli evidenti difetti dell’episodio che, probabilmente per ragioni di tempo, ha un finale piuttosto pasticciato e anticlimatico.
Sierra e November, ad esempio, inizialmente attivate per supportare Boyd  e Ballard nella cattura di Alpha, non ci vengono mai mostrate in azione e sembrerebbe, a giudicare da alcune foto promozionali rilasciate (per errore?) dalla Fox, che le loro scene siano state semplicemente tagliate per ragioni di tempo.
Ma sono gli ultimi minuti dell’episodio in generale ad aggravare la sensazione di un finale affrettato e anticlimatico: dopo il (troppo?) verboso confronto tra Alpha e Omega nel covo, lo scontro si sposta all’esterno e termina in maniera brusca, con Ballard che salva l’hard disk, lasciando solo intendere che Alpha sia riuscito a scappare.
La fuga della doll ribelle e l’ennesimo (quasi)reset di Echo sono mosse prevedibili di una serie che spera in una seconda stagione, ma i numeri di “Dollhouse” farebbero purtroppo pensare, più che a una porta aperta alla seconda stagione, a un vero e proprio errore di valutazione degli autori, che perdono così l’occasione di dare una maggiore chiusura alla serie.

Queste considerazioni renderebbero ancora più amara un’eventuale cancellazione di “Dollhouse” (allo stato attuale ahimé molto probabile), che ha dimostrato nella seconda parte della stagione di essere molto di più di un procedurale fantascientifico, sapendo correre ai ripari persino rispetto alle frequenti lamentele di mancanza di ritmo e di humour dei primi episodi: “Omega” infatta abbonda di entrambi, nonostante la solita durata “extralarge” (che non ha mai giovato) e nonostante i toni estremamente dark richiedano grande tatto e abilità nel dosare l’umorismo.

L’auspicio è che, nonostante pur comprensibili logiche di mercato, prevalga la voglia di tenere in vita un progetto così particolare eppur così originale e intrigante, e che al momento sembra una ventata di aria fresca nel palinsesto della Fox, dominato da American Idol, polizieschi e pessime sit-com. Io ci spero davvero tanto.

Note, note, note:

  • Le scene tagliate con Sierra e November dovrebbero essere incluse nei dvd, in uscita il 28 Luglio. Non è un mistero che un’eventuale rinnovo della serie sarebbe in gran parte dovuto alla speranza di ripetere il successo delle vendite dei dvd di Firefly.
  • L’episodio gronda citazioni cinematografiche: le più evidenti sono naturalmente “Natural Born Killers” e “Frankenstein”.
  • Topher dice: “We put ‘em in a jar with our fireflies.”, chiara strizzata d’occhio a una delle serie più bellissimissime mai realizzate.

Michele

Noto per il modus operandi "Più impegni ho, più me ne cerco", un bel giorno decide che non era abbastanza occupare tutto il tempo libero guardando serie TV americane. Era arrivato il momento di licenziarsi dal suo lavoro di schiavo delle multinazionali e di scrivere di serie TV americane.
Resosi conto che quest'ultima attività non è poi così redditizia (leggi: per nulla), decide di restare schiavo delle multinazionali. E del sito che la storia ricorderà come "Serialmente".

62 Comments

  1. Michele devo quotarti in pieno! Sia per l’episodio (Bellssimo ma con pecche) sia sulla serie (ambiziosa ma piena di difetti)! Fatto sta che Dollhouse ha ancora molto da dire e il mieglio lo deve ancora dare, di questo ne sono sicuro; spero vivamente in un rinnovo (improbabile!), magari solo 13 episodi a stagione..

    Come al solito grandiosi Alan Tudyk e Amy Acker!

    Rispondi

  2. [...] Fonte: http://www.serialmente.com/2009/05/13/dollhouse-1×12-omega/ Segnala presso: Nessun articolo collegatoMarch 28, 2009 — My Camp Rock: il concorso di Disney ChannelFebruary 19, 2009 — AMICI 8, SESTA PUNTATA DEL 18/02/09: VINCONO I BLU CON IL 54%, ELIMINATA SILVIA OLARI. MARIO PRIMO IN CLASSIFICAMay 3, 2009 — Influenza suina: poca chiarezza, molte bugie?May 3, 2009 — MotoGP in IndianapolisMay 4, 2009 — SEXY ,HOT Laura DrzewickaMay 3, 2009 — Hugh Jackman and Anne Hathaway’s Opening Performance at the 2009 Oscars (English Subtitles)May 3, 2009 — Amici Martina Stavolo State Your Case Scialla QUALITA’ CDMay 3, 2009 — Martina Stavolo – PresentazioneMay 4, 2009 — Chiambretti Night e il difensore Juventus Nicola Legrottaglie e Danah MatthewsMarch 18, 2009 — AMICI 8, DECIMA PUNTATA DEL 17/03/09: ACCEDONO ALLA FINALE VALERIO, ALESSANDRA, LUCA E ALICE. ELIMINATO PEDRO [...]

