fringe-1x17

Fringe – 1×17 – Bad Dreams

”I sogni son desideri di felicità
Nel sonno non hai pensieri,
ti esprimi con sincerità
Se hai fede chissà che un giorno
la sorte non ti arriderà…
tu sogna e spera fermamente,
dimentica il presente,
e il sogno realtà diverrà”

Fin dall’antichità i sogni sono sempre stati importanti per l’uomo: per moltissime culture (Sumeri, Assiri, Egizi, Greci e Romani, e nondimeno nella Bibbia) il sogno era spesso legato ad una interpretazione profetica e premonitrice, un avvertimento che giungeva all’uomo dalla divinità, o comunque da un’entità ultraterrena, per realizzare in terra un volere più alto. Più tardi, con la psicoanalisi, Freud circoscrive il significato dei sogni alla sfera umana dicendo che sono la realizzazione durante il sonno di un desiderio inconscio e inappagato durante la vita diurna.
Nelle due interpretazioni i sogni sono governati da  fattori esterni imperscrutabili (le divinità) o da fattori interni alla psiche umana ma sconosciuti (l’inconscio), entrambi elementi che in qualche modo influenzano la volontà dell’uomo.
Cosa succederebbe se fosse l’uomo, con il suo inconscio, a influenzare la volontà di altri uomini?

Lo dico subito: puntata promossa a 4 stelline! Come ormai abbiamo constatato, già da molto tempo Fringe ha fatto un balzo in avanti, merito dei personaggi sempre meglio caratterizzati, delle vicende sempre meno slegate tra di loro e del pizzico di suspance tra una rivelazione e l’altra.
Bad Dreams ne è l’ennesima conferma: dopo un paio di episodi non direttamente collegati al pattern ecco che torna in gioco il famoso ZFT, il libro-manifesto della gang di Mr.Jones.
Come in Ability, l’attenzione è concentrata su Olivia Dunham: dopo aver insinuato in noi il tarlo che possa avere delle abilità particolari, la storia della sua sua infanzia si arricchisce di nuovi particolari; scopriamo infatti, grazie alle conoscenze e ai ricordi di Walter Bishop, che da piccola è stata sottoposta ad una serie di esperimenti in una base militare volti ad aumentare il potenziale della mente umana. Questi esperimenti prevedevano che a ciascun bambino venisse assegnato un compagno per non sentirsi soli e per non aver paura. Se il piccolo compagno di Olivia, Nick Lane, ormai cresciuto, ha la capacità di influenzare col suo umore tutte le persone attorno a lui, tanto da spingerle al suicidio o all’omicidio, quale sarà l’abilità della nostra protagonista? Quando verrà ‘attivata’ e, sopratutto, da chi?
In attesa che queste risposte siano rivelate, ci gustiamo l’evoluzione del personaggio di Olivia: da personcina anonima e poco carismatica, come l’abbiamo percepita all’inizio della serie, sta diventando un elemento sempre più convincente. Direi che può essere una valida alternativa a Dana Scully, la quale non è quasi mai toccata in prima persona dagli X-files a cui è assegnata e che, nonostante 9 stagioni di fatti inspiegabili, rimane ancora saldamente ancorata alle sue convinzioni da scienziata.

Che dire poi della costruzione della vicenda? La dimensione onirica giustifica e non rende banali neanche le scene del bacio saffico e dell’orgasmo sonnambulo di Olivia, anzi, devo dire che sono ben inserite nel contesto senza risultare in alcun modo volgari.
Come ogni episodio chiave che si rispetti, il caso del giorno viene risolto, ma le ultime scene ci pongono davanti a nuovi quesiti dai risvolti inquietanti: nel filmato che Walter visiona alla fine della puntata si sente una terza voce maschile, oltre a quella di William Bell (lo scienziato, amico di Bishop, che conduceva gli esperimenti con il Cortexipham sui bambini) e all’interlocutrice donna… che possa essere la voce dello stesso Walter?
Che sia lui o no, siamo portati a credere che sappia davvero più di quanto ha detto o di quanto ricordi, e spero che tutto questo venga fuori per la fine della prima stagione (mancano solo 3 episodi, sigh!) o sia la base da cui partire per la seconda.
Un unico cruccio: lasciando stare Astrid, mi chiedo quando il potenziale del personaggio di Peter verrà utilizzato a dovere… o resterà ancora nella penombra a fare da spalla ad Olivia o da babysitter al padre fino alla fine?

