My Name is Earl - 4x01 The Magic Hour / 4x02 - Monkeys Take a Bath

My Name is Earl – 4×01 – The Magic Hour / 4×02 – Monkeys Take a Bath

Sorry, i’m late. D.C traffic is a bitch! Huh!

Quando tutto il mondo (e con tutto il mondo mi riferisco ai circa 25 fan di My name is Earl sparsi per tutto il globo) ha già messo nel cassetto il terzo e quarto episodio, e si accinge a vedere il quinto, arrivo io a recensire i primi due episodi di questa quarta, splendida, stagione.
Dove eravamo rimasti? Earl (e noi con lui) si è finalmente liberato di palla al piede/Billie/Alyssa Milano, e si può di nuovo concentrare sulla lista. Si torna quindi al classico schema che tanto mi era piaciuto nelle prime due stagioni; e a farla da padrone è di nuovo lui: il Karma!
Se vi state chiedendo se sia stato lui, il Karma, a premiare Randy promuovendolo presidente degli Stati Uniti, vi sbagliate. Stavolta infatti tutta Camden è impegnata nella realizzazione di un vero spy-movie, e al minore dei fratelli Hickey è toccata la parte da co-protagonista .
Ne volete sapere di più? Seguitemi dopo il cut…

Mentre Joy cerca di far passare due divertitissimi Dodge ed Earl Jr. per dei poveri malati terminali (“I’m sick!” “I’m sick too!” “Oh yeah, gimme five!”. Ok ok, l’ultima l’ho aggiunta io) solo per approfittare dell’associazione “Make a Wish”, Earl capisce che è il momento di mettere mano alla lista, ed andare la trovare la madre del piccolo Buddy Zaks.
La notte di San Silvestro di dieci anni prima, dopo aver baciato Randy a mezzanotte (cosa che non ero sicura di voler sapere) Earl ruba un cane gigante un cavallo, lo stesso che Buddy avrebbe dovuto cavalcare l’indomani, durante la parata di capodanno, come suo ultimo desiderio. Earl scopre però che il bimbo non è affatto diventato un angelo come tutti credevano: è ancora vivo e vegeto, è diventato un… adolescente…? ragazzo…? uomo…? vabbè, diciamo che è diventato un essere di sesso maschile dall’età indefinita, e dagli strani gusti cinematografici. Per riconciliarsi con Buddy, interpretato da un Seth Green particolarmente in forma (non che abbia mai visto qualcosa in cui era presente Seth Green, ma m’è sembrato bravo. E volevo fingere di capirne qualcosa di recitazione e amenità simili, ecco.) e per cancellare il furto del pony dalla lista dovrà aiutarlo a realizzare “2 The Max”, il più bel film della storia del cinema, in cui l’eroe, un improbabile imitazione di James Bond, deve impedire che un calamaro gigante uccida il presidente. Emozionante, vero?

Avendo raccattato un po’ di gente a casaccio in giro per la città, possono finalmente iniziare le riprese; Randy dimostra ti essere un grande attore (o almeno, l’unico che davanti alla telecamera esprima più charme di una triglia imbalsamata, a differenza di Joy/Barbie legnosa e di Patty/trans) e ci regala una carrellata di stupide imitazioni cinematografiche, che mi ha quasi uccisa :D (chi riesce a indovinarle tutte avrà in premio la mia eterna ammirazione)
Dopo l’apparizione random di una sempre inutile Catalina, che per un pelo non trasforma Willie the one-eyed mailman in the none-eyed mailman, Buddy è pronto a girare l’ultima scena, preoccupato di perdere quella che a Hollywood viene chiamata la Magic Hour, quel momento poco prima del tramonto in cui la luce è perfetta; mentre la troupe, col morale sotto le scarpe, decide di abbandonare il progetto, e il film si trasforma in corto.

La sera della prima è presente praticamente tutta la città, eccetto Buddy, che non era esattamente sano come voleva farci credere. Earl capisce però che il ragazzo prima di morire è riuscito a realizzare tutti i suoi sogni (grazie anche agli effetti speciali): cavalcare il pony alla parata di capodanno,  incontrare il presidente, baciare Joy a tradimento… Grazie al suo esempio tutti cercheranno di realizzare i propri sogni, ecc…

Ora, lasciatemelo dire, io nel film c’ho visto una metafora della serie stessa. Gli autori hanno sconfitto quel mostro che è stata la terza stagione, e hanno riportato a Camden la pace e la serenità. Come dite? Sentite uno strano rumore? Tranquilli, solo le mie unghie che scivolano sullo specchio su cui cerco di arrampicarmi. Volevo dare un tono serio e filosofico a questa recensione, ma mi sa che ho scelto la serie sbagliata. Però ecco, non mi stancherò mai di dire che ho trovato orrenda la terza stagione, e che sono contenta che ce ne siamo sbarazzati.

