thefight.jpg

How I Met Your Mother – 4×10 – The Fight

Episodio… strambo.
Non trovo parole migliori per definirlo.
Non brutto, per carità. Continuity a catielle, tante battute perfettamente riusciute e non di meno trattasi di un altro gradito episodio “corale”. Ha tutte le carte in regola per piacere, eppure c’è qualcosa che non torna, un ritmo diverso, un registro diverso…. Sembra quasi l’episodio di un altro telefilm, non so come spiegarmi, o un episodio di questo, ma molto molto vecchio.
Forse è la struttura che pur rimanendo molto semplice torna a deliziarci coi suoi salti avanti e indietro, forse la trama un po’ diversa dal solito. Forse me lo sto immaginando.

Si apre con un esercizio dichiarato di retroactive continuity: l’introduzione di un personaggio mai visto prima, il barista del McLaren’s Dough (interpretato dall’attore/comico canadese Will Sasso), come se fosse sempre esistito, attraverso una carrellata di scene memorabili della serie -le matite nel naso di Miracles, l’incontro con Robin nel pilota, il tentativo di Barney di rimorchiare una lesbica in I Heart NJ- rifatte per l’occasione con Dough sullo sfondo o nei paraggi. Ricordo una gag simile in Scrubs, ma è impossibile stabilire chi l’abbia inventata, è sempre la solita presa in giro che chissà quanti altri hanno già fatto (i Simpson di sicuro) a quei telefilm di dieci anni fa che avevano la faccia tosta di fare queste cose sul serio; c’è da dire però che qui l’operazione è quasi “legittimata” dalla dimensione del racconto fatto a posteriori dal Ted del futuro, come quando racconti una berzelletta e a metà ti accorgi di eserti dimenticato che assieme al francese e all’inglese c’era anche un napoletano.

Cosa fa dunque questo Dough? A parte la strana ossessione per i suoi capelli, possiede una certa inclinazione alla violenza ed è eccessivamente “leale” nei confronti dei clienti abituali del bar, due cose che lo portano a fare a botte con un gruppo di sconosciuti solo perché si erano seduti al tavolo di Ted e soci. E pretendere l’assistenza di Ted e soci.

Nel tempo che Ted e Barney -non Marshall, che sostiene di aver già fatto a botte in passato, coi suoi fratelli, e che non ci sia nulla di cui andare fieri- impiegano a decidere che vale la pena di raggiungere Dough e buttarsi nella mischia, Dough ha già steso i tre sconosciuti. La cosa bizzarra è che è convinto che Ted e Barney lo abbiano aiutato, e visto che Robin trova terribilmente sexy chi fa a botte, Barney decide di non contraddire la versione di Dough e per rendere la cosa credibile rompe il naso a Ted e si da un pugno in un occhio da solo, che fa molto Fight Club.
Tornati dentro al bar Ted e Barney diventano gli eroi del McLaren’s ottenendo donne (Robin compresa), gloria e free drinks, mentre su Marshall incombe il marchio dell’infamia per essersi tirato indietro.
La gloria finisce nel momento in cui Barney e Ted vengono citati in giudizio per aggressione (sarà che a me nessuno ha ancora fatto causa, ma questa pagliacciata del tizio che deve fingersi qualcun altro per attirare la tua attenzione e confermare le tue generalità davanti a dei testimoni per darti un mandato di comparizione mi sa che esiste solo in America) e sono costretti ad ammettere con Marshall di non aver fatto assolutamente niente. Con estrema soddisfazione, Marshall fa cadere le accuse dimostrando che Ted e Barney sono delle complete femminucce, ma c’è qualcuno che non ha gradito molto la cosa, Dough (anche perché ora i tre tizi hanno deciso di denunciare solo lui), che ora si sente tradito e pretende chiarimenti. Sul retro.

La parobola di Ted sulla non violenza si conclude con la morale che fare a botte non serve a niente e ci si fa solo del male (soprattutto se ci provi con un bestione come Dough), anche se la vera storia si conclude in maniera differente, mostrandoci un lato inaspettato di Marshall, che a quanto pare in gioventù coi suoi fratelli ha fatto qualcosa di più che qualche scaramuccia. Con Dough a terra privo di sensi e il suo parrucchino nelle mani di Marshall, l’unica lezione con cui Ted si sente di lasciare i suoi figli e noi spettatori è “non fate MAI a botte con zio Marshall. That guy’s freaking crazy“.