    Rispondi

  3. Pixie_blue_eyes 13 maggio 2009 at 12:45

    Grande recensione Michele, effettivamente hai colto in pieno tutti i pregi e i difetti della puntata e della serie stessa!
    Piace, ma non convince mai fino in fondo, lasciando quel senso di incompiuto dovuto forse come hai detto tu ad un montaggio un po’ pasticciato, un non perfetto approfondimento dei protagonisti… non so!
    Comunque la puntata mi è piaciuta molto lasciandomi con quel senso di insoddisfazione che spero venga premiato con una seconda serie ( io ci spero, penso sempre positivo!!!!)
    Bravissimo Alan Tudyk nel tratteggiare il suo personaggio, peccato averlo visto così poco!
    Non mi ha convinto granchè il passaggio repentino di Ballard (almeno apparentemente) dalla parte della Dollhouse, convintissimo fino all’ultimo di dover salvare Caroline…e poi? Però mi ha fatto piacere la sua scelta di liberare November, molto tenera! Comunque nel caso ci fosse un prosieguo apprezzo molto la scelta di farlo lavorare dall’interno!
    Uff troppe cose lasciate in sospeso, cosa avrà voluto dire la Dottoressa Saunders a Topher una volta scoperto che era una Doll con quella frase sul dovevi proprio farti odiare da me (qualcosa del genere non ricordo di preciso…)?
    Il mio giudizio finale sulla serie è un 4 stelline, più come incentivo per un miglioramento futuro però!!!

    Rispondi

  4. Per me 2 sono i momenti in cui – da fan di whedon – mi sono sentita a casa: Alpha che dice a Echo: “Ti ha voltato le spalle quando avevi più bisogno di lei. I tempi si sono fatti difficili[...] e lei ti ha lasciato sola con gli sciacalli, i lupi e i predatori”.

    E quando Echo definisce se stessa a Caroline :”una luce del portico, in attesa del tuo rientro”. Quest’ultima frase in particolare, se fosse stata pronunciata da un’attrice, mi avrebbe spezzato il cuore.

    Sono felice di aver tenuto duro fino alla fine, perchè con Omega mi sono sentita ripagata. E’ valsa la pena, prima di quest’ultimo episodio, per Adelle che per quanto mi riguarda entra nell’Olimpo dei personaggi di Whedon, per il potenziale intravisto qui e là, per quell’impronta, quella luce del portico in attesa del vero whedon.

    Ma per dirla con Topher: “Il successo è sempre controbilanciato dalla mancanza, dal difetto.” Ecco, la Slayer\Sarah M Gellar è controbilanciata da Echo\Dushku.

    Rispondi

  5. Copio e incollo dal forum:

    Puntata davvero eccellente, che tocca picchi notevoli. Alpha, Saunders, Topher… fantastici.

    Non mi ha convinto però il passaggio brusco che Ballard compie non tanto alla fine dell’episodio quanto all’inizio. E’ subito disposto a collaborare con la Dollhouse e non ne capisco il motivo. Per Adelle la cosa è più comprensibile: è in una situazione di potere e sa manipolare le persone. Non vale lo stesso per Ballard, invece. Ma per stavolta chiuderò un occhio.

    Questo finale pone le basi ad una meravigliosa seconda stagione. Speriamo bene.

    A questo punto, aldilà di ogni discorso sulla storia, sui personaggi e quant’altro, se c’è davvero qualcosa che non va in Dollhouse, beh, mi dispiace dirlo, ma è Eliza Dushku.
    Inizialmente, devo dire mi aveva stupito in positivo. Ma con il passare degli episodi ho capito che proprio non andava, non ce la faceva, non era nelle sue corde un ruolo così schizofrenico. Non gliene faccio una colpa: alcuni grandi attori hanno interpretato sempre lo stesso ruolo e ciò non li rende meno grandi.
    L’attore è parte integrante della buona riuscita di un prodotto, della sua attendibilità. Non basta una buona sceneggiatura e una buona regia. Devi azzeccare il protagonista. E la Dushku non mi sembra tagliata per la parte: la sua Omega in pratica è Faith senza paletto!

    Oh, se Echo fosse stata interpretata da Summer Glau o Amy Acker… *_*

    Rispondi

  6. Oddio, avevi diecimila screencap, perché proprio quello?? XD
    Cmq puntata che assieme alla precedente portano la storia ad un altro livello, decisamente “whedoniano”, anche se non ha firmato lui le puntate… Mi sono piaciute tutte le scene con Alpha, specie la scena della tortura (sensuale, tarantiniana, dark, bellissima) e della ribellione… Grande Victor…
    P.s. Non avevo pensato a Natural Born Killers, ma in effetti il riferimento è evidente e concordo con in finale un po’ tirato per i capelli, ma concordo anche con il voto, 4 stelle e mezza!!!

    Rispondi

  7. Close to Me ha scritto:

    E quando Echo definisce se stessa a Caroline :”una luce del portico, in attesa del tuo rientro”. Quest’ultima frase in particolare, se fosse stata pronunciata da un’attrice, mi avrebbe spezzato il cuore.

    cattivissima!! XD

    Rispondi

  8. io a questa serie (difetti compresi) mi sono molto affezionata, continuo a non trovare molto azzeccata eliza (davvero, se avessero invertito lei e amy acker sarebbe stato un gran passo avanti), ma le tematiche orizzontali di fondo mi intrigano un sacco e qualcuna delle puntate a trama “solo verticale” mi è piaciuta davvero… ecco, se ne avessero eliminata una delle prime e avessero dedicato un pochino più di tempo a gestire meglio le cose che mi hanno dato più fastidio (tipo l’ingresso senza problemi di ballard e alpha nella dollhouse e le evoluzioni a volte non troppo curate di alcuni personaggi) riuscirei anche a capire PERCHE’ mi ci sono affezionata tanto, ma va bene lo stesso.
    spero in una seconda stagione o meglio spero che whedon riesca ad ultimare il progetto per come lo aveva pensato, vedremo…

    e che qualcuno “aggiusti” victor per favore, mi ha fatto tantissima tenerezza!