Passiamo al secondo episodio,  Monkeys Take a Bath, che è meglio.

Ancora una volta è il Karma a far muovere Earl e Randy. Chiamati dai genitori per riprendersi ricomprare tutta la proprio roba, capiscono che è il momento di rimediare a un torto fatto proprio ai genitori: aver torturato il loro ex amico ed ex vicino di casa, Clark Clark, per il solo gusto di vederlo piangere, fino a costringerlo a trasferirsi. Routine per i nostri beniamini: vai lì, ti scusi, vedi che puoi fare per rimediare, spunti la voce dalla lista. Solo che Clark e la moglie non hanno traslocato a causa dei loro continui scherzi, a ma per colpa di un dettaglio insignificante: Clark e la madre di Earl (il cui nome mi sfugge e, pardon, sono troppo pigra per cercarlo) hanno avuto una relazione. E qui ci viene regalata la seconda rivelazione, dopo quella del bacio tra Earl e Randy, che non ero sicura di voler sapere.

BTW, per colpa del pupazzo che dice sempre la verità di Randy (che ci ha confessato altre verità che non avremmo mai voluto sapere; ma sono buona e queste ve le risparmio), Carl scopre di essere stato tradito, e si rifugia dal figlio. Questo darà modo ad Earl di tirar fuori la rabbia, repressa troppo a lungo, che prova per essere stato tradito da Joy. Mentre Carl, dopo essere stato picchiato dalla signora Clark, cerca di vendicarsi della moglie tradendola a sua volta, Earl prova invano a dissuaderlo.
Dopo essere stato scambiato per un maniaco dalla farmacista e dalla cassiera della sua banca, Carl ci prova con quella nuova cameriera della tavola calda che gli fa gli occhi dolci: Patty. Per fortuna scopre in tempo che anche lei flirtava con lui solo per… emh… lavoro, e fa l’unica cosa che gli resta da fare: piange. È un pianto liberatorio che andrà avanti tutta la notte, coinvolgendo anche Earl, e darà modo a entrambi di perdonare i tradimenti e andare avanti.

Ma siccome si tratta pur sempre di My name is Earl, ad alleggerire l’atmosfera ci pensa la nostra amata Joy, che, al mercatino dell’usato organizzato in casa Hickey, riesce ad aggiudicarsi uno stupido giochino in cui era un bravissima da ragazza (“Mi chiamavano ‘Il genio delle palle’. In terza media quel soprannome assunse un nuovo significato, ma è da qui che tutto ebbe inizio”. LOL.), per la modica cifra di 45 dollari (so che mi farebbe innervosire e lo butterei dopo 30 secondi, ma lo voglio!). Nel prezzo però è compreso anche l’occhio di vetro di Willie (che mi ha fatto abbastanza impressione; stanotte potrei avere gli incubi… ), e che Joy non ha intenzione di restituire.
Alla fine però anche lei viene attratta nel turbine del volemose bene, perdoniamoci a vicenda, rinsavisce e restituisce al postino il suo occhio, dimostrando ancora una volta che il cambiamento di Earl ha coinvolto un po’ tutti e li ha fatti crescere, anche se non sempre vogliono ammetterlo.

Veniamo alle stelline: non sono mai stata brava a giudicare, ma ci proverò. Do un quattro e mezzo, un po’ perché sono contenta della piega che sembra aver preso la stagione, e un po’ perché nel secondo episodio non si è avuta traccia di Catalina, e ciò è sempre un bene. Bravi così, se non avete nulla da farle fare, lasciatela a riposo.

9 Comments

  1. e noi in italia stiamo ancora aspettando la SECONDA stagione! Assurdo!

    Rispondi

  2. Grandi puntate, niente da dire. Ethan Suplee è un genio -D

    Rispondi

  3. Diciamo che i fan sono almeno 26, io non ero stato considerato. Per il resto, bella recensione… mi ero perso questa puntata ma ora mi sono rimesso in pari :)

    Rispondi

  4. facciamo 27, anche se io sono ancora fermo al primo season finale :(
    Mi fa piacere sapere che earl è sempre ottimo!

    Rispondi

  5. scusate, ma riuscite a trovare l’episodio 4×04? I VTV e i LOL vanno dal 4×03 al 4×05 :\

    Rispondi

  6. fate finta di nulla ^_^’

    Rispondi

  7. A me il secondo episodio è piaciuto un pò meno, però il primo era assolutamente e irrimediabilmente fantastico. E’ l’episodio che userei se volessi convincere una persona a seguire Earl.

    ROTFL per il bellissimo screencap, alux. +1000 punti stima.

    Rispondi

  8. avete visto la series finale? -_-’

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>