Il tormentone del “solito tavolo” in HIMYM è una cosa che ha fatto sempre molto Friends, e anche in Friends, in effetti, era capitato una volta di arrivare quasi alle mani con degli sconosciuti per il proprio posto al bar. Solo che in Friends erano gli altri i prepotenti e alla fine neanche loro erano tanto ansiosi di fare a botte; in più il tutto si chiudeva con una (probabile) scazzottata offscreen e una bella risata quando un tizio passato di lì per caso rubava gli orologi che Chandler, Ross e i due bulletti si erano tolti prima di menarsi e così tutti assieme corrono dietro al ladro. HIMYM da sempre molto meno paraculo del suo antenato perfettino e politicamente corretto, trova una soluzione meno edulcorata e francamente più divertente ricordandoci che il motivo per cui vogliamo tanto bene alla serie è che sono tutti dei cretini.

Abbondano i riferimenti, dicevo all’inizio, ma più che di “continuity” bisognerebbe parlare di “strizzate d’occhio messe a muzzo e facciamo a gara a chi le riconosce tutte per primo”, dal momento che poco hanno a che fare con la storia in questione, e che beninteso fanno piacere uguale, perché tanto vinco io: oltre a Miracles, il pilota e I Heart NJ, torna la capra,
poi c’è il cazzotto che Ted si è preso in No Tomorrow e la gag dei “panini” di How I Met Everyone Else; viene ripresa la scena finale di Shelter Island quando Ted ricorda per l’ennesima volta di essere stato lasciato all’altare e viene accennato il fatto che Stella lo abbia piantato per il suo ex che è un istruttore di tae kwon do (sempre nello stesso episodio, anche se lì Ted diceva karate, ma chi se ne frega); rivediamo anche il mitico combattimento con le spade di The Duel (prima stagione), la finta lotta con l’amico del college per effetto della “revertigo” di Sandcastles in the Sand e, sempre da Sandcastles in the Sand, la canzone che si sente di sottofondo nelle scene di lotta selvaggia tra Marshall e i suoi fratelli altro non è che “murder train” la hit dei dei Foreskin, il gruppo di Simon, in arte James Van Der Beek, l’ex di Robin ai tempi della sua carriera di pop star canadese.

Mi ha lasciato perplesso la gag di Barney che va in trance perché ha visto una tipa figa, a parte che è assolutamente riempitiva, non c’entra proprio un cazzo; il resto sono una meglio dell’altra: esilaranti le ricostruzioni delle azzuffate tra i fratelli Eriksen, sia quella iniziale che quella finale, come anche Robin in calore per la gente che fa a botte -perfettamente in character- e Barney con nove accuse di molestie sessuali (!!) tutte vinte e l’ossessione, ormai a intermittenza, per Robin -puccissimo quando annuncia “everyone is going to think it’s great and everyone is going to sleep with me again”. Non mancano nemmeno le consuete prese in giro spietate sulle ambiguità sessuali (a ragione, visto che Marshall ritiene che gli uomini più virili dell’universo siano Mister Crocodile Dundee e David Hasselhoff) i riferimenti a Star Wars, questa volta addirittura con tanto di lightsaber nel finale.

Confesso che il plot non mi ha fatto proprio impazzire, altrimenti sarei stato ancora più generoso col voto, ma qui entriamo in un campo puramente soggettivo. Episodio molto buono, e ancora nessuna gravidanza all’orizzonte (e Lily e Robin bevono birra come gli altri).

Andrea D.

Ex artista, ex supereroe, ex allenatore dei Los Angeles Lakers. Scrive su Serialmente da parecchio tempo.

35 Comments

  1. kaw la puntata è la 4×10 non la 3×10…cmq ottima recensione!!!

    Rispondi

  2. argh! grazie per avermelo fatto notare XD

    Rispondi

  3. Cavoli.. bravissimo!!! Non mi ricordavo assolutamente della canzone!!

    Rispondi

  4. Io l’ho trovato l’episodio migliore della stagione finora. Non un capolavoro, sia chiaro, ma migliore della media a cui ci hanno abituato. Sono d’accordo con te, kaw, quando dici che sembra quasi riportarti indietro. Ho provato la stessa sensazione: sarebbe stato un buon episodio riempitivo quando la serie era al suo meglio (parlo ovviamente durante la seconda e la prima parte della terza stagione), adesso è quasi un gioiellino a paragone delle puntate carine (niente di più) che ci propinano adesso.