    Rispondi

  9. 2 stelline per i motivi detti nel forum che ora non ho voglia di andare a ripescare. Non mi è piaciuto, e se non è una stellina è solo perchè Adelle e la Whiskey salvano il telefilm >.>

    Rispondi

  10. Ho guardato tutta la serie sperando in un acuto, pur non essendo particolarmente fan di Whedon ne apprezzo la bravura.
    Purtroppo non c’e’ stato alcun acuto, la serie ha troppi difetti e mi e’ riuscito difficile affezionarmi ai personaggi, li ho trovati un po’ “leggerini”. Chiaramente le doll eran senza personalita’ per loro natura, mi riferisco a tutti gli altri.
    Lasciando stare il finale di stagione (o di serie?) che ho trovato assolutamente sottotono, scritto e realizzato in fretta, con sti hard disk che vanno e vengono, la sedia del dentista, Alpha interpretato malissimo, e tante altre cose che lascio stare

    Rispondi

  11. Concordo con tutta la recensione e sulla valutazione generale di Dollhouse. Mi rimane un po’ il rimpiato di quello che sarebbe potuto essere senza le pressioni della Fox per i cinque pilot…
    per il resto copio-incollo dal forum:

    Mi limito a dire che l’episodio mi è piaciuto molto, che mi sono innamorata di Alan Tudyk, che Amy Acker è meravigliosa, che Victor è il personaggio più tenero del mondo e che alla fine sono riusciti a farmi amare pure Thoper.
    Mi è piaciuto molto il fatto che alla fine Ballard abbia scelto di liberare Mellie/November. (Per un’attimo ho sperato che liberasse Caroline in modo da avere una seconda stagione senza Echo )
    Per il resto, continuerò a tenere le dita incrociate per il rinnovo perchè nonostante tutto a me questa serie è piaciuta tantissimo. Ha i suoi difetti, e questo è indubbio, ma rimane uno dei migliori prodotti al momento.

    Per quanto riguarda Eliza, non credo sia tutta colpa sua…è proprio il personaggio di Echo (e soprattutto Caroline) che hanno davvero poco dire, secondo me…

    Rispondi

  12. Forse i fan di Whedon avranno apprezzato cose che io non ci ho visto, per quanto mi riguarda in chiusura di stagione posso dire che la serie mi è piaciuta ma non mi lascia niente di particolare, se deve essere sincero mi mancherà molto di più Sarah Connor

    Rispondi

  13. Bruno ha scritto:

    sti hard disk che vanno e vengono, la sedia del dentista, Alpha interpretato malissimo, e tante altre cose che lascio stare

    Alpha interpretato malissimo? Abbiamo visto lo stesso telefilm??

    Rispondi

  14. @ enrico:
    Ecco, io invece, dopo gli ultimi due episodi, salverei Dollhouse… se riesce a esprimersi al meglio diventa la serie dei miei sogni…

    Rispondi

  15. La puntata mi e’ piaciuta ben poco, e come diceva Sanji sul forum, il finale di stagione fa’ tanto “reset: vediamo di reiniziara (piu’ o meno) daccapo”.
    Potrei essere d’accordo con la recensione nel caso in cui fosse stato un’episodi di, che so’, meta’ stagione. Ma come season finale l’ho trovato realizzato parecchio, parecchio male.

    Vediamo se ora lo rinnovano o meno. D:

    Rispondi

  16. Dextha ha scritto:

    Ecco, io invece, dopo gli ultimi due episodi, salverei Dollhouse… se riesce a esprimersi al meglio diventa la serie dei miei sogni…

    Però da quel che mi pare di capire dalla storia travagliatissima che ha avuto e da tutti i condizionamenti che ha dovuto subire, non gliene daranno mai la possibiltà, anche venisse rinnovata…

    Rispondi

  17. Perchè no? Se non sbaglio Smalliville è capace di ripartire dal principio ad ogni puntata. Se ci riesce Smallville non deve mica essere difficile cancellare gli errori che sono stati fatti e tenere solo quello che funziona.

    Rispondi

  18. cancellare gli errori a smallville significherebbe farli fuori tutti, una strage… XD

    Rispondi

  19. Bruno ha scritto:

    Alpha interpretato malissimo,

    Non avevo notato questa affermazione…credo che davvero l’UNICA cosa su cui non ci siano assolutamente dubbi sia la perfetta interpretazione di Alan Tudyk, sia qui che nell’episodio precedente. è praticamente perfetto!!

    Rispondi

  20. tagliamo la testa al toro, omega mi è piaciuto, molto. é l’ideale apice di una serie che mi ha preso sempre di più tutti gli episodi da metà in poi. certo, ci sono cose in sospeso (ma com’è che echo e i suoi 38 cervelli che non approvano la schiavitù, torna bella e tranquilla a farsi resettare alla dollhouse??? e anche ballard, un po’ tropop improvviso il suo cambiamento) ma tutto sommato lo scopo della prima stagione era mostrarci come funziona la dollhouse e parlarci di alpha e questo è stato fatto, regalandoci allo stesso tempo i soliti, meravigliosi, personaggi secondari che whedon sa creare (adelle dewitt è un piccolo capolavoro così come la dott saunders/whisky, peccato solo che si sia rivelata tardissimo…)
    il rimpianto per una serie che non ha avuto quanto meritava c’è, e spero solo che i grandi capi della fox le diano una seconda occasione, un palinsesto migliore, e soprattutto che si tolgano dalla testa di imbrigliare whedon con le loro idee. Anzi, mi allargo, propongo una moratoria per l’onu: Joss va lascaito libero di agire come crede, se ci sono troppe forzature i risultati sono i primi sei episodi di dollhouse…
    e cmq tengo le dita incrociate

    Rispondi

  21. A parte che ci ho visto anche una vaga citazione Pirandelliana nel discorso di Echo/Omega che dire…bello l’episodio tranne certi buchi (Sierra e November in action appunto)la parte della pecorina sul traliccio che vuole salvare l’hard disk e un pochetto l’incoerenza di Ballard che faceva tanto il moralista cianciando di anima e bla bla (manco fosse Ghost in the shell) e poi si mette a servizio della DH cosa anche piuttosto scontata secondo me.