Dov’è l’Osservatore? Si vede verso la fine, nella scena in cui Olivia, Peter e Walter raggiungono il palazzo in cui è entrato Nick Lane insieme alle persone sotto il suo controllo mentale.

15 Comments

  1. Beh, non direi che Dana Scully non viene quasi mai toccata in prima persona dagli X-Files…al principio della seconda stagione viene rapita e sottoposta a una serie di misteriosi esperimenti. La vediamo con una pancia gonfia…poi scopriamo che le è stato impiantato un chip dietro il collo, e dopo la rimozione del chip inizia ad ammalarsi di cancro…dopo la miracolosa guarigione al principio della quinta stagione scopre che da quegli esperimenti è nata una bambina, Emily, che le muore poco dopo…la sua fede nella scienza rimane ben salda per 5 stagioni e si è sempre o quasi dimostrata un’insostituibile guida, come le riconosce anche Mulder. Inizia a cambiare a partire dalla quinta-sesta stagione e nella settima si può considerare una “believer” più che una “skeptic”…a parte questa piccola precisazione, episodio splendido, forse il migliore finora.

    Rispondi

  2. Ho apprezzato anch’io tantissimo l’episodio! Uno dei migliori finora, e fantasticamente allacciato alla trama generale. Mi aspetto molto anche dalle ultime puntate.
    E questa volta l’Observer l’ho visto subito, passa praticamente davanti all’inquadratura! XD

    Rispondi

  3. Solo quattro stelline? Che severità! Io gli darei una mezza stellina in più tranquillamente!
    Episodio denso, ben strutturato e ritmato, uno dei migliori di sempre. Ormai io sono completamente preso dalla serie, e non vedo l’ora di vedere iniziare la guerra del multiverso. Fantastico!

    Rispondi

  4. @ Mr. Jones:
    Grazie per la correzione :p

    @ Rei:
    La mezza stellina in meno è per il personaggio di Peter che in questo episodio rimane ancora nell’ombra…ma sono sicura che a breve ci sorprenderà.

    Rispondi

  5. Pixie_blue_eyes 28 aprile 2009 at 22:12

    Veramente che la terza voce nel filmato fosse quella di Walter io lo davo per scontato, anche perchè se no come si spiegherebbe che aveva il video…
    Effettivamente all’inizio hanno seminato un sacco di potenziali particolari sul personaggio di Peter: un accenno alle sue molte abilità, al passato misterioso, a cosa possa avergli fatto il padre da piccolo… e poi tutto è rimasto lì!!!
    Invece Olivia sta acquistando sempre più spessore, anche se a me piaceva fin dall’inizio.
    Io spero sempre che ci forniscano qualche notizia in più sull’Osservatore!!!
    Nel frattempo aspettiamo cosa ci porterà l’arrivo di William Bell…

    Rispondi

  6. [...] Fonte: http://www.serialmente.com/2009/04/28/fringe-1×17-bad-dreams/ Condividi: These icons link to social bookmarking sites where readers can share and discover new web pages. [...]