    PS
    Anche io voglio una spada laser per tagliare l’arrosto (il tacchino da noi non si usa molto).

    PPS
    Ma quanto è forte Marshall quando si preoccupa dello spoiler di Sex & the City! L’ho sentito tanto vicino in quel momento… *____*

    Rispondi

  5. Molto bella anche questa puntata… tra le strizzatine d’occhio c’è anche il mega pasticcio a casa Eriksen fatto con non ricordo quali improbabili ingredienti messi tutti insieme (ricordo le patatine e le caramelle ad orsacchiotto) posto sul tavolo mentre Marshall usa la spada laser!

    Rispondi

  6. il mega pasticcio alla maionese, darn!

    Rispondi

  7. Anche io l’ho trovato un po’ strano…c’è tanta continuity e anche retroactive continuity mi è piaciuta, che ci sta in HIMYM…però boh…trovo che The Naked Man sia stato più divertente!! Comunque le 4 stelline se le merita tutte!

    “..ricordandoci che il motivo per cui vogliamo tanto bene alla serie è che sono tutti dei cretini.”

    Quanto è vero!!

    PS è un peccato che HIMYM continui ad essere snobbato nelle premiazioni…teniamo le dita incrociate per Neil Patrick Harris ai Golden Globe!!!

    Rispondi

  8. Il piccolo nerd che è in me gioisce sempre quando ci sono un sacco di shout-out agli episodi passati, e stavolta ce n’erano davvero tantissimi. Yay per il paninazzo di duemetrietrentatrè che Ted e Marshall si sparano davanti al film di Bruce Lee \*o*/
    E il fight club della famiglia Eriksen era una figata clamorosa, meglio anche del Baskiceball.

    Vorrei però spendere un minuto di raccoglimento a favore dei capelli di Jason Segel. So long, capellidiJasonSegel :'(

    Rispondi

  9. e finalmente Marshall si è tagliato i capelli…
    il fight club finale mi ha ucciso dalle risate, veramente!

    Rispondi

  10. si anche io sono felice che finalmente Marshall si è tagliato i capelli non si poteva vedere secondo me coi capelli lunghi!

    Rispondi

  11. Per me Naked Mile è stato il migliore di questa stagione so far, però questo si piazza subito dopo.
    Poi ho trovato un altro riferimento che è proprio una chicca: poco prima di essere citati barney e ted stanno parlando con due ragazze e Ted chiama una di queste per nome , come se la conoscesse già, la chiama Amanda. Beh non so se vi ricordate il secondo episodio della prima stagione in cui Ted organizza tre feste per Robin e la mattina dopo risponde tutto “casual” al telefono dicendo “sorry Robin, you totally sound like Amanda” ed ecco quindi finalmente Amanda.

    Rispondi

  12. @cicciuno: Ma che caspita c’entra, scusa? L’episodio che dici tu si colloca cent’anni prima di questo…e poi, scusami eh, secondo te a New York c’è solo UNA ragazza che di nome fa Amanda??? XD

    Vabbè, comunque questo episodio è AWEEEEEESOMEEEEEEEEEE!!! Io non ho mai smesso di credere in HIMYM, e anche questa quarta serie è la cosa migliore che le sit-com americane abbiano mai offerto. Con buona pace dei miei “antenati” preferiti (Friends… e Sanche crubs, che ormai è un dinosauro).

    CINQUE STELLE urlate a gran voce! Forse per me questo è stato anche meglio di The naked man.

    Rispondi

  13. Beh, Lò, secondo me Friends rimane ancora la punta irraggiungibile della sit-com americana. Con buona pace di HIMYM, invece…

    Rispondi

  14. Anche per me la puntata migliore della serie, ma non un capolavoro…Cmq 4 stelle meritatissime!

    Un’ultima cosa, scusatemi, ma Friends era un livello superiore!!
    E poi non ha mai avuto crisi oscure come HIMYM, ha smepre fatto ridere dalla prima all’ultima puntata per ben DIECI serie!
    Quindi non scherziamo…. ;))))

    Rispondi

  15. Friends è un mito, forse anche per una questione affettiva! Anche se in realtà per me è una lotta a tre con Will & Grace e HIMYM!