    Comunque è stata una puntata ricca e intensa perchè ha portato alla luce eventi interessanti (Whiskey!!!!) e,in caso di rinnovo,ha aperto nuove porte per eventuali sviluppi anche se preferirei anche io Terminator per certi versi.
    Alla luce di questo season finale però mantengo riserve su Eliza Dushku,per carità si sforza e la pagnotta a casa la porta anche abbastanza bene quando vuole però è circondata da troppi attori di spessore per emergere come protagonista,in Buffy era comunque un personaggio “minore” e anche se non avesse un ruolo come quello di Faith sicuramente si notava meno una eventuale scarsità .

    Voto 4 tondo tondo e lunga vita a Whiskey :D

    Rispondi

  22. Sarebbe molto interessante sapere cosa c’è scritto nel contratto della dollhouse. Le bambole, firmando, lo sanno che finiranno per diventare a seconda dei casi, ladri, assassine, puttane e quant’altro o veramente sono delle illuse, forse disperate, che credono di offrire il loro corpo alla ricerca con la promessa di essere in qualche modo “curate” (probabilmente con la modifica della personalità atta a fargli dimenticare l’evento traumatizzante) ma soprattutto di uscire con le tasche piene di $$$ ?

    Da questo punto di vista l’incaxxatura di alpha non sarebbe neanche sbagliata, anche se è evidente che qualcosa di deviato c’era anche prima…
    Quale sarà la storia della dollhouse ? Un progetto nato per il recupero dei detenuti che dopo il fallimento di alpha dovrebbe essere chiuso ed invece continua in clandestinità trafficando persone normali (sicuramente più dell’alpha di turno) ?

    Rispondi

  23. Forse la creazione dell’uomo perfetto e onniscente. Può darsi che Alpha nella sua “follia” di ritenersi il primo di una specie superiore non sia andato tanto lontano dal vero scopo della DH.

    Rispondi

  24. Close to Me ha scritto:

    Forse la creazione dell’uomo perfetto e onniscente.

    Un tizio che deve discutere in continuazione con se stesso per qualsiasi decisione neanche avesse un parlamento nel cervello, sarebbe un uomo perfetto ?
    Quello è solo uno schizzato

    Rispondi

  25. No. Una persona in cui confluiscono i saperi, le esperienze e le abilità delle migliori menti, superando contestualmente il limite della vita umana.

    Alpha, come tutte le doll, è un individuo sul quale stavano “sperimentando” . Come dice Topher stanno ancora lavorando sui dettagli quali “sangue, lacrime e urla”…

    Rispondi

  26. .rIFF ha scritto:

    Close to Me ha scritto:
    Forse la creazione dell’uomo perfetto e onniscente.
    Un tizio che deve discutere in continuazione con se stesso per qualsiasi decisione neanche avesse un parlamento nel cervello, sarebbe un uomo perfetto ?
    Quello è solo uno schizzato

    ma il fatto che lui discuta con se stesso credo sia dovuto al fatto che una delle personalità che gli sono state “riversate” nel cervello soffre di personalità multipla… o ho capito male io? (il mio inglese non è proprio perfetto, magari ho capito male…)
    però diciamo che in questo lui è diverso da echo, infatti a lei non succede… cioè, le “sente” tutte (vedi la frase sugli schiavi) ma non le “consulta”… è come se una fosse “dominante”…

    Rispondi

  27. Però servirebbe anche una mente dominante che possa prendere le decisioni in esclusiva mentre lì è un continuo colpo di stato ad opera delle varie personalità. Eventualmente se c’è una mente dominante è quella che gioca con il bisturi il che non è proprio il massimo.Ci vuole del coraggio a definirlo “dettaglio”.

    Rispondi

  28. non è un dettaglio, è una conseguenza del fatto che l’attuale alpha è stato “creato” da un incidente… non era certo una cosa voluta!

    Rispondi

  29. .rIFF ha scritto:

    Però servirebbe anche una mente dominante che possa prendere le decisioni in esclusiva mentre lì è un continuo colpo di stato ad opera delle varie personalità.

    Non si era capito che dettaglio riferito a “sangue, urla, morti” era ironico? ;)

    Certo che serve una mente stabile, euilibrata e dominante per gestire saperi\abilità\esperienze e forse la DH sta lavorando a questo: creare un uomo onniscente, svincolato dal limite temporale dell’esistenza fisica, ma privo di effetti collaterali quali follia, delirio di onnipotenza ecc…

    Rispondi

  30. Ho davvero apprezzato questa serie, specialmente nella sua “seconda fase”, e spero davvero in un rinnovo…
    Alpha (che per me sarà sempre e solo Steve il Pirata di dodgeball), è un gran bel personaggio, e con la sua fuga abbiamo un perfetto villain che tramerà nell’ombra per le puntate a venire. Mi ha impressionato vedere i primi bacini che da ad echo, sembravano davvero 2 bimbetti!!!
    Per quanto riguarda Ballard mi chiedo: Ma che altro poteva fare sto cristo se non collaborare? A parte il fatto che non appena ha raccontato la verità al suo collega a momenti lo arrestavano, ma non scordiamoci che stavano per tramutarlo-in-doll oppure mandare-nell’attico…
    5 stelline all’episodio
    4,5 alla serie

    P.S. Whisky, Sierra e Movember, sono delle ficone spaziali!!!!