    Rispondi

  7. Io dalle prime puntate ho pensato che la serie aveva un potenziale spaventoso e non ero molto contento dello sviluppo.
    Le puntate stanno migliorando molto, ma secondo me ha ancora molto potenziale inespresso.
    Spero non la facciano fuori dal vaso e che la seconda stagione riesca ad esplodere e che questa prima stagione abbia solo posto le basi

    Rispondi

  8. al’inizio quando ho letto il titolo pensavo ad una schifezza di puntata…ed invece mi sono ricreduto, di certo una delle migliori e ottimo raccordo con la puntata “ability”.

    il pattern sembra decisamente interessante, però a volte penso che a questo show manchi quel qualcosa.. boh. rimane cmq + che godibile

    Rispondi

  9. Devo dire che all’inizio avevo deciso di stare lontana da Fringe per non ossessionarmi con altre serie tv… ma poi ho ceduto, e l’ho visto quasi tutto d’un fiato, un episodio al giorno e mi ha conquistato.
    Questo episodio, in particolare, l’ho trovato fantastico. Walter sembra capire sempre più che tutto quello che sta succedendo è in parte colpa sua (il manoscritto l’ha scritto lui, gli esperimenti li ha fatti lui…comincio a pensare che l’incidente al suo lavoratorio sia stato organizzato da Bell per non dividere il potere che la scienza stava per dargli…), eil suo personaggio ne guadagna. Ormai molto spesso ho l’impressione che finga di fare il pazzo.
    Per quanto riguarda Peter, solo io ero convinta che in realtà le lampadine le avese accese lui, visto che si accendono solo dopo che torna dietro ad Olivia? Ed è riuscito a calmarla solo toccandole le mani… e pareva sapere di poterlo fare. Voglio sapere tutto su di lui al più presto!!!

    Rispondi

  10. Olivia mi è piaciuta sin dal pilot e sinceramente non mi aspettavo si scoprisse che in fin dei conti potrebbe avere delle abilità, vedremo. Anche Peter, già dal pilot si fa intendere che ha qualcosa di speciale, credo che lo riprenderanno almeno nella season finale.

    Rispondi

  11. L’ ho già detto 10 volte ma lo ripeto: Anna Torv secondo me è perfetta per questo ruolo, e sta recitando davvero bene…

    Rispondi

  12. b.effect ha scritto:

    L’ ho già detto 10 volte ma lo ripeto: Anna Torv secondo me è perfetta per questo ruolo, e sta recitando davvero bene…

    QUOTO….noto un qualcosa di Sidney Bristow (sbavvv)

    Rispondi

  13. Questa puntata è girata in maniera magistrale cavolo!!! Speriamo che continuino a migliorare, anch’io mi aspetto molto dalla guerra imminente!!! Direi che il personaggio di Olivia lo stanno sfruttando alla perfezione, come dice usaegetta è tempo che anche Peter faccia il salto di qualità!!!

    Rispondi

  14. Visto ora! L’episodio è stato veramente intenso, anche se l’ho trovato un po’ fastidioso, non so perchè, Ma sicuramente Ben fatto. Scritto bene e diretto, come avete detto voi, magistralmente! Comunque il Patern mi sta interessando sempre di più, cavolo, io che di solito detesto veramente questo genere di cose, in Fringe lo trovo troppo affascinante, è inutile… Il personaggio di Olivia ormai ha preso il volo, non può fare altro che migliorare, sono d’accordo con voi! Per quanto riguarda Peter… credete sul serio che abbia dei poteri anche lui?! Secondo me no… sicuramente ha delle carte nella manica e credo che centri con il Pattern più di quanto possiamo immaginare, ma non saprei proprio in che modo! Walter NON finge di essere pazzo… quando ha quegli schizzi si vede che non lo fa apposta, come quando si distrae ma ormai è ovvio che cominci a ricordare e credo che si senta veramente veramente in colpa. Forte quando uno della polizia mi sembra, dice: Attenzione, ho mandato su uno dei miei uomini… e si è messo anche lui sopra il cornicione” ahahahah… spassoso… Poi ovviamente i momenti alla Walter sono stupendi! Charlie, sempre un grande cavolo…

    Rispondi

  15. [...] dallo stesso individuo. Mi chiedevo che fine avesse fatto, dato che non ne avevamo più notizie da Bad Dreams della prima stagione. Temevo se lo fossero completamente dimenticato in uno [...]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>