    In realtà per me anche Friends ha avuto una crisi durante la Nona stagione, con Joey innamorato di Rachel, in più nel corso dei 10 anni ci hanno propinato parecchi clip show come episodi!
    Will & Grace ha avuto la sua con la Settima sagione… E’ una scelta difficile tra le tre…Ma di certo sono le migliori sit-com!

    Rispondi

  16. Kelly, prova a vederti un episodio alla settimana di Friends e poi mi dici se ti sembra ancora migliore di HIMYM. Parlo di capolavori come la volta in cui Monica e Ross devono farsi notare a una gara di ballo, quella in cui, uhhh, si rompe la poltrona preferita di Joey o magari i magnifici episodi riassuntivi, che con dei pretesti ridicoli piazzavano un montaggio becerissimo di scene lol delle stagioni precedenti completamente decontestualizzate: “certo che rachel e ross sono proprio fatti per stare insieme, vi ricordate quella volta che…” e parte il flashback. Grazie ma no grazie. Basta con questa puttanata che Friends era meglio di HIMYM e niente potrà mai superarlo, di Friends guardavamo settecento episodi al giorno, per forza che poi ci rimaneva un’idea positiva, visti uno alla settimana adesso ce ne sarebbero molti da far cascare le palle, come qualsiasi altra serie che è durata dieci anni tra alti strepitosi e innegabili bassi.

    Rispondi

  17. Mi dispiace Kaw, ma io ancora tuttora ne rivedo uno a settimana, come facevo all’epoca su raidue…al massimo potevano essere due quando diceva bene, ma ricordo benissimo che era uno soltanto il martedì sera…poco più di 10 anni fa.
    La pensiamo in maniera diversa, ma credimi, non c’è verso, mai e poi mai potrò neanche paragonare HIMYM a Friends.
    E davvero stiamo discorrendo sulla “profondità” della trama di alcuni episodi?
    Per rimanere in tema, quante volte ci hanno propinato questa benedetta capra o quante allusioni buttate lì totalmente fuori tema sul lavoro di Barney?
    Dai, passi la prima serie, ma dopo è stato un declino finora purtroppo senza fine…speriamo in qualche modo ne escano!
    Ma fatto sta che se ripenso alla 3 o 4 serie di Friends lo rimpiango da morire.

    Rispondi

  18. Luigi, concordo che la nona è stata forse la peggiore…meglio comunque di questa 4!
    Detto ciò, io sono sempre d’accordo con te, ma Will e Grace non mi ha mai fatto impazzire e ancora tutt’oggi non ne capisco il perchè!

    Rispondi

  19. Hai detto benissimo, kaw. Peccato che in dieci stagioni Friends è calato solo il tempo di una stagione (più o meno attorno alla settima-ottava), toccando al suo meglio picchi non ancora raggiunti da altre serie. HIMYM, oltre a essere diretta discendente di Friends, alla quarta stagione sembra già in fase calante, iniziata tra l’altro a metà della terza (dalla quale spero si riprenda al più presto ovviamente).
    Ora, a me piace HIMYM e la trovo la sit-com migliore da molti anni a questa parte, anzi una delle migliori di sempre, ma dire che il ritenere Friends un prodotto migliore sia una puttanata mi sembra alquanto azzardato.

    Rispondi

  20. dopo la prima stagione un “declino senza fine”? ok kelly, abbiamo chiaramente seguito due telefilm diversi.

    Rispondi

  21. @Rei: è una puttanata continuare a parlare di Friends come se fosse un dato oggettivo. come se fosse dire “dieci” o “rosso”. il successo strepitoso che ha avuto non ne fa il Buffy delle sit-com, la Serie Perfetta e metro di paragone di qualsiasi altra cosa avesse la pretesa di far ridere. per molti fan sarà così, non è un valore universale. è stata una serie magnifica, ha cambiato il modo di fare i telefilm e non solo, ma ha anche fatto il suo tempo, e di scivoloni, a mio giudizio, ne ha collezionati ben più che per la durata di una stagione.
    sentirmi dire che un altro anno di “chandler è buffo, joey un mangione, monica una maniaca dell’ordine e santo-cielo-cosa-ne-sarà-di-ross-e-rachel” sarebbe comunque preferibile a una serie che si è sforzata come nessun’altra di fare qualcosa di nuovo a livello stilistico umoristico e narrativo, scusami, ma la trovo una posizione per partito preso francamente idiota.