    Rispondi

  31. A me la scena del bacio ha inquietato, ma non mi sembravano di certo bambini. Lui mi sembrava più un maniaco, ad essere sincero O.O Mi ha ricordato tantissimo lo stupro di Sierra (anche se ovviamente a livelli molto più bassi). Era comunque un approfittarsi delle Doll (che poi non dovrebbero nemmeno far ste cose. Che cacchio di addestratori assumono se poi neache lo vanno dire al capo della sicurezza?)

    Rispondi

  32. Beh, in quel caso era un uomo adulto consapevole che si approfittava di una ragazza inerme… mentre Alpha in quella scena, non mi dava l’idea di fingere… era sinceramente attratto da Echo, un po come con Victor e Sierra.
    Ovvio poi che l’addestratore (eheheh stavo per scrivere “L’osservatore”…) che ha taciuto il fatto è da mandare all’attico….

    Rispondi

  33. _klaus_ ha scritto:

    P.S. Whisky, Sierra e Movember, sono delle ficone spaziali!!!!

    Ballard a November: Scusi mi può ricordare il suo nome ?
    November: Lasagna, Lasagna Jane ;D

    Rispondi

  34. A me l’attrice che fa November non mi ha fatto impazzire, la preferivo in versione “lasagna” che in versione doll…

    Rispondi

  35. Miracle Laurie è stata molto brava su…November non è un personaggio proprio facile tral’altro vorrei sapere la sua storia vista la morte della figlia…insomma sarebbe un tema davvero “pesante” e sarei interessato di vedere come potrebbe essere sviluppato.
    Sanji ha scritto:

    A me la scena del bacio ha inquietato, ma non mi sembravano di certo bambini. Lui mi sembrava più un maniaco, ad essere sincero O.O

    AHAHAHAHAH come ti capisco :D

    Rispondi

  36. Xanadu ha scritto:

    tral’altro vorrei sapere la sua storia vista la morte della figlia

    Finito il contratto si ricorderà ancora di avere avuto una figlia ?

    Rispondi

  37. Dextha ha scritto:

    cancellare gli errori a smallville significherebbe farli fuori tutti, una strage… XD

    ahahahahahah!!!

    Per quanto riguarda l’episodio e la recensione, sono d’accordo al 100% con quello che hai scritto, questa recensione è davvero fantastica… E soprattutto sottolineo il fatto che, mentre può essere accettabile come fine stagione, non lo è come fine serie…

    Copio dal forum:

    Puntata… Bella, si, ma secondo me totalmente raffazzonata… Non si capiva molto, adesso sono quì a scervellarmi per vedere se ho capito tutto… E cmq boh, mi ha lasciato un senso di incompletezza… Se fosse season finale, magari qualcosa si potrebbe ben spiegare nella prossima stagione… Ma non credo (purtroppo… ascolti: 2.75, il valore più basso di tutta la serie!!), per cui boh, mi ha lasciato insoddisfatto la puntata…

    Inizio spettacolo… E la lenta presa di coscienza della Dottoressa Saunders di essere una Doll è stata ben gestita… Che shock quando nel flashback si vede che era lei con Alpha!!! Io ero straconvinto fosse Echo!!! Che brava che è Amy Acker… E dire che per ora la odiavo, l’avevo presenta da Alias (maledetta Peyton, uno dei personaggi più stronzi di sempre!!)… Ma ora la amo!!!

    Però la parte di Ballard, per esempio, l’ho trovata totalmente out of character!! Cioè, prima voleva distruggere la Dollhouse, e ora ci collabora??? Ok, lo fa per Echo… Ma poi, perchè rimane a lavorare per loro… Cioè, non lo capisco… Ha un senso, ok, per salvare Mellie/November/come diavolo si chiama… Ma non è da Ballard! Non sò, sarà anche che si è gestito tutto in una puntata, ma è stato troppo veloce come cambiamento… Però la scena finale con Mellie è stata fantastica, così tenero lui a fare in modo che lei pessa andarsene (anche se l’”Io non sono nessuno” secondo me significava, come ha detto qualcuno, che era per tagliare i ponti con lei…).

    Parte di Alpha… Belli i flashback per spiegare come Alpha è diventato pazzo, con il sovraccarico di personalità… E l’attore, io non lo conoscevo, ma è divino!!

    Detto questo, riassumo quì i miei dubbi/plot hole/cose lasciate in sospeso che hanno fatto in modo che alla fine questo finale non mi convincesse del tutto:
    1) Mellie… E’ tornata alla sua vita, 5 anni dopo… Cmq aveva perso la figlia, ed era diventata un Active per questo… Cosa è cambiato? Ora è cmq senza una figlia, perchè dovrebbe stare meglio??
    2) Il cambiamento di Ballard…
    3) Perchè Topher ha fatto in modo che la Dr.ssa Saunders lo odiasse? E chi era lei prima di essere una Doll?
    4) Come mai Alpha ha scelto proprio un imprint di Whisky per Echo? Perchè era sicuro che così lei si sarebbe fidata di lui?
    5) Ma come mai Boyd lavori per la Dollhouse ci è stato detto? O no? Perchè io non lo ricordo… E il fatto che glissi la domanda quando gliela fa Ballard mi fa pensare che ci potesse essere qualcosa da dire anche su questo…
    6) A me dal discorso fra Echo e Caroline/Wendy, era parso di capire che Echo volesse ribellarsi e non tornare più nella Dollhouse… Dice una cosa tipo “nessuna delle mie personalità pensa che con un contratto si possa diventare schiavi”… Però poi ridiventa un Active… L’hanno obbligata? Ci è tornata con un secondo fine?
    7) La storia di Victor, alla fine non ce l’hanno mostrata… E non sappiamo come mai nella puntata 1×07 aveva dei ricordi della guerra…
    8) Un’altra cosa che alla fine secondo me non si è capito bene è la storia della spia che mandava i messaggi a Ballard… Chi era? Era davvero Dominic? E se era davvero lui, perchè aiutarlo, dargli indizi sul cercare qual è il vero scopo della Dollhouse? E perchè gli avrebbe detto che Mellie era un Active? Mica lavorava per l’NSA? Quindi le possibilità sono 2… O era Dominic, ma lavorava sia per l’NSA che per altri (Alpha?), o era un’altra spia… Ma cmq non è stato ben spiegato questo!!
    9) E poi, soprattutto!!! Qual’è il vero scopo della Dollhouse?? Mi piace l’idea che sia quello di creare l’uomo perfetto, con Echo Alpha ci era andato vicino, era una persona con 40 e passa personalità, ma equilibrata, non pazza…

    Voto: 4 stelline e mezza, ma speravo in un episodio fenomenale, da 5 stelline!!! Devo dire che Brian Rose mi era piaciuto immensamente di più!! Però cmq resta un bell’episodio di una bella serie tv…

    Rispondi

  38. Alberto ha scritto:

    1) Mellie… E’ tornata alla sua vita, 5 anni dopo… Cmq aveva perso la figlia, ed era diventata un Active per questo… Cosa è cambiato? Ora è cmq senza una figlia, perchè dovrebbe stare meglio??
    Non sappiamo in che circostanze ha perso la figlia, quasi sicuramente per colpa sua… non sappiamo neppure perché abbia scelto di diventare un active, ma saranno cose correlate…
    2) Il cambiamento di Ballard…
    Io non so se quel sorrisetto fatto ad Adelle (quando ha convinto l’FBI ad andarsene) fosse vero o falso, forse stava cercando davvero di convicere il tizio, ma non appena ha visto che se ne stavano andando ha preso i meriti… sennò conosce davvero bene i suoi colleghi pezzi di merda XD
    3) Perchè Topher ha fatto in modo che la Dr.ssa Saunders lo odiasse? E chi era lei prima di essere una Doll?
    Domandona, forse il dottorino era innamorato di lei nella sua vera vita?
    4) Come mai Alpha ha scelto proprio un imprint di Whisky per Echo? Perchè era sicuro che così lei si sarebbe fidata di lui?
    Plausibile, oppure semplicemente per limonare un po’ XD
    5) Ma come mai Boyd lavori per la Dollhouse ci è stato detto? O no? Perchè io non lo ricordo… E il fatto che glissi la domanda quando gliela fa Ballard mi fa pensare che ci potesse essere qualcosa da dire anche su questo…
    Suppongo che sia una domanda da estendere a tutto il personale…
    6) A me dal discorso fra Echo e Caroline/Wendy, era parso di capire che Echo volesse ribellarsi e non tornare più nella Dollhouse… Dice una cosa tipo “nessuna delle mie personalità pensa che con un contratto si possa diventare schiavi”… Però poi ridiventa un Active… L’hanno obbligata? Ci è tornata con un secondo fine?
    Forse Sierra e November la catturano nella scena eliminata…
    7) La storia di Victor, alla fine non ce l’hanno mostrata… E non sappiamo come mai nella puntata 1×07 aveva dei ricordi della guerra…
    Un’altra cosa che alla fine secondo me non si è capito bene è la storia della spia che mandava i messaggi a Ballard… Chi era? Era davvero Dominic? E se era davvero lui, perchè aiutarlo, dargli indizi sul cercare qual è il vero scopo della Dollhouse? E perchè gli avrebbe detto che Mellie era un Active? Mica lavorava per l’NSA? Quindi le possibilità sono 2… O era Dominic, ma lavorava sia per l’NSA che per altri (Alpha?), o era un’altra spia… Ma cmq non è stato ben spiegato questo!!
    Quoto…

    Rispondi

  39. Avete detto tutto voi, l’unica cosa che mi sento d’aggiungere è un dubbio.

    Di chi parla Dominic/Victor quando è sedato e rivela che la password per aprire il file è ??
    Lui e Alpha si conoscevano dal liceo? E’ un motivo per cui è stato scelto?
    Questo è un dubbio che mi sta perseguitando!

    (Novità su possibili rinnovi? vi prego, mi hanno già cancellato kings, non possono togliermi anche dollhouse)

    Rispondi

  40. Dextha ha scritto:

    4) Come mai Alpha ha scelto proprio un imprint di Whisky per Echo? Perchè era sicuro che così lei si sarebbe fidata di lui?
    Plausibile, oppure semplicemente per limonare un po’ XD

    Dextha ha scritto:

    cancellare gli errori a smallville significherebbe farli fuori tutti, una strage… XD

    Dextha, adoro le tue risposte!! :D

    Rispondi

  41. Gaia89 ha scritto:

    Per quanto riguarda Eliza, non credo sia tutta colpa sua…è proprio il personaggio di Echo (e soprattutto Caroline) che hanno davvero poco dire, secondo me…

    giusto

    Comunque bellissima serie.
    Qualcuno sa come procurarsi 1×13? chissà quando arriveranno i dvd in italia

    Rispondi

  42. @ Alexandra:
    Avevo capito che negli altri stati sarebbe stata mandata normalmente… quindi direi di aspettare la messa in onda di qualche altro stato, tipo il Regno Unito.