    Rispondi

  22. “una serie che si è sforzata come nessun’altra di fare qualcosa di nuovo a livello stilistico umoristico e narrativo”

    …è esattamente quel che penso io, bravo Kaw! ;)
    Questa è anche la cosa che ho pensato quando ho cominciato a seguire e ad appassionarmi a Scrubs. Aveva portato la sit-com a un livello evoluto (niente risate registrate, spessore di alcuni episodi che li facevano andare “oltre il genere”, trovate registiche e di sceneggiatura etc.): tutte cose che Friends – in quanto serie ’90s’ – si sognava…
    Ecco, ora HIMYM sta evolvendo Scrubs proprio come questo ha fatto con Friends. Che rimane un gioiello, ma per quanto ben scritto e benissimo interpretato la genialità di HIMYM se la può proprio scordare.

    Rispondi

  23. sono pienamente d’accordo con kaw… friends è sicuramente divertente (non avrei tutti i cofanetti in caso contrario) , ma ci sono molte puntate in cui semplicemente si sorride, la crescita dei personaggi è pari a zero (se non rachel che dalla prima alla seconda puntata matura stile flash) e gli errori nel tentativo di essere la prima sit com seriale (con storia di sottofondo si sprecano… per non parlare del livello tecnico.. himym ha delle cene che sono autentici capolavori e delle battute molto più ricercate… ritengo che l’unico motivo per cui friends abbia ancora più fan (di una serie che è fatta molto meglio…) è perchè era molto più sentimentale… le storie d’amore e d’amicizia erano molto più sentite… più stucchevoli e romanzate… e che ci piaccia o no la cosa ci faceva piacere (il mio me cinico deve avere risparmiato qualche sentimeno anche dentro di me)…

    tornando alla puntata invece.. nessuno ha trovato che marshall violento sia una cosa completamente decontestualizzata?? marshall nel passato piangeva quando pesopiumabarney gli dava degli schiaffi e ora improvvisamente aveva inventato i fight club?
    (onestamente questa mi è sembrata una mossa degna del peggior friends… quando viene introdotto un ricordo di un personaggio che stona con quello precedentemente detto per poterne fare la base di un episodio riempitivo)

    Rispondi

  24. Ma guarda a me del successo importa relativamente (al momento sto seguendo praticamente quasi tutte serie che molto probabilmente verranno cancellate), mi interessa quanto una serie mi possa piacere e per quanto a lungo. Friends l’ho amato e mi ha fatto ridere per 10 anni (l’ho rivisto interamente anche da poco), tra i suoi alti e bassi (che certo non nego).
    Riguardo all’innovazione stilistica di HIMYM rispetto a Friends, ricordo solo che dalla prima puntata di Friends alla prima di HIMYM ci sono in mezzo 11 anni, tempo che ha visto il declino della sit-com classica a favore di nuove forme e formati (The Office, Scrubs, My Name is Earl, 30 Rock). HIMYM è figlia anche di questo periodo e sicuramente non sarebbe stata una serie interessante se non avesse portato aria fresca nel genere.
    Il fatto che Friends sia durato bene dieci anni senza dover apportare innovazioni stilistiche (anche se ne ha portate e molte in ambito tematico) mentre HIMYM giunto in questo momento alla quarta dimostri debolezze nonostante le innovazioni stilistiche che amiamo (dai, l’abbiamo notato tutti, ne sono la prova i commenti da marzo scorso fino ad ora) mi porta purtroppo a fare un ragionamento e un paragone. Senza alcuna presa di posizione a priori.