    O sbaglio?

    Rispondi

  43. Gaia89 ha scritto:

    Per quanto riguarda Eliza, non credo sia tutta colpa sua…è proprio il personaggio di Echo (e soprattutto Caroline) che hanno davvero poco dire, secondo me…

    Mmmmh insomma…se ci pensi bene Echo è una doll particolarmente “attiva” nel senso che,come spiegato più volte nella serie,riesce a prendere una sua iniziativa tanto in stato bambolesco quanto imprintato quindi è teoricamente difettosa mentre Caroline più che altro è poco credibile…questa super attivista il cui ingresso nella Dollhouse è apparentemente legato alla morte del fidanzato quindi,io credo,sorvolando sulle doti di Eliza ,che il problema è tutto nello sviluppo sbagliato nei riguardi della protagonista…o troppo spartano o troppo grossolano (come nel 7° episodio)

    Rispondi

  44. il problema della serie e’ che tolti i fan di Whedon, non ha attratto nessuno. 2,7 milioni di spettatori il finale, non li fa neanche una replica della Signora in giallo al pomeriggio su Raiuno.
    Capisco che i fan difendano l’autore senza se e senza ma; per me in questa serie c’e’ stato ben poco di interessante, l’ho trovata “fredda” e senza mordente. Piu’ volte guardandola mi son reso conto che di quanto stava succedendo sullo schermo, me ne fregava meno di zero.
    E comunque, obiettivamente, 4 stelle e mezzo manco per niente, ma dai

    Rispondi

  45. Obiettivamente 4 stelline e mezzo secondo me l’episodio le vale tutte. :-)
    Seconda cosa, è ovvio che gli ascolti non sono assolutamente indicativi riguardo la qualità di una serie. Anzi, direi che è vero il contrario!
    Terzo, la serie non si è certo salvata dalle critiche e noi per primi gliene abbiamo fatte parecchie. Però è indubbio quanto Dollhouse abbia iniziato a sviluppare appieno le sue potenzialità solo in questi ultimi episodi, cosa che mi porta a quotare tutto il bel commento di Michele (a parte il giudizio sulla Dushku, che a me continua a non convincere affatto).

    Rispondi

  46. Rei ha scritto:

    gli ascolti non sono assolutamente indicativi riguardo la qualità di una serie.

    Gli ascolti sono indicativi della qualità degli spettatori. Alla gente che aspetta la prima serata per vedere 10 pirla chiusi in una casa fasulla a sparare caxxate, non li puoi torturare con una vecchia di 100 che fa un pistolotto di svariate ore sul “pensare di pensare”. Dollhouse è una cosa che va metabolizzata. Penso solo a Terminator che se non era per il marchio stava ben sotto il milione di spettatori…

    Rispondi

  47. Mi sembra un po’ un insulto pero’ dire a chi piace questa serie che lo fa solo perchè difende Joss senza se e senza ma come se fossimo una massa di automi. Anche perchè, come dice giustamente Rei, di critiche se ne è beccate a iosa sopratutto durante la prima parte della stagione. E spesso chi criticava più pesantemente erano proprio i fan. Quindi dire che tu l’hai trovata fredda e senza mordente va benissimo, ma dire che “obiettivamente” 4 stelle e mezzo non le vale assolutamente è un’assurdità. A me la serie è piaciuta, al di la del mio amore per Joss Whedon.E mi son piaciute persino le puntate che non son piaciute a nessuno (ovviamente tenendo in conto gli enormi difetti) e sono davvero molto triste per il poco successo riscosso. 4 stelline e mezzo da parte mia sono obiettivamente un voto azzeccato.

    Rispondi

  48. Io non conoscevo Whedon, buffy la seguivo solo saltuariamente, non ero ancora un addicted (non uccidetemi vi prego), no nsono quindi un suo fan, quindi non mi si può tacciare di essere un fanboy, ma Dollhouse mi è piaciuto ogni puntata di più: lo trovo interessante, dalle prospettive potenzialmente infinite, con un cattivo che può avere diverse sfaccettature, con personaggi che diventano ogni giorno più profondi…io non ho trovato così strana la “conversione” di Ballard, ha scoperto cosa è la dollhouse, e probabilmente vedere come Boyd tiene a Echo gli ha fatto scattare qualcosa, senza tralasciare l’idea che possa diventare un “cane sciolto” all’interno della DH.

    Sono parecchi i punti rimasti in sospeso, speriamo in una fantastica seconda stagione che lasci Whedon più libero di esprimersi e in una Dushku un pò più espressiva ;-)

    Rispondi

  49. Elisa ha scritto:

    Mi sembra un po’ un insulto pero’ dire a chi piace questa serie che lo fa solo perchè difende Joss senza se e senza ma come se fossimo una massa di automi.

    Preciso che non volevo insultare nessuno, e se ho dato quest’impressione mi spiace, e mi spiace che ogni cosa abbia detto sia stata ritenuta offensiva o sbagliata o un’assurdita’, o che non ho visto lo stesso telefilm.
    Non ci capiamo, buona continuazione a tutti

    Rispondi

  50. Rei ha scritto:

    Però è indubbio quanto Dollhouse abbia iniziato a sviluppare appieno le sue potenzialità solo in questi ultimi episodi

    Tra l’altro è stata la Fox a chiedere che anche il decimo episodio fosse autoconclusivo. Se Whedon avesse avuto a disposizione tre puntate per il finale probabilmene molte “cosucce” avrebbero avuto più attenzione e maggiore peso.

    Il problema è che c’è un concept affascinante soffocato e svilito dalle esigenze della Fox, e dalle ambizioni della produttrice di essere protagonista indiscussa. E forse anche da un team creativo – whedon incluso – che ha dovuto troppe volte fare il punto della situazione indecisi se ampliare dare un respiro narrativo in previsione di una seconda serie, o dare seppur nell’incertezza, gli elementi di chiusura del cerchio.

    Rispondi

  51. @ Close to Me:
    Quoto, tra le altre cose è successa una cosa molto simile in Terminator, e certo non deve essere bello per gli sceneggiatori continuare con l’incertezza… per fortuna il decimo episodio è stato ottimo, ma non capisco seriamente perché cazzo la Fox abbia chiesto un episodio del genere piazzato lì, questa è pura idiozia…

    Rispondi

  52. Si, volendo prendere sia i fans di whedon che i telespettatori abituati ad altro, hanno scontentato gli uni e gli altri.

    Rispondi

  53. Rei ha scritto:

    Obiettivamente 4 stelline e mezzo secondo me l’episodio le vale tutte.

    Per favore, non fatevi contagiare da Amici. Che senso ha dire Obbiettivamente e secondo me nella stessa frase? E’ un controsenso. Dì che a te la puntata è piaciuta e basta, ma non spacciarla per verità assoluta con un “obiettivamente”.
    C’è a chi è piaciuta e a chi no. E io devo concordare con Bruno. Questa serie, pur avendo i suoi picchi (non certamente in questa puntata, che per me è stata una delle peggiori, se non LA peggiore) non mi prende. Se quando guardo Grey’s Anatomy o Lost guai a chi mi si avvicina o osa respirare nel giro di 20 mt dalla TV o PC, con Dollhouse ogni tanto faccio anche altro mentre lo guardo(avo). Non mi prende come le altre. Sono 50 minuti trascorso piacevolmente, ma nulla di più. Ed è un peccato, perché l’idea di fondo è no figa, di più.

    Rispondi

  54. Sanji ha scritto:

    Rei ha scritto:
    Obiettivamente 4 stelline e mezzo secondo me l’episodio le vale tutte.
    Per favore, non fatevi contagiare da Amici. Che senso ha dire Obbiettivamente e secondo me nella stessa frase? E’ un controsenso. Dì che a te la puntata è piaciuta e basta, ma non spacciarla per verità assoluta con un “obiettivamente”.

    L’hai notata la faccina alla fine della frase? :-) Il senso è appunto che l’”obiettivamente” quando si parla di gusti, quando si afferma se una cosa è bella o brutta, è assolutamente senza senso.
    Attenzione però, perché l’obiettività può esistere, deve esistere, quando si inizia a scavare più a fondo, sotto la superficie, e a indagare sul valore, la complessità e l’unicità di un prodotto. Buffy può piacere o no, ma OBIETTIVAMENTE ha segnato un’epoca.

    Rispondi

  55. due cose obiettive che si possono dire sul percorso fallimentare della serie stanno nel fatto che il marchio di Whedon ha creato aspettative troppo alte e che la Fox ha fatto di tutto per tarpare le ali al prodotto…c’è poco da fa>_<

    Rei ha scritto:

    Sanji ha scritto:
    Buffy può piacere o no, ma OBIETTIVAMENTE ha segnato un’epoca.

    Quanto vorrei farlo capire ai miei amici…non voglio manco pensare alle cose che sono riusciti a dirmi O_O

    Rispondi

  56. notizie dell’ultim’ora dicono che la fox ha rinnovato dollhouse per una seconda stagione di 13 episodi

    Rispondi

  57. Kissà perchè mi sono trascinato a vedere questa serie, forse per joss whedon, fors eper eliza…ma davvero non mi convolto, certo l’ultimo episodio mi ha dato qualche sussulto in più di altri noiosi episodi…ma trovo che non ci sia tutto questo potenziale, e che 13 episodi sono stati fin troppi (mai peggio di true calling!),ma concordo che 1 seconda stagioen è di rito magrai riesce a catturarmi starda facendo a suoper natural ho dovuto dare tre stagioni e mezzo per acchiapparmi…chi vivrà vedra!

    Rispondi

  58. [...] è quello che non stento a ritenere il miglior episodio di Dollhouse, persino superiore al finale, o agli ottimi Man on the Street e A Spy in the House of [...]

    Rispondi

  59. [...] nella Dollhouse, la dottoressa Saunders deve affrontare le conseguenze delle rivelazioni di Omega: Claire è combattuta tra la difficile accettazione di essere Whiskey e il desiderio di non morire, [...]

    Rispondi

  60. [...] il punto di partenza (Omega) e il punto di arrivo temporale (Epitaph One), ci troviamo a mio avviso nel miglior scenario [...]

    Rispondi

  61. [...] personalità di Caroline (faticosamente recuperata l’anno scorso nel season finale Omega) è sparita, probabilmente portata via dagli uomini di Harding nei mesi in cui era subentrato ad [...]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>