    Rispondi

  25. @Dreden: Ma quelli sono ricordi di gioventù (è difficile contestualizzarli visto che gli attori che fanno marshall e i suoi fratelli sono smepre gli stessi, ma immagino vogliano risalire all’adolescenza), e si è visto più di una volta che quando si tratta dei suoi fratelli, Marshall non è estraneo a giochi violenti e pericolosissimi: pensa al “baskiceball” o alle prove assurde che i fratelli maggiori gli hanno fatto superare per avere la macchina…

    Rispondi

  26. @kaw: è vero.. ci avevo pensato.. ma l’ho trovato cmq esagerato… voglio dire puntata bellissima a cui ho dato 4 stelline… ma quella scena mi ha fatto un po’ storcere il naso

    Rispondi

  27. riguardando friends, mi sembra che i personaggi siano ancora molto divertenti, mentre alcune gag, il ritmo, alcuni set e alcune situazioni semplicemente mostrano la loro età, ma è normale, succede anche con buffy, succederà a breve con scrubs? in fondo anche scrubs ha fatto il suo tempo, ma la trovo la serie più divertente che abbia mai visto!
    cmq è verissimo il fatto che se noi oggi vedessimo una puntata a settimana di friends, molto probabilmente noteremmo dei difetti di cui prima semplicemente non si faceva caso. molti dei set, come ho già detto, sono inguardabili, le risate finte alla “striscia la notizia” hanno fatto il loro tempo, quelle cose che prima erano piccanti ora sono quasi ridicole, ma per fortuna gran parte dell’ironia rimane senza tempo (e per chi l’ha visto sopperisce sempre l’effetto nostalgia) cmq una cosa è rivederlo alla tv, una cosa è vederlo per la prima volta sul computer; non mi stupirei di uno che se lo vede per la prima volta e mi dice che non fa ridere… tutto cambia, tutto scorre

    Rispondi

  28. Episodio molto divertente, le scene alla fight club e robin in calore sono, secondo me, i punti più alti della puntata.
    Bello rivedere will sasso dai tempi di less than perfect, e mi incuriosisce sempre di più la storia della capra.

    Rispondi

  29. è stato bellissimo ma qualcuno sa dirmi il titolo della canzone vecchissima k fanno alla fine dell’episodio dove lilly perde l’appartamento xk i cinesi gle lo rubano???? ve ne sarei grato………

    Rispondi

  30. non posso credere ke hai dato 4 stelline a questo e solo 3 e 1/2 a naked man.è stato un episodio godibile certo,ma lo metterei al terzo posto dopo dopo intervention,naked m;anzi forse al quarto,dietro a benefits.

    Rispondi

  31. […] Train” (sempre da Sandcastles), colonna sonora ufficile di tutte le risse in HIMYM (4×10, The Fight e 4×24, The […]

    Rispondi

  32. ma marshall non diceva di non essere mai stato in una rissa all’inizio della serie? puntata tre o quattro, quella della liberty bell…

    Rispondi

  33. “di Friends guardavamo settecento episodi al giorno”

    io ne vedevo due alla settimana mi pare… l’hai recuperato successivamente?
    Comunque pretendere di sminuire una serie 15 anni dopo il suo enorme successo non ha senso – soprattutto confrontandola con una serie in corso. Tra quindici anni HIMYM mostrerà molti più limiti di quanti ne mostri friends oggi; alcuni li sta già mostrando…
    L’ “antenato” Ross al posto di Ted? Marshall collega di Chandler? Barney che si indigna (e compete) con il volgare Joey? A me piacerebbe…

    Rispondi

  34. Carina ma non eccelsa, non mi è piaciuta la retcon, ma ho riso più della precedente, anche se questa stagione è davvero moscia…
    Voto: 3 stelle +.

    Rispondi

  35. […] Così, mentre Robin si fa scaricare da Barney grazie alla Mosby e Marshall cerca di saltare dal tetto di casa di Ted al terrazzo del palazzo a fianco (fate ciao alla Slutty Pumpkin) per motivi che ora non sto a spiegare, vediamo Ted finalmente alle prese con la famosa capra (1×21, Milk, e 3×17, The Goat) che lo distrae dal suo attuale impiego, disegnare un ristorante a forma di cappello da cowboy, aggredendolo brutalmente (la musica che si sente in sottofondo è sempre Murder Train dei Foreskin, presentata nel 3×16, Sandcastles in the Sand e poi usata come sottofondo anche per le lotte tra Marshall e i suoi fratelli nel 4×10, The Fight) […]